Jazzitalia - Articoli: Intervista a Guido di Leone
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�


Intervista a Guido di Leone

Autore: Alceste Ayroldi
maggio 2020

Guido Di Leone - DukeGuido Di Leone - Duke
click sulle foto per ingrandire

Guido, tu sei il direttore della scuola di musica Il Pentagramma di Bari. Quali effetti hanno provocato le restrizioni in conseguenza del Covid-19 sull'attività della scuola?
Il Pentagramma è chiuso dal 10 marzo, una buona parte dei costi gestionali è rimasta invariata, con le ovvie conseguenze e rischi di una ripresa zoppicante. Ma tutto ha anche dei risvolti positivi: per esempio, paradossalmente, i rapporti fra noi insegnanti si sono intensificati, ci siamo stretti intorno ad una così grossa problematica. E io, da direttore e amministratore della nostra grande scuola, non mi sono mai sentito solo. Lo stesso posso dire di molti nostri studenti e amici sostenitori.

Durante la quarantena, quali attività sono state svolte al fine di proseguire la didattica?
Alcune lezioni individuali on line e, per quanto riguarda le materie teoriche, un quantitativo colossale di dispense preparate dai nostri insegnanti di teoria. Grazie a questa situazione abbiamo anche potuto dare l'avvio alla scrittura di un testo di storia della musica jazz con l'aiuto tuo, caro Alceste e di tutti i nostri insegnanti stabili e amici internazionali con cui spesso Il Pentagramma collabora. Sono stati anche realizzati decine di video musicali amatoriali e professionali e di guide all'ascolto.

Quali sono le prospettive future e come vi state organizzando al fine di tutelare gli allievi e i docenti nel momento in cui ci sarà la ripresa delle attività?
Siamo in attesa di avere autorizzazioni e protocolli ufficiali che ci consentano di riavviare le nostre attività, seppur parzialmente. Siamo vittima di un'Italia indecisa, che si dimentica di noi che non siamo né una palestra né un circolo aziendale. Potremmo riprendere le lezioni individuali, siamo già pronti con pannelli in plexiglass, spazi ampi, finestre per una migliore areazione, ma attendiamo. Se e quando questa situazione si sbloccherà, le nostre intenzioni sono di rimanere in attività anche nei mesi di luglio e agosto.

Nell'ambito delle attività concertistiche, poi, all'interno della sede de Il Pentagramma c'è anche il jazz club Duke che, ovviamente, ha sospeso ogni programmazione. Pensi che si possa riprendere l'attività al più presto? In tal caso, quali accorgimenti conti di attivare per mettere in sicurezza l'ambiente?
I concerti al Duke, li vedo con un po' più di difficoltà; 100 posti, ridotti a 30 non consentirebbero una ripresa. Siamo stati coinvolti nella realizzazione di un festival jazz on line da registrare al Duke, ma sarebbe comunque una goccia che poco può fare per coprire i costi di un'attività ferma.

Il mondo dello spettacolo è letteralmente in ginocchio. A tuo avviso, quali interventi ritieni siano auspicabili per cercare di rimettere in sesto il settore?
Oltre che sperare che tutto torni come prima, nel frattempo servono contributi pubblici a fondo perduto da far utilizzare per quelle attività che già svolgiamo abitualmente, ma a titolo gratuito. Prove, composizioni, progetti, concerti on line, realizzazioni di dischi ecc. Forse dirò' un'eresia, ma se un concerto viene dai tecnici considerato un vero pericolo, si faccia anche a meno di organizzarlo, la musica lo sappiamo che è fondamentale per la vita di ognuno di noi, ma non credo che un'estate senza concerti sia così assurdo immaginarsela. Però, quei soldi 'risparmiati' dall'ente pubblico, vengano ugualmente distribuiti fra tutti gli operatori dello spettacolo al fine di produrre altro. Ad esempio, con il costo di un concerto jazz di medio livello si può produrre un disco con la stampa di qualche migliaia di copie, che potrebbero essere distribuite gratuitamente diffondendo cultura. Questa operazione, che è solo un esempio, coinvolgerebbe musicisti, compositori, tecnici, ingegneri del suono, grafici, fotografi, organizzatori e promoter, sale prova, case discografiche, fabbriche che si occupano della stampa di dischi…
In ogni caso è ridicolo che un parrucchiere possa incontrare e "toccare" un suo cliente, mentre un maestro di musica non possa incontrare un suo allievo senza nemmeno aver contatto con lui. È anche ingiusto che un supermercato lavori ed una sala prova no, che si possano vendere libri, ma non dischi.... W l'Italia!







Articoli correlati:
18/06/2017

Bisceglie, una città intera a suon di Jazz: 5 straordinarie location tra il centro storico e la litoranea, tutte con lo skyline del mare, trasformeranno Bisceglie il 5-6 e 7 agosto in una città a suon di jazz.

19/07/2015

Intervista a Saverio Pepe: "Mi rivolgo a tutti gli appassionati delle cose belle della vita, del buon gusto, dell'ironia, della profondità delle cose." (Nina Molica Franco)

29/03/2015

The Duke (Vibeguitar Quartet)- Antonella Chionna

01/02/2015

The night has a thousand eyes (Angelo Adamo, Guido Di Leone, Francesco Angiuli)- Alceste Ayroldi

17/11/2014

Epoca (Onofrio Paciulli)- Alceste Ayroldi

22/06/2014

Il giro d'Italia a bordo di un disco: Antonio Delvecchio, Fo(u)r: "Il jazz in questi anni, in particolare in Italia, è sicuramente condizionato dalla situazione contingente e quindi non gode di buona salute. " (Alceste Ayroldi)

08/02/2014

Quattro chiacchiere con...Guido di Leone: "C'è ancora chi pensa che sia una musica difficile e per vecchi: alcuni ragazzi non l'hanno mai sentito. Poi quando lo scoprono se ne innamorano!" (Alceste Ayroldi)

07/12/2013

The Smitherson & Guido di Leone The Smitherson & Guido di Leone : "Grazie al loro suono verace e carico di passione gli artisti hanno dato vita a una serata all'insegna della buona musica..." (Francesco Favano)

02/02/2013

Broadway (Di Leone, Macchia, Di Lecce)- Francesco Favano

03/12/2011

Treni A Vapore (Max Monno)- Pierfrancesco Falbo

23/10/2010

Com os Violoes (Francesca Leone)- Alessandro Carabelli

22/03/2010

sings Cole Porter& the beat of yearning desire (Giuseppe Delre) - Cinzia Guidetti

25/08/2009

Blue night (Guido Di Leone) - Giuseppe Andrea Liberti

12/10/2008

Falando de Jobim (Paola Arnesano )

14/08/2008

Dallo swing al funk per la 6° edizione del Multiculturita Summer Jazz Festival 2008 con l'intensità di Kekko Fornarelli insieme a Rosario Giuliani, la tranquilla andatura dei Manhattan Transfer, la scherzosa (e sacra...) musica di Lino Patruno e l'incendiaria forza di Marcus Miller: 4 serate all'insegna della musica di qualità con un pubblico che ha sempre riempito la piazza della Reale Basilica di Capurso. (Marco Losavio)

22/06/2008

Colorando (Marchio Bossa)

30/03/2007

Quel che non si fa più (Nino Di Leone)

04/12/2006

All the Way (Francesca Leone)

31/10/2006

Moon, stars and nights (Chrissie Carpenter Oppedisano)

19/08/2006

The Way I Like (Berardi Jazz Connection)

18/12/2005

Italian Jazz Ensemble (Italian Jazz Ensemble)

18/07/2005

Isole (Guido di Leone e Ottonando Brass Ensemble)







Inserisci un commento


© 2000 - 2020 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


Questa pagina è stata visitata 1.910 volte
Data pubblicazione: 10/05/2020

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti