Jazzitalia - Articoli: Intervista a Jean-Luc Ponty
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Intervista a Jean-Luc Ponty
Roccella Jonica, 22 agosto 2009
di Vincenzo Fugaldi
foto di Sergio Cimmino

photo by Sergio Cimmino (Bologna - febbraio 2009)

Sei stato uno dei primi musicisti europei ad avere un grande successo internazionale, in particolare negli Stati Uniti, negli anni '70. Vuoi ricordare quel periodo?

È stato davvero entusiasmante, perché c'era molta sperimentazione: era lo spirito del tempo. Avveniva nella società, con i movimenti per cambiarla, ed era lo stesso nell'arte e nella musica. Erano gli artisti a tracciare la strada, mentre oggi sono gli uomini d'affari a decidere ogni cosa. Tutti, nei programmi radio, i dj, le case discografiche, specialmente in America, erano veri appassionati di musica, molto spesso musicisti loro stessi, così noi eravamo totalmente liberi di esplorare, di sperimentare, e infatti le novità erano molto apprezzate. Sono arrivato negli Stati Uniti verso la fine di quel periodo di libertà per gli artisti, ma in tempo utile per avere un contratto discografico, crearmi un pubblico e gettare le basi del mio successo.

Hai creato un nuovo stile per il violino, ed hai anche introdotto il violino elettrico nel jazz. Come sei arrivato a realizzare tutto questo?

Ho iniziato suonando il clarinetto. Quando ho cominciato a interessarmi al jazz, non conoscevo alcun violinista che lo praticasse, così le mie influenze furono trombettisti, sassofonisti, pianisti. C'era già l'hard bop, e subito dopo arrivò l'avanguardia. John Coltrane formava il suo gruppo, lo ascoltai dal vivo a Parigi. C'erano anche Miles Davis, Tony Williams, Herbie Hancock, Chick Corea, e quella fu la musica che mi affascinò. Ecco perché ho adattato il violino al jazz. I musicisti manouche hanno adattato il jazz ai loro strumenti, cercando un modo europeo di suonare. Io ho fatto l'opposto, il che mi ha indotto ad usare il violino elettrico, scelta che è iniziata con la necessità di un volume più alto, poiché suonavo con batteristi che percuotevano con energia come se accompagnassero un sassofonista. Ma dal giorno che ho usato l'amplificazione mi sono reso conto che il suono era differente, che non potevo riprodurre un vero suono acustico. Non era una cosa negativa, forse avere un suono più forte era anche meglio per suonare jazz moderno. Usando l'amplificazione poi, ho attirato l'attenzione di alcuni musicisti rock come Frank Zappa, anche se io non ascoltavo quel genere musicale. La mia generazione di musicisti jazz è la prima cresciuta nell'era del rock'n roll, per questo abbiamo maturato l'idea di usare gli strumenti elettrici. Poiché noi jazzisti improvvisiamo, e i musicisti rock erano interessati all'improvvisazione jazzistica, collaborammo con gruppi come quelli di Zappa e McLaughlin. Negli anni '70 in California c'era molta sperimentazione nel campo dell'elettronica, e a volte mi piaceva il suono che producevo, mi spingeva a comporre certi brani per incorporare il sound elettronico. Non era più possibile per me suonare acustico, ero in una fase della mia vita totalmente elettronica, ma ora sono cambiato, sono tornato a esercitarmi al violino acustico e utilizzo, a volte, solo un po' di effetti per dare un colore moderno alla musica.

George Duke, Frank Zappa e John Mclaughlin sono tre figure molto importanti per la tua evoluzione musicale.

Con George abbiamo iniziato insieme in California, lui era giovane e sconosciuto e veniva da San Francisco nel periodo in cui io arrivavo a Los Angeles già con un contratto discografico. Aveva mandato un demo alla mia etichetta, il produttore ci mise in contatto, e fu come magia: ci ingaggiarono per suonare in un club a Los Angeles, George arrivò e non facemmo alcuna prova, avevamo solo una lista di standard e di blues e iniziammo a suonare in jam come se avessimo suonato insieme per anni. Il motivo era che lui mi conosceva già, aveva ascoltato le mie incisioni per l'etichetta tedesca MPS. In quel periodo il produttore Richard Bock aveva la principale etichetta jazz della West Coast, la Pacific Jazz, per la quale incidevano Wes Montgomery e Chet Baker. Ma era interessato alla musica indiana, produceva anche Ravi Shankar, fu il primo a farlo conoscere in Occidente. Aveva anche un'altra etichetta, la World Pacific. Fu lui a spingermi verso diversi territori musicali. Io ero interessato solo al bebop, all'hard bop, e non volevo ascoltare musica pop, ma stranamente lui mi convinse a provare a suonare qualcosa di differente. Nel corso di una delle nostre lunghe discussioni, fece il nome di Frank Zappa. Zappa era molto conosciuto - anche in un periodico jazzistico francese c'era un articolo su di lui - perché la sua musica era diversa, era già una sorta di fusion. Richard organizzò un incontro, e chiese a Frank di produrre un mio disco, e di scrivere e arrangiare la musica ["King Kong", n.d.r.]. Frank scelse tutti i musicisti, e la mia unica richiesta fu quella di portare con me George Duke. Fu così che Frank ascoltò George, e gli piacque moltissimo, tanto che in seguito lo inserì nella sua band. Poi c'è McLaughlin, che aveva già letto di me sulla stampa specializzata in Inghilterra, perché avevo suonato al Ronnie Scott. Ci siamo incontrati a New York, quando suonava col Lifetime Trio di Tony Williams, sempre nel 1969, subito dopo la mia registrazione con Frank Zappa. photo by Sergio Cimmino (Roccella Jonica)Ero andato ad ascoltare il Lifetime Trio dal vivo al Village Vanguard, dopo il concerto ci siamo presentati, così quando lui e Billy Cobham costituirono la Mahavishnu Orchestra pensarono a me come violinista. Ma sarebbe stato complicato, perché vivevo in Francia, e loro stavano costituendo la band con pochi soldi, iniziavano proprio come una garage band. Ecco perché scelsero Jerry Goodman, che apportò un bel contrasto all'energia del gruppo. In seguito Zappa mi ingaggiò per un tour nel 1973, e decisi di stabilirmi a Los Angeles. Lì c'era molto lavoro, diversamente dalla Francia, e io ero sposato e avevo due bambini, così vi trasferii la mia famiglia.

Dal 1975 al 1985 hai registrato dodici album per l'Atlantic.

Non sapevo se stessi sognando o se fosse vero. Pochissimi musicisti jazz europei avevano avuto successo negli Stati Uniti sino ad allora. Quando mi sono trasferito negli Stati Uniti decisi di scrivere la mia musica e costituire una mia band, nel 1975. Non mi aspettavo di avere un tale successo: l'anno dopo avevo il mio album in classifica, e iniziavo a suonare nei teatri, improvvisamente iniziava una grande carriera. Così capii che il mio sogno era diventato realtà. È stato un periodo molto importante nella mia vita.

In seguito hai suonato in concerto e registrato con musicisti africani …

Nel 1988 ero in tour in Europa con la mia band e quando suonai a Parigi una giornalista mi chiese se conoscevo i musicisti africani lì attivi. Dissi di no, perché tornavo in Francia solo per pochi giorni per dei concerti o per rivedere la mia famiglia e non avevo contatti con la scena musicale locale. A metà degli anni '80 un certo numero di musicisti delle ex colonie francesi si erano trasferiti a Parigi. La giornalista ne aveva intervistato alcuni e il mio nome compariva spesso nelle loro risposte. Ciò mi incuriosì, chiesi i loro nomi, ed erano in particolare cantanti come Salif Keita. Acquistai i loro dischi, e scoprii che ad accompagnare i cantanti c'erano dei buoni musicisti. Ne contattai alcuni e misi su un gruppo con strumentisti di paesi dell'Africa occidentale come il Camerun, il Mali, il Senegal. Chiesi loro di insegnarmi ad ascoltare le musiche dei propri paesi. Mi fecero ascoltare i loro ritmi e le melodie, provai a improvvisare con loro e a volte fu molto facile, perché potevo sentire le radici del jazz, mentre a volte li sentivo estranei, molto difficili da comprendere. Ma ero entusiasta, e ne parlai alla mia etichetta, che all'epoca era la Epic. A loro l'idea piacque, così mi produssero un album, e portai quei musicisti in tour in America per otto settimane, solo io e i musicisti africani, senza tastiere o altro. Era una musica con strumenti tradizionali come il balafon, e chitarra e basso elettrici, e mi sentivo come se fossi di nuovo studente, dopo così tanti anni di carriera. Stavo imparando nuovi ritmi, concentrandomi su di essi, come quando scoprivo il jazz provenendo dalla musica classica. Mi piacque talmente che da allora ho preso alcuni musicisti africani nella mia sezione ritmica, perché alcuni di loro sono in grado di suonare qualsiasi cosa.

Provi mai nostalgia per il tuo paese nativo nella Bassa Normandia?

No, in realtà ho di nuovo una base in Francia, a Parigi, da circa dieci anni, e ho ripreso i contatti con i miei amici di gioventù, nel mio paese natio. Sono stato anche a suonare nella mia città, invitato dal sindaco. Mi piace viaggiare per il mondo, incontrare gente diversa, sapendo che posso ritrovare le mie radici. Viaggiare e vedere le differenze mi ha fatto apprezzare maggiormente il mio paese, e comprendere ciò che è buono e ciò che lo è meno nella mia cultura.

Hai in progetto delle collaborazioni con dei musicisti europei?

Ho rincontrato il pianista tedesco Wolfgang Dauner, un fantastico compositore, molto lirico e poetico, e mi ha molto emozionato suonare con lui in un duo acustico. È un'esperienza che forse si ripeterà.






Articoli correlati:
17/03/2013

Remebering Butch Morris... : "Si adirava avendone motivo, su una nota fuori posto, su di un passaggio forse irregolare che nessuno, nemmeno i loro interpreti, riuscivano ad individuare concretamente, cercando di comprenderne il perchè." (Giammichele Taormina)

05/12/2010

Paolo Fresu e Bojan Z: "La loro tavolozza di colori è essenziale...sono ben addentro all'arte del duo, una pratica che in campo jazzistico ha dato frutti innumerevoli e preziosi." (Vincenzo Fugaldi)

05/09/2010

Roccella Jazz Festival 30a Edizione: "Trent'anni e non sentirli. Rumori Mediterranei oggi è patrimonio di una intera comunit? che aspetta i giorni del festival con tale entusiasmo e partecipazione, da far pensare a pochi altri riscontri". La soave e leggera Nicole Mitchell con il suo Indigo Trio, l'anteprima del film di Maresco su Tony Scott, la brillantezza del duo Pieranunzi & Baron, il flamenco di Diego Amador, il travolgente Roy Hargrove, il circo di Mirko Guerini, la classe di Steve Khun con Ravi Coltrane, il grande incontro di Salvatore Bonafede con Eddie Gomez e Billy Hart, l'avvincente Quartetto Trionfale di Fresu e Trovesi...il tutto sotto l'attenta, non convenzionale ma vincente direzione artistica di Paolo Damiani (Gianluca Diana, Vittorio Pio)

05/09/2010

Intervista a Paolo Damiani direttore artistico del festival di Roccella Jonica: "Oggi è necessario immaginare nuovi sviluppi di linguaggi, che non si accontentino di celebrare la maestria tecnica ma piuttosto cerchino di inventare inedite ipotesi narrative. Musiche future capaci di rischiare e commuovere." (Vittorio Pio)

12/10/2008

Roccella Jazz Festival 2008, "Terremoti": "In un sud che stenta sempre più a organizzare eventi jazzistici di rilievo, conforta vedere come i "Rumori mediterranei", alla ventottesima edizione, si rinforzino, raggiungendo numeri davvero ragguardevoli: 11 giorni di durata e 34 concerti, dislocati fra 9 comuni della provincia di Reggio Calabria, oltre alla consueta copiosa attività seminariale." (Enzo Fugaldi)

21/01/2006

Intervista a John Patitucci: "...Secondo me, Jaco Pastorius ha dato un grosso contribuito come compositore. Era "normalmente grande" come musicista, ma ritengo che il suo modo di comporre fosse bello, la sua musica mi toccava, profondamente..." (Antonio Terzo)

25/10/2005

Pietro Tonolo al festival di Roccella Ionica. Le avverse condizioni meteorologiche non hanno compromesso la qualità della performance del quartetto anche se costretto in una location di fortuna. (Antonio Terzo)

23/10/2005

Venticinquesima edizione di "Rumori Mediterranei", il festival diretto da Paolo Damiani a Roccella Jonica che si caratterizza sempre più per riuscire a coniugare le musiche, le arti di popoli e culture diversi. (Enzo Fugaldi)

24/10/2004

Roccella Ionica 2004, XXIV Edizione di Romori Mediterranei. "Intitolata "Monsters" e dedicata a Steve Lacy. I mostri evocati dal festival calabrese erano tali nel senso dell'unicità, della stranezza, della prodigiosità, e hanno fatto la propria comparsa tra le pieghe dei ben 18 concerti tenutisi nei sette giorni di durata della manifestazione." (Enzo Fugaldi).

21/09/2003

XXIII Edizione di Rumori Mediterranei a Roccella Ionica: "...Perennemente in movimento, come in cerca di nuove identità, il Festival calabrese, alla sua 23a edizione, ha scelto di ampliare ulteriormente il dialogo fra il jazz, le altre musiche e le altre arti..." (Enzo Fugaldi)





Video:
Al Di Meola,Stanley Clarke, Jean-luc Ponty - Rite of Strings, -Montreux Jazz- part II
...
inserito il 19/04/2010  da nuovestagioni - visualizzazioni: 2205
Jean Luc Ponty 5 Roccella Jonica 21 08 09
L'evento dell'estate - 21 agosto 2009 - Jean Luc Ponty al Festival Jazz di Roccella Jonica...
inserito il 24/09/2009  da parsifal6000 - visualizzazioni: 2429
Jean-Luc Ponty - Desert Crossing
Great performance by a true master. From the concert in "Teatro la Fenice" in Venice...
inserito il 31/01/2009  da bordaigorl - visualizzazioni: 1865
Jean Luc-Ponty - Cosmic Messenger - Brasil 1981
Jean Luc-Ponty - Cosmic Messenger - Brasil 1981...
inserito il 28/01/2009  da ardnity - visualizzazioni: 1719
Jean-Luc Ponty Solo Live (Rite Of Strings Concert) 1994
Jean-Luc Ponty Solo Live (Rite Of Strings Concert) 1994...
inserito il 12/01/2009  da Orbs2009 - visualizzazioni: 1798
Jean-Luc Ponty - Point Of No Return
Jean-Luc Ponty - Point Of No Return 20.9.2008 Jazzfestival Viersen...
inserito il 24/11/2008  da marigoldmerion - visualizzazioni: 1829
Festival de Clermont: Jean-Luc Ponty
Festival de Clermont: extrait Jean-Luc Ponty - Annecy - Extrait concert de Jean-luc Ponty au Festival Jazz de clermont Organisateur: Jean-Françoi...
inserito il 02/09/2008  da tv8montblanc - visualizzazioni: 2174
Jean-Luc Ponty - Live in concert - No Absolute Time
Jean Luc Ponty - Electric ViolinWilliam Lecompte - KeyboardsGuy Nsangué Akwa - BassThierry Arpino - DrumsMoustapha Cissé - Percussion...
inserito il 15/01/2008  da putrefactcorpse666 - visualizzazioni: 1972
Jean luc Ponty Enigmatic Ocean
Live performance by Jean luc Ponty Project....
inserito il 13/01/2008  da Ironclad35 - visualizzazioni: 1557
Jean-Luc Ponty - Mirage
1982 Montreal Jazz FestivalJean-Luc Ponty - ViolinAllan Zavod - KeyboardsJamie Glaser - GuitarRayford Griffin - DrumsKeith Jones - Bassmore videos :ht...
inserito il 19/12/2007  da radiomix - visualizzazioni: 2111
Jean Luc Ponty
Jean Luc Ponti Le Ciminiere di Catania per Unsolojazz...
inserito il 02/10/2007  da hornitos75 - visualizzazioni: 2655
Jean-Luc Ponty - Mystical Adventures (Part 1&2)
Jean-Luc Ponty - Violin, OrganAllan Zavod - KeyboardsJamie Glaser - GuitarsKeith Jones - BassRayford Griffin - DrumsMore videos :http://www.cyworld.co...
inserito il 16/08/2007  da radiomix - visualizzazioni: 1879
Jean-Luc Ponty - Mystical Adventures (Part 3)
Jean-Luc Ponty - Violin, OrganAllan Zavod - KeyboardsJamie Glaser - GuitarsKeith Jones - BassRayford Griffin - DrumsMore videos :http://www.cyworld.co...
inserito il 16/08/2007  da radiomix - visualizzazioni: 1978
Jean-Luc Ponty Band- Guy N'Sangue Jig Solo
Jean-Luc Ponty in Charlotte, NC June 17th,2007. This is Guy N'Sangue Akwa's bass solo on Jig....
inserito il 10/08/2007  da trenton1987 - visualizzazioni: 1834
Jean-Luc Ponty Live - New Country @ Nathan Phillips Square
Jean-Luc Ponty Live performing 'New Country' at Nathan Phillips Square in Toronto on June 24, 2007.Taken with Canon SD800-IS front row but quality but...
inserito il 25/06/2007  da Snakeizzz - visualizzazioni: 1943
Jean-Luc Ponty - JIG
1982 Montreal Jazz FestivalJean-Luc Ponty - ViolinAllan Zavod - KeyboardsJamie Glaser - GuitarRayford Griffin - DrumsKeith Jones - Bassmore videos :ht...
inserito il 23/05/2007  da radiomix - visualizzazioni: 2444
Jean Luc Ponty with Zappa: Greggary Peccary Suite, 1973
Jean Luc Ponty performs Thu, Jun 7, 2007, 7:30pmFairfield Theatre Company's StageOne Fairfield Theatre Company70 Sanford St. [across from Metro North ...
inserito il 03/05/2007  da fairfieldtheatre - visualizzazioni: 1972
Jean-Luc Ponty - Open Minds
I didn't even remember this video, but it was on my tape . . . rare clip!...
inserito il 24/06/2006  da FL80 - visualizzazioni: 1925


Inserisci un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


Questa pagina è stata visitata 3.438 volte
Data pubblicazione: 31/05/2010

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti