Jazzitalia - Articoli: Intervista a Loris Deval
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Intervista a Loris Deval.
di Gianni Montano
luglio 2021


Phoyto Bigeight 2018

Loris Deval è un chitarrista valdostano quarantenne, da una ventina d'anni in attività, che recentemente ha pubblicato per la Caligola records il disco "Passi", a firma pure di Bruno Martinetti. Gli abbiamo posto una serie di domande su quest'ultima incisione, oltre che sulle sue esperienze artistiche e sul suo modo di intendere il jazz o la musica in generale. Ecco come è andata.

Da pochi mesi è uscito "Passi", disco inciso a nome tuo e di Bruno Martinetti. Come mai avete deciso di realizzare un cd insieme?
Abbiamo iniziato a lavorare in duo per un reading letterario all'open jazz festival di Ivrea 2 anni fa. Abbiamo visto che, come coppia, potevamo funzionare. Dal che abbiamo cominciato a inviarci brani vicendevolmente con l'idea di poterci proporre per esibizioni dal vivo con un repertorio nostro ed eventualmente di incidere un disco, visto che le nostre concezioni musicali erano compatibili, anzi molto vicine. Così, piano piano, l'idea dell'album si è fatta strada ed è diventata sempre più concreta.

Perchè avete deciso di coinvolgere Maurizio Brunod e Sabrina Oggero Viale in questa avventura?
L'intenzione in un primo momento era di realizzare un cd in duo, però, per la struttura di qualche pezzo, per il tipo di arrangiamento che avevo in mente, mi sembrava mancasse un qualcosa, in particolare la voce di una cantante, non una jazz-singer tradizionale, qualcosa di più avanzato e originale. Quando ancora il disco era in uno stadio germinale, a Torino mi è capitato di ascoltare il gruppo "Lapsus lumine", basato su un quartetto vocale, più il contrabbasso di Stefano Risso. In questo ensemble mi ha impressionato parecchio Sonia Oggero Viale, vocalist piemontese, che fino a quel momento non conoscevo. L'ho avvicinata e le ho esposto il mio progetto. Lei è stata ben felice di intervenire in "Passi", comprendendo e apprezzando i nostri intendimenti. Allora, successivamente, io le ho inviato dei pezzi, delle parti dove inserirsi. Lei si è adeguata benissimo alle esigenze comuni ed è stata bravissima sia nel comporre testi, su nostre musiche, sia nell'uso della voce come strumento. Maurizio Brunod è stato il mio insegnante di chitarra ed è un caro amico. Io gli ho fatto sentire alcune registrazioni che avevamo fatto con Martinetti e la Oggero Viale e lui si è entusiasmato e mi ha chiesto di introdurre la sua chitarra all'interno di alcune tracce. Siccome da cosa nasce cosa, alla fine, i due ospiti hanno finito per entrare a pieno titolo nel disco, tanto che da un'opera congegnata per duo si è trasformato praticamente in un lavoro per quartetto. A me è piaciuto molto trovare adesioni convinte al mio progetto. Mi ha dato coraggio e spinta in un periodo veramente difficile per noi musicisti, quello del lockdown.



Come avete operato per organizzare la musica di questo disco?

Abbiamo faticato non poco, in generale, a causa del periodo di chiusura in cui ci trovavamo ad operare. Ci siamo visti solo in alcune occasioni, purtroppo, ma abbiamo comunicato molto a distanza per mettere a punto il materiale selezionato. Prima di entrare in studio di incisione ci siamo esibiti per un gruppo di amici. Ci sono voluti due giorni per registrare l'album. Io e Maurizio Brunod con l'aiuto di un fonico di Vercelli, Enrico Caruso, in un secondo tempo abbiamo mixato in analogico le varie tracce, cercando di fornire un suono vintage al complesso della nostra musica. Il risultato ottenuto mi soddisfa in pieno.

Perchè avete chiamato il disco "Passi"?
Volevamo riferirci ad un percorso che si fa gradualmente, un passo dopo l'altro. La foto della cover, con le impronte di piedi sulla sabbia, è emblematica in tal senso. Dobbiamo ringraziare Luca D'Agostino per averci regalato questo scatto, come d'altra parte Daniela Floris che ha scritto in amicizia le note di copertina. É stato un bel lavoro di squadra, insomma.

Nel disco ha un peso notevole la cantabilità dei temi. Quanto è importante per te l'aspetto melodico nella musica?
Sono cresciuto con mio padre che ascoltava De André e i Pink Floyd. Ho assorbito e metabolizzato questi elementi e, quando scrivo, indubbiamente concedo molta importanza all'aspetto melodico. Martinetti compone in maniera diversa, ma anche per lui la cantabilità è fondamentale nei suoi pezzi. Per aggiungere un po' di peperoncino al menù, se così si può dire, si è aggiunta la voce di uno che ha fatto anche l'avanguardia come Maurizio Brunod, per produrre un cocktail dai molti sapori, tenendo conto che anche la Oggero Viale non è proprio "in the tradition"….

Che continuità vedi fra questo disco e i precedenti album registrati a tuo nome?
La continuità è inevitabile. Io sono sempre io, che magari mi evolvo, ma restano ben chiare determinate coordinate estetiche. Rispetto a "Seta", disco inciso per la dodicilune con il Lorelei quartet, devo dire che, secondo me, questo è un cd più jazzistico, più improvvisato, anche per la situazione in cui si è realizzato. L'altro album che ho inciso prima di questo, "ObaMundo project" è, invece, dedicato alle colonne sonore. Non presenta mie composizioni. E' un capitolo anomalo nella mia discografia, tutto sommato.

Abbiamo sviscerato sufficientemente l'argomento-ultimo disco e adesso allarghiamo un po' il discorso. Andiamo nella tua storia. Come arrivi a scegliere la chitarra come strumento?
La colpa o la responsabilità è di mia sorella che aveva richiesto ai miei genitori una chitarra per iniziare a studiare uno strumento musicale. Ben presto lei si è stancata e io, qualche tempo dopo, ho iniziato a giocarci, insieme ad un mio amico. Piano piano è nata la passione per la musica e ho cominciato a prendere lezioni private, imparando, così, a suonare.

Perché ti dedichi, da un po' di anni, esclusivamente alla chitarra classica?
Privilegio la chitarra classica, attualmente, perché sono stato influenzato da alcuni maestri dello strumento come Ralph Towner o Ferenc Snétberger, che ho conosciuto a Ivrea, per cui stravedo. Poi sono stato in Brasile e mi sono innamorato della musica di quel Paese e laggiù ci sono chitarristi classici grandissimi. Inoltre io non amo il plettro. Mi piace il contatto fisico delle dita sulle corde e questo con la chitarra classica si può fare….

Vivi vicino a Ivrea, città che ospita un festival jazz arrivato alla quarantesima edizione nel 2020. Quali stimoli ti ha dato o ti fornisce ancora l'ambiente dove risiedi? Quanto è importante il "Music studio" per te con i suoi corsi di didattica musicale?
L'0pen jazz festival mi ha consentito di ascoltare e di venire a contatto diretto con musicisti straordinari, oltre a quelli citati prima, nomino Uri Caine, Paolo Fresu, Stefano Bollani ….insomma per la mia formazione culturale, oltre che musicale, le giornate dell'open sono state essenziali. Negli anni il cartellone si è impoverito di date, causa la mancanza di finanziamenti ed è concentrato su Ivrea. Prima c'erano appuntamenti anche nei comuni vicini, come Banchette, dove abito, Bollengo o Montalto Dora...Comunque è sempre una bella vetrina e io continuo a fornire volentieri aiuto alla direzione artistica di Massimo Barbiero. Per quanto riguarda la scuola di musica, anche lì gli allievi negli anni sono diminuiti, ma noi teniamo duro, cercando di offrire un servizio qualificato. Io credo molto nell'educazione musicale a partire dalla scuola primaria. Insegno per il "Music studio"ormai da tanti anni, sempre con dedizione assoluta.

Sei uno che incide relativamente poco. E' una scelta di fondo oppure in passato ci sono stati impedimenti a registrare cd che avresti voluto pubblicare?
Incidere comporta, comunque, una spesa consistente e il cd non ha un vero e proprio mercato. Si privilegia la musica liquida, oggi come oggi. Comunque sono contento di quello che ho registrato finora e penso di continuare a pubblicare dischi solo quando avrò qualcosa di significativo da proporre.

Quali sono i musicisti a cui devi di più, sia come maestri sia come modelli di riferimento (conosciuti attraverso i dischi, intendo)?
 Per me Maurizio Brunod è un esempio da seguire, perché sa usare al meglio tutti i tipi di chitarra. In più è competente su tutti i generi musicali, dalla classica al jazz al pop. Sono felice sia presente in "Passi". Un altro personaggio importante è per me il batterista brasiliano Gilson Silveira. Incontrarlo e suonare con lui mi ha fatto capire molte cose sulla fusione fra jazz e sound latino-americano. Se invece andiamo su punti di riferimento altissimi, dico Bach, perché tutta la musica che è venuta dopo gli deve qualcosa e, in campo jazzistico, Kenny Wheeler, bravissimo compositore e arrangiatore.

Quali sono i musicisti con cui ti piacerebbe collaborare, anche in ambito internazionale?
Non sono ambizioso e quindi non sparo nomi di risonanza mondiale. Diciamo che se in una mia composizione sento il bisogno di una voce di un certo tipo la vado a cercare. Non prima. Metto davanti l'idea e solo dopo chi potrebbe interpretarla. Al momento mi piacerebbe suonare con un fortissimo flautista romano, Paolo Innarella, con cui sono in corrispondenza. Potremmo fare cose interessanti in coppia. Come vedi non è un nome sulla bocca di tutti e non è proprio irraggiungibile….

Quali sono le situazioni in cui suoni più volentieri dal vivo? Nei club, nei teatri, o in altri contesti?
Non ci sono preferenze di nessun genere. L'importante è avere situazioni in cui c'è attenzione a quello che suono, c'è silenzio, un silenzio partecipe a quello che succede sul palco.

Sei soddisfatto della tua carriera artistica fino a questo momento?
Sono soddisfatto complessivamente. Al di là della parentesi di questa pandemia, che ha provato molto me, come tutti gli artisti, credo, sono arrivato ad esibirmi e ad incidere con persone come Brunod, Anais Drago, Gilson Silveira… Per le mie potenzialità e il mio modo di vedere la musica, ho ottenuto il massimo o quasi di quello che volevo.

Ultima domanda, di prammatica: quali sono i tuoi progetti futuri?
Sto lavorando con una cantante jazz valdostana non molto conosciuta, Elisabetta Patrin, personale, con un suo stile. Mi piacerebbe ritornare, inoltre, in Brasile e suonare con il violoncellista italiano Federico Puppi e con Marco Lobo, fantastico percussionista carioca. Prima o poi succederà. Infine ho un progettino di sola chitarra che ogni tanto prendo e poi lascio perché non lo vedo ancora maturo. Tutto lì.

Così si conclude l'intervista con un musicista con i piedi per terra, che non punta a riconoscimenti eccezionali, ma che desidera semplicemente avere sempre più occasioni per essere ascoltato dal vivo con la dovuta attenzione degli spettatori, si intende.







Articoli correlati:
30/01/2021

Ensemble (Maurizio Brunod)- Gianni Montano

30/01/2021

Liverno (Andra Paganetto)- Marco Losavio

12/03/2017

Tiresia (Enten Eller)- Gianni Montano

25/08/2013

Jazz Groove Parte 2: Joyce in 'Femina', Maurizio Brunod & Miroslav Vitous in 'Duets', Claudio Fasoli Four in 'Patchwork', Ambrosetti, Caine, Di Castri in 'From Bach to Miles and Trane' e l'omaggio a Lester Bowie di Enrico Rava & PMJL. (Giovanni Greto)

02/06/2013

Open Jazz Festival d'Ivrea e Canavese 2013 : "...un festival che ha una lunga storia e vuol proseguire e crescere con opzioni ogni volta coraggiose e intriganti." (Gianni Montano)

20/05/2013

1/2 A Dozen (Norbert Dalsass)- Francesco Favano

02/02/2013

Reunion (Claudio Lodati - Maurizio Brunod)- Francesco Favano

20/01/2013

Kandinsky (Massimo Barbiero, Marcella Carboni e Maurizio Brunod)- Andrea Gaggero

30/11/2012

E(x)stinzione (Enten Eller Orkestra)- Gianni Montano

18/08/2012

Tandem Desàrpa (Maurizio Brunod - Giovanni Palombo)- Gianni Montano

18/12/2011

Seta (Lorelei Quartet)- Gianni Montano

10/12/2011

Svartisen - Band Epoque (Maurizio Brunod)- Gianni Montano

23/04/2011

Cherry Dance (Pierluigi Balducci – Maurizio Brunod – Marta Raviglia Trio)- Roberto Biasco

06/02/2011

La musica e il jazz nella Città dell'Uomo. Come la cultura Olivetti ha saputo alimentare un territorio durante e dopo l'utopia della società di Adriano. Dall'Euro Jazz festival all'Open World Jazz Festival: Un Blues per Olivetti. (Franco Bergoglio)

27/08/2010

Marmaduke (Massimo Barbiero - Maurizio Brunod, Alexander Balanescu, Claudio Cojaniz)- Franco Bergoglio

16/08/2010

Northern lights (Maurizio Brunod)- Gianni B. Montano





Video:
italian guitars trio and ralph towner "stinko tango"
Video ufficiale Italian guitars Trio & Ralph Towner...
inserito il 10/05/2013  da Maurizio Brunod - visualizzazioni: 3933


Inserisci un commento


© 2000 - 2021 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


Questa pagina è stata visitata 377 volte
Data pubblicazione: 24/08/2021

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti