Jazzitalia: la musica jazz a portata di mouse...
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�


Intervista a Giovanni Masciolini, direttore artistico di Assisi Notti Jazz

di Marco Losavio

M.L.: Tu sei di Padova e l'Umbria (e non solo) è dominata da Umbria Jazz…ma come mai hai scelto questa regione ed Assisi in particolare?
G.M.:
Semplicemente perché il Jazz in Italia non è nato a Perugia, bensì, come risulta da tutti miei articoli presenti sul tuo sito, è nato ad Assisi con il gruppo storico di Graziani, Battistelli, Laudenzi, Masciolini e Ciammarughi grande pianista e padre inoltre di Ramberto Ciammarughi anche lui grandissimo pianista jazz attuale. Ti racconto un piccolo aneddoto: durante l'occupazione americana in Italia Ciammarughi padre e mio padre Aldo Masciolini furono invitati a suonare per le truppe americane in giro per tutto il mondo, Ciammarughi, molto legato alla sua terra rifiutò, immagina la reazione di mio padre, gli corse appresso con la pistola con l'intenzione di ammazzarlo, nonostante tutto Ciammarughi rifiutò e quel famoso tour non si fece mai. Poi,
diciamo che questo festival è un po' un prosieguo di quanto iniziato oramai 4/5 anni fa quando ho cominciato a raccogliere le testimonianze di vecchi esponenti del jazz Italia purtroppo dimenticati...o mai conosciuti, come Cesàri, mio padre, Battistelli, Loffredo, Gualdi, e moltissimi altri, quasi non fossero mai esistiti, come se il Jazz Italiano fosse nato dagli anni '60 in poi: no, non è così. Il nostro jazz ha radici molto più profonde antecedenti anche agli anni '40, addirittura agli anni '20 e quando c'erano le famose navi dove i musicisti suonavano nella rotta Genova - New York. Ringrazio infatti le persone come te e Adriano Mazzoletti che mi hanno offerto l'opportunità di raccontare tutto ciò. Di Adriano è appena uscita la seconda edizione del Jazz in Italia dalle origini alle grandi orchestre – un capolavoro! Dovrebbe poi uscire il secondo volume dagli anni '40 agli anni '60, il tutto diciamo "per dare giusta sepoltura ai nostri vecchi jazzisti per maggior parte oramai deceduti". Ho comunque avuto modo di confrontarmi con Pagnotta: è indubbiamente molto preparato nel campo del Jazz, conosce anche bene la storia del Jazz Italiano, forse i suoi consiglieri lasciano un po' a desiderare...Ci siamo incontrati il 10 agosto in occasione della premiazione a Francesco Cafiso (lo definiscono "novello genio del sax"...io aspetterei ancora un po'...) nell'ambito di Gubbio No Borders Summer Festival – Italian Jazz Festival, organizzato da cinque anni dal mio amico Ezio Ranaldi. Abbiamo parlato molto, fino quasi al giorno dopo!! Mi ha chiesto anche di Guido Pistocchi apprezzandolo molto quale copia di Louis Armstrong. Gli ho risposto che la migliore qualità di Pistocchi, jazzisticamente parlando, non è quella di saper fare il dixie, o imitare Armstrong, bensì hard bop, be bop, un po' tutto...non lo sapeva...

M.L.: Hai incontrato molte difficoltà? Chi invece ti ha aiutato?
G.M.: Sì, ho incontrato difficoltà soprattutto sotto il profilo economico, alla fine, penso che io e Claudio Russo (co-direttore artistico) ci rimetteremo diverse migliaia di euro...ma non importa: a differenza di altri la nostra passione è di gran lunga superiore al lato economico. In ogni caso ringrazio l'assessore della cultura di Assisi nella persona di Mario Romagnoli, ringrazio l'associazione di commercianti d'Assisi, l'associazione albergatori d'Assisi, Radio Suby e il gestore del Bar Duomo in Piazza San Ruffino di nome Francesco. Grazie alla sua passione si è sobbarcato costi non indifferenti...Naturalmente il ringraziamento maggiore va poi a tutti musicisti, in particolare Ezio Ranaldi e Ferdinando Roselletti. A proposito Ferdinando ha suonato anche con Joe Albany pianista di Charlie Parker e Teddy Wilson, poi per motivi familiari (si sposò...) dovette rinunciare al professionismo jazz. E bene loro due suonano gratis, tutti gli altri per pochi euro, penso che questo sia il vero spirito del jazz, non Elton John che è andato ad Umbria Jazz per chissà quante decine di migliaia di euro...

M.L.: Oggi però il jazz è presente su tutto il territorio nazionale grazie ai tanti festival che invece in passato non si facevano. Trovi che vi sia una maggiore cultura jazzistica nel paese Italia?
G.M.:
Certamente sì, anche se molti si sono appropriati di un termine che non li appartiene: jazzisti. Ma qui il discorso è molto lungo e complesso. Devi sapere però che tutto nasce dagli anni '70 in poi e spesso per motivi politici. In ogni caso è sempre un bene avere parecchi jazz festival, a qualcuno magari si potrebbe cambiare l'appellativo da "jazz festival" a "pop festival"...ma va bene lo stesso...cosa vuoi, il mondo va così.

M.L.: Recentemente è scomparso Hengel Gualdi, un altro pezzo di storia del jazz italiano che se ne va. Vuoi ricordarlo?
G.M.: Hengel Gualdi indubbiamente è un altro pezzo del jazz italiano che se ne è andato. Il mio Festival ad Assisi, l'ho detto anche in conferenza stampa, è interamente dedicato a lui a tutti quelli jazzisti misconosciuti. Negli articoli del Corriere d'Umbria e nel Giornale d'Umbria questo spirito lo si rileva chiaramente. Il massimo della felicità poi l'ho avuta quando è apparso questo titolo: "A settembre Assisi capitale del Jazz". Sono le famose soddisfazioni che non ti arricchiscono economicamente ma ti danno molto di più: quella cosa che nessuno può toglierti e cioè la gioia di aver fatto tutto possibile per uomini che indubbiamente meritavano molto di più. A proposito di Gualdi, ti racconto questo aneddoto. Ero un bambino piccolo quando in Piazza San Marco, negli anni '50, da una parte al Florian suonava mio padre e dall'altra Gualdi: era una gara a chi suonava meglio, a chi dava di più agli ascoltatori, immagina le persone correre da una parte all'altra della piazza ed applaudire, da lì si può dire che è nata in me la passione per il jazz. Naturalmente per tutto ciò mi ritengo fortunato e vorrei che la gente tornasse a compiere i medesimi comportamenti.

M.L.: Tuo padre era un sassofonista molto apprezzato nel panorama jazzistico nazionale. Che eredità ti senti di aver raccolto?
G.M.:
Penso che la mia eredità sia la passione per questa splendida musica. Ci sono sassofonisti in Italia quali Atti, D'Avola, Odorici e molti altri che sono tra i migliori nel panorama jazzistico non solo italiano e che ancora alimentano questa mia voglia di jazz. Ci sono altri poi che personalmente non capisco, non è che io sia stupido, non li capisco...sanno fare un miliardo di note, musica che solo loro ed alcuni eletti, si fa per dire, intendono, boh, io penso che il jazz è swing, senza swing non c'è jazz! Loro lo swing non sanno nemmeno cosa sia e soprattutto non lo sanno trasmettere come invece facevano, ma non solo loro per fortuna, i nostri vecchi padri.
B
uon Jazz a tutti e arrivederci ad Assisi...Spero soprattutto che vengano molti musicisti ed appassionati alle jam session...dureranno anche tutta la notte!!!






Articoli correlati:
22/01/2011

Sincopato Tricolore (Guido Michelone)- Alceste Ayroldi

18/04/2010

Una vita con il sax (Armando Brignolo)- Marco Losavio

17/02/2007

Jazz italiano, l'influenza della Civiltà Musicale Afro-Americana nell'Italia dell'immediato secondo dopoguerra: "Lo swing era presente nel repertorio delle più importanti orchestre di ballabili della penisola da almeno una ventina d'anni, e la canzone italiana lo aveva assimilato più o meno inconsciamente dando vita al genere cosiddetto «swing all'italiana»." (Matteo Pagliardi)

02/04/2006

Bye Bye Luciano Fineschi. Ricordando uno dei maggiori esponenti dello swing italiano scomparso nella notte del Fuoco... (Olga Chieffi)

19/02/2006

Nel 2001 Romano Mussolini, in un bar, ci ha rilasciato un'intervista che però non ha mai voluto che venisse pubblicata, per evitare troppa visibilità ed eventuali strumentalizzazioni. Oggi, pubblicandola, abbiamo ritenuto di rendergli omaggio. (Giovanni Masciolini)

15/02/2006

Franco Chiari, vibrafonista, fondatore del Sestetto Swing Roma. Una vita dedicata alla musica, al jazz...(Fabio Chiari)

25/06/2005

Intervista a Franco Cerri: "...La musica è veramente una medicina di cui tutti abbiamo bisogno. Dopo tanti anni non ne posso fare a meno..." (Alceste Ayroldi)

10/10/2004

Gian Carlo Roncaglia noto giornalista, studioso e appassionato di jazz ci ha lasciato lo scorso 28 giugno. Jazzitalia, grazie alla collaborazione di Piemonte-Magazine e della famiglia Roncaglia, pubblica quindici articoli inerenti la storia del jazz a Torino che ha visto transitare in più di cinquant'anni i nomi più prestigiosi italiani e internazionali. (Gian Carlo Roncaglia)

16/07/2004

Emilia Laura Facetti, in arte Laura Villa, ha cantato con i più famosi musicisti brasiliani di jazz-samba trapiantati in Francia negli anni '60. E' stata la prima interprete in Europa dei più noti temi di Tom Jobim, Menescal e dello stesso Sivuca. (Paco Garro jr.)

07/06/2004

Giampiero Boneschi ricorda il trombonista Mario Pezzotta: "Quando prendevamo parte a qualche concerto, ce lo contendevamo per averlo in auto: le sue storie impensabili ma vere erano incredibili..."

06/01/2004

Gorni Kramer, i suoi solisti e i Tre Negri - 3 (Gorni Kramer)

21/10/2003

Intervista a Renato Sellani: "...la musica per me è rimasta un hobby non una vera professione perchè la musica mi stanca...cerco di farla in un modo piuttosto preciso secondo il mio carattere che è troppo sensibile...". (Ernesto Losavio)

14/02/2003

Al Mocambo di Udine, negli anni 40-50, si suonava il be-bop, la notte, per pochi appassionati. Walter Notari era un violinista formidabile che insieme al grande Cesàri, Masciolini, Laudenzi e Graziani suonava fino all'alba in questo locale del nord-est d'Italia... (Giovanni Masciolini)

22/09/2002

Jazz Italiano: Sergio Coppotelli. "Lo swing, l'armonia, la pronuncia, l'improvvisazione, il cuore e la poesia, che non devono mai essere disgiunti dalla tecnica, sono gli elementi fondanti di questa musica, senza i quali il jazz perde tutto il suo fascino."

29/08/2002

Musica Jazz e Arti Visive. L'artista e la sua anima nella musica, nella pittura, nella scultura. (Giovanni Masciolini)

23/03/2002

The Complete TULLIO MOBIGLIA della Riviera Jazz Record. Un documento del jazz italiano del periodo 1941 - 1946.

04/03/2002

Miro Graziani, l'ultimo dei ragazzotti assisani...

12/01/2002

JAZZ ITALIANO: Polvere di Stelle. Il terzo CD di Aldo Masciolini e i suoi compagni di viaggio.

07/12/2001

Alfio Galigani, saxofonista, clarinettista, flautista, tutta la sua vita per la musica, per il jazz. Una testimonianza bella e preziosa.

10/11/2001

Adriano Mazzoletti, un'istituzione del giornalismo jazz italiano, parla di storia, di molti musicisti, dell'amico Cesàri e...non risparmia i critici.

10/10/2001

Oscar Toson, un pianista del jazz italiano: "...suonavamo nei locali, all'una finivamo e allora magari dopo un'insalata di pollo o di riso...due bicchieri di birra, o anche di vino, ci mettevamo in tre o quattro e suonavamo jazz!"

05/09/2001

Agosto 1962 - Jazzisti liberi. Il racconto di una storica jam session di Masciolini, Laudenzi, Graziani, Battistelli e Angeli.

28/06/2001

: Il mito di Umberto Cesàri. Brani audio e articoli.

22/06/2001

Intervista a Guido PISTOCCHI.

05/06/2001

Intervista a Lino Patruno.

17/04/2001

Intervista a Marcello Rosa.

15/03/2001

Intervista a Carlo Loffredo

07/03/2001

Intervista a Riccardo Laudenzi

09/02/2001

Jazz, una passione, una vita (Giampiero Boneschi)

27/01/2001

Jazz in Italy in the 40s (Giampiero Boneschi)

19/01/2001

Il jazz italiano da night dal dopo guerra al 1968 (Giovanni Masciolini)

16/12/2000

Jazz italiano: Sergio Battistelli, lettera ad un amico scomparso.

01/12/2000

Jazz Italiano: Aldo Masciolini, una vita per il jazz con sample audio.







Invia un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


Questa pagina è stata visitata 6.941 volte
Data pubblicazione: 02/09/2005

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti