Jazzitalia - Articoli: Intervista a Matteo Sabattini
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Intervista a Matteo Sabattini
marzo 2104
di Gianmichele Taormina

Poco conosciuto in patria ma acclamato interprete nella "grande mela", non solo come leader ma anche come session man "di lusso", dotato di inventiva e spontaneità nelle colorazioni compositive, strumentalmente tra i più preparati fiatisti della sua generazione Matteo Sabattini, bolognese, sassofonista contralto e soprano, ci racconta la sua permanenza decennale negli States, il suo non facile rapporto con l'Italia, l'incisione dei suoi splendidi lavori discografici. Con tanta umiltà, rispetto per il jazz e immensa energia ancora da spendere. Ancora da ascoltare...

Matteo, partiamo subito scoprendo le carte: cosa ti ha spinto a trasferirti per un lungo periodo a New York, e soprattutto perché?
New York è la capitale artistica nel mondo e senza dubbio il punto storicamente e attualmente più influente nello sviluppo della musica jazz contemporanea. Tutti i più importanti musicisti jazz o vivono a New York o in ogni caso orbitano nella città, in qualche modo per usufruire dell'opportunità di poter suonare con i migliori musicisti di oggi…Altra motivazione è stata la vittoria di una borsa di studio presso una delle migliori scuole di jazz del pianeta, la New Shool University, un istituto in cui si sono laureati fra gli altri, Mehldau, Glasper, Moreno, Bernstein, Strickland Brothers, ecc... Non ebbi nessun dubbio e decisi così di partire per avere maggiori possibilità di imparare e suonare con i migliori musicisti di quell'area.

Lì hai conosciuto il chitarrista Mike Moreno e una sezione ritmica completata da Matt Clohesy e Obed Calvaire. Parlami di loro e del rapporto che con questi hai instaurato...
Mike è in assoluto uno dei miei musicisti preferiti e senza dubbio la mia prima scelta fra i chitarristi. Amo il suo suono, il suo modo organico di accompagnatore, il suo senso innato della melodia… Amo inoltre i batteristi. Sono, a mio parere, l'elemento più importante in un gruppo perché sono quelli che possono cambiare in modo più drammatico l'atmosfera in qualsiasi momento. Non c'è niente di peggio che il batterista sbagliato per la musica che si deve suonare… In questo senso devo dire che Obed corrisponde esattamente a queste mie aspettative... lo scoprii ad un concerto nel Novembre 2004 al Fat Cat. Stava suonando con uno dei miei gruppi preferiti: il sestetto di Lage Lund (nel quale suonava anche Matt quella sera). Pensa, di quel concerto ne hanno anche fatto un bootleg che ancora oggi ascolto spesso... concerto straordinario. Era la prima volta che vedevo Obed, e mi innamorai istantaneamente del suo modo di suonare, della sua energia, della sua musicalità e del controllo del suono. Quella sera andai subito a parlare con lui, poi lo sentii in molti altri concerti ed in seguito iniziammo a suonare insieme in sessions. Con l'andare del tempo siamo diventati anche amici… Infine Matt Clohesy: lo conobbi in situazioni analoghe l'anno prima, mentre suonava nel gruppo di Lage. Anche se iniziammo a suonare insieme anni dopo, quando il bassista con cui suonavo stabilmente (Chris Tordini) non fu disponibile per alcuni concerti e un tour in Italia. Decisi così di chiedere a Matt con il quale avevo voluto sempre suonare. Da allora abbiamo registrato due cd insieme.

Avete, suppongo, anche condiviso un palco per eventi "live"?
Si, abbiamo fatto tanti concerti insieme anche se, essendo tutti musicisti di prima caratura, è veramente difficilissimo averli tutti disponibili nello stesso giorno… a meno che non si pianifichi moooolto in anticipo... cosa pero' difficilissima sia in Italia e in Europa, sia a New York. È comunque sempre fantastico avere l'opportunità di suonare dal vivo con musicisti straordinari e per lo più amici.

Dopodiché siete entrati in studio per l'incisione di "Dawning", tuo secondo lavoro discografico. Com'è avvenuto il tutto?
Generalmente cerco sempre di sviluppare la mia musica nel corso di un tour prima di effettuare una registrazione. Nonostante i musicisti con cui suono siano fantastici, ed abbiano una preparazione e un talento musicale raro, la differenza nel registrare un cd dopo un tour, invece che registrarlo con solo una o due prove come avviene spesso, è abissale. Soprattutto quando si vuole registrare un repertorio di composizioni originali con forme estese e ritmi e armonie più ricercati. Nonostante Mike, Obed, Matt e Aaron possano leggere a prima vista senza alcuna difficoltà anche le mie composizioni più complicate, il fatto di avere un tour a disposizione per interiorizzare la musica rende il tutto più naturale e il risultato finale molto più soddisfacente e coinvolgente.

Qual è il clima musicale che si respira nella Grande Mela? In cosa il jazz "nostrano" si differisce, a parte le sonorità, da quello statunitense?
Il clima è totalmente differente. La differenza principale è che in Italia la maggior parte dei musicisti non ha amore per la musica. Per quanto questa sembri una dichiarazione forte, a confronto con la realtà newyorkese è la pura verità. A New York suonavo sessions private a casa di musicisti quasi tutti i giorni. Quando vuoi suonare basta fare qualche telefonata e ci si ritrova per il puro piacere di suonare insieme, leggere nuova musica, incontrare nuovi musicisti... In Italia questo amore per il suonare assieme non c'è. È difficilissimo riuscire a trovare musicisti che abbiano voglia di suonare tanto per suonare. Se non c'è un concerto di mezzo, qui, non si suona... E questo è triste... Ovviamente ci sono delle eccezioni, ma purtroppo la situazione in generale è questa... Altra differenza sostanziale è che in Italia molti musicisti che sono relativamente famosi, hanno un atteggiamento da divi... In Italia ti guardano con sufficienza. Non faccio nomi ma sono sicuro che molte persone possono condividere i miei sentimenti e hanno probabilmente avuto spiacevoli incontri... A NYC invece, a parte poche eccezioni, tutti i musicisti sono genuini, umili e hanno comportamenti terra terra, ad esempio quando si parla con loro ai concerti. In più c'è anche la possibilità di suonare in session con autentiche superstar, sempre quando ovviamente hanno il tempo per farlo.

In seguito hai confermato la tua formazione con l'innesto del pianista Aaron Parks al posto di Kristjan Randalu. Come mai?
Molto semplice, Kristjan non era disponibile per il tour che avevo fissato, e per fortuna Aaron (uno dei musicisti che più prediligo) lo era. Ho quindi colto la palla al balzo... (ride).

"Metamorpho" è il terzo disco a tuo nome. Ritieni sia la continuazione ideale di "Dawning" o hai voluto rielaborare altre formule sonore prima di entrare in studio?
Difficile per me essere obiettivi sulla mia musica. Le mie composizioni sono tutte figlie di una parte di me, delle mie esperienze, delle mie sensazioni... faccio onestamente fatica a giudicarle con distacco. Posso solo dire di essere molto più contento del modo in cui ho suonato in "Metamorpho". Sento senza alcun dubbio di essere maturato come musicista.

Preziosa "special guest" di questo tuo ultimo cd è la presenza di Chris Potter. Parlaci di com'è avvenuto l'incontro e la session in studio.…
Beh, io e Chris siamo buoni amici, lui e' uno dei miei musicisti preferiti in assoluto. Quando ero a New York vedevo praticamente ogni suo concerto... il problema è che Chris è in tour quasi 300 giorni all'anno...Quindi ho avuto MOLTA fortuna... Infatti pochi giorni prima della registrazione, l'ho chiamato e gli ho chiesto se fosse a NY uno dei 2 giorni della registrazione. Mi confermò che era a NY e senza impegni avrebbe suonato uno di quei giorni. Aveva solo un unico problema da risolvere: fare da baby sitter a sua figlia. Allora mi disse: "guarda se mi trovi qualcuno che si prende cura di mia figlia mentre registriamo vengo". A quel punto ho iniziato a fare telefonate, e un grande amico e grande chitarrista, Kevin Wang, si è offerto di aiutarmi e di prendersi cura di Anna allo studio mentre Chris registrava...

Sono rimaste escluse composizioni non inserite nel disco? E se si, perché?
Io scrivo tantissimo, ho più di un centinaio di composizioni già terminate, quindi scrivo molto di più di quello che riesco a registrare. Per quanto riguarda i pezzi che registro sono quelli che ho scritto per un certo progetto o per i musicisti con i quali voglio registrare.

In pochi In Italia conoscono la tua splendida valenza artistica e il tuo spessore strumentale. Dicci in che modo si è sviluppato il tuo incontro col jazz... Chi sono stati i tuoi maestri sia nello strumento sia riguardo i riferimenti prettamente musicali e culturali?
Maestri...tanti...Mio padre senza dubbio, il quale super-appassionato di musica mi ha attaccato l'amore per la musica jazz e classica, e mi portava a comprare i dischi fin da quando avevo quattro anni...passavamo intere sere ad ascoltare nuovi dischi. Sono cresciuto sostanzialmente conoscendo solo musica jazz e classica. Musicalmente ci sono tantissimi compositori e musicisti a cui mi ispiro volontariamente o no (nel senso che avendoli ascoltati così tanto ogni tanto mi accorgo che una tal cosa è venuta fuori naturalmente perché ho ascoltato un certo musicista).

Qualche nome?
(ride): Bird, Sonny Stitt, Bill Evans, Lennie Tristano, Sonny Rollins, Pat Martino, Tony Williams, Wayne Shorter, Oscar Peterson, Stan Getz, Michael Brecker, Claus Ogerman, Miles, Clare Fischer, Sam Most, Chris Potter, Brad Mehldau, Chris Cheek, Brian Blade, Kurt Rosenwinkel, Chris Dave, Robert Glasper, Stefon Harris, Kendrick Scott, Chick Corea, Vincent Herring, Dick Oatts, Rory Stuart, e tantissimi musicisti con i quali ho avuto il piacere e la fortuna di suonare (Mike, Obed, Aaron, Frank Locrasto, Tommy Crane, Lage Lund, Will Vinson) e tanti altri... i grandi compositori russi, Bach, Mozart, Wagner, R. Strauss, Barber, Part, J. Williams... troppi!

Qual è il tuo rapporto con gli standard?
Gli standard sono parte integrante della storia del jazz, proprio per questo motivo essendoci decine / centinaia di fantastiche versioni di standard, mi interessano solo quei musicisti che suonano gli standard in maniera personale con la propria voce, invece di quelli che ripetono o peggio ancora copiano le stesse frasi...

In che modo invece intendi la parola "rinnovamento" nel tuo jazz?
Mah, rinnovamento è una cosa che spetta agli altri dire della mia musica... Posso solo dire di continuare a cercare "la mia voce" personale, di cercare di essere aperto il più possibile. La musica che mi piace più ascoltare e suonare (il contemporary jazz che viene da NY) e che trovo più interessante e' quella che prende ispirazione da tante cose diverse. Il jazz classico, la musica classica, la world music con i suoi ritmi inusuali, il gospel, R&B, pop, funk...

Tre o più dischi preferiti.
Charlie Parker - "Bird with Strings"; Bill Evans - "Alone"; Miles Davis - "Nefertiti": Brad Mehldau - "The Art Of The Trio Vol. 4"; Joshua Redman - "Elastic"

Un evento personale che ti ha cambiato per la vita.
Vivere a New York per dieci anni.

Cosa sogni la notte? Un tema ricorrente?
Non ricordo quasi mai i miei sogni purtroppo.

Un obbiettivo ancora da raggiungere...
Ce ne sono troppi…Suonare con Brad Mehldau e Brian Blade forse li batte tutti!






Articoli correlati:
27/08/2017

Rising Grace (Wolfgang Muthspiel)- Alceste Ayroldi

27/08/2017

The Unquiet Sky (Albert Vila)- Alceste Ayroldi

08/06/2017

Find The Way (Aaron Parks - Ben Street - Billy Hart)- Alceste Ayroldi

26/11/2016

Brad Mehldau & Joshua Redman: "Apertura di grande richiamo per il Roma Jazz Festival, arrivato al record della quarantesima edizione con i due protagnisti che hanno offerto creatività allo stato puro..." (Roberto Biasco)

03/01/2016

Aglow: The Lyngor Project Volume 1 (Bjorn Solli)- Enzo Fugaldi

29/11/2015

James Farm Quartet (J. Redman, A. Parks, M. Penman, E. Harland): "...un collettivo che esprime una forma di hard bop contemporaneo, che alla raffinatezza formale unisce interessanti considerazioni di stampo sociologico." (Niccolò Lucarelli)

09/08/2015

Vittoria Jazz Festival "Music & Cerasuolo Wine" 2015: "Edizione numero otto per il festival in provincia di Ragusa con grandi nomi internazionali e talenti italiani per un programma denso e calibrato..." (Vincenzo Fugaldi)

10/05/2015

Brad Mehldau Trio: "...inaspettata economia di mezzi espressivi da parte del pianista, che, a dispetto di capacità tecniche superlative, non va mai oltre i limiti, preferendo toni smorzati ed atmosfere allusive." (Roberto Biasco)

26/04/2015

Imaginary Cities (Chris Potter)- Enzo Fugaldi

08/11/2014

Intervista con Elisabetta Serio: "Devo esprimermi in un modo che arrivi al pubblico in una maniera diversa di come farebbero tanti..." (Laura Scoteroni)

05/10/2014

Il giro d'Italia a bordo di un disco. Gabriele Rampino, Dodicilune: "La vera difficoltà è la bastardizzazione del senso del jazz, sia nella sua deriva verso la mediocrità, sia nella creazione di cartelloni di festival e rassegne, sempre meno progettuali e troppo ruffiani, con troppi nomi che nulla c'entrano col jazz..." (Alceste Ayroldi)

22/06/2014

Pat Metheny Unity Group: "...un modo nuovo per Pat Metheny di forzare qualunque confine esistente nell'universo musicale e creare, insieme allo Unity Group, qualcosa di inedito e che toglie il fiato e obbliga i sensi ad abbandonarsi al piacere." (Nina Molica Franco)

08/06/2014

Lua Ya (Yeahwon Shin, Aaron Park, Rob Curto)- Alceste Ayroldi

01/12/2013

Intervista con Peter Bernstein: "...se sei con le persone giuste, non m'importa se si sta suonando un blues, è importante solo che stai suonando, sei dentro la musica che si sta costruendo: è così che avverto che mi sto evolvendo." (Marco Losavio)

11/11/2012

Gezmataz Festival 2012: L'alto tasso elettrico degli Interstatic e dei Planet Microjam contrapposto alla sublime dinamica del Brad Mehldau trio e allo spettacolo musicale di John Scofield con la sua Hollowbody Band. (G. Montano, A. Gaggero)

16/09/2012

Brad Mehldau Trio: "...un concerto jazz tra i più interessanti dell'estate italiana." (Giovanni Greto)

08/01/2012

Al Bologna Jazz Festival, la ritmica del Pat Metheny Trio si racconta. Bill Stewart: una persona istintiva, sempre alla ricerca di cose nuove. Larry Grenadier: come apprezzare la vita e farsi apprezzare dal pubblico. (Eugenio Sibona)

16/07/2011

XV Edizione del New Conversations Vicenza Jazz: Uri Caine Ensemble rivisita Mahler, Hiromi Uehara omaggia Gershwin e la James Farm di Joshua Redman & C. trasmette groove ed energia (Gabriele Prevato)

26/06/2011

Live At Birdland (Konitz, Mehldau, Haden, Motian)- Giammichele Taormina

17/06/2011

Dawning (Matteo Sabattini (MSNYQ)) - Dario Gentili

26/09/2010

The Bright Mississipi (Allen Toussaint)- Roberto Biasco

07/08/2010

Brad Mehldau, Bill Frisell, Joe Henry in Song Conversation: Festival Schlossfestspiele di Ludwigsburger: "Giusto con qualche indicazione di massima, data la coscienza della straordinaria duttilità dei primattori che si erano già sfiorati vicendevolmente in carriera, il magnifico triumvirato si è trovato appena il giorno prima per riordinare le idee in un soundcheck lungo e appassionante. Sebbene le aspettative createsi fossero ben alte, il risultato finale è stato assolutamente clamoroso lungo la triplice serie di duetti che ne ha animato la serie." (Vittorio Pio)

01/08/2010

Brad Mehldau e Joshua Redman all'Auditorium di Roma: "Ci sono concerti che, pur avendo per protagonisti professionisti affermati e rodati, fanno storia a sè: è il caso del concerto di Brad Mehldau e Joshua Redman che all'Auditorium di Roma hanno dato vita a una performance eccezionale e unica..." (Dario Gentili)

03/05/2010

Lost In A Dream (Paul Motian Trio)- Gianmichele Taormina

13/12/2009

Il 14 novembre 2009 Brad Mehldau regala col suo trio - Larry Grenadier al contrabbasso e Jeff Ballard alla batteria - un concerto unico al numeroso pubblico romano dell'Auditorium Parco della Musica. (Laura Mancini)

26/07/2009

Jazz di tutte le misure, dal trio di Mehldau alla Brussels Jazz Orchestra, dagli storici Randy Weston e McCoy Tyner ai giovani Aka Moon, Yaron Herman e Christian Scott, dal tributo a Nina Simone fino alla miscela jazz-classica di Nathalie Loriers con la tromba di Bert Joris e gli archi dello String Quartet, e ancora George Benson e Richard Galliano: il belga Gent Jazz Festival convince dalla prima all'ultima nota, confermandosi una realt� attenta alla musica jazz propriamente intesa. (Antonio Terzo)

01/02/2009

Malene (Malene Mortensen)

16/09/2008

Herbie Hancock ad Aosta: "Hancock è un artista che ha sempre affrontato le nuove esperienze musicali con entusiasmo, con gioia e freschezza quasi infantili, caratterizzate da quel suo sorriso realmente divertito mentre suona, quel sorriso di quando aveva poco più di 30 anni, come lo si vedeva anche nel celeberrimo film di Tavernier, Round Midnight. Lo stesso identico sorriso che ha ancora oggi, a 68 anni..." (Rossella Del Grande)

23/02/2008

Mirror (Miles Okazaki)

02/11/2007

Il Dave Holland Quintet ad Etnafest 2007: "Nella musica del quintetto si mescolano, fino a trovare una sintesi densa di pregnante classicità, buona parte delle influenze che hanno interessato Holland come comprimario o protagonista nel corso della sua lunga carriera..." (Enzo Fugaldi)

14/10/2007

Pescara Jazz 2007: "Giunto alla 35^ edizione, e in ottima salute, il Festival pescarese ha proposto cinque eccellenti formazioni, con i loro accattivanti progetti, e due gustosi fuori programma: il concerto della splendida Nathalie Cole (quasi un antipasto al luculliano pranzo che Pescara Jazz ha offerto al suo pubblico), e la bella iniziativa del Jazz in Città (una passerella dei migliori gruppi dell'area metropolitana pescarese)." (Dino Plasmati)

26/08/2007

Multiculturita Summer Jazz 2007, i concerti di Balducci Ensamble, Funk Off, Rava Quintet, Gino Paoli e il quartetto di Pat Metheny e Brad Mehldau, l'intervista a Pat Metheny: "Capurso capitale pugliese del jazz nell'estate 2007. Non si tratta di un messaggio promozionale volto a promuovere un evento, ma un giusto riconoscimento per chi ha consentito a questo paese, sito nell'hinterland barese, di divenire in così pochi anni uno dei punti di riferimento regionali dal punto di vista musicale..." (Alberto Francavilla - Marco Losavio)

12/04/2007

"Corpi Liberi in Concerto, teatro e danza su ritmi jazz". In un'anteprima tenutasi per la stampa, un progetto in cui la musica di Bollani, Jarrett, Marcotulli, Mehldau e Petrucciani anima una "inusuale piece di teatro e danza". (Alceste Ayroldi)

09/04/2007

Padova Porsche Jazz festival: un Dave Holland Quintet che non decolla, una eccellente ma poco seguita serata con Claudio Fasoli e la Civica Big Band di Milano e un intraprendente Mino Cinelu polistrumentista in un bel concerto in solo che però non cattura l'attezione del pubblico. (Giovanni Greto)

18/09/2006

Brad Mehldau, Wayne Shorter, Chick Corea, Ron Carter: ad Umbria Jazz 2006 quattro concerti dove il jazz si è espresso ad altissimi livelli...(Alberto Francavilla)

02/09/2006

Chris Potter al Blue Note: "La mia esperienza con Dave Holland è stata molto significativa. Ora ho molta libertà con la mia band. Pur essendoci parecchi aspetti in comune con la musica di Holland, la mia musica di adesso è differente, per via del sound elettrico, per il tipo di struttura." (Rossella del Grande)

20/07/2005

Brad Mehldau a Umbria Jazz 2005: "Ormai non nuovo alle soirées perugine, Brad Mehldau riesce comunque ad incantare il pubblico dell'Umbria Jazz, in qualunque combinazione si presenti, in gruppo o da solo..." (Antonio Terzo)

02/07/2005

Charlap, D'Andrea, Mehldau, Rea, Corea...Il piano jazz in un nuovo spazio di fotografia a cura di Giorgio Alto

15/04/2005

Umbria Jazz Winter: "...è il pianoforte a dominare la manifestazione, come può testimoniare anche l'evento jazzistico più significativo del Festival: i Duets di solo piano del 2 gennaio al teatro Mancinelli, con protagonisti Brad Mehldau e Danilo Rea prima e Martial Solal e Stefano Bollani poi..." (Dario Gentili)

30/07/2004

The Art of trio Vol. 3 (Songs) (Brad Mehldau)





Video:
Kurt Rosenwinkel@Vrije Geluiden Whispers of Love
Wonderful to see ,in this almost documentary footage, how Kurt can work with a, the day before written song (on piano) and play such with these friend...
inserito il 29/09/2009  da Geepereet - visualizzazioni: 2773
Chris Potter trying a Borgani Lovano Model tenor saxophone
Chris was really nice to try out the different Borgani tenor saxophone models for us. He himself plays a beautiful Selmer Super Balanced Action, howev...
inserito il 19/05/2009  da amsterdamwinds - visualizzazioni: 2209
chris potter underground funk 1
live new morning paris 2008...
inserito il 30/11/2008  da bilbojazz - visualizzazioni: 1862
Barron/Mehldau - Billie's Bounce
Kenny Barron - left side Brad Mehldau - right side Piano Summit - Umbria 1999...
inserito il 27/06/2008  da dilberg1 - visualizzazioni: 3316
Dave Holland quintet - Chris Potter Solo
au parc floral de Vincennes, Paris, le 14 juillet 2007...
inserito il 27/09/2007  da cab88888 - visualizzazioni: 2547
Chris Potter Live with Dave Holland Quintet "Vicissitudes"
*sorry, but this is the only clip from the show I have*, , * this is from the MIDDLE of Chris' solo, leading the ignorant listener to believe that he ...
inserito il 04/08/2006  da thecosmicrain - visualizzazioni: 2118
Exit Music (for a film) - Radiohead cover
I hope Brad Mehldau doesn't mind, but I found this on his site and thought it was BRILLIANT, , http://www.bradmehldau.com/...
inserito il 11/05/2006  da truthgone - visualizzazioni: 2067


Inserisci un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


Questa pagina è stata visitata 948 volte
Data pubblicazione: 06/04/2014

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti