Jazzitalia - Articoli: Intervista con Michela Lombardi
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Intervista con Michela Lombardi
aprile 2019
di Marco Losavio

Michela Lombardi - Shape Of My HeartMichela Lombardi con Piero Frassi, Gabriele Evangelista, Bernardo GuerraMichela LombardiMichela LombardiMichela LombardiMichela Lombardi
click sulle foto per ingrandire

In occasione della pubblicazione del nuovo album dedicato alla musica di Sting, "Shape of my hear", abbiamo incontrato la cantante Michela Lombardi.

Cosa vi ha attratto della musica del musicista britannico tanto da dedicargli un lavoro discografico?
Nella sua musica c'è già molto feeling jazzistico, e da tempo avevamo notato che nel corso degli anni erano sempre più i brani di Sting che io e Piero Frassi ci eravamo trovati a suonare insieme. C'è in particolare un brano dei Police al quale sono molto affezionata, "Wrapped Around Your Finger", che con Piero canto dal vivo da più di vent'anni e che a me ha sempre fatto pensare a "Sunshower" di Kenny Barron.

Come avete scelto i brani dal mastodontico songbook di Sting?
Oltre alla già citata "Wrapped Around Your Finger" avevo già in repertorio altre sue canzoni, da "Fragile" (che qui canto sia in inglese sia in portoghese) a "Consider Me Gone" a "Every Little Thing She Does Is Magic", nonché la legrandiana "The Windmills Of Your Mind", che anche Sting ha interpretato. Quindi è stato quasi naturale pensare a raccogliere in un disco questi pezzi già rodati in anni di concerti, aggiungendone poi di nuovi per l'occasione, e orientandoci su quelli più jazzy ("Dienda", di Kenny Kirkland) e bluesy ("It's Probably Me", "Sister Moon").



L'album presenta rimarchevole varietà stilistica, basata comunque sul sound del trio con il quale l'intesa è sempre molto alta: che tipo di lavoro congiunto vi è stato nella definizione degli arrangiamenti?

Io ho ripensato solo "Englishman in New York", per il resto tutti gli arrangiamenti sono di Piero Frassi, che ha avuto fin da subito le idee ben chiare sul sound che voleva raggiungere e su come mettere ciascuno di noi nelle condizioni di dare il meglio, in maniera molto naturale.

Da quanto tempo lavorate insieme e come avete raggiunto questo affiatamento?
Con Gabriele e Bernardo abbiamo iniziato a suonare insieme circa una decina d'anni fa, ma è negli ultimi tre anni che Piero Frassi ha creato con loro il Circles trio, suonando più assiduamente con questa formazione e iniziando a registrare dischi con diversi ospiti, tra i quali Nico Gori e Karima. Quanto a me e Piero, invece, è dal 1997 che facciamo concerti insieme: ormai c'è un'intesa quasi telepatica! Credo si senta molto nella nostra versione in duo di "Fields Of Gold".

Avete eventualmente pensato ad un possibile ampliamento dell'ensemble per specifiche occasioni?
Sì, magari proprio con amici e colleghi che già abbiamo ospitato in dischi precedenti.

Non sei nuova a questi "stravolgimenti" dato che non meno di un anno fa hai pubblicato l'album "Live To Tell" dedicato alla musica di Madonna, sempre con un trio e qualche ospite. Quali sono le differenze di approccio con questo nuovo lavoro?
Quel disco è frutto di un procedimento diverso: insieme al trio di Riccardo Fassi, con Luca Pirozzi al basso e Alessandro Marzi alla batteria, c'è stato un lungo lavoro a quattro per forgiare – nel corso di alcuni anni di prove e concerti – degli arrangiamenti a volte arditi (come quelli di "Frozen" e "Into The Groove") di un materiale di partenza assai meno jazzistico rispetto a quello di Sting, e quindi più «challenging». L'apporto solistico di due icone della contaminazione nel jazz contemporaneo, ovvero Don Byron e Steven Bernstein, ha contribuito a sottolineare ciò che Riccardo mi ha sempre detto fin dai tempi in cui era il mio maestro al conservatorio di Firenze: e cioè che il jazz, più che un repertorio, è un «dispositivo» per rileggere materiale di ogni provenienza. Anche se proviene dalla Regina del Pop.

Hai anche una oramai consolidata esperienza nell'insegnamento. A parte la tecnica, quali sono i principali aspetti che cerchi di trasmettere ai tuoi studenti?
Sono convinta che la maggior parte del lavoro da compiere riguardi l'ascolto, e dunque cerco di nutrire la loro curiosità e voglia di scoprire molteplici poetiche, voci, visioni. E sono anche molto attenta ai progressi che si registrano nella didattica dell'improvvisazione vocale, sempre più importanti grazie alle pubblicazioni di musicisti come Stoloff, Niemack, Weir, Clayton, Crook, Werner, Duvivier, Berkman, Snidero, Yasinitsky, Meader e molti altri. Per diffondere questi metodi ho creato "A Toolbox For Vocal Jazz", una rubrica in cui raccolgo dei video (realizzati con l'aiuto di Ugo Bongianni) che pubblico a cadenza bisettimanale sui miei profili Facebook, Instagram e Youtube. In questi video, oltre a presentare un libro ogni volta diverso, canto un étude tratto da quel metodo con le mie vocalese lyrics al posto dello scat, usando quindi lo storytelling per facilitare la memorizzazione dei pattern. E poi canto molto insieme a loro.

Qual è la tua attuale visione del jazz in Italia o, per meglio dire, del "sistema jazzistico" in Italia?
Vedo finalmente crearsi una vera e propria comunità, e questo mi piace. Com'è che dice quel proverbio? «Se vuoi andare veloce, vai da solo. Se vuoi andare lontano, vai insieme».

Se dovessi preparare una compilation di brani tratti dai tuoi album a cui sei maggiormente legata, quali sceglieresti?
Del mio primo disco jazz, "Small Day Tomorrow", terrei "Comes Love", "Everything Must Change", "The Meaning Of The Blues", "Some other time" e "You Are There". Le più malinconiche, insomma! Di "So April Hearted" amo quasi tutto perché ci sono molti inediti, però in particolare sono affezionata a "Don't Let Me Be Lonely Tonight" di James Taylor. Da "Swingaholic" riascolto spesso "Love Came On Stealthy Fingers", con un solo del caro Marco Tamburini, e "Never Let Me Go". Dai dischi con Sellani ricordo volentieri "Polka Dots And Moonbeams" e "Violets For Your Furs", mentre da "Starry Eyed Again" direi "I Fall In Love Too Easily", "All The Way" e i due vocalese dedicati a Chet, ovvero "Look For The Silver Lining" e "It Could Happen To You". Dal disco di Riccardo Arrighini sulle musiche di Morricone terrei tutti e tre i brani che ho cantato, così come terrei "Una Notte In Italia" da "Pop Music" di Andrea Fascetti. Conserverei ogni duetto con Luciano Federighi (perché c'è Luciano!) e ogni brano dai "Phil Woods Songbook" (perché c'è Phil!), nonché ciascuno dei brani in cui ho cantato sui due dischi del Nico Gori Swing 10tet "Swingin' Hips" e "The Tentet Is Coming To Town". Infine, degli ultimi tre dischi – "Solitary Moon", "Live To Tell" e "Shape Of My Heart" – metterei ogni traccia in questa ipotetica compilation. Per poi andare avanti, e concentrarmi di più sulla composizione.

Ci sono grandi nomi del passato a cui sei ancora oggi legata per aspetti stilistici o affettivi?
Se penso a qualche figura di riferimento mi accorgo che la ragione per cui riveste per me quel ruolo è soprattutto affettiva, perché ne intuisco la visione, le intenzioni e l'esempio, e dunque la porto nel cuore al di là della sua vocalità più o meno distante dalla mia: e quindi potrei annoverare tra queste figure nomi che vanno da Billie Holiday a Norma Winstone, da Irene Kral a Jeanne Lee a Joni Mitchell. Certo, per il fraseggio jazz l'esempio più illuminante è per me rappresentato da Carmen Mcrae e Anita O'Day (e colei che ritengo per certi versi la sua erede, ovvero Tierney Sutton). Stilisticamente, poi, nei miei ultimi due dischi riscontro un riaffiorare sempre maggiore del mio passato legato alla vocalità bluesy e soulful, ma nel disco che uscirà l'anno prossimo con Ceccarelli e Falomi c'è molta limpidezza e brani che vanno dallo stile chanson francese al Brasile, e tuttavia alla fine ogni etichetta salta quando canto nella Fonterossa Open Orchestra diretta da Silvia Bolognesi, in cui facciamo anche brani di William Parker e Frank Zappa: lì con la voce spazio dagli shout gospel a una vocalità inquadrata in sezioni corali scritte fino a guizzi di vocalità estreme. Alla fine, forse, la mia principale guida è l'atteggiamento filosofico nei confronti della vita e del tempo: la mia tesi di laurea in filosofia riguardava un argomento oggi molto in voga come la razionalità indiretta e imperfetta e il multiple self, e anche nelle mie scelte musicali c'è un continuo farmi domande e cercare di conoscere e capire mondi e visioni differenti.

Avete in programma una promozione attraverso dei live?
In estate sarò molto impegnata con una bella novità che riguarda il Nico Gori Swing 10tet, ma in autunno riprenderemo i concerti di "Shape Of My Heart". Del quale sto facendo uscire, pian piano, dei nuovi video realizzati in studio mentre registravamo, proprio l'autunno scorso.

Sai già con quale prossimo "stravolgimento" sorprenderai il tuo pubblico?
Non sarà un vero e proprio stravolgimento, perché anche in questo caso – come nel disco dedicato a Johnny Mandel, ovvero "Solitary Moon" – si tratta di veri e propri new standard. Deve infatti ancora uscire per la Philology una raccolta di brani di Michel Legrand, registrata con Piero Frassi, Gabriele Evangelista e Andrea Melani un po' di tempo fa: è l'ultima produzione voluta da Paolo Piangiarelli, una persona alla quale devo moltissimo. E poi nel 2020 uscirà un disco di brani originali composti da Giovanni Ceccarelli (con alcuni testi miei, e non solo), registrato in trio con lui e con Luca Falomi alla chitarra, con diversi ospiti: un lavoro che mi rende immensamente felice.







Articoli correlati:
03/07/2019

Riflettori accesi sul Montreux Jazz Festival: un programma da capogiro che coinvolge anche le altre due sedi, un programma vario, variopinto che tiene a mente solo una cosa, la buona musica.

23/06/2019

LEZIONI (Trascrizioni): Trascrizione del solo di 'Shiny Stockings' eseguito da Nico Gori (Andrea Lucchesi)

16/06/2019

LEZIONI (Trascrizioni): Trascrizione del solo di 'The Second' eseguito da Nico Gori (Paolo Mannelli)

03/12/2017

Roma Jazz Festival 2017 - "Jazz is my Religion" : La Lydian Sound Orchestra con special guest Jeremy Pelt in "To Be Or Not To Bop" per un omaggio Dizzy Gillespie e il pianisti Kenny Barron, Dado Moroni, Cyrus Chestnut e Danny Grissett in "Four By Monk By Four" dedicato a Thelonious Monk. 8Roberto Biasco)

19/11/2017

E' morto Ben Riley: Il batterista americano era noto, tra l'altro, per aver fatto suonato quattro anni nelle formazioni di Thelonious Monk

17/11/2017

Roma Jazz Festival: I prossimi concerti della XLI Edizione del Roma Jazz Festival che, con il sottotitolo "Jazz is my religion" omaggia i grandi della storia del Jazz.

23/07/2017

Umbria Jazz 2017: "...una inversione di tendenza rispetto alle ultime edizioni: meno rock e pop e più jazz e, con Shorter, abbiamo assistito ad uno dei concerti più belli della storia del festival e probabilmente una delle punte più alte della musica afro-americana (jazz e accademica) contemporanea." (Aldo Gianolio)

05/02/2017

Quegli anomali discepoli di Thelonious : "Monk non solo era consapevole che quello stava facendo era giusto ma anche di altissimo livello artistico..." (Claudio Angeleri)

02/06/2015

Black Orpheus (Nilson Matta's)- Alessandra Monaco

08/03/2015

Intervista con Rosario Di Rosa: "...consiglio di studiare a fondo la tradizione e il linguaggio di questa musica senza dimenticare mai di lasciare una porta aperta alla creatività e alla curiosità." (Gianmichele Taormina)

29/11/2014

Dave Holland e Kenny Barron: "Straordinaria la perfetta coesione tra i due, assolutamente equilibrati nel procedere insieme, ma anche nel lasciarsi i giusti spazi per esprimersi al meglio..." (Nina Molica Franco)

01/12/2013

Intervista con Peter Bernstein: "...se sei con le persone giuste, non m'importa se si sta suonando un blues, è importante solo che stai suonando, sei dentro la musica che si sta costruendo: è così che avverto che mi sto evolvendo." (Marco Losavio)

25/04/2013

Scenografie (Jesper Bodilsen)- Alceste Ayroldi

26/08/2012

Umbria Jazz 2012 #2: Pat Metheny, Sonny Rollins, Wayne Shorter, Ambrose Akinmusire, Lydian Sound Orchestra, Ryan Truesdell Eastman Jazz Orchestra, Kenny Barron, Mulgrew Miller, Eric Reed & Benny Green, Sting...(Daniela Floris)

22/07/2012

Franco d'Andrea Sextet in "Monk e la Macchina del Tempo" e il trio di piano composto da Kenny Barron, Mulgrew Miller e Dado Moroni in "3 Monkish Pianos. (Gabriele Prevato)

01/05/2012

Shadows (Nico Gori Millenovecento Feat. Tom Harrell)- Enzo Fugaldi

18/09/2011

Veneto Jazz, Sting con l'Orchestra Filarmonica della Fenice nel suo "Symphonicity Tour": all'interno dell'incantevole Piazza San Marco: diecimila persone che hanno riempito ogni interstizio dell'area delimitata e quelle poche fiancate laterali. Che Venezia sia bella, elegante culla culturale e crocevia di genti, è un fatto ben noto, così come è nota la particolare bellezza di tutta la cinta cittadina e del Veneto intero, nel quale si muove un sostrato ben radicato nell'arte, in tutte le sue forme. Per Veneto Jazz, un numero di eventi straordinario, parecchi gratuiti grazie anche agli sponsor istituzionali. Jazz & Lunch, Jazz Aperitif, Jazz & Dinner e pomeriggi letterari: insomma jazz ad ogni ora del giorno e della notte, e per tutti i gusti.

10/09/2011

IX Edizione del Multiculturita Summer Jazz Festival: Apertura con Angiuli-Di Turi-Angiuli, Attolini J.E.P. Quartet e la Municipale Balcanica, poi Stefano Di Battista "Woman's Land", Pino Mazzarano - Gianni Lenoci, la giovane Orchestra del Saint Louis e Stefano Bollani con i suoi Visionari: "...un festival dove la qualità della musica, unita ad una oramai altissima e collaudata cura organizzativa, lo portano ad essere una delle rassegne maggiormente rappresentative della regione Puglia." (Marco Losavio)

27/11/2010

Kenny Barron, uno dei tanti fenomeni della grande rassegna di Todd Barkan, ha fatto il pieno al Dizzy's Club di New York: musica intensa, trascinante ed eccitante. Per l'After Hours, si esibisce il pianista italiano Eugenio Macchia con il suo trio: una nuova possibilità per il Songbook Americano: i brani sono stati eseguiti con una intensità mozzafiato, in perfetto tono e senza orpelli. (Roberta E. Zlokower)

27/08/2010

The New Continent (Dizzy Gillespie) - Alceste Ayroldi

06/06/2010

Non Sono io (Musiche di Luigi Tenco) (Tiziana Ghiglioni)- Gianni B. Montano

06/06/2010

Falsa Rosa (Sandy Müller) - Pietro Scaramuzzo

30/07/2008

Bollani "Carioca" e Caetano Veloso: maravilhosa poesia. "Corpo e cuore nel concerto che ha incantato il pubblico dell'Arena Santa Giuliana di Perugia. Stefano Bollani e i componenti del progetto "Carioca" hanno letteralmente elettrizzato i numerosi spettatori mentre Caetano Veloso ha affascinato mettendo insieme poesia e musica." (Enrico Bianchi)

22/05/2008

Starry Eyed Again (Chet On Our Minds) (Michela Lombardi – Riccardo Arrighini Trio)

16/02/2008

LEZIONI (Trascrizioni): "All of me", solo di Kenny Barron (Roberto Flora)

10/02/2008

Intervista a Sabina Manetti: "...si può dare valore alla propria arte e alla propria figura di artista in tanti modi: facendo ricerca, seguendo seminari, corsi...ma anche leggendo poesie, innamorandosi, viaggiando...o facendo un figlio. Dare valore a noi stessi è dare valore ad ogni cosa che facciamo!" (Michela Lombardi)

24/12/2007

Intervista a Nick The Nightfly: ""...bisognerebbe educare la gente a dare più valore alla musica, capire il valore artistico, comprendere che non è un prodotto che puoi prendere gratis...per creare musica ci vuole talento, capacità, ricerca, ci sono molti sogni dietro le canzoni e non è giusto che diventino un qualcosa da poter avere gratis, che la gente si scambia, senza alcun valore..." (M. Losavio, A. Ayroldi)

01/07/2007

Encontro (on Jobim) (Phil Woods - Irio De Paula)

10/05/2007

Stagione invernale del Brass di Palermo: "Molto ricco, e davvero molto aperto è stato quest'anno il cartellone del Brass Group palermitano...altrettanto ricca è stata la rassegna intramuraria del Blue Brass presso il ridotto dello Spasimo..." (Antonio Terzo)

08/04/2007

LEZIONI (Trascrizioni): "In Your Own Sweet Way" solo di Phil Woods (Paolo Mannelli)

14/01/2007

Possibilities (Herbie Hancock)

07/01/2007

Kenny Barron Trio al Ueffilo Jazz Club in un doppio set di grande qualità: "...le dita di Barron sembrano danzare, anzi quasi volare con leggiadria sulla tastiera, nonostante il musicista mantenga una compostezza ed una postura "regali" e non si scomponga affatto..." (Alberto Francavilla)

05/01/2007

Every breath we take (Jazz Fantasy)

27/12/2006

Eventi Jazz 2006 a Busto Arsizio con Ignacio Berroa, Dado Moroni, Kenny Barron, Mike Stern. Sei serate di jazz nei vari teatri cittadini sempre gremiti di pubblico appassionato e intento ad ascoltare le varie proposte stilistiche previste dalla programmazione.

08/10/2006

Stefano Bollani a Berchidda in un concerto per Quintetto e Caterina: "Bollani pone la qualità narrativa dei suoi brani al servizio del racconto, ma non sfugge mai alla tentazione di improvvisare qualcosa di astruso ... " (Roberto Botta)

11/08/2006

I visionari (Stefano Bollani (Quintet))

14/07/2006

Intervista a Kenny Barron e Dado Moroni: "Mi piacerebbe fare un disco con un'orchestra d'archi. E comunque fare qualcosa che mi piace, senza dovermi preoccupare se venderà o no." (Rossella Del Grande)

06/07/2005

I Nuvoli - Jazz Manouche (Jacopo Martini)

07/06/2005

Groovin' High (Nico Gori)

30/04/2005

Phil Woods in Bird with Strings...and more: "...Se c'è un contraltista accreditato come continuatore del verbo che fu di Charlie Parker, quegli è certamente Phil Woods. Basta ascoltarlo..." (Antonio Terzo)

18/10/2004

The Nearness of You (Bennie Wallace)

16/10/2004

Small Day Tomorrow (Michela Lombardi)





Video:
Abbey Lincoln And Phil Woods at Night Music Show 1989 - Hi Fi
...
inserito il 28/03/2009  da sigmundgroid - visualizzazioni: 2654
Stan Getz - Seven steps To Heaven
Stan Getz-Tenor Kenny Barron-Piano Alex Blake-Bass Terri Lyne Carrington-Drums...
inserito il 28/12/2008  da Cerpa05 - visualizzazioni: 3869
Stan Getz - Soul eyes
...
inserito il 24/07/2008  da darominu - visualizzazioni: 3123
Barron/Mehldau - Billie's Bounce
Kenny Barron - left side Brad Mehldau - right side Piano Summit - Umbria 1999...
inserito il 27/06/2008  da dilberg1 - visualizzazioni: 4038
People Time - Stan Getz And Kenny Barron
from People Time...
inserito il 22/05/2008  da jazzmatpewka - visualizzazioni: 3533
Kenny Barron Trio - Jazz Baltica 2007
Kenny Barron Trio New York http://jazzdvd.blogspot.com...
inserito il 11/03/2008  da musicfriendsjazz - visualizzazioni: 2858
Kenny Kirkland Trio - 02 - Steepian Faith
Kenny Kirkland Trio - 02 - Steepian Faith...
inserito il 05/11/2007  da chamesrichalds - visualizzazioni: 2162
Tony williams feat. Freddie Hubbard w/ Super star quintet
Jazz with the superstar quintet 1982, Ballad by hubbard, some great horn skills here man., , for more of tony you must check out!!!, , http://video.go...
inserito il 17/01/2007  da druman44 - visualizzazioni: 3166
Sting & Gil Evans Orchestra - Little Wing
Umbria Jazz Festival 87...
inserito il 07/01/2007  da doctone - visualizzazioni: 2331
Stan Getz - On Green Dolphin Street (1989)
...
inserito il 06/11/2006  da weirdcollector - visualizzazioni: 3478
Abbey Lincoln Phil Woods on Nightmusic
...
inserito il 28/10/2006  da bobby4000 - visualizzazioni: 2544
Legends of Jazz: David Sanborn & Phil Woods - Senor Blues
...
inserito il   da bobby4000 - visualizzazioni: 3178
Phil Woods Quartet with Strings
The phenomenal Phil Woods (alto) Ben Aronov (piano) Reginald Johnson (bass) Doug Sides (drums)with the Orchestre du Conservatoire National Regional de...
inserito il   da bobby4000 - visualizzazioni: 4690
Phil Woods and His European Rhythm Machine '' Flowers '' 1969
Phil Woods and His European Rhythm Machine '' Flowers '' 1969...
inserito il   da bobby4000 - visualizzazioni: 4732
Phil Woods Concert at Yamaha New York with Capitol Quartet
From Yamaha's free podcast- I own nothing....
inserito il   da bobby4000 - visualizzazioni: 4107
Phil Woods-Goodbye Mr. Evans
1989 concert in Stuttgart;Composition by Phil Woods;Cedar Walton(piano)Rufus Reid(bass)Mickey Roker(drums)....
inserito il   da bobby4000 - visualizzazioni: 3684
Phil Woods Big Band - Blue Note , Paris 1960 '' Steeplechase '' + '' A night in Tunysia ''
Phil Woods Big Band - Blue Note , Paris 1960 '' Steeplechase '' + '' A night in Tunysia ''...
inserito il   da bobby4000 - visualizzazioni: 4952


Inserisci un commento


© 2000 - 2019 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


Questa pagina è stata visitata 419 volte
Data pubblicazione: 21/04/2019

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti