Jazzitalia - Articoli: Intervista a Minnie Minoprio
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Intervista a Minnie Minoprio
settembre 2008
di Alceste Ayroldi

"secondo i 'burratinai' il Jazz non è una cosa che interessa il grosso pubblico e siccome qui si va soltanto a solleticare il finto, così, più becero, non c'è spazio per niente che abbia un qualcosa, un significato un po' più culturale."

Questa è una frase di
Marcello Rosa, un grande del jazz italiano e non solo, con il quale tu hai collaborato. Alla luce della tua esperienza anche in ambiti diversi dal jazz, pensi che ciò sia vero? Chi sono i "burattinai"?

con Marcello Rosa e Henghel GualdiI "burattinai" a cui si riferisce Marcello Rosa sono certamente coloro che hanno in mano il potere della divulgazione musicale in Italia, i dirigenti della televisione, i manager dei concerti e talvolta i giornalisti facilmente condizionati da amicizie personali in mancanza di una vera e profonda conoscenza in materia jazzistica. Purtroppo le superficialità delle scelte di costoro sono frutto della carente educazione musicale in generale, ("non ci capisco niente"!) della sovrapposizione di una cultura europea diversa da quella che fu la base storica del jazz, ("non è roba nostra"!) e la convinzione diffusa che "il popolo" o "l'ascoltatore medio" non lo gradisce (" mandiamolo alle due di notte"!) Tutto questo condito con una buona dose di paura dei tabulati audience che, peraltro, non hanno mai avuto la possibilità di esprimersi sull'argomento.

Il tuo approccio al jazz avvenne nel 1966, anno in cui è nato un sodalizio con alcuni jazzisti romani. Come è nata la tua passione per il jazz e come è nato questo sodalizio?

La mia giovinezza è stata accompagnata da una colonna sonora di jazz che negli anni '50 era parte del quotidiano, le orchestre swing e la musica di Mulligan erano ascoltate ovunque ed era di moda andare nei jazz club della mia Londra ad ascoltare Chris Barber o Humphry Littleton. La musica di "skiffle" di Lonnie Donegan, e cantanti come Cleo Lane, Peggy Lee, Ella Fitzgerald e Nat King Cole toccarono i vertici della Hit Parade, quindi nel '59 incontrando Walter Chiari e Lelio Luttazzi per una audizione era naturale che cantassi "Lullaby of Birdland" e "The bull walked around" di Stan Kenton. In seguito arrivata in Italia, conobbi Carletto Loffredo che mi introdusse nel cerchio dei jazzisti romani e mi fece lavorare in televisione.

A proposito di Walter Chiari e di Lelio Luttazzi, un tuo particolare ricordo…

Walter Chiari mi scritturò per la sua rivista "Io e la Margherita" ed era una persona ed un artista straordinario. Generosissimo, trattava chiunque lo avvicinasse per stringergli la mano come se fosse l'amico più caro ed era adorato da milioni di ammiratori. Non conosceva il jazz ma amava lo swing di Sinatra e Mel Tormè. Una sera a Napoli, dopo il teatro, raccolse per strada una decina di senza tetto e li portò tutti a cena. E tragico pensare che sia morto da solo nella stanza di un motel. Lelio Luttazzi, suo amico e musicista di fiducia, era più riservato ma insistette per scrivermi due canzoni ed uno ‘scat' per la commedia che non erano stati previsti dal copione mostrando simpatia e stima nei miei confronti, anche se allora avevo solo diciassette anni.

Poi, negli anni '70 il tuo grande successo televisivo… In quel periodo ti allontanasti dal jazz?

Adottata dalla TV di stato che mise in luce soprattutto (per non dire soltanto) il mio aspetto fisico, ho ottenuto una incredibile popolarità talmente piena di impegni che non fu possibile conciliare l'immagine televisiva con un discorso musicale ben definito come quello del jazz, figuriamoci, ero famosa come gattina miagolante, la regina del sexy-sospiro…… nessuno mi avrebbe presa sul serio cantando "Willow weep for me"! o "Shipwreck blues"!

Hai utilizzato lo pseudonimo di Magnolia Lee. Perché?

Mi affascinava la musica nera, mia nonna era di Charleston, South Carolina e la immaginavo in una meravigliosa casa del sud circondata di magnolie e campi di cotone. A volte, alla radio, quando facevamo concertini mi immergevo in quell'atmosfera sognata per cantare la musica di Bessie Smith o di Ma Rainey, e diventavo anch'io una di loro…Magnolia Lee.

Sei ritenuta una delle più autentiche interpreti del jazz tradizionale ed a questo dedichi tutte le tue attenzioni artistiche. Dove finisce, per così dire, il jazz tradizionale? E cosa pensi del jazz "non tradizionale"? Come lo definiresti?

Per me il Jazz è la liberazione di sensazioni e sentimenti personali attraverso la creatività momentanea. Tutto ciò che è pre-ordinato, già scritto, eseguito ad unisono con altri non è jazz. Per questo motivo prediligo e ritengo esaltanti i musicisti tradizionali, che pur senza tecnica sopraffina offrono all'ascolto molto di più delle semplici note, qualcosa di fisico e prezioso, gli altri sono bravi esecutori ma si limitano a distinguersi per una interpretazione più o meno riuscita..

Cosa pensi dell'attuale scenario musicale (non solo jazzistico)?

La globalizzazione musicale permette di scoprire molte nuove strade per interagire con culture diverse con risultati interessanti.. artisti come Paul Simon e Peter Gabriel avevano incominciato anni fa a creare un ponte fra musica leggera e la cultura africana ed ora si arricchisce con quella dell'Est ed oltre. Lo scenario è promettente per tutti, basta scremare il meglio, oggi la parola "Jazz" ha perso il suo significato in questo grande mare, bisognerebbe inventare un nuovo nome e lasciare che quel termine riguardi soltanto la musica del ‘900.

Nel 2005 sei interprete nel film di Franco Nero "Forever Blues"…

Franco Nero mi ascoltava spesso al New Orleans Cafe, e mi invitò a partecipare alla realizzazione del suo film. Il ruolo della proprietaria di un jazz club mi piacque così tanto che una volta rientrata a Roma acquistai un locale e feci il mio "Cotton Club". Oramai il locale è al terzo anno di concerti e mi ha permesso di conoscere moltissimi artisti giovani con nuove idee, oltre ad avere un punto di riferimento per il jazz tradizionale.

E nel 2007 incidi un album con Jason Marsalis. Come nasce questo progetto?

Il cd con Jason Marsalis non è stato un ‘progetto' ma un ‘happening'! Jason era di passaggio a Roma con il mio amico batterista Andrea Roventini, mi chiesero ospitalità per un paio di notti e decidemmo di registrare un po' di musica di pomeriggio nella nostra sala d'incisione. Chiamammo Antonello Vannucchi e Renato Gattone e con una montagna di pizzette e panini andammo avanti senza un copione per tutta la notte! Un vero Live! Nell'ascoltare il materiale ci accorgemmo che valeva la pena arricchire il tutto con un fiato e invitammo Michael Rosen a fare una sovrapposizione libera su i brani che preferiva. I pezzi cantati erano pochi per la realizzazione di un cd, perciò cantai in s.p. su due brani strumentali, Flamingo e September in the rain, nonostante fossero in tonalità maschile.

Hai calcato le scene più importanti della nostra nazione come attrice e soubrette. Nel corso degli anni, quanto è cambiato il gusto del pubblico? Quali differenze noti?

L'offerta è maggiore oggi, e quindi le scelte si disperdono, mentre ai miei tempi d'oro e cioè gli anni '70 e '80 eravamo pochi eletti e godevamo di un tifo da stadio. Oggi c'è l'uso e getta, e una crescente indifferenza verso gli artisti a favore dei personaggi del gossip, dello sport e dei rotocalchi.

Hai mai pensato di comporre un brano?

Ho composto diversi brani di musica leggera raccolti in un C.D. dal titolo "My Twilight Songs" 2003, ed ho collaborato alla colonna sonora del musical "Sabrina" sono iscritta anche come paroliera alla SIAE dal 1980. Ho scritto numerosi programmi per la radio, copioni vari e due romanzi, "Il passaggio" (1992) e "Benvenuti a Bordo" (2007)

Musica leggera, operetta, disco-music, jazz. Tutti generi che hai "vissuto"professionalmente e che hai ben interpretato. Quali differenze hai trovato nell'eseguirli?

Ho avuto un approccio del tutto professionale con ogni genere dello spettacolo dato che da piccola avevo studiato per fare parte di quel mondo. Il Jazz, invece, è l'unico aspetto artistico che mi è cresciuto spontaneamente e che mi permette di esprimere, senza imposizioni di sorta ciò che provo.

Secondo te si può parlare di "star system" anche nel jazz? Molti jazzisti, oramai, transitano con una certa frequenza in tv…

La diffusa "non conoscenza" del jazz dà vita ad un certo tipo di "name dropping" e cioè, negli uffici e nei salotti durante una conversazione, per non sembrare ignoranti, si lascia cadere qualche nome letto a caso sul giornale…e questo nome passa di bocca in bocca fino a trovare un posto fra le "star" senza averne merito. Comunque è sempre gratificante che musicisti Jazz appaiano in tv, un piccolo passo per essere accettati come una realtà attuale e per smitizzare la leggenda metropolitana che il jazz è soltanto per gli acculturati e comunque mai divertente.

Delle tue collaborazioni, non solo in ambito jazzistico, quali ricordi con maggiore piacere? E perché?

Qualche volta sono entrata involontariamente in rotta di collisione con i miei collaboratori e partners a causa della mia eccessiva energia che metteva a disagio chiunque mi stava vicina, ho preferito lavorare sempre da sola, in prima linea. Ho avuto molte soddisfazioni, e qualche cicatrice. Ho pagato sempre di persona gli errori e ho potuto gioire nel vedere gli sforzi ripagati, magari anche dopo anni di attesa. Il momento più esaltante? Quando al Galà del Gran Premio di Montecarlo, sola al centro del palcoscenico, schioccando le dita feci arrivare sul tapis roulant un enorme pianoforte bianco e cantai "I know I'll never love this way again" ad una platea blasonata. Roba da veri divi!!

Con chi vorresti collaborare?

Sarebbe un sogno per me incidere con B.B. King, dico incidere perche potrei risentire e rivivere quel momento un milione di volte, lui possiede la carnalità, l'essenza del blues insieme all' ironia e gioiosità che è parte integrale anche del mio modo di vedere la vita.

Quale è la tua formazione ideale?

con Carlo MezzanoLa mia formazione ideale è quella del disco che ho realizzato l'anno scorso ed è prossimo ad uscire, un "Dream Team" formato, grazie agli sforzi economici ed organizzativi di mio marito Carlo Mezzano da una big band con Tullio De Piscopo e Mike Mainieri, Eddie Daniels, Mike Stern, Slide Hampton, Fabrizio Bosso, Bob Mintzer, Antonio Faraò, Randy Brecker, Ayrto Moreira, ed in sezione i migliori strumentisti italiani ed americani con arrangiamenti di Lino Quagliero e Gerardo Di Lella. Il titolo è "Why stop now"! (perché da grandi si canta meglio!)

La tua vocalist di riferimento…

La voce e passionalità di Mahalia Jackson mi colpirono da ragazza come una tegola in testa, ma è importante non lasciarsi influenzare dai propri idoli. Ogni artista degna di questo nome ci insegna qualcosa, che si chiami Ella Fitzgerald, Annie Lennox oppure Amy Winehouse. Poi, bisogna guardare dentro noi stessi per trovare qualcosa da mettere sul piatto.

Hai mai pensato di scrivere un autobiografia?

No, ma mi piacerebbe condividere le mie esperienze di vita scrivendo storie di teatranti anonimi e imbottendo questi racconti con episodi farseschi realmente accaduti. Probabilmente lo farò!

Tre dischi che porteresti su di un'isola deserta…

Solo tre?!! Impossibile ……"Move on up a little Higher" di Mahalia Jackson, "Chickens" di Louis Prima cantato da BB King, "Royal Garden Blues" di Louis Armstrong e cento altri!!

Cosa è scritto nell'agenda di Minnie Minoprio?

Nella mia agenda, nuovi incontri, tanta musica, e la consapevolezza, dopo tanto girovagare, di essere arrivata finalmente a destinazione.






Articoli correlati:
29/06/2017

Ella Fitzgerald, "Live at Chautauqua, Vol. 2": la dedica della grande artista a Martin Luther King, assassinato solo tre mesi prima del concerto, e la storia della bobina originale

13/05/2012

LEZIONI (voce): Come si canta uno Standard: (alcune) istruzioni per l'uso (Ondina Sannino)

18/03/2012

LEZIONI (Storia): I duetti di Ella & Louis #2: analisi del brano "Under the balnket of Blue". (Maria Francesca Piazzolla)

12/02/2012

Il trio formato da Mike Melillo, Massimo Moriconi e Tullio De Piscopo ha richiamato un folto pubblico decretando il tutto esaurito nel bellissimo Teatro Lauro Rossi di Macerata. (Viviana Falcioni)

con video intervista...

08/12/2011

LEZIONI (Storia): I duetti di Ella & Louis #2: analisi del brano "Don't be that way". (Maria Francesca Piazzolla)

27/11/2011

Il Darwinismo nel Jazz: evoluzione del brano "Some Of These Days". Dal bianco lezioso di Sophie Tucker allo splendido universo sonoro di Ella Fitzgerald (Franz Falanga)

24/10/2011

LEZIONI (Storia): I duetti di Ella & Louis (Maria Francesca Piazzolla)

11/06/2011

The Billy Bros. Jumpin' Orchestra al Cotton Club di Roma: "...uno di quegli ensemble che ti stordisce per il procelloso andamento ed una presenza scenica di rilievo, l'impatto sonoro è quello delle grandi orchestre nere degli Anni Quaranta, cenestesico." (Alceste Ayroldi)

04/07/2010

Music Update (Jason Marsalis)- Franco Bergoglio

13/06/2010

Ella Fitzgerald Sings The Cole Porter Song Book (Ella Fitzgerald) - Alceste Ayroldi

15/05/2010

Arriving Soon (Soul 4 & Mattia Cigalini) - Marco Buttafuoco

26/07/2009

Jazz di tutte le misure, dal trio di Mehldau alla Brussels Jazz Orchestra, dagli storici Randy Weston e McCoy Tyner ai giovani Aka Moon, Yaron Herman e Christian Scott, dal tributo a Nina Simone fino alla miscela jazz-classica di Nathalie Loriers con la tromba di Bert Joris e gli archi dello String Quartet, e ancora George Benson e Richard Galliano: il belga Gent Jazz Festival convince dalla prima all'ultima nota, confermandosi una realt� attenta alla musica jazz propriamente intesa. (Antonio Terzo)

03/07/2009

Why Stop Now! - Great Songs From The 20° Century (Minnie Minoprio)- Alceste Ayroldi

01/01/2009

Minnie Minoprio – Jason Marsalis (Minnie Minoprio – Jason Marsalis)

23/08/2008

Nina Simone (una vita) (David Brun Lambert)

05/05/2008

Open Day 9, Jazz e non solo: "Se l'emozione è il nucleo essenziale della musica, a prescindere dal genere, occorre che ci siano persone che sappiano dare vita e voce a questa emozione. I musicisti, innanzitutto. Ma anche il pubblico e il variegato mondo degli "addetti ai lavori". Migliaia di queste persone (appartenenti a tali categorie), nel corso degli ultimi anni, s'incontrano per quella che è stata definita la più grande fiera di strumenti musicali del Centro e Sud Italia." (Massimiliano Cerreto)

13/04/2008

La Compagnia di canto ed allestimento del New York Harlem Theatre e l'Orchestra del Teatro Regio di Parma insieme mettono in scena Porgy and Bess: "...è innanzitutto un'opera vitale e moderna. L'edizione proposta è quella che Gershwin stabilì come definitiva nel suo testamento, affidando ad una fondazione l'esecuzione esatta della sua volontà. Ed è ancora fresca nella sua ambientazione, il vicolo di un quartiere nero di una città fluviale del Sud degli USA..." (Marco Buttafuoco)

15/03/2008

Presso lo Studio 57 Fine Arts, sulla 57a West a New York, vicinissimo alla Carnegie Hall, agli show di Broadway, al Lincoln Center, vi sono delle uniche e rare litografie di Al Hirschfeld che ritraggono alcuni tra i più rinomati musicisti jazz... (R. Zlokower)

26/01/2007

Bravo Jazz 2006, Dedicato ad Alberto Alberti: "Quella di Alberto Alberti è stata una delle presenze più significative per la musica afroamericana in Italia; egli ha saputo promuovere e diffondere l'amore per il Jazz in tutto il paese, creando momenti di incontro per gli artisti e ideando manifestazioni un po' ovunque e Umbria Jazz ne è uno splendido esempio..." (Pierluigi Vicini)

29/10/2006

Laura Fedele Trio: "... è sempre un gran piacere ascoltare Laura Fedele e il suo trio. Laura si riconferma una ottima interprete straordinariamente versatile e personale, capace di interagire con il pubblico." (Eva Simontacchi)

15/10/2006

Un ritratto della grande Nina Simone: "Non abbiamo altro scopo, per quanto mi riguarda, che riflettere il nostro tempo, le situazioni intorno a noi e le cose che sappiamo dire con la nostra arte, le cose che milioni di persone non sanno dire. Penso che questa sia la funzione dell'artista e, naturalmente, chi di noi è così fortunato, lascia un'eredità che sopravvivrà quando non ci saremo più..." (Brunella Marinelli)

04/04/2006

I dipinti dei grandi del jazz di Mauro Angiargiu

31/03/2006

LEZIONI (Storia): Il grande Nat King Cole: l'interpretazione della melodia attraverso l'analisi di tre suoi classici: Smile, Unforgettable e Sweet Lorraine. (Giuppi Paone)

06/02/2006

Franco Cerri: ottant'anni suonati!! Teatro Arcimboldi, Milano - 28 gennaio 2006 (Giorgio Alto)

28/05/2005

Independently Blue (Laura Fedele)

23/05/2005

Unforgettable Ella (Lil Darling Hot Club)





Video:
Ella Fitzgerald Live Jazz festival in Cannes 1958 part II
Fore the Others Parts contact me...
inserito il 15/07/2011  da lounisproduction - visualizzazioni: 2668
Ella Fitzgerald and Oscar Peterson Live Paris Olympia 63 part II
Contact me for The Others parts...
inserito il 13/07/2011  da lounisproduction - visualizzazioni: 2820
Ella Fitzgerald and Duke Ellington Orchestra - Milan , Italy 1966
Ella Fitzgerald and Duke Ellington Orchestra - Milan , Italy 1966...
inserito il 01/07/2011  da RareJazzVideos - visualizzazioni: 2561
Mattia Cigalini - Flavio Boltro - Tullio De Piscopo - Andrea Pozza - Riccardo Fioravanti pt. 2
nessuna descrizione disponibile...
inserito il 27/03/2010  da 84Plaza - visualizzazioni: 3064
Mattia Cigalini - Flavio Boltro - Tullio De Piscopo - Andrea Pozza - Riccardo Fioravanti
nessuna descrizione disponibile...
inserito il 24/03/2010  da 84Plaza - visualizzazioni: 2991
Sammy Davis Jr. and Ella Fitzgerald (uncut)
Sammy Davis Jr. and Ella Fitzgerald on the Ed Sullivan show from 1964....
inserito il 24/08/2009  da 5saxman7 - visualizzazioni: 2100
Sammy Davis Jr. and Ella Fitzgerald (uncut)
Sammy Davis Jr. and Ella Fitzgerald on the Ed Sullivan show from 1964....
inserito il 24/08/2009  da 5saxman7 - visualizzazioni: 2266
Bing Crosby & Ella Fitzgerald - Children songs
Jazz•Street / Bing Crosby & Ella Fitzgerald - Children songs...
inserito il 10/06/2009  da TheJazzStreet - visualizzazioni: 2461
Bing Crosby & Ella Fitzgerald - Children songs
Jazz•Street / Bing Crosby & Ella Fitzgerald - Children songs...
inserito il 10/06/2009  da TheJazzStreet - visualizzazioni: 2285
Ella Fitzgerald - "Summertime" (TV Special 1968)
Ella Fitzgerald sings "Summertime" (from "Porgy and Bess" - George and Ira Gershwin) in a TV Special from 1968., (From Globo TV, B...
inserito il 16/03/2009  da Gringoverdeamarelo - visualizzazioni: 2846
Ella Fitzgerald, Nancy Wilson, & Al Jarreau Performs
20th NAACP Image Award-1988 Amazing performance from Nancy Wilson and Al Jarreau. Also Ella Received the President's Award and gave an outstanding per...
inserito il 03/01/2009  da Rmasai - visualizzazioni: 2245
Ella Fitzgerald, Nancy Wilson, & Al Jarreau Performs
20th NAACP Image Award-1988 Amazing performance from Nancy Wilson and Al Jarreau. Also Ella Received the President's Award and gave an outstanding per...
inserito il 03/01/2009  da Rmasai - visualizzazioni: 2325
BABY,IT'S COLD OUTSIDE / LOUISE JORDAN & ELLA FITZGERALD
????????????...
inserito il 28/12/2008  da knuckletc - visualizzazioni: 1698
Ella Fitzgerald and Joe Pass - Cry me a river (1975)
Ella Fitzgerald and Joe Pass together in this magnificent performance of "Cry me a river"....
inserito il 19/10/2008  da bretodeau - visualizzazioni: 2782
Nina Simone - My Baby Just Cares For Me
Nina Simone - My Baby Just Cares For Me...
inserito il 19/07/2008  da haybigden - visualizzazioni: 1953
Nina Simone - I Love You Porgy
Nina Simone - I Love You Porgy...
inserito il 04/07/2008  da blueslovin - visualizzazioni: 2291
Ella Fitzgerald, Caterina Valente, Perry Como
Ella Fitzgerald and Caterina Valente are joined by Perry Como...
inserito il 15/04/2008  da 12031947 - visualizzazioni: 2472
Caterina Valente
Caterina Valente on the Perry Como show...
inserito il 15/04/2008  da 12031947 - visualizzazioni: 2694
Ne Me Quitte Pas - Nina Simone
The greatest...
inserito il 23/03/2008  da Zitubos - visualizzazioni: 2122
Can't We Be Friends/ Frank Sinatra
with Ella Fitzgerald...
inserito il 15/03/2008  da AKUSEL8 - visualizzazioni: 2087
Ella Fitzgerald sings Body and Soul
Ella stars as guest in Frank Sinatra's TV program "A Man and his Music" in the 70's....
inserito il 16/02/2008  da cssison - visualizzazioni: 2623
Unforgetable - Nat King Cole
Unforgetable - Nat King Cole (Nat King Cole Show 1957)...
inserito il 25/12/2007  da no1deanofan - visualizzazioni: 2065
Ella Fitzgerald - Round Midnight
Ella Fitzgerald sings "Round Midnight"., , Piano: Oscar Peterson, Bass: Ray Brown, Drums: Ed Thigpen , Composer: Thelonious Monk, (UK, 1961)...
inserito il 16/12/2007  da guachifluchi - visualizzazioni: 2890
Ella Fitzgerald - A-Tisket, A-Tasket
Ella Fitzgerald - A-Tisket, A-Tasket http://www.imdb.com/title/t......
inserito il 20/06/2007  da ninenine - visualizzazioni: 2546
Nat king cole, Nature Boy
Nat king cole, Nature Boy...
inserito il 28/03/2007  da matela01 - visualizzazioni: 2390
Ella sings "Stormy Weather" with Joe Pass, Hannover 1975
Ella sings "Stormy Weather" with Joe Pass, Hannover 1975...
inserito il 13/02/2007  da diegodobini2 - visualizzazioni: 2205
Ella Fitzgerald : One note Samba (scat singing) 1969
June 22, 1969 jazz vocalist Ella Fitzgerald with accompaniment by Ed Thigpen on drums, Frank de la Rosa on bass, and Tommy Flanagan on piano....
inserito il 26/01/2007  da diegodobini2 - visualizzazioni: 2696
Nina Simone: Four Women
Fiori, fiori per Nina. Flowers, flowers for Nina al Festival Jazz di Antibes del 1965., Narrano le leggende che dopo questa interpretazione Duke Ellin...
inserito il 10/11/2006  da AMALTEO - visualizzazioni: 3543
Nat King Cole Oscar Peterson Trio & Coleman Hawkins - Sw
Jazz...
inserito il 22/09/2005  da bazart - visualizzazioni: 2544


Invia un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


Questa pagina è stata visitata 6.326 volte
Data pubblicazione: 12/09/2008

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti