Jazzitalia - Articoli: Intervista a Nick The Nightfly
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Intervista a Nick The Nightfly
Milano, ottobre 2007
di Marco Losavio e Alceste Ayroldi

In occasione della pubblicazione del triplo album "Yesterday, Today, Tonight" abbiamo intervistato Nick the Nightfly da oltre dieci anni speaker di Radio Montecarlo. Nato a Glasgow, in Scozia, vive in Italia dal 1982. Inconfondibile voce di Radio Montecarlo con le sue Montecarlo Nights, è poi approdato per alcuni anni anche a Radio Capital dove ha condotto insieme a Renzo Arbore il programma "Aperitivo con Swing" con musiche e racconti della grande musica swing e jazz. Ha anche condotto in TV, su Italia 1, insieme a Federica Panicucci, Jammin un programma cult (rimasto purtroppo tale...). Durante la sua lunga carriera di DJ ha avuto l'opportunità di intervistare più volte artisti di grande calibro come Pat Metheny, Sting, Wayne Shorter, Peter Gabriel, Ryuichi Sakamoto, Miriam Makeba, Caetano Veloso...Ma Nick the Nightfly ha anche un'altra identità, quella di musicista che ha contribuito in modo rilevante alla promozione della bella musica dal vivo. Insieme alla Montecarlo Night Orchestra, egregiamente condotta da Gabriele Comeglio e con solisti di primissimo ordine come Emilio Soana, Giulio Visibelli, Claudio Angeleri, ha divulgato maggiormente il jazz delle big band verso un pubblico più eterogeneo. Nick è la voce della Montecarlo Night Orchestra e spesso si accompagna a vari artisti tra cui spicca la sua grande amica e straordinaria interprete, Sarah Jane Morris. Ultimamente, è anche autore di brani come "Patu, Patu, Patu", l'original inserito nella compilation "Yesterday, Today, Tonight" ed eseguito insieme a Kim Prevoste e Bill Solley.

Nick the Nightfly che pubblica una selezione di musica su triplo CD vuol dire che c'è ancora tanta buona musica. E questa è una buona notizia dato che sembrava un po' sparita ultimamente…Hai avuto maggiore difficoltà rispetto al passato nel trovare i brani di questa selezione?

No, anzi, c'è più musica oggi. Come hai detto tu, c'è tanta buona musica in giro, ce n'è sempre, basta cercarla, che poi è nel mio lavoro che prevede anche la ricerca di nuova buona musica. Mi arrivano tantissimi dischi ed è sempre molto difficile decidere ciò che considererò buona musica o quello che posso proporre anche al pubblico. E' più facile trovarne oggi anche perché grazie ad internet puoi trovare dischi e artisti che non avresti mai pensato di trovare e, anzi, forse hai bisogno ancora di più tempo per riuscire ad ascoltare e cercare tutti i dischi.

Le tue compilation sono sempre molto ben strutturate, con una logica nella consecutio dei brani. In questa hai parlato di ieri, oggi e stanotte. Come mai non hai fatto alcun cenno al futuro?

Innanzitutto a me piace sempre partire da un concetto, da un progetto e questa volta non ho voluto dargli un numero ma l'ho visto come una specie di special edition. Ho cominciato a pensare ad un po' di musica di ieri: ne ho tanta e ogni tanto vado a rispolverarla e allora ho pensato di mettere delle cose di ieri mischiate con cose non propriamente di ieri, ma comunque poco lontane nel passato e quindi: ieri, sei mesi fa, un anno fa. E questo è "Yesterday" che poi contiene anche un altro aspetto. Sai, la musica ha un grande effetto su di noi, emotivamente. Quando senti i successi del passato ti ricordano sempre in qualche modo qualcosa, qualcuno, qualche luogo. La musica del futuro è nel CD "Today" perché è un CD prettamente dedicato al nu-jazz, al nu-soul, al soul e al funk. E' un disco molto groovy, molto movimentato e anche raffinato nella ricerca della musica. E invece di fare "Yesterday, Today and Tomorrow" che sarebbe stato perfetto ho invece pensato a "Tonight" che è un momento molto importante per tutti noi. Il mio programma lo faccio la notte, è da ventanni che faccio radio di notte in Italia e la notte mi ha creato una vita, un mestiere, un lavoro, una passione ancora più forte per la radio e la musica di notte. Quindi l'obiettivo del CD "Tonight" è stato quello di creare una selezione da inserire nel lettore quando si arriva a casa la sera, si è magari un po' stressati e si riceve così un po' di relax, di pace, un momento per ritrovarsi con se stessi.

In Italia ci sono validi talenti anche in ambito nujazz, chili e tu ne hai inserito qualcuno che però risulta essere più conosciuto all'estero che nel nostro Paese. Come mai? Siamo noi esterofili?

Sicuramente, gli italiani sono molto esterofili in questi casi. Giustamente, come dici, c'è molto talento in Italia che dovrebbe credere di più nei propri mezzi e non attendere che qualcuno li venga a cercare. Alcuni esempi come Gianluca Pighi che ha un bel successo all'estero, Fabio Nobile che ha fatto anche lui un disco molto bello e mi ha dato questo suo brano, poi Mario Biondi che ha fatto un bellissimo disco con gli High Five Quintet ed è un disco che ha già varcato i confini dell'Italia, Sergio Cammariere anche lui molto raffinato. E ci sono anche tante altre realtà italiane molto valide come Nicola Conte che questa volta non è nella compilation, Gerardo Frisina…e loro hanno un sound che è degli italiani più che degli inglesi o degli americani. Perché anche il nujazz non è famoso dappertutto e questo è un fenomeno molto interessante. Un genere di musica ha successo in un Paese e in un altro no e magari alla lunga ha anche influenza sulla cultura di quel paese in cui questa musica piace. Comunque in Italia ci sono molti talenti.

Quali sono gli elementi che ti fanno pensare di essere dinanzi ad un bel brano?

Guarda, la musica prima di tutto, per me, è un'emozione. Appena sento un sound nuovo, una melodia diversa, gli accordi, le parole dette in un certo modo…è un insieme…ci sono alcuni brani che appena li senti rimani folgorato e dici "cavolo…questo è bello". Quando devo andare a cercare con attenzione o ascoltare dieci volte un brano per convincermi…allora non va bene.

Quindi la prima sensazione è quella che conta…

Sicuramente le prime sensazioni sono importanti ma di solito il tuo intuito non sta nei primi momenti…

Oggi, oltre a cantare, suoni e componi. Raccontaci cosa stai preparando…

Sto preparando un nuovo CD con l'orchestra, spero di riuscire a pubblicarlo per Natale. Abbiamo già registrato tutte le basi, devo finire di cantare i vari brani e fare il mixing. Io amo molto il sound delle Big Band, amo molto il jazz e in questo disco ci sono quattro brani scritti da me più alcuni standards. Quindi, porterò avanti il progetto della Montecarlo Night Orchestra e spero anche di avere nel disco alcuni ospiti di riguardo. Poi per l'anno prossimo voglio cominciare a fare il mio nuovo disco da solista come Nick the Nightfly sulla vena di "Patu Patu Patu", perché io scrivo con la chitarra e amo molto questo sound, questo mondo e vorrei cercare quindi di fare un disco raffinato su questo tipo di sonorità. Voglio comunque arrivare a suonare sempre più dal vivo e portare la mia musica alla gente perché essere sul palco, cantare, suonare, coinvolgere la gente è una delle emozioni più belle che ci siano.

Qual è il tuo rapporto con la televisione e perché, secondo te, non si fa buona musica in televisione…

Ah guarda…vorrei saperlo anche io perché non si fa buona musica in TV. Il mio rapporto con la TV è oramai di toccata e fuga…la guardo per certe cose ma non mi siedo mai davanti per passarvi del tempo perché mi dedico ad altre cose. La guardo la notte tardi quando torno dal mio programma radiofonico, da Montecarlo Nights, e vedo news, canali internazionali, qualche film o dei documentari…non sono un grande consumatore di TV proprio perché non c'è molta musica in TV. Ci sono sempre più canali specializzati e questo sarà il futuro. Si potrà tornare a casa, decidere di vedere un concerto di Herbie Hancock o Joni Mitchell e comprarlo, tanto sui canali nazionali non lo daranno mai perché dicono che non porta audience. Allora ci vorrebbe uno sponsor che ci crede nella musica…non è facile, è anche comprensibile che non lo si faccia perché anche loro hanno a che fare con i numeri, col business però la TV di Stato o le grandi TV private che hanno molto successo potrebbero dedicare una mezzora alla buona musica...

Bè.. se una persona come Nick the Nightfly proponesse un programma…magari lo accetterebbero…

Ma non lo so…magari ci penso…adesso sono però impegnato a fare musica dal vivo che è la cosa più bella per me

Internet ha sicuramente cambiato l'approccio al modo in cui si viene a conoscenza della musica offrendo una grande possibilità divulgativa però ha anche enfatizzato il gravissimo problema della pirateria…secondo te cosa si può fare contro la pirateria…?

Non so, magari educare la gente a dare più valore alla musica, capire il valore artistico, comprendere che non è un prodotto che puoi prendere gratis…e questo dovrebbe partire dalle major, dalle case discografiche…anche perché c'è molta più pirateria nella musica che nei libri…e questo non va bene, devono dare più valore alla musica perché per creare musica ci vuole talento, capacità, ricerca, ci sono molti sogni dietro le canzoni e non è giusto che diventino un qualcosa da poter avere gratis, che la gente si scambia, senza alcun valore…essendo anche musicista comprendo tutto quello che è necessario per riuscire ad ottenere un prodotto di qualità quindi ci vorrebbe maggiore educazione al valore partendo già dai ragazzi che devono avere l'originale perché non c'è niente di più brutto di un CD con la scritta del pennarello sopra…

Hai intervistato tantissimi musicisti, chi ti ha colpito in modo particolare?

Uno che mi ha colpito molto è….mah…ce ne sono tantissimi…ultimamente ho intervistato Sting un paio di volte e sono stati sempre incontri bellissimi sia quando è venuto a Milano a trovarci in radio sia quando sono andato a casa sua in Toscana, stare lì, parlare con lui, è stato molto molto bello…Poi Peter Gabriel, Pat Metheny…qualche italiano come Cammariere, Giovanni Allevi…ce ne sono tanti con i quali poi si crea un rapporto sia umano che artistico che poi è bellissimo…sono tantissimi…

Parliamo ora un po' del Blue Note di cui sei il direttore artistico. Riceverai centinaia di richieste da parte di musicisti e manager che ti chiedono di poter effettuare una serata. Vedo con piacere che date tanto spazio ai giovani…

Quello che cerchiamo di fare è dare spazio a tutta la musica. E' chiaro che quando suona un grande artista c'è di conseguenza grande affluenza di pubblico ma questo è facile mentre la difficoltà sta nel proporre giovani artisti ed educare la gente ad andare a vedere anche giovani artisti…e questo, credimi, non è facile, la gente preferisce il grande nome piuttosto che decidere di andare a bere qualcosa e vedere anche un concerto magari interessante ma di un artista poco noto pensando invece che se suona al Blue Note, magari qualcosa la sa fare…la mia intenzione è sempre quella di fare in modo che la gente sia educata al punto da venirci a trovare sempre per sentire musica sapendo che noi vogliamo proporre sempre musica di qualità cercando di farlo in vari generi musicali e non solo il jazz ma anche musica brasiliana, world music, musica italiana…

So che sei un amante del buon vino, per cui mi piacerebbe chiudere questa intervista consigliando un bel brano e un bel vino per accompagnarne l'ascolto…

Mah…in questo periodo mi trovi in un periodo di "ramadan"…non sto bevendo…dopo un'estate in cui mi sono lasciato andare al piacere della tavola e del vino in genere ma…vediamo…potrei suggerire una bottiglia di un vino sardo, un Cannonau con l'ultimo CD di Paolo Fresu col suo quintetto…potrebbe essere un buon abbinamento, vino di quella terra e un grande musicista della stessa terra…

Ottimo suggerimento! Grazie Nick del tempo che ci hai dedicato…

Grazie a voi e buon lavoro!






Articoli correlati:
08/07/2017

LEZIONI (chitarra): Pat Metheny Chromatic System (Jazz Fusion System)

20/06/2017

Annunciati i vincitori del NEA Jazz Master 2018: Todd Barkan, Pat Metheny, Diane Reeves e Joanne Brackeen riceveranno il prestigioso National Endowment For The Arts 2018 Jazz Masters

11/05/2017

Blue Note Jazz Festival 2017 di New York: Pat Metheny, Dr. John, Robert Glasper Experiment, The Isley Brothers, Laura Mvula e molti altri per 100 eventi in 10 differenti teatri e club

07/01/2017

Pat Metheny cita Pasquale Grasso come "il più significativo nuovo chitarrista che abbia ascoltato in molti, molti anni... "

15/08/2016

Castroreale-Milazzo Jazz 2016: "...un feeling contagioso e intenso per il duo Sarah Jane Morris & Tony Remy e una ricchezza ritmico-melodica per il Volcan Trio di Gonzalo Rubalcaba in due siti di grande bellezza..." (Vincenzo Fugaldi)

03/01/2016

Sarah Jane Morris Quintet: "La cantante e i suoi sodali hanno dato prova di quanto la professionalità, la grinta e la motivazione sociale possano andare d'accordo con tutta la musica: quella senza barriere..." (Alceste Ayroldi)

08/11/2014

Intervista con Elisabetta Serio: "Devo esprimermi in un modo che arrivi al pubblico in una maniera diversa di come farebbero tanti..." (Laura Scoteroni)

26/10/2014

Quattro chiacchiere con...Joanna Miro: "...predisporsi per un ascolto degustativo e sensoriale: vedo molta similitudine tra il jazz e il vino, entrambi seguono da decenni innumerevoli innesti per diventare un capolavoro di cui, infine, possiamo apprezzare l'opera." (Alceste Ayroldi)

22/06/2014

Pat Metheny Unity Group: "...un modo nuovo per Pat Metheny di forzare qualunque confine esistente nell'universo musicale e creare, insieme allo Unity Group, qualcosa di inedito e che toglie il fiato e obbliga i sensi ad abbandonarsi al piacere." (Nina Molica Franco)

18/05/2014

Unesco in Jazz Festival ad Alberobello (Ia Edizione): "Chiara Civello, Sarah Jane Morris e Paolo Fresu, per un festival capace di racchiudere in un'intensa tre giorni le diverse sfumature ed espressioni che declinano il nobile genere." (Alessandra V. Monaco)

11/12/2013

Jim Hall (1930 - 2013): "Listening is still the key" - Jim Hall

26/08/2012

Umbria Jazz 2012 #2: Pat Metheny, Sonny Rollins, Wayne Shorter, Ambrose Akinmusire, Lydian Sound Orchestra, Ryan Truesdell Eastman Jazz Orchestra, Kenny Barron, Mulgrew Miller, Eric Reed & Benny Green, Sting...(Daniela Floris)

18/03/2012

LEZIONI (Trascrizioni): "Blues for Pat", solo di Joshua Redman nel "Live in San Francisco" (Gaetano Cristofaro)

08/01/2012

Al Bologna Jazz Festival, la ritmica del Pat Metheny Trio si racconta. Bill Stewart: una persona istintiva, sempre alla ricerca di cose nuove. Larry Grenadier: come apprezzare la vita e farsi apprezzare dal pubblico. (Eugenio Sibona)

18/12/2011

Bologna Jazz Festival 2011: L'estasi nietzscheana della prima dei Manhattan Transfer, il momento clou nel sogno di rivedere Pat Metheny e il suo trio con Larry Grenadier e Bill Stewart, l'energia di Christian McBride con il suo giovane trio, la pregevole musica di Fahir Atakoglu insieme ai grandi Horacio "El Negro" Hernandez e Alain Caron, la chiusura con lo Charlot del Jazz, Stefano Bollani, che insieme ai fedelissimi Jesper Bodilsen e Morten Lund ha fatto calare il sipario su un'edizione lunga undici giorni dove grandi nomi sono stati affiancati da giovani promesse. (Eugenio Sibona)

18/09/2011

Veneto Jazz, Sting con l'Orchestra Filarmonica della Fenice nel suo "Symphonicity Tour": all'interno dell'incantevole Piazza San Marco: diecimila persone che hanno riempito ogni interstizio dell'area delimitata e quelle poche fiancate laterali. Che Venezia sia bella, elegante culla culturale e crocevia di genti, è un fatto ben noto, così come è nota la particolare bellezza di tutta la cinta cittadina e del Veneto intero, nel quale si muove un sostrato ben radicato nell'arte, in tutte le sue forme. Per Veneto Jazz, un numero di eventi straordinario, parecchi gratuiti grazie anche agli sponsor istituzionali. Jazz & Lunch, Jazz Aperitif, Jazz & Dinner e pomeriggi letterari: insomma jazz ad ogni ora del giorno e della notte, e per tutti i gusti.

20/03/2011

Nice One (Nick The Nightfly)- Alessandro Carabelli

28/08/2010

Venezia Jazz Festival 2010: In alcuni degli scenari più suggestivi al mondo, come Piazza san Marco, si sono alternati l'acclamatissimo Pat Metheny Group, la dolce e accattivante melodiosità di Norah Jones, le impeccabili dinamiche del Duck Baker trio, la tecnica strepitosa di Yamandù Costa, la sorprendente padronanza di Esperanza Spalding, l'intenso e spettacolare Paco De Lucia, la musica e la poetica di Paolo Fresu e Daniele Di Bonaventura nell'omaggio a Hugo Pratt sulle immagini di Pino Ninfa. (Giovanni Greto)

01/08/2010

Pat Metheny Group "The Songbook Tour" nella calda Cavea dell'Auditorium Parco della Musica a Roma: "Il quartetto parte in sordina, fatta eccezione per Lyle Mays e Antonio Sanchez in grande spolvero fin dalle prime battute. Si avverte una sensibile mancanza di interplay, di empatia...non convince la proposta apparsa piuttosto raffazzonata e palesemente "estiva", più voluta dagli astuti manager che dallo stesso quartetto." (Alceste Ayroldi)

25/07/2010

Due week end ad Umbria Jazz: viaggio per parole ed immagini. Daniela Crevena e Daniela Floris, "l'una fotografando l'altra prendendo spasmodicamente appunti durante ore e ore di musica dal vivo", raccontano due week end ad Umbria Jazz: "Sono stati due week end in cui abbiamo viaggiato tra grandi nomi all'Arena Santa Giuliana, incredibili batteristi, pianisti, sassofonisti, trombettisti, straordinarie voci femminili e personaggi leggendari come Sonny Rollins e Ron Carter, che sono il jazz e che hanno talmente emozionato con la loro musica da farci uscire anche qualche lacrima..." (Daniela Floris e Daniela Crevena)

09/07/2010

In diretta da Umbria Jazz 2010. (Marcello Migliosi)

27/03/2010

Pat Metheny "Orchestrion". L'Alchimista dei suoni - Il magico mondo di Metheny. "Sorride, felice come un bambino. Guadagna il palco con piede veloce, come chi non vede l'ora di incominciare a giocare. Pat Metheny è in ottima forma fisica, con il volto radioso come da qualche tempo non s'avvertiva...non una sperimentazione, ma soprattutto un divertissement che ha voluto condividere con il suo pubblico". (Alceste Ayroldi)

27/03/2010

L'Orchestrion Project di Pat Metheny ovvero "la necessità di esplorare nuovi linguaggi, nuove grammatiche elettroniche in armonia con il suo antico desiderio di rivisitare quella particolarissima tradizione musicale, avendone intuito le potenzialità espressive futuribili, avendone scoperto aree cromatiche differenti, sicuramente contestualizzabili nella verve futuristica che in modo così intenso anima il suo sentire." (Fabrizio Ciccarelli)

13/02/2010

Tokyo Day Trip (Pat Metheny) - Fabrizio Ciccarelli

19/07/2009

Migratory Birds (Sarah - Jane Morris) - Marco Buttafuoco

02/01/2009

Sarah Jane Morris e Dominic Miller al Ueffilo Jazz Club: "...luci soffuse, pubblico in vibrante attesa ed una voce da brivido, calda, roca, assolutamente in antitesi con i riccioli rosso tiziano che sfiorano impertinenti la candida porcellana di un viso inglese..." (Dalila Bellacicco)

14/12/2008

Nick The Nightfly e la Montecarlo Nights Orchestra con special guests Sarah Jane Morris, Michael Rosen, Mario Biondi al Blue note di Milano per presentare il cd "The Devil": "Nick the Nightfly ha presentato ogni brano, dialogando con il pubblico e raccontando anche divertenti aneddoti. Una serata molto piacevole e di effetto." (Eva Simontacchi)

10/11/2008

Intervista ad Antonio Calogero: "L'altro significato che, secondo me, si potrebbe dare al termine world music è quella di una musica che, filtrata attraverso la sensibilità del compositore, ingloba influenze che vengono, non dico da ogni parte del mondo, ma da tutte quelle che il musicista ha in qualche modo assimilato in trenta anni di studio." (Giuseppe Mavilla)

26/10/2008

Venezia Jazz Festival e Veneto Jazz Summer: "Abbiamo notato come, in genere, i grandi nomi spesso deludano le aspettative e come certi progetti probabilmente siano forme studiate a tavolino da manager e produttori scaltri e navigati che cercano di spremere il nome consolidato, sicuri che egli sia capace ancora di radunare un folto pubblico." (Giovanni Greto)

14/09/2008

Jazz al Metropolitan a Palermo: "Particolarmente vicina alle più disparate tendenze della musica contemporanea è stata quest'anno la rassegna "Musiche al Metropolitan", indetta dall'omonimo cine-teatro palermitano che non a caso ha voluto cambiare il nome rispetto alle edizioni precedenti, intitolate Jazz al Metropolitan." (Antonio Terzo)

21/07/2008

Speciale da Umbria Jazz 2008: «Continuità, stabilizzazione della struttura, mantenimento dei rapporti internazionali», sono questi gli imperativi su cui Regione dell'Umbria, Comune di Perugia e Umbria Jazz si impegneranno, sin dalla prossima edizione, per assicurare al Festival il giusto e sicuro futuro. (a cura di Marcello Migliosi)

25/02/2008

Sarah Jane Morris al Blue Note di Milano: "Il suo timbro è caldo, corposo, a tratti graffiante, mai scontato, con capacità di scansione ritmica della melodia e delle parole da interprete di gran classe, sempre contestuale e mai inopportuna." (Ernesto Losavio)

14/10/2007

Pescara Jazz 2007: "Giunto alla 35^ edizione, e in ottima salute, il Festival pescarese ha proposto cinque eccellenti formazioni, con i loro accattivanti progetti, e due gustosi fuori programma: il concerto della splendida Nathalie Cole (quasi un antipasto al luculliano pranzo che Pescara Jazz ha offerto al suo pubblico), e la bella iniziativa del Jazz in Città (una passerella dei migliori gruppi dell'area metropolitana pescarese)." (Dino Plasmati)

16/09/2007

Decima edizione di "Jazz in parco" a Nocera Inferiore che ha "dato al pubblico un'offerta di differenti modalità e impronte della musica jazz contemporanea, con artisti provenienti trasversalmente da nazioni ed esperienze completamente differenti." (Luigi Spera)

26/08/2007

Multiculturita Summer Jazz 2007, i concerti di Balducci Ensamble, Funk Off, Rava Quintet, Gino Paoli e il quartetto di Pat Metheny e Brad Mehldau, l'intervista a Pat Metheny: "Capurso capitale pugliese del jazz nell'estate 2007. Non si tratta di un messaggio promozionale volto a promuovere un evento, ma un giusto riconoscimento per chi ha consentito a questo paese, sito nell'hinterland barese, di divenire in così pochi anni uno dei punti di riferimento regionali dal punto di vista musicale..." (Alberto Francavilla - Marco Losavio)

18/03/2007

Nuova gallery di quadri curata da Henk Mommaas

14/01/2007

Possibilities (Herbie Hancock)

05/01/2007

Every breath we take (Jazz Fantasy)

14/12/2006

Intervista a Rita Marcotulli: "Credo però anche che sia molto importante trovare una propria voce, raccontare la propria storia, non quella di qualcun altro, altrimenti si diventa solo dei grandi interpreti, come gli esecutori di musica classica. Non è poco, perchè non è facile interpretare qualcun altro. Però il jazz non è musica scritta come la musica classica: vale la pena dipingere il quadro di un altro pittore?" (Antonio Terzo)

03/09/2006

Dedicato alle big band, l'edizione 2006 del Multiculturita Summer Jazz Festival ha offerto tre serate durante le quali il pubblico ha potuto applaudire l'Orchestra Zero...e lode del Conservatorio di Bari, il Mimmo Campanale Quartet, i Good Fellas e la Montecarlo Night Orchestra con Nick the Nightfly e Sarah Jane Morris. (A. Augenti, A. Francavilla)

02/09/2006

LEZIONI (Trascrizioni): "Last Train Home", il solo di Pat Metheny (Enzo Orefice)

01/09/2006

"Linguaggio Universale" , la gallery di Francesco Truono su Umbria Jazz 2006.

23/07/2006

Umbria Jazz 2006: le foto e i concerti del più grande festival internazionale (Marcello Migliosi)

18/03/2006

Nuova gallery a cura di Paolo Madussi

28/10/2005

Enrico Rava e Pat Metheny Live ad Alghero nella gallery a cura di Fabio Doro.

10/10/2005

LEZIONI (Trascrizioni): Una grande interpretazione di Joshua Redman sul noto "Tears in Heaven" di Eric Clapton. (Orazio Maugeri)

18/09/2005

Il Pat Metheyny Group a Bari: "...Il gruppo, ma soprattutto Pat non si risparmia. Quasi tre ore senza sosta. Tre ore che hanno infiammato e soavemente defatigato il suo pubblico pugliese..." (Alceste Ayroldi)

09/04/2005

The Way Up (Pat Metheny Group)

16/03/2005

Live at the Blue Note Milan (Nick the Nightfly and The Monte Carlo Orchestra)

28/10/2004

Intervista a Anna Maria Jopek. Cantante-Musicista polacca venuta alla ribalta attraverso un interessante lavoro creato insieme a Pat Metheny in cui la Jopek interpreta brani del chitarrista: "...Suonare effettivamente con lui, ascoltarlo interpretare la nostra musica, condividere con lui il palco è stata un'esperienza senza eguali..." (Marco Losavio)

15/11/2003

Sarah Jane Morris al Blue Note: "...canta e "recita" sul palco, con quella sua voce duttile che passa dalla delusione alla rabbia, dall'ironia, alla dolcezza..." (Eva Simontacchi)

06/09/2003

Pat Metheny con Massimo Manzi e Paolino Dalla Porta: "...il teatro era strapieno e l'idea di sentire il grande chitarrista con due colossi del jazz italiano mi faceva già apprezzare la musica che di lì a poco sarebbe passata attraverso le nostre anime..." (Roberto Rugiolo)

29/08/2003

I concerti di Pat Metheny a Ravenna 2003: "...per Metheny gli stimoli sono stati diversi, e non è escluso che qualcuno dei musicisti incontrati in giro per l'Europa possa fare presto parte di uno dei suoi prossimi progetti." (Vittorio Pio)

29/08/2003

Nove musicisti per Pat Metheny a Ravenna 2003: "...Le sue grandi capacità e le sue doti umane da 'grande' della musica gli hanno permesso di tenere il giogo delle varie situazioni createsi con gli altri musicisti." (Dino Plasmati)

28/08/2003

I seminari di Pat Metheny a Ravenna 2003: "...bisogna riuscire a 'giocare' con il tempo fino ad avere la padronanza giusta per suonare in maniera precisa sul beat, leggermente in anticipo o leggermente indietro." (Ernesto Losavio)

08/03/2003

LEZIONI (chitarra): IIa parte dell'arrangiamento in fingerstyle di James di Pat Metheny. (Andrea Bonardi)

25/01/2003

LEZIONI (chitarra): Attivata una nuova sezione dedicata al fingerstyle a cura di Andrea Bonardi il quale ci presenta un suo arrangiamento di James di Pat Metheny.

16/09/2002

La 17a edizione di Sant'Anna Arresi, incentra il suo polo attrattivo sull'arte eclettica e mirabolante di un personaggio come Mal Waldron...(Gianmichele Taormina)

22/04/2002

Intervista ad Armando Marçal, uno dei più importanti percussionisti brasiliani, per 10 anni al fianco di Pat Metheny. (Stefano Rossini)

21/08/2001

Nearness of You. Il nuovo CD di Michael Brecker con P. Metheny, J. De Johnette, H. Hancock, C. Haden e J. Taylor.

14/10/2000

Waltz For Ruth. Il solo di Path Metheny (chitarra 3)

01/07/2000

Io c'ero: Pat Metheny a Bari

29/06/2000

Io c'ero: Pat Metheny a Milano





Video:
Fragile - Pat Metheny and Friends
Nessuna descrizione disponibile....
inserito il 30/04/2012  da osvaldo manzanero - visualizzazioni: 3234
Esbjörn Svensson Trio - Leverkusener Jazztage (2002, 2005)
Leverkusener Jazztage 2002, , 1. Serenade For The Renegade, 2. Behind The Yashmak, 3. Car Crash, , Leverkusener Jazztage 2005, , 4. When God Created T...
inserito il 14/01/2012  da KizCat - visualizzazioni: 2486

Jazz Baltica Salzau 2003, the Improvisations about the Svensson-title "Impressions". Absolut fantastic playing from Esbjörn and Pat wit...
inserito il 22/04/2011  da joeblanke - visualizzazioni: 2751
Paolo Angeli plays "Desired Constellation" song by BJORK
Paolo Angeli (Prepared Sardinian Guitar - live, no over dub, no loop) plays "Desired Constellation" song by BJORK.Check it on Paolo Angeli-N...
inserito il 11/08/2010  da AngeliProductions - visualizzazioni: 2981
Paolo Angeli - Ritagli di Tempo
Paolo Angeli (Prepared Sardinian Guitar - live, no over dub, no loops) plays "Ritagli di Tempo" Order Paolo Angeli-Nanni Angeli "TIBI&q...
inserito il 11/08/2010  da AngeliProductions - visualizzazioni: 2955
TIBI (Trailer)
Lines, wooden bodies, miniatures on the wheel, artisans. Tibi isthe soundtrack (played live without over-dub by Paolo Angeli andsurrounded in 5.1) of ...
inserito il 24/03/2010  da AngeliProductions - visualizzazioni: 2629
Pat Metheny & Toninho Horta!! - At Pat Metheny's apartment in Rio de Janeiro!
Perdon por la baja calidad del video.Este es un video muy raro. Disfrutenlo!Una Pequeña introducción con la mejor musica y los mejores paisa...
inserito il 11/06/2009  da SynclavierMPDR - visualizzazioni: 3348
Heat Of The Day - Pat Metheny
Imaginary Day....
inserito il 06/07/2008  da lalobaqtas - visualizzazioni: 2886
Kenny Kirkland Trio - 02 - Steepian Faith
Kenny Kirkland Trio - 02 - Steepian Faith...
inserito il 05/11/2007  da chamesrichalds - visualizzazioni: 1759
Pat Metheny & Michael Brecker- Extradition
special quartet.jazz a vienne 2000...
inserito il 11/10/2007  da klaurent13 - visualizzazioni: 2927
Pat Metheny and friends - This Masquerade part 1
...
inserito il 28/07/2007  da Notyethendrix - visualizzazioni: 3220
Pat Metheny and friends - This Masquerade part 2
...
inserito il 28/07/2007  da Notyethendrix - visualizzazioni: 3286
Sting & Gil Evans Orchestra - Little Wing
Umbria Jazz Festival 87...
inserito il 07/01/2007  da doctone - visualizzazioni: 1832


Invia un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


Questa pagina è stata visitata 7.135 volte
Data pubblicazione: 24/12/2007

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti