Jazzitalia - Articoli: Intervista a Paolo Damiani
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Intervista a Paolo Damiani
di Vittorio Pio

Festeggia le trenta candeline il festival "Rumori Mediterranei", uno degli snodi fondamentali attraverso cui Roccella Jonica ha puntato per affermare la propria identità culturale in tutto il mondo Un traguardo importante per la kermesse jazzistica, un vanto per l'intera comunità e la conferma che un'altra Calabria è possibile. Il tema scelto da Paolo Damiani, che ne è il suo direttore artistico da sempre, è eloquente di per se: lo ha individuato nelle "Memorie future", un modo per ricordare il passato e rielaborarlo, inventando così il nuovo. A count-down quasi scaduto (si parte con l'anteprima del film dedicato dal cineasta Franco Maresco all'oriundo clarinettista Tony Scott il 13, poi una puntatina a Reggio il giorno dopo, per poi convergere fino al 21 sulla cittadina jonica), Damiani ci parla di questa sua scommessa vinta insieme a Sisinio Zito, Vincenzo Staiano, Paola Pinchera e tutto lo staff prodigatosi per il suo successo: "Credo sia stata giusta- ci dice- l'intuizione di puntare sulle radici e sul mediterraneo, sugli artisti europei ed italiani, sull'incontro tra linguaggi diversi, sulla didattica come esperienza condivisa: un'estetica oggi quasi scontata ma all'epoca direi innovativa. Oggi i calabresi sono orgogliosi del festival e hanno capito, meglio di alcuni esponenti istituzionali, il ruolo strategico della cultura soprattutto in contesti così difficili."

Cosa ricorda del suo impatto a Roccella?

Che bisognava fare tutto, ma il contesto era stimolante, le facce entusiaste. Poi il cortile della scuola elementare dove facevamo i concerti, e il solo di Steve Lacy sotto la pioggia. Una magia pura, nel primo anno in cui ho diretto il festival, era il 1982.

Da allora lo spirito originario del festival è cambiato, si è evoluto o è rimasto intatto?

Siamo sempre noi con l'orgoglio di esserlo. La nostra identità consiste nel cercare di invitare artisti di diversa provenienza, non soltanto musicisti di jazz, privilegiando la ricerca di nuovi linguaggi e l'ibridazione degli stessi.

Dipenderà forse dal suo titolo di studio? Ancora prima che musicista lei è architetto...

Non so cosa viene prima o dopo ma la relazione è certa. Ho una curiosità che mi ha portato da sempre a cercare relazioni tra arti diverse e quindi anche della necessità di condurre il jazz, che comunque è la mia musica, altrove. Forse verso la perdita di sé nella sua accezione più ortodossa, inducendo alla modifica della percezione di noi stessi, degli spazi che ascoltiamo, dei suoni che abitiamo. L'incontro con Stefano Benni è stato in tal senso decisivo: ci ha permesso di allargare considerevolmente le nostre visioni ospitando non soltanto le sue parole ma anche di tanti altri amici che ci sono venuti a trovare: parlo di Lella Costa, Paolo Rossi, Davide Riondino, Virgilio Sieni, Francesca Archibugi, la straordinaria Franca Valeri, Sandro Veronesi e tanti altri.

E invece fra gli incontri in musica da lei propiziati, quali estrae dal mazzo?

Mi sposterei sulle suggestioni, ricordando "La follia", partitura originale ed esclusiva del compianto George Russell, che poi è diventata l'inno ufficiale di Roccella, l'incontro tra il già affermatissimo Kenny Wheeler e un quasi sconosciuto Paolo Fresu, il duo Pieranunzi - Motian, il dialogo tra Mario Brunello e John Surman, e quello tra Nicola Piovani e Cerami (che noi abbiamo portato per
primi su di un palco), la presenza di Stefano Benni e naturalmente "i guizzi luciferini" di Cecil, come tu stesso hai ricordato in altra occasione, riferendoti a Taylor, oppure la grande umanità di Ornette Coleman, vero gigante. Più in generale questa manifestazione mi ha dato moltissimo, al punto che mi sento calabrese di adozione: ho potuto realizzare progetti abbastanza folli, sui quali gli amici dell'Associazione Jonica hanno sempre creduto.

Ci sarà qualcosa che non è stato possibile effettuare, un rammarico…

Non ci sono in particolare dei concerti che non ho potuto fare, piuttosto mi piacerebbe invitare Pat Metheny con cui ho suonato nel 2005, scoprendo un artista molto sensibile ed un'ottima persona. Più in generale vorrei aumentare sempre più l'innovazione, il rischio, l'originalità, la ricerca... magari aprendo proprio in Calabria altre situazioni che possano entrare in relazione con
"Rumori Mediterranei": penso ad esempio a un luogo stimolante come Castrolibero, ove forse nasceranno storie importanti. Come rammarico identificherei il dispiacere di non essere riuscito a potenziare adeguatamente i seminari ed i laboratori, da dove comunque sono passati o si sono formati degli eccellenti musicisti.

Jazz italiano in auge, jazz italiano che fa da traino, jazz italiano alla misura dei suoi battiti: lo può fare lei per noi ?

Oggi il jazz gode di ottima salute, ci sono tanti eccellenti musicisti che suonano benissimo ma circolano anche musiche inutili. Quindi il jazz sta malissimo. In altre parole è necessario immaginare nuovi sviluppi di linguaggi, che non si accontentino di celebrare la maestria tecnica ma piuttosto cerchino di inventare inedite ipotesi narrative. Musiche future capaci di rischiare e commuovere.

Ci lasci con un frammento sul quale ipotizzare se non i secondi trent'anni di "Rumori Mediterranei", almeno la sua prossima edizione...

L'idea è di ragionare sullo Spazio, sui luoghi della musica; già quest'anno utilizzeremo la piazza e il porto turistico di Roccella, luoghi simbolici da abitare e da ascoltare diversamente, vorrei provocare gli artisti a pensare nuove soluzioni su misura per spazi particolari, sia sotto il profilo architettonico che delle loro possibilità acustiche. Ma c'è anche un'altra faccia: che le istituzioni ci supportino a dovere senza lungaggini e pastoie burocratiche e poi la speranza di trovare uno sponsor nazionale che investa in modo significativo senza voler minimamente interferire sul programma.

Per tutti i dettagli www.roccellajazz.net







Articoli correlati:
22/10/2017

Una Striscia di Terra Feconda: "XX Edizione per il Festival Franco-Italiano di Jazz e Musiche Improvvisate ideato da Paolo Damiani, che ne cura la direzione artistica insieme ad Armand Meignan" (Vincenzo Fugaldi)

19/09/2017

Intervista con Yesim Pekiner e Francesca De Palo: "BAU Jazz Academy è il dipartimento che a Istanbul si occupa di jazz e che, dal 2017-2018 lancia un programma internazionale nelle sedi BAU di Roma, Berlino e Washington DC." (Alceste Ayroldi)

12/03/2017

Seven Sketches In Music (Paolo Damiani Double Trio)- Enzo Fugaldi

26/01/2014

The Complete Remastered Recordings on Dischi della Quercia (Giorgio Gaslini)- Marco Losavio

17/03/2013

Remebering Butch Morris... : "Si adirava avendone motivo, su una nota fuori posto, su di un passaggio forse irregolare che nessuno, nemmeno i loro interpreti, riuscivano ad individuare concretamente, cercando di comprenderne il perchè." (Giammichele Taormina)

21/10/2012

Roccella Jazz Festival, "Cose Turke": Edizione numero 32 del festival calabrese, che riprende la formula itinerante e offre come sempre uno spaccato del meglio del jazz contemporaneo. (Vincenzo Fugaldi)

07/10/2012

Quiet Journey (Antonio Jasevoli Chamber Project) - Alceste Ayroldi

26/02/2012

Sempre per la attenta direzione artistica di Paolo Damiani, il festival ha portato nel profondo sud dell'Italia continentale una nutrita serie di validissimi musicisti. (Vincenzo Fugaldi)

22/10/2011

Border People (Israel Varela) - Cinzia Guidetti

26/02/2011

Luna Reverse (Luigi Cinque Hypertext Orchestra) - Alceste Ayroldi

05/12/2010

Paolo Fresu e Bojan Z: "La loro tavolozza di colori è essenziale...sono ben addentro all'arte del duo, una pratica che in campo jazzistico ha dato frutti innumerevoli e preziosi." (Vincenzo Fugaldi)

05/09/2010

Roccella Jazz Festival 30a Edizione: "Trent'anni e non sentirli. Rumori Mediterranei oggi è patrimonio di una intera comunit? che aspetta i giorni del festival con tale entusiasmo e partecipazione, da far pensare a pochi altri riscontri". La soave e leggera Nicole Mitchell con il suo Indigo Trio, l'anteprima del film di Maresco su Tony Scott, la brillantezza del duo Pieranunzi & Baron, il flamenco di Diego Amador, il travolgente Roy Hargrove, il circo di Mirko Guerini, la classe di Steve Khun con Ravi Coltrane, il grande incontro di Salvatore Bonafede con Eddie Gomez e Billy Hart, l'avvincente Quartetto Trionfale di Fresu e Trovesi...il tutto sotto l'attenta, non convenzionale ma vincente direzione artistica di Paolo Damiani (Gianluca Diana, Vittorio Pio)

31/05/2010

Intervista a Jean-Luc Ponty: "Negli Stati Uniti, durante gli anni '70, è stato davvero entusiasmante, perchè c'era molta sperimentazione: era lo spirito del tempo. Avveniva nella società, con i movimenti per cambiarla, ed era lo stesso nell'arte e nella musica. Erano gli artisti a tracciare la strada, mentre oggi sono gli uomini d'affari a decidere ogni cosa. Tutti, nei programmi radio, i dj, le case discografiche, specialmente in America, erano veri appassionati di musica, molto spesso musicisti loro stessi, così noi eravamo totalmente liberi di esplorare, di sperimentare, e infatti le novità erano molto apprezzate..." (di Vincenzo Fugaldi)

07/04/2009

Orchestra (Bolzano Creative) 2007 (Anthony Braxton + Italian Instabile Orchestra)

12/10/2008

Roccella Jazz Festival 2008, "Terremoti": "In un sud che stenta sempre più a organizzare eventi jazzistici di rilievo, conforta vedere come i "Rumori mediterranei", alla ventottesima edizione, si rinforzino, raggiungendo numeri davvero ragguardevoli: 11 giorni di durata e 34 concerti, dislocati fra 9 comuni della provincia di Reggio Calabria, oltre alla consueta copiosa attività seminariale." (Enzo Fugaldi)

19/08/2008

Reggio Top Jazz Festival 2008: "Il sondaggio fra i critici specializzati che il mensile Musica Jazz dedica da ben cinque lustri al meglio del jazz in circolazione, in questo venticinquesimo anno è stato per la prima volta incentrato esclusivamente sul jazz italiano. Da qui la nascita del Reggio Top Jazz Festival, che nella prima edizione ha schierato buona parte dei vincitori del referendum, durante quattro serate primaverili nella città di Reggio Calabria." (E. Fugaldi - G. Taormina)

02/12/2007

Siena Jazz Reunion, Trent'anni di Jazz in Italia: "Due intense giornate che hanno visto confluire musicisti, studiosi, critici, jazzofili provenienti da diverse zone d'Europa ed anche dagli Stati Uniti d'America. Una girandola perfettamente sincronizzata di convegni, presentazione di libri e concerti." (Alceste Ayroldi)

01/07/2007

Intervista a Cinzia Eramo e Paolo Damiani, protagonisti del nuovo progetto della cantante pugliese dal titolo "Piccole gemme di estrazione creativa": "Personalmente ho sempre cercato di muovermi più da musicista che da cantante. Cerco di lavorare con la voce in modo strumentale, non fermandomi all'esecuzione del tema in maniera canonica. La dimensione del rischio ... ecco una cosa che mi piace! " (Adriana Augenti)

20/09/2006

Le case di Berio (Enrico Intra)

21/01/2006

Intervista a John Patitucci: "...Secondo me, Jaco Pastorius ha dato un grosso contribuito come compositore. Era "normalmente grande" come musicista, ma ritengo che il suo modo di comporre fosse bello, la sua musica mi toccava, profondamente..." (Antonio Terzo)

23/11/2005

Ladybird (Paolo Damiani)

25/10/2005

Pietro Tonolo al festival di Roccella Ionica. Le avverse condizioni meteorologiche non hanno compromesso la qualità della performance del quartetto anche se costretto in una location di fortuna. (Antonio Terzo)

23/10/2005

Venticinquesima edizione di "Rumori Mediterranei", il festival diretto da Paolo Damiani a Roccella Jonica che si caratterizza sempre più per riuscire a coniugare le musiche, le arti di popoli e culture diversi. (Enzo Fugaldi)

24/10/2004

Roccella Ionica 2004, XXIV Edizione di Romori Mediterranei. "Intitolata "Monsters" e dedicata a Steve Lacy. I mostri evocati dal festival calabrese erano tali nel senso dell'unicità, della stranezza, della prodigiosità, e hanno fatto la propria comparsa tra le pieghe dei ben 18 concerti tenutisi nei sette giorni di durata della manifestazione." (Enzo Fugaldi).

21/09/2003

XXIII Edizione di Rumori Mediterranei a Roccella Ionica: "...Perennemente in movimento, come in cerca di nuove identità, il Festival calabrese, alla sua 23a edizione, ha scelto di ampliare ulteriormente il dialogo fra il jazz, le altre musiche e le altre arti..." (Enzo Fugaldi)







Inserisci un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


Questa pagina è stata visitata 3.069 volte
Data pubblicazione: 05/09/2010

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti