Jazzitalia - Articoli: Intervista a Paolo Prosperini
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Intervista a Paolo Prosperini, la mente dei Minor Swing Quintet.
Bologna, novembre 2012
di Eugenio Sibona

In esclusiva per Jazzitalia, l'intervista al giovane chitarrista dei Minor Swing Quintet, Paolo Prosperini. Sebbene anagraficamente sia il più giovane del gruppo, è uno dei veterani della formazione, che l'ha vista crescere e consolidarsi. E allo stesso modo è cresciuto anche lui che, col tempo è diventato la vera e propria mente del gruppo, infatti è colui che scrive i testi. In attesa di partire per l'Europa alla ricerca di nuova ispirazione.

Appena finito il sound - check del concerto, incontriamo Paolo Prosperini, Come stai, sei carico?
E' una delle mie prime interviste e sono abbastanza emozionato.

Sei molto giovane, che studi hai fatto?
In realtà avevo cominciato a studiare Scienze Politiche, poi ho deciso di dedicarmi completamente alla musica.

Quindi, come ti sei formato?
Io sono completamente autodidatta. Ho cominciato a quindici anni, avvicinandomi al jazz e in particolare al gipsy, ascoltando Django Reinhardt. Poi per caso al Buskers Festival di Ferrara ho incontrato Tolda Biuring, che prima conoscevo solo di fama: un artista turco- olandese che tra l'altro ora vive proprio a Bologna. Da lì è nato un rapporto non solo di formazione ma anche di profonda amicizia che dura tutt'ora.

Come vedi oggi l'educazione musicale e del jazz ?
Per ora mi sembra che negli ambienti didattici si pensi a tutt'altro, probabilmente perché si pensa che il jazz non faccia parte della nostra cultura. Così i musicisti bravi sono costretti ad andarsene: penso, per esempio, ai Fratelli Grasso. Qui, purtroppo, ci si deve accontentare del livello esistente, e non si riesce a fare di più.

Come sono nati i Minor Swing Quintet ?
Sono dentro fin da giovanissimo, ormai sette anni fa, e sono stati la mia prima band. Prima suonavo solo con Laura, poi sono entrati anche gli altri.

Qual è l'età media del gruppo ?
Ventotto anni, io sono il più giovane.

Hai progetti futuri? Intendete fare nuovi album?
No. Io a Gennaio vado per qualche mese in Francia, per studiare e vivere l'esperienza locale. Attualmente siamo fermi al primo album, che però non era molto ortodosso, quanto a stile jazz, ma contaminato anche con altri generi. Ora stiamo maturando molto, però ancora non abbiamo pensato al prossimo disco.

Eravate al Bologna Jazz Festival anche l'anno scorso. Avete conosciuto Massimo Mutti ?
Sì, lo conoscevo bene, ed è stata una grandissima perdita, perché lui era un habitué qui al Take Five a vedere i nostri concerti. Mi ricordo le chiacchierate che abbiamo fatto con lui, perché era onnisciente riguardo al jazz, ed era sempre molto gentile. Conosco il figlio, Federico, che sta continuando il lavoro nel solco del padre, e qui al Bologna Jazz Festival ci si sente come in una grande famiglia.

Alcuni Festival, come Umbria Jazz e quelli di Milano, negli ultimi anni sono stati accusati di essere diventati un po' generalisti.
Sono relativamente d'accordo, perché se anche è vero, comunque non è un problema circoscritto solo al jazz, ma è uno specchio dell'intera società. Non si esplorano più orizzonti nuovi e si concentrano tutte le energie solo nel portare gente nuova agli eventi. Penso che ci sia uno sbaglio di mentalità a priori. Quindi, penso che per risolvere questa situazione di stallo, si debba dare più potere a gente assetata di novità.

Alcuni critici pensano che si sia un po' perso lo spirito sociale dell'artista, in nome dell'autoreferenzialità. Cosa ne pensi ?
Forse è vero, ma come per il discorso dei festival, anche questo è legato all'intera umanità che è così. Il jazz ne è un tassello, e così a suo modo la racconta.  Coi nuovi boppers stiamo allargando le nostre vedute. C'è uno sbilanciamento, perché qui in Italia ci sono grandi musicisti, penso anche a Jacopo Martini, però rimaniamo un paese di nicchia, forse anche per cause geografiche, quindi comunque si fa fatica a crescere.






Articoli correlati:
08/12/2016

Barry Harris Trio - Bologna Jazz Festival: "Un concerto emotivamente intenso, specchio di un periodo storico importante, e che il numeroso pubblico ferrarese non ha mancato di apprezzare." (Niccolò Lucarelli)

23/11/2016

Buster Williams Quartet "Something More": "Torrione sold out per una serata di jazz d'autore, profondamente americano ma portavoce di un pensiero liberale moderno." (Niccolò Lucarelli)

13/12/2015

Bennie Maupin Quartet: "Il jazz di Maupin è un libro aperto su una varietà di culture e suggestioni, oscillando dalle radici afroamericane al free, dal bebop all'hard bop." (Niccolò Lucarelli)

29/11/2015

James Farm Quartet (J. Redman, A. Parks, M. Penman, E. Harland): "...un collettivo che esprime una forma di hard bop contemporaneo, che alla raffinatezza formale unisce interessanti considerazioni di stampo sociologico." (Niccolò Lucarelli)

29/11/2015

Johnny O'Neal Trio: "Un concerto intimo, come si addice a un club, che ha il carattere di una serata fra amici, e che dopo il bis scatena un'ovazione d'applausi." (Niccolò Lucarelli)

08/11/2015

Kenny Garrett Quintet: "Il jazzista di Detroit, dopo una carriera trentennale, è ormai un riconosciuto maestro del sax, e non tradisce la sua fama regalando al pubblico un'indimenticabile serata che è la summa del suo credo musicale..." (Niccolò Lucarelli)

12/01/2013

Bologna Jazz Festival 2012: La 4° dimensione di John Mclaughlin, il ricordo di Massimo Mutti da parte del Chick Corea Trio...(Eugenio Sibona)

05/01/2013

Jim Hall Trio: "I suoi fraseggi sono minuziosamente ricercati. Ogni scelta non è lasciata al caso ma voluta..." (Pierfrancesco Falbo)

18/03/2012

Fahir Atakoglu, simbolo di integrazione: Per un musicista è bello poter condividere la musica con quante più persone possibili, è importante per il nostro spirito. E' ciò per cui viviamo." (Eugenio Sibona)

11/02/2012

Insieme al celebre contrabbassista, il pianista Mulgrew Miller e il chitarrista Kevin Eubanks: "...eleganza ed esperienza, l'attenzione certosina alle dinamiche, e la rilassatezza nell'esecuzione." (Gabriele Prevato)

11/02/2012

La sua lotta per i diritti civili durante l'amministrazione Obama, l'esperienza alla Los Angeles Philarmonic Association, dove ha imparato il ruolo di amministratore musicale, fino al ruolo di leader nella Big Band. (Eugenio Sibona)

08/01/2012

Al Bologna Jazz Festival, la ritmica del Pat Metheny Trio si racconta. Bill Stewart: una persona istintiva, sempre alla ricerca di cose nuove. Larry Grenadier: come apprezzare la vita e farsi apprezzare dal pubblico. (Eugenio Sibona)

18/12/2011

Bologna Jazz Festival 2011: L'estasi nietzscheana della prima dei Manhattan Transfer, il momento clou nel sogno di rivedere Pat Metheny e il suo trio con Larry Grenadier e Bill Stewart, l'energia di Christian McBride con il suo giovane trio, la pregevole musica di Fahir Atakoglu insieme ai grandi Horacio "El Negro" Hernandez e Alain Caron, la chiusura con lo Charlot del Jazz, Stefano Bollani, che insieme ai fedelissimi Jesper Bodilsen e Morten Lund ha fatto calare il sipario su un'edizione lunga undici giorni dove grandi nomi sono stati affiancati da giovani promesse. (Eugenio Sibona)

01/01/2009

Cedar Walton al Bologna Jazz Festival: "L'hard bop di Walton oggi appare ricamato, edulcorato nei suoi contrasti. Qualunque sporgenza o dissonanza viene diluita in un'armonizzazione serena, sofisticata e, forse, un po' troppo ragionevole. Il suo stile, evoluto e inguaribilmente odierno, finisce per confezionare un jazz da cartolina, indubbiamente adatto alle esigenze degli ascoltatori più nostalgici." (Giuseppe Rubinetti)

01/01/2009

Herbie Hancock al Bologna Jazz festival: "Quella di Hancock è una poetica della complessità, l'evocazione di un «villaggio globale» musicale che non si semplifica in un'assimilazione jazzistica di altri materiali, ma che muove piuttosto dalla ricerca di un terreno comune, dalla definizione di un orizzonte di intesa che si situa oltre le distinzioni di genere." (Giuseppe Rubinetti)







Inserisci un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


Questa pagina è stata visitata 1.575 volte
Data pubblicazione: 12/01/2013

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti