Jazzitalia - Articoli: Around Jazz: intervista a Papa Dj
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Around Jazz
Intervista a Papa Dj
di Alceste Ayroldi

Papa DjPapa DjPapa Dj
click sulle foto per ingrandire

Papa Dj, al secolo Donato Papadia, deejay resident del Buddha-Bar di Monte Carlo, direttore artistico di Rmc-Buddha Bar Monte Carlo/Radio scova e fonde acustiche antropologiche, culturalmente radicate nelle diverse identità dei popoli. Sempre in viaggio alla ricerca di sonorità tipiche di varie regioni nel mondo, è anche autore del programma "Buddha Bar" di Radio Montecarlo.

Un nome importante, che nasconde una storia. Chi è Papa dj?

Nessuna storia particolare, inizio come la maggior parte dei dj della mia età, sostituendo le orchestre nei momenti di pausa per poi passare direttamente al loro programma con i dischi, parliamo del lontanissimo 1973, professionalmente parlando nasco in veneto mia regione di adozione, i primi dischi inizio a toccarli fin da piccolo, ma le mie prime esperienze selettive nascono dalla scoperta del rock, Deep Purple, Led Zeppelin, Grand Funk, Genesis, e tutto ciò che proveniva dai circuiti non convenzionali della classica hit parade, la mia affinità musicale era già in qualche modo formata dal mio percorso scolastico che includeva studi di tromba e batteria per circa 9 anni, provenivo da un collegio e quindi soggetto a studi molto intensi. Nasco pugliese doc, con orgoglio, trasferito però fin da piccolo in Veneto dove ho iniziato il mio percorso professionale, che mi ha poi portato ad essere quello che sono ora, passando tra tutti i generi, iniziando dal rock per passare poi al soul al funky, evolvendo l'ascolto con la new wave, l'elettronica e la prima house, con puntate nella trance sperimentale per poi stare per quasi un decennio nel mondo house club, fino al momento della illuminazione per la scoperta della world music/ethnic sound che mi ha letteralmente rapito.

Quando e perché hai deciso di fare di una passione la tua professione?
Agli inizi nessuno dei miei colleghi di allora avrebbe mai pensato che questa passione potesse diventare una professione, ci si avvicinava a questo lavoro con molta cautela e discreta ignoranza (tecnica), ma avevamo un fuoco creativo dentro e quando ci siamo resi conto che poteva diventare un mestiere ci siamo buttati. E iniziò, così, la storia delle mega balere e grandi discoteche. Ovvio che da quel momento la figura del disc-jockey diventava fondamentale e...tutto così è iniziato. Erano gli inizi degli anni Settanta, un'invasione di suoni dagli Stati Uniti e dalla Inghilterra, tutto nuovo tutto così magico, la curiosità mi ha sempre spinto, la voglia di scoprire cose nuove.

Poi, una serie di successi che ti hanno portato in vetta, tanto da essere ritenuto tra i più creativi deejay a livello internazionale. Dal punto di vista delle scelte musicali, cosa pensi ti abbia consentito questa ascesa?
Sai che ancora non mi rendo conto di quello che mi sta succedendo intorno, non credo di essere una persona famosa, penso di essere uno conosciuto che cerca di trasmettere emozioni con la mia ricerca, adoro trovare nuove sonorità che fanno dei miei set qualcosa di differente, diverso, che può emozionare o meno ma certamente differenti, se parliamo di ascesa ne parliamo nei confronti della musica che ci eleva come spirito e anima: la musica è la protagonista principale della nostra comunicazione, riesce ad abbattere barriere politiche, sociali e religiose, un pezzo bello diventa collante tra popoli e culture, questa è la potenza della musica.

Quale ritieni sia stato il tuo "trampolino di lancio"?
Non credo ci sia stato un vero trampolino di lancio, diciamo che il tutto potrebbe essere definito con la parola "costanza", una serie di eventi e di personaggi che vanno dai miei primi gestori che mi hanno dato fiducia ad una serie di decisioni e conoscenze a volte azzeccate altre sbagliate totalmente, ma che hanno fatto si che si sia intrapreso una percorso che si spera non abbia mai fine, se uno si sente arrivato vuol dire che non ha più fame di conoscere. Un grandissimo aiuto è stato dato da alcuni locali storici in Italia e da fortunatissimi programmi radiofonici.

Prima di raggiungere questa vetta, però, immagino che tu abbia peregrinato parecchio. Quali sono stati i luoghi che ricordi con favore e quelli per i quali non serbi un buon ricordo?
Mi ritengo un dj viaggiatore, adoro rubare e condividere tutto quello che le diverse cultore possono offrire, parlo di ambito musicale, la società per la quale lavoro ha la fortuna di avere connessioni in tutto il mondo e mi gratifica del fatto di poter viaggiare, sempre alla ricerca di nuovi suoni, i miei ricordi sono tutti belli, alcuni straordinari (le esperienze asiatiche sono formidabili), alcune di grande curiosità. Mosca, chi mai avrebbe pensato per una persona della mia generazione di andare in questa città! Il Kazakistan, che solo a pronunciarlo mette curiosità, la Turchia con le sue enormi contraddizioni, e poi i paesi arabi, le Americhe, insomma ogni posto mi ha dato qualcosa, mi sono beato gli occhi senza dubbio.

A un certo punto della tua carriera, sei approdato a Radio Montecarlo. Come è avvenuto il tuo incontro con l'importante emittente radiofonica monegasca?
Ho sempre inseguito RMC, era un grande sogno che a un certo punto come per magia mi ha attraversato la strada. Ero a una convention a Milano a rappresentare la musica del Principato e come ospite c'era la proprietà del gruppo radiofonico. Sono stato avvicinato da uno dei responsabili della struttura che già conoscevo e nel giro di 15 minuti mi sono ritrovato nel palinsesto dei programmi, come d'incanto. Una convivenza che dura ormai da anni e che mi ha portato una enorme notorietà in ambito Fm e sul web.

Vorresti parlarci del tuo programma e darci qualche indicazione per poterlo ascoltare?
Il mio programma è di una semplicità disarmante che lo rende praticamente unico nel palinsesto di RMC: non faccio altro che trasmettere quello che normalmente passo al Buddha Bar. Il programma rispecchia in pieno il concetto della musica del Buddha Bar: world music, musica proveniente da tutto il mondo; pesco a piene mani da un mondo musicale straordinario. Va in onda in Fm il sabato sera, prima avevo un doppio appuntamento anche al venerdì, che per ragioni di tempo non riuscivo più a seguire. Se pensiamo alla produzione, la post produzione la compilazione delle track list e playlist i due programmi mi impegnavano moltissimo; quindi con la direzione della radio abbiamo pensato di tenere solo il sabato sera dalle 23.00 alle 02.00 per la fm sia su RMC che su RMC 2 in contemporanea e di portare avanti il progetto della prima web radio dedicata al Buddha Bar su web: basta collegarsi al sito www.radiomontecarlo.net/buddhabar, creatura della quale vado particolarmente orgoglioso perché è stato il classico impegno durissimo ma che ha dato enormi soddisfazioni artistiche, grazie anche ad uno staff straordinario. E presto ci saranno altri progetti che... ne parleremo la prossima volta.

Invece, al Buddha Bar del quale sei dj resident, come sei arrivato?
Curiosità, direi che è la risposta che più si avvicina alla domanda. Sono stato resident dj del Jimmi'z di Monte Carlo per 11 anni, ed avevo bisogno di qualche stimolo nuovo, alla notizia che la società avrebbe aperto il Buddha Bar mi ci sono buttato a pesce, ben sapendo che avrei dovuto variare totalmente il mio modo di concepire la musica nei programmi, ed eccomi qui a raccontare una storia straordinaria fatta di suoni di culture differenti dalla nostra che vanno studiate e capite. La musica è un linguaggio universale.

A proposito di Buddha Bar. Tre motivi per cui andarci…
Location straordinaria, uno dei più bei locali dove io abbia mai lavorato; atmosfera unica data dalle luci soffuse e dai toni molto garbati; il food abbinato alla musica e direi che potete prenotare senza difficoltà, andate sul sicuro: esperienza da fare almeno una volta.

Buddha Bar e Radio Montecarlo: due capisaldi nell'ambito della musica che farebbero gola a molti tuoi colleghi. Hai qualche altro "segreto nel cassetto", un altro punto dove vorresti approdare?
Sono una persona fortunata, ho la possibilità di lavorare facendo quello che più mi piace con due società importantissime nell'ambito musicale. Immagino che tutti quelli che fanno il mio lavoro e che trattano questa tipologia di musica vorrebbero essere al mio posto. A queste persone posso consigliare, con tutto l'amore possibile, che nella vita tutto può accadere, basta volerlo sul serio.Ma non è sufficiente se poi non metti cuore, anima, costanza e tantissima passione, sacrificando a volte anche diversi aspetti della tua vita privata. Ne ho ancora parecchia di star da fare e i progetti sono molteplici, ma come ti ho detto prima...non ora.

Hai una lunga e blasonata carriera alle spalle. Hai mai avuto momenti di sconforto, tanto da decidere di mollare tutto?
I momenti di sconforto capitano a tutti nella vita, e posso garantiti che non è sempre stato tutto rose e fiori nella mia. Ma proprio perché sapevo che potevo contare su questa mia passione, che mi sarei rialzato: la musica ha fatto da collante in tutte le mie decisioni. Mollare tutto? No, mai. Qualche volta sospendere, quello sì, per riordinare le idee.

Una domanda "scomoda". I musicisti non sopportano sentir dire da un deejay: "Vado a suonare". Cosa rispondi?
Lascio questo genere di cose ai puristi, non ne faccio una malattia. Se mi capita di dire vado a suonare non credo che qualche musicista si possa arrabbiare, come non penso che se trovo qualche strimpellatore che canta con le basi e i dischetti preregistrati sia da condannare. Ogni persona dà la giusta misura del suo valore artistico come meglio crede e non penso che sia una questione di termini ma di risultati finali. Voglio dire: chi perde tempo a pensare a queste sciocchezze si vede che non ha molto da fare.

Parliamo della tua musica. Quali sono i generi che prediligi selezionare?
Il discorso sarebbe troppo lungo. Posso dirti che ogni giorno scopro cose nuove, ascolto molto i miei colleghi, cerco di rubare e imparare ogni volta, appena sento un artista che non conosco mi butto su tutto ciò che lo riguarda cercando di scoprire più informazioni possibili che mi permettano poi di cercare di interpretare la sua musica. Adoro ascoltare di tutto, la musica la etichettiamo noi per genere per poterci permettere di classificare, ma è come chiudere un artista in un quadrato senza dargli la possibilità di uscirne. Preferisco parlare di suoni e etnie, adoro la musica orientale, mi piace ascoltare i suoni provenienti da tutte le parti del mondo, scoprire che esistono strumenti a noi culturalmente sconosciuti ma che produco suoni sublimi: word music su tutto poi slow deep, ethnic house a tribali a manetta.

Sei anche un manipolatore di suoni?
Io sono un disc- jockey inevitabilmente manipolo un suono, lo riproduco con un mezzo meccanico e cerco di adattarlo al mio orecchio, ma se intendi lavoro di studio allora la risposta è no. Lascio agli esperti e a chi ha predisposizione per la tecnologia questa incombenza, io intervengo con le idee per gli arrangiamenti e per la ricerca di cose da rifare. Non amo particolarmente il lavoro di studio anche se necessario...

Da qualche tempo, molti musicisti amano farsi affiancare da deejay sia in studio che nelle performance live. Un fenomeno che si sta facendo strada anche nel jazz. Hai mai pensato di collaborare con qualche musicista?
Vorrei tanto non ricordarti che ho una certa età, e che quindi ho avuto modo di poter collaborare con diversi musicisti, alcuni per performance live e altre collaborazioni di studio. Ho troppo rispetto per i musicisti per rovinare il loro lavoro... i musicisti che collaborano con me hanno molta pazienza!

A proposito di jazz. C'è del jazz nella musica che selezioni? E, comunque, qual è la tua visione del jazz?
La mia visione del jazz? A parte i mostri sacri come Miles Davis,credo di non esse all'altezza di poter giudicare un genere che non conosco, non mi ci sono mai avvicinato se non passando dalle parti dello swing. Penso solo che il free jazz sia una espressione musicale molto aperta che mette i musicisti nelle condizioni di potersi esprimere come meglio credono interpretando il loro pensiero e cuore, credo che il mio giudizio sia facilmente opinabile. Chiedo scusa.

Come procedi nella tua attività di ricerca musicale? Quali sono le tue fonti?
Alcune mie fonti sono estremamente facili da individuare, internet aiuta moltissimo, ci sono alcuni siti che visito più di altri, ascolto molta musica tutto il giorno cerco poi di mettere insieme il tutto, e lo immagino già nelle mie playlist. Adoro fare ricerca, senza la quale non sarei qui, e poi ho la grande fortuna di ricevere moltissime produzioni dai musicisti direttamente, questo grazie al rapporto che sono riuscito a creare in questi anni di lavoro. E uso sempre la parola magica: condivisione, non sono affatto geloso della musica che trovo o ricevo, la scambio con molta, troppa (a detta del mio staff) generosità, ma….io sono così in tutto.

Rispetto ai tuoi esordi come deejay, quanto è cambiata la fisionomia delle discoteche e del suo pubblico?
La discoteca intesa come la vivevamo noi negli anni Ottanta/Novanta non esiste più. Il clubbing è cambiato moltissimo, il modo di gestire i locali, si investiva molto perché il cliente pagava un biglietto e in base agli incassi si programmavano guest, spettacoli e così via. Oggi dopo l'avvento dei estori/tipografi/cugini/amici/distributori di flyer/pr/ o presunti tali, tutto è cambiato. Il pubblico ha già tutto: si collega con il mondo e vive le sue passioni guardando uno schermo, una volta per andare a vedere o sentire un dj si facevano ore di auto, oggi basta un click ed è fatta. Non so se sia bene o male ma questa è la legge del mercato attuale. Io non faccio più discoteche da anni, preferisco club o ristoranti lounge dove musicalmente posso esprimermi senza passare per forza dalle dure leggi del Despacito del momento.

Nella musica, meglio il presente, il passato o…il futuro?
Nella musica meglio tutto, oggi si deve quello che hanno creato ieri. Il presente è frutto del momento, alcune cose sono straordinarie ed altre nella stessa maniera al contrario.

Quali sono i programmi futuri di Papa Dj?
Ci sono diversi attività che mi vedono coinvolto in questo periodo, l'uscita di "Cosmopolis vol.2" in collaborazione con RMC, alcuni nuovi progetti legati alla nuova etichetta Papamusique; il proseguire con i programmi radiofonici sia in Fm che sul web; la creazione di programmi e produzioni sia in fm che sul web, la collaborazione con nuovi artisti. Poi, la continua ricerca con lo staff senza il quale non farei nulla: Andrea Papadia il mio editor, Stefano Riva il tecnico e Luca aka Joker il nostro archivista, senza i quali nulla sarebbe possibile: continuiamo a divertirci e a prenderci mal di pancia accumulando ore di lavoro sottratte magari a ore di sonno.






Articoli correlati:
24/04/2017

Intervista a Pino Jodice: "...le orchestre sono la massima espressione artistica musicale, umana e sociale; con l'orchestra si crea bellezza, civiltà e cultura, si coltiva l'intelligenza." (Marco Losavio)

05/02/2017

Quegli anomali discepoli di Thelonious : "Monk non solo era consapevole che quello stava facendo era giusto ma anche di altissimo livello artistico..." (Claudio Angeleri)

14/06/2015

Intervista a Greta Panettieri : "...tutto parte dalla scoperta di una grandissima passione, perchè da lì ho iniziato a scoprire il jazz con la foga dell'adolescenza, a gran velocità." (Laura Scoteroni)

12/06/2015

LEZIONI (chitarra): Analisi del brano "Doxy" di Sonny Rollins (Donatello Polidoro)

26/02/2015

LEZIONI (Trascrizioni): Out of Nowhere - Charlie Parker. Seduta del 4 novembre 1947 insieme a Miles Davis, Max Roach, Duke Jordan e Tommy Potter (Paolo Mannelli)

19/05/2014

Blue. Chi ha ucciso il jazz? (Eric Nisenson)- Marco Losavio

07/01/2014

Miles on Miles – Incontri con Miles Davis (Paul Maher Jr., Michael K. Dorr)- Marco Losavio

12/05/2013

Miles Davis rewind (Guido Michelone - Gianfranco Nissola)- Gianni Montano

28/01/2012

LEZIONI (Articoli): Il ruolo del walking bass nel Jazz modale - Paul Chambers in "So what". (Giuseppe Canale)

18/08/2011

Miles Davis. Il sound del futuro (Guido Michelone)- Franco Bergoglio

19/12/2010

Bitches Brew 40th Anniversary Deluxe Edition Box (Miles Davis)- Vittorio Pio

15/11/2010

Live in Rome & Copenhagen 1969 (Miles Davis Quintet)- Giovanni Greto

09/07/2010

In diretta da Umbria Jazz 2010. (Marcello Migliosi)

09/05/2010

Jazz! (John F. Szwed)- Alceste Ayroldi

18/04/2010

Una vita con il sax (Armando Brignolo)- Marco Losavio

25/03/2010

Hal McKusick si racconta. Il jazz degli anni '40-'50 visti da un protagonista forse non così noto, ma presente e determinante come pochi. "Pochi altosassofonisti viventi hanno vissuto e suonato tanto jazz quanto Hal Mckusick. Il suo primo impiego retribuito risale al 1939 all'età di 15 anni. Poi, a partire dal 1943, ha suonato in diverse tra le più interessanti orchestre dell'epoca: Les Brown, Woody Herman, Boyd Reaburn, Claude Thornill e Elliot Lawrence. Ha suonato praticamente con tutti i grandi jazzisti tra i quali Art Farmer, Al Cohn, Bill Evans, Eddie Costa, Paul Chambers, Connie Kay, Barry Galbraith e John Coltrane." (Marc Myers)

06/01/2010

Bitches brew. Genesi del capolavoro di Miles Davis (Merlin Enrico - Rizzardi Veniero)- Franco Bergoglio

13/12/2009

The Complete Columbia Album Collection (Miles Davis)- Vittorio Pio

20/08/2009

Miles live e in studio (Richard Cook)- Franco Bergoglio

03/01/2009

LEZIONI (Trascrizioni): Il solo di Miles Davis su "It could happen to you" da "Relaxin' with the Miles Davis Quintet" (Andrea Sorgini)

19/10/2008

Kind Of Blue (50th Anniversary De Luxe Edition) (Miles Davis)

03/05/2008

Birdland 1951 (Miles Davis)

01/11/2007

LEZIONI (piano): Pentatoniche e accordi per quarta (Claudio Angeleri)

18/03/2007

Nuova gallery di quadri curata da Henk Mommaas

11/02/2007

Intervista a Eddie Gomez: "Tutto ciò che io ho studiato, tutto ciò a cui mi sono interessato, non è stato premeditato. Il mio interesse si è sviluppato col tempo. A 21 anni forse potevo dire di aver appreso qualcosa di questa storia, e di quella e di quell'altra ... Poi, nei miei anni succesivi con Bill Evans, ho appreso ancora di più della tradizione ... e sto ancora imparando..." (Adriana Augenti)

17/04/2006

LEZIONI (Trascrizioni): Un favoloso solo di Charlie Parker sul brano Scrapple from the Apple (Marcello Zappatore)

04/04/2006

I dipinti dei grandi del jazz di Mauro Angiargiu

03/01/2006

LEZIONI (Trascrizioni): Il solo di Miles Davis sul brano Half Nelson dell'album "The Prince of Darkness" (Marcello Zappatore)

16/12/2005

Nuova gallery con i quadri di Manlio Noto

03/06/2005

Riedizioni 2005 (Miles Davis)

21/03/2004

Kind of Blue - Io & MIles Davis (Quincy Troupe - Ashley Khan)





Video:
The Miles Davis Story (Sub Ita)
Nessuna descrizione disponibile....
inserito il 18/09/2011  da Greengrassmusic - visualizzazioni: 3889
Lonnie Liston Smith w/Alessio Menconi, Massimo Moriconi, Lee Pearson @ Eddie Lang Jazz Festival 2011
Lonnie Liston Smith w/Alessio Menconi (guitar) Massimo Moriconi (bass) & Lee Pearson (drums) @ Eddie Lang Jazz Festival 2011http://www.eddielang.o...
inserito il 23/08/2011  da HandEyeFamilyMusic - visualizzazioni: 3611
Miles Davis Human Nature (solo Kenny Garrett)
Miles Davis-trumpetKenny Garrett-saxophoneFoley-guitarRicky Wellman-drumsRichard Patterson-bass1991...
inserito il 25/05/2011  da kmpp16 - visualizzazioni: 2881
Miles Davis - The Last Performance - Jazz à Vienne 1991 (Official)
Directed by : Patrick SaveyExclusive -- The last Miles Davis with his band filmed concert, on 1991 July 1st. Filmed at the Vienne Roman theater, feat ...
inserito il 29/11/2010  da Zycopolis - visualizzazioni: 2791
Miles Davis Time After Time Montreux 1988 - Google Chrome.flv
Miles......
inserito il 05/11/2010  da BlackMax58 - visualizzazioni: 2915
2010 Grammy Nominated Roy Hargrove Big Band - Roy Allan (Jazz A Vienne Excerpt)
Purchase "EMERGENCE" at Amazon: http://www.amazon.com/gp/product/B002..., at iTunes: http://itunes.apple.com/us/album/emer..., , Filmed live...
inserito il 20/12/2009  da GroovinHighRecordsUS - visualizzazioni: 2958
Miles Davis - Heavy Metal
Miles Davis - Live in Germany (1988)Miles Davis - trumpet, keyboardsKenny Garrett - saxophone, fluteBobby Irving - keyboardsAdam Holzman - keyboardsBe...
inserito il 03/07/2009  da Neidhardt84 - visualizzazioni: 3147
Miles Davis in Concert ( Kenny Garrett solo )
Warsaw 1988...
inserito il 10/10/2008  da darominu - visualizzazioni: 3396
Miles Davis - In A Silent Way, New Blues LIVE STUTTGART ´88 [HQ]
Inicio del concierto Miles en Stuttgart '88....
inserito il 08/10/2008  da juandirecto - visualizzazioni: 3260
Avishai Cohen - Smash
...
inserito il 19/08/2008  da luccabf - visualizzazioni: 3031
Keith Jarrett about Miles Davis and the Very Slow Beat
Keith Jarrett tells a story about Miles Davis and how this great musician explained a very slow beat to a drummer. Very funny!...
inserito il 08/07/2008  da frafrafrafrabla - visualizzazioni: 2883
Marcus Miller - So What (Live)
Marcus Miller performs live playing a Miles Davis classic, So What....
inserito il 28/06/2008  da tonchi2a - visualizzazioni: 3002
Jazz istruzioni per l'uso paolo fresu
...
inserito il 14/05/2008  da esomare - visualizzazioni: 3705
Charlie Parker - "My old flame"
Charlie Parker (alto sax), Miles Davis (tromp.), Duke Jordan (piano), Tommy Potter (g), Max Roach (drums)...
inserito il 29/02/2008  da caoamarelo - visualizzazioni: 2936
Miles davis & Marcus miller - mr pastorius
video do miles davis & marcus miller - mr pastorius mtv jazz...
inserito il 18/07/2007  da caoamarelo - visualizzazioni: 3229
Miles Davis & John Scofield
http://worldmusicstore.com.au Purchase this DVD by clicking above:...
inserito il 13/07/2007  da ozmusicshop - visualizzazioni: 3157
Michael Brecker and Bobby McFerrin
A duet of Brecker's Safari....
inserito il 17/04/2007  da saxmac - visualizzazioni: 1865
WOODY SHAW: "To Kill A Brick" - Monterey Jazz Fest. (1979)
http://www.WoodyShaw.com...
inserito il 25/03/2007  da WoodyShawdotcom - visualizzazioni: 3000
Miles Davis - Herbie Hancock - Wayne Shorter - Ron Carter -
Miles Davis - Herbie Hancock - Wayne Shorter - Ron Carter - tony williams Stockholm 1963...
inserito il 19/02/2007  da moresco63 - visualizzazioni: 3178
Miles Davis - Wayne Shorter - Herbie Hancock - Ron Carter -
...
inserito il 25/01/2007  da moresco63 - visualizzazioni: 2940
Miles Davis: Walkin'
The Miles Davis Quintet digs into this classic on November 7, 1967 at the Stadthalle, Karlsruhe, Germany....
inserito il 20/12/2006  da pixaninny - visualizzazioni: 3124
miles davis electric 73
calypso frelimo at newport...
inserito il 08/10/2006  da milesdewey - visualizzazioni: 2894
Miles Davis Quintet - 1967 - Footprints
The video is actually from a concert done on October 31, 1967 in Sweden. Miles and the band were in Europe, playing in a concert package dubbed "...
inserito il 18/08/2006  da edmarxxx - visualizzazioni: 2901
John Coltrane w/ Wynton Kelly Trio VERY RARE
John Coltrane, Wynton Kelly, Paul Chambers, Jimmy Cobb-- RARE!...
inserito il 21/07/2006  da jazzclassic - visualizzazioni: 3008
BURN : Miles davis w/santana & Robben ford
Miles Davis Octet with Carlos SantanaAmnesty International's 25th Anniversary Benefit ConcertGiants Stadium, East Rutherford, NJJune 15, 1986...
inserito il 04/07/2006  da ricosantana - visualizzazioni: 2623
Miles davis et John Coltrane - So what
http://deepsound.net - Miles Davis and John Coltrane play one of the best renditions of SO WHAT ever captured on film-Live in 1958. Edit : in fact, wa...
inserito il 14/05/2006  da Deepsound - visualizzazioni: 2983
George Benson blues miles davis tribute
George Benson & mIles Davis...
inserito il 09/03/2006  da Bendrobert2005 - visualizzazioni: 3187


Inserisci un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


Questa pagina è stata visitata 1.059 volte
Data pubblicazione: 20/08/2017

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti