Jazzitalia - Articoli: Le mani infuocate di Mantilla
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novità

Le mani infuocate di Mantilla
maggio 2009
di Franco Bergoglio

Ray Mantilla, con oltre cinquant'anni di attività ha contribuito più di tutti a trasportare l'ancestrale suono delle percussioni nel nuovo millennio, strumento di prima grandezza non solo per quel colore latino, -il latin tinge, lo si definiva un tempo- o per guidare i movimenti dei ballerini di salsa e derivati. Ha suonato jazz con i migliori sulla piazza da Charles Mingus a Gato Barbieri, ma oggi descrive la sua musica semplicemente come latin jazz con autentici ritmi latini. Una affermazione semplice e nello stesso tempo sottile, che lui stesso completa con dovizia di particolari. Di passaggio in Italia con un tour europeo per celebrare il suo 75° compleanno ha chiacchierato volentieri come suo solito. Così spiega la sua carica umana sopra e dietro il palco: suono per rendere felice la gente. La musica ha lo scopo di portare felicità e gioia. La musica deve dare piacere, è un messaggio di dio.

I
nterrogato sulla musica contemporanea e sui musicisti delle nuove generazioni si dilunga invece in una premessa che spiega poi il suo atteggiamento nei confronti del jazz e della variante latina. Tutto il discorso ruota sul tema della tradizione che Ray declina però in maniera più ampia di quanto solitamente sia usuale per l'America. Il jazz è la forma d'arte americana per eccellenza. All'inizio c'erano solo i neri: grandissimi musicisti come Blakey, Roach, Freddie Hubbard, Fathead Newman. Oggi ci sono molti validi musicisti ma pochi suonano la pura tradizione. Ieri era la musica degli afroamericani, di Max Roach e Dizzy Gillespie; oggi è di tutti, appartiene a tutti: possono suonarla un russo o un giapponese ugualmente bene.
Il bebop lo si può suonare in tutto il mondo insieme ad altri generi e fondere tutto insieme, insomma creare un misto. Dalla mescolanza può sempre nascere qualcosa di buono. La musica infatti è un melting pot, un arcobaleno multicolore…

E' vero che Ray ha suonato con jazzisti importantissimi, ma senza nulla togliere a questi mostri sacri del pantheon jazz ha anche incrociato i suoi tamburi con il meglio del meglio dei musicisti latini, in uno spettro di stili e nazionalità davvero ampio, dal citato Barbieri a Barretto, Eddie Palmieri e Tito Puente.

Io non suono be bop, suono una musica con dentro il mio ritmo, che è frutto della tradizione. Blakey, Roach hanno la loro tradizione di percussioni che è essenzialmente una tradizione nord americana. C'è però anche tutta una tradizione di percussioni e di musiche afro-caraibiche. Anch'io seguendo le musiche del Porto Rico o di Cuba posso rifarmi ad una tradizione che ha anch'essa tantissimi anni sulle spalle. E anche queste sono tradizioni differenti tra loro, il ritmo di Cuba non è lo stesso di Porto Rico. Ci sono la salsa il reggae. E sono tradizioni differenti che arrivano dall'africa ma poi si modificano e cambiano di paese in paese. Quindi Cuba, Puerto Rico, ma si potrebbero portare tanti altri esempi, come il Messico…In Argentina -per citare un altro caso- c'è il tango e c'è un tango jazz, cioè un tango suonato in maniera jazzistica. Io faccio lo stesso, suono il mio ritmo e insieme suono del jazz.

Oggi con i gruppi Space Station e Jazz Tribe porta avanti un discorso personale. Queste band suonano un gran numero di sue composizioni e gli standard non sono quasi mai quelli della tradizione jazzistica, in onore ai princìpi sopra esposti. Ma come è iniziato tutto quanto? Mantilla è un ragazzo quando a New York la musica, anzi le musiche invadono ogni strada, ogni quartiere. Negli anni Quaranta la grande mela divenne la mecca della moda cubana. Parker e Gillespie che ascoltavano con attenzione le orchestre cubane in città inventarono il cubop, l'unione tra il loro bebop e i ritmi centroamericani, suonando con Machito. Proprio questo ambiente in fermento ha visto i primi passi di Mantilla. Ma come si è appassionato Ray alle percussioni, lui newyorchese del South Bronx di nascita?

Ho iniziato a suonare le conga ascoltando i dischi, collezionando musica cubana e ballandola. A New York era pieno di musicisti afro-cubani. Poi ho preso lezioni dai musicisti della band di Machito. Dopo un po' ho iniziato a suonare anch'io nel giro di New york, dove ho avuto la fortuna di conoscere Ray Barretto. Ci siamo intesi subito e abbiamo iniziato a suonare insieme in jam session. Lui applicava le sue conga al be bop, però mi ha anche insegnato il rispetto per la clave, ad avere sempre la clave in mente. (La clave è il fondamento dei ritmi latini). Abbiamo suonato anche insieme in Descarga moderna. Ray mi ha aiutato a incidere il primo disco: lui suonava le congas e io i bongos. Con questa formula mi ha portato alla prima vera grande incisione, con Herbie Mann. Con lui nei primi sessanta avevamo l'agenda piena di date, suonavamo al Village, e nei locali di New York e poi incidevamo tantissimi dischi.

Le parole di Mantilla riportano a un periodo in cui il jazz a New York aveva ancora appeal nelle sue forme commerciali, magari addolcite dal morbido flauto di Herbie Mann. Anche la comunità afrocaraibica della città, la Spanish Harlem cantata con successo da Ben E. King, finalmente otteneva una visibilità con il fenomeno commerciale del Boogaloo, una fusione del R&B afroamericano, del rock and roll e del soul con il mambo e il son montuno, il tutto mescolato allo scopo di far ballare e conquistare le classifiche. Mantilla sicuramente è partito da quei suoni e dal cubop per tornare verso le radici e farle suonare in un contesto meno commerciale. Il mambo era quello conosciuto dal pubblico ma nella tradizione (e non solo quella cubana) c'erano anche altre musiche: il son montuno, la guajira e la guaracha e tante altre tradizioni di ritmi, in tutti i paesi latini.

Nella sua lunga carriera da session man, prima di acquisire statura da leader, Mantilla ha collezionato collaborazioni a incisioni storiche, come Freedom Now Suite, il grido di lotta per i diritti civili voluto da Max Roach con a fianco la cantante Abbey Lincoln, allora moglie del batterista. Con lo stesso Roach farà poi parte del MBoom Re: una band composta dal gotha dei maestri percussionisti americani. Un altro momento "storico" è sicuramente quello del tour cubano voluto nel 1977 da Gillespie. Per primo Gillespie insieme a Stan Getz e Mantilla, aggirando l'embargo imposto dal governo americano, visitarono l'isola e suonarono con i musicisti locali (tra gli altri Arturo Sandoval e Paquito D'rivera, poi emigrati negli States per seguire Dizzy) in concerti e jam senza fine.. Un'esperienza esaltante che Ray ricorda ancora con commozione: un gran numero di percussionisti, almeno sette sul palco i musicisti erano tutti bravissimi, il feeling era altissimo ma si suonava davvero rilassati.

E la situazione nell'America di oggi? In America abbiamo davvero un grosso problema con l'economia. E per chi suona jazz è anche peggio. Per il tipico musicista di jazz le cose vanno male oggi…Ce ne sono tantissimi che non trovano lavoro e ingaggi in America. E gli americani sono spaventati. Ma ora… grazie a Dio! E' arrivato Obama. Ora che Obama è presidente le cose andranno sicuramente meglio. La gente poi lo ama davvero, almeno tanto quanto ultimamente odiava Bush.

Domanda di rito sull'Italia, ma con una sorpresa: a parte la stima per il sassofonista Piero Odorici, compagno di mille concerti, il personaggio più amato non è un musicista e nominandolo Mantilla si emoziona: Alberto Alberti, ora scomparso, è stato il creatore, insieme a Carlo Pagnotta, di Umbria Jazz e di alcuni tra i principali Jazz-Festivals italiani. Ho trovato un paese che davvero ama la mia musica. Ci vengo da almeno 25 anni con i miei gruppi. E poi…Alberto Alberti! Uno dei miei migliori amici, l'ho conosciuto grazie a Cedar Walton. E' lui che l'ha portato nella mia vita. Una persona può di solito contare al massimo cinque amici veri e Alberto è stato uno di questi, per me. Grazie a lui sono stato in tour in tantissime città: Pescara, Ancona, Brescia, Bologna….

Il resto è storia, dove anche l'Italia gioca un ruolo fondamentale. Alberti coinvolge Sergio Veschi, il patron della Red Records e Ray, finalmente leader, incide i suoi dischi più belli per l' etichetta nostrana, come Hands of fire, (Red Records, 1984).

Nel 2002 fifty years of mambo, segna un ritorno al passato, con un omaggio discografico a Pérez Prado, il re -e l'ambasciatore- del genere tra gli anni Quaranta e Cinquanta; qui ritrova alcune glorie della percussione afro-cubana: Cándido Camero, Paquito Hechevarría e Tony Barrero.

Contemporaneamente suona con maestri d'ancia come Steve Grossman e in numerosi dischi con Bobby Watson, conosciuto ai tempi della militanza con Blakey. Un'esperienza unica, anche dura, perché Blakey ha sempre tenuto in band solo i migliori. Il concerto di Ray rimane una esibizione istrionica e energetica, Spiega: chi suona latino deve suonare molti brani veloci, tirati. E i musicisti devono sentire le mie congas, sono loro il centro. Ma in questo non ci sono problemi: Edy Martinez, il pianista è un grande maestro ed è anche un arrangiatore esperto, come bravo è anche Cucho Martinez al basso, dice parlando dei ragazzi che suonano con lui in tour. Forse la parte spettacolare corre il rischio di mettere in secondo piano la musicalità di Mantilla e a questo punto bisogna prendere in mano una delle incisioni su Red Records per farsi un'idea corretta. Watson, recentemente intervistato da una radio americana, ha detto di lui: non ha solo la capacità di fare show, come molti congueros, ma suona la melodia alle congas. Vero. Ray oltre a comporre dirige con le sue congas i brani, ne stabilisce il tono, il clima. E i brani sono carichi di significato, di soul e di un ritmo che tira fuori l'anima della musica.

Pubblicato su Alternate Takes di maggio
http://www.jazzclub.torino.it/index.php?/ln/it/id_p/14.html






Articoli correlati:
20/10/2013

Quattro chiacchiere con...Attilio Berni: Una collezione di sax unica al mondo: ogni strumento vintage è "vittima" della propria evoluzione ed è plasmato dall'alito vitale insufflato al suo interno da chi lo ha posseduto. (Alceste Ayroldi)

07/04/2013

Cedar Walton presents Piero Odorici (Piero Odorici with Cedar Walton Trio)- Gianni Montano

16/12/2012

Southern Blue (Pablo Bobrowicky)- Roberto Biasco

24/06/2012

Plays And Sings (Dida Pelled) - Francesco Favano

01/05/2012

La Bikina (Edward Simon)- Enzo Fugaldi

08/04/2012

Balkan Bop (Markelian Kapedani Trio)- Gianni Montano

08/04/2012

East Side (Vito Di Modugno Organ Combo)- Gianni Montano

11/09/2011

Nevertheless (Valerio della Fonte)- Enzo Fugaldi

06/03/2010

Charlie Parker - Vita e musica (Carl Woideck)- Marco Losavio

06/02/2010

Altre x-roads (Franco Minganti)- Franco Bergoglio

11/10/2009

Everlasting (The Jazz Tribe) - Giuseppe Mavilla

11/10/2009

E venia da' campi che di Cerri sentia (Franco Cerri Quartet) - Giuseppe Mavilla

05/09/2009

My Foolish Harp (Angelo Adamo) - Giuseppe Mavilla

04/09/2009

Il "29th street saxophone quartet" di Bobby Watson e gli "Space Edition" di Ray Mantilla a Serravalle Jazz 2009: "...ancora una volta il jazz latino conquista l'uditorio in virtù di un ritmo trascinante e della personalità di chi lo propone e illustra." (Gianni B.Montano)

30/08/2009

Laigueglia Percfest 2009: "La 14° edizione, sempre diretta da Rosario Bonaccorso, ha puntato su una programmazione ad hoc per soddisfare l'appetito artistico di tutti: concerti jazz di altissimo livello, concorso internazionale di percussionisti creativi Memorial Naco, corso di percussioni per bambini, corsi di GiGon, fitness sulla spiaggia, stage didattici di percussioni e musicoterapia, lezione di danza mediorientale, stage di danza, mostre fotografiche, e altro." (Franco Donaggio)

26/06/2009

Melodies (Vittorio Gennari) - Alceste Ayroldi

16/06/2009

Balkan Piano (Markelian Kapedani)

09/05/2009

Jazz poesia civile - Jazz '68 - A Charlie Chân piace il jazz? (Guido Michelone)

11/04/2009

LEZIONI (chitarra): Bird's Eye View (by Greg Howe), Jazz minor blues substitutions (Francesco Bonfanti)

15/03/2009

Tuscia in Jazz Live (AA.VV.)

01/01/2009

Cedar Walton al Bologna Jazz Festival: "L'hard bop di Walton oggi appare ricamato, edulcorato nei suoi contrasti. Qualunque sporgenza o dissonanza viene diluita in un'armonizzazione serena, sofisticata e, forse, un po' troppo ragionevole. Il suo stile, evoluto e inguaribilmente odierno, finisce per confezionare un jazz da cartolina, indubbiamente adatto alle esigenze degli ascoltatori più nostalgici." (Giuseppe Rubinetti)

23/11/2008

Il Giganti del Jazz (Studs Terkel)

03/05/2008

Birdland 1951 (Miles Davis)

09/04/2008

Organ Trio Plus Guests (Vito Di Modugno)

10/02/2008

LEZIONI (chitarra): Improvvisazione Blues-Jazz, Fraseggi, Lezione 1 (Pietro Nicosia)

05/01/2008

I Festival Piemontesi, II Tappa: "I viaggi sono costruiti attraverso ritorni, passaggi e paesaggi e possono diventare con il tempo frequentazioni; le novità sanno stupire presentandosi come eccezioni o consolidate esperienze e il jazz acquista nuovamente lo stimolo per attraversare e ri-attraversare il Piemonte dell'estate 2007." (Alessandro Armando)

27/05/2007

Gillespie, Blakey, Baker, Petrucciani, Rollins...le jazz pictures di Paolo Ferraresi

27/04/2007

Le Opere in Digital Art di Bruno Pollacci sui grandi del Jazz.

27/04/2007

LEZIONI (Violoncello): Donna Lee, istruzioni per l'uso... (Lucio Franco Amanti)

18/03/2007

Nuova gallery di quadri curata da Henk Mommaas

26/01/2007

Bravo Jazz 2006, Dedicato ad Alberto Alberti: "Quella di Alberto Alberti è stata una delle presenze più significative per la musica afroamericana in Italia; egli ha saputo promuovere e diffondere l'amore per il Jazz in tutto il paese, creando momenti di incontro per gli artisti e ideando manifestazioni un po' ovunque e Umbria Jazz ne è uno splendido esempio..." (Pierluigi Vicini)

27/12/2006

LEZIONI (Storia): Bird, analisi del grandioso film di Clint Eastwood: "Rispetto alla tradizione del cinema biografia, Bird è un autentico capolavoro, dove il ritmo, continuamente mutato nei frequenti cambiamenti spazio-temporali sembra seguire quel ritmo interno che ha scosso la vita del vero Charlie Parker e che ha scosso inevitabilmente la storia del jazz." (Cinzia Villari)

16/05/2006

A Tribute to Charlie Parker (Francesco Cafiso & Strings)

14/05/2006

George Cables Trio: "Ancora una volta Cables ha sorpreso tutti con il suo pianismo delicato, brani melodici quasi cantabili, fatto di piccole sfumature..." (Bruno Gianquintieri)

17/04/2006

LEZIONI (Trascrizioni): Un favoloso solo di Charlie Parker sul brano Scrapple from the Apple (Marcello Zappatore)

11/01/2006

Luis Agudo e Daniele Di Gregorio alla Casa del Jazz: "Due culture musicali a confronto, con l'istinto quasi ancestrale di Agudo a dettare il ritmo e con Di Gregorio che vi conferisce forma e armonia..." (Dario Gentili)

03/09/2005

Parkeriana: Tre sax alto, sezione ritmica di gran pregio: l'Associazione Bollate Jazz Meeting ha organizzato un concerto in omaggio alla musica di Charlie Parker (Patrizio Gianquintieri).

14/05/2005

George Cables Trio e Piero Odorici al Fiemme Ski 2005: "...Alla classe di Cables si affianca un Odorici ispiratissimo che sfodera una prova superlativa..." (Vito Mancino)

30/04/2005

LEZIONI (Trascrizioni): Bird of Paradise, improvvisazione di Charlie Parker sull'armonia di "All The Things You Are". (F. Perina, N. Fazzini)

15/04/2005

Bala Boloum - Percusa Live (Luis Agudo & Daniele Di Gregorio)

06/01/2005

New York Connection (Pablo Bobrowicky)

07/11/2004

Fiesta de Agosto (Edward Simon & David Binney)

11/10/2004

Paradoxa (Salvatore Bonafede) - ANTEPRIMA

03/10/2004

Radio Suite (Salvatore Tranchini)

17/07/2004

Together again for the first time (Red Records All Star)

26/06/2004

Bopcentric (Mike Melillo Trio)

01/05/2004

Into the blue (Boltro Bozza Bassini Fioravanti Prina)

01/05/2004

A rainy day - Um dia de chuva (Mani Padme Trio)

22/01/2004

Love Ballads (M. Giammarco, A. Lande, P. Leveratto, R. Gatto)

18/01/2004

Anteprima di "Faces", il nuovo CD di Salvatore Tranchini per la Red Records.

10/01/2004

Airegin (Franco D'Andrea – Giovanni Tommaso – Roberto Gatto)

12/12/2003

In anteprima il nuovo CD che il fisarmonicista Pino Di Modugno ha inciso per la Red Records.

29/04/2003

NEWS: Red Star, il nuovo CD di Fabio Morgera per la Red Records: "...Aver riunito questi artisti del jazz , averli visti creare insieme con tale purezza estetica e bruciante passione rappresenta per me uno di quei momenti della vita in cui si avvera un sogno."

05/10/2002

In anteprima assoluta, su Jazzitalia, il CD Organ Grooves di Vito Di Modugno con Sandro Gibellini, Massimo Manzi, Stefano D'Anna, Fabrizio Bosso e la partecipazione straordinaria del fisarmonicista Pino Di Modugno (Red Records)

12/02/2001

Fast Flight di Fabrizio Bosso





Video:
Lonnie Liston Smith w/Alessio Menconi, Massimo Moriconi, Lee Pearson @ Eddie Lang Jazz Festival 2011
Lonnie Liston Smith w/Alessio Menconi (guitar) Massimo Moriconi (bass) & Lee Pearson (drums) @ Eddie Lang Jazz Festival 2011http://www.eddielang.o...
inserito il 23/08/2011  da HandEyeFamilyMusic - visualizzazioni: 1645
BOBBY WATSON & RAY MANTILLA THE JAZZ TRIBE MANTILLA'S JAM
nessuna descrizione disponibile...
inserito il 24/02/2011  da vscsrg - visualizzazioni: 2280
NPR Live at the Village Vanguard Webcast: Joe Lovano - January 12
On January 12th, celebrate the release of Joe Lovano's new Blue Note Recording, "Bird Songs" with a live webcast from the Village Va...
inserito il 09/12/2010  da JazzVideoGuy - visualizzazioni: 2088
Joe Lovano - Bird Songs
Joe Lovano's new Blue Note recording, "Bird Songs," an exploration of the music of Charlie Parker featuring Us Five, drops January 1...
inserito il 09/12/2010  da JazzVideoGuy - visualizzazioni: 2457
Enrico Rava Quintet Standards "Scrapple From The Apple" - Moro Jazz Pub - Cava de' Tirreni - Salerno
Enrico Rava Quintet Standards in Scrapple From The Apple (C. Parker) excerpt, in Concert al Moro Jazz Pub - Cava de' Tirreni - SalernoEnrico R...
inserito il 04/12/2010  da JazzVideoGuy - visualizzazioni: 1919
Thelonius Monk and the Giants of Jazz 1971 Round Midnight
Thelonius Monk and the Giants off Jazz 1971 .The Giants off jazz during there worldtour in Holland . This clip is a Big IM for the bandmember Special ...
inserito il 14/05/2010  da thejazzsingers - visualizzazioni: 1605
DARY -GRASSO Quintet "Sunday"
Nicolas DARY:tenor saxLuigi GRASSO:alto saxPasquale GRASSO: guitarMathias ALLAMANE:bassPhilippe SOIRAT:drumsLive Caveau de la Huchette 21/02/2010...
inserito il 16/03/2010  da thejazzsingers - visualizzazioni: 1088
Anthropology - Dizzie GIllespie / Charlie Parker - Davide Benecchi & The Jazz Masters
Davide Benecchi has achieved the diploma in "Mastering Jazz Guitar", a course held by Bebo Ferra at Accademia del Suono., "The Jazz Mas...
inserito il 04/10/2009  da accademiadelsuono - visualizzazioni: 2021
Charlie Parker and Coleman Hawkins, Lester Young, et al 1950) - 1 of 2
This is one of two surviving sound films of Charlie Parker playing (and certainly the longest; the other is only 52 seconds long). Until recently, thi...
inserito il 14/12/2008  da kenjames64 - visualizzazioni: 1175
Bird, Bean, and Prez, et al (1950) - 2 of 2
Personnel:1. Ad Lib: Hank Jones (p), Ray Brown (b), Buddy Rich (d)2. Pennies From Heaven (unrecognizable): Bill Harris (tb), Lester Young (ts), Jones ...
inserito il 14/12/2008  da kenjames64 - visualizzazioni: 2036
"Road Song" Tony Monaco,Eddy Palermo, Flavio Boltro,Ray Mantilla and friends
Tuscia in Jazz 2008Tony Monaco,Eddy Palermo,Flavio Boltro,Paolo Recchia,Francisco Mela, Geggè Munari, Ray Mantilla,Carl PotterEddy PalermoArenown...
inserito il 20/11/2008  da lermici - visualizzazioni: 2131
Charlie Parker - All the things you are
Charles "Bird" Parker, Jr. (1920.08.29.-1955.03.12.) All The Things You Are...
inserito il 25/06/2008  da antonnio200 - visualizzazioni: 1407
Charlie Parker - "My old flame"
Charlie Parker (alto sax), Miles Davis (tromp.), Duke Jordan (piano), Tommy Potter (g), Max Roach (drums)...
inserito il 29/02/2008  da caoamarelo - visualizzazioni: 1443
Charlie Parker - "Groovin' High"
Charlie Parker (alt. sax),, Herbie Williams (tromp.), Rollins Griffith (Piano), Jimmy Woode (bass), Marquis Foster (drums), Dec. 1953...
inserito il 29/02/2008  da caoamarelo - visualizzazioni: 1175
Charlie Parker - "Moose the Mooche"
Charlie Parker (alt. sax), , Red Garland (piano), Billy Griggs (bass), Roy Haynes (drums), Live at Storyville Club, 10th March, 1953...
inserito il 29/02/2008  da caoamarelo - visualizzazioni: 1357
Bireli lagrene - donna lee - ( charlie parker)
bireli tocando en en jazz vienne festival, el tema de charlie parker donna lee, con gipsy project....
inserito il 16/01/2008  da alejandrojazzmetal - visualizzazioni: 1583
Charlie Parker - Summertime (Jazz Instrumental)
Muy buena pieza...Summertime y el gran maestro Charlie Parker...que la disfruten...
inserito il 27/10/2007  da seann588 - visualizzazioni: 1524
Charlie Parker Sessions
Charlie Parker Sessions....
inserito il 06/02/2007  da servitecafe - visualizzazioni: 1011
Charlie Parker-Coleman Hawkins: Ballade
Norman Granz: Presents,Improvisation 1950...
inserito il 06/02/2007  da razalatinaPeru - visualizzazioni: 1069
Freddie Hubbard - I Remember Clifford
With Art Blakey and the All Star Jazz Messengers, 1984. (Benny Golson, Curtis Fuller, Walter Davis Jr, Buster Williams), , Hub works up to and holds a...
inserito il 26/01/2007  da eatsleeptrumpet - visualizzazioni: 789
Wayne Shorter - Children of The Night Solo
...
inserito il 25/01/2007  da eatsleeptrumpet - visualizzazioni: 1059
Freddie Hubbard - Children of The Night
with Art Blakey, Wayne Shorter, Curtis Fuller, Cedar Walton, Reggie Workman at the 1963 San Remo Jazz Fest...
inserito il 24/01/2007  da eatsleeptrumpet - visualizzazioni: 749
The Death of Charlie Parker
Charlie Parker's death in 1955 was one of jazz's great tragedy's....
inserito il 06/11/2006  da flydguzmon - visualizzazioni: 1101
Freddie Hubbard & Art Blakey - Moanin'
CLASSIC FREDDIE! This is from 1962 with Art Blakey and the Jazz Messengers. The rest of the band is Wayne Shorter, Curtis Fuller, Cedar Walton, and Re...
inserito il 17/10/2006  da eatsleeptrumpet - visualizzazioni: 1183
Art Blakey and the Jazz Messengers - Are you real?
are you real? paris 1959...
inserito il 14/06/2006  da avelaz3 - visualizzazioni: 1065
Art blakey's Jazz Messengers - Dat Dere
Art Blakey's Jazz Messengers 1961. , , See the whole performance here:, , http://video.google.com/videoplay?doc......
inserito il 14/04/2006  da avelaz3 - visualizzazioni: 686


Inserisci un commento


© 2000 - 2014 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


Questa pagina è stata visitata 3.492 volte
Data pubblicazione: 31/05/2009

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti