Jazzitalia - Articoli: Intervista a Roberto Ottaviano
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Intervista a Roberto Ottaviano
di Alceste Ayroldi

photo by Giuseppe Capaldi

La sua abilità, a parte quella strumentale, sta nell'essere poliedrico al punto giusto tanto da riuscire ad amalgamare le Arti attraverso le sue note. Roberto Ottaviano dopo cinque anni di silenzio discografico da leader, torna ad incidere e lo fa per l'etichetta salentina Dodicilune. Con lui discorriamo di musica, arte e didattica jazz.

Roberto, chi o cosa ti ha portato al jazz?

Dapprincipio c'è stato un incontro casuale che mi ha fatto cambiare prospettiva nei confronti della musica "tout court"…Rovistando in una collezione di Long Playing di mio padre feci una selezione e misi sul piatto il concerto per clarinetto ed orchestra di Artie Shaw. Wow! Un vero shock. Mi ritrovai a ballare euforico e coinvolto nel profondo, per me allora adolescente, da questa orgia di suono. Da quel momento per me la musica non fu più la stessa cosa. Cominciai rapidamente a sentire che c'era qualcosa di straordinario, complesso e semplice allo stesso tempo. Qualcosa di magico e diretto che mi faceva stare bene. La mia formazione come ascoltatore quindi procedette rapidamente con il rock progressive, fino a che trovai sulla mia strada la "chiave" di accesso al mondo afroamericano attraverso Frank Zappa e gli inglesi Soft Machine. E' quello il periodo in cui decisi di "emulare" i miei eroi come fanno i ragazzi in genere con i calciatori…

Dal clarinetto al sassofono… Cosa non ti piaceva del primo e cosa ti ha ammaliato del secondo?

In realtà il clarinetto l'ho studiato per un po' "accademicamente" al contrario del saxofono che era il mio reale obiettivo ma che quando ho cominciato non era uno strumento preso troppo sul serio in ambito conservatoriale (parlo del '76 circa). Successivamente, ma già dopo una diecina d'anni che suonavo, decisi di colmare alcune lacune sul piano della sua conoscenza tecnica grazie all'aiuto, tra gli altri, di Federico Mondelci straordinario virtuoso classico dello strumento.

Sei particolarmente poliedrico, ti dedichi a numerosi progetti che abbracciano il teatro, la letteratura, danza, arti visive. Sembra che tu sia alla costante ricerca di "qualcosa". Cosa ricerchi?

Non è che abbia una meta precisa. Semplicemente non mi piace essere "autoreferenziale", e non credo che una serie di risposte ci arrivino unicamente dall'ambiente o dalle cose che facciamo con priorità. Non ho mai sopportato le "parrocchie". Quelle di vecchi appassionati di Jazz così come quelle di certi velleitari avanguardisti barricaderi. Le trovo tristi e limitate. Io aspiro a fare in modo che nel mio suono, nella musica che produco, ci siano movimento, storie, evocazioni, e quindi mi sembra naturale trovarne un ideale luogo di proliferazione laddove registi, attori, danzatori, scultori, ecc. nutrono le mie stesse ambizioni. Il sax è un veicolo ed il jazz è oggi più che mai un mezzo per contattare altre realtà e comunicare delle cose. Duke Ellington ci ha insegnato molto a riguardo.

Ti muovi in diversi ambiti della musica afroamericana. Quale è quello che preferisci?

Oggi a 50 anni "suonati" credo di essere consapevole dei miei limiti e anche di ciò che riesco a fare meglio, senza trascurare ciò che mi interessa realmente. Certo nel corso della mia carriera ho fatto cose anche estremamente diverse fra loro ma mai ho ceduto alla tentazione di produrre fotocopie di epoche passate e tantomeno di accodarmi con le mode del momento. Per capirci meglio, non ho mai fatto bop né mi sono fatto coinvolgere dall'acid jazz (che da noi è diventato moda dopo 10 anni che in Inghilterra il fenomeno si era già consumato…), o dalle ritmiche house e hip hop. Sono stato sempre interessato a fare esperienze con i musicisti "giusti" per il clima che esse richiedevano. E' stato così con Mal Waldron, come con J.J.Avenel e J.Betsch che sono stati fedelissimi per anni del mio maestro Steve Lacy, e con i quali ho avuto modo di entrare nel vivo della cultura afro-americana, così come con G.Gaslini, F.Koglmann o P.Favre che hanno rappresentato l'altra faccia del mio viaggio nel mondo del improvvisazione vista con la sensibilità di un europeo che conosce la sua tradizione colta ed extra-colta.

Una domanda a bruciapelo: meglio il jazz europeo, americano o africano?

Oggi credo il livello di preparazione sia piuttosto elevato un po' ovunque. Ciclicamente poi ci sono delle proposte e degli approcci che provengono da luoghi e culture diverse che a me sembrano più interessanti di altre, sempre che si consideri questa musica in costante evoluzione. Parlando ad esempio di ritmiche è interessante notare come nella seconda metà degli anni '60 il tandem Ron Carter/Tony Williams sia stato una autentica rivelazione per il jazz afroamericano. Dieci anni dopo, a mio parere, la Norvegia di Palle Danielsson/Jon Christensen ha trasformato ulteriormente il modo di percepire lo spazio temporale. E però come era pregnante e "terrigno" il sound africano di Harry Miller e Louis Moholo….Con questo voglio dire che in America come in Europa o in altre parti del mondo il jazz è ancora una straordinaria avventura se scommette sulla sua capacità di rimettersi costantemente in gioco piuttosto che cristallizzarsi in un cliché buono solo per le halls di certi alberghi.

Ed ancora un'altra: si suona del buon jazz in Italia?

Accidenti! Credo che nel nostro paese ci siano alcuni tra i migliori musicisti ed i migliori talenti europei, ma direi anche mondiali. Peccato però che in giro vadano solo e sempre i soliti noti, che sono bravissimi ma non sono gli unici. Chi organizza e promuove dovrebbe avere un po' più di informazione, coraggio e volontà. Il pubblico, sono sicuro, non mancherebbe se potesse venire a contatto con questo grande patrimonio underground e, finalmente, potrebbe apprezzare la differenza. Mi fa poi rabbia che spesso capitino da noi ed abbiano molto spazio, alcuni solisti e gruppi stranieri davvero insignificanti che ci propongono idee riciclate e/o stantìe, con la convinzione che abbiamo ancora l'anello al naso.

Sei un affermato docente del conservatorio di Bari. E' necessario studiare jazz?

Se vuoi fare musica devi studiarla ed il jazz forse più di tante altre pratiche musicali. Ma qui si apre una profonda diatriba su quali possano essere i migliori strumenti didattici per la trasmissione di un sapere che per tanto tempo è stato solo trasmissione orale (anedottica il più delle volte) e/o auditiva. Personalmente ho sempre adottato un sistema bilanciato tra istinto e osservazione, tra prassi e teoria, tra artigianato e scienza. Naturalmente, ma questa banalità che sto per dire è valida per l'arte in genere, il talento non si insegna.

Quale è l'attuale situazione della didattica musicale in Italia? Pregi e difetti dei conservatori italiani…

La didattica musicale italiana è una delle migliori in assoluto ma non va confusa con i pregi ed i difetti dei "contenitori" in cui deve operare. I "contenitori", cioè i Conservatori scontano la pena e pagano il conto della scuola pubblica italiana ridotta ad uno strazio. Tra burocrazia sovietica e finanze fantasma, una scuola così è solo la caricatura di sé stessa anzi, un miracolo. In queste condizioni in qualsiasi altro paese si sarebbe andati a casa. Ciò nonostante si ha ancora voglia di costruire laddove, con meticolosa cura, la politica progressivamente distrugge.

Chi ha maggiormente influito sulla tua formazione musicale?

Tutti i musicisti che ho conosciuto.

Un Dio Clandestino è il tuo ultimo lavoro discografico, nato a distanza di circa 5 anni dal precedente. Perché questa lunga pausa prima di andare in sala di registrazione?

Perché in un mondo che ha perso l'intervallo, che non conosce più l'attimo per fermarsi a riflettere su ciò che accade, in cui si produce per esserci e non per necessità, e che gira in tondo, io preferisco "scendere". Forse quando avevo vent'anni o trenta mi sembrava logico andare in studio periodicamente e sviluppare il solito rituale della ricerca dell'etichetta, della spedizione delle copie promozionali, della disperata ricerca della recensione e della partecipazione ai referendum. Ma quel tempo è ormai lontano sono anni che ho recuperato il gusto di fare musica perché è importante, perché vitale, perché ho da dire qualcosa. Di conseguenza vado in studio solo se ciò che debbo documentare mi sembra realmente utile e giustifichi il fatto che poi qualcuno il disco infine lo compri.

Perché è Clandestino il Dio di cui parli?

Perché è sempre più nascosto e costretto a rivelarsi in condizioni di grande difficoltà e spesso non è riconosciuto. E' un Dio che si manifesta nella solitudine e che ci parla quando siamo ormai convinti che il sipario è calato. E' un Dio che scorre nei nostri campi di grano, tra i riflessi del sole che trafiggono i rami degli ulivi, nelle melodie struggenti che ci avvolgono a tradimento, nel sorriso dei volontari che non chiedono nulla. E' perfino clandestino nelle stesse chiese che hanno edificato intorno al suo nome, in cui si aggira lento e scruta volti ed animi delle persone per capire e per offrire compassione.

Come è nato questo progetto?

con i Pinturas - photo by Giuseppe CapaldiMolto semplicemente dal rapporto di quattro persone che stanno bene insieme e che hanno stabilito un rapporto di autentica amicizia. Su questa base che certo non è trascurabile va poi ad aggiungersi un appetito vorace per tanta musica che abbiamo incontrato nel nostro cammino e che viene necessariamente filtrata attraverso il gusto e l'arte dell'improvvisazione jazzistica e non. La maturità finalmente di poter suonare ciò che ci pare senza porci il limite di un etichetta o di un atteggiamento che forzosamente la rappresenti.

10 tracce attinte da diverse parti del Globo. Quali sono stati i criteri di scelta?

Questo disco rappresenta un momento assai particolare per me, poiché per la prima volta ho rinunciato a documentare composizioni originali ed ho pensato solo a tirar fuori da un repertorio non jazzistico, ma dalle suggestioni musicali forti, due elementi che hanno sempre contraddistinto il mio modo di fare musica: il canto ed il ritmo. In nostro gruppo in poco tempo ha accumulato un repertorio molto vasto di canzoni ed arie antiche e moderne che vengono dal continente africano, dal centro e sud-america come dall'america latina, da paesi dall'europa mediterranea ma anche dai paesi del nord e dal mondo orientale. Abbiamo scelto per "Un Dio Clandestino" alcuni brani con un forte carattere comunicativo che era ciò che ci premeva maggiormente in questo momento.

Il libro che stai leggendo…

"Mille splendidi soli" di Hosseini Khaled

Il disco che stai ascoltando…

"The Optimist LP" dei Turin Brakes, pieno zeppo di meravigliosi brani rock-folk capaci di far salire le lacrime agli occhi anche ai più tenaci assertori del cinismo postmoderno. A tratti la musica dei Turin Brakes ricorda Radiohead, altre volte si rivela come un cocktail di Ry Cooder ed Elliot Smith.

Quali sono i prossimi impegni di Roberto Ottaviano?

Certo la promozione del gruppo Pinturas attraverso alcuni concerti e festivals che abbiamo nei prossimi mesi. Inoltre sono particolarmente coinvolto dai progetti della Minafric Orchestra e dal quintetto Canto General in compagnia, tra gli altri di Louis Moholo e Pino Minafra, con cui abbiamo in cantiere una nuova registrazione per la Ogun Records e la partecipazione ai festivals di Le Mans e Lubjana. Ho ricevuto inoltre un invito a tenere una masterclass a Woodstock N.Y. presso il Creative Music Studio dove incontrerò Karl Berger che mi ha invitato a far parte del suo collettivo che omaggia Don Cherry.

Se ora dovessi imbracciare il tuo sassofono, cosa suoneresti?

"Dear Lord" di John Coltrane.

A chi vorresti fare una dedica? E cosa vorresti dirgli?

A tutti i bambini del mondo che sono il futuro del nostro pianeta. Amarsi, sorridere, fare in modo che chi ti sta vicino sia felice perché se questa cosa si trasmette come un virus si può invertire la spirale che porta verso il male.

leggi la recensione del disco "Un Dio Clandestino"...>>>

 






Articoli correlati:
23/09/2017

Talos Festival 2017: "Un esempio virtuoso di politica culturale che trae la propria forza dalla competenza, dalla volontà e dalla passione del direttore artistico..." (Vincenzo Fugaldi)

20/08/2017

Minafric (Pino Minafra)- Gianni Montano

22/02/2016

L'astrolabio (Roberto Ottaviano)- Alceste Ayroldi

03/01/2016

Sarah Jane Morris Quintet: "La cantante e i suoi sodali hanno dato prova di quanto la professionalità, la grinta e la motivazione sociale possano andare d'accordo con tutta la musica: quella senza barriere..." (Alceste Ayroldi)

25/10/2015

Forgotten Matches. The Worlds of Steve Lacy (Roberto Ottaviano)- Gianni Montano

19/10/2015

Ai Confini tra Sardegna e Jazz - Conduction: ben tornato Butch: Un'edizione dedicata alla figura di Butch Morris, "Genio, visionario, profeta, musicista che fu di questa terra e che pare non tornerà più..." (Gianmichele Taormina)

05/10/2014

Il giro d'Italia a bordo di un disco. Gabriele Rampino, Dodicilune: "La vera difficoltà è la bastardizzazione del senso del jazz, sia nella sua deriva verso la mediocrità, sia nella creazione di cartelloni di festival e rassegne, sempre meno progettuali e troppo ruffiani, con troppi nomi che nulla c'entrano col jazz..." (Alceste Ayroldi)

28/09/2014

Talos Festival 2014, "La melodia, la ricerca, la follia": "...il Talos è ben più che un semplice festival: intorno a questo evento si raccoglie un intero territorio con le sue eccellenze paesaggistiche, monumentali ed enogastronomiche, e l'amministrazione comunale si impegna attivamente grazie anche al supporto di numerosi sponsor e di un gran numero di giovani volontari, costituendo un modello da seguire." (Vincenzo Fugaldi)

28/10/2013

Arcthetics - Soffio Primitivo (Roberto Ottaviano)- Alceste Ayroldi

08/06/2013

Quattro chiacchiere con...Gianna Montecalvo: "...voglio tornare a salire sul palco in maniera più incisiva per dire: "ci sono anche io"." (Alceste Ayroldi)

16/08/2012

"...una finestra aperta alle novità europee, senza preclusioni nei confronti di quanto di interessante si muove in Italia in campo jazzistico, ma anche con una doverosa attenzione al panorama statunitense." (Vincenzo Fugaldi)

01/05/2012

Where The West Begins: Voicing Ornette Coleman (Lisa Manosperti)- Gianni Montano

21/08/2011

Bari in Jazz VII Edizione - Miles Lives: "...sono già passati sette anni da quando Bari ha cercato, mercè il pioniere Roberto Ottaviano, di istituzionalizzare una consistente parentesi jazzistica all'interno delle proprie attività culturali. Tra mille difficoltà e qualche punta di amarezza, le cinque giornate di Bari in Jazz hanno tratto la loro essenza nel tema "Miles Lives" tributando il "Dark Magus" a vent'anni dalla scomparsa. Tomasz Stanko, James Taylor Quartet, Michael Blake con Ben Allison e Hamid Drake i concerti di punta della rassegna." (Alceste Ayroldi)

17/10/2010

Tempus Transit (Pierluigi Villani Group)- Vincenzo Fugaldi

24/04/2010

Current Views (Roberto Magris & The Europlane Orchestra)- Alessandro Carabelli

22/03/2010

sings Cole Porter& the beat of yearning desire (Giuseppe Delre) - Cinzia Guidetti

09/01/2010

It's Time To Make A Change (Maurizio Quintavalle) - Luca Labrini

05/09/2009

My Foolish Harp (Angelo Adamo) - Giuseppe Mavilla

12/01/2009

Da qui passano i venti (Diego Morga)

11/12/2008

Un Dio Clandestino (Roberto Ottaviano & Pinturas )

23/08/2008

Songs (Mastropirro Ermitage Ensemble)

02/04/2008

La Foule - Voyage dans les lieux d'Edith Piaf (Lisa Manosperti)

30/09/2007

Bari in Jazz 2007: "La rassegna, che si è avvalsa della direzione artistica di Roberto Ottaviano, si è sviluppata per il secondo anno consecutivo lungo gli affascinanti vicoli del Borgo Antico, permettendo ad un pubblico allargato di godere delle esibizioni dei musicisti chiamati in quest'occasione." (Alberto Francavilla)

03/09/2006

Dedicato alle big band, l'edizione 2006 del Multiculturita Summer Jazz Festival ha offerto tre serate durante le quali il pubblico ha potuto applaudire l'Orchestra Zero...e lode del Conservatorio di Bari, il Mimmo Campanale Quartet, i Good Fellas e la Montecarlo Night Orchestra con Nick the Nightfly e Sarah Jane Morris. (A. Augenti, A. Francavilla)

01/04/2006

Steve's Mirror (Gianna Montecalvo)







Invia un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


Questa pagina è stata visitata 4.579 volte
Data pubblicazione: 11/12/2008

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti