Jazzitalia - Articoli: Quattro chiacchiere con...Stefano Battaglia
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Quattro chiacchiere con...Stefano Battaglia
novembre 2015
A cura di Alceste Ayroldi

Stefano, quale aspetto della musica di Alec Wilder ti ha convinto di più tanto da volergli dedicare un lavoro discografico?
Sono tanti i motivi, di base considero Wilder insieme a Hoagy Carmichael il miglior songwriter americano del Novecento. Possiede una qualità melodica speciale con un uso di intervalli inconsueto, non sempre facili. Testi mai banali, qualità non diffusissima a Broadway e Hollywood. Lo sforzo singolare di costruire un archivio prezioso in pura tradizione liederistica, le Art Songs, musicando poeti americani e anglosassoni del Novecento, in continuità virtuosa con quella europea ottocentesca, basti pensare a Schubert con Goethe. Incredibilmente, a differenza dei "grandi cinque" (Berlin, Kern, Porter, Gershwin e Rodgers), a Wilder manca la meritata vasta gamma di interpretazioni da parte degli eroi del jazz e di cui hanno beneficiato i sopra citati; solo una manciata di sue canzoni sono rimaste nel songbook del jazzista, a discapito di una produzione e una continuità creativa immensa per quantità e davvero notevole per qualità. Insomma ancora nessuno ce lo ha ancora raccontato e "spiegato", Wilder, è ancora lì quasi intatto, e di fatto molti dei brani che ho in repertorio sono totalmente inediti, per quanto riguarda il mondo del jazz. Questo mistero, questa "verginità" è irresistibilmente affascinante, e il fatto di non avere nella testa modelli sublimi regala una libertà speciale che tanti standard non riescono più ad offrire.

Questo progetto rientra in quel percorso che avevi iniziato nei primi anni del Terzo Millennio, denominato The Book Of Jazz?

Ho sempre sentito il bisogno di tanto in tanto di collegarmi profondamente con le tradizioni, però sento Book of Jazz lo sviluppo di un percorso iniziato all'inizio degli anni Novanta con i due volumi dedicati ai brani di Bill Evans. Mentre il lavoro sulle song è completamente diverso, deriva dalla sacrale importanza che la melodia ha guadagnato nella mia poetica nel corso degli ultimi dieci anni, dal lavoro dedicato a Pasolini in poi.

Prima di affrontare il canzoniere di Alec Wilder hai approfondito anche la sua biografia? In tal caso, c'è qualcosa dell'uomo Wilder che ti ha colpito?
Il lavoro su Wilder è cominciato a metà anni Novanta, quando di lui sapevo pochissimo e mi fu chiesto di suonare in prima europea la sua sonata piano e corno. Conoscevo giusto I'll be around che suonavo nel gruppo di Tiziana Ghiglioni, alcune popular songs attraverso Peggy Lee e Sinatra, e le intense versioni strumentali di Jarrett di Blackberry winter e Moon and sand. Durante i vent'anni di esplorazione nel mondo wilderiano ho letto anche le sue biografie, che anno contribuito ad aumentare il desiderio di dedicare tempo ed energie alla sua musica. Un americano atipico: riservato, modesto, autoironico, tranquillo, decisamente un americano che non ti aspetti, nel senso che sembrava voler restare il più possibile lontano dalla scena e dagli affari, dalla competizione e il clamore del modo dello spettacolo, addirittura quasi ritirato dalla vita newyorkese, dimostrando scarsa adesione alle regole del modernismo consumistico delle metropoli. Al contrario ciò che lo rendeva profondamente americano, in un modo quasi paradigmatico, era l'amore profondo per la sua terra, la Vecchia America e la pace della sua campagna, l'America delle montagne, dei fiumi impetuosi e dei laghi ghiacciati, quella dei lunghi viaggi in treno nelle province, attraverso le praterie, l'America incontaminata dei cieli, delle foreste e delle rocce, quelle degli indiani e degli orsi. Sembrava appartenere ad una retroguardia colta e raffinata, persuasa che tutto quello sviluppo sfavillante nascondesse anche una decadenza, e questa malinconica lucidità invadeva ogni aspetto della sua vita e dunque della sua musica in una sorta di romanticismo americano pre-industriale. Questa tendenza verso la cultura europea si è evidenziata nel tempo attraverso l'imponente opera cameristica, che ha tuttavia mantenuto elementi di contraddizione, o meglio di contaminazione, mettendo in dialogo e contrasto elementi popolari tipicamente americani e tardoromantici con una scrittura musicale pantonale o post-tonale, ibrida e assai originale, anche rispetto a celebri compatrioti come Ives, Gershwin o Bernstein, che, sebbene assai diversi tra loro, sembravano comunque rappresentare meglio l'America ottimista -e imperialista- del novecento.

L'idea di farne un album è nata prima o dopo il live di Torino?
Molto prima. L'amico e musicologo Stefano Zenni ha seguito ed aiutato attraverso consigli e materiale prezioso tutto il progetto sin dal 2005, quando incominciai a fare dei concerti monografici nei conservatori. Da qualche anno Stefano è anche il direttore artistico del festival di Torino, sa bene che ho deciso di registrare gran parte delle songs wilderiane su cui ho lavorato, e ci è sembrata perfetta l'idea di chiudere un circuito virtuoso registrando lì il primo capitolo del progetto. Da tempo sono convinto che la performance è l'ambito ideale per documentare la vita del Trio, e grazie all'aiuto combinato di Zenni e ECM siamo riusciti a organizzare il live, con un buon teatro in legno, un buon pianoforte, lo studio mobile di Stefano Amerio. Suonammo più di due ore, compreso i bis, ricavando subito la sensazione di aver fatto un concerto intenso e gratificante, e Eicher ha poi scelto un'ora di musica per produrre l'album.

Al tempo, la musica di Wilder non veniva classificata: i classici la ritenevano fuori dal loro novero, i jazzisti anche e men che meno la si annoverava nell'avanguardia. Pensi che queste distinzioni siano importanti?
Personalmente non ho alcun interesse riguardo a categorie musicali come "avanguardia" o "retroguardia", al vecchio e al nuovo. Naturalmente ho le mie opinioni, non credo che il jazz possa essere una musica di repertorio, e generalmente ho più rispetto e ammirazione per chi cammina in avanti, che affronta il buio, che scava, inventa, cerca e trova. Le nuove musiche hanno bisogno di talento, determinazione, coraggio e sostegno. Ma allo stesso tempo sono conscio che ogni universo poetico, anche il più innovativo, è portatore sano di tradizioni, e le porta con sé anche quando nemmeno se ne accorge. Nella musica oggi è tradizione Ligeti come il canto gregoriano. Lo è Stockhausen come John Dowland. Non trovo che uno sia più "vecchio" dell'altro, mi sento di dire che tutti gli affluenti del fiume diventano acqua dello stesso fiume. E' ridicolo chi rifiuta il divenire della storia così come chi rivendica ancora come "avanguardia" linguaggi di cinquant'anni fa, solo per manifesto ideologico. Non esiste dissonanza sul pianeta che non sia stata già scritta, suonata, studiata e storicizzata. La musica è cibo dello spirito, e come per ogni nutrimento ho la possibilità di scegliere di volta in volta come sfamarmi, di cosa nutrirmi. Oggi la nostra tavola è infinitamente imbandita, sta a noi provare ed apprezzare più o meno i diversi sapori, ma per me un cluster e una triade perfetta sono entrambi tradizione, potenzialmente belli o brutti allo stesso modo; cibi potenzialmente nutrienti allo stesso livello, la differenza sta nel modo in cui vengono "cucinati", non la loro origine epifanica o "età anagrafica". Nel caso di Wilder si ha la sensazione che fosse da un lato troppo sofisticato per la comunità del jazz e delle sue forme-canzone, e dall'altro troppo poco ambizioso, austero e rigoroso per la comunità ufficiale dei compositori cosiddetti colti. Quanti compositori europei scrivono canzoni? Qui in Europa si è tracciato un doppio solco praticamente incolmabile, tra l'avanguardia colta e "il resto dell'umanità": il solco del "prima e dopo la tonalità" e il solco colto-popolare. Chi non ha mai abbandonato del tutto la tonalità, pur nelle sue più varie e liberi interpretazioni, non è stato più accettato dalle avanguardie ufficiali, la comunità dei compositori contemporanei. Io considero un cluster e una triade perfetta entrambi strumenti tradizionali allo stesso modo e sullo stesso piano, semplicemente come possibili ingredienti a disposizione per raccontare una storia organica e coerente, vera ed intensa. Chi ha cercato di veicolare contenuti di tipo culturale in un ambiente popolare dove, specie dalla nascita del disco in poi, le scelte di contenuto venivano sovente soppiantate da logiche di mercato, è stato emarginato dal sistema stesso, il cosiddetto business. E così lo iato tra la musica popolare e la musica contemporanea si è allargato straordinariamente e come mai prima era avvenuto, creando tra un estremo e l'altro, tra il pop e le avanguardie colte, una specie di enorme terra di mezzo nel quale una figura di Wilder ha vissuto la sua stagione creativa. Tornando a Wilder, si fatica ad immaginarlo trionfare a Broadway o a Hollywood, è più semplice immaginarlo insegnare musica all'università o dirigere il suo ottetto con gli studenti del college, per comprendere la sua figura in relazione al panorama del suo tempo. Molti musicisti americani del novecento sono l'esempio più esemplare di questa spaccatura, essendo l'America un autentico rifugio di linguaggi diversi e dunque di contaminazioni! E musicisti come Gershwin, Bernstein o Wilder, persino Ives, sono un manifesto paradigmatico di queste contraddizioni.

Dal repertorio di Wilder hai attinto sette brani. Perché hai scelto proprio questi?
Sono più di sessanta le song su cui ho lavorato, che ho ri-arrangiato e, in qualche caso, quasi ri-composto. Con una attenzione particolare per le Art Songs, che Wilder scrisse su testi di poeti fine ottocento-primi novecento, tra cui Tennesse Williams, William Butler Yeats, Christina Rossetti. L'album contiene Art Songs -In theMorning, River Run, When I'm Dead My Dearest e The Lake isle of Innisfree, su di una poesia di Yeats che sembra un'inno irlandese ottocentesco, sia Popular Songs -Moon and Sand, Where do you go? e Chick Lorimer. Quella sera scegliemmo una dozzina di brani per il concerto, ad esempio ricordo suonammo anche una lunga suite che univa due songs tratte da Pinocchio e Alice in Wonderland (Beautiful Soup e Lobster Quadrille). E da quel concerto è stata estrapolata l'ora sufficiente per creare l'album.

L'arrangiamento dei brani è spontaneo o hai lavorato anche "a tavolino"?
Già da molti anni, e oggi più che mai, la priorità è l'adesso, dunque per me non è assolutamente necessario avere delle forme preesistenti, anzi: la mia ambizione più grande sarebbe sempre creare delle forme istantanee, create nel momento.
Quando invece faccio uso di composizioni preesistenti è necessario evitare dettagliati arrangiamenti, e semmai costruire a tavolino delle forme che consentano di esprimersi spontaneamente nel presente, dunque formalizzando il meno possibile.
Non amo gli arrangiamenti, sono il manifesto della rappresentazione, obbliga ad identificarsi nel passato, mentre il presente è l'unica cosa che conta, specie per dei performers. Ricostruire queste forme è un processo delicato e decisivo, si tratta di "contenitori" sufficientemente precisi, utili a contenere la manifestazione musicale, che è la magia che più mi attrae nella vita musicale, accoglienti le caratteristiche performative del trio, che ha bisogno dell'urgenza espressiva dell'improvvisazione per potersi veicolare verso l'esterno con la giusta intensità. Tutto normale quando le composizioni sono le mie, più sottile e fragile quando opero su musica altrui, provando a rielaborare nel modo più libero e personale possibile pur senza perdere di vista l'etica, il rispetto nei confronti del lavoro del compositore che sto omaggiando, e che non voglio mai e poi mai sfruttare pretestuosamente.

Oggi, a tuo avviso, c'è un erede di Alec Wilder in circolazione?
Difficile. Eredità è una parola bellissima e ambigua allo stesso tempo, nell'arte. Tutto proviene da un unico fiume e ogni secondo che passa questo fiume s'ingrossa, il suo letto è sempre più ampio. Sotto certi aspetti invidio la libertà di Bach e di Scarlatti, con un piccolo fiume protetto a cui riferirsi. Talvolta le tradizioni oggi appaiono davvero troppe per sperare in individualità protette e dunque espressivamente potenti. Per contro i linguaggi sono sempre più sfumati nei contorni, imprecisi, contaminati, articolati, sovrastrutturati. Wilder è il perfetto simbolo della sua epoca, il Novecento, e dei suoi luoghi, l'America. Ogni tempo ha i suoi Wilder, ma ogni stagione è diversa, il contesto è diverso. Mi sembra per la canzone un'epoca di specialisti, è difficile ritrovare compositori colti così trasversali in modo innocente, con il piede in due scarpe come Wilder. Se qualcuno ci provasse passerebbe per ingenuo, o furbetto, secondo i casi. Non è più tempo. Persino Morricone, che potrebbe rappresentare quel tipo di alto artigianato in bilico tra colto e popolare, non scrive più canzoni da tempo, per quanto ne so. E' così complicato il mestiere del compositore, così come dopo cento anni di radio e dischi è complicato il mercato della canzone...non è più la golden age del teatro, della rivista, il boom del cinema. Scrivere una canzone sembra essere diventata una specializzazione come trapiantare cuori! Io oggi ascolto pochissima musica che scelgo accuratamente proteggendola dalla curiosità feroce che avevo da bambino. Sto nella musica intensamente ogni giorno, spesso tutto il giorno, dunque il più delle volte manca lo spazio per un ascolto appassionato, cerco maggiormente il silenzio, che mi ridona il desiderio di far musica intensamente ogni giorno. Sono in una stagione di protezione del desiderio, e non della curiosità. Idealmente rimarrei con cento dischi, non con diecimila, fossi davvero forte mi spoglierei degli altri 9900! Tornando all'eredità sento belle canzoni in ogni epoca, e anche ora c'è sempre qualcuno da qualche parte che riesce a scrivere una bella canzone. A volte quando sono in macchina e guido, accendo la radio, e trovo sempre una bella canzone. Mi sembra che la scena inglese da quasi mezzo secolo abbia una marcia in più, dopo lo zenith americano del tempo delle due guerre.

I tuoi sodali sono "intoccabili" per te. Quali sono gli elementi che ti legano di più a loro?
E' vero, in musica mi piace costruire dei sodalizi, mi appassiona il cammino, la crescita, la ricerca. E' vero che la musica può regalarti magie sublimi anche negli incontri occasionali, specie se i partner hanno talenti, sensibilità. Ma esteticamente, è molto difficile ottenere degli oggetti musicali pienamente centrati, quando non si ha tante ore di lavoro insieme sulle spalle, e non si ha profonda conoscenza delle specifiche caratteristiche individuali di ogni componente della band. La musica, senza quel lavoro, anche quando magica sembra fuori fuoco da un punto di vista estetico, perché ognuno pensa un poco a sé, anziché solo all'oggetto, alla musica. Meno soggetto c'è è più oggetto otteniamo. Con gruppi di lunga durata tu puoi lavorare nel tempo attorno ad un territorio estetico comune, dove tutti sono identificati allo stesso modo, e allora scompare l'ego, tutti pensano solo alla musica, al suono, alla storia che si sta raccontando. Il trio si è costituito attorno al valore identificante del suono. Tutti e tre abbiamo compiuto un percorso individuale sul suono che ha reso identificante la voce ottenuta dai nostri strumenti. Ciò rende unica la voce che abbiamo sullo strumento, che non significa nulla di più che questo. Non vuol dire che allora è bello quello che suoniamo, ma vuol dire che nessuno suona come noi, che è un fatto. Ottenere una identità di gruppo, specialmente attraverso il suono, è un risultato importante. Naturalmente ci sono molte altre cose, ma alla fine mi sembra che questo sia il legame più potente, tra noi.

Hai mai pensato di aggiungere uno strumento al tuo trio?
Certamente sì. Arriverà certamente il momento in cui questo pensiero si trasformerà in esigenza e opportunità. Al momento però è troppo forte l'identità conquistata con questa combinazione di persone per pensare di ricostruire nuovi equilibri. Anche pensando ad un mercato così saturo di proposte, ho la sensazione che sia più opportuno concentrare gli sforzi attorno a poche proposte che abbiano la forza della continuità e dei contenuti, anziché inseguire una molteplicità di contesti espressivi a ventaglio. Recentemente, innescatosi una collaborazione con il cantante tedesco Theo Bleckmann, a proposito di Wilder e della particolare bellezza di certi testi che ovviamente non si palesano nelle nostre versioni strumentali, mi sono reso conto di quanto sarebbe adatta la sua vocalità intensa per certe song di Wilder. Vedremo.

E' la dimensione nella quale ti trovi più a tuo agio?
Il piano solo è certo la dimensione più libera e potente, senza alcun compromesso espressivo, senza alcuna ricerca di equilibrio con altre individualità. Ma io non voglio essere a mio agio, io cerco il mistero nella musica, ho bisogno di perdermi in essa. Guai se sentissi i partners "accompagnarmi", la tensione deve essere quella di chi esplora, cerca, scopre, rivela. Quando si è rilassati la musica sembra essere un pò noiosa, perché non assomiglia più alla vita, ma solo alla rappresentazione della parte più "comoda" di essa. Il trio, sin dai miei esordi a metà anni Ottanta, è stato al centro delle mie ambizioni espressive, e certo molte delle mie energie sono andate verso questa combinazione geometrica e magica.

Da tempo sei legato all'Ecm. Come sei arrivato a casa Eicher?
E' una storia divertente che sia io che Manfred abbiamo sempre raccontato per svelare la natura semplice della nostra collaborazione, di quanto sia vero che "le cose vanno come devono andare".
Avevo registrato un album in Trio con Pifarely e Rabbia -per un'altra casa discografica- nello studio Artesuono di Stefano Amerio. Il giorno dopo, ed io non sapevo, Rava sarebbe stato nello stesso studio a mixare insieme ad Eicher il suo album Easy leaving, che segnava il suo ritorno in ECM. In una pausa del mix di Rava Amerio approfittò per portarsi avanti col lavoro fatto insieme a me il giorno prima e riversò tutto il registrato sui cd pronto-ascolto che avrebbe poi dovuto spedirmi in modo che io potessi ascoltare quanto avevamo registrato. Eicher era lì e gli capitò di ascoltare, rimase evidentemente colpito al punto che io ricevetti immediatamente una telefonata, all'inizio della quale pensavo ad uno scherzo, visto che Amerio mi disse -C'è qui vicino a me Manfred Eicher che vuole parlarti, te lo passo- e sembrava davvero una specie di gag alla "Scherzi a parte". Ebbene mi chiese se ero libero da contratti ma io avevo appena firmato per un'altra casa, con la quale stavo costruendo il progetto dedicato a Pasolini, sul quale stavo lavorando. Allora mi diede un appuntamento a Monaco nel quale mi palesò un entusiasmo davvero coinvolgente, tanto da propormi due album doppi come saluto alla nascita del sodalizio. Indescrivibile la mia emozione durante quella conversazione. Sarò sempre riconoscente anche alla persona dell'altra etichetta che comprese perfettamente la situazione e rescisse il contratto senza alcuna rivalsa o reazione egotica, sapendo cosa significasse per me simbolicamente registrare per ECM.

Quanto incide nella tua musica l'appartenenza a questa prestigiosa casa discografica?
Sono cresciuto con ECM. E' la mia casa. Se per quelli delle generazioni che mi hanno preceduto le case in cui crescere erano Prestige, Verve, Blue Note, Impulse ecc, e gli inquilini erano Parker, Davis, Rollins, Coltrane ecc., per me che sono cresciuto nello stimolante caos multiculturale degli anni settanta, ECM era il paradigma di una cultura più trasversale, anche più universale, e i suoi eroi erano Bley e Jarrett, Towner e Gismonti, Garbarek e Wheeler, ecc ecc. Quello è il "brodo" nel quale mi sono cotto a partire dall'adolescenza. E per qualsiasi artista è come scegliere inconsciamente in quale terra e in quale vaso far crescere il proprio seme. Inoltre, la trasversalità del catalogo è stata per me una guida a considerare la musica un luogo senza ideologia e distinzione di "razze e religioni", attraverso la politica culturale di ECM ho compreso profondamente quanto la bellezza conviva a prescindere dal "vestito" dello stile e del linguaggio, prendendo le distanze con quegli appassionati un po' ideologici che tendono di più a costruire divisioni e parrocchie culturali. E così in quella casa convivono Gesualdo e l'AEOC, Bach e Ornette, la musica indiana e il folk nordico, Scelsi e Beethoven, le tradizioni arabe e le avanguardie mitteleuropee: il jazz europeo (o sarebbe meglio dire le nuove musiche di emanazione jazzistica) è tutto rappresentato, dalla Francia alla Grecia, dalla Norvegia all'Italia, Inghilterra e Germania. Questa lucidità culturale, questa visione poetica del tutto potenzialmente unito dal comune denominatore della bellezza dell'espressione, è unica al mondo: nessun altra casa di qualsiasi genere e linguaggio è riuscita in questo ideale esperanto.

Stefano, a tuo avviso c'è qualcosa che non va per il verso giusto nel sistema jazzistico italiano?
E' una domanda complessa. Direi che esiste un disagio profondo nella sistema culturale italiano, i problemi nella comunità jazzistica sono la conseguenza di uno svilimento della politica culturale. Il confine tra spettacolo e cultura è sbiadito, ahimè. Quando la politica culturale diventa ostaggio del mercato, la confusione tra ciò che "piace e vende" e ciò che si ritiene utile per l'evoluzione della civiltà diventa implacabile. Non faccio una distinzione di qualità, ma di contenuti. Lo spettacolo è necessario ed è assolutamente necessario, specie se di qualità. Ma la cultura è un'altra cosa e deve poter rimanere autonoma rispetto allo spettacolo. Quello che si vede e si ascolta nel jazz è per lo più la conseguenza di questa unificazione: in una società capitalistica è ovvio che le risorse maggiori finiscano laddove sembra esserci una risposta di quantità del mercato. Questo processo determina una rincorsa a quel consenso, e questo, inevitabilmente, svilisce contenuti e significato. Se la musica finisce per essere solo uno strumento del mercato e il lavoro del musicista solo un mestiere, l'espressione di tutta la civiltà soffre. La libertà è tutto per l'uomo, e l'arte è il segno che ogni civiltà lascia sul pianeta. Se l'uomo è prigioniero del mercato, la sua espressione, semplicemente, di conseguenza non sarà libera.

Tu quali interventi proporresti per dare maggiore visibilità al jazz in Italia?
In Italia credo vi sia una buona visibilità, fortunatamente la musica mi consente di girare il mondo e considero l'Italia uno dei paesi dove il jazz gode di maggior popolarità. Il punto sono i contenuti che gli spazi preposti al circuito jazzistico veicolano, cioè che tipo di musica si nasconde sotto quella parola, jazz, che oramai è talmente piena di cose assai diverse tra loro, da sembrare un po' vuota, paradossalmente. La mia opinione è che l'Italia manchi totalmente di coraggio e di lucidità culturale, perciò in questi anni di crisi economica le poche risorse sono confluite verso proposte giudicate "sicure" dal punto di vista del mercato, ma che con lo spirito creativo, propulsivo e avventuroso del jazz non hanno davvero nulla in comune. Dunque anche qualora lo "stile" fosse vagamente jazzistico dal punto di vista idiomatico, molte delle proposte visibili contengono un totale appiattimento alle implacabili regole del mercato, costituite da numeri e non da contenuti di significato. Manca coraggio di sostenere la ricerca -ma questo in tutti i settori, evidentemente- e di dare visibilità a ciò che ancora non ha dei modelli già abbondantemente storicizzati ed accettati. Ma parte della responsabilità è anche di quei musicisti che non riescono ad accettare di stare un po' "fuori dal business", o almeno "di fianco", accogliendo la possibilità di pagare il piccolo prezzo dell'anonimato al privilegio di una vita libera e di espressione. Insomma cosa siamo disposti a fare, a quali rinunce, per una vita nell'arte?

Sei anche un attivo ed eccellente didatta. Come giudichi il livello dei giovani jazzisti e quali consigli di carattere generale, solitamente, dai loro?
Non so dire se io sia un bravo maestro, certo mi onora che in molti mi considerino tale. Imparo molto io nel condividere la ricerca con altri, e immagino che la passione feroce con la quale sto insieme a loro nella musica sia in sé uno strumento di comunicazione e condivisione. Cerco di costruire insieme a loro delle lucidità sulle differenze tra arte e mestiere, li spingo all'autonomia, all'importanza dell'identità individuale. Chiedo loro di lavorare con gioia, senza tristezze e frustrazioni, senza inseguire il consenso, senza confondere la popolarità con il successo, di badare ai contenuti musicali anche quando non sembrano accolti come da aspettative. Alla lunga la qualità profonda paga sempre, magari con numeri sempre diversi rispetto ad un successo popolare, ma è il piccolo prezzo da pagare all'altare di una vita musicale di significato, libera e autonoma, durante la quale si deve essere disposti ad accettare un dialogo anche duro con la realtà.

Della tua ricca discografia, qual è l'album di cui sei più orgoglioso?
Nessuno, odio riascoltare quello che ho già suonato. E' una specie di patologia, non riesco proprio a girarmi all'indietro e dire: -vediamo un po' cosa sono riuscito a raccontare quel giorno...-. Non ce la faccio, lo trovo insopportabile. Non ne sono affatto fiero, ma tant'è.

Quali sono i tuoi programmi futuri?
Vorrei poter documentare con tre-quattro album l'opera di Wilder, giunta al primo capitolo con In The Morning. E in generale, anche attraverso Thetarum, i miei gruppi di ricerca del mio Laboratorio Permanente di Ricerca Musicale, mi piacerebbe procedere nella documentazione del grande Book of Songs, pescando dal medioevo ad oggi. Ho appena finito di scrivere una suite dedicata ai popoli sofferenti dell'area del mediterraneo. Ho messo in musica i Four Quartets di T.S. Eliot e iniziato una collaborazione in duo con Theo Bleckmann.






Articoli correlati:
18/11/2017

Storica decisione della ECM: la prestigiosa etichetta di Jazz e Musica Contemporanea rende l'intero catalogo disponibile in streaming sulle piattaforme digitali più diffuse

12/11/2017

Nuit Blanche (François Couturier Tarkovsky Quartet)- Alceste Ayroldi

03/09/2017

The Invariant (Benedikt Jahnel Trio)- Alceste Ayroldi

27/08/2017

Rising Grace (Wolfgang Muthspiel)- Alceste Ayroldi

09/07/2017

Requiem (Tigran Mansurian)- Alceste Ayroldi

01/06/2017

ECM: Gli artisti che si esibiranno live nel prossimo periodo e le novità in uscita per la prestigiosa etichetta tedesca

29/01/2017

Miniatures (Glauco Venier)- Alceste Ayroldi

01/11/2016

Moderato Cantabile (Anja Lechner & François Couturier)- Alceste Ayroldi

15/08/2016

This Is The Day (Giovanni Guidi Trio)- Enzo Fugaldi

04/06/2016

Wild Dance (Enrico Rava Quartet)- Alceste Ayroldi

07/09/2015

Many More Days (Third Reel)- Alceste Ayroldi

13/07/2015

Souvenance (Anouar Brahem)- Alceste Ayroldi

25/05/2015

December Soul (Zlatko Kaucic Trio)- Enzo Fugaldi

11/05/2015

In Memoriam (S. Battaglia - M. Rabbia - E. Aarset)- Enzo Fugaldi

08/12/2014

Three Open Rooms (Roberto Caon, Marco Carlesso, Stefano Battaglia)- Gianni Montano

19/10/2014

El Valle de la Infancia (Dino Saluzzi)- Gianni Montano

08/09/2014

Inventio (Jean-Louis Matinier - Marco Ambrosini)- Alceste Ayroldi

24/08/2014

Anything your little heart says (Triosonic (Rabbia, Maier, Battaglia))- Alceste Ayroldi

15/06/2014

Norma Winstone e il battito "naturale" delle parole: "La cosa importante è trovare l'essenza di una composizione ed eseguirla con rispetto." (Davide Ielmini)

08/06/2014

Lua Ya (Yeahwon Shin, Aaron Park, Rob Curto)- Alceste Ayroldi

23/02/2014

Stefano Battaglia Trio - Songways, i suoni e i silenzi della musica: "...la presenza di tali musicisti alimenta quella ormai flebile speranza che si possa ancora parlare, diffusamente, di cultura musicale." (Andrea Gaggero)

15/02/2014

Hagar's Song (Charles Lloyd - Jason Moran)- Marco Losavio

23/12/2013

Saltash Bell (John Surman)- Alceste Ayroldi

15/09/2013

Third Reel (N. Masson, R. Pianca, E. Maniscalco)- Alceste Ayroldi

03/08/2013

Torino Jazz Festival 2013: "...coniugare il fatto artistico con il lato ricreativo. Divertire con la cultura." (Gianni Montano)

21/07/2013

Songways (Stefano Battaglia)- Gianni Montano

25/05/2013

Intervista a Stefano Battaglia: "La creatività ha a che fare con il desiderio, se non vi è desiderio del suono, desiderio di fare musica, semplicemente non c'è musica." (Vincenzo Fugaldi)

17/03/2013

Celebration (Arild Andersen)- Alceste Ayroldi

10/03/2013

Rava On The Dancefloor (Enrico Rava and The Parco della Musica Jazz Lab)- Alceste Ayroldi

17/02/2013

Trio Libero (Sheppard, Benita, Rochford)- Andrea Gaggero

05/08/2012

Rio (Keith Jarrett) - Alceste Ayroldi

26/05/2012

IIIa Edizione di "Suoni Ritmi, Parole dal Mondo" e concerto di Riccardo Arrighini con la Filarmonica Sestrese (Gianni Montano e Andrea Gaggero)

10/03/2012

Tribe (Enrico Rava 5tet) - Alceste Ayroldi

04/02/2012

The River Of Anyder (Stefano Battaglia Trio) - Alceste Ayroldi

16/01/2012

Orvieto (Chick Corea / Stefano Bollani) - Alceste Ayroldi

06/11/2011

Post Scriptum (Wolfert Brederode 4tet) - Alceste Ayroldi

02/07/2011

Avenging Angel (Craig Taborn)- Alceste Ayroldi

29/05/2011

Mistico Mediterraneo (Paolo Fresu) - Dario Gentili

08/05/2011

Purcor (Trygve Seim/Andreas Utnem) - Alceste Ayroldi

24/04/2011

Rruga (Colin Vallon Trio) - Alceste Ayroldi

23/02/2011

The Rub And Spare Change (Michael Formanek)- Enzo Fugaldi

27/11/2010

Officium Novum (Jan Garbarek – The Hilliard Ensemble) - Dario Gentili

27/11/2010

And If (Anat Fort Trio) - Dario Gentili

21/11/2010

Stories Yet To Tell (Norma Winstone)- Vincenzo Fugaldi

04/09/2010

Remembrance (Ketil Bjornstad) - Alceste Ayroldi

22/08/2010

Jasmine (Keith Jarrett – Charlie Haden) - Alceste Ayroldi

20/08/2010

Quiet Inlet (Food) - Alceste Ayroldi

09/08/2010

El Encuentro (Dino Saluzzi) - Alceste Ayroldi

03/05/2010

Lost In A Dream (Paul Motian Trio)- Gianmichele Taormina

25/01/2010

Saudações (Egberto Gismonti) - Dario Gentili

07/01/2010

Rituali (Rituali) - Marco Buttafuoco

08/12/2009

Vocifero vol.2 – Composizioni (Stefano Risso) - Giuseppe Mavilla

07/12/2009

Dresden (Jan Garbarek Group) - Alceste Ayroldi

22/11/2009

Chiaroscuro (Ralph Towner & Paolo Fresu)- Gianmichele Taormina

14/11/2009

Wait Till You See Her (John Abercrombie Quartet) - Giuseppe Mavilla

01/11/2009

Stone in The Water (Stefano Bollani) - Alceste Ayroldi

28/10/2009

Mostly Coltrane (Steve Kuhn Trio with Joe Lovano) - Dario Gentili

25/10/2009

Remembering Weather Report (Miroslav Vitous Group w/Michel Portal) - Dario Gentili

24/10/2009

Testament (Paris/London) (Keith Jarrett)- Gianmichele Taormina

11/10/2009

The Astounding Eyes Of Rita (Anouar Brahem) - Alceste Ayroldi

24/09/2009

Brewster's Rooster (John Surman)- Dario Gentili

05/09/2009

The Promise (Vassilis Tsabropoulos)- Gianmichele Taormina

25/08/2009

Lost On The Way (Louis Sclavis)- Gianmichele Taormina

12/08/2009

Siwan (Jon Balke – Amina Alaoui) - Alceste Ayroldi

10/08/2009

Stefano Battaglia Re: Pasolini al Pomigliano Jazz Festival: "Una bella e convincente prova di maturità per Battaglia, un artista che scientemente rinuncia al puro sfoggio del suo cospicuo bagaglio di strumentista, per concentrarsi sull'espressione più emotiva e profonda del fare/essere musica." (Alfonso Tregua)

26/07/2009

Sky & Country (Fly (Turner, Grenadier, Ballard))- Gianmichele Taormina

06/06/2009

Movements in colour (Andy Sheppard)

01/05/2009

Cantando (Bobo Stenson Trio)

14/04/2009

Yesterdays (Keith Jarrett / Gary Peacock / Jack DeJohnette )

14/04/2009

Last Night The Moon Came Dropping Its Clothes In The Street (Jon Hassell)

14/03/2009

New York Days (Enrico Rava)

21/02/2009

Festival ECM alla Casa del Jazz, con il trio di Norma Winstone, il trio Melos e il collettivo franco-norvegese Dans les arbres. "Una delle etichette discografiche che ha caratterizzato la storia del jazz europeo (e non solo), tanto da aver definito un suo peculiare "suono", una delle etichette più discusse, amata fino al feticismo per le sue confezioni e odiata talvolta solo per pregiudizio, la ECM di Manfred Eicher, compie quest'anno quarant'anni. Lo scorso dicembre, in nome di una ormai solida collaborazione, la Casa del Jazz di Roma ha voluto inaugurare i festeggiamenti con un piccolo festival di tre giorni." (Dario Gentili)

01/02/2009

The End of a Summer (Julia Hulsmann Trio)

21/01/2009

Distances (Norma Winstone)

12/01/2009

Profumo di Violetta (Gianluigi Trovesi all'Opera)

28/09/2008

Nasciri (Francesco Saiu)

17/03/2008

Vocifero vol. 1 - Canzoni (Stefano Risso)

11/11/2007

Playground (Manu Katchè)

15/09/2007

Vaghissimo Ritratto (G. Trovesi - U. Petrin - F. Maras)

08/07/2007

Fleuve (Pierre Favre Ensemble)

15/04/2007

L'imparfait des langues (Louis Sclavis)

09/04/2007

Gazelab. Un omaggio alla ECM Records. Roberto Masotti, con Maurizio Martusciello, Mario Masullo e alcuni dei musicisti ECM in una suggestiva serata di musica e immagini: "...un'esibizione unica nel suo genere, tale anche per l'opportunità di ascoltare, coinvolti in un medesimo progetto, musicisti che normalmente percorrono strade estremamente personali." (Dario Gentili)

05/11/2006

Piano Solo (Stefano Bollani)

20/04/2006

Senderos (Dino Saluzzi)

31/12/2005

Nomad (Ferenc Snétberger - Arild Andersen - Paolo Vinaccia )

15/12/2005

Stravagario 2 (Stefano Battaglia e Michele Rabbia )

10/08/2005

I Have The Room Above Her (Paul Motian Trio)

18/12/2004

In Praise of Dreams (Jan Garbarek)

03/12/2004

Where Do We Go From Here? (Atrio)

24/04/2003

Stravagario (Michele Rabbia e Stefano Battaglia)





Video:
Paul Bley, Gary Peacock, Paul Motian - Don't You Know - 1999
Manfred Eicher? ( founder of ECM ) is an investigator of the conteporary music the last forty years and many famous artists today ought to him their r...
inserito il 23/02/2010  da artmaniac53 - visualizzazioni: 2661
Enrico Rava, 50 anni di jazz (parte prima)
Il 31 gennaio all'Auditorium Rai di Torino, Enrico Rava festeggia 50 anni di carriera. Il tour del disco "New York Days" prende il via con S...
inserito il 03/02/2009  da jacosi71 - visualizzazioni: 2844
Enrico Rava, 50 anni di jazz (parte seconda)
Il 31 gennaio all'Auditorium Rai di Torino, Enrico Rava festeggia 50 anni di carriera. Il tour del disco "New York Days" prende il via con S...
inserito il 03/02/2009  da jacosi71 - visualizzazioni: 2703
John Abercrombie/Kenny Wheeler Band
Kenny Wheeler Quintet_Kenny Wheeler,Trumpet/John Abercrombie,Guitar/Peter Erskine,Drums/John Taylor,Piano/Palle Danielsson,Bass, Baltica Festival...
inserito il 28/10/2008  da ohmproduct - visualizzazioni: 2601


Inserisci un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


Questa pagina è stata visitata 1.229 volte
Data pubblicazione: 22/11/2015

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti