Jazzitalia - Articoli: Intervista a Stefano Savini
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Intervista a Stefano Savini
settembre 2006
di Fabrizio Ciccarelli

Da qualche mese i NoPop hanno pubblicato un album, "Sestetto", che non ha mancato di destare curiosità fra la critica e gli ascoltatori. L'intenzione sembra proprio quella di costruire un vero mélange di stili diversi e talora distanti, secondo un'intenzione progressiva di costruzione musicale, facilitata dal forte interplay che caratterizza la band. Ascoltando gli otto brani del cd qualcuno potrebbe essere tentato dal porsi la solita, banale, domanda:" è jazz? " Bene, se è vero che il jazz è innanzitutto un modo di accostarsi alla musica in modo personale e del tutto soggettivo dal lato estetico, allora l'originalità dei NoPop non può che giungere gradita, gradevolmente antiaccademica, libera e spontanea nel concepire armonie connotate tanto da lirismo quanto da ironia o da proiezioni folk, decisamente al di là di ogni noioso intellettualismo e di ogni pedissequa imitazione.

Stefano Savini, chitarrista e coideatore del progetto, ci presenta, col brio che lo distingue, l'avventura NoPop.

F.C.: Come è nato "Sestetto"?
S.S.: Il progetto nasce da un' idea mia e di Stefano Ricci: creare un gruppo che possa suonare le nostre musiche originali (i brani sono tutti miei o suoi) per una sonorità che avrebbe dovuto essere per quanto possibile il più reale all' idea della musica che avevamo ed abbiamo in testa. Mi spiego: il suono acustico è una base fondamentale, la scelta dell'organico pure: usiamo tutti strumenti della tradizione popolare della nostra zona, il clarinetto, i sassofoni, il piano, la chitarra, poi chiaramente contrabbasso e batteria. La musica che io che scrivo ed che ho scritto, come quella di Ricci, ha profonde radici nei nostri percorsi musicali, è chiara la forte matrice della musica classica del ‘900 negli arrangiamenti (che sono tutti di Ricci) ed in molti temi, soprattutto nei brani più meditativi. Come in altri vi è l'influenza del jazz nelle tematiche ed nello stile delle ritmiche, dei soli e della dinamica. Ma la novità a mio modo di vedere è che la nostra musica, il progetto NoPop, è genuino, senza forzature. E' il nostro istinto e non potrebbe essere nient'altro, coi suoi pregi ed i suoi difetti: un lavoro sincero… credo che di questi tempi sia la gente che gli artisti abbiano molta difficoltà ad essere se stessi, oppure temono la loro realtà oppure non la possiedono… e la cercano in quella degli altri. I miei colleghi, veri artefici del suono e dell'estetica NoPop, sono tutti musicisti diplomati al Conservatorio nei propri reciproci strumenti e possiedono anche più diplomi …ma le medaglie non fanno musica, ma sono i musicisti. Noi siamo stati fortunati ad avere in Gian Maria Matteucci un clarinettista da suono bellissimo, pulito, unico, proveniente dalla scuola classica ma con padronanza del linguaggio jazzistico e non solo, con la cultura e la consapevolezza di conoscere ed intuire le nostre idee e le immagini che volevamo la nostra musica desse. Massimo Zaniboni. il più "jazzista" di tutti, è un giovane leone dello strumento, con l'intuito di "uscire sempre in piedi" da qualsiasi situazione musicale gli venga proposta. Guido Facchini: difficile definirlo, è un artista geniale cinque… o non so quanti diplomi di conservatorio, pianista a 360 gradi, ascoltare per credere, direttore d'orchestra (vedi San Remo 99/2001/ 2002 ecc.) arrangiatore/sperimentatore preparatissimo…sono fortunato ad averlo con noi. Ci siamo capiti subito,questo in musica,vita e sogni è metà dell'opera. Mauro Gazzoni è un batterista, un musicista vero, suona il piano, questo aiuta la sua idea del tempo, del ritmo da dare o da intuire per creare la giusta danza al brano, è inoltre molto versatile ed attento nei momenti decisivi ma con un istinto a volte irrefrenabile. Stefano Ricci, il mio socio, è anche il contrabbassista del gruppo Quintorigo (già qui non mi dilungo…altrimenti). E' l'arrangiatore di tutti i brani, un musicista di grande esperienza nel live ed in studio, con studi di composizione alle spalle. Ha saputo dare concretamente il carattere e la sonorità "NoPop". Io sono Stefano Savini, diplomato in chitarra e musica jazz, compositore della metà dei brani del CD e sostenitore dell' integrità del nostro progetto: proporre una musica che abbia all'interno tutte le influenze dei nostri reciproci studi ed amori, ma con una chiara e spontanea dignità della realtà del nostro stile e della nostra idea di musica.

F.C.: Un viaggio nelle atmosfere europee ma anche sudamericane, senza tralasciare l'impronta chiaramente jazzistica data all'album, perché questa scelta?
S.S.: La scelta credo e crediamo di non averla fatta ma di esserci incappati dentro, mi spiego: un gruppo italiano, europeo, mediterraneo come noi siamo, non poteva prescindere dalle tradizioni culturali e musicali delle sue zone, anche senza ricercarle. Se il lavoro come nel nostro caso è una ricerca di se stessi e della propria identità musicale, direi che conviene essere sincero quando voi dare te stesso o la tua anima per comunicare con chi ti ascolta. Il jazz nella nostra musica è un linguaggio utilizzato principalmente per dare sfogo ai singoli strumenti che tramite l'improvvisazione possono commentare e trasportare il brano in situazioni (soprattutto dal vivo) molto coinvolgenti e vive, supportate dalle ritmiche e dai colori tipici della musica afro-americana. Comunque un utilizzo europeo dell'estetica jazzistica come da Lei giustamente osservato.

F.C.: Ascoltando mi vengono in mente Philip Glass e certe emozioni world di cui tanto si suona, ma spesso in modo poco convincente e "di cassetta". I riferimenti possibili sono tanti, ma la personalità con cui sono ideati ed eseguiti i brani non li rendono strettamente necessari. Le architetture sonore sono molto individuali, le timbriche intense, nella ricerca della massima espressività di ogni strumento. Vuole dire la sua in questo senso?
S.S.:
E' chiaro che tutti i musicisti compositori di grande spessore, come ritengo Glass, possono in qualche modo essere affiancabili alla nostra estetica musicale perché li abbiamo ascoltati e studiati al pari di Bach, Mozart, Monk, M.Davis, Coltrane. L' inquadramento nella cosiddetta "world music" può anche starci, ma nell'epoca della contaminazione, della multietnicità culturale chi non può prescindere da tutto ciò? In ogni caso il nostro "World" è più piccolo, periferico, intimo, provinciale, e per questo credo sicuramente più internazionale e comunicativo di altri tentativi. Noi esportiamo noi stessi e la nostra natura musicale, questa è la nostra scelta, come in passato hanno fatto molti altri, come Ornette Coleman, Charles Mingus o Carla Bley,.

F.C.: L'impressione, ascoltando, è quella di in album molto meditato, le tracks danno la sensazione di essere il punto d'arrivo di un percorso iniziato da un jazz "evoluto" e forse giunto ad una maturità che dal jazz può trascendere, alla ricerca di una sintassi musicale che comprenda molti linguaggi.
S.S.:
L'impressione che ha avuto è quella giusta, l'album è meditato per quanto riguarda la scelta dell'arrangiamento complessivo dei timbri, dell'organico, del ritmo che deve seguire la batteria o lo strumento cui affidare il tema. E' altrettanto forte l' istintività nel seguire l'immagine che il motivo del brano declama. Io definisco la mia musica ed anche quella di Ricci una sorta di affresco sonoro delle nostre idee… chiaramente attraverso le sonorità degli strumenti di questo organico; noi, comunque, abbiamo anche altri progetti ove utilizzare strumenti diversi ma con il quasi medesimo linguaggio riusciamo ad affrescare il quadro sonoro secondo l'intenzione che abbiamo in mente: ad esempio utilizzando l'elettricità strumentale,…ho coniato questo temine in questo momento, me ne scuso. Per concludere il nostro è un percorso che comprende molti linguaggi ma per sintetizzarne uno al meglio: cioè il nostro NoPop…sarà una gara dura ma come ho già detto è l'unica cosa che mi sembra giusta ed artisticamente valida da fare!






Articoli correlati:
05/09/2009

Sumar (Savo (Stefano Savini)) - Fabrizio Ciccarelli

13/04/2009

Cortile (Stefano Savini)

08/08/2005

Sestetto (NoPop)







Invia un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


Questa pagina è stata visitata 6.525 volte
Data pubblicazione: 05/12/2006

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti