Jazzitalia: la musica jazz a portata di mouse...
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Intervista con Take 6
Risponde David Thomas
di: Eva Simontacchi

Fotografie di Alberto Gottardelli

Click here to read the english version

I Take 6 sono nati nel 1980 come gruppo gospel a cappella di un piccolo college nel sud degli Stati Uniti. Claude McKnight aveva formato un quartetto a cappella all'Oakwood College di Huntsville (Alabama). Furono uditi da Mark Kibble mentre provavano in un bagno prima di uno spettacolo. Mark aveva conosciuto Claude a Buffalo, dove frequentavano la stessa chiesa e quella sera si unì ai quattro cantanti. I membri del gruppo cambiarono molte volte man mano che i ragazzi si laureavano. Nel 1987 firmarono un contratto con la Warner/Reprise Nashville, e assunsero ufficialmente il nome Take 6 (formato da Claude McKnight, Mark Kibble, Mervyn Warren, Alvin Chea, Cedric Dent e David Thomas).
Dopo un debutto storico con l'album Take 6 (1988) e una sequela altrettanto interessante, "So Much To Say" (1990), Mervyn Warren si distaccò per proseguire la carriera di produttore (Handel's Messiah: "A Soulful Celebration", la colonna sonora di Sister Act II, Manhattan Transfer, etc.). Joey Kibble, il fratello minore di Mark Kibble fu invitato a prendere il suo posto. Ogni album dei Take 6 ha vinto il disco di platino o d'oro. Dal 1991 ad oggi sono usciti "He Is Christmas" ('92), "Join The Band" ('94) e sono state completate varie tournée, per promuovere i loro album a partire da "Join The Band", "Brothers" ('96), "So Cool", "We Wish You A Merry Christmas", "Greatest Hits", "Live" e "Beautiful World" (2002).
Non c'è dubbio che lo stile dei Take 6 abbia avuto un'influenza senza pari sulla musica pop moderna. Pur continuando a cambiare l'espressione e le prestazioni, resta costante fino all'ultimo album il tema e il destinatario delle loro canzoni, che sono una costante dichiarazione di fede nella potenza di Dio in stile gospel, jazz con influenze r&b, e altri vari stili musicali. La base spirituale e le armonie riccamente stratificate ed eccezionalmente estrose sono molto coinvolgenti.

Eva Simontacchi: Come preparate una nuova canzone per il vostro repertorio?
David Thomas: Spesso quando cantiamo in studio, dobbiamo aggiustare un po' l'arrangiamento per poterlo inserire nel repertorio dello spettacolo live. Una volta fatto questo, proviamo per circa due o tre settimane, ed è fatta! In effetti, proviamo tutte le nostre canzoni per circa due o tre settimane.

E.S.: Desideravamo toccare questo argomento in quanto molti gruppi vocali sono interessati a sapere come fate ad ottenere tutti questi risultati. Ciò che avete da dire o suggerire è importante per i gruppi ed i cantanti che vi seguono e che possono attingere alla vostra esperienza. Fino a che punto sono importanti le prove?
D.T.: Le prove sono molto importanti. Prima che uscisse il nostro primo album, mentre ci stavamo preparando per uno spettacolo per il quale invitammo varie compagnie discografiche, provammo per circa un anno, dalle 30 alle 40 ore alla settimana. Eravamo tutti a scuola, e provavamo durante i week-end, dal venerdì alla domenica, per circa 30 ore. Provavamo fino alla nausea……. Fino a non poterne più. Abbiamo provato talmente tanto, che alla fine le nostre armonizzazioni e il nostro impasto vocale sono divenuti per noi una seconda natura. Ogni tanto dobbiamo ancora darci una "spolveratina", ma non abbiamo più bisogno di lavorarci sopra tanto duramente, perché è importante che il tempo venga ben utilizzato e gestito.

E.S.: Come provate adesso? Quante volte alla settimana o al mese provate prima di un concerto o un tour?
D.T.: Uno dei benefici che ci è derivato da tutte quelle prove che abbiamo fatto nel periodo iniziale è che l'abbiamo fatto per talmente tanti anni che ora riusciamo subito a concentrarci, a focalizzare. Non abbiamo bisogno di andare in studio. Ci ricordiamo come l'abbiamo fatto, e ci aiuta a ridurre i tempi necessari prima di ogni spettacolo. Dunque, dopo essere usciti con un album, proviamo per un periodo molto concentrato di circa tre settimane, poi dopo ripassiamo un po', per accertarci di terminare tutti insieme, di respirare nello stesso punto,di essere tutti quanti sulla stessa pagina emotiva. Lo facciamo, ogni tanto. Poi, se ci rendiamo conto che una canzone ha perso un po' del suo smalto durante un concerto, ne parliamo tra di noi, e diciamo: "Oh, non aveva un buon sound", e il giorno dopo la ripassiamo nuovamente.

E.S.: La cosa più importante per un gruppo vocale…
D.T.: Direi due cose più che una: è importante che la voce sia in condizioni ottimali quando si ha una serata, e una delle cose che abbiamo imparato è che – soprattutto se si parla di un gruppo in tournée – bisogna dormire il giusto numero di ore ogni notte. Non si possono fare troppe feste, e stare alzati di notte, perché se lo fai per un paio di settimane, ti ritrovi rauco...ed è la fine del tour! Dunque, un buon sonno regolare e ristoratore, bere molta acqua, e fare degli esercizi di riscaldamento vocale per un'ora o quaranta minuti prima di ogni spettacolo.

E.S.: E lo fate sempre? Ognuno di voi?
D.T.: Si. Non dobbiamo necessariamente riscaldarci tutti insieme, lo facciamo anche ognuno per conto suo, basta che le nostre voci siano state scaldate e siano pronte e presenti. Poi ci troviamo per il sound check, e ci si scalda ulteriormente, ma tutti insieme.

E.S.: Come affrontate i problemi che sorgono all'interno del gruppo quando non riuscite a trovarvi tutti d'accordo su qualcosa? E' una domanda un po' impicciona...
D.T.: No, è un'ottima domanda! E' così che i gruppi restano uniti, ecco da dove viene la longevità!

E.S.: Dato che il vostro gruppo è un esempio per tutti i gruppi vocali, abbiamo bisogno dei vostri consigli!
D.T.: Per essere onesto, abbiamo anche noi dei problemi, come qualsiasi altro gruppo. Ciò che abbiamo imparato, l'abbiamo imparato sulla nostra pelle; essendo una pura democrazia, i problemi vanno risolti sulla base della maggioranza. A volte ci troviamo 4 a 2, a volte si tratta di decisioni assolutamente unanimi che ci trovano tutti d'accordo, mentre a volte ciò non accade. E capitano anche dei casi in cui, anche se ti trovi in minoranza, ma dici: "Questa cosa proprio non la posso fare", gli altri, dopo averne discusso, rispondono: "Ok, se per te è così importante o se questa cosa ti fa stare male, non la faremo". Dunque è un cocktail di pura democrazia, ma se qualcuno ha dei grossi problemi ad accettare una cosa, allora bisogna per forza trovare una soluzione. Agiamo come una famiglia.

E.S.: Essendo un gruppo Cristiano, e credendo nell'Amore, certamente questo vi aiuta...avete qualcosa in più...
D.T.: Se si trattasse di pura democrazia, ed i due in disaccordo ricevessero un bel "a noi di voi non importa nulla" sarebbe un conto...Ma dato che l'Amore di Dio è parte di noi, se una cosa è troppo pesante perché tu riesca a sopportarla, allora non la faremo. Ci è capitato di rinunciare a contratti da milioni di dollari semplicemente perché uno di noi ha detto: "Non riesco proprio a sentirmi a mio agio in una situazione simile"... Non è facile, onestamente devo dire che non è per niente facile, sto dicendo la verità. Ma il fatto è che Dio ha fatto talmente tanto per noi che il minimo che possiamo fare è far qualcosa l'uno per l'altro.

E.S.: Gospel, jazz, doo-wop, latin, R&B, opera e pop...Avete intenzione di includere altri stili musicali nel repertorio del vostro gruppo vocale a cappella?
D.T.: Una delle cose che abbiamo appreso con il trascorrere degli anni è che quando ci capita di ascoltare qualsiasi tipo di musica, se riesci a percepire l'emozione di chi canta, e senti che sono veramente presi dalla musica che fanno, diventa ancora più interessante, e allora ci capita di dire: "Che bella musica! Dovremmo fare anche noi qualcosa di simile!" Ed ecco come si incorporano i vari stili diversi. Abbiamo avuto la benedizione di girare il mondo intero e abbiamo raccolto influenze un po' ovunque.

E.S.: Sono certa che raccoglierete presto qualcos'altro da proporci…
D.T.: ne sono certo anche io...Dobbiamo farlo a volte, giusto perché la cosa rimanga stimolante e interessante anche per noi. Dobbiamo divertirci!

E.S. C'è un progetto che non avete ancora intrapreso e che vorreste realizzare come gruppo?
D.T.: Oh, si! Ed è un progetto sul quale stiamo lentamente lavorando da tempo. Di tanto in tanto facciamo delle date con delle Orchestre Sinfoniche, dunque ci piacerebbe portare avanti un intero progetto con un'Orchestra Sinfonica...

E.S.: Ve lo meritate davvero, e ve lo auguriamo presto! Ci auguriamo anche di poter ascoltare a breve un vostro nuovo album!

Il Concerto
Alvin Chea, Cedric Dent, Joel Kibble, Mark Kibble, Claude McKnight e David Thomas danno inizio al loro concerto con "Come On", brano di apertura, e le loro voci calde riempiono la sala di armonie ricercate. Durante la serata abbiamo l'opportunità di ascoltare "Wade In The Water", "All Blues", "Just In Time", "Lamb Of God", "My Friend", "Smile", "Over The Hill Is Home", "We Don't Have to Cry", "Grandma's Hands" (Bill Withers), "I've Got Life" e "Spread Love", in cui invitano il pubblico a cantare con loro.
Il concerto è stato estremamente coinvolgente, a volte andando a toccare delle corde emotive profonde, a volte riempiendo la sala di energia e allegria, il tutto sempre ed esclusivamente per mezzo della loro voce: la linea del basso, la ritmica, le melodie e le armonie. E' stato un ottimo concerto, grandemente apprezzato anche da parte del pubblico.






Articoli correlati:
08/08/2009

I Take 6 al Blue Note: "Il sound dei Take 6 è superlativo. Il loro lavoro negli anni è maturato e gli arrangiamenti sono sempre più raffinati e sofisticati. Sono degli ottimi intrattenitori, e coinvolgono anche il pubblico con spiritose gag e studiate coreografie." (Eva Simontacchi)

01/05/2008

Un ricordo di Gene Puerling, uno dei più grandi arrangiatori vcali: "Gene Puerling, leader degli Hi-Lo's e dei Singers Unlimited, grande arrangiatore vocale e innovatore del moderno canto pop e jazz a cappella, è deceduto a 78 anni lo scorso 25 marzo in California. A lui si deve la famosa versione di "A Nightingale Sang In Berkeley Square" incisa dai Manhattan Transfer nell'LP Mecca For Moderns, premiata con il Grammy nel 1982 quale migliore arrangiamento per voci." (Giuppi Paone)

06/01/2005

I Take 6 a Napoli: "Con sapienza riescono a trattare testi e musiche già codificati dalla tradizione per poi restituirli al pubblico in una dimensione nuova..." (Luigia Bencivenga)

14/02/2004

Jazzitalia intervista in esclusiva i Take 6 a New York: "...Amiamo tutta la musica, e abbiamo cantato praticamente tutti i generi musicali, inclusi jazz, gospel, doo-wop, latin, R&B, hip-hop, opera, pop, e persino country western." (Sandra Kimbrough)







Invia un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


Questa pagina è stata visitata 6.895 volte
Data pubblicazione: 20/11/2005

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti