Jazzitalia - Articoli: Intervista con Valentina Marino
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Intervista con Valentina Marino
novembre 2018
di Marco Losavio

In procinto di pubblicare un nuovo album "East 75th", Valetina Marino, jazz singer italiana residente a New York, ci racconta del suo percorso e su cosa oggi è focalizzata la sua musica.

Come nasce la tua vocazione per il jazz e la musica in genere?
Alla fine degli anni '80 c'era una trasmissione radio che apriva con "Take 5" di Dave Brubeck. Alle 7 del mattino aprivo gli occhi, volavo in bagno e mio papà fischiettava quella sigla di apertura mentre si faceva la barba. Così ogni mattina per molti anni a venire. Poi il tuffo più profondo nel jazz da adolescente. Trovai un vinile nella collezione dei miei: Louis Armstrong ed Ella Fitzgerald in duo e fu amore al primo ascolto. La mia passione per I film di Woody Allen poi, Che iniziai a vedere in terza media, ha marcato l'ingresso senza uscita nel tunnel del jazz. Le colonne sonore di Woody, quella Annie Ross che canta "Twisted" ad apertura di "Deconstructing Harry", il suo clarinetto al Carlyle Hotel sulla Upper East Side di Manhattan… Non poteva accadere diversamente. A 12 anni ero già completamente una jazz Addict. Quanto alla musica in genere, ho iniziato a cantare da piccoletta. Mi piaceva in particolare registrarmi. Su quei registratori a cassetta col bottone rosso per recording e quello bianco per riascoltarmi - non so quante miriadi di volte li avrò pigiati. I miei genitori si divertivano a farmi incidere "La cicala e la formica" e una serie infinita di canti popolari. Da bambina mi piaceva comporre canzoncine. Mi accompagnavo col flauto e il piano e presentavo le mie composizioni alle recite scolastiche. Cantavo in un gruppo alle medie, messo su e diretto dalla mia insegnante di inglese. Ricordo ancora la recita di Natale quando cantammo "New York New York" con le mie compagnette Chiara e Giorgia…Era già deciso allora che sarei finita a vivere nella Big Apple :-)



Come è maturata quindi la decisione di andare a vivere a New York?

Ho studiato legge a Roma. In quella che chiamo la mia precedente vita e la mia precedente identità. Profondamente scontenta e a disagio dentro una pelle che non mi apparteneva ma che cercavo di tollerare per non creare scompigli in famiglia, mi iscrissi al corso di jazz de l' Università della Musica di via Libetta. Pensavo che sarei riuscita a portare avanti I due percorsi parallelamente ma non fu così. Con un codice civile in una mano e lo spartito di "Be bop lives" nell'altra, decisi di interrompere la frequenza alla UM e sostenere l'esame di avvocato. La febbre jazz però era stata solo tamponata. Una mattina mi alzai e dissi basta. Non volevo più lavorare in un ufficio legale di giorno e cantare nei baretti la notte. Armi e bagagli, ho dato le dimissioni, mi sono trasferita a Vienna dove misi su il mio jazz trio, conobbi la mia voice coach di New York Heidi Eiselberg la quale presto mi disse: devi trasferirti a New York e incidere il tuo primo album li. E così fu. Non senza prendere prima la mia laurea in jazz però.  Avevo fatto l' errore di interrompere gli studi alla UM prima. Non lo avrei ripetuto. Ho conseguito così la mia laurea in vocal jazz performance alla new school for jazz and contemporary music di Manhattan, avendo la fortuna di avere tra I miei mentors Reggie Workman, Richard Harper. Janet Lawson ed Amy London. Uscita dalla università ho conosciuto il mitico Cameron Brown che ha prodotto il mio primo jazz record pubblicato a New York per conto della Jazzheads nel 2016.


Valetina Marino con Cameron Brown

Nel tuo ultimo album è evidente un allargamento degli orizzonti musicali. Qual è o quali sono le trame principali che ti hanno ispirato?
L'ultimo album è dedicato al mio appartamento sulla 75sima strada. Il nido che da 8 anni protegge, inspira e nutre la mia musica. In questo nido non ci sono confini musicali, non ci sono limiti, non ci sono categorizzazioni. La musica fluisce liquida e il jazz ci nuota dentro o esce per stendersi un po' al sole mentre altre sonorità e altre ispirazioni nuotano. Poi ritorna.

Vuoi dirci anche dell'uso piuttosto "totale" della voce?
La voce è uno strumento. Se potessi mutuare la mia la vorrei trasformare in un tamburo, una batteria e un basso. Ho studiato improvvisazione con i grandi sia a New York (Sheila Jordan, Janet Lawson, Bob Stolof, Bobby McFerrin) che a Vienna e a Roma (Marilena Paradisi In particolare). Tutti questi coaches hanno ispirato in me l'uso della voce come strumento a tutto tondo. In questa mia versione a cappella di "Three little birds" riesco ad esprimerti più direttamente cosa intendo dire.

Ci sono dei brani a cui sei maggiormente legata?
"Lush life", "The Peacocks", "Take Five", "Central Park West" e il mio ultimo "Gotta move on".

Ci sono altre vocalists a cui ti riferisci o che consideri tue ispiratrici?
Ella e Sarah, Diana Washington, Nina Simone, Blossom Darie, Peggy Lee e Anita O'Day tra le mie muse delle origini. Diane Reeves, Diana Krall, Esperanza Spalding tra le contemporanee.

C'è un aspetto in particolare, di tecnica o artistico in genere, su cui stai lavorando in questo periodo?
Sono completamente immersa nel songwriting e nella composizione. "East 75th" esce nel 2019 e ha bisogno di tutta la mia attenzione. Il tour jazz non si ferma ne' interrompe mai però. Parallelamente, ho appena inciso un singolo con Randy Klein che è appena uscito: "The Peacock". Sempre con Randy siamo in procinto di registrare un tributo al grande Rufus Reid. Sto lavorando ad un arrangiamento molto particolare di "Perpetual Stroll". Non posso dirti altro al momento, tranne che sarà davvero davvero interessante.

Come hai scelto i musicisti? Ci vuoi parlare un po' di loro?
A New York è estremamente facile incontrare una pletora di musicisti che arrivano da tutto il mondo. Frequento le jam sessions qui da oltre 10 anni. Ancora prima di trasferirmi qui a New York. Ascolto ma osservo anche i musicisti quando improvvisano. Se non chiudono gli occhi almeno un paio di volte mentre lo fanno e se non cantano qui e lì le linee che stanno improvvisando non possono lavorare con me. I musicisti con cui lavoro devono essere passionali, umili, onesti. Dedicati internamente e illimitatamente alla creazione musicale.

Ci sono musicisti con i quali ti piacerebbe collaborare? Sognare non costa nulla...
Sogno un duetto con Woody Allen. Lo sogno da quando avevo 12 anni. So che un girono accadrà. So anche che non è considerato un musicista, specie tra i jazzisti, ma io con Woody perdo ogni forma di obiettività. Magari ti aspettavi che ti dicessi: sogno un duetto con Chick CoreaKeith Jarrett
Pat MethenyMeldau? Si ci ho pensato, ma poi è solo su Woody che voglio concentrare il mio day dreaming. Ed accadrà. Ripeto, accadrà :-)

Cosa ti dà l'essere a New York e cosa ti prende?
Mi da tutto e mi prende tutto. New York è la mia casa la mia famiglia il mio gruppo di amici. New York è il mio specchio il mio camino il mio condizionatore nelle giornate di caldo più afoso. New York mi prende l'anima senza che mai desideri di farmela restituire.

Pensi di rimanere lì o di spostarti magari percorrendo altri sentieri musicali e artistici?
La mia vita è un flusso continuo di rimanere e andare in un equilibrio magico. Resto e parto ad ogni risveglio, senza mai desiderare altrimenti. E' la musica a scandire I miei movimenti e le mie stasi. Non ho bisogno di programmare. E' lei che mi guida.

Prossimi progetti in calendario?
Iniziare il tour per "East 75th" come ti dicevo. Poi è arrivato il momento di portare il mio jazz a Roma, no? La città che amo alla follia e dove avverto come un paradosso il fatto di non essermi mai esibita.







Articoli correlati:
23/12/2017

LEZIONI (Storia): I duetti di Ella & Louis - Stars Fell on Alabama. (Maria Francesca Piazzolla)

29/06/2017

Ella Fitzgerald, "Live at Chautauqua, Vol. 2": la dedica della grande artista a Martin Luther King, assassinato solo tre mesi prima del concerto, e la storia della bobina originale

13/05/2012

LEZIONI (voce): Come si canta uno Standard: (alcune) istruzioni per l'uso (Ondina Sannino)

18/03/2012

LEZIONI (Storia): I duetti di Ella & Louis #2: analisi del brano "Under the balnket of Blue". (Maria Francesca Piazzolla)

26/12/2011

Una speciale guida di New York City seguendo la carriera di Sonny Rollins: da un articolo del New York Post, Sonny "Colossus" Rollins delinea un percorso di mete nella Grande Mela che rappresentano punti salienti della sua carriera e, di conseguenza, della Storia del Jazz.

08/12/2011

LEZIONI (Storia): I duetti di Ella & Louis #2: analisi del brano "Don't be that way". (Maria Francesca Piazzolla)

27/11/2011

Il Darwinismo nel Jazz: evoluzione del brano "Some Of These Days". Dal bianco lezioso di Sophie Tucker allo splendido universo sonoro di Ella Fitzgerald (Franz Falanga)

24/10/2011

LEZIONI (Storia): I duetti di Ella & Louis (Maria Francesca Piazzolla)

12/06/2011

Intervista ad Antonio Ciacca: "Per me la tradizione è il fondamento del futuro. Ci sono grandi musicisti in ogni epoca e io cerco di studiare la loro tecnica il loro concetto. Ellington è un compositore pianista che richiede un impegno diverso dal suonare "Confirmation" di Parker. I pezzi di Ellington sono scritti o trascritti da cima a fondo non come un comune standard da real book. Io studio molto il pianismo di Ellington come progenitore del pianismo di Monk cioè del vero suono del piano Jazz. " (V. Falcioni, M. Losavio)

07/05/2011

Alvester Garnett Artworks Ensemble suonano all'After Hours del Dizzy's Club "Coca-Cola" di New York (Roberta E. Zlokower)

07/05/2011

Il Randy Weston "African Rhythms Sextet" al Dizzy's Club "Coca-Cola", "Il sestetto infiamma il pubblico evocando frasi musicali da tutto il mondo: Turchia, Africa, Cuba, Brasile e ovviamente dall'America." (Roberta E. Zlokower)

13/02/2011

Cidinho Teixeira & Fabiana Masili allo Zinc Bar di New York: "Cidinho è un vero e proprio mattatore e domina la scena sul particolarissimo piano dello Zinc Bar. Fabiana Masili da par sua si mostra sufficientemente all'altezza nelle difficili armonie brasiliane..." (Marco Losavio)

13/02/2011

Jim Hall Quartet e Les Paul Trio all'Iridium Jazz Club di New York: "...un concerto all'insegna della grazia, dell'eleganza, del buon gusto. Sembravano piatti preparati da un grande chef con una mise en place essenziale e i sapori equilibrati alla perfezione." (Marco Losavio)

13/02/2011

Joe Lovano "US Five" al Village Vanguard di New York: "Lovano presenta con Esperanza Spalding e il suo quintet un progetto interamente dedicato alla musica del grande Parker: come scrivere qualcos'altro sul bebop considerato dai più "muffa" o con un sentito trito e ritrito." (Marco Losavio)

13/02/2011

Eve Cornelius & Mosaic feat. Jeremy Pelt allo Smoke Jazz Club di New York: "...presenza scenica che ostenta sicurezza e che trasmette confidenzialità...una voce che sa essere volutamente "sgraziata", stravolge l'esposizione dei temi con padronanza armonica, ritmica e melodica..." (Marco Losavio)

01/02/2011

LEZIONI (batteria): Poliritmia al Drummer Collective di New York (Armando Bertozzi)

30/01/2011

Una gallery di oltre 60 scatti al New York Winter Jazz Fest 2011: Chico Hamilton, Don Byron, Geri Allen, JD Allen, Butch Morris, Steve Coleman Vernon Reid, Anat Cohen, Aaron Goldberg, Nasheet Waits, Abraham Burton, Eric McPherson...(Petra Cvelbar)

20/06/2010

Jazzitalia compie 10 anni: "...il 20 giugno 2000, iniziava l'avventura di Jazzitalia. Oggi, a distanza di 10 anni, siamo ancora qui a rendere disponibile uno strumento utile per chiunque voglia far conoscere il proprio lavoro nell'ambito della musica Jazz, per chiunque voglia essere aggiornato sulle evoluzioni, le tendenze, le novità di questo mondo musicale..." (Marco Losavio)

13/06/2010

Ella Fitzgerald Sings The Cole Porter Song Book (Ella Fitzgerald) - Alceste Ayroldi

07/03/2010

Il New Yorker Hotel festeggia l'80mo anniversario con un party anni '30: "Per celebrare il suo ottantesimo anniversario l'Hotel New Yorker ha organizzato un lussuoso party con musica dal vivo stile anni '30 eseguita dai Nighthawks di Vince Giordano ma anche show girls in stile anni '30, cigarette girls, maggiordomi in livrea agli ascensori e un trio di cabarettisti molto swingante." (Roberta E. Zlokower)

28/02/2010

Jazzitalia attiva una sezione dedicata alla città più rappresentativa al mondo per quel che riguarda il jazz e la sua storia: New York!

19/02/2010

In this day (E.J.Strickland)- Gianni B. Montano

13/02/2010

Celebration. Live at the Triad (Sheila Jordan + Cameron Brown)- Giovanni Greto

12/09/2008

Intervista a Minnie Minoprio: "Per me il Jazz è la liberazione di sensazioni e sentimenti personali attraverso la creatività momentanea. Tutto ciò che è pre-ordinato, già scritto, eseguito ad unisono con altri non è jazz. Per questo motivo prediligo e ritengo esaltanti i musicisti tradizionali, che pur senza tecnica sopraffina offrono all'ascolto molto di più delle semplici note, qualcosa di fisico e prezioso, gli altri sono bravi esecutori ma si limitano a distinguersi per una interpretazione più o meno riuscita..." (Alceste Ayroldi)

03/05/2008

Isole (Marco Tamburini)

13/04/2008

La Compagnia di canto ed allestimento del New York Harlem Theatre e l'Orchestra del Teatro Regio di Parma insieme mettono in scena Porgy and Bess: "...è innanzitutto un'opera vitale e moderna. L'edizione proposta è quella che Gershwin stabilì come definitiva nel suo testamento, affidando ad una fondazione l'esecuzione esatta della sua volontà. Ed è ancora fresca nella sua ambientazione, il vicolo di un quartiere nero di una città fluviale del Sud degli USA..." (Marco Buttafuoco)

15/03/2008

Presso lo Studio 57 Fine Arts, sulla 57a West a New York, vicinissimo alla Carnegie Hall, agli show di Broadway, al Lincoln Center, vi sono delle uniche e rare litografie di Al Hirschfeld che ritraggono alcuni tra i più rinomati musicisti jazz... (R. Zlokower)

22/08/2006

Frenico (Marco Tamburini)

23/05/2005

Unforgettable Ella (Lil Darling Hot Club)

03/07/2004

New York Is Now! a Roma, diciotto musicisti, nove formazioni, tre diversi concerti a serata, un totale di nove ore di musica: "...il free è sì rottura e avanguardia, ma anche ritorno alla radice stessa della musica afroamericana, il ritmo. Il jazz è soprattutto ritmo, è la musica in cui trova espressione, senza discriminazione alcuna, tutto ciò che "batte"..." (Dario Gentili)





Video:
Ella Fitzgerald Live Jazz festival in Cannes 1958 part II
Fore the Others Parts contact me...
inserito il 15/07/2011  da lounisproduction - visualizzazioni: 3007
Dave Douglas Quartet 1/6
Dave Douglas Golden Heart Quartet plays the music of Don Cherry, Marciac, 2007 // Dave Douglas - trumpet / J D Allen - saxophone / Cameron Brown - bas...
inserito il 23/12/2009  da BibiAudiofil - visualizzazioni: 3060
LUIGI RUBERTI QUARTET GUEST MARK SHERMAN
Luigi Ruberti Quartet special guest Mark Sherman live museo archeologico di Napoli 6/12/09Luigi Ruberti (Bass)Mark Sherman (Vibes)Gianfranco Campagnol...
inserito il 06/12/2009  da mastjazz - visualizzazioni: 4788
"Search for life" / "Round trip", Ornette Coleman Ensemble. "InJazz" Summer Clinics 2009. (2/2)
Concerto finele dei seminari estivi InJazz 2009. Ornette Colemn Ensemble diretto da Marcello Allulli. Fabriano (AN). www.injazz.it - info@injazz.it - ...
inserito il 14/10/2009  da bettabu - visualizzazioni: 3992
Enrico Rava - Certi angoli segreti
"Certi angoli segreti", from the album "New York Days" (ECM-2009), Enrico Rava, Mark Turner, Stefano Bollani, Larry Grenadier, Pau...
inserito il 17/08/2009  da Jazzfan92 - visualizzazioni: 4459
Bing Crosby & Ella Fitzgerald - Children songs
Jazz•Street / Bing Crosby & Ella Fitzgerald - Children songs...
inserito il 10/06/2009  da TheJazzStreet - visualizzazioni: 2897
Bing Crosby & Ella Fitzgerald - Children songs
Jazz•Street / Bing Crosby & Ella Fitzgerald - Children songs...
inserito il 10/06/2009  da TheJazzStreet - visualizzazioni: 2619
Ella Fitzgerald - "Summertime" (TV Special 1968)
Ella Fitzgerald sings "Summertime" (from "Porgy and Bess" - George and Ira Gershwin) in a TV Special from 1968., (From Globo TV, B...
inserito il 16/03/2009  da Gringoverdeamarelo - visualizzazioni: 3254
Larry Grenadier Stefano Bollani ed Enrico Rava New York Days Poggibonsi IGT 2009
Larry Grenadier e il suo contrabbasso capace di farmi pensare a Steve Harris parecchie volte e di riempire ogni singolo vuoto del fluire della musica...
inserito il 06/02/2009  da burde73 - visualizzazioni: 4588
Stefano Bollani ed Enrico Rava inizio concerto Poggibonsi 5 Febbraio 2009
Iil trombettista torinese presentare le musiche del suo ultimo progetto musicale Enrico Rava New York Days, il Cd inciso per la prestigiosa etichetta ...
inserito il 05/02/2009  da burde73 - visualizzazioni: 4337
Enrico Rava Live in Poggibonsi 5 Febbraio 2009
Enrico Rava è il musicista italiano che più di ogni altro ha vissuto da protagonista alcuni dei momenti fondamentali della storia del jazz; ...
inserito il 05/02/2009  da burde73 - visualizzazioni: 4068
Ella Fitzgerald, Nancy Wilson, & Al Jarreau Performs
20th NAACP Image Award-1988 Amazing performance from Nancy Wilson and Al Jarreau. Also Ella Received the President's Award and gave an outstanding per...
inserito il 03/01/2009  da Rmasai - visualizzazioni: 2601
Ella Fitzgerald, Nancy Wilson, & Al Jarreau Performs
20th NAACP Image Award-1988 Amazing performance from Nancy Wilson and Al Jarreau. Also Ella Received the President's Award and gave an outstanding per...
inserito il 03/01/2009  da Rmasai - visualizzazioni: 2711
BABY,IT'S COLD OUTSIDE / LOUISE JORDAN & ELLA FITZGERALD
????????????...
inserito il 28/12/2008  da knuckletc - visualizzazioni: 2054
Ella Fitzgerald and Joe Pass - Cry me a river (1975)
Ella Fitzgerald and Joe Pass together in this magnificent performance of "Cry me a river"....
inserito il 19/10/2008  da bretodeau - visualizzazioni: 3203
Ella Fitzgerald, Caterina Valente, Perry Como
Ella Fitzgerald and Caterina Valente are joined by Perry Como...
inserito il 15/04/2008  da 12031947 - visualizzazioni: 2899
Caterina Valente
Caterina Valente on the Perry Como show...
inserito il 15/04/2008  da 12031947 - visualizzazioni: 3127
Ella Fitzgerald sings Body and Soul
Ella stars as guest in Frank Sinatra's TV program "A Man and his Music" in the 70's....
inserito il 16/02/2008  da cssison - visualizzazioni: 2948
Ella Fitzgerald - Round Midnight
Ella Fitzgerald sings "Round Midnight"., , Piano: Oscar Peterson, Bass: Ray Brown, Drums: Ed Thigpen , Composer: Thelonious Monk, (UK, 1961)...
inserito il 16/12/2007  da guachifluchi - visualizzazioni: 3225
Renee Neufville w/ Roy Hargrove's RH Factor - Crazy Race
Live at Jazz Open Stuttgart 2005 www.myspace.com/reneemusic...
inserito il 10/10/2007  da reneeneufvillemusic - visualizzazioni: 3824
Ella Fitzgerald - A-Tisket, A-Tasket
Ella Fitzgerald - A-Tisket, A-Tasket http://www.imdb.com/title/t......
inserito il 20/06/2007  da ninenine - visualizzazioni: 2814
Russell Malone
Jazz guitar virtuoso Russell Malone gives a rare solo performance at the New York Guitar Festival's second biennial Guitar Marathon at the 92nd Street...
inserito il 28/04/2007  da guitarfestival - visualizzazioni: 3500
Ella sings "Stormy Weather" with Joe Pass, Hannover 1975
Ella sings "Stormy Weather" with Joe Pass, Hannover 1975...
inserito il 13/02/2007  da diegodobini2 - visualizzazioni: 2473
Ella Fitzgerald : One note Samba (scat singing) 1969
June 22, 1969 jazz vocalist Ella Fitzgerald with accompaniment by Ed Thigpen on drums, Frank de la Rosa on bass, and Tommy Flanagan on piano....
inserito il 26/01/2007  da diegodobini2 - visualizzazioni: 3010
David Murray live at Village Vanguard
David Murray performing live at Village Vanguard in New York in 1986 with Ed Blackwell (drums), John Hicks (piano), Fred Hopkins (bass)....
inserito il 10/01/2007  da davidmurraymusic - visualizzazioni: 3531
DANA LEONG ft. EDMAR CASTANEDA - ANOTHER PERFECT CATASTROPHE
DANA LEONG - trombone, cello, beats, EDMAR CASTANEDA - harp, ADAM PLATT - keyboards, RYAN SCOTT - guitar, AVIV COHEN - drums...
inserito il 04/12/2006  da dzbone - visualizzazioni: 3477


Inserisci un commento


© 2000 - 2018 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


Questa pagina è stata visitata 177 volte
Data pubblicazione: 18/11/2018

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti