Jazzitalia: la musica jazz a portata di mouse...
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�


Intervista a Cinzia Villari e Tiziana Foschi
Bitonto, 4 agosto 2005 - Beat Onto Jazz Festival
di Alceste Ayroldi

Abbiamo incontrato le due attrici in occasione del Beat Onto Jazz Festival 2005 nella trepida attesa che la pioggia si attenuasse.

Cinzia Villari, nota attrice teatrale, ha elaborato un testo molto particolare, una merge di jazz e prosa. L'impianto è al femminile, infatti come riferiscono le note artistiche "è uno spettacolo con umori di jazz e jazzisti. A parlare sono le donne che li hanno frequentati attraverso epoche e momenti diversi. Due attrici si misureranno con madri, amanti, sorelle degli uomini che hanno reso grande la storia del jazz. Charlie Parker, Bud Powell, Chet Baker, Lester Young, Thelonoius Monk, Bix Beiderbecke, uomini che in comune non hanno solo la musica ma anche un'esistenza profondamente tormentata".

Un lavoro assolutamente innovativo, ricco di spunti di cui abbiamo amabilmente discusso con le due protagoniste.

A.A.: Parliamo del progetto Lover Man: come e perché nasce?
Cinzia Villari: Nasce innanzitutto per un grandissimo amore nei confronti del jazz. E' un umile omaggio da parte di un gruppo di donne, io e Tiziana -che siamo amiche "storiche" – ci siamo unite per fare insieme questo progetto ed abbiamo chiamato una nostra amica regista, Lucia Di Cosmo.
Tiziana Foschi: E' vero, la partenza è stata proprio il desiderio di fare uno spettacolo insieme perché ci conosciamo da 22 anni e desideravamo fare uno spettacolo insieme. La voglia di fare una cosa diversa sia per me, che sono un'attrice comica, sia anche per Cinzia. Il desiderio di misurarci con musicisti, visto che non è facile misurarsi con i musicisti e trovare i tempi d'interazione con il teatro. C'è un grande desiderio in questo spettacolo da ogni punto di vista.

A.A.: Quale è stato il metodo di lavoro nella scelta dei musicisti?
Cinzia Villari: Io sono figlia di un jazzista. Quindi mio padre fin da piccola mi raccontava la storia di questi personaggi, soprattutto quelli più difficili, più bizzarri. E mi diceva che il jazz è un mondo di grande dolore oltre che di grande gioia e che le cose più interessanti, probabilmente, nascono da quel dolore di un gruppo di uomini che sono riusciti a creare ciò che poi hanno creato. Sono cresciuta fino all'età di sedici anni con il jazz, poi mi è venuta la voglia del grande rock. Ma i grandi amori ritornano e mi è venuta voglia di ritornare al jazz. Fino al momento della laurea, infatti mi sono laureata con una tesi in cinema jazz. Molti musicisti mi chiedono che strumento suono proprio perché con la musica ho un rapporto molto stretto.
Tiziana Foschi: In realtà Cinzia suona, perché suona le parole. Ha dei ritmi molto musicali. Ha creato degli spartiti fatti di parole.
Cinzia Villari: Sono molto contenta che ci sia Tiziana con me perché lei che aveva delle corde molto diverse si è misurata con delle corde ancor più diverse. Per cui la sperimentazione è stata doppia: perché è stata una sperimentazione non solo personale,d'attrice ma inerente una tipologia di testo molto particolare,molto musicale.

A.A.: Quanto è stata difficile la ricerca storica?
Cinzia Villari: Non troppo, perché quando ami profondamente una cosa è un piacere studiare, leggere, ascoltare i dischi. La difficoltà è affrontare un testo che non conosci bene. Il mio approccio è stato con estrema umiltà perché ancora devo studiare molto. Ma non è stato difficile perché amo il jazz. La difficoltà è nell'approfondire seriamente. Ho scoperto che però il jazz è un mondo ancora piuttosto chiuso alle donne. Un musicista romano mi aveva avvertito: "stai attenta Cinzia, perché ti scontrerai con un mondo tipicamente maschile". Anche quando feci un lavoro su Thelonious Monk, allorquando mi presentai, i musicisti mi guardarono con un'aria di sospetto: mi vedevano come una ragazzetta. Poi con la competenza si riesce a guadagnare la fiducia. C'è una sorta di razzismo che ancora va scavalcato.

A.A.: Da dove nasce la passione per il jazz di Tiziana Foschi?
Tiziana Foschi: La sera mi leggevo la tesi di laurea di Cinzia e leggevo le vite difficili di questi grandi jazzisti, poi sono morti tutti giovanissimi. Nel vedere le foto sono rimasta sconvolta nel verificare come sembrassero tutti molto più vecchi rispetto alla loro età. Una vita all'insegna del massacro, dell'autolesionismo. Poi ho cominciato a sentire le prime note e tutto è diventato desiderio. Se avessi la possibilità vorrei sapere di più di questo mondo.

A.A.: Avete pensato ad una produzione discografica di questo lavoro?
Cinzia Villari:
Già ci stavamo pensando, la nostra produzione stava cercando di capire in che modo organizzare la cosa. E' possibile perché in questo spettacolo c'è molta musica, anzi musica e parole sono in continua e completa interrelazione.

A.A.: Quale è stato il riscontro da parte del pubblico?
Cinzia Villari:
Secondo me ottimo. La cosa interessante è che abbiamo avuto un pubblico di tutti i tipi sia dal punto di vista culturale e sia dal punto di vista sociale. Ognuno ne è uscito con un'emozione. Molti che non conoscevano il jazz si sono avvicinati al jazz proprio dopo lo spettacolo. Per noi questa è una grande soddisfazione. Un'altra cosa bella è stata l'interazione con i musicisti anche perché si può improvvisare in maniera jazz anche con le parole. Anche chi opera nel settore teatrale ha avuto parole belle nei nostri confronti perché "abbiamo fatto teatro jazz".
Tiziana Foschi: In generale il sentimento che ha accomunato queste persone, dal ragazzino di dodici che era venuto anche per ridere perché ha letto il mio nome, all'intellettuale etc… E' stata una grande soddisfazione per la poliedria che percorre tutto il testo.

A.A.: Se avessi potuto scegliere come compagno di vita uno dei musicisti di cui parlate chi avresti scelto?
Cinzia Villari:
Lester Young
Tiziana Foschi: Thelonious Monk.

A.A.: Se avessi suonato uno strumento?
Cinzia Villari:
Il contrabbasso, perché ha le note più calde. Per carità tutti gli strumenti sono meravigliosi, ma il contrabbasso è caldo, è quello più vicino al cuore. Infatti amo Mingus con tutto il cuore. Tutti gli strumenti sono eccezionali ma il contrabbasso…ha un calore incredibile.
Tiziana Foschi: ho imparato a conoscerlo ora. Questo spettacolo per me è una scoperta. Studio su studio. Un particolare divertente della mia vita è stato quando mi sono fidanzata con il papà della mia bimba e gli ho detto – per fare la "figa"- un giorno che rimarrò incinta imparerò a suonare il violino! Sono rimasta incinta e lui non mi ha comprato il violino!!?? Ho provato un giorno a suonarlo perché mi piaceva l'idea di accarezzarlo ed ho sentito che ne uscivano suoni…strani (Tiziana sonorizza benissimo i suoni distorti, n.d.r.).

A.A.: Che musica ascoltate?
Tiziana Foschi: Tutto, sono onnivora. Ascolto tutto come un bambino, pronta ad imparare tutto.
Cinzia Villari: Anche io, tutto. Ho una predilezione per il jazz, la musica leggera non l'ascolto tantissimo.

A.A.: Tre dischi da salvare dalla fine del mondo...
Cinzia Villari: Blue Trane
; I Concerti Branderbughesi di Bach; ed uno di De Gregori di cui al momento non ricordo il titolo.
Tiziana Foschi:
la Turandot; La cura di Battiato; un disco di Paola Turci, perché andavo a scuola insieme.

A.A.: Rifareste l'esperienza "Lover Man"?
Cinzia Villari: Assolutamente si.
Tiziana Foschi: Spero che continui questa esperienza non che si ripeta. Portiamo in scena una cosa teatrale e musicale. Quindi nelle rassegne di jazz ci dicono che c'è meno musica, mentre a teatro ci dicono che c'è troppa musica…Siamo un prodotto veramente anomalo e dobbiamo trovare il posto giusto, la collocazione giusta. Ma non dobbiamo farci assorbire dagli stereotipi: una cosa deve essere bella o brutta.

A.A.: Cosa c'è scritto nell'agenda degli impegni futuri?
Cinzia Villari:
Continuare con questo Lover Man che ci piace molto e poi continuo e continuerò a fare teatro. In verità ci potrà essere una prosecuzione di un progetto similare, anche perché c'è stato richiesto. Per scaramanzia non diciamo niente.
Tiziana Foschi: Per me c'è anche altro teatro anche comico, brillante non con la Premiata Ditta, comunque con altri attori molto bravi. Poi comunque la Premiata Ditta, ovviamente. Ed ovviamente Lover Man.






Articoli correlati:
15/07/2017

Beat Onto Jazz Festival 2017 - XVII Edizione: Marque Lowenthal e le uniche tappe pugliesi del nuovo combo del leggendario batterista Peter Erskine, il quartetto della pianista e vocalist statunitense Diane Schuur e il gruppo capitanato dal bassista abruzzese Maurizio Rolli con Otmaro Ruiz nel ricco programma del festival pugliese.

24/07/2016

Lo sviluppo dell'organizzazione concertistica e dei festival jazz dagli anni '80 ad oggi (II parte): "I festival e le rassegne di jazz lievitano in numero e ogni regione se ne assicura almeno un paio...Bisogna chiedersi se ne è valsa la pena e se la musica, il jazz ne abbia guadagnato." (Alceste Ayroldi)

08/03/2015

Intervista a Emanuele Dimundo - Beat Onto Jazz Festival: "...a me sembra che l'espansione di festival e rassegne in tutta la penisola non sia accompagnata da altrettanta abbondanza di nuove idee e produzioni." (Alceste Ayroldi)

31/08/2008

LEZIONI (Storia): Thelonious Monk nel documentario "Straight No Chaser" (Cinzia Villari)

09/02/2008

LEZIONI (Storia): Art Pepper: Notes from a jazz survivor (Cinzia Villari)

15/08/2007

LEZIONI (Storia): Quando il jazz arrivò in Italia (Cinzia Villari)

07/04/2007

LEZIONI (Storia): Bix, un'ipotesi leggendaria. Analisi del bellissimo film di Pupi Avati dedicato alla figura di Bix Beiderbecke (Cinzia Villari)

27/12/2006

LEZIONI (Storia): Bird, analisi del grandioso film di Clint Eastwood: "Rispetto alla tradizione del cinema biografia, Bird è un autentico capolavoro, dove il ritmo, continuamente mutato nei frequenti cambiamenti spazio-temporali sembra seguire quel ritmo interno che ha scosso la vita del vero Charlie Parker e che ha scosso inevitabilmente la storia del jazz." (Cinzia Villari)

19/11/2006

LEZIONI (Storia): Cinema e Jazz: Il Popolo del Jazz (Cinzia Villari)

27/08/2006

LEZIONI (Storia): Cinema e Jazz: Il film 'Round Midnight di Bernard Tavernier ... (Cinzia Villari)

17/04/2006

LEZIONI (Storia): Cinema e Jazz: Le Biografie dei Jazzisti maledetti nella fiction... (Cinzia Villari)

17/01/2006

LEZIONI (Storia): Al via uno studio sul connubio tra Cinema e Jazz. Un minuzioso percorso attraverso il Jazz-Movie, i personaggi, le storie che lo hanno caratterizzato. (Cinzia Villari)

27/03/2005

Antonio Onorato Trio all'Hegemonya di Bitonto: "...Un felice equilibrio tra atmosfere tese e di ricerca sia stilistica e sia compositiva, e momenti caratterizzati da un approccio più tradizionale..." (Alceste Ayroldi)

03/10/2004

Intervista a Paolo Fresu: "...ritengo che Miles sia stato un grande artista contemporaneo alla stregua di Fellini, Picasso. Cioè di qualcuno che ha lasciato un segno nel '900..." (Alceste Ayroldi)







Invia un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


Questa pagina è stata visitata 10.041 volte
Data pubblicazione: 19/08/2005

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti