Jazzitalia - Articoli: Intervista con Youn Sun Nah
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Intervista con Youn Sun Nah
luglio 2011
di Nico Conversano

Click here to read the english version

Coreana d'origine, ma residente da tempo in Francia, la cantante Youn Sun Nah si è fatta conoscere per la sua camaleontica capacità di esprimersi attraverso jazz, pop, chanson francese, rock e bossa. Una eterogeneità che l'artista coreana dimostra di padroneggiare interpretando i diversi brani in numerosi idiomi, incurante di confini stilistici e geografici.
Un'artista cosmopolita e curiosa che si conferma nella sua recente uscita discografica, intitolata "Same Girl", pubblicata dalla tedesca ACT.

Come il jazz è entrato nella tua vita?

Per puro caso. Non avrei mai pensato che un giorno sarei potuta diventare una cantante di jazz. Ho studiato Letteratura all'Università e poi ho lavorato per una compagnia di moda, tutte cose che non hanno niente a che fare con il jazz. Dopo aver lasciato il mio lavoro, mentre ero ancora in Korea, ebbi la possibilità di lavorare in una commedia musicale. Fu questa esperienza a farmi decidere di studiare musica. Ma quale tipo di musica, mi domandai? Chiesi perciò consiglio ad un mio amico musicista che mi suggerì il jazz. Gli chiesi il perché, e lui mi rispose "Il Jazz è alla radice di tutta la popular music.". Decisi così di trasferirmi a Parigi senza nessun'altra informazione su questa musica. Semplicemente, ho avuto il coraggio di farlo!

Durante le tue prime esperienze musicali hai avuto la possibilità di collaborare con la Korean Symphony Orchestra. Cosa ti ha insegnato questa esperienza in termini di approccio al canto?

Mi ha aperto sicuramente gli occhi su molte cose. È stata la mia prima apparizione pubblica e trattandosi di un esibizione con la Korean Symphony Orchestra, ero molto nervosa. Mi ha fatto realizzare però, che per realizzare grande musica bisogna necessariamente imparare a saper collaborare e dare il tuo meglio. In termini di canto, invece, ho compreso che avevo ancora tanto da imparare.

Veniamo al 1995, anno in cui hai deciso di trasferirti in Francia per studiare il jazz e la chanson francese. Qual è l'ambiente musicale che hai trovato in questo paese quando sei arrivata, rispetto a quello da cui provenivi?

Sfortunatamente non è possibile fare paragoni. Abbiamo una storia jazzistica molto più breve di quella francese. In Korea, il jazz sta crescendo rapidamente e ora abbiamo il jazz festival più grande dell'Asia. Un fattore che sta sicuramente aiutando lo sviluppo del mercato jazzistico nel nostro paese.
La Francia è il paese in cui è possibile trovare facilmente tutti i tipi di musica. I francesi non sono del tutto riluttanti nel ricevere persone o culture differenti. È un paese che è stato capace di darmi tante opportunità. A Parigi ho potuto sperimentare diversi approcci con musicisti provenienti da ogni parte del mondo e scoprire quella che sarebbe diventata la passione della mia vita.

La tua interpretazione del celebre standard "My Favourite Things" è tra le più interessanti del tuo ultimo album. Come è nata l'idea di eseguirla con il solo aiuto della kalimba?

Ho ascoltato questa canzone per la prima volta quando ero molto piccola, guardando in TV il musical "The sound of Music", e me ne innamorai immediatamente. Divenne ancora più importante per me quando mia madre fu scelta per partecipare alla versione koreana di questo musical ed andavo a vederlo ogni giorno. Avendo ascoltato diverse interpretazioni di questo brano, ho voluto darne una mia personale versione. Quando acquistai la mia prima kalimba, questa fu la prima canzone che suonai ed ora ho deciso di condividerla con i miei ascoltatori.

Puoi dirci qualcosa su "Kangwondo Arirang", il brano tradizionale koreano che hai scelto di interpretare in questo disco? Hai ricordi particolari di questo canzone popolare originaria del tuo paese?

Ho sempre cercato di inserire una canzone koreana nei miei album o nei miei concerti. É il mio modo di presentare la mia terra d'origine al pubblico. Questa canzone in particolare è stata scelta perché Ulf Wakenius, il mio chitarrista, aveva già avuto modo di riarrangiarla precedentemente e intendeva eseguirla da tempo. Non ho un ricordo particolare legato a questa canzone ma ho ascoltato questa e numerose altre canzoni tradizionali molte volte. Le amo tutte.

Sorprende la scelta di interpretare "Enter Sandman", un brano della famosa heavy metal band americana Metallica. Come nasce la scelta di inserire questo brano in scaletta?

È stato Ulf a suggerirmela. La conoscevo già, ma la sua proposta mi ha comunque sorpresa. Ho provato a cercare una versione alternativa del brano che presentasse l'esecuzione da parte di una cantante femminile ma non sono riuscita a trovarla. All'inizio ero un po' impaurita dall'affrontare questo famoso brano heavy metal ma Ulf mi disse che avrei dovuto semplicemente cantarla nel mio stile. Ci abbiamo provato e spero che il risultato non sia stato deludente.

Sin dal tuo arrivo in Francia, la chanson francese ha attirato la tua attenzione e stimolato la tua sensibilità artistica. Questo aspetto è sottolineato dalla presenza de "La Chanson d'Hèlène" di Philippe Sarde, in questo disco. Qual è l'aspetto che ti affascina maggiormente in questo genere musicale tipicamente francese?

È l'aspetto emozionale di queste canzoni ad attrarmi. In qualche modo ho sentito un'affinità a livello profondo con tutte le chanson francesi in cui mi sono imbattuta. Forse sono stati i miei studi di Letteratura francese a rendermi particolarmente sensibile verso questo genere musicale.

Tra i tuoi originali presenti sul disco c'è un brano intitolato "Pancake". Perché un "tributo"al cibo?

Si tratta di una canzone molto semplice. Parla principalmente del cibo e di come ce ne serviamo ogni giorno. Ci troviamo davanti ad una scelta ogni qualvolta si tratta di mangiare, e dovremmo sempre scegliere quello che è più salutare per noi. Una delle volte a cui stavo pensando a cosa mangiare, mi è venuto in mente che poteva essere un buon tema per una canzone. È una delle più dirette che abbia scritto. Certo, il fatto che adori mangiare ha influito sulla scelta.

Tra i brani presenti ce ne sono alcuni poco noti come "My Name Is Carnival", scritta dal cantautore folk Jackson C. Frank e "Moondog", appartenente al batterista britannico Terry Cox. Di cosa ha bisogno una canzone affinché tu scelga di interpretarla?

Solitamente sono attratta da una canzone per il suo testo o per la sua musica, ma allo stesso modo posso esserlo dalla vita del compositore che l'ha scritta o dal processo creativo che ha portato alla sua realizzazione. Ad esempio, "My Name is Carnival" è un brano che ritengo descriva molto bene le nostre vite. Lo stesso è successo per "Moondog": sono stata molto colpita dalla storia dell'omonimo musicista, compositore e poeta americano non vedente, a cui questo brano è dedicato.

Sono dunque molte le fonti d'ispirazione a cui hai attinto per "Same Girl". Qual è il trait d'union che unisce tutte le composizioni di questo album?

Sono queste le canzoni che ho ascoltato crescendo e che ho imparato ad amare. Tutte loro rappresentano molto per me e in un certo qual modo mi hanno aiutato a tenere i piedi a terra nella vita e nella musica. Fondamentalmente sono loro le mie canzoni preferite.

L'eclettico chitarrista svedese Ulf Wakenius, insieme con Lars Danielsson e Nguyen Lè, è tra i musicisti che hanno suonato con te in questo album e tra i tuoi partner musicali più consolidati. Hai da poco, infatti, iniziato un tour nel quale è lui l'unico musicista ad accompagnarti sul palco. Quanto ha influito la sua presenza sul tuo approccio musicale e sulla tua performance live e come mai hai scelto di esibirti accompagnata da un solo strumento?

In questi anni mi sono esibita in molteplici formazioni e contesti. Sono ora giunta ad una fase della mia crescita artistica in cui ho sentito il bisogno di spogliarmi di tutte le sovrastrutture cercando di lavorare in maniera più minimale. Penso che uno possa esprimersi in modo migliore quando si trova ad operare in contesti musicali più piccoli. Mi piace lo spazio d'azione per esplorare che mi viene messo a disposizione in queste performance in duo. Suonare in altre formazioni è altrettanto bello, ma in questo momento è questo quello che mi piace fare. Ulf è un musicista straordinario e credo che anche lui sia in una fase in cui trovi stimolante le possibilità di interazione e ricerca che possono crearsi in una formazione così ridotta.

In questi anni sei tornata spesso nella tua terra d'origine per esibirti. Qual è la risposta che oggi il jazz riceve in Korea?

Il jazz sta ricevendo un interesse sempre maggiore nel mio paese. Sono molti oggi i musicisti che scelgono di esibirsi in Korea, dimostrando quanto la domanda di questa musica stia crescendo. Ma il segno più emblematico di questa crescita è il Jarasum International Jazz Festival, una manifestazione giunta al suo ottavo anno di attività e che ogni anno attrae più di 150.000 spettatori nei tre giorni della sua durata. Credo sia una cosa molto positiva che la Korea mostri un interesse così importante verso il jazz.

Qual è la qualità del jazz che più ti attrae?

L'interazione. Ho sempre apprezzato quella capacità di interplay che i jazzisti sfoggiano sul palco e che gli permette di creare della buona musica. Credo che sia proprio a causa di questo aspetto che la gente ritorni per averne ancora.

Citando il titolo del tuo disco, "Same Girl", quali sono gli aspetti musicali che ti hanno permesso di rimanere "la stessa ragazza" dall'inizio del tuo percorso musicale?

Ho sempre ricordato a me stessa di restare umile e cercare di fare sempre del mio meglio. Ancora oggi significa molto per me, così come lo è stato dal primo giorno in cui ho iniziato a cantare.

Progetti nel tuo prossimo futuro?

Sto provando altre formazioni e creando nuova musica con musicisti differenti. Un processo che credo mi condurrà verso il mio prossimo progetto.






Articoli correlati:
09/10/2017

She Moves On (Youn Sun Nah)- Alceste Ayroldi

14/06/2015

Celebrating The Dark Side of the Moon (Nguyen Le with Michael Gibbs & Ndr Bigband)- Alceste Ayroldi

25/08/2013

Quattro chiacchiere con...Youn Sun Nah: "Penso di essere incapace di scrivere di altre cose che non siano le mie esperienze, le mie emozioni, il mio stato d'animo." (Alceste Ayroldi)

05/08/2012

Vagabond (Ulf Wakenius) - Alceste Ayroldi

07/11/2010

Jazz Is Cool – Magic Moments 4 (AA.VV.) - Alceste Ayroldi







Inserisci un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


Questa pagina è stata visitata 5.033 volte
Data pubblicazione: 18/09/2011

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti