Jazzitalia - Articoli: Lost tapes
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Lost Tapes
di Vincenzo Fugaldi


Ruvo di Puglia è un comune dell'Alta Murgia che vanta alcune eccellenze architettoniche (la concattedrale è una delle più belle dell'intero territorio italiano) almeno un'eccellenza museale (il Museo Archeologico Nazionale Jatta, che contiene un'enorme quantità di splendidi vasi greci, tra i quali il noto vaso di Talos), un centro storico che serba alcune vestigia medievali, e numerose prelibatezze gastronomiche. Ma ciò che distingue Ruvo rispetto ad altri paesi della Puglia è la musica. Sede da molti anni del Talos Festival, ideato da Pino Minafra e oggi diretto da lui insieme al figlio Livio, la bella e ordinata cittadina è un luogo in cui la musica è stata ed è al centro della comunità. Questa consapevolezza ha condotto Livio Minafra, noto pianista, docente di ruolo del Conservatorio di Bari, artista aperto e curioso come pochi, a cercare, a scavare nella storia musicale del Novecento ruvese, e a tirarne fuori delle perle. Come Livio ha raccontato a chi scrive in un'intervista del 2020, sta lavorando da tempo a un docufilm dal titolo "IazzBann – Storie dimenticate di jazzisti che girarono il mondo". Grazie anche alla Scuola di Musica comunale che fu avviata alla fine del XIX secolo, e successivamente al fermento musicale avvenuto dopo la seconda guerra mondiale, alla presenza di prestigiosi docenti come i fratelli Amenduni, a Ruvo si moltiplicarono i fiatisti, stimolati dal jazz statunitense. Una storia ai più ignota, che Livio sta portando alla luce con passione e impegno, come gesto d'amore verso la sua terra. In attesa di arrivare alla pubblicazione del docufilm, ha iniziato a produrre una serie discografica, intitolata Lost Tapes, collana che ha già visto la pubblicazione di quattro cd, un quinto in arrivo, e che in una prima fase dovrebbe arrivare a ben dieci dischi. Il primo volume è dedicato al clarinettista Enzo Lorusso; il secondo a un altro clarinettista, Santino Di Rella; il terzo al sassofonista Nunzio Iurilli; il quarto al fisarmonicista Mimì Laganara; il quinto al flicornista Basilio Giandonato e ad Alfredo D'Ascoli e la Banda di Lecce.

Enzo Lorusso (4 giugno 1931-18 novembre 1966), ruvese, formatosi alla scuola degli Amenduni, suonò, oltre al clarinetto, il contralto e il baritono. Ricercato bopper, lavorò tra gli altri con Cosimo Di Ceglie, Peppino Principe, Bongusto, Mina, Perez Prado, fino a quando un incidente d'auto l'uccise appena trentacinquenne, comunque dopo aver rinunciato per la famiglia a una carriera che lo avrebbe portato in giro per il mondo. Le dodici tracce del cd a lui dedicato coprono un arco temporale che va dal 1952 al 1965. Ed è proprio del 1952 la versione dell'ellingtoniana In A Sentimental Mood, affidata in buona parte al fraseggio pienamente jazzistico di Lorusso, all'interno della big band di Mimì Laganara, brano in cui rivela le sue indubbie qualità con un fraseggio lindo, ineccepibile. Ma è nei brani successivi del 1959 con il chitarrista Piero Visani e il pianista Nanni Iannello (tra cui standard come Gone with the Wind, Night in Tunisia, Billie's Bounce, St. Louis Blues), che Lorusso sfodera il suo fraseggio moderno, le sue potenzialità improvvisative, mentre il cd si chiude con un saggio delle sue notevoli capacità anche al sax baritono, da una trasmissione radiofonica del 1959.

Santino Di Rella (9 gennaio 1927-6 marzo 1987), figlio di un antifascista ruvese, sempre formato alla scuola degli Amenduni, venne probabilmente segnalato come clarinettista all'esercito statunitense dal conterraneo Santino Tedone, ed ebbe così modo di maturare musicalmente suonando gli standard e imparando a improvvisare. Pur avendo collaborato con tanti artisti (Rabagliati, Mina, Arigliano, Milva, Vanoni, Gualdi, de Palma, Latilla, Giannini, Endrigo), selse di non entrare nell'orchestra della Rai di Roma, per essere libero di suonare con chi desiderava. Poi optò per il pubblico impiego, ma rimase vicino alla musica suonando con degli amici in un'abitazione privata barese. Il cd propone una registrazione effettuata nel 1973 a casa di Tonino Antonelli, ottico e fotografo, appassionato di jazz, insieme al pianista Nico Esposito, al contrabbassista Armando De Cillis, al batterista Gigi Nisio, con l'apporto del trombonista Dino Blasi e la voce e il banjo di Gianni Giannotti. Mentre Di Rella appare spesso legato a un fraseggio di tipo tradizionale, che non tiene particolare conto di quanto nel frattempo era avvenuto nel jazz moderno, qui è il pianista, che non gode di notorietà, a far la parte del leone, con fraseggi e armonizzazioni di buona qualità, in un repertorio di noti standard.

Nunzio Iurilli (27 agosto 1928-8 novembre 2012) ebbe i natali a Giovinazzo e si formò alla scuola ruvese. Si dedicò a tempo pieno alla musica a partire dal 1956, appassionandosi in particolare a Stan Getz. Partì da Ruvo e suonò da professionista per un decennio girando il mondo, suonando il clarinetto, il tenore e cantando. Poi, improvvisamente, abbandonò la carriera di musicista per ritirarsi a Ruvo, coltivando un'indole solitaria. Di lui Minafra ha trovato delle registrazioni casalinghe, in cui interpretava al canto alcuni noti classici, aggiungendo talvolta delle note di sax, e ha pensato di rivestirle di un accompagnamento pianistico affidato a Gino Palmisano, ad alcuni interventi al flicorno di Antonio Molinini e un suo intervento alla melodica. Iurilli era un vero crooner, che aveva ascoltato a fondo la voce di Chet Baker, anche se aveva un timbro più forte e brunito. È davvero sorprendente ascoltare queste belle interpretazioni di My Funny Valentine, When I Fall in Love, The Nearness of You. Il sassofono di Iurilli si ascolta in due brani, Love Letters e Moon River, e il timbro è delicato, decisamente cool.

Mimì Laganara (13 ottobre 1928-) di Bisceglie, fisarmonicista, ha iniziato a suonare giovanissimo in un'orchestra da ballo angloamericana, nel 1944. Ha successivamente formato una sua big band, fino a quando ha optato per la professione medica. Compositore, arrangiatore sulla scia di Gorni Kramer, è qui ricordato in registrazioni del 1952 e del 1955. Introdotte da una presentazione registrata appositamente oggi da Laganara, le composizioni sono nella quasi totalità italiane, con l'eccezione di Caravan e Candy, realizzata con la sovraincisione della ritmica. Un'orchestra che suona uno swing corposo, come era molto di moda in quegli anni.

Basilio Giandonato (13 gennaio 1924-agosto 1986), di Palombaro (CH), flicorno soprano, arrivò a Ruvo nel 1946, chiamato da Amenduni come solista per rifondare la Banda. Il ruolo del suo flicorno era il ruolo di punta, lo strumento che nell'interpretazione delle arie operistiche tiene il posto del soprano. Dopo aver suonato in numerose e prestigiose bande, Giandonato, diplomatosi al Conservatorio di Bari, si stabilì a Ruvo, dove aveva preso moglie, e fu apprezzato docente. Alfredo D'Ascoli (28 ottobre 1885-10 gennaio 1975), nato a Serino (AV), fu chiamato a dirigere la storica Banda di Lecce, nata agli inizi del secolo XIX, sciolta precedentemente alla prima guerra mondiale e ricostituita nel 1949. D'Ascoli integrò il repertorio solito della banda con impegnative opere sinfoniche, e si contornò di pregevoli solisti come il clarinettista Nino Farì, il flicorno tenore Alberto Chiriacò, il flicorno baritono Romano Marra, e appunto il sopranino di Giandonato. Sotto la direzione di D'Ascoli la banda venne ribattezzata Grandioso Concerto Musicale Città di Lecce "Tito Schipa". Nel cd si ascoltano tre diverse registrazioni, tutte della Banda di Lecce, tra arie liriche e momenti sinfonici: la Fantasia sulla Norma, diretta nel 1976 da Antonio Reino, la Fantasia sulla Lucia di Lammermoor, trascritta e diretta da D'Ascoli, registrata nel 1966, e infine tre brani sempre diretti da D'Ascoli negli anni '50 e '60. Il prezioso documento testimonia l'eccelso livello della storica Banda, e ci sono dei momenti, come ad esempio la cadenza di Giandonato in Spargi d'amaro pianto, che lasciano senza fiato.

Non resta dunque che attendere gli altri frutti dell'appassionato lavoro di ricerca di Livio Minafra, che porta alla luce meritoriamente per la prima volta i nomi e i suoni di alcuni musicisti pugliesi da ricordare e conoscere per il ruolo da essi rivestito nella scena del jazz italiano del dopoguerra.






Articoli correlati:
12/09/2021

Talos Festival, Edizione Straordinaria 2020-2021: "Sempre sotto la grande direzione di Pino Minafra, formidabile agitatore culturale che di lì a poco ha superato il traguardo dei settant'anni, sempre nel segno dell'impegno, della creatività, del calore umano, dell'arte popolare nel senso più alto e nobile." (Vincenzo Fugaldi)

10/05/2020

Intervista con Livio Minafra: "In occasione del docufilm "IazzBann 'Storie dimenticate di jazzisti che girarono il mondo', incontriamo Livio Minafra, pianista, compositore, eclettico e poliedrico musicita." (Vincenzo Fugaldi)

13/10/2019

Talos Festival Internazionale 2019: "...lo storico festival pugliese ha ancora una volta centrato il segno con scelte valide premiate da un pubblico attento e caloroso, che è stato presente in massa a ciascuno dei concerti e delle performance di danza durante le dense quattro giornate." (Vincenzo Fugaldi)

23/09/2018

Talos Festival 2018: "Il festival pugliese muta, evolve, si trasforma, e assume negli anni recenti la connotazione di uno straordinario esempio di politica culturale." (Vincenzo Fugaldi)

23/09/2017

Talos Festival 2017: "Un esempio virtuoso di politica culturale che trae la propria forza dalla competenza, dalla volontà e dalla passione del direttore artistico..." (Vincenzo Fugaldi)

20/08/2017

Minafric (Pino Minafra)- Gianni Montano

12/03/2017

Born Free (Livio Minafra & Louis Moholo - Moholo)- Enzo Fugaldi

27/11/2016

Sole Luna (Livio Minafra)- Enzo Fugaldi

04/06/2016

Torino Jazz Festival 2016: "...un'ampia panoramica della condizione attuale del jazz, con una enorme quantità di concerti ed eventi che si sono svolti in un gran numero di spazi del capoluogo piemontese." (Vincenzo Fugaldi)

08/11/2015

Talos Festival 2015: "Il Talos edizione 2015 ha visto dei momenti nei quali l'arte dell'improvvisazione ha raggiunto livelli di creatività ineguagliabile." (Vincenzo Fugaldi)

28/09/2014

Talos Festival 2014, "La melodia, la ricerca, la follia": "...il Talos è ben più che un semplice festival: intorno a questo evento si raccoglie un intero territorio con le sue eccellenze paesaggistiche, monumentali ed enogastronomiche, e l'amministrazione comunale si impegna attivamente grazie anche al supporto di numerosi sponsor e di un gran numero di giovani volontari, costituendo un modello da seguire." (Vincenzo Fugaldi)

20/10/2013

Talos Festival 2013: Dopo una sosta forzata, rinasce nel 2012 grazie al formidabile agitatore culturale Pino Minafra e giunge quest'anno al ventennale con un grande successo di pubblico. (Vincenzo Fugaldi)

29/09/2012

European Jazz Expo #1: Stanley Jordan, Giovanni Guidi, Cristina Zavalloni, Livio Minafra, Javier Girotto, Enzo Pietropaoli, Claudio Filippini, Enrico Rava e il PM Lab (V. Fugaldi, F. Truono)

16/08/2012

"...una finestra aperta alle novità europee, senza preclusioni nei confronti di quanto di interessante si muove in Italia in campo jazzistico, ma anche con una doverosa attenzione al panorama statunitense." (Vincenzo Fugaldi)

25/03/2012

Intervista con Pino Minafra: "...generosità nel suonare, duttilità, saper leggere, saper sporcare, saper pulire la musica, ma soprattutto avere un sacro fuoco..." (Vincenzo Fugaldi)

19/02/2012

Quattro chiacchiere con...Livio Minafra: Il proprio stile non passa dal rifacimento di qualcosa che un altro ha fatto ma dal ricercare e miscelare spontaneamente ogni proprio amore ed istinto musicale. (Alceste Ayroldi)

08/08/2011

Südtirol Jazz Festival: "Il festival altoatesino prosegue nella direzione intrapresa dal direttore artistico Klaus Widmann, confermando e ampliando il suo ruolo di varco di comunicazione tra Italia e Europa, senza trascurare il grande jazz e le novità provenienti dagli Stati Uniti. La moltitudine di eventi che si svolgono nella stessa giornata su palcoscenici dislocati in numerose località del'Altoadige ci ha consentito di seguire un proprio itinerario di ascolti, iniziato il 27 giugno, che ha potuto coprire solo una parte di concerti." (Vincenzo Fugaldi)

15/08/2010

Südtirol Jazz Festival Altoadige: "Il festival altoatesino prosegue nella sua tendenza all'ampliamento territoriale e quest'anno, oltre al capoluogo Bolzano, ha portato le note del jazz in rifugi e cantine, nelle banche, a Bressanone, Brunico, Merano e in Val Venosta. Uno dei maggiori pregi di questa mastodontica iniziativa, che coinvolge in dieci intense giornate centinaia di artisti, è quello, importantissimo, di far conoscere in Italia nuovi talenti europei. La posizione di frontiera e il bilinguismo rendono l'Altoadige il luogo ideale per svolgere questo fondamentale servizio..." (Vincenzo Fugaldi)

04/07/2009

Reggio Top Jazz Festival, Seconda Edizione: "Nell'accogliente Teatro Cilea della città sullo Stretto, si sono alternati otto fra i vincitori della competizione, e due ospiti stranieri." (Vincenzo Fugaldi)

07/04/2009

Orchestra (Bolzano Creative) 2007 (Anthony Braxton + Italian Instabile Orchestra)

05/01/2009

XXIIIa Edizione di "Ai Confini tra Sardegna e Jazz" a Sant'Anna Arresi: "Dedicata alla suggestiva figura ed all'indiscutibile genialità musicale di Don Cherry, la manifestazione sarda, giunta oramai alla sua ventitreesima edizione, ha offerto diversificate sfaccettature del caleidoscopico animo artistico impresso nel tempo dal grande trombettista di Oklahoma City." (Gianmichele Taormina)

16/11/2008

La Fiamma e il Cristallo (Livio Minafra)

16/11/2008

Intervista a Livio Minafra: "Non c'è niente di più bello che la fantasia. In particolare se non è la fantasia dei sogni nel cassetto ma è quella dei lenti ma profondi cambiamenti. Credo che oggi non esista più la musica, e né le musiche e neppure i generi o gli stili. Oggi esistono le persone e per distinguersi la gente ha bisogno che la musica sia autobiografica. La gente ha bisogna che l'artista sia totale con la sua personalità artistica ed umana." (Fabrizio Ciccarelli)

10/05/2007

Sorgente Sonora (Eugenio Colombo)

30/03/2007

Fòua (Municipale Balcanica)

05/02/2007

Terronia (Pino Minafra)

13/01/2007

La dolcezza del grido (Livio Minafra)







Inserisci un commento


© 2000 - 2021 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


Questa pagina è stata visitata 624 volte
Data pubblicazione: 02/05/2021

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti