Jazzitalia - Articoli: Magnus Ístr÷m, 'Searching for Jupiter'
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit´┐Ż

Magnus Ístr÷m
Searching for Jupiter

ACT Music, 2013
 

Click here to read the english version




1. The Moon (And The Air It Moves)
2. Dancing At The Dutchtreat
3. Mary Jane Doesn't Live Here Anymore
4. Searching For Jupiter
5. Hour Of The Wolf
6. Through The Sun
7. Happy And The Fall
8. Jules And Jim's Last Voyage
9. At The End Of Eternity


Magnus Ístr÷m - batteria, percussioni, voce, tastiere
Andreas Hourdakis - chitarra, banjo
Daniel Karlsson - pianoforte, tastiere
Thobias Gabrielson - basso elettrico, basso synth

"Searching for Jupiter", il nuovo album di Magnus Ístr÷m: la bellezza che resta dopo l'Esbj÷rn Svensson Trio
di Monica Mazzitelli

C'era una volta l'Esbj÷rn Svensson Trio, una band che aveva bruciato tappe e sbriciolato distanza tra jazz e rock/pop, inventando una terza via dove l'eleganza rauca e sporca dell'una si fondeva senza punti di sutura nella potenza ruvida o nella giocositÓ lieve dell'altra; un luogo musicale nuovo che aveva e ha raccolto come un paziente rastrello fans eterogenei, dai puristi del bop agli amanti del post rock, con le dita dei musicisti del trio, Esbj÷rn Svensson al piano, Magnus Ístr÷m alla batteria e Dan Berglund al contrabbasso, a carezzare qualsiasi suono, dal pi¨ melodico al pi¨ dissonante, senza cesure tonali o di ispirazione. Una band che come nessuna altra aveva bucato il diaframma del proprio confine europeo per essere acclamata in tutto il mondo come la migliore formazione jazz del momento.
Con la morte prematura di Esbj÷rn (in un incidente nel 2008, durante una banale immersione) il mondo dal jazz ha tremato ľ e i suoi compagni hanno passato mesi veramente difficili ľ per la paura che fosse andata perduta un'alchimia fra tre personalitÓ musicali uniche. Ma poi sono arrivati i lavori solisti di Ístr÷m e Berglund, e abbiamo respirato di sollievo.

Forse chi Ŕ restato pi¨ nel solco del leader Ŕ stato proprio Magnus Ístr÷m, che senza tentare di sostituire o far scimmiottare Esbj÷rn da un pianismo simile e ricalcato, ha piuttosto aggiunto la chitarra per rinforzare melodia e armonia, dandole spesso spazio come all'E.S.T. l'aveva pi¨ volte prestata Pat Metheny, in studio e live. E dopo un primo raccolto e splendido album dove ha ga memoria dell'amico scomparso), Ístr÷m ha da poco pubblicato un nuovo cd con quasi la stessa ottima formazione del precedente, ovvero Andreas Hourdakis alla chitarra e Thobias Gabrielsson al basso, ma con l'eccellente Daniel Karlsson al piano al posto di Gustaf Karl÷f.

Un album a dir poco strepitoso questo Searching For Jupiter, un disco che dopo tre ascolti entra giÓ nel sistema neurovegetativo, con una varietÓ di suoni e ritmiche, ispirazione, e un senso della melodia quasi incredibili per un batterista; Ístr÷m poi dosa il proprio strumento con grande equilibrio, e il tutto viene esaltato da un mix audio perfetto, effettuato dal "solito" ┼ke Linton della Bohus Sound Recordings. Il batterista si concede un unico magnifico assolo ed Ŕ invece generoso e giocoso nell'offrire spazio agli arpeggi di Hourdakis che riesce a imprimere una dolcezza e malinconia tutta nordica ad alcuni suoi fraseggi, nonostante l'origine greca, soprattutto nel primo brano di sapore progressive, The Moon (And The Air It Moves) dove anche il piano tocca momenti di rara intensitÓ.

Nel secondo, Dancing At The Dutchtreat, gli strumenti lavorano soprattutto di ritmica con momenti sincopati di grande efficacia, con batteria e chitarra che si rincorrono in levare fino a un atterraggio sonoro appoggiato su un fondo di elettronica.

Atmosfera delicata e quasi silenziosa per Mary Jane Doesn't Live Here Any More, terza traccia introspettiva con dominanza di piano e spazzole, un sottovoce di malinconia sussurrata, mentre il quarto pezzo, la title track, ha un piglio virile, quasi autoritario, con un attacco pianistico potente di sapore progressive primi Settanta, finchÚ non entra la chitarra a fondere il metallo in una colata di lucente miele, spazzato poi via da uno dei migliori pezzi di basso dell'intero album, che sfuma dentro una batteria quasi solitaria fino alla nuova colata di chitarra.
Hour Of The Wolf Ŕ il quinto e molto dark pezzo post rock, filmicamente drammatico, con punti ipnotici da shoegaze dove l'effetto da "seconda chitarra" Ŕ ottenuto con il pianoforte, mentre la solista rockeggia cupissima in uno scenario post-bellico.

Through The Sun invece Ŕ uno dei pezzi pi¨ deliziosamente E.s.t., con una vocazione spensierata e allegra, e gli strumenti in armonia a creare giochi di variazione ritmica, con un bell'assolo di basso che sarÓ fantastico ascoltare dal vivo, prima o poi. La settima traccia, Happy And The Fall, torna a spunti pi¨ metheniani e all'apparenza lineari, ma in realtÓ molto articolati soprattutto nella parte di pianoforte.

Si torna al sottovoce col penultimo pezzo, Jules And Jim's Last Voyage, con un avvio che ricorda J. S. Bach sotto il profilo della composizione, un brano che introduce in modo meditativo l'ultimo sfavillante episodio dell'album, la [pi¨] bella At The End Of Eternity: una batteria quasi inarrivabile non solo per invenzione ed esecuzione, ma per l'incredibile varietÓ di spunti che offre agli altri strumenti, che ci si accoccolano dentro come dita in un guanto, fino ad acquietarsi per il superlativo lunghissimo assolo centrale di un pezzo che davvero non si pu˛ ascoltare una volta sola.
Mentre Esbj÷rn Svensson, dalle Grandi Praterie, ascolta con qualcosa di pi¨ che un semplice sorriso.

Nella foto di copertina di Thread Of Life facevi pensare a un'antica statua bronzea di un perdente eroe omerico, spiaggiato e senza difese, con uno scudo incapace di proteggerlo. Un uomo nudo con uno stanco desiderio di fede in qualcosa. Anche se sei ancora "Alla ricerca di Giove" [Searching for Jupiter] pare tu sia riuscito a compiere un lungo cammino da allora. La musica pu˛ essere una cura nel suo essere resiliente al dolore?
Non so se la musica sia di per se stessa resiliente al dolore, ma pu˛ certamente alleggerirlo. Da una serie di ricerche scientifiche Ŕ emerso che la sensazione di reazione alla musica sia una delle ultime cose che un essere umano perda. Per me la musica Ŕ sia un modo per andare avanti che un modo per fare pace con il passato, almeno fino a certo punto.

Una delle cose che mi colpisce di pi¨ di questo album Ŕ la sua varietÓ: ciascun pezzo fa storia a sÚ per quanto riguarda ispirazione, composizione, arrangiamenti, melodia, armonia e persino genere. ╚ qualcosa che hai cercato di ottenere consapevolmente, o la tua creativitÓ Ŕ semplicemente cosý ampia?
La mia musica esce cosý. Siamo tutti la somma delle nostre esperienze, che siano musica, cibo, sport, o semplicemente la vita. io compongo in modo molto intuitivo quindi la mia musica Ŕ proprio ci˛ che io sono. Riflette proprio i miei diversi aspetti.

In che modo collabori con i tuoi partner? Coinvolgi i tuoi musicisti in alcune parti della composizione o Ŕ un tuo prodotto al 100%? Hai seguito anche il mix audio?
Mi occupo di quasi tutto in prima persona, e ho idee molto chiare su ci˛ che voglio, ma trovo importante lasciare ai musicisti spazio per esprimere la propria personalitÓ. La musica avviene proprio nell'istante della frizione tra te e la persona con cui ti confrontiůSý, curo moltissimo il mix e il mastering. Quando produci il tuo lavoro devi esserci dall'inizio alla fine, almeno per me Ŕ cosý. Ma ovviamente hai bisogno di gente fantastica vicino che ti aiuti a realizzare le tue idee. Sono molto grato sia a Janne Hansson, l'ingegnere del suono e proprietario della Atlantis, lo studio dove ho registrato l'album, che a ┼ke Linton, che lo ha missato. E alla band, naturalmente!

In un'intervista hai detto che ogni tanto pensi a cosa faresti se smettessi di essere un musicista. La domanda che ti pongo con un po' di paura Ŕ: cosa ti farebbe smettere?
Non soů se smettessi di avere idee, se non mi divertissi pi¨, o meglio, se il mio corpo smettesse di sentire il bisogno di suonare e comporre, allora smetterei.

Al momento stai suonando in tutta Europa con un tour di grande successo che ti sta portando in UK, Germania, Austria e altri paesi, ma non in Italia per il momento. C'Ŕ una possibilitÓ che suonerai anche qui?
Abbiamo avuto alcuni accordi preliminari per alcune date, ma non si sono concretizzati, il che Ŕ molto triste perchÚ amo molto l'Italia e ci ho suonato spesso sia con l'E.S.T. che con Lars Danielsson. Spero davvero che suoneremo presto in Italia!






Articoli correlati:
28/10/2017

Intervista a Monica Mazzitelli - "The Coltrane Code": "Il jazz è il mio grande amore, e anche se attualmente ascolto solo nuovo jazz europeo ho voluto nel mio piccolissimo omaggiare Coltrane, che resta per me uno dei più grandi di tutti i tempi." (Marco Losavio)

09/10/2017

She Moves On (Youn Sun Nah)- Alceste Ayroldi

20/08/2017

Minafric (Pino Minafra)- Gianni Montano

12/05/2017

Magic Moments 9 - In the spirit of the Jazz (AA.VV.)- Alceste Ayroldi

01/01/2017

Bridges (Adam Baldych & Helge Lien Trio)- Alceste Ayroldi

02/05/2016

Reverie at Schloss Elmau (Simcock & Goloubev Duo Art)- Enzo Fugaldi

24/08/2014

City Nights (City Nights)- Monica Mazzitelli

08/06/2014

Duo Art Creating Magic (AA. VV.)- Alceste Ayroldi

04/05/2014

Daniel Karlsson Trio al Fasching di Stoccolma: "Grandissime aspettative per questo quasi debut-live del trio del pianista svedese...si è potuto anche apprezzare una sensazione di intensa e allegra complicità tra i tre musicisti..." (Monica Mazzitelli)

27/04/2014

JK3 ovvero Jacob Karlzon Trio: il meglio del crossover contemporaneo in scena a Essen: "...a prescindere da qualsiasi gusto personale sulla musica, questi tre signori la sanno veramente suonare con elegante perfezione, raggiungendo una, strana a definirsi, "semplicità complessa"..." (Monica Mazzitelli)

30/03/2014

Magnus Ístr÷m Live a Istanbul, energia bollente e liquida: "Concerto sold out per una cittÓ dove il jazz davvero pulsa come in pochi altri luoghi europei e mondiali; una scena da tenere bene d'occhio e che si guarda avidamente intorno." (Monica Mazzitelli)

02/03/2014

Das Taxibňt (Brus & Knaster)- Monica Mazzitelli

08/02/2014

Ane Brun e Tonbruket: ...energica raffinatezza scandinava all'Auditorium di Roma (Monica Mazzitelli)

28/10/2013

Faces And Tales (Daniele Cavallanti & The Brotherhood Creative Trance Music Ensemble)- Marco Buttafuoco

25/08/2013

Quattro chiacchiere con...Youn Sun Nah: "Penso di essere incapace di scrivere di altre cose che non siano le mie esperienze, le mie emozioni, il mio stato d'animo." (Alceste Ayroldi)

14/04/2013

Accelerando (Vijay Iyer Trio)- Alceste Ayroldi

14/04/2013

Alter Ego (Yaron Herman)- Alceste Ayroldi

30/11/2012

E(x)stinzione (Enten Eller Orkestra)- Gianni Montano

30/09/2012

2010 (Carlo Actis Dato)- Roberto Biasco

18/08/2012

Liberetto (Lars Danielsson) - Alceste Ayroldi

16/08/2012

"...una finestra aperta alle novità europee, senza preclusioni nei confronti di quanto di interessante si muove in Italia in campo jazzistico, ma anche con una doverosa attenzione al panorama statunitense." (Vincenzo Fugaldi)

24/06/2012

Buona musica e prodotti d'eccellenza del territorio: una formula premiata dall'afflusso del pubblico che ha riempito ogni sera la bella piazza Enriquez. (Vincenzo Fugaldi)

13/11/2011

Open World Jazz Festival, 10a Edizione: "Grande successo per l'Open world festival di Ivrea. Il merito principale è di un'organizzazione rigorosa e puntuale, capace di allestire una rassegna di indubbio interesse, correlata da eventi collaterali, stages, presentazione di libri, performance artistiche in grado di calamitare l'attenzione non solo degli addetti ai lavori, ma anche di un pubblico intellettualmente curioso. un festival che certifica come si possa realizzare una rassegna impegnativa, senza concessioni al "gusto dominante", a musiche foriere di potenziali e possibili consensi generalizzati e ottenere risposte addirittura sorprendenti da parte del pubblico." (Gianni B. Montano)

17/08/2011

Dig It To The End (Tonbruket) - Alceste Ayroldi

03/07/2011

Chalaba (Joachim KŘhn ľ Majid Bekkas ľ Ramon Lopez)- Enzo Fugaldi

26/06/2011

Tirtha (Vijar Iyer (w. Prasanna & Nitin Mitta))- Enzo Fugaldi

29/05/2011

Lost Heroes (Iiro Rantala) - Alceste Ayroldi

06/01/2011

Solo (Vijay Iyer) - Alceste Ayroldi

27/11/2010

Live At Jazzbaltica (Wollny / Kruse / Schaefer) - Alceste Ayroldi

07/11/2010

Jazz Is Cool ľ Magic Moments 4 (AA.VV.) - Alceste Ayroldi

18/07/2010

Songs Of The Falling Feather (Josefine Cronholm) - Alceste Ayroldi

21/03/2010

Retrospective - The Very Best Of E.S.T. (E.S.T.) - Alceste Ayroldi

21/02/2010

Upgraded in Gothenburg (Julian & Roman Wasserfuhr) - Alceste Ayroldi

01/02/2010

Lyoba Revisited (Thierry Lang) - Alceste Ayroldi

31/01/2010

Funk For Life (Nils Landgren Funk Unit) - Alceste Ayroldi

31/10/2009

Historicity (Vijay Iyer Trio) - Alceste Ayroldi

05/10/2009

Witch Hunt (Di Battista - Ianieri) - Alceste Ayroldi

07/04/2009

Orchestra (Bolzano Creative) 2007 (Anthony Braxton + Italian Instabile Orchestra)

22/06/2008

Live In Hamburg (Esbj÷rn Svensson Trio (E.S.T.))

01/05/2008

Un ricordo di Gene Puerling, uno dei pi¨ grandi arrangiatori vcali: "Gene Puerling, leader degli Hi-Lo's e dei Singers Unlimited, grande arrangiatore vocale e innovatore del moderno canto pop e jazz a cappella, Ŕ deceduto a 78 anni lo scorso 25 marzo in California. A lui si deve la famosa versione di "A Nightingale Sang In Berkeley Square" incisa dai Manhattan Transfer nell'LP Mecca For Moderns, premiata con il Grammy nel 1982 quale migliore arrangiamento per voci." (Giuppi Paone)

28/10/2007

Sotto la consueta direzione artistica di Paolo Damiani, si Ŕ tenuta la XXVII edizione di Roccella Jazz Festival 2007, intitolata "Al tempo che farÓ": "...un'edizione di "Rumori mediterranei" che certo resterÓ fra le migliori dell'intera storia del festival" (Enzo Fugaldi)

19/08/2007

Manu Dibango all'Auditorium RAI di Torino: "Manu Dibango Ŕ icona in movimento che ha intriso la sua vita e il suo suono della mondialitÓ che la musica pi¨ di qualunque altra arte pu˛ avere e insegnare..." (Alessandro Armando)

27/05/2007

Nuova gallery di grandi artisti curata da Dario Villa

05/02/2007

Terronia (Pino Minafra)

02/05/2006

On Tour - Live 2004 (Actis Band)

21/08/2005

Neon Blue (Muriel Zoe)

11/08/2005

Magic Voices Vol.II (AA.VV.)

13/02/2005

Instabile 2004 a Pisa, Avanguardie a confronto: "...L'Instabile's Festival 2004 senza l'Italian Instabile Orchestra? Potrebbe sembrare una provocatoria contraddizione ma non Ŕ cosý...." (Paolo Carradori)

11/12/2004

XVII Festival Internazionale "Time in Jazz" a Berchidda: "...La Follia, questo era il titolo di quest'anno, follia intesa come imprevedibilitÓ del processo creativo che sta alla base di qualsiasi arte, non solo quella musicale." (Fabio Pibiri)

07/11/2004

Out! (Giorgio Dini - Carlo Actis Dato)

30/07/2004

M-Pact, un travolgente gruppo vocale a-cappella che entusiasma il Blue Note. 5 ragazzi che imitano tutti gli strumenti possibili e stabiliscono attraverso la loro musica un particolare feeling col pubblico che si entusiasma tributando loro una vera e propria standing ovation. (Claudia Federica Bernath)

16/05/2004

The Owner Of The River Bank (Cecil Taylor & Instabile Orchestra)

22/08/2003

Intervista ad Esbjorn Svensson: "...penso che l'improvvisazione sia un modo naturale di suonare uno strumento, e non l'improvvisare in sè. Per improvvisare non è indispensabile suonare il jazz. Lo puoi fare con qualsiasi tipo di musica...." (Marco Losavio)





Video:
Fragile - Pat Metheny and Friends
Nessuna descrizione disponibile....
inserito il 30/04/2012  da osvaldo manzanero - visualizzazioni: 3337
Esbjörn Svensson Trio - Leverkusener Jazztage (2002, 2005)
Leverkusener Jazztage 2002, , 1. Serenade For The Renegade, 2. Behind The Yashmak, 3. Car Crash, , Leverkusener Jazztage 2005, , 4. When God Created T...
inserito il 14/01/2012  da KizCat - visualizzazioni: 2565

Jazz Baltica Salzau 2003, the Improvisations about the Svensson-title "Impressions". Absolut fantastic playing from Esbjörn and Pat wit...
inserito il 22/04/2011  da joeblanke - visualizzazioni: 2830
Chris Potter - RW Masterclass DVD Series - Excerpt 1
Roberto's Winds presents the RW Masterclass DVD Series; an ongoing series of recorded lectures, q&a and live solo and band performances from some ...
inserito il 21/11/2009  da robertoswinds - visualizzazioni: 2367
JAZZ ON THE COAST 2009 MAIORI SA ITALY 15' EDIZIONE ROY HARGROVE AND RH FACTOR 21 LUGLIO 2009
Il programma della XVa edizione, - 21 LuglioROY HARGROVE - RH FACTOR, - 26 Luglio, DAVID SANCHEZ & ED SIMON quartet, Featuring Scott Colley and An...
inserito il 22/07/2009  da AULIAULA - visualizzazioni: 2488
Roy Hargrove - Strasbourg St Denis - Live New Morning 31th march 2009
Roy Hargrove quintet Live New Morning 31th march 2009...
inserito il 01/04/2009  da F4BED2PARIS - visualizzazioni: 1993
Roy Hargrove & The RH Factor - Common Freestyle
B Jazz Burghausen 2005...
inserito il 19/02/2009  da 50Ronald50 - visualizzazioni: 1641
Renee Neufville w/ Roy Hargrove's RH Factor - Crazy Race
Live at Jazz Open Stuttgart 2005 www.myspace.com/reneemusic...
inserito il 10/10/2007  da reneeneufvillemusic - visualizzazioni: 3485
Pat Metheny and friends - This Masquerade part 1
...
inserito il 28/07/2007  da Notyethendrix - visualizzazioni: 3306
Pat Metheny and friends - This Masquerade part 2
...
inserito il 28/07/2007  da Notyethendrix - visualizzazioni: 3367
Roy Hargrove & RH Factor - The Joint
Live @ Jazz baltica 2003...
inserito il 08/06/2007  da Shaft86 - visualizzazioni: 2671
Roy Hargrove & The RH-factor-Bop Drop
North Sea Jazz Festival 2003 IMHO:The best RH-factor lineup...
inserito il 17/03/2007  da Julio818 - visualizzazioni: 2605


Inserisci un commento


ę 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia Ŕ di esclusiva proprietÓ dell'autore ed Ŕ coperto da Copyright internazionale, pertanto non Ŕ consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


Questa pagina Ŕ stata visitata 1.181 volte
Data pubblicazione: 19/01/2014

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti