Jazzitalia - Articoli: Il giro d'Italia a bordo di un disco - Marco Valente, Auand
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�


Il giro d'Italia a bordo di un disco

Marco Valente, Auand
dicembre 2014
di Alceste Ayroldi

Qual è la vostra filosofia di vita? Perché fare il discografico?
Lasciare, nel nostro piccolo, un segno. Parte tutto da qui. Farlo seguendo una passione, documentando quello che pensiamo essere degno di attenzione.

Come reperite i nuovi talenti?
Ascoltando molto. Sia dal vivo che i demo ricevuti. E ascoltandoli tutti.

Come scegliete i musicisti?
Innanzitutto, spesso scegliamo la musica e non i musicisti. Ma nella scelta c'è anche da tenere conto di altri parametri. Oggi, ad esempio, è importante capire quanto girerà/durerà un progetto. C'è un po' di veggenza nel nostro lavoro!

Quali sono le vostre politiche relative alla distribuzione?

La distribuzione nazionale è curata da qualche anno da Goodfellas con cui ci troviamo molto bene. Quella internazionale è diventata un problema. Le spese di trasporto sono elevate rispetto al potenziale di vendita, soprattutto se messa in relazione al rischio di non essere pagati.

Quali mezzi utilizzate per raggiungere il vostro pubblico, anche potenziale?
Il passaparola e il buzz dei social. Sono metodi lenti ma economicamente sostenibili in un momento in cui, dal punto di vista economico, l'impresa fa molta fatica.

A cosa è dovuta la crisi del disco? E' da attribuire a mp3, peer to peer, o c'è dell'altro?
A tutto questo messo insieme che negli anni ha abituato l'ascoltatore medio ad ottenere tanta musica gratuitamente. Si discostano da ciò quegli ascoltatori che tengono alla qualità del suono o all'oggetto e alle emozioni che porta con sé.

Qual è lo scenario futuro?
Non si intravedono grandi cambiamenti. La gente avrà accesso a grandi quantità di musica pagando molto poco.

Per combattere il nemico comune non sarebbe meglio coalizzarsi? Quali sono gli ostacoli alla creazione di un consorzio o un network?
Quale sarebbe il nemico? Questa è la domanda che mi faccio da tempo. E l'unico indizio che trovo è nell'abbassamento della qualità degli ascolti dovuta a radio e TV.

Anche le major non godono un buon stato di salute. In periodi di crisi è meglio essere "più piccoli"?
E' molto meglio, sì.

Cosa potrebbero fare le istituzioni per migliorare e aiutare il settore, soprattutto per la lotta contro la pirateria?
La pirateria non credo sia più un problema. Non serve scaricare un disco da eMule se lo trovi gratis (e legalmente) su YouTube, Deezer, Spotify.

La vostra struttura organizzativa si completa con il management? Ritenete, comunque, che possa essere utile per completare il percorso e fidelizzare al meglio i vostri artisti?
Il management, come il booking, è un mestiere che va fatto ventiquattr'ore su ventiquattro. Con i nostri artisti ci confrontiamo spesso su qualunque aspetto scambiandoci informazioni e consigli. Ma non è il nostro core business.

Quali sono le difficoltà che incontrate e qual è la tendenza del mercato dello spettacolo dal vivo?
E' difficile trovare canali per arrivare all'ascoltatore finale. O meglio, è facilissimo (basta mettere della musica su YouTube o SoundCloud per arrivare a milioni di persone)! Ma, proprio perchè facilissimo ed accessibile a tutti, ci si perde in milioni di proposte e diventa quasi impossibile emergere. Questo è uno dei motivi per cui è molto difficile creare un pubblico nuovo. Questo vale sia per il disco sia per il live.

A tal proposito, come giudicate lo stato di salute del jazz attualmente (sia quello italiano, che internazionale)?
A livello creativo lo stato di salute è eccellente. Il livello dei demo che ricevo si è alzato notevolmente negli ultimi anni.

Il pubblico del jazz, almeno in Italia, è statisticamente provato che sia formato perlopiù da persone over 35 anni. In altri stati, però, ciò non succede. Secondo te quali sono i motivi di fondo? I prezzi dei biglietti sono troppo alti? Il jazz non trova spazio negli ordinari canali di comunicazione dei giovani? E' frutto di una crisi culturale?
Come detto prima, questo è il problema principale. Non si fa nulla per creare nuovo pubblico e difficilmente troveremo giovani ai concerti di qualità vista la musica che ascoltano in radio! A questo fa da contraltare l'età media di molti dei musicisti con cui collaboro, decisamente under 35! Il che mi riempie di orgoglio e speranza.

E' un fenomeno che mi dispiace constatare, ma la tendenza dell'Opera è quella di annoverare un pubblico sempre più giovane. Forse anche per il fatto che molte opere sono rivisitate da registi di chiara fama che lo hanno svecchiato parecchio. Nel jazz, però, anche lo svecchiamento non sempre porta risultati entusiasmanti. Come mai?
Non sapevo dei giovani all'Opera... mi suona strano. Ma se è così allora possiamo provare a rubare qualche idea.

Non pensi che il jazz, in Italia, difetti in organizzazione e coordinamento? Sarà forse perché lo Stato e gli enti territoriali lo tengono sullo stesso livello delle sagre di paese (con tutto il rispetto anche per queste)?
Frequento il JazzAhead di Brema da qualche anno e mi ha sempre fatto specie la mancanza degli Italiani a livello istituzionale, escludendo l'esperienza lodevole di Puglia Sounds ovviamente. In confronto alle altre nazioni europee sia indietro anni luce. A tal proposito ho dichiarato spesso che la "Casa del Jazz" avrebbe dovuto avere proprio questa funzione di coordinamento nazionale e non diventare negli anni un jazz club. Pare che nel prossimo futuro ciò potrebbe cambiare.

La diversificazione del prodotto artistico, e quindi discografico, anche al di fuori dell'ortodossia jazzistica, può essere utile, oppure ritenete migliore la specializzazione in un singolo settore musicale?
La specializzazione rende un marchio più forte. Ma non è detto che non si possano gestire più marchi come capita a noi con Auand, Auand Piano Series, Auand Songs.

Quali sono i prossimi progetti?
Una produzione speciale per festeggiare il cinquantesimo disco della collana Auand, in vinile a tiratura limitata e numerata. La seconda edizione del festival "Auand Meets NYC" a giugno 2015.






Articoli correlati:
18/09/2016

What Is This All About? (João Lencastre's Communion)- Niccolò Lucarelli

08/08/2016

Chaos Magnum (Forefront)- Enzo Fugaldi

08/08/2016

Newswok (Giancarlo Tossani Synapser + Ralph Alessi)- Enzo Fugaldi

15/05/2016

Soundtrack Cinema (Mirko Signorile)- Niccolò Lucarelli

15/05/2016

Trentacinque (Simone Graziano)- Gianni Montano

03/01/2016

T-Duality (Ananda Gari)- Niccolò Lucarelli

23/08/2015

Live In Pisa (The Auanders)- Nicola Barin

13/07/2015

Singular Curves (Swallow - Talmor - Nussbaum)- Niccolò Lucarelli

26/04/2015

Tricatiempo (Stefano Costanzo)- Gianni Montano

12/01/2015

Pleasures (poLO)- Gianni Montano

09/08/2014

Brooks (Cristiano Arcelli)- Valeria Loprieno

06/07/2014

Fried Generation (MOF)- Monica Mazzitelli

28/04/2014

Live In Pisa (The Auanders)- Francesco Favano

07/01/2014

Frontal (Simone Graziano)- Enzo Fugaldi

07/01/2014

The Framers (Phil Mer, Andrea Lombardini)- Enzo Fugaldi

08/09/2013

Enter (Bad Uok)- Enzo Fugaldi

17/03/2013

Quattro chiacchiere con...Francesco Diodati: "Ogni giorno scopro qualcosa di nuovo bellissimo e stimolante, e riscopro vecchie conoscenze." (Alceste Ayroldi)

14/01/2013

In Between (Eugenio Macchia)- Vincenzo Fugaldi

07/10/2012

Genesi (Giovanni Francesca) - Alceste Ayroldi

06/11/2011

Living in a movie (Eugenio Macchia) - Enzo Fugaldi

27/09/2011

Paroximal Postural Vertigo (Walter Beltrami) - Cinzia Guidetti

11/07/2011

Newsreel (Ohad Talmor)- Enzo Fugaldi

24/04/2010

...Ma io ch'in questa lingua (Chant Trio)- Elio Marracci

10/04/2010

Pan Atlantic (Bobby Previte)- Paolo Incani

06/03/2010

Pop Gossip (Osmiza) - Luca Labrini

06/02/2010

Purple Bra (Francesco Diodati Neko)- Enzo Fugaldi

09/11/2009

Playing in traffic (Swallow/Talmor/Nussbaum) - Laura Mancini

05/09/2009

The Age of Numbers (Emanuele Cisi) - Fabrizio Ciccarelli

03/08/2009

Eco Fato (Quilibri') - Fabrizio Ciccarelli

06/04/2009

Big Guns (Previte / Petrella / Salis)

15/02/2009

I like too much (Partipilo/Okazaki/Weiss)

22/06/2008

Downtown (Roberto Cecchetto)

28/01/2007

Coherent deformation (Giancarlo Tossani Synapser)

28/01/2007

Stolen Days (Francesco Bearzatti Sax Pistols)

01/10/2006

Live in Dublin (Arguelles - Guilfoyle - Black )

27/08/2006

Radio 3 Sessions (Domino Quartet)

27/08/2006

It's mostly residual (Cuong Vu Trio + Bill Frisell)

22/01/2005

Beauty Is a Rare Thing (Giancarlo Tossani Synapser)

06/12/2004

Hope (Bizart Trio)

01/08/2004

MA.RI. (Paolo Angeli - Antonello Salis)

03/11/2003

A Small Madness (Dave Binney - Jeff Hirshfield)

05/10/2003

Trinkle Trio (Paolo Sorge)

12/04/2003

Virus (Francesco Bearzatti Trio)

15/10/2001

In anteprima assoluta, X-Ray, il nuovo attesissimo CD di Gianluca Petrella. Ascoltalo e prenotalo subito!







Inserisci un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


Questa pagina è stata visitata 996 volte
Data pubblicazione: 07/12/2014

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti