Jazzitalia - Articoli: Il giro d'Italia a bordo di un disco: Matteo Pagano, Via Veneto Jazz
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Il giro d'Italia a bordo di un disco
Matteo Pagano, Via Veneto Jazz
di Alceste Ayroldi

Qual è la vostra filosofia di vita? Perché fare il discografico?
In realtà è stata la vita ad aver scelto di farmi fare il discografico, in principio io volevo solo stare insieme a Biagio, mio fratello più grande. Siamo cresciuti dentro il negozio che mio padre aprì nel 1958, all'inizio solo elettrodomestici, a Quarticciolo periferia (allora) di Roma, quando c'era solo prato ed un palazzo, poi col boom dei mangiadischi e dei 45 giri diventò piano, piano solo di dischi. Da lì Biagio con la sua irruenza ed entusiasmo ha creato prima lo studio di registrazione e poi la Via Veneto Jazz. Io rimanevo sempre dietro le quinte, gestendo perlopiù la logistica e continuando a gestire il negozio di dischi per lasciare lui libero di immergersi totalmente nel mondo discografico. Poi, purtroppo Biagio è venuto a mancare e sono stato costretto ad assumere la gestione completa dell'etichetta, con tutti i limiti che il mio carattere mi impone. E spero di farlo bene, facendo pochi errori; ma ci tengo a dire grazie di cuore alla pazienza e generosità di tutte le persone, artisti soprattutto, che ho avuto modo di incontrare sulla mia strada, sarebbero troppi da citare; molti di questi artisti fanno parte del il mio catalogo (menzione speciale per Sergio Cammariere) ma altri, non meno importanti, non ne fanno parte. Un incontro recente e speciale in questo mio tragitto è stato quello con Giandomenico Ciaramella della Jando Music con il quale ho iniziato una splendida collaborazione, ma speciale soprattutto a livello umano. Ora la mia filosofia è cercare di fare del mio meglio per portare avanti questo progetto ereditato (in tutti i sensi) nel migliore dei modi soprattutto per il rispetto che devo al lavoro di mio fratello e di quei musicisti che hanno affidato un pezzo della loro vita nelle mie mani, e devo dire che qualche soddisfazione me la sto togliendo.

Come reperite i nuovi talenti?
Oltre che guardarmi intorno, mi avvalgo soprattutto delle segnalazioni di musicisti o persone che conosco delle quali mi fido, che poi naturalmente vaglio personalmente.

Come scegliete i musicisti?
In genere dipende dai progetti.

Quali sono le vostre politiche relative alla distribuzione?

Personalmente sono sempre stato favorevole per i classici canali distributivi, quello delle major intendo, avendo avuto per anni rapporti quotidiani con loro per il fatto di lavorare in un negozio di dischi, ma ogni medaglia ha sempre il rovescio. Ho avuto la possibilità di essere distribuito dalla Warner, dalla EMI che poi è divenuta Universal, ora è da qualche mese mi avvalgo della distribuzione della Goodfellas che già da tempo conoscevo, magari sono meno blasonati ma hanno un fervore, e un entusiasmo che mi ha persuaso, e hanno una immediatezza che in una grande struttura spesso è difficile incontrare; è passato poco tempo da questo cambio, ma la prima impressione è buona. Certo il momento è quello che è per tutti, ma ora il vero problema è che stanno scomparendo i punti vendita, per cui a chi vendono i distributori? E questo vale sia per le major che per gli indipendenti.

Quali mezzi utilizzate per raggiungere il vostro pubblico, anche potenziale?
Si usano in genere tutti i mezzi possibili, anche se sono pochi quelli efficaci. O meglio, la loro efficacia si sposta continuamente. La forma più canonica e conosciuta è la pagina pubblicitaria, l'ufficio stampa e le relative recensioni, anche se abbiamo due riviste di musica jazz in Italia, ma molto lavoro si è spostato sui social network; però bisogna fare molta attenzione, è tutto virtuale in questo mondo: le amicizie, le condivisioni, i "parteciperò", i "mi piace" e i commenti lasciano il tempo che trovano. Nulla supera però il "passaparola", i commenti veri, di bocca in bocca, che si verificano dopo l'evento o l'ascolto, dopo che una persona ha ricevuto dal vero l'emozione della musica e dello spettacolo, e lo vuole, lo "deve" comunicare agli altri, la veridicità della comunicazione si percepisce dall'entusiasmo che ci mette chi ti riferisce il commento, c'è mancanza di cose vere e chi le vive in genere ci tiene a condividerle con chi conosce.

A cosa è dovuta la crisi del disco? E' da attribuire a mp3, peer to peer, o c'è dell'altro?
Per me la crisi della musica in generale è solo una conseguenza di una crisi più profonda, ontologica, dell'essere umano, l'uomo in se non ha più valore (di esempi nella cronaca ce ne sono a migliaia) e di conseguenza tutto quello che produce ha ancora meno valore, che sia un libro, un disco o un quadro. Il problema è ampio e ci sarebbero molte cose da dire ma mi concentro su una cosa fondamentale. La musica di per sé è solo un insieme di note, quello che gli da valore è il messaggio connotativo che l'artista da con quelle note, quello che vuole dire e trasmettere, se tu ti ci riconosci, il mondo di emozioni che suscita a te che sei davanti e godi di quella creazione artistica. Se una persona si riconosce nella espressione artistica di un qualunque genere, ma nel nostro caso di un musicista/cantautore, sicuramente tenderà a confermare di far parte di quel mondo, acquistando la musica e andando ai suoi concerti, e più persone incontra che condividono gli stessi valori, più si sente parte di un gruppo, di una identità. Senza questo valore connotativo in aggiunta, se sono solo suoni, vale la legge dello spendere il meno possibile. Si fanno le fotocopie dei libri di studio o la copia di una compilation, ma non del proprio autore preferito.

Qual è lo scenario futuro?
La musica non può finire, sebbene ce la stanno mettendo tutta a rendere le cose difficili, non sarà possibile far smettere di comporre musica a chi ha una anima chiamata a questo, l'importante per chi lavora con essa è riuscire a poter aspettare tempi migliori.

Per combattere il nemico comune non sarebbe meglio coalizzarsi? Quali sono gli ostacoli alla creazione di un consorzio o un network?
Sarebbe bello, purtroppo non mi sembra di vedere un interesse per un bene comune, in generale, ognuno cerca di migliorare la propria situazione, e certamente questo tempo difficile non aiuta molto ad aprirsi agli altri. Però non è impossibile, ci sono persone di alta generosità che ci stanno provando e gli auguro tutto il bene possibile.

Anche le major non godono un buon stato di salute. In periodi di crisi è meglio essere "più piccoli"?
Sicuramente avere l'impegno di mantenere una grande struttura con il crollo dei ricavi che abbiano ora porta a fare scelte difficili a discapito spesso della qualità del servizio che non fa che peggiorare le cose, come ho detto visto il crollo dei ricavi è importante poter riorganizzare o ridurre i costi

Cosa potrebbero fare le istituzioni per migliorare e aiutare il settore, soprattutto per la lotta contro la pirateria?
Io ho una specie di idea di quale sarebbe per me la soluzione di tutti i problemi, ma non so se è fattibile: visto che secondo me il 99% dei dati scambiati in rete sono files audio/video (credo che sia facilmente dimostrabile), si dovrebbe "suggerire" ai grandi gestori degli abbonamenti ADSL di versare una giusta percentuale degli introiti alle società di collecting che provvederebbero a versare le quote agli autori dei files scaricati o scambiati a seconda del volume generato dagli stessi. Non conosco le cifre delle quali sto parlando, ma credo che non solo si tornerebbe a guadagnare ma sarebbe interesse degli autori mettere più materiale possibile gratis sul web, tanto il guadagno è alla fonte. Sicuramente è una proposta migliorabile, ma è un punto di partenza.

La vostra struttura organizzativa si completa con il management? Ritenete, comunque, che possa essere utile per completare il percorso e fidelizzare al meglio i vostri artisti?
Quella del management come servizio per gli artisti dell'etichetta era una idea che ronzava in testa a Biagio e a me già da tempo, purtroppo essendo rimasto solo, e non essendo possibile fare questo come secondo lavoro, non è stato possibile realizzarla. Ritengo sia una parte fondamentale per la crescita di qualunque progetto incontrare una agenzia seria, è il trampolino di lancio per qualunque artista e in ogni campo, ma chi lo sa…

Quali sono le difficoltà che incontrate e qual è la tendenza del mercato dello spettacolo dal vivo?
Non occupandomi direttamente della cosa posso solo riportare le voci che indirettamente sento, che è sempre più difficile di questi tempi di scarse sovvenzioni pubbliche e ricavi dei gestori, poter suonare in giro e soprattutto con un decente compenso, soprattutto per progetti con artisti giovani. I responsabili spesso preferiscono far suonare nomi già affermati per maggior garanzia, ma ripeto che non ho il polso esatto della situazione.

Il pubblico del jazz, almeno in Italia, è statisticamente provato che sia formato perlopiù da persone over 35 anni. In altri stati, però, ciò non succede. Secondo te quali sono i motivi di fondo? I prezzi dei biglietti sono troppo alti? Il jazz non trova spazio negli ordinari canali di comunicazione dei giovani? E' frutto di una crisi culturale?
Il problema è che per appassionarti ad una cosa la devi vedere e sentire, se non hai la fortuna di avere un genitore, parente o amico che ti faccia sentire del jazz, ma dove lo riesci a scoprire? Io credo che si dovrebbe cominciare a far conoscere la musica in generale già dalle scuole elementari, nell'ora di musica nelle scuole si potrebbe far ascoltare ai bambini tutti i generi musicali facendo conoscere tutto quello che il panorama offre per permettere a tutti di scegliere in libertà, senza essere condizionati dal fatto che nei media si sente poca offerta e quasi sempre la stessa fino a che hai possibilità di sentire altro, ma spesso è troppo difficile a quel punto cambiare abitudini e gusti, si è già conformati.

E' un fenomeno che mi dispiace constatare, ma la tendenza dell'Opera è quella di annoverare un pubblico sempre più giovane. Forse anche per il fatto che molte opere sono rivisitate da registi di chiara fama che lo hanno svecchiato parecchio. Nel jazz, però, anche lo svecchiamento non sempre porta risultati entusiasmanti. Come mai?
La fortuna per l'Opera è che è un genere musicale con una percezione di più alta espressione culturale rispetto al jazz e più favorito e pubblicizzato dalle istituzioni, in più in Italia godiamo di maggiore autorità in questo campo per le chiare origine del genere, per cui è naturale che le attenzioni, anche se vuoi di una platea specifica, siano più facili da convogliare e sollecitare. Per il jazz la cosa si sposta di paese e i talenti italiani incontrano più difficoltà rispetto a loro.

Non pensi che il jazz, in Italia, difetti in organizzazione e coordinamento? Sarà forse perché lo Stato e gli enti territoriali lo tengono sullo stesso livello delle sagre di paese (con tutto il rispetto anche per queste)?
Mettere su una macchina organizzativa richiede un investimento di risorse che ora è guidato solo dalla possibilità di averne comunque un ritorno o di introiti o di immagine, e purtroppo è conveniente agli occhi di molti responsabili, dirottare questi investimenti in altri mondi piuttosto che nella musica jazz. L'Italia e il jazz in particolare è un paese che sta andando avanti con gli eroi spesso anche martiri, abbiamo speranza finche ce ne saranno o si riuscirà a cambiare le persone. Di eccezioni ce ne sono che potrebbero in realtà dare segnali sulla possibilità di "guadagnare" anche col jazz, ma a quanto pare non vengono notati, mi pare che qualcuno ha detto che in Italia con la cultura non si mangia...

La diversificazione del prodotto artistico, e quindi discografico, anche al di fuori dell'ortodossia jazzistica, può essere utile, oppure ritenete migliore la specializzazione in un singolo settore musicale?
Sono valide tutte e due le vie, la cosa fondamentale è che sia una cosa sincera e credibile.

Quali sono i prossimi progetti?
Sono in procinto di pubblicare un cd di Cristina Zavalloni con Uri Caine, Dave Gilmore, Fima Ephron, Gene Lake, Ralph Alessi e Chris Speed, sempre una collaborazione tra Jandomusic e Via Veneto Jazz dal titolo "the Soul Factor" che presenteremo anche a Umbria Jazz il 14 luglio, per l'autunno ancora non è deciso nulla ma ci saranno sicuramente nuove uscite.






Articoli correlati:
23/09/2017

A Beautifull Story (Rosario Bonaccorso)- Alceste Ayroldi

09/04/2017

Cinema Italia (Giuliani - Biondini - Pietropaoli - Rabbia)- Alceste Ayroldi

02/06/2015

Seals (Alessandro Galati)- Antonella Chionna

25/01/2015

Il giro d'Italia a bordo di un disco - Alessandro Fedrigo, Nusica.org: "...siamo interessati a progetti di musica originale e innovativa, con contenuti artistici che meritino di essere veicolati." (Alceste Ayroldi)

05/01/2015

The Apple (Marco Valeri Quartet)- Francesco Favano

16/11/2014

Il giro d'Italia a bordo di un disco: Francesco Cusa, Improvvisatore Involontario: "Il jazz è musica di sincretismi, senza una dialettica costante finisce per cristallizzarsi in schematismi e idiomi surreali..." (Alceste Ayroldi)

08/11/2014

Intervista con Elisabetta Serio: "Devo esprimermi in un modo che arrivi al pubblico in una maniera diversa di come farebbero tanti..." (Laura Scoteroni)

05/10/2014

Il giro d'Italia a bordo di un disco. Gabriele Rampino, Dodicilune: "La vera difficoltà è la bastardizzazione del senso del jazz, sia nella sua deriva verso la mediocrità, sia nella creazione di cartelloni di festival e rassegne, sempre meno progettuali e troppo ruffiani, con troppi nomi che nulla c'entrano col jazz..." (Alceste Ayroldi)

09/08/2014

Il giro d'Italia a bordo di un disco: Sergio Cossu, Blue Serge.: "cerco la voglia di esprimersi e di comunicare, di esplorare e di fare anche delle sciocchezze, evitando quel 'playing safe' che è la morte di ogni espressione artistica." (Alceste Ayroldi)

22/06/2014

Il giro d'Italia a bordo di un disco: Antonio Delvecchio, Fo(u)r: "Il jazz in questi anni, in particolare in Italia, è sicuramente condizionato dalla situazione contingente e quindi non gode di buona salute. " (Alceste Ayroldi)

01/06/2014

Il giro d'Italia a bordo di un disco: Mario Caccia, Abeat Records: "...attualmente l'industria discografica è ormai polverizzata, così come sono ormai entrate in declino tutte le figure professionali che gravitano attorno alla valorizzazione e commercializzazione della musica..." (Alceste Ayroldi)

18/05/2014

Il giro d'Italia a bordo di un disco: Gianni Barone, NAU Records: "Per noi il jazz è più vivo che mai, il nostro impegno è rivolto a documentare, proporre e valorizzare le nuove generazioni, questa è la mission della Nau Records." (Alceste Ayroldi)

25/11/2013

Yatra Vol. 2 (Enzo Pietropaoli Quartet)- Enzo Fugaldi

10/03/2013

This Is My Music (Matteo Fraboni Quintet)- Valeria Loprieno

30/12/2012

Distante (Jano 4tet) - Alceste Ayroldi

29/05/2011

Dieci (Max Ionata Quartetto)- Alessandro Carabelli

24/12/2010

Closer (Wasabi)- Gianni B. Montano

18/09/2010

The First One (Nicola Angelucci)- Vincenzo Fugaldi

20/03/2010

Trio Ostiko (Rosario Giuliani – Pippo Matino – Benjamin Henocq) - Alceste Ayroldi

18/06/2006

Madre Tierra (J. Girotto, N. Mangalavite, D. Garcia Bruno, C. Buschini )

17/04/2006

Hikmet (LTC – Lussu – Tucci - Ciancaglini)

15/12/2005

Stravagario 2 (Stefano Battaglia e Michele Rabbia )

21/08/2005

Uragano Elis (Barbara Casini)

04/05/2005

Recordando Gardel (Javier Girotto)

20/12/2004

Il 29 settembre 2004, veniva a mancare Biagio Pagano, fondatore della Via Veneto Jazz. Oggi, 20 dicembre 2004, avrebbe compiuto 42 anni. Abbiamo pensato di ricordarlo attraverso la spontanea testimonianza di coloro che hanno avuto l'opportunità di conoscerlo.

16/12/2004

Tristano (Amato Jazz trio)

17/10/2004

Mingus, Cuernavaca (Roberto Spadoni Six)

25/07/2004

Evans Remembered (Enrico Pieranunzi & Horns)

03/07/2004

Jazz Desire (High Five)

15/12/2003

Ringin' Bells (Quarte)

24/04/2003

Stravagario (Michele Rabbia e Stefano Battaglia)







Inserisci un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


Questa pagina è stata visitata 769 volte
Data pubblicazione: 06/07/2014

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti