Jazzitalia - Articoli: Quegli anomali discepoli di Thelonious
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Quegli anomali discepoli di Thelonious
di Claudio Angeleri
pubblicato su Musica Jazz – Aprile 2002

Esistono poche certezze nel jazz, proiettato com'è nel tempo reale, nella composizione istantanea, nella continua metabolizzazione di ciò che gli sta intorno. Tra queste ce n'è una che mette senz'altro tutti d'accordo: Monk è un vero maestro.
Esistono decine di testimonianze, racconti, aneddoti, spesso amplificati dalla bizzarria del personaggio e dai suoi inquietanti silenzi, che confermano questa tesi. Miles Davis, ad esempio, afferma: "Monk mi ha insegnato composizione jazz più di altri nella 52ma strada". Il figlio di Monk, Thelonious Jr, racconta che Paul Jeffrey, l'ultimo sassofonista del gruppo, era solito andare quasi tutti i giorni nella loro casa di Manhattan a San Juan Hill con un quaderno pieno di domande sui brani suonati la sera prima, sui voicings, le sostituzioni e Monk aveva per tutte una risposta. Kenny Barron ha invece acquisito, attraverso i suoi "discepoli", Charlie Rouse e Ben Riley, molti dei segreti delle composizioni monkiane: "Suonando con loro (nel gruppo Sphere) ho capito perché la musica di Monk è unica. Tutti suonano "'Round Mindnight" o "Well you needn't" ma con i voicings di Monk è più difficile". Quei brani sono una sfida anche per esporre la semplice melodia. Alcune composizioni sono complesse e le progressioni, assolutamente uniche, non ti consentono di suonare i tuoi personali cliché.

È estremamente interessante scoprire come si è attuata questa personalissima forma di "didattica" tra il Maestro e lo stuolo di musicisti che hanno bussato quotidianamente alla porta di quell'appartamento al 243 West della 63ma Strada ove Monk ha trascorso praticamente tutta la sua vita.
Si è trattato quasi sicuramente di scambi molto poco verbali. Monk non è mai stato un gran parlatore del resto, ma poteva contare, oltre al suo straordinario talento musicale, su alcune capacità quasi "paranormali".
Sempre Thelonious jr confida che Bud Powell e il padre erano capaci di stare per tre, quattro ore chiusi in una stanza senza pronunciare una parola. Al termine dei loro incontri si salutavano calorosamente pienamente soddisfatti. Ronnie Mathews, uno dei pianisti che forse più di altri ha approfondito lo studio della musica di Monk, afferma: "Molte cose di Monk non erano verbali, eppure sentivo lo spirito giusto intorno a lui. Non aveva problemi a mettersi al pianoforte e a suonare. Non aveva gelosie o strani ego trips. Sapeva di avere talento".

Anche Coltrane, sempre secondo il figlio, aveva un rapporto particolare con lui: telepatico. Ed è proprio a Monk che Trane si rivolge per la sua "rinascita" umana e musicale. La disponibilità di Monk era proverbiale e la sua casa era sempre aperta a tutti. "Miles veniva spesso a casa nostra" (Thelonious jr) "ed era sempre mite ed affabile". Un'immagine completamente diversa quindi da quella impressa nell'immaginario collettivo che vede un Davis sempre irascibile e di cattivo umore. Indubbiamente Miles sapeva di essere al cospetto di un grande Maestro e, forse anche con un pizzico di furbizia, aveva bisogno di consolidare le proprie conoscenze armoniche ma l'imponenza di Monk, artistica ed umana, sortiva indubbiamente i suoi effetti. (Monk era alto quasi un metro e novanta e pesava, in età matura, un centinaio di chili. Si può dire che si è trattato di una "didattica" basata su molteplici aspetti umani e musicali: grande carisma, disponibilità, talento straordinario, doti telepatiche, full immersion, intelligenza pronta e vivace, humor pungente. L'ironia appunto…

Art Blakey era solito raccontare l'aneddoto di Al Mc Kibbon che, alla richiesta di spiegazione di un accordo, si sentì rispondere da Monk: "Abbiamo suonato quel pezzo ogni sera per tutto il tour e tu non sai se è giusto? Quindi hai sempre suonato l'accordo sbagliato? Bene, vai avanti così e suonalo sul disco che stiamo incidendo, così i tuoi nipoti potranno ascoltarlo e sapere quanto sei stupido". Inutile dire che Monk non rivelò mai a Mc Kibbon l'accordo giusto.

Anche Cedar Walton è stato vittima degli scherzi di Monk. Una volta, di buon mattino, si era recato da lui per sentire appositamente un accordo del bridge (o meglio "l'inside del brano" come diceva Monk) di "Ruby my Dear". Il maestro, ovviamente, dopo l'esposizione delle prime sedici misure evitava di suonare il resto lasciando il povero Walton interdetto. Si trattava in realtà di uno scherzo, perché quando Walton gli chiese esplicitamente di suonare quell'accordo, Monk acconsenti di buon grado.

L'ironia è comunque uno degli ingredienti principali della musica di Monk. "Come non vedere nelle frequenti svolazzate a toni interi" (Ronnie Mathews) "una sorta di grande sorriso? Oppure in certi clusters o negli sviluppi della melodia? Alcune parti di "Little Rootie Tootie" suonano come dei fischi del treno e mi fanno sorridere".

Anche Kenny Barron è d'accordo: "Un aspetto peculiare del metodo compositivo e di costruzione dell'improvvisazione di Monk è proprio lo sviluppo melodico". A questo proposito dice Rachel Z: " "Straight no chaser" è un esempio di sviluppo di una melodia cromatica, mentre "Well you needn't" sviluppa una idea per quarte, "Rhythm a ning" spiega come suonare bebop in modo realmente intervallico sui rhythm changes. I suoi brani suonano moderno. Se metti un tempo hip hop o di altro tipo una composizione di Monk suona subito in modo "contemporaneo" ".

Anche i luoghi giocano indubbiamente la loro parte nella trasmissione della musica del Maestro. Monk vive tutta la sua vita nel cuore del jazz: New York. Non ha bisogno come altri di spostarsi: è già nel posto giusto. Vive infatti in un quartiere di Manhattan ad alta densità nera, lo stesso dove stanno James P. Johnson e Willie The Lion Smith. San Juan Hill è un quartiere "risanato" da Roosevelt dopo le numerose sommosse del 1905 nel quale sorgono parecchi caseggiati moderni (per l'epoca) ad affitto calmierato. L'appartamento della 63ma, dove abita la famiglia Monk, ha perciò quasi la connotazione di una "scuola" di jazz dove il Maestro vive ed insegna attraverso la sua musica, i suoi esempi e, soprattutto, il suo metodo.

Debbono comunque averne avuta di pazienza la mamma Barbara, prima, e la moglie Nellie, dopo! Gente di ogni tipo, ad ogni ora del giorno e della notte, musicisti strani, vestiti in modo ancor più bizzarro con personalità spesso inquietanti. Si trattava, in altre parole, di compagnie non molto raccomandabili soprattutto quando in casa si hanno dei bambini da crescere (Thelonious Jr "Tootie" e Barbara "Boo Boo"). Eppure la personalità di Monk metteva tutto al posto giusto con grande dignità e importanza. Monk non solo era consapevole che quello stava facendo era giusto ma anche di altissimo livello artistico. I pochi eletti, scelti da Monk per suonare insieme lui, potevano applicare "sul campo" i suoi insegnamenti.

Monk ha sempre avuto un grande fiuto nella scelta dei musicisti. Si provi solo a pensare al poker vincente di tenoristi che si sono succeduti nel quartetto: Rollins, Coltrane, Griffin e Rouse. E le sezioni ritmiche? Ancora oggi all'ascolto dei suoi dischi si può apprezzare la perfetta coesione del tandem basso/batteria: due musicisti sempre incollati al tempo e contemporaneamente liberi di produrre swing. Il merito è senz'altro nella qualità dei musicisti ma è proprio la presenza di Monk a fare la differenza.

Steve Lacy racconta che Monk era solito consigliare: "Make the drummer sound good". È esattamente il contrario di quello che si pensa solitamente e cioè che sia il batterista il principale responsabile nella produzione del beat. In realtà è il timing di ogni musicista, soprattutto se solista, che "qualifica" ulteriormente il tempo e il suono della batteria. Monk del resto era dotato di un tempo interiore senza eguali e tutta la sua musica, il "suo" suono e soprattutto la sua tecnica sono costantemente al servizio del ritmo. La scelta ad esempio di rinunciare quasi completamente all'articolazione delle dita (un suicidio per un pianista!) è in realtà un'esigenza di natura ritmica e sonora. Le dita di Monk sono delle bacchette o, meglio, dei mallets per poter percuotere meglio i tasti come un vibrafonista o un batterista. I movimenti del corpo assecondano la "pressione" delle dita piatte per creare una dinamica in pianissimo oppure per caricare i tasti con tutto il notevole peso del corpo. Nessun gesto è sprecato. È tutto al servizio del suono e del ritmo.

Spesso Monk abbandona l'accompagnamento lasciando il solista di turno in trio con basso e batteria. Una pratica divenuta oggi consuetudine ma per quegli anni assolutamente anomala e sconcertante. Si pensi infatti che il modello di ritmica corrente degli anni quaranta era quello di Basie ove la chitarra creava insieme a basso e batteria un continuum sonoro su cui si inserivano gli strappi del piano. Anche nel bebop la ritmica piano, basso, batteria è incessante e verbosa. Monk invece suona per sottrazione. Quando l'assolo sta crescendo abbandona il campo e lascia il trio solista/basso/batteria in solitudine.A ben vedere tale procedura è assolutamente in linea con il Monk pensiero. In altre parole, si tratta ancora di una sfaccettatura del metodo del grande Maestro: il silenzio evidenzia il suono così come l'inside del pezzo (il bridge) fa suonare meglio il resto della melodia quindi il tema principale, la notte ci fa desiderare la luce. Gli esempi o citazioni potrebbero continuare….

Ancora Lacy racconta: "Non suonare tutte quelle note inutili, suona la melodia. Batti il piede e suona la melodia nella tua testa, o suona il ritmo della melodia con altre note…".

Monk, Maestro dell'armonia, ci insegna che melodia e ritmo sono gli ingredienti base del jazz e dell'improvvisazione. È un consiglio d'oro sia per chi suona professionalmente che per chi inizia a pronunciare le prime frasi di jazz.

Un ultimo aspetto del metodo di lavoro di Monk riguarda lo studio del proprio strumento.

Thelonious Jr racconta che il padre dedicava intere giornate allo studio, ma non si trattava dell'articolazione di scale e di arpeggi, bensì dell'esecuzione reiterata di proprie composizioni e soprattutto della ricerca del proprio suono. Del resto la sua particolare impostazione pianistica deve avere richiesto un durissimo lavoro tecnico a cui Monk ha dedicato tutta la sua vita. È frequente ascoltare la riproposizione di frasi caratteristiche di Monk da parte di molti pianisti con esiti indubbiamente efficaci ed interessanti sebbene salti immediatamente all'orecchio la differenza sostanziale di produzione del suono.
"Monk suona dei voicings incredibili" dice Horace Silver "Quando li senti ti chiedi: ma che note ci sono lì dentro?" L'effetto però non è solo dato dalla disposizione degli intervalli ma dall'esaltazione dei suoni armonici che la particolare percussione di Monk riesce ad ottenere dal legno del pianoforte.

Non può infine mancare un accenno alla formazione musicale di Monk.

Sebbene esistano voci, o meglio, leggende sulla frequentazione dei prestigiosi corsi della Juillard School si è propensi a credere ad una formazione autodidatta di Thelonious Monk. La questione non sposta ovviamente di un millimetro la qualità artistica della sua musica ma ci aiuta forse a capire di più come il Maestro possa aver acquisito le sue doti "didattiche". Monk sapeva trovare con i propri esempi e consigli espressi al pianoforte, la migliore risposta ad ogni tipo di problema. Lo sapeva perché a sua volta l'aveva vissuto sulla propria pelle, ora rubando dal movimento "automatico" dei rulli meccanici le posizioni stride dei grandi maestri, ora sbirciando la musica dalle spalle della sorella durante le lezioni di piano. Di certo la Juillard, Monk l'ha frequentata, ma molti anni dopo, entrando dalla porta principale insieme a Hall Overton. Overton, docente presso il prestigioso istituto, si era inchinato alla musica di Monk per moltiplicare il suono del pianoforte di Monk attraverso gli splendidi arrangiamenti per big band per il memorabile concerto alla Town Hall.






Articoli correlati:
24/04/2017

Intervista a Pino Jodice: "...le orchestre sono la massima espressione artistica musicale, umana e sociale; con l'orchestra si crea bellezza, civiltà e cultura, si coltiva l'intelligenza." (Marco Losavio)

23/04/2016

Gato Barbieri (1932-2016): Gato Barbieri (1932-2016): "...ci lascia una delle voci strumentali tra le più originali e passionali, infuocate vien da dire, degli anni d'oro del free post coltraniano." (Andrea Gaggero)

14/06/2015

Intervista a Greta Panettieri : "...tutto parte dalla scoperta di una grandissima passione, perchè da lì ho iniziato a scoprire il jazz con la foga dell'adolescenza, a gran velocità." (Laura Scoteroni)

12/06/2015

LEZIONI (chitarra): Analisi del brano "Doxy" di Sonny Rollins (Donatello Polidoro)

02/06/2015

Black Orpheus (Nilson Matta's)- Alessandra Monaco

26/02/2015

LEZIONI (Trascrizioni): Out of Nowhere - Charlie Parker. Seduta del 4 novembre 1947 insieme a Miles Davis, Max Roach, Duke Jordan e Tommy Potter (Paolo Mannelli)

08/02/2015

Il giro d'Italia a bordo di un disco - Giorgio Dini, Silta Records: "Oggi siamo al paradosso per cui vendono sempre meno dischi ma se ne producono sempre di più." (Alceste Ayroldi)

29/11/2014

Dave Holland e Kenny Barron: "Straordinaria la perfetta coesione tra i due, assolutamente equilibrati nel procedere insieme, ma anche nel lasciarsi i giusti spazi per esprimersi al meglio..." (Nina Molica Franco)

05/10/2014

Il giro d'Italia a bordo di un disco. Gabriele Rampino, Dodicilune: "La vera difficoltà è la bastardizzazione del senso del jazz, sia nella sua deriva verso la mediocrità, sia nella creazione di cartelloni di festival e rassegne, sempre meno progettuali e troppo ruffiani, con troppi nomi che nulla c'entrano col jazz..." (Alceste Ayroldi)

19/05/2014

Blue. Chi ha ucciso il jazz? (Eric Nisenson)- Marco Losavio

02/02/2014

Intervista a Franco D'Andrea: "Il bop ci ha dato l'apertura mentale per andare avanti. Non è superato, ma acquisito. Non è un punto di arrivo. E' lo spirito che ci fa cercare il nuovo." (Marco Buttafuoco)

07/01/2014

Miles on Miles – Incontri con Miles Davis (Paul Maher Jr., Michael K. Dorr)- Marco Losavio

01/12/2013

Intervista con Peter Bernstein: "...se sei con le persone giuste, non m'importa se si sta suonando un blues, è importante solo che stai suonando, sei dentro la musica che si sta costruendo: è così che avverto che mi sto evolvendo." (Marco Losavio)

12/05/2013

Miles Davis rewind (Guido Michelone - Gianfranco Nissola)- Gianni Montano

26/08/2012

Umbria Jazz 2012 #2: Pat Metheny, Sonny Rollins, Wayne Shorter, Ambrose Akinmusire, Lydian Sound Orchestra, Ryan Truesdell Eastman Jazz Orchestra, Kenny Barron, Mulgrew Miller, Eric Reed & Benny Green, Sting...(Daniela Floris)

22/07/2012

Franco d'Andrea Sextet in "Monk e la Macchina del Tempo" e il trio di piano composto da Kenny Barron, Mulgrew Miller e Dado Moroni in "3 Monkish Pianos. (Gabriele Prevato)

28/01/2012

LEZIONI (Articoli): Il ruolo del walking bass nel Jazz modale - Paul Chambers in "So what". (Giuseppe Canale)

18/08/2011

Miles Davis. Il sound del futuro (Guido Michelone)- Franco Bergoglio

26/12/2010

European Jazz Expo 2010: "...si possono delineare suggestioni comuni "trasversali" tra artisti diversi. Una moderna valenza "ipnotico rituale" ad esempio in Francesco Bearzatti e Marc Ayza; una forte componente "Etnico - tradizionale" ad esempio in Salis - Murgia - Angeli e Paco De Lucia; i legami con il pop e/o il R&B o la fusion in Sanborn e Ritenour ma anche in Pino Daniele. E' apparsa isolata dal contesto la cifra stilistica di Chiara Civello, che come legame con il jazz ha avuto forse quello di avvalersi della collaborazione di validi jazzisti che comunque non hanno suonato jazz, ma musica pop di buona fattura." (Daniela Floris e Daniela Crevena)

19/12/2010

Bitches Brew 40th Anniversary Deluxe Edition Box (Miles Davis)- Vittorio Pio

27/11/2010

Kenny Barron, uno dei tanti fenomeni della grande rassegna di Todd Barkan, ha fatto il pieno al Dizzy's Club di New York: musica intensa, trascinante ed eccitante. Per l'After Hours, si esibisce il pianista italiano Eugenio Macchia con il suo trio: una nuova possibilità per il Songbook Americano: i brani sono stati eseguiti con una intensità mozzafiato, in perfetto tono e senza orpelli. (Roberta E. Zlokower)

15/11/2010

Live in Rome & Copenhagen 1969 (Miles Davis Quintet)- Giovanni Greto

09/07/2010

In diretta da Umbria Jazz 2010. (Marcello Migliosi)

09/05/2010

Jazz! (John F. Szwed)- Alceste Ayroldi

18/04/2010

Una vita con il sax (Armando Brignolo)- Marco Losavio

25/03/2010

Hal McKusick si racconta. Il jazz degli anni '40-'50 visti da un protagonista forse non così noto, ma presente e determinante come pochi. "Pochi altosassofonisti viventi hanno vissuto e suonato tanto jazz quanto Hal Mckusick. Il suo primo impiego retribuito risale al 1939 all'età di 15 anni. Poi, a partire dal 1943, ha suonato in diverse tra le più interessanti orchestre dell'epoca: Les Brown, Woody Herman, Boyd Reaburn, Claude Thornill e Elliot Lawrence. Ha suonato praticamente con tutti i grandi jazzisti tra i quali Art Farmer, Al Cohn, Bill Evans, Eddie Costa, Paul Chambers, Connie Kay, Barry Galbraith e John Coltrane." (Marc Myers)

06/02/2010

Intervista a Diamanda Galàs: "...come osi parlare di Monk senza sapere chi gli ha dato gli strumenti per esprimersi? Questa gente mi annoia, davvero, mi annoiano molto...Gli americani hanno questo modo di ingigantire tutta la cultura che li vede protagonisti senza riconoscere l'originalità a chi davvero ha creato certi accordi, certe scale. Ed è una questione razziale, è un dato di fatto che la maggior parte dei compositori in questione nasce in Medio Oriente, prendi i russi, Scriabin, Rachmaninoff, prendi Bartok, Chopin: è lì che nasce il jazz..." (Marco Marroni)

06/01/2010

Bitches brew. Genesi del capolavoro di Miles Davis (Merlin Enrico - Rizzardi Veniero)- Franco Bergoglio

13/12/2009

The Complete Columbia Album Collection (Miles Davis)- Vittorio Pio

26/09/2009

Reflection(s) On Monk (Norberto Tamburrino) - Luca Labrini

20/08/2009

Miles live e in studio (Richard Cook)- Franco Bergoglio

17/06/2009

Let's Call This…. Esteem (Steve Lacy – Mal Waldron)

06/06/2009

Double Exposure (Riccardo Fassi Quartet)

26/04/2009

B.B.G. TRIO al Bollate Jazz Meeting: "Un pianismo diverso dal consueto, molto personale e che non si è mai ascoltato prima fra i vari interpreti monkiani. Borstlap è un pianista davvero interessante, ancora poco conosciuto in Italia, ma dotato di grandi capacità e di una grande sensibilità...I tre musicisti si divertono palesemente, ridono fra di loro, sono piacevolmente stupiti dalle idee che ciascuno di loro propone e dalle quali traggono reciprocamente stimolo." (Rossella Del grande)

09/04/2009

Mal's Colors – Tribute To Mal Waldron (Silvana Renzini – Maurizio Signorino)

01/02/2009

Best Wishes (Steve Lacy)

03/01/2009

LEZIONI (Trascrizioni): Il solo di Miles Davis su "It could happen to you" da "Relaxin' with the Miles Davis Quintet" (Andrea Sorgini)

02/11/2008

Intermission Riff (Claudio Cojaniz)

19/10/2008

Kind Of Blue (50th Anniversary De Luxe Edition) (Miles Davis)

31/08/2008

LEZIONI (Storia): Thelonious Monk nel documentario "Straight No Chaser" (Cinzia Villari)

03/05/2008

Birdland 1951 (Miles Davis)

16/02/2008

LEZIONI (Trascrizioni): "All of me", solo di Kenny Barron (Roberto Flora)

01/11/2007

LEZIONI (Storia): Prima della Performance: Monk, Pepper e Baker (Paolo Ricciardi)

01/11/2007

LEZIONI (piano): Pentatoniche e accordi per quarta (Claudio Angeleri)

10/05/2007

Stagione invernale del Brass di Palermo: "Molto ricco, e davvero molto aperto è stato quest'anno il cartellone del Brass Group palermitano...altrettanto ricca è stata la rassegna intramuraria del Blue Brass presso il ridotto dello Spasimo..." (Antonio Terzo)

18/03/2007

Nuova gallery di quadri curata da Henk Mommaas

11/02/2007

Intervista a Eddie Gomez: "Tutto ciò che io ho studiato, tutto ciò a cui mi sono interessato, non è stato premeditato. Il mio interesse si è sviluppato col tempo. A 21 anni forse potevo dire di aver appreso qualcosa di questa storia, e di quella e di quell'altra ... Poi, nei miei anni succesivi con Bill Evans, ho appreso ancora di più della tradizione ... e sto ancora imparando..." (Adriana Augenti)

07/01/2007

Kenny Barron Trio al Ueffilo Jazz Club in un doppio set di grande qualità: "...le dita di Barron sembrano danzare, anzi quasi volare con leggiadria sulla tastiera, nonostante il musicista mantenga una compostezza ed una postura "regali" e non si scomponga affatto..." (Alberto Francavilla)

27/12/2006

Eventi Jazz 2006 a Busto Arsizio con Ignacio Berroa, Dado Moroni, Kenny Barron, Mike Stern. Sei serate di jazz nei vari teatri cittadini sempre gremiti di pubblico appassionato e intento ad ascoltare le varie proposte stilistiche previste dalla programmazione.

14/07/2006

Intervista a Kenny Barron e Dado Moroni: "Mi piacerebbe fare un disco con un'orchestra d'archi. E comunque fare qualcosa che mi piace, senza dovermi preoccupare se venderà o no." (Rossella Del Grande)

08/05/2006

Agenda (Gianni Lenoci )

17/04/2006

LEZIONI (Trascrizioni): Un favoloso solo di Charlie Parker sul brano Scrapple from the Apple (Marcello Zappatore)

04/04/2006

I dipinti dei grandi del jazz di Mauro Angiargiu

01/04/2006

Steve's Mirror (Gianna Montecalvo)

03/01/2006

LEZIONI (Trascrizioni): Il solo di Miles Davis sul brano Half Nelson dell'album "The Prince of Darkness" (Marcello Zappatore)

16/12/2005

Nuova gallery con i quadri di Manlio Noto

16/10/2005

At Carnegie Hall - 1957 (Thelonious Monk Quartet with John Coltrane )

20/08/2005

Grace (Rachel Z)

22/06/2005

Bud Powell, Thelonious Monk e lo split brain: "...Di Powell e Monk si è sempre sottolineato quanto innovativi e geniali siano stati nella storia del jazz, ma per entrambi la malattia mentale, ha purtroppo costituito un elemento di disturbo nelle due eccezionali personalità artistiche..." (Brunella Marinelli)

03/06/2005

Riedizioni 2005 (Miles Davis)

16/05/2005

LEZIONI (Trascrizioni): Alone Together, suonata da Steve Lacy nel famoso "Soprano Sax" del 1957. (A. Perini)

31/10/2004

Rachel Z, nel suo tour italiano in trio con Bobby Rae e Chris Luard, attraversa varie città italiane. Noi l'abbiamo seguita sia nel concerto di Napoli che in quello di Bari, scoprendo un talento e una professionalità di rilievo. <Bari>: Concerto for new New York (Alceste Ayroldi) - <Napoli>: concerto al Museo della Moda (Massimiliano Cerreto)

31/10/2004

Intervista a Rachel Z: "...Wayne ha un livello compositivo che adoro, considera che lui suonava nel mio disco favorito che è Miles Smiles e così io potevo suonare con chi aveva contribuito a creare quel sound, e per me era incredibile..." (Marco Losavio)

18/10/2004

The Nearness of You (Bennie Wallace)

21/03/2004

Kind of Blue - Io & MIles Davis (Quincy Troupe - Ashley Khan)

09/11/2003

Criss-Cross, Solo Monk, It's Monk's Time, Underground (Thelonious Monk)





Video:
The Miles Davis Story (Sub Ita)
Nessuna descrizione disponibile....
inserito il 18/09/2011  da Greengrassmusic - visualizzazioni: 3587
The Trio OZ featuring Omar Hakim and Peppe De Rosa Live in Castellammare di Stabia
Quisiana Jazz Events 20116 Agosto, The Trio OZ featuring Omar Hakim in concertoRachel Z - pianoSolomon Dorsey - controbbassoOmar Hakim - batteriaspeci...
inserito il 31/08/2011  da totoderosa - visualizzazioni: 11751
Lonnie Liston Smith w/Alessio Menconi, Massimo Moriconi, Lee Pearson @ Eddie Lang Jazz Festival 2011
Lonnie Liston Smith w/Alessio Menconi (guitar) Massimo Moriconi (bass) & Lee Pearson (drums) @ Eddie Lang Jazz Festival 2011http://www.eddielang.o...
inserito il 23/08/2011  da HandEyeFamilyMusic - visualizzazioni: 3310
Miles Davis Human Nature (solo Kenny Garrett)
Miles Davis-trumpetKenny Garrett-saxophoneFoley-guitarRicky Wellman-drumsRichard Patterson-bass1991...
inserito il 25/05/2011  da kmpp16 - visualizzazioni: 2616
Miles Davis - The Last Performance - Jazz à Vienne 1991 (Official)
Directed by : Patrick SaveyExclusive -- The last Miles Davis with his band filmed concert, on 1991 July 1st. Filmed at the Vienne Roman theater, feat ...
inserito il 29/11/2010  da Zycopolis - visualizzazioni: 2567
Miles Davis Time After Time Montreux 1988 - Google Chrome.flv
Miles......
inserito il 05/11/2010  da BlackMax58 - visualizzazioni: 2664
Thelonius Monk and the Giants of Jazz 1971 Round Midnight
Thelonius Monk and the Giants off Jazz 1971 .The Giants off jazz during there worldtour in Holland . This clip is a Big IM for the bandmember Special ...
inserito il 14/05/2010  da thejazzsingers - visualizzazioni: 2960
THELONIOUS MONK -dans &#39; Ruby My Dear&#39; en 69.flv
NOCTAMBLUES Jazz Bop BeBop Hardbop Cool west-coast Classic-Jazz Mainstream Swing Blues Free-jazz Avant-Garde Contemporain Fusion progressive Jazz-Rock...
inserito il 04/05/2010  da Majeur7 - visualizzazioni: 3221
'Round Midnight - FINISDUO
...
inserito il 29/03/2010  da giannibardaro - visualizzazioni: 2639
2010 Grammy Nominated Roy Hargrove Big Band - Roy Allan (Jazz A Vienne Excerpt)
Purchase "EMERGENCE" at Amazon: http://www.amazon.com/gp/product/B002..., at iTunes: http://itunes.apple.com/us/album/emer..., , Filmed live...
inserito il 20/12/2009  da GroovinHighRecordsUS - visualizzazioni: 2718
Straight, no chaser - Thelonious Monk - Daniele Cortese & The Jazz Masters - Mastering Jazz Bass
Daniele Cortese is a first year student of "Mastering Jazz Bass" a course held by Riccardo Fioravanti at Accademia del Suono., "The Ja...
inserito il 03/10/2009  da accademiadelsuono - visualizzazioni: 3114
Miles Davis - Heavy Metal
Miles Davis - Live in Germany (1988)Miles Davis - trumpet, keyboardsKenny Garrett - saxophone, fluteBobby Irving - keyboardsAdam Holzman - keyboardsBe...
inserito il 03/07/2009  da Neidhardt84 - visualizzazioni: 2884
Straight no chaser (Bireli Lagrene - Elvin Jones - joey DeFrancesco)
tema de Thelonious Monk...
inserito il 04/01/2009  da alejandrojazzmetal - visualizzazioni: 2256
Stan Getz - Seven steps To Heaven
Stan Getz-Tenor Kenny Barron-Piano Alex Blake-Bass Terri Lyne Carrington-Drums...
inserito il 28/12/2008  da Cerpa05 - visualizzazioni: 2897
Thelonious Monk - Lulu's Back In Town - 1966 part 1
Part 2: http://www.youtube.com/watch?v=WjY32U..., , Live In Poland, , Thelonious Monk - piano, Charlie Rouse - tenor sax, Larry Gales - bass, Ben Rile...
inserito il 15/11/2008  da Astrotype - visualizzazioni: 2157
Miles Davis in Concert ( Kenny Garrett solo )
Warsaw 1988...
inserito il 10/10/2008  da darominu - visualizzazioni: 3081
Miles Davis - In A Silent Way, New Blues LIVE STUTTGART ´88 [HQ]
Inicio del concierto Miles en Stuttgart '88....
inserito il 08/10/2008  da juandirecto - visualizzazioni: 2970
Avishai Cohen - Smash
...
inserito il 19/08/2008  da luccabf - visualizzazioni: 2800
Stan Getz - Soul eyes
...
inserito il 24/07/2008  da darominu - visualizzazioni: 2385
Keith Jarrett about Miles Davis and the Very Slow Beat
Keith Jarrett tells a story about Miles Davis and how this great musician explained a very slow beat to a drummer. Very funny!...
inserito il 08/07/2008  da frafrafrafrabla - visualizzazioni: 2646
Marcus Miller - So What (Live)
Marcus Miller performs live playing a Miles Davis classic, So What....
inserito il 28/06/2008  da tonchi2a - visualizzazioni: 2766
Barron/Mehldau - Billie's Bounce
Kenny Barron - left side Brad Mehldau - right side Piano Summit - Umbria 1999...
inserito il 27/06/2008  da dilberg1 - visualizzazioni: 3048
People Time - Stan Getz And Kenny Barron
from People Time...
inserito il 22/05/2008  da jazzmatpewka - visualizzazioni: 2645
Jazz istruzioni per l'uso paolo fresu
...
inserito il 14/05/2008  da esomare - visualizzazioni: 3432
Kenny Barron Trio - Jazz Baltica 2007
Kenny Barron Trio New York http://jazzdvd.blogspot.com...
inserito il 11/03/2008  da musicfriendsjazz - visualizzazioni: 2160
Charlie Parker - "My old flame"
Charlie Parker (alto sax), Miles Davis (tromp.), Duke Jordan (piano), Tommy Potter (g), Max Roach (drums)...
inserito il 29/02/2008  da caoamarelo - visualizzazioni: 2693
Ella Fitzgerald - Round Midnight
Ella Fitzgerald sings "Round Midnight"., , Piano: Oscar Peterson, Bass: Ray Brown, Drums: Ed Thigpen , Composer: Thelonious Monk, (UK, 1961)...
inserito il 16/12/2007  da guachifluchi - visualizzazioni: 2670
Miles davis & Marcus miller - mr pastorius
video do miles davis & marcus miller - mr pastorius mtv jazz...
inserito il 18/07/2007  da guachifluchi - visualizzazioni: 2946
Miles Davis & John Scofield
http://worldmusicstore.com.au Purchase this DVD by clicking above:...
inserito il 13/07/2007  da ozmusicshop - visualizzazioni: 2899
WOODY SHAW: "To Kill A Brick" - Monterey Jazz Fest. (1979)
http://www.WoodyShaw.com...
inserito il 25/03/2007  da WoodyShawdotcom - visualizzazioni: 2744
Miles Davis - Herbie Hancock - Wayne Shorter - Ron Carter -
Miles Davis - Herbie Hancock - Wayne Shorter - Ron Carter - tony williams Stockholm 1963...
inserito il 19/02/2007  da moresco63 - visualizzazioni: 2967
THELONIOUS MONK - Blue Monk
Thelonious Monk: Blue Monk (Oslo, April 1966), , Um clipe do video "Monk in Oslo"., , Thelonious Monk - piano. Charlie Rouse - tenor. Larry ...
inserito il 07/02/2007  da rboliveira - visualizzazioni: 2242
Miles Davis - Wayne Shorter - Herbie Hancock - Ron Carter -
...
inserito il 25/01/2007  da moresco63 - visualizzazioni: 2701
Tony williams feat. Freddie Hubbard w/ Super star quintet
Jazz with the superstar quintet 1982, Ballad by hubbard, some great horn skills here man., , for more of tony you must check out!!!, , http://video.go...
inserito il 17/01/2007  da druman44 - visualizzazioni: 2338
Miles Davis: Walkin'
The Miles Davis Quintet digs into this classic on November 7, 1967 at the Stadthalle, Karlsruhe, Germany....
inserito il 20/12/2006  da pixaninny - visualizzazioni: 2888
Stan Getz - On Green Dolphin Street (1989)
...
inserito il 06/11/2006  da weirdcollector - visualizzazioni: 2631
miles davis electric 73
calypso frelimo at newport...
inserito il 08/10/2006  da milesdewey - visualizzazioni: 2656
Thelonious Monk - Round About Midnight
Thelonious Monk - Round About Midnight. Sin palabras, Genio total y absoluto. Ripeado por mi de la cadena ARTE....
inserito il 25/09/2006  da brucutu30 - visualizzazioni: 2178
Miles Davis Quintet - 1967 - Footprints
The video is actually from a concert done on October 31, 1967 in Sweden. Miles and the band were in Europe, playing in a concert package dubbed "...
inserito il 18/08/2006  da edmarxxx - visualizzazioni: 2635
John Coltrane w/ Wynton Kelly Trio VERY RARE
John Coltrane, Wynton Kelly, Paul Chambers, Jimmy Cobb-- RARE!...
inserito il 21/07/2006  da jazzclassic - visualizzazioni: 2830
BURN : Miles davis w/santana & Robben ford
Miles Davis Octet with Carlos SantanaAmnesty International's 25th Anniversary Benefit ConcertGiants Stadium, East Rutherford, NJJune 15, 1986...
inserito il 04/07/2006  da ricosantana - visualizzazioni: 2381
Miles davis et John Coltrane - So what
http://deepsound.net - Miles Davis and John Coltrane play one of the best renditions of SO WHAT ever captured on film-Live in 1958. Edit : in fact, wa...
inserito il 14/05/2006  da Deepsound - visualizzazioni: 2705
George Benson blues miles davis tribute
George Benson & mIles Davis...
inserito il 09/03/2006  da Bendrobert2005 - visualizzazioni: 2908


Inserisci un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


Questa pagina è stata visitata 707 volte
Data pubblicazione: 05/02/2017

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti