Jazzitalia - Articoli: Intervista a Pete LaRoca Sims
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Intervista a Pete LaRoca Sims
di Antonio Terzo
pubblicata sul numero di settembre 2008 di jazzColours (Anno I, n° 7)

Già drummer di Coltrane, Rollins, Bley, Lloyd e la McPartland, per un po' Pete LaRoca Sims aveva fatto perdere le proprie tracce. Nel 2008 l'allora ultrasettantenne batterista, tornava a suonare in un vibrante mini-tour francese e rilasciava quest'intervista in cui rivelava i retroscena di storiche registrazioni, il rapporto con leggendari bassisti, la vera natura del suo approccio alle musiche e filosofie orientali, le sue aperture al resto del mondo.

Per ricordarlo a pochi giorni dalla sua scomparsa (19 novembre 2012), e mostrare quanto siano attuali le riflessioni di questo grandioso batterista, che ha segnato la storia del jazz.

La sua carriera inizia circa 50 anni fa: che innovazioni pensa d'aver apportato alla batteria jazz?
Come accompagnatore ho sempre adottato e cercato di perseguire l'idea di agevolare il flusso del tempo. Fondamentalmente il piatto ride si unisce al basso per un pulse scorrevole non accentato. Tale flusso è concepito per fornire ai solisti una base non troppo invasiva, e permette a me di scegliere al momento accenti e figurazioni di complemento allo sviluppo del solista, al tema sottostante e/o all'ensemble. È vivace e rispondente a ciò che avviene sul palco. Prediligo un approccio non invasivo perché per me la batteria è sempre strumento d'accompagnamento: non voglio interferire con il solista o dirigerlo, solo incoraggiarlo a suonare al massimo. Come solista, poiché la batteria non consente di variare l'altezza del suono o creare armonie, uso altri modi per rendere l'assolo più intellegibile e piacevole per il pubblico. Ad esempio, adopero la fine di una idea ritmica come inizio della successiva. Oppure, se un motivo ha un particolare ritmo, suono la melodia: senza un pitch definito posso solo darne un'approssimazione, ma se l'ascoltatore segue il pezzo internamente, come credo facciano molti ascoltando un assolo, allora riuscirà a cogliere l'idea. Non so se siano innovazioni, ma altri batteristi usano metodi diversi.

Come andò la storia del suo avvicendamento con Elvin Jones in "A Night at Village Vanguard" di Rollins?
Questo può saperlo solo Sonny. Ad ogni modo non ci fu un vero e proprio avvicendamento. Quello al Vanguard fu il mio primissimo lavoro con un artista di vaglia, avevo solo 19 anni. Feci l'intero ingaggio da martedì a sabato, giorno d'inizio dell'incisione. Come prestabilito, Elvin suonò e registrò tutta la domenica, che includeva pure una matinée. Ho sempre ritenuto che Sonny volesse i batteristi più esperti, quindi le domande cruciali sono: perché registrò sabato e come mai non iniziò subito Elvin? Personalmente non ne ho la più pallida idea. Io ero nuovo e avrei accettato qualunque cosa. La mia prima volta su un disco: è un bel ricordo e sono lieto d'esservi stato incluso.

Fra le incisioni che la legano a Paul Bley figura "Floater", con Steve Swallow: che contributo ritiene di aver dato a quella musica e al trio?
Mi premeva, come sempre, mantenere il mio stile di swing. Inoltre, desideravo semplicemente suonare con empatia, specie con Paul, dato che era un suo album. Può darsi che, avendo iniziato con la musica sinfonica, io sia recettivo verso certe idee e sollecitazioni musicali più ai margini del jazz tradizionale. Almeno mi piace pensarlo. Un complimento che mi ha fatto piacere ricevere è venuto da Wynton Kelly, che mi disse che avevo "buone orecchie": risorsa importante per un accompagnatore il cui obiettivo primo è essere sensibile e reattivo a quanto viene suonato. Forse è stata questa reattività il mio contributo a "Floater".

Il suo primo disco da titolare è "Basra" (Joe Henderson, Steve Kuhn, Steve Swallow), stesso nome di una città irachena: come mai?
Quel titolo suonava misterioso, evocativo, romantico: avrebbe potuto essere "Desert Sands". A causa dell'attuale conflitto fra Stati Uniti e Medio Oriente, ho chiesto alla Blue Note che per la ristampa nella serie RVG – Rudy Van Gelder il titolo fosse cambiato in "Lazy Afternoon, formerly Basra". Ho un cugino in marina e preferirei glissare. La Blue Note ha deciso di non pubblicare l'edizione RVG negli USA, distribuendola però in Europa: ovvio che su Internet resti pur sempre un'uscita mondiale, il che vanifica la mia richiesta.

Il brano Basra ha una struttura mono-accordale: è da considerare una composizione "modale", o piuttosto anticipa il suo interesse per le sonorità orientali?
Certo il jazz modale era comune già prima di Basra. Il mio interesse per la musica indiana ed orientale, seppur comprensibile, viene esagerato. "Basra" fu il primo album, il secondo si intitolava "Turkish Women at the Bath": sarebbe illogico non fare deduzioni. Però, di fatto "Turkish Women" non fu una mia scelta: Alan Douglas della Douglas Records mi diede una stampa del dipinto di Ingres con quel nome e mi chiese se volessi fare un album jazz basato su quello. Da cinque anni per vivere facevo il tassista, quindi risposi di sì: con questo non intendo affatto svilire quel mio lavoro o l'offerta di Alan. Così basai ogni brano dell'album su un tema tratto da sei-sette lavori di artisti mediorientali — tranne And So..., un riepilogo dei precedenti. Dilagava la tendenza a prendere elementi del jazz (armonia, gergo, ecc.,) ed inserirli in altre musiche, chiamando il risultato jazz di un qualche tipo. A me interessava trovare materiale originale di altra musica da portare nel jazz e trattare con swing. Ad esempio in "Swing Time" (Blue Note), il mio disco più recente — forse messo anzitempo fuori produzione — i brani "etnici" sono Drum Town, con temi africani, e Nihon Bashi, con sonorità giapponesi; inoltre non ho mai inciso Baía, brasiliano, e Bolero, una composizione originale in stile latino. Non avendo sufficienti opportunità di lavoro per illustrarlo compiutamente, tale interesse è stato male inteso e focalizzato sulla sola musica orientale, che mi piace e rispetto tantissimo, ma non preclude l'interesse per altro.

Perché inserì Malagueña?
Miles aveva inciso "Sketches of Spain", Coltrane aveva almeno un brano di derivazione spagnola: ne ascoltai uno associato alla corrida, ma non ricordo il titolo. Dati i musicisti coinvolti — specie Henderson, partner di molte delle mie esperienze musicali più belle, sia da leader che da sidemanMalagueña parve una buona scelta.

Quale è la relazione fra jazz e musica indiana?
Non penso debba esserci, se non per l'immancabile scambio fra dialetti artistici. Come nella musica sinfonica, le cui tecniche non potrebbero essere trasposte in swing. Eppure, il jazz è dato da aspetti di musica africana combinati ad elementi di quella europea, dunque è lecito uno scambio reciproco. La musica indiana ha invece origini differenti. La delicata complessità della tabla, il modo in cui spesso si intreccia al contesto melodico non si combinano al ritmo, anche il più lieve, del jazz. Sul piano armonico, la musica indiana può essere considerata modale, ma i jazzisti preferiscono le progressioni armoniche, usando i modi per lo più come diversivo. Quanto alla melodia, ritengo che, accanto alla tradizione, grande peso abbia la parola, testi inclusi. Molta musica indiana non ha poi una melodia considerabile tale all'orecchio di un jazzofilo. Si tratta di punti di potenziale incompatibilità, non di giudizi di merito. L'attitudine ad esplorare fonti non jazzistiche da rendere in swing mi ha portato a scrivere un brano raga, utile per variare un normale set: purtroppo non riesco a suonare tanto da avere una scaletta di routine cui possa servire tale variazione!

Fra i rinomati bassisti con cui ha suonato, da La Faro a Swallow, con chi si è trovato più sintonia?
Come accompagnatore non do giudizi né ho preferenze: il mio lavoro è sempre assecondare ciò che gli altri stanno suonando, bassista incluso. Detto ciò, con ogni bassista la relazione è unica, speciale. Probabilmente la più memorabile è quella con Swallow, perché, oltre agli ingaggi con Bley, Steve Kuhn, George Russell ecc., abbiamo suonato assieme per due magnifici anni con Art Farmer, ed altrettanti con Marian McPartland. Stavamo crescendo come musicisti, in giro con quei gruppi dividevamo camera e potevamo parlare di musica, di ciò che cercavamo di fare. Avere tale rapporto, essere così abituato al suo modo di suonare ha reso facile concentrarmi per sviluppare il mio. Simile ma più breve è stata l'esperienza con Albert Stinson, con il quale ho suonato per la McPartland e per Charles Lloyd. Particolare l'intesa con Gene Cirico, che era un batterista prima che un infortunio gli facesse imbracciare il basso: grazie alla sua conoscenza della batteria capiva subito ciò che stavo per fare. Come Chick Corea, pure lui batterista prima di darsi al piano. Quanto a La Faro, stava estendendo il vocabolario bassistico in direzioni mai battute prima. Pensavo di star facendo lo stesso con la batteria. Era impressionante quanto le nostre innovazioni si amalgamassero facilmente e bene. Wilbur Ware è stato forse il bassista più completo che ho avuto l'onore di accompagnare. Più di chiunque altro aggiungeva alla musica un che di inatteso preso dal grande archivio della storia del jazz. Per qualche motivo era ed è molto sottovalutato. Milt Hinton era il Grand Old Man, il grande vecchio: almeno una generazione prima della mia, non si poteva non averne soggezione. Rispetto a lui, Workman è il Grand Young Man, il grande giovane: incarna una tensione ben più antica della sua età, da restarne basiti. Grimes era sempre un po' nebuloso, eterno work in progress; ma è la mia opinione, a chiedere a lui risponderebbe che è proprio dove vuole stare, e non voglio contrariarlo. Con Chambers e con Carter non ho suonato abbastanza da farmene un'idea fondata, ma sono un loro fan.

In cosa è cambiato oggi il modo di suonare la batteria?
Penso nella prevalenza del backbeat, l'accento su 2° e 4°movimento di una misura di 4/4. Deriva dal battimani usato dagli schiavi americani ai quali per un periodo fu proibito suonare i tamburi: un modo naturale di tenere il tempo, cui pressoché chiunque con un battito cardiaco saprà rispondere. Di conseguenza, il backbeat è parte integrante del gospel afroamericano e del R&B. "Bill Haley & his Comets" fecero storia adottando vari elementi della black music, backbeat incluso. Elvis lo rese più popolare, poi i Beatles lo portarono a livello di lingua franca [sic!] internazionale. Oggi domina tutta la musica popolare, perfino il country & western, in origine basato sul downbeat come gran parte del folk. Per imparare gli intricati ritmi creati da più drummers, di solito ascolto musica africana: a sentire ciò che arriva dall'Africa, oggi pure lì fanno backbeat, per essere au courant. Vergognoso!

Ed il jazz è così diverso da quello degli anni '50-'60?
È la fusion a fare la differenza, e visto il suo successo, e quello analogo del R&B, tanti grandi jazzisti vi hanno fatto ricorso: ed anche la fusion si basa sul backbeat!

Applica gli esercizi yoga alla sua tecnica drumming?
Ho studiato yoga, Buddismo, misticismo, ecc., e ritengo abbiano influenzato il mio approccio alla vita, ma non credo possano applicarsi alla tecnica. Forse con una sola eccezione: non potendo pensare così velocemente come suono, suono soltanto, senza pensare!

A suo avviso, un batterista che non possieda l'indipendenza degli arti è limitato?
Probabilmente sì, se parliamo di batteristi jazz. Immagino che l'indipendenza di braccia e gambe possa non importare a molti batteristi rock, più interessati al coordinamento. Dico "probabilmente" perché i batteristi jazz possono essere efficaci anche senza indipendenza. Non è infatti indispensabile, è piuttosto come un ombrello: meglio possederne uno e non averne bisogno che averne bisogno e non possederlo.

In questi anni ha fatto l'assistente in uno studio legale, e adesso torna a suonare: cosa le ha fatto cambiare idea?
In realtà sono in pensione per problemi di salute, che per fortuna non mi impediscono di suonare. Non parlerei di "cambiare idea". Ho guidato un taxi per cinque anni prima di tentare d'essere ammesso a legge: il "cambiamento di idea" fu non pensare che quel taxi fosse il capolinea. Altrimenti, avrei fatto meglio già a rassegnarmi al backbeat: del resto non è che non sappia suonarlo! Ma trattandosi di salute non è questione di "cambiare idea", bensì di accettare la realtà. Sono felice di avere la musica cui tornare.

È una decisione definitiva sulla quale il mondo del jazz può contare?
È più uno stato definitivo, non una decisione. E sono io più preoccupato di poter contare sul mondo del jazz!






Articoli correlati:
04/11/2017

Al via la terza edizione di Giordano in Jazz: Chick Corea Inaugura lunedì 6 novembre poi Carla Bley, Dave Douglas, Steve Swallow, Matthew Withaker e molti altri

28/10/2017

Intervista a Monica Mazzitelli - "The Coltrane Code": "Il jazz è il mio grande amore, e anche se attualmente ascolto solo nuovo jazz europeo ho voluto nel mio piccolissimo omaggiare Coltrane, che resta per me uno dei più grandi di tutti i tempi." (Marco Losavio)

09/08/2017

Joe Lovano Plays John Coltrane: A Palermo il sassofonista americano, accompagnato dal trio di Salvatore Bonafede, eseguirà alcune delle composizioni più memorabili di Coltrane. Lo spettacolo sarà introdotto dal regista Franco Maresco.

26/12/2016

Tracce sfumate - Non imito Django Reinhardt (Roberto G. Colombo)- Marco Losavio

19/09/2015

Corinaldo Jazz 2015: "...scelte di alto livello artistico, pur non possedendo i crismi di spettacolarità." (Viviana Falcioni)

13/07/2015

Singular Curves (Swallow - Talmor - Nussbaum)- Niccolò Lucarelli

12/06/2015

LEZIONI (chitarra): Analisi del brano "Doxy" di Sonny Rollins (Donatello Polidoro)

26/04/2015

Il giro d'Italia a bordo di un disco - Giovanni Mazzarino e Valentina Gramazio, Jazzy Records: "Bisogna lottare per non scendere a compromessi e fare capire che la qualità e la professionalità hanno delle regole e che infrangerle fa male a tutti." (Alceste Ayroldi)

08/03/2015

Intervista con Rosario Di Rosa: "...consiglio di studiare a fondo la tradizione e il linguaggio di questa musica senza dimenticare mai di lasciare una porta aperta alla creatività e alla curiosità." (Gianmichele Taormina)

14/12/2014

The Swallow Quintet: "Il groove vintage e swingante del quintetto di Steve Swallow ha deliziato la platea patavina con un concerto che riprende in buona parte l'ultimo disco registrato per la ECM..." (Gabriele Prevato)

15/02/2014

Hagar's Song (Charles Lloyd - Jason Moran)- Marco Losavio

21/12/2013

Quattro chiacchiere con...Lara Iacovini: "Ci vuole coraggio per osare, ma se nessuno lo facesse...beh, sappiamo bene cosa accadrebbe." (Alceste Ayroldi)

11/12/2013

Jim Hall (1930 - 2013): "Listening is still the key" - Jim Hall

20/10/2013

Quattro chiacchiere con...Attilio Berni: Una collezione di sax unica al mondo: ogni strumento vintage è "vittima" della propria evoluzione ed è plasmato dall'alito vitale insufflato al suo interno da chi lo ha posseduto. (Alceste Ayroldi)

29/09/2013

Steve Swallow Quintet : Gruppo rodato e swingante, merito dell'accoppiata Rossy-Swallow, da Carla Bley provengono gli stimoli e gli spunti originali e d'interesse, Swallow si conferma meraviglioso bassista. (Andrea Gaggero)

14/07/2013

Il jazzista suona la sua vita: "...una bella storia è irresistibile e, con un po' di fortuna, sempre più persone vorranno ascoltarla." (Filippo Bianchi)

26/08/2012

Umbria Jazz 2012 #2: Pat Metheny, Sonny Rollins, Wayne Shorter, Ambrose Akinmusire, Lydian Sound Orchestra, Ryan Truesdell Eastman Jazz Orchestra, Kenny Barron, Mulgrew Miller, Eric Reed & Benny Green, Sting...(Daniela Floris)

30/01/2012

LEZIONI (chitarra): Central Park West (J. Coltrane): voicings for comp (Francesco Bonfanti)

26/12/2011

Una speciale guida di New York City seguendo la carriera di Sonny Rollins: da un articolo del New York Post, Sonny "Colossus" Rollins delinea un percorso di mete nella Grande Mela che rappresentano punti salienti della sua carriera e, di conseguenza, della Storia del Jazz.

18/08/2011

Gent Jazz Festival - X edizione: Dieci candeline per il Gent Jazz Festival, la rassegna jazzistica che si tiene nel ridente borgo medievale a meno di 60Km da Bruxelles, in Belgio, nella sede rinnovata del Bijloke Music Centre. Michel Portal, Sonny Rollins, Al Foster, Dave Holland, Al Di Meola, B.B. King, Terence Blanchard, Chick Corea...Questa decima edizione conferma il Gent Jazz come festival che, pur muovendosi nel contesto del jazz americano ed internazionale, riesce a coglierne le molteplici sfaccettature, proponendo i migliori nomi presenti sulla scena. (Antonio Terzo)

24/07/2011

Mario Laginha e Convidados a Jazz no parque: "...promosso dalla Fondazione Serralves nella sua splendida area verde a poca distanza dalle scoscese stradine del centro storico di Oporto, Jazz no Parque è uno dei più longevi festival jazz portoghesi, celebrando quest'anno la sua ventesima edizione. Ha presentato quattro concerti di livello assoluto: il quartetto di Charles Lloyd, Bigmouth di Chris Lightcap, un inedito incontro tra le tre trombe di Dave Douglas, Avishai Cohen ed Enrico Rava, e il trio con Mario Laginha, Julian Arguelles e Helge Norbakken." (Francesco Martinelli)

29/01/2011

Carla Bley - Carla's Christmas Carols featuring Steve Swallow & The Partyka Brass Quintet, a Linguaggi Jazz: "Uscire da un concerto sentendosi più buoni! Questa si prova dopo essere stati esposti per una ora e mezza alle carole natalizie che Carla Bley ha ripescato dalla tradizione e contaminato a materiale laico, come il celebre Astro del ciel che incontra Cole Porter e diventa Silent Night And Day." (Franco Bergoglio)

06/01/2011

Mirror (Charles Lloyd Quartet) - Alceste Ayroldi

19/12/2010

13ma edizione del Padova Jazz Festival: La musica e le immagini del Dave Douglas & Keystone, i New Quartet di Gary Burton - con Antonio Sanchez, Scott Colley e il giovane sorprendente talento Julian Lage - e del veterano Charles Lloyd con i solidissimi Jason Moran, Eric Harland e Reuben Rogers. Tre concerti di alto livello e molto apprezzati da un pubblico spesso in visibilio dinanzi alle performance di questi maestri.

27/11/2010

Joachim Kuhn "Out of the Desert" e John Scofield trio a Jazz&Wine of Peace 2010 di Cormons: bravura, voglia di suonare, carisma sono gli ingredienti adatti per inserirli nel ricordo dei concerti belli del 2010... (Giovanni Greto)

22/08/2010

L'alta qualità del trio Swallow - Talmor - Nussbaum, l'infaticabile Charles Lloyd col suo New Quartet, l'attesissimo duo Chick Corea - Stefano Bollani, l'Aznavour visto dal soprano Cristina Zavalloni e il country rarefatto del Bill Frisell trio al Verona Jazz 2010 (Giovanni Greto)

09/07/2010

In diretta da Umbria Jazz 2010. (Marcello Migliosi)

26/04/2010

Live At Music City 1955 & More (Clifford Brown) - Alceste Ayroldi

25/03/2010

Hal McKusick si racconta. Il jazz degli anni '40-'50 visti da un protagonista forse non così noto, ma presente e determinante come pochi. "Pochi altosassofonisti viventi hanno vissuto e suonato tanto jazz quanto Hal Mckusick. Il suo primo impiego retribuito risale al 1939 all'età di 15 anni. Poi, a partire dal 1943, ha suonato in diverse tra le più interessanti orchestre dell'epoca: Les Brown, Woody Herman, Boyd Reaburn, Claude Thornill e Elliot Lawrence. Ha suonato praticamente con tutti i grandi jazzisti tra i quali Art Farmer, Al Cohn, Bill Evans, Eddie Costa, Paul Chambers, Connie Kay, Barry Galbraith e John Coltrane." (Marc Myers)

06/12/2009

LEZIONI (chitarra): Joe Diorio book – Giant Steps – solo n°12 pag. 20 (Francesco Bonfanti)

29/11/2009

Pharoah Sanders Live al Ronnie Scotts di Londra: "Il concerto di Sanders e' una delle lezioni di jazz piu' pure ed impressionanti..." (Florindo Grillo)

28/11/2009

Venezia Jazz Festival 2009: Ben Allison Quartet, Fabrizio Sotti trio, Giovanni Guidi Quartet, Wynton Marsalis e Jazz at Lincoln Center Orchestra, Richard Galliano All Star Band, Charles Lloyd Quartet, GNU Quartet, Trio Madeira Brasil, Paolo Conte e l'Orchestra Sinfonica di Venezia, diretta da Bruno Fontaine, Musica senza solfiti del Sigurt�-Casagrande Duo...(Giovanni Greto)

14/11/2009

Sonny Rollins all'Auditorium di Roma: "...annuncia i propri ingressi con un senso della struttura formalmente perfetto, vigoroso, smarrito nel calore e nell'immediatezza dell'istante, in un pathos che non conosce né fraseggi declamatori né saccenti passi virtuosistici, ma solo passione e senso del divertissement." (Fabrizio Ciccarelli)

09/11/2009

Playing in traffic (Swallow/Talmor/Nussbaum) - Laura Mancini

07/09/2009

LEZIONI (chitarra): Giant Steps - Head. (Il tema). (Francesco Bonfanti)

07/09/2009

LEZIONI (chitarra): Giant Steps - Walkin' lines comp. (Francesco Bonfanti)

09/11/2008

About Time (Paul Bley)

19/10/2008

Kind Of Blue (50th Anniversary De Luxe Edition) (Miles Davis)

19/10/2008

Manuale Creativo di Chitarra Jazz (Alberto Tebaldi)

21/09/2008

LEZIONI (chitarra): Giant Steps, chord melody (Francesco Bonfanti)

21/09/2008

LEZIONI (chitarra): Giant Steps, basic comp (Francesco Bonfanti)

18/08/2008

McCoy Tyner - Joe Lovano Quartet all'Auditorium Parco della Musica di Roma: "Il maestro ha prosciugato il suo stile, sottraendo quanto di superfluo e ridondante potesse apparire negli anni giovanili, arrivando ad una forma espressiva in cui la sensazione di "potenza" è comunque presente, non declamata, ma sottintesa, accennata, stemperata in una sensibilità lirica affinata nel tempo." (Roberto Biasco)

21/07/2008

Speciale da Umbria Jazz 2008: «Continuità, stabilizzazione della struttura, mantenimento dei rapporti internazionali», sono questi gli imperativi su cui Regione dell'Umbria, Comune di Perugia e Umbria Jazz si impegneranno, sin dalla prossima edizione, per assicurare al Festival il giusto e sicuro futuro. (a cura di Marcello Migliosi)

04/05/2008

Da "A Love Supreme", John Coltrane, "Resolution": "Una lezione di teologia, "Resolution", un documento straordinario che ci parla in maniera inconsueta di fede. Una fede così avulsa dalla vita comune nella sua concezione occidentale, così lontana dalla quotidianità e così diffidente delle emozioni, nemica del sangue e del sudore, di un corpo che fa parte dell'uomo tanto quanto lo spirito. " (Augusto Pallocca)

23/02/2008

Una vita in quattro quarti (Giuseppe Barazzetta)

10/02/2008

LEZIONI (chitarra): Moment's Notice di John Coltrane (Alberto Tebaldi)

07/01/2008

Intervista al giovane chitarrista Simone Gubbiotti: "In Italia credo ci sia scarsa disponibilità alla progettualità, specialmente di idee nuove e originali ed è davvero complesso entrare in contatto con le persone, molto spesso con gli stessi musicisti...Negli Stati Uniti la novità è sempre accettata ben volentieri, c'è scambio di idee..." (Eva Simontacchi)

01/11/2007

LEZIONI (piano): Pentatoniche e accordi per quarta (Claudio Angeleri)

22/10/2007

The House That Trane Built (Ashley Kahn)

14/10/2007

Clusone Jazz 2007: "Clusone divenuta famosa grazie anche all'idea di Bennink, Moore e Reijseger, che diversi anni or sono decisero di dare al loro trio il nome di quel luogo magico in cui si era costituito, ma oggi vanta una fama internazionale per meriti propri: per il clima (tra artisti e organizzatori) e per la qualità della musica offerta, tanto, che gli organizzatori hanno deciso di esportare il loro sapere e conoscere altrove..." (Luca Vitali)

15/08/2007

LEZIONI (chitarra): Applicazione dell'enneagramma a Giant Steps. (Alberto Tebaldi)

16/07/2007

Carla Bley "The Lost Chords" incontra Paolo Fresu: "...speriamo che l'insistenza con cui il pubblico ha richiesto inutilmente un ennesimo bis sia servita almeno a convincere la Bley e Fresu a non fare di questa collaborazione soltanto un episodio, seppur straordinario." (Dario Gentili)

30/06/2007

Guinga - Mirabassi Duo e Carla Bley & The Lost Chords find Paolo Fresu aprono la XII^ edizione di delle "New Conversations" di Vicenza Jazz 2007. (Giovanni Greto)

27/05/2007

Gillespie, Blakey, Baker, Petrucciani, Rollins...le jazz pictures di Paolo Ferraresi

27/05/2007

Nuova gallery di grandi artisti curata da Dario Villa

18/03/2007

Nuova gallery di quadri curata da Henk Mommaas

31/08/2006

Changing Trane - The music of John Coltrane (Scrignoli - Martino - Laviano )

18/06/2006

Sonny Rollins all'Auditorium Parco della Musica: "Sonny Rollins è forse uno di quei pochi che non hanno più rimpianti né speranze e per questo può ancora cantare la gioia." (Daniele Mastrangelo)

04/03/2006

Musica e politica, oggi?! A colloquio con l'etnomusicologo e sassofonista Jerome Camal, assistente alla Washington University di Saint Louis (Franco Bergoglio)

28/01/2006

Ira Gitler intervista Sonny Rollins durante l'Annual Conference della IAJE: "Sin da giovane ho creduto ad una forza naturale che ci guida, ho uno spirito religioso, faccio yoga, ciò mi ha aiutato a vivere e a non farmi sopraffare dal materialismo..." (Patrizia Scascitelli)

16/12/2005

Nuova gallery con i quadri di Manlio Noto

16/10/2005

At Carnegie Hall - 1957 (Thelonious Monk Quartet with John Coltrane )

09/10/2005

Due grandi per Jazz a Juan 2005, Keith Jarrett: "...fluidità, miriadi di delicatissimi accenti ricercati nel più profondo della propria anima, fraseggi vertiginosi che accompagnano e si incanalano verso armonie vibranti..." e Sonny Rollins: "...Magiche sonorità, piene, potenti, tutte di un fiato...esecuzioni magnifiche all'altezza del personaggio, protagonista indiscusso del jazz moderno..." (P. & B. Gianquintieri)

14/07/2005

LEZIONI (Trascrizioni): Giant Steps, il primo storico chorus del solo di John Coltrane. (Francesco Bonfanti)

12/06/2005

New Old Age (J. Taylor - S. Swallow - G. Mirabassi)

26/05/2005

Charles Lloyd, Zarik Hussain ed Eric Harland in un omaggio a Billy Higgins: "...per intensità musicale ed emotiva, si è trattato di un concerto straordinario..." (Dario Gentili)

14/05/2005

Charles Lloyd Quartet a Etnafest 2005: "...Lloyd riesce senza dubbio a conglobare meravigliosamente le varie forme stilistiche fin'oggi concepite, riconducibili a questo favoloso grande dizionario che è la musica di matrice afro-americana..." (Antonio Terzo)

12/03/2005

ARTICOLI (profili): John Coltrane: "...Nato il 23 Settembre del 1926, muove i primi passi da professionista in numerose formazioni di R&B. Solo ventitreenne, viene ingaggiato nell'orchestra di Dizzy Gillespie nella quale ha la possibilità di accostarsi allo stile del Be bop..." (Marco De Masi)

20/02/2005

Carla Bley, al teatro Curci di Barletta. Un viaggio breve ma intenso, attraverso l'anima musicale americana, arricchito da tinteggiature storiche ed interpretazioni atipiche. (Alceste Ayroldi)

11/09/2004

The Lost Chords (Carla Bley)

01/08/2004

Charles Lloyd al Blue Note: "...con i fraseggi del suo sax, Charles Lloyd, e la sua eccellente sezione ritmica riescono a dare delle pennellate luminose alla loro tela, creando zone di luce e ombra proprio come farebbe un Maestro sulla sua tela..." (Eva Simontacchi)

20/06/2004

Paul Bley a Milano: "Ogni brano, preceduto da note semplici e lineari, si sviluppa poi in armonie inaspettate, inconsuete e molto delicate, ma di grande carattere, a dimostrazione della continua sperimentazione dell'artista..." (Rosalba Gerli)

10/10/2003

Coltrane - Ballads (John Coltrane)

01/12/2002

LEZIONI (Analisi): Psalm, ultimo atto di A Love Supreme di Coltrane. (Andrea Pellegrini)

07/10/2002

LEZIONI (Analisi): Pursuance, terzo brano del capolavoro A Love Supreme di Coltrane. (Andrea Pellegrini)

13/08/2002

LEZIONI (Analisi): Resolution, secondo brano del capolavoro A Love Supreme di Coltrane.(Andrea Pellegrini)

18/05/2002

LEZIONI (analisi): Avviata una sezione di analisi su A Love Supreme indiscusso capolavoro del grande John Coltrane. Il primo articolo è dedicato ad Acknowledgement. (Andrea Pellegrini)





Video:
Sonny Rollins Digs Groucho Marx
A conversation with Theodore Walter Rollins, aka Sonny, from December 23, 2010. http://www.sonnyrollins.com...
inserito il 26/12/2010  da JazzVideoGuy - visualizzazioni: 3712
DARY -GRASSO Quintet "Sunday"
Nicolas DARY:tenor saxLuigi GRASSO:alto saxPasquale GRASSO: guitarMathias ALLAMANE:bassPhilippe SOIRAT:drumsLive Caveau de la Huchette 21/02/2010...
inserito il 16/03/2010  da JazzVideoGuy - visualizzazioni: 2856
Paul Bley, Gary Peacock, Paul Motian - Don't You Know - 1999
Manfred Eicher? ( founder of ECM ) is an investigator of the conteporary music the last forty years and many famous artists today ought to him their r...
inserito il 23/02/2010  da artmaniac53 - visualizzazioni: 2658
Michel Petrucciani Documentary Film - PART 1
...
inserito il 06/02/2010  da davdev89 - visualizzazioni: 3662
Michel Petrucciani Documentary Film - PART 2
...
inserito il 06/02/2010  da davdev89 - visualizzazioni: 3006
Michel Petrucciani Documentary Film - PART 3
...
inserito il 06/02/2010  da davdev89 - visualizzazioni: 2863
Michel Petrucciani Documentary Film - PART 4
...
inserito il 06/02/2010  da davdev89 - visualizzazioni: 2851
Lester Young Centennial Celebration
This collection celebrates the mature Lester Young of the 1950s, a reminder of a time when he would blow into town for a week performing with a local ...
inserito il 03/10/2009  da JazzVideoGuy - visualizzazioni: 3014
CHARLES LLOYD NEW QUARTET
concert & talk...
inserito il 24/04/2009  da whitelight3 - visualizzazioni: 1905
Straight no chaser (Bireli Lagrene - Elvin Jones - joey DeFrancesco)
tema de Thelonious Monk...
inserito il 04/01/2009  da alejandrojazzmetal - visualizzazioni: 2514
Carla Bley and Steve Swallow - Lawns
... beyond beauty ... such love between those two ... you can hear it ......
inserito il 29/12/2008  da thereisnoproblem - visualizzazioni: 2926
Keith Jarret Charles Lloyd Quartet - Love ship (Jazz casual)
Keith Jarret Charles Lloyd Quartet - Love ship (Jazz casual)...
inserito il 02/11/2008  da fungito - visualizzazioni: 2340
Sonny Rollins in Vienne
http://www.jazzvideoguy.tv presents a preview of the first DVD by the saxophone colossus, Sonny Rollins., , To buy this DVD:, http://www.amazon.com/gp...
inserito il 23/10/2008  da JazzVideoGuy - visualizzazioni: 2842
Charles Lloyd & Jason Moran @ Garana Jazz Festival 2008
Charles Lloyd & Jason Moran @ Garana Jazz Festival 2008...
inserito il 08/08/2008  da GabrielMihalache - visualizzazioni: 2098
Charles Lloyd & Jason Moran @ Garana Jazz Festival 2008
Charles Lloyd & Jason Moran @ Garana Jazz Festival 2008...
inserito il 08/08/2008  da GabrielMihalache - visualizzazioni: 2378
Charles Lloyd - Tone Poem
Charles Lloyd - Tone Poem - with Charles Lloyd (tenor sax), Michel Petrucciani (piano), Cecil McBee (bass), Jack DeJohnette (drums)....
inserito il 11/05/2008  da footcheck - visualizzazioni: 2789
Elvin Jones Trio - Night in Tunisia
Elvin Jones - drums Bireli Lagrene - Guitar Joey Defrancesco - Hammond organ Marciac Sweet 1999....
inserito il 02/05/2008  da ALEXEY0678 - visualizzazioni: 2952
Giant Steps
James Moody with the RIAS Big Band playing John Coltrane's 'Giant Steps.'...
inserito il 09/01/2008  da ncodrington - visualizzazioni: 3113
John Coltrane - Dear Lord
Does it get any better?...
inserito il 17/12/2007  da gcalixto - visualizzazioni: 2335
charles lloyd 4 tet eric harland geri allen bob hurst 1A
lugano...
inserito il 01/10/2007  da dliberg - visualizzazioni: 2185
Elvin Jones- Big Solo
elvin jones solo...
inserito il 25/09/2007  da benenunes - visualizzazioni: 2240
What Makes Sonny Rollins Happy?
Playing the tenor saxophone. For all things Sonny, www.sonnyrollins.com...
inserito il 14/09/2007  da JazzVideoGuy - visualizzazioni: 2058
GARY PEACOCK, PAUL BLEY, PAUL MOTIAN take1
GARY PEACOCK, PAUL BLEY, PAUL MOTIAN...
inserito il 12/09/2007  da hkhakase - visualizzazioni: 2206
GARY PEACOCK, PAUL BLEY, PAUL MOTIAN take2
GARY PEACOCK, PAUL BLEY, PAUL MOTIAN...
inserito il 12/09/2007  da hkhakase - visualizzazioni: 1963
In a sentimental mood - Elvin Jones Quintet
Sonny Fortune (Ts), Ravi Coltrane (Ss) at BLUE NOTE TOKYO in 1992...
inserito il 28/08/2007  da imesan - visualizzazioni: 2179
John Coltrane - I Want To Talk About You - 1962
1962 in Stockholm, filmed by an audience member. , , John Coltrane - Tenor Sax, McCoy Tyner - Piano, Jimmy Garrison - Bass, Elvin Jones - Drums...
inserito il 29/05/2007  da Astrotype - visualizzazioni: 2327
charles lloyd 4tet dejohnette jarrett mc bee
in belgium...
inserito il 28/05/2007  da dliberg - visualizzazioni: 2071
John Coltrane - My Favorite Things - 1961
1961 in Baden-Baden Germany, , John Coltrane - soprano sax, tenor sax, Eric Dolphy - flute, alto sax, McCoy Tyner - piano, Reggie Workman - bass, Elvi...
inserito il 26/05/2007  da Astrotype - visualizzazioni: 2540
Charles Lloyd and Billy Higgins
an excerpt from HOME about the making of the recording " Which Way Is East"...
inserito il 11/02/2007  da whitelight3 - visualizzazioni: 2056
Sonny Rollins and Jim Hall (part 3)
Sonny Rollins and Jim Hall www.nuralema.splinder.com...
inserito il 29/01/2007  da sahishin - visualizzazioni: 2531
Sonny Rollins and Jim Hall (part 1)
http://nuralema.splinder.com Sonny Rollins Tenor Jim Hall guitar Bob Cranshaw bass Ben Riley deums...
inserito il 29/01/2007  da sahishin - visualizzazioni: 2745
Michael Brecker 1996 Interview - Practicing
Michael Brecker was interviewed by Bret Primack in 1996 about his then new release, Tales from the Hudson....
inserito il 27/01/2007  da JazzVideoGuy - visualizzazioni: 2765
Stan Getz and John Coltrane
Stan Getz & John Coltrane live in Dusseldorf, Germany Oscar Peterson Paul Chambers Jimmy Cobb...
inserito il 24/01/2007  da avelaz3 - visualizzazioni: 1906
Sonny Rollins - Tenor Madness
Solo transcription for Tenor Madness and other great Rollins solos: http://www.sonnyrollins.com , , This performance from the Antibes Jazz Festival, 2...
inserito il 30/12/2006  da JazzVideoGuy - visualizzazioni: 2514
Charles Lloyd - Sangam: Part 1
multi-reedist, percussionist, and pianist Charles Lloyd, Zakir Hussain (tablas/sufi vocals) and Eric Harland (drums/percussion/piano) form Sangam - a ...
inserito il 11/10/2006  da uvawitz - visualizzazioni: 2308
Dave Liebman Plays with Elvin Jones
Soprano Sax Master David Liebman served an apprenticeship with Percussion legend Elvin Jones...
inserito il 10/10/2006  da JazzVideoGuy - visualizzazioni: 2455
GIANT STEPS / Gonzalo Rubalcaba
Gonzalo Rubalcaba Reynald Melian...
inserito il 14/09/2006  da piarumpet - visualizzazioni: 2345
Freddie Hubbard - Resolution
This is from the same video as the Blues Minor clip - in Messina, Sicily, 1987 with Elvin Jones, McCoy Tyner, Reggie Workman and Sonny Fortune. Freddi...
inserito il 11/09/2006  da eatsleeptrumpet - visualizzazioni: 2527
John Coltrane w/ Wynton Kelly Trio VERY RARE
John Coltrane, Wynton Kelly, Paul Chambers, Jimmy Cobb-- RARE!...
inserito il 21/07/2006  da jazzclassic - visualizzazioni: 3003
John Coltrane :: Alabama :: Jazz Casual
The John Coltrane Quartet (John Coltrane, McCoy Tyner, Jimmy Garrison, Elvin Jones) en 1963, el el programa de televisión Jazz Casual, interpreta...
inserito il 23/04/2006  da interplanetarymusic - visualizzazioni: 2231


Inserisci un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


Questa pagina è stata visitata 1.831 volte
Data pubblicazione: 02/12/2012

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti