Jazzitalia - Articoli: Face to Face with Soundreef
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�


Face to Face with Soundreef

ottobre 2014
di Nina Molica Franco

Davide D'Atri, uno dei fondatori di Soundreef, al 28 Divino per il primo live a Roma con licenza Soundreef anziché Siae.

Cos'è Soundreef?
Soundreef è un'azienda inglese, che ho fondato nel 2011 con Francesco Danieli, attuale amministratore delegato. Soundreef rappresenta un'alternativa alle varie Siae europee e del mondo e nasce con l'obiettivo di portare efficienza e trasparenza all'interno del mondo del diritto d'autore. Abbiamo iniziato con il servizio Soundreef in-store, ossia le licenze per le radio delle grandi catene, quella musica di sottofondo che sentiamo negli store. Nel maggio 2014 abbiamo lanciato anche Soundreef live per tutti quegli artisti che suonano brani propri in live in vari club, locali, ecc. Questi compilano un borderò online e l'organizzatore compra una licenza Soundreef piuttosto che Siae. Dopo solo sette giorni l'autore dei brani può visualizzare sul proprio account quanto ha guadagnato per un determinato live e riscuotere entro novanta giorni.

Come funziona Soundreef?

È molto semplice: se l'artista non è iscritto a Siae deve semplicemente andare sul nostro sito, http://www.soundreef.com/it/ scegliere il servizio che preferisce ed effettuare l'iscrizione, tramite apposito modulo, in modo assolutamente gratuito. Può scegliere tra Soundreef in-store – se vuole mandare la sua musica nelle grandi catene – o Soundreef Live, o entrambi i servizi. Il contratto è gratuito, non esclusivo e può essere rescisso in qualunque momento: basta inviare una mail e dopo 60 giorni non sussisterà alcun tipo di rapporto tra l'artista e Soundreef.

E nel caso in cui l'artista fosse già iscritto a Siae?
In questo caso, prima di effettuare l'iscrizione a Soundreef, deve limitare il mandato Siae tramite apposito modulo sul portale. In tal modo l'artista deciderà di affidare la gestione di alcuni diritti a Siae, altri a Soundreef. La Siae, ovviamente, detta alcune regole per effettuare la limitazione di mandato: la prima regola è che l'autore è obbligato a farlo su tutte le sue produzioni, passate, presenti e future. La seconda regola è che la limitazione va fatta secondo le categorie di diritto annoverate dalla Siae (online, radio e televisione, online, ecc.). Quindi, ad esempio chi vuole iscriversi a Soundreef Live, compilando il modulo sul portale Siae - ma è possibile trovare istruzioni anche sul nostro sito - può limitare il mandato alla Siae per quanto concerne i diritti live, che verranno gestiti da Soundreef, ma le altre tipologie saranno ancora gestite da Siae. La terza e ultima regola riguarda la tempistica, poiché la limitazione di mandato deve essere effettuata entro il 30 settembre di ogni hanno e ha validità a partire dal 1° gennaio dell'anno successivo.

Quindi, dopo la limitazione di mandato, lo stesso brano deve essere registrato alla Siae per la tutela di alcuni diritti e su Soundreef per altri?
Si, è uno spacchettamento dei diritti sullo stesso brano. É stato un grosso inganno far credere ad autori ed editori che una sola società potesse gestire al meglio molteplici diritti. Noi consigliamo di registrare i propri brani presso la collecting che meglio gestisce una determinata tipologia di diritti. Ad esempio, consigliamo di affidare a Soundreef la gestione dei diritti live e di rimanere con Siae per quanto concerne i diritti radio e televisione.

Come avviene il deposito di un brano su Soundreef?
É molto semplice. Si tratta di una procedura online e completamente gratuita. Accedendo al proprio account, molto semplicemente gli artisti possono registrare i titoli dei brani e la relativa proprietà.

E la parte musicale?
Per la parte musicale consigliamo la registrazione della propria opera presso una piattaforma italiana che si chiama Patamu; si tratta di un servizio gratuito che consente di depositare l'opera per averne una prova della paternità. Una volta depositata l'opera su Patamu, l'autore riceve un certificato e successivamente può registrarla su Soundreef per quando concerne la riscossione delle royalties. Questa è la procedura che consigliamo, ma l'autore può scegliere la società a cui rivolgersi.

Riassumendo, quali sono i benefici per l'artista che si iscrive a Soundreef?
Rendicontazione veloce, entro 7 giorni, pagamento veloce, al trimestre, e soprattutto massima trasparenza. Inoltre, ogni autore ha sempre accesso ad ogni tipo di informazione che riguarda i suoi brani, tramite il proprio account personale. Ad esempio, Stefano Carbonelli Trio vedrà che al 28 Divino in data 10 ottobre ha eseguito un certo numero di brani per i quali ha guadagnato una determinata somma. Gli artisti verranno pagati sempre in base a ciò che viene suonato: il nostro sistema è concepito per rendere qualsiasi utilizzazione di un brano completamente analitica, a differenza delle altre collecting che sfruttano criteri statistici per la divisione delle royalties. Inoltre, noi poniamo sempre al centro l'artista, dialoghiamo con lui, lo ascoltiamo per poter migliorare i nostri servizi.

E i benefici per organizzatori e catene?
Attualmente, in Italia, abbiamo più di 3000 punti vendita e grandi catene che comprano licenze Soundreef. Si tratta sostanzialmente di acquisto di musica indipendente e già questo, secondo noi, è un grande traguardo. D'altro canto, con le nostre licenze, la catena ha un risparmio considerevole del 50%. Gli organizzatori, i club, invece hanno un risparmio che oscilla tra il 20 e il 50% ma, cosa ancora più importante, il nostro obiettivo è quello di creare una community all'interno della quale l'organizzatore di un evento sia collegato all'autore e non abbia la sensazione di pagare una tassa, così come avviene con Siae, ma di retribuire l'artista. Per questo egli deve essere sicuro che quei soldi, in modo trasparente e veloce, andranno al musicista. Questo crediamo sia un punto molto importante.

In caso di controllo Siae cosa succede?
L'organizzatore, in possesso di licenza Soundreef, è assolutamente manlevato e garantito nei confronti di Siae. Ma, nel caso in cui l'ispettore volesse comunque contestare un utilizzo, a suo parere, illecito, noi chiediamo all'organizzatore di non discutere affatto, di farsi rilasciare ciò che l'ispettore ritiene opportuno e di chiamare il giorno seguente il nostro numero verde. Il nostro studio legale – il primo in Italia per il diritto d'autore – prenderà in carico la contestazione Siae e svolgerà l'iter per conto dell'organizzatore o del club in maniera totalmente gratuita.

Quali sono quindi i rapporti Siae/Soundreef?
In realtà non abbiamo avuto molti rapporti diretti con Siae; non si è mai confrontata legalmente con noi, ma ha fatto due o tre comunicati stampa sul suo sito che, per la verità, ci hanno anche fatto pubblicità. C'è stata qualche azione di disturbo indiretta, ma non hanno mai contestato nulla ufficialmente. In Italia la Siae ha l'esclusività di mandato in base ad una legge del '41, ma in UE vige il libero scambio di servizi e di merci e, già dal 2008, ma in maniera definitiva dal 2014, una direttiva UE sancisce il principio del libero mercato anche per quanto riguarda le collecting society, al di là delle normative dei singoli codici civili nazionali. L'Italia deve quindi adeguarsi.

Per quanto riguarda la produzione di CD, Soundreef può occuparsi anche di questo aspetto?
Il bollino Siae non si può evitare. In questo caso non si tratta del pagamento di un diritto, ma di una tassa anti-pirateria e, al momento, non è possibile evitarla.

La tutela dell'improvvisazione a partire da un tema è un argomento piuttosto caro alla comunità jazz. Qual è la vostra opinione in merito?
Questo è sicuramente un tema molto complesso che va analizzato con attenzione. Per avere una nostra reale opinione in merito, dobbiamo sicuramente interagire un po' di più con la comunità jazz e cercare di capirne i desideri. È necessario trovare una formula giusta e non è affatto semplice. Sicuramente è un po' prematuro parlarne, noi siamo un po' formichine, ci muoviamo in un mercato enorme con tantissime sfaccettature e tantissime nicchie, se le persegui tutte insieme non riesci, devi avere una linea molto precisa e crescere come formichine. Al momento ci rivolgiamo solo a quelle persone e band che suonano pezzi propri e che sono in grado di compilare un borderò prima della serata. Piano piano faremo tutto il resto.

In quanti Paesi siete attualmente attivi?
Siamo attualmente presenti in 15 paesi: dalla Nuova Zelanda all'Italia, dalla Spagna, alla Svezia e all'Inghilterra. Ma anche paesi che non avremmo mai immaginato, come India, Costa Rica e crediamo che questo testimoni un grosso bisogno, a livello mondiale, di società che gestiscano i diritti in modo semplice e trasparente, de-burocratizzato.

Uno sguardo al futuro di Soundreef
Ovviamente cerchiamo di essere piuttosto riservati sui nostri progetti futuri, ma posso anticipare che introdurremo qualche novità nel 2015 per quanto concerne i servizi live, probabilmente in relazione alla possibilità di suonare cover. Inoltre, stiamo guardando con particolare interesse ad altre royalties, tra cui la televisione e internet.












Inserisci un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


Questa pagina è stata visitata 1.837 volte
Data pubblicazione: 02/11/2014

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti