Jazzitalia: la musica jazz a portata di mouse...
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Appunti di viaggio di un musicista
di Carlo Bagnoli
Articolo pubblicato sul n.678 della rivista "RITMO"
(per gentile concessione dell'Editore Mary Cadini)

Considerando che le opportunità di lavoro in Italia, per un musicista di jazz italiano, sono molto ridotte poiché il circuito dei concerti e, soprattutto dei festival, è quasi interamente nelle mani dei musicisti stranieri, in prevalenza americani, da parecchi anni ho ritenuto opportuno cercare anche dei contatti all'estero. E ho fatto bene, considerando l'attività finora già svolta al di fuori dell'Italia e l'attività che ho in programma per il futuro. Europa, Stati Uniti, Medio Oriente, Africa e Sud America sono state le tappe della mia attività, oltre naturalmente i molti concerti e le molte serate svolte in Italia.

Q
uesta situazione, gratificante sotto il profilo professionale e artistico, presenta oltre tutto la possibilità di visitare paesi nuovi e di vivere esperienze diverse, talune delle quali decisamente inconsuete.

I
mpressioni, sensazioni, situazioni non soltanto musicali, vissute per di più con la sensibilità del musicista e non per questo più autentiche e genuine, ma filtrate da quella emozionalità propria del musicista, così come del pittore, dello scrittore o comunque di chiunque abbia fatto della creatività una scelta, non solo professionale, ma di vita e il jazz, è noto, è letteralmente costruito sulla creatività.

C
iò premesso, ritengo che valga la pena di tanto in tanto cercare di raccontare talune di queste esperienze.

LA MANO DELL'AFRICA
Addis Abeba.
Sbarcammo (Gianni Coscia, Franco Finocchiaro e io, in altre parole l'
Atmosphere Jazz Trio), in un aeroporto che, più che tale, sembrava un mercato brulicante di umanità vociante, sommersa da enormi involucri di cartone e da fagottoni avvolti di coperte che gli addetti alla dogana controllavano con esagerata minuzia. A tali operazioni riuscimmo fortunatamente a sfuggire grazie alla solerzia di un addetto locale che, in possesso della lista dei nostri strumenti e bagagli, precedentemente vistata, ci ha letteralmente sottratto alla curiosità aggressiva degli agenti doganali e successivamente accompagnati in hotel.

Un hotel piccolo, un po' malridotto sebbene di recente costruzione, ma tutto sommato decente, piantonato in permanenza da un guardiano in una logora divisa kaki, che di giorno imbracciava un manganello minaccioso e di notte portava a tracolla un fucile, certamente un residuato bellico della guerra di Abissinia.
Un guardiano messo lì a protezione dei clienti da chissà quali pericoli, tenuto conto che la costruzione, seppure abbastanza vicino al centro della città, era tuttavia situata nel bel mezzo di una baraccopoli, una vera e propria sorta di favelas misera e fangosa, non del tutto rassicurante.

Davanti all'albergo stazionava un drappello di ragazzini vestiti di stracci, scalzi, sporchi, in attesa dei pochi clienti che vi entravano o ne uscivano e che venivano immediatamente circondati e sottoposti a vocianti richieste di denaro o invitati a farsi lustrare le scarpe, con stracci e attrezzi talmente sudici da renderle probabilmente del tutto inutilizzabili. Noi tre, dovendo entrare e uscire dall'albergo con una certa frequenza e per quasi una intera settimana, diventammo i beniamini di questa turba di ragazzini che ci correvano incontro urlando, ridendo, saltellando in un turbinio a modo loro festoso. "Father, one birr!" ci chiedevano tendendo le mani (il birr è la moneta locale) e, per quanto potevamo, cercavamo di accontentarli.

Diventò un rito. Ad ogni uscita o entrata eravamo sottoposti a questo "abbraccio", scomodo ma tutto sommato allegro e inoffensivo.
Un pomeriggio, al termine del quotidiano acquazzone, avendo del tempo libero a disposizione, uscimmo per fare quattro passi nei dintorni dell'albergo, anche se sapevamo quello che sicuramente sarebbe accaduto.

E infatti fu così. Appena fuori, a debita distanza dal raggio d'azione del manganello del guardiano, i ragazzini ci raggiunsero urlando e ridendo, circondandoci senza tuttavia impedirci di camminare. E, metro dopo metro, dalle vicine baracche altri ragazzini si aggiunsero ai precedenti, tutti ugualmente interessati alle nostre tasche. "Father, one birr!". In mezzo a questa turba di scalmanati, un po' aggressiva ma non pericolosa, si faceva strada faticosamente un bambino piccolo, il più piccolo di tutti, forse di cinque o sei anni, magro, sporco e scalzo, il cui altro non era che un piccolo sacco logoro e sudicio con dei fori da cui uscivano un visino ovale, le braccia, e sotto il quale spuntavano due gambine minute, infangate fino alle ginocchia.
Quando finalmente riuscì a raggiungermi, tendendomi la mano mi guardò sorridendo, pronunciando un suono non ben definibile, molto simile a "hem", "ben" o qualcosa del genere che non riuscivo tuttavia a decifrare. Cercai una moneta e gliela porsi, ma lui non la prese, pur continuando a tendere la mano, facendosela soffiar via da un ragazzino più lesto di lui. Gli porsi un'altra moneta ma non prese neanche questa. Eppure continuava a tendermi la mano e a pronunciare quelle strane sillabe. Un terzo tentativo ebbe lo stesso risultato.
Alla fine mi chinai verso di lui per cercare di ascoltare meglio, in mezzo a tutta quella confusione, quello che diceva. E mi parve di capire che quel suono infantile forse significava "hand", mano. Mano? Semplicemente voleva la mia mano. Voleva che lo prendessi per mano, e non appena lo feci gli si illuminarono gli occhi, mi si mise al fianco e camminò assieme a me con un'aria orgogliosa e felice. E così, mano nella mano, facemmo assieme qualche centinaio di metri, leggermente staccati da tutti gli altri ragazzini che, improvvisamente, si tennero un po' a distanza, saltellando festosi e ridendo divertiti. Io lo guardavo sorpreso e lui guardava me con un sorriso luminoso sul suo visetto ovale.
Non aveva voluto la mia elemosina. Cercava qualcosa di più, un contatto umano con un adulto, con una figura che potesse rappresentare, nella sua realtà infantile, un padre forse mai avuto, voleva una protezione per pochi attimi, una manciata di secondi durante i quali non dover provvedere, così piccolo, a se stesso, una minuscola parentesi di esistenza tranquilla, il calore di una mano sicura.

L'Africa mi aveva dato la sua mano. L'Africa vera, non quella dei safari fotografici, dei villaggi turistici sull'oceano, non quella romantica dei racconti di Hemingway, ma quella reale, quel terzo mondo di cui spesso si parla ma del quale non si ha la più pallida idea finchè non ci si ritrova in mezzo. E lo aveva fatto con la dignità istintiva di un bambino che, al pari suo, è destinato a crescere. Una crescita, la sua e della sua razza, di cultura e di dignità. Una crescita già iniziata e destinata ad esplodere, nei prossimi decenni, tra le razze di colore di tutto il modo.
Ed è proprio questa considerazione che, ora, mi fa pensare che forse ho male interpretato, allora, quell'episodio. Non era forse più probabile che, in quel gesto così decisamente voluto, quel bambino, così piccolo ma così determinato, non volesse chiedere ma offrire protezione? Ricordando l'espressione felice e orgogliosa del suo sguardo, mi domando se non avesse voluto tranquillizzarmi, se non mi avesse voluto dire "finchè stai con me non ti succederà nulla, non dovrai preoccuparti né di questi sciamannati che ti stanno attorno né di nessun altro!".

Fantasie? Probabilmente si, ma la sensazione che sia stato io oggetto di protezione e non viceversa mi rende il ricordo di quella piccola mano nera, stretta nella mia, ancora più dolce.
Carlo Bagnoli
 


Invia un commento

© 2000 - 2002 Jazzitalia.net - Carlo Bagnoli - Tutti i diritti riservati

© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.

Questa pagina è stata visitata 8.951 volte
Data pubblicazione: 20/01/2002





Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti