Jazzitalia: la musica jazz a portata di mouse...
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Ricordo di Bob Berg
di Dave Liebman
trad. by Eva Simontacchi

  Terni in Jazz Fest 2001- Venerdì 8 Giugno 2001 - Anfiteatro FaustoUna morte non è mai un evento ordinario, sebbene sia un fatto che accomuna e crea uguaglianza tra tutti gli esseri umani. Quando muore un maestro dopo anni di contributi per mezzo di incisioni, esibizioni e composizioni immortali, subentra il senso di pace e di inevitabilità che tutti ben conosciamo. Non che vada bene così, o che sia facilmente accettabile, ma ci rendiamo conto che un ciclo si è compiuto. Questo è quanto è successo con il pianista Mal Waldron, che ci ha di recente lasciati. Ma per il sassofonista Bob Berg, si tratta di una tragedia non mitigabile. La sua morte, in una nevosa giornata a Long Island per un incidente stradale è triste, e non si riesce a darle un senso, soprattutto per i suoi famigliari, ma anche per tutti noi che conoscevamo ed ammiravamo la sua musica.

Ho conosciuto Bob non appena sono andato a vivere a Manhattan. Sebbene facessimo parte dello stesso giro a Brooklyn, Bob era più giovane di me di qualche anno. Cominciammo a ritrovarci nel mio loft in West 19th Street con i fratelli Brecker (ndt. Michael e Randy Brecker), Steve Grossman, Bob Moses, Lenny White, Dave Holland, Chick Corea e molti altri attorno al 1968-69. In effetti ho un caro ricordo di Bob seduto sul pavimento del mio loft con circa altre venti persone, che discutevano su come mettere assieme una organizzazione per presentare i nostri concerti ingiro per la città. Bob, che doveva avere all'epoca circa diciotto o diciannove anni, ideò un nome: Free Life Communication. Formammo una cooperativa, e nel giro di vari anni organizzammo centinaia di concerti suonando principalmente free jazz. Fu uno degli originali fratelli sassofonisti "post-Coltrane" che riuscì a farsi strada con successo nel mondo jazzistico. Ricordo le sue meravigliose esecuzioni con Cedar Walton e Billy Higgins nella formazione degli Eastern Rebellion Group, e quelle con Miles Davis, e, ovviamente anche la sua musica. Era un vero newyorkese, tutto d'un pezzo fuori, e tenero dentro. E sopra ogni altra cosa è stato un gigante del sassofono, ha sempre dato tutto se stesso, sempre il massimo; un vero jazzman "lavoratore", che suonava sempre e dappertutto.

Terni in Jazz Fest 2001- Venerdì 8 Giugno 2001 - Anfiteatro FaustoParlando con Mike Brecker dopo la triste notizia, ci siamo resi conto che stavamo entrambi pensando alla stessa cosa. Con tutto il viaggiare che facciamo, è stupefacente, da un certo punto di vista, che pochi di noi abbiano avuto un appuntamento con il proprio destino su una strada. Alcuni di noi ancora ricordano un incidente stradale in Europa in cui fu coinvolto il gruppo degli Oregon, e che costò la vita al percussionista Colin Walcott (ndt. Germania, 1984), ma questo è successo tempo fa. In tutta onestà, abbiamo molte più probabilità di avere incidenti a causa del nostro prodigioso viaggiare, e proprio per il calcolo delle probabilità. Ma nel caso di Bob, il lavoro non c'entrava. Sua moglie è sopravvissuta all'incidente, e da quello che so si trattava semplicemente di un semplice spostamento in zona, sebbene stesse nevicando, un piccolo viaggio che ognuno di noi avrebbe potuto fare per andare ad acquistare il giornale o altro.

E' incredibile: ci svegliamo tutti allo stesso modo ogni giorno, e poi...

Randy Brecker che ha suonato molto con Bob ha scritto alcune belle parole:
"Bob era un ragazzo complesso. Suo padre era ebreo e sua madre italiana. E' cresciuto nel centro di Bensonhurst. Amava il suo natante dall'enorme deriva, un buon sigaro cubano contrabbandato di sfroso da qualche suo amico, un pò di 'yac', e un sacco di Sinatra. Verso la metà della sua vita incontrò Arja, e si tranquillizzo, ebbe due bambini meravigliosi e divenne un padre ed un marito devoto. Andò a vivere a East Hampton, dove iniziò a pescare seriamente tra una tournée e l'altra. Amava anche il sassofono e la musica jazz, sulla quale concentrò il suo formidabile intelletto. La combinazione del suo intelletto, operante attraverso il prisma dei suoi anni formativi e il suo stile di vita ed ambiente quotidiano, portarono fino a noi una concezione appassionata, eppure senza pietà. Suonando ti metteva letteralmente con le spalle al muro, per poi stracciare te ed il muro assieme. Dovevi lottare e rispondere con tutte le tue forze quando eri sul palco con Berg.... non l'ha mai detto espressamente.... lo esigeva per mezzo del suo strumento. Ecco com'è stato suonare con Bob Berg per tutti questi anni.... lui mi ha fatto suonare meglio, mi ha imbevuto del suo stile.... ha segnato la mia anima per sempre. Questo è ciò che di Bob mi mancherà maggiormente... l'incredibile suono spietato e intrepido, seppur appassionato, del suo sax. Eppure sono convinto che lo sentirò ancora, giorno dopo giorno, anno dopo anno, ogni volta che penserò a lui.... lo sentirò... So che lo sentirò".


Fai click qui per leggere il comunicato del 7 dicembre 2002 che annuncia la morte di Bob Berg






Articoli correlati:
19/04/2009

Free [the] Jazz, intervista a Ellery Eskelin: "Per me "libertà" significa riuscire ad esprimere a pieno attraverso lo strumento quello che ho in mente...non fa differenza per me suonare standard o dedicarmi alla pura improvvisazione. In entrambi i casi un musicista deve essere in grado di esprimere a pieno tutto ciò che sta immaginando in quel preciso istante." (Stefano Ferrian)

05/04/2009

Liebman Meets Intra Live (Enrico Intra)

24/03/2008

Dave Liebman Quartet ad Arezzo: "Assistere ad un concerto di Dave Liebman spesso equivale ad un privilegio raro...la band ha dimostrato un ineccepibile grado di affiatamento, oltre che di capacità strumentali ed esecutive." (Alessandro Tempi)

25/01/2008

Masterclass di Dave Liebman: "Di fronte a una sessantina di studenti dei corsi avanzati del CDpM di Bergamo ed altri provenienti da città limitrofe, Dave Liebman ha tenuto un seminario sugli aspetti ritmici dell'improvvisazione." (Claudio Angeleri)

14/10/2007

Clusone Jazz 2007: "Clusone divenuta famosa grazie anche all'idea di Bennink, Moore e Reijseger, che diversi anni or sono decisero di dare al loro trio il nome di quel luogo magico in cui si era costituito, ma oggi vanta una fama internazionale per meriti propri: per il clima (tra artisti e organizzatori) e per la qualità della musica offerta, tanto, che gli organizzatori hanno deciso di esportare il loro sapere e conoscere altrove..." (Luca Vitali)

12/02/2006

Jazz & Wine of Peace, 8a edizione del prestigioso festival di Cormons con, tra gli altri, artisti del calibro di Dave Holland, Dave Liebman, Omar Sosa, Dave Douglas... (Giovanni Greto)

02/11/2005

Le foto da Jazz & Wine 2005 di Cormons (Elisa Caldana)

12/12/2004

Miroslav Vitous al Festival di Sant'Anna Arresi: "...In questi tre spettacoli siamo riusciti ad ammirare uno dei più grandi protagonisti del contrabbasso jazz degli ultimi 30 anni. Rimane il rammarico di non averlo visto alle prese con un suo progetto..." (Fabio Pibiri)

26/09/2004

LEZIONI (Trascrizioni): Fiesta Español, ancora un altro gran solo di Bob Berg tratto da "Cedar's Blues", album inciso da Cedar Walton per la Red Records. (R. Varani)

15/12/2003

Ringin' Bells (Quarte)

27/10/2003

Saxophone Summit: Michael Brecker, Dave Liebman e Joe Lovano: "...tre superbi esponenti del moderno tenorismo jazz, coadiuvati peraltro da una sezione ritmica di notevole spessore tecnico che ha reso ancora più godibile la performance." (Antonio Terzo)

25/07/2003

Pulsano Jazz, mercoledì da leoni: in quattromila per Liebman

28/12/2002

Feel (Cues trio meets David Liebman)

06/07/2001

Il concerto di Dave Liebman a Turi, in una suggestiva cornice.





Video:
Bob Berg & Mike Stern - Friday Night At The Cadillac Club
Bob Berg - Tenor SaxMIke Stern - GuitarLincoln Goines - BassDennis Chambers - DrumsRecorded at the 1990 Newport Jazz Festival in Madarao, Japan....
inserito il 24/12/2010  da fusion07mp4 - visualizzazioni: 2729
Corea, Berg, Gomez, Gadd - Sicily
1992 Lugano...
inserito il 04/12/2010  da darominu - visualizzazioni: 2409
Bob Berg / Mike Stern Band - Chromazone
Great version of this tune everybody plays excellent.., , Remember to buy all the released stuff etc...so we can keep a good vibe about you tube :)...
inserito il 09/04/2008  da steffenbrix - visualizzazioni: 2472


Invia un commento

© 2000 - 2003 Jazzitalia.net - Dave Liebman - Tutti i diritti riservati

© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.

Questa pagina è stata visitata 19.056 volte
Data pubblicazione: 27/03/2003

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti