Jazzitalia: la musica jazz a portata di mouse...
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Luis Agudo
la seduta di registrazione del CD Red Records 'Dona Fia'
di Sergio Veschi
foto di Giordano Minora


Red Records - 244

Queste sono alcune foto delle seduta di registrazione dell'album Dona Fia di Luis Agudo per la Red Record. L'epoca è il maggio 1991, qualche mese prima che Luis partisse per il Cile dove è rimasto oltre sei anni. Agudo ebbe il grande intuito di unire musicisti provenienti da aree musicali diverse anticipando quella che è stata la scoperta della musica etnica in generale avvenuta alla meta degli anni 90. Oltre a Luis dall'Argentina proveniva il sassofonista Hugo Heredia. Dal Brasile il sassofonista Hector Costita Bisignani, oggi musicista jazz molto affermato nel suo paese. Dal Senegal il percussionista George Aghedo . Dalla Giamaica il pianista Sonny Taylor. Purtroppo questi ultimi due sono scomparsi qualche anno dopo.
Il risultato fu un intrigante miscuglio di sonorità cui ognuno diede il contributo con proprie composizioni.

Giordano Minora

Luis AgudoLa session in cui è stato registrato il CD di Luis Agudo è stato in realtà un happening.

Tre musicisti argentini esuli e giramondo, un pianista giamaicano italianizzato a stento e un percussionista nigeriano che in gioventù era stato un campione di box riconvertitosi alla musica quando aveva scoperto che le sue chance nella noble art erano in declino quando cominciava a prenderle da quelli che normalmente prima stendeva dopo un paio di round.

Quanto di più lontano dal serioso progettualismo che affligge seriosi e modesti musicisti in voga da qualche anno.

I cinque si erano ritrovati in studio con l'idea di suonare, che cosa non lo sapevano bene neanche loro ma confidavano in loro stessi.

Hector Costita Bisignani e Hugo HerediaLuis Agudo, Hector "Costita" Bisignani, Hugo Heredia entrambi argentini si conoscevano e avevano mosso i primi passi nel mondo della musica a Buenos Aires verso la fine degli anni 50 e poi ognuno era andato per la propria strada.

Agudo in Bolivia, poi in Brasile a Rio e nel morro de Salgueiro della cui batteria di samba aveva fatto parte per anni nelle sfilate del carnevale di Rio e successivamente in Europa: prima in Svezia, poi in Francia e quindi in Italia con frequenti viaggi in Africa, America Latina, Stati Uniti.

Hector "Costita" Bisignani, originario di Cordoba - come Heredia – e di discendenza normanno siciliana, aveva bazzicato a lungo i migliori musicisti argentini nella Big Band di Lalo Schifrin in cui militava anche il giovanissimo Gato Barbieri alla fine degli anni 50, aveva trovato in Brasile fra San Paolo e Rio un sua ideale collocazione artistica e professionale diventando localmente celebre, apprezzato e molto ricercato in vasti contesti che lo avevano portato a prestigiose collaborazioni  e intrecciando collaborazioni e amicizie con gente del livello di Wayne Shorter, che lo apprezzava moltissimo come musicista, Steve Grossman, Sonny Stitt e Hermeto Pascoal.

Hugo Heredia, con vistose ascendenze meticce e indie, aveva trovato in Italia, soprattutto negli anni 70 una certa notorietà con propri gruppi e collaborazioni di livello con musicisti italiani di un certo rilievo come Enrico Intra e altri e suonando spesso nella big band della Rai di Milano.

Sonny TaylorSonny Taylor, che ci ha lasciato alcuni anni fa come George Aghedo, era capitato in Italia, dove aveva sposato una donna italiana, per vie imperscrutabili e misteriose probabilmente dalla Francia e aveva pubblicato almeno un LP George Aghedoa suo nome per la serie Jazz in Italy della Carosello dove non si poteva non apprezzare la felice vena melodica delle sue composizioni che suonavano bene ed erano toccanti e commoventi.  

George Aghedo aveva alle conghe un timing impressionante ed era stimatissimo da Luis Agudo -  che a sua volta era stimatissimo da gente come Elvin Jones, Victor Lewis, Dizzy Gillespie, Bobby Watson, Joe Henderson, Giorgio Gaslini  e innumerevoli altri musicisti - che faceva di tutto per poter suonare con lui in tutte le situazioni possibili era un personaggio assolutamente pittoresco, con un sorriso e un senso dell'umorismo assolutamente coinvolgente e disarmante.

I cinque si ritrovarono, senza aver mai suonato tutti assieme, in uno studio di registrazione dalle parti della stazione di Porta Genova, vicino alla sede di Europa Radio verso mezzogiorno di un freddo  e piovoso giorno di novembre in anni ormai lontani.

Lì fra spuntini, qualche bottiglia di vino, poca minerale e abbondanti ed esplosive risate è stata registrata la musica che chi vorrà potrà ascoltare nel cd Dona Fia Red Records n° di catalogo 244 – che è uno spaccato delle qualità e delle doti musicali e compositive dei cinque.

E' anch'essa a suo modo una delle musiche del Sud del Mondo. Quel Sud del Mondo che è già nelle nostre città piccole e grandi. Non solo italiane ma di tutt'Europa.

Echi caraibici, melopee africane, batucade brasiliane, qualche innesto colto e serioso europeizzante, spleen e feeling di varia natura e provenienza.

Un senso del ritmo e del colore che ha in se il jazz ma non il quattro del jazz.

Un viaggio avventuroso fra nostalgia, ricordi e memorie ma anche un inedito e audace senso del nuovo che è già fra di noi anche se molti sembrano non volerlo vedere.
Sergio Veschi

Sonny Taylor, George Aghedo, Hector Costita Bisignani, Luis Agudo e Hugo Heredia
Luis Agudo & Hector Costita Bisignani






Hugo Heredia


Pausa caffè - Aghedo, Agudo, Heredia e Bisignani
Luis AgudoLuis AgudoLuis Agudo
Costita Eyes Bisignani & Heredia Sonny Taylor, Geroge Aghedo, Hector Costita Bisignani, Luis Agudo e Hugo Heredia
Luis AgudoGeroge Aghedo & Luis AGudo
Hector Costita Bisignani, Hugo Heredia e Sonny TaylorBisignani & Heredia
Agudo & AghedoAgudo & Aghedo
Percussioni di Luis AgudoFigli di Luis






Articoli correlati:
11/01/2006

Luis Agudo e Daniele Di Gregorio alla Casa del Jazz: "Due culture musicali a confronto, con l'istinto quasi ancestrale di Agudo a dettare il ritmo e con Di Gregorio che vi conferisce forma e armonia..." (Dario Gentili)

15/04/2005

Bala Boloum - Percusa Live (Luis Agudo & Daniele Di Gregorio)

25/05/2003

Intervista ad Franco D'Andrea e Luis Agudo: "...Tante volte si pensa al giro armonico, all'armonia, come fosse una cosa importante...però si può pensare anche agli elementi melodici del brano, quindi il diagramma melodico, gli intervalli, come il brano è caratterizzano, sfruttare nell'improvvisazione anche gli aspetti che arrivano dalla curva melodica, che arrivano dal discorso ritmico, da come il brano è ritmicamente." (Antonio Terzo)





Video:
pablo bobrowicky-luis agudo "soles" guitarra- boloum batam-argentina 2010
pablo bobrowicky guitarra luis agudo bolum batam "soles" 5/5/2010 baires...
inserito il 08/05/2010  da superunionpro1 - visualizzazioni: 3126


Invia un commento

© 2000 - 2002 Jazzitalia.net - Red Records - Giordano Minora - Tutti i diritti riservati

© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


COMMENTI
Inserito il 2/6/2013 alle 17.09.04 da "info"
Commento:
Qualcuno mi sa dire dov'è Luis Agudo che è da qualche anno che lo cerco ma non riesco a trovarlo ai numeri che ho...grazie..
 

Questa pagina è stata visitata 10.099 volte
Data pubblicazione: 17/11/2002

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti