Jazzitalia - Articoli: Intervista a Emanuele Dimundo - Beat Onto Jazz Festival
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�


Intervista a Emanuele Dimundo

febbraio 2015
di Alceste Ayroldi

Emanuele Di Mundo  Beat Onto Jazz FestivalEmanuele Di Mundo  Beat Onto Jazz Festival
click sulle foto per ingrandire

Prosegue l'indagine nel mondo del jazz visto dalla finestra "tecnica" e, in particolare, dai direttori artistici e promoter. Qui parliamo con Emanuele Dimundo, direttore artistico del Beat Onto Jazz Festival, che quest'estate festeggerà la quindicesima edizione.

Come nasce l'idea del vostro festival e chi sono stati i promotori?

Quindici anni fa ho dato inizio all'avventura del Beat Onto Jazz Festival insieme a un giovane musicista mio concittadino, che ora vive e lavora in Francia, con l'intento di realizzare un evento che avesse una funzione eminentemente divulgativa della musica afro-americana e che, pertanto, fosse in grado di offrire performances di alto livello in modo completamente gratuito. Scelta molto difficile che ha comportato la necessità di intercettare le necessari e risorse da enti pubblici e dai privati. La promessa è stata fino a oggi mantenuta.

Come effettuate le scelte artistiche?
Le scelte artistiche sono realizzate con un occhio ai grandi protagonisti del jazz internazionale e con l'altro ai nuovi progetti che i giovani talenti sono in grado di proporre.

Si è formato, nel tempo, uno staff e anche la collaborazione con altre realtà associative locali. Sono state sinergie produttive?
Nel tempo si è formato un piccolo gruppo di soci dell'associazione culturale che ho costituito nel 2001 (l'Associazione InJazz), i quali mi affiancano efficacemente nella organizzazione dell'evento. Nel tempo ho anche sviluppato sinergie con altre associazioni che operano sul territorio in ambito culturale e turistico che si sono rivelate molto proficue.

Affiancate l'attività festivaliera con quella divulgativa con seminari, workshop e guide all'ascolto. Potete fare un bilancio di tali attività?
Nelle più recenti edizioni abbiamo incrementato l'attività divulgativa organizzando seminari e workshop che si sono rivelati molto graditi non solo per i musicisti - professionisti e dilettanti - ma anche per gli ascoltatori.

Quali sono le tendenze del pubblico? Quali sono i concerti più affollati?
I concerti più affollati sono quelli con i più noti artisti internazionali che operano nel solco della tradizione, ma vi è una notevole presenza di pubblico anche alla presentazione di progetti innovativi.

E' possibile fare un identikit del pubblico? Notate differenze tra le tre realtà?
Il pubblico del Beat Onto Jazz Festival è disomogeneo per età e per estrazione sociale; è composto per lo più da autentici cultori, ma negli ultimi anni è molto cresciuta la componente dei curiosi che si avvicinano con interesse alla musica jazz.

Avete notato che il pubblico ha modificato i suoi gusti nel corso del tempo? Se la risposta è sì, come sono cambiati?
Nel corso degli anni il pubblico ha imparato ad apprezzare i nuovi progetti che spesso la rassegna presenta.

Riuscite a creare partneship di tipo culturale con altre forme d'arte? Ne avete tratto giovamento da questa sinergia?
Sono state create collaborazioni con altre strutture associative che operano in ambito culturale, che hanno avuto per oggetto la presentazione di libri o l'organizzazione di convegni su temi inerenti l'universo della musica improvvisata; sono state anche organizzate mostre fotografiche a tema.

Il prodotto culturale necessita di un "refreshment" dopo un arco di tempo stimato in cinque anni ma, oramai, anche ben prima. Tu e la tua organizzazione avete applicato questa regola di marketing? Se sì, in quale modo e misura?
In verità, nel corso degli anni non sono state apportate sostanziali modifiche al modulo organizzativo dell'evento poiché sembra ben funzionare nella forma consolidata.

Riuscite a creare sinergie con enti territoriali e/o enti pubblici?
E' sempre difficile coinvolgere istituzioni e enti locali; ciò nonostante siamo riusciti nel tempo a porre un'ipoteca sull'amministrazione comunale cittadina, che partecipa all'organizzazione dell'evento per rilanciare il turismo e il territorio in generale.

E con enti privati? Vi è interesse da parte di istituzioni private verso il jazz?
Ancor più difficile è attrarre risorse economiche dai privati, anche perché l'interesse degli enti privati per il jazz (che sicuramente è cresciuto negli ultimi anni) si raffredda allorquando si sollecitano investimenti nel settore.

Come giudicate l'attuale scena jazzistica italiana?
A me sembra che la feconda stagione del jazz italiano – che ha prodotto grandi talenti e progetti di rilievo – sia in lieve declino e che l'espansione di festival e rassegne in tutta la penisola non sia accompagnata da altrettanta abbondanza di nuove idee e produzioni.

E quella del "Resto del Mondo"?
Penso che anche nel resto del mondo si registri una generale carenza di entusiasmo e dinamismo nel mondo del jazz.

La programmazione delle vostre rassegne quanto spazio dedica ai musicisti italiani?
Ai musicisti italiani viene solitamente dedicato ampio spazio nella rassegna.

Nella comunicazione degli eventi, quanto affidate al tam-tam e quanto al battage pubblicitario e/o alla comunicazione?
Per mantenere la gratuità del festival le risorse vengono indirizzate principalmente alla programmazione e, di conseguenza, la comunicazione è alquanto sacrificata; ma la costante puntualità annuale dell'evento supplisce con efficacia a tale carenza.

A vostro avviso, cosa dovrebbe-potrebbe fare lo Stato per migliorare la situazione delle attività festivaliere, rassegne jazz italiane?
Penso che lo Stato dovrebbe riequilibrare il budget destinato alla musica, all'arte e alla cultura in generale, oggi ancora sbilanciato a favore della lirica.

C'è un particolare fermento "istituzionale" che ha mosso diversi animi, tanto da crearsi alcune associazioni. Pensate che sia questa la strada giusta?
Si, credo che questa sia la strada giusta. Sono sempre stato convinto che è compito delle istituzioni promuovere fortemente e con ogni mezzo la cultura, anzi le culture. Ritengo che il modo migliore sia quello di cavalcare gli entusiasmi che spontaneamente si creano all'interno di iniziative volontaristiche, non imprenditoriali.

Quali sono le linee programmatiche che vorresti discutere con le istituzioni?
Affinché sia efficace e produttivo nella sua funzione di stimolo, l'impegno delle istituzioni va espresso in una programmazione a lungo termine da concordare con enti e organismi privati che svolgono un ruolo centrale nella concreta organizzazione delle iniziative culturali.

Avete già presentato il cartellone della prossima edizione? Quali sono le linee artistiche che andrete a seguire?
A causa della totale gratuità dell'evento non è possibile programmare con anticipo il cartellone della rassegna estiva, perché le sponsorizzazioni dei privati arrivano con molto ritardo ed è difficile conoscere in anticipo le risorse economiche a disposizione.






Articoli correlati:
27/03/2005

Antonio Onorato Trio all'Hegemonya di Bitonto: "...Un felice equilibrio tra atmosfere tese e di ricerca sia stilistica e sia compositiva, e momenti caratterizzati da un approccio più tradizionale..." (Alceste Ayroldi)







Inserisci un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


Questa pagina è stata visitata 853 volte
Data pubblicazione: 08/03/2015

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti