Jazzitalia - Articoli: Intervista a Ermanno Basso
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Intervista a Ermanno Basso
Dublino, febbraio 2013
di Daniela Floris
foto di Daniela Crevena


CAM JAZZ is a label of the KEPACH group
KEPACH Music S.r.l. - All rights reserved
Via Cola di Rienzo, 180 - 00192 Rome (Italy)
Tel: (39-06) 6840791
E-Mail: info@CamJazz.com
Web Site: www.CamJazz.com

Qui a Dublino c'è il produttore dell'etichetta CAM Jazz Ermanno Basso. Lo abbiamo intervistato perché da lungo tempo tra 12points e CAM Jazz esiste una reciproca stima: l'attenzione ai giovani, il cercare nuovi talenti ha fatto si che ci sia da subito stato un dialogo proficuo. L' anno scorso il gruppo finlandese Big Blue, prodotto dalla CAM è stato selezionato come formazione supportata per tre anni da 12point. Incontriamo Basso durante un caffè mattutino prima di recarci ad una interessante sessione di incontri sulla situazione del Jazz in Europa.

Basso, ti trovi qui perché Enrico Zanisi (che ha firmato il suo primo cd da leader proprio con l' etichetta di cui lei è produttore) è stato selezionato a Dublino come artista italiano. Sei stato sorpreso di questa scelta di 12points?

Beh, è sempre una sorpresa quando gli artisti vengono chiamati nei festival, soprattutto in questo periodo e già quando parliamo di Festival italiani. A maggior ragione qui a Dublino. Siamo tutti contentissimi, soprattutto per lui ma anche per noi come etichetta. L'anno scorso "Big Blue" (gruppo finlandese sempre della vostra scuderia) si è addirittura guadagnato il supporto triennale che spetta ai vincitori. Di certo questa è una vittoria anche per CAM Jazz.

Quando è nata l' idea di produrre artisti giovani provenienti da tutta Europa? Questa è una cosa che CAM ha in comune con 12POINTS!
Diciamo che è capitata una contemporaneità, nel senso che erano anni che avevamo in progetto di fare una etichetta dedicata ai giovani, per la quale avevamo scelto il nome di "Rooky Jazz" (Rooky nello slang americano sono i novizi, quelli che arrivano a fare qualcosa mai fatta prima). L' avevamo messa da parte, però, perché era il 2005, anno in cui producemmo circa venticinque CD, e non riuscimmo a dedicarci come avremmo voluto a questo progetto. Dopo di che producemmo il primo disco di Giovanni Guidi, che divenne anche il primo disco di "CAM Jazz presents": a quel punto Giovanni venne selezionato per 12points.

In un periodo economicamente difficile non è rischioso investire su nuovi talenti pressoché sconosciuti? Che percentuale di artisti giovani decidete di produrre in CAM?
Non abbiamo una percentuale, nel senso che, come per l'etichetta più grande, produciamo ciò che ci piace. Neanche quello che ci interessa: quello che ci diverte. Prima dal punto di vista musicale. Ma poi se anche dal punto di vista umano troviamo persone valide, abbiamo fatto bingo e produciamo dischi, e artisti, soprattutto. E' assolutamente rischioso, ma d' altro canto se non si fa così … proviamo a far vedere al pubblico che oltre a tutti i grandi nomi, i miti viventi del Jazz contemporaneo, ci sono anche dei ragazzi che si stanno dando da fare e che potrebbero diventarlo. Non è detto che poi tutti diventino stelle del Jazz. Ma se uno non mette mai la locomotiva sulle rotaie e non la fa partire dalla stazione quella non arriverà mai dall' altra parte. E non ci saranno viaggiatori.

Ci vuole coraggio…
Beh, certo.

Sei continuamente alla ricerca di nuovi talenti. Questa ricerca avviene anche durante i tuoi viaggi in cui porti i tuoi artisti in giro. Proponi ma allo stesso tempo indaghi … cosa è che ti fa propendere verso uno o l' altro artista? Cosa fa scattare l' interesse?
Mi devono piacere, si. La musica è la prima cosa, anche se poi la musica e l'approccio musicale che hanno questi ragazzi non è quello dell'artista affermato. Per cui sai e speri che abbia delle potenzialità per crescere. Per cui secondo me il fatto musicale è importante, certo, ma non è l'unico focus principale su cui concentrarsi. Ciò che conta è un po' la persona a 360 gradi con tutte le sue sfaccettature, il suo mondo musicale, la sua anima. Per me è così.

Hai bisogno di una completezza insomma.
Si io ho bisogno di una completezza, è un po' come un embrione, una pupa che si trasforma in farfalla, per lo meno quella è la speranza.

E' anche una questione di intuito?
Si, intuito, nel senso che uno ci prova. Poi non siamo infallibili, naturalmente. Pur essendo gli artisti tutti bravissimi, non tutti escono fuori come all' inizio speriamo. Molti ma non tutti.

Giri molto per l'Italia, ma anche per l'Europa e hai il polso generale della situazione del Jazz a livello internazionale. Si potrebbe in Italia organizzare un Festival simile a questo che va in scena a Dublino?
Da Italiano spererei di si, tanto è vero che in questi anni di collaborazione e di rispetto reciproco tra la CAM Jazz e 12points abbiamo sempre avuto un rapporto ottimo: ieri abbiamo avuto una riunione con Gerry Godley, il direttore del festival, che ci ha coperto di complimenti, per cui credo di si. Mi piacerebbe che si organizzasse, ma credo che sia complicatissimo, perché questo è un festival molto vicino ai giovani e che interagisce strettamente con tutte le istituzioni coinvolte. Io non so se in Italia questo è possibile, non so se i vari istituti di cultura a Roma, a Milano, o comunque nelle varie città coinvolte siano poi così sensibili ad un progetto simile. Qui è spettacolare, funziona tutto a meraviglia, millimetrico: di solito in CAM Jazz diciamo che il 12points sembra un piccolo North Sea Jazz Festival. E' un ingranaggio oliatissimo, non c'è una sbavatura. E' bello, e soprattutto è bello il concept di invitare i ragazzi per tutta la durata del festival e farli interagire tra di loro. Organizzando conferenze, organizzando gite nei musei come è stato ieri mattina… è un po' militare la cosa, ma è goliardica allo stesso tempo, divertentissima. E infatti quando poi i ragazzi sono a briglie sciolte, quando non sono più nel canale delle istituzioni, vale a dire quando a mezzanotte vanno tutti al club delle Jam Sessions li vedi che si lasciano andare: ed è un piacere totale vederli suonare, interagire. Gente di estrazione di tutti i tipi, è bellissimo.

Se potessi indicare l' "ossigeno" che serve al Jazz, cosa indicheresti?
Il coraggio.

Hai in cantiere per CAM Jazz altre novità assolute riguardo giovani talenti?
Il 26 febbraio esce il cd di Alessandro Lanzoni giovanissimo pianista toscano, in trio, si chiama "Duck Flavour": ci sono un po' di standards e anche un po' di brani originali, come sempre accade in questa nostra etichetta dei giovani, così vediamo questi ragazzi come suonano ma anche come compongono, che penna hanno.






Articoli correlati:
21/07/2014

Keywords (Enrico Zanisi)- Alceste Ayroldi

19/05/2014

In Two Minds (John Taylor)- Alceste Ayroldi

23/12/2013

Viva V.E.R.D.I. (Giovanni Mirabassi Trio & Strings)- Francesco Favano

08/12/2013

Beyond (Mattia Cigalini)- Enzo Fugaldi

09/06/2013

Monk'n'nroll (Francesco Bearzatti Tinissima 4et)- Marco Losavio

31/03/2013

Live At Village Vanguard (Enrico Pieranunzi Trio)- Marco Losavio

24/03/2013

Intervista a Gerry Godley: Gerry Godley ci spiega il Jazz dei giovani musicisti europei.(Daniela Floris)

24/03/2013

Intervista a Enrico Zanisi: Ospite al Festival 12points di Dublino, perchè selezionato come artista italiano tra giovani di tutta Italia. "Non serve dovere fare qualcosa per innovare ma 'poter' fare qualcosa per esprimersi." (Daniela Floris)

16/03/2013

New Life (Antonio Sanchez)- Vincenzo Fugaldi

03/03/2013

Life Variations (Enrico Zanisi Trio)- Nicola Barin

01/08/2011

We Don't Live Here Anymore (Giovanni Guidi Quintet feat. Gianluca Petrella) - Dario Gentili

20/03/2011

House Of Cards (Fulvio Sigurtà) - Alceste Ayroldi

02/01/2011

In stride (Oregon)- Alessandro Carabelli

22/11/2009

Woman's Perfume (Antonio Faraò)- Roberto Biasco

14/11/2009

Intervista a Richard Galliano: "...utilizzare vari linguaggi è stata una necessità più che una scelta. Un fisarmonicista non può tagliare le sue radici. La fisarmonica non è mai servita a tracciare nuove strade musicali. Noi siamo necessariamente immersi nel nostro passato. E il nostro passato è quello di tantissimi musicisti di strada, gente che suonava ai balli popolari e nelle ricorrenze di paese. La fisarmonica, un organo portatile, non può prescindere da questa sua storia umile." (Marco Buttafuoco)

01/11/2009

The Unknown Rebel Band (Giovanni Guidi) - Vincenzo Fugaldi

06/06/2009

Dream Dance (Pieranunzi Johnson Baron)

01/02/2009

Live at the Village Vanguard (Martial Solal)

08/07/2007

Indian Summer (Giovanni Guidi)

17/03/2007

Ballads (Pieranunzi – Johnson – Baron)

01/02/2007

Journey to Donnafugata (Salvatore Bonafede)

17/11/2006

For the time being (Salvatore Bonafede)

19/03/2006

So Right (Maria Pia De Vito)

12/03/2006

Duologues (Jim Hall - Enrico Pieranunzi)

10/12/2005

Prime (Oregon)

14/08/2004

Scores (Paolo Fresu)

22/05/2004

Play Morricone 2 (Pieranunzi - Johnson - Barron)

22/05/2004

Journey to Donnafugata (Salvatore Bonafede)

17/12/2001

Play Morricone il CD che Enrico Pieranunzi in trio con Marc Johnson e Joey Baron ha dedicato alla musica di Ennio Morricone (Cam Jazz)







Inserisci un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


Questa pagina è stata visitata 1.817 volte
Data pubblicazione: 28/04/2013

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti