Jazzitalia - Articoli: Il jazzista suona la sua vita
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Il jazzista suona la sua vita
luglio2013
di Filippo Bianchi

Well when I was an attorney, a long time ago, young man, I realized after much trial and error, that in the courtroom, whoever tells the best story wins.
John Quincy Adams

Sonny Rollins & Filippo Bianchi

Nella miriade di serial che invadono quotidianamente gli schermi, ce n'era tempo fa uno, di carattere fantascientifico, che trovavo particolarmente appassionante e intelligente. Si chiamava Heroes e i suoi protagonisti erano ragazzi di vari paesi dotati di poteri non dati a noi umani. Uno di questi, il giapponese Hiro, a un certo punto sente la necessità morale di un viaggio a ritroso nel tempo che potrebbe costargli la vita: deve andare a salvare le storie che altrimenti decine di generazioni future non potranno sentir raccontare. L'origine delle storie è la tradizione; il loro destino, come suggerisce l'etimo, è di venir trasmesse, tramandate.

Il luogo comune vuole che il musicista di jazz, quando suona, "racconti una storia", e com'è noto spesso i luoghi comuni qualche verità la contengono. Quando il regista Franco Maresco ebbe la bontà di intervistarmi per il suo bellissimo film su Tony Scott, in conclusione della chiacchierata mi domandò: "Ma ci sono oggi degli eredi di Tony?". Gli dissi che c'erano molti valenti clarinettisti, ma che no, un vero e proprio erede non mi pareva alle viste. Al successivo "perché?" mi venne spontaneo rispondere "perché non ci sono più delle vite come quella di Tony Scott"...

Si sa che ormai le regole implacabili del marketing si applicano a qualsiasi cosa, perfino alla politica da un ventennio in qua: supponendo che tutto sia un immenso onnicomprensivo mercato, alle cui leggi bisogna sottostare. Giusta o sbagliata che sia questa visione, di certo ogni mercato è abitato da sellers (venditori) e buyers (compratori), ovvero produttori e consumatori: i primi continuamente in caccia dei secondi; li inseguono e li blandiscono cercando di convincerli che il loro prodotto è proprio il meglio che c'è.
Da qualche tempo invece, in questo Paese che ha perso il senno, si usa prendersela con il consumatore. Alle ultime elezioni locali, che non sono andate secondo i suoi desideri, Beppe Grillo si è risentito con chi non l'ha votato, coprendolo di insulti. Non è che ha fatto autocritica, come si usava fin troppo una volta; o che ha verificato se il "prodotto" era confacente alla domanda di mercato, come si usa fin troppo oggi. E il noto comico-politico non è l'unico ad aver adottato questa curiosa impostazione.
Infatti accade pure nel jazz che molti sellers (musicisti, produttori, agenzie) se la prendono con l'incompetenza di chi compra. E questa rabbia si veste di argomentazioni culturali, talvolta interessanti, spesso meno. I social network ridondano di questi malumori, talvolta confinanti con l'insulto. I buyers del jazz, in realtà, sono come il resto del mondo, più o meno competenti o appassionati. Le loro scelte sono guidate da parametri semplici: la disponibilità economica, i gusti personali, il gradimento che presumono otterranno da parte degli spettatori. Scegliere i musicisti da presentare al pubblico è il loro mestiere, precisamente come scegliere quale linguaggio o quale repertorio adottare compete al musicista. È sano che queste funzioni siano assolte senza interferenze.
E invece accade che i "venditori" accusino i "compratori" di essere soggetti alle intromissioni più disparate: il festival X ha messo in cartellone il musicista Y perché ha ceduto alle pressioni dell'agenzia X o della casa discografica Y o magari della Cia o della Spectre… Così inevitabilmente si sconfina nella rassicurante teoria del complotto: qualcuno congiura affinché un certo artista sia baciato dalla fama e un altro no. A questi improvvisati e sospettosi tribuni vorrei sommessamente ricordare che talvolta il problema non viene da fuori, ma da dentro. Per quanto ho potuto capire, le ragioni per cui certi musicisti sono più amati di altri sono largamente insondabili: alcuni hanno la fortuna o la capacità di arrivare più direttamente al cuore delle persone, di smuovere il loro sentire; altri, pur bravissimi, fanno più fatica.

È chiaro che anche la teoria del complotto contiene qualche elemento di verità: le grandi case discografiche, ad esempio, investono molto denaro su alcuni personaggi, e hanno mezzi promozionali per imporli al pubblico, trasformando quegli investimenti in alti profitti. Il caso di Giovanni Allevi è probabilmente il più vistoso. Occorre però rassegnarsi al fatto che il successo di questi personaggi non è dovuto solo a quei meccanismi promozionali, ma anche e soprattutto al fatto che il pubblico "di bocca buona", che scambia qualche ricciolo e qualche svolazzo sulla tastiera per arte, è molto più numeroso di quello disposto a recepire opere e linguaggi di una certa profondità e complessità. Ma il mercato del jazz è diverso da quello influenzato dalle major discografiche: è capillarmente diffuso ed è popolato da una miriade di soggetti; i suoi mezzi di promozione non sono gli spot televisivi, ma il passaparola e, oggi, i social network. Mezzi alla portata di tutti, rassegnandosi magari al fatto che, siccome i musicisti sono numerosissimi, la concorrenza è molto forte.
Forse, piuttosto che sull'invidia per il collega più fortunato, sarebbe preferibile concentrarsi sulla propria voce, e sulla propria biografia: se sono eccezionali il mondo se ne accorgerà; più che cercare di suonare come Sonny Rollins, bisognerebbe cercare di essere come lui…

Capisco che questi possano sembrare suggerimenti patetici a chi è cresciuto in quest'ultimo trentennio, dove la spinta dell'ambizione è risultata molto più forte di quella dell'ispirazione, ma sta di fatto che la frustrazione è raramente buona consigliera, e soprattutto è poco interessante per il pubblico, mentre una bella storia è irresistibile e, con un po' di fortuna, sempre più persone vorranno ascoltarla.

Molto tempo fa quando ero ancora un giovane avvocato, ho compreso, dopo molti processi ed errori, che in una corte di giustizia chiunque racconti la storia migliore vince.

- Tratto da PAN, n.2/2013

John Quincy Adams Heroes
Io sono Tony Scott (F. Maresco)





Articoli correlati:
26/12/2016

Tracce sfumate - Non imito Django Reinhardt (Roberto G. Colombo)- Marco Losavio

19/06/2016

Lo sviluppo dell'organizzazione concertistica e dei festival jazz dagli anni ottanta ad oggi (prima parte): "Affaire spinoso quello della memoria concertistica e festivaliera del jazz in Italia, perchè la confusione e le gesta leggendarie la fanno da padrone..." (Alceste Ayroldi)

12/06/2015

LEZIONI (chitarra): Analisi del brano "Doxy" di Sonny Rollins (Donatello Polidoro)

20/07/2014

Il jazz frontiera - orizzonte: "Quali sono le frontiere del jazz oggi? Io mi sono sempre chiesto se il jazz non sia, piuttosto che una frontiera, un orizzonte: non qualcosa che chiude, ma qualcosa che apre..." (Filippo Bianchi)

09/03/2014

Il "caso" Amanda Palmer: tra favola e mercato: Internet oggi e la possibilità di far "pesare i sentimenti alternativi: la prossimità, l'empatia, la solidarietà." (Filippo Bianchi)

11/12/2013

Jim Hall (1930 - 2013): "Listening is still the key" - Jim Hall

20/10/2013

Quattro chiacchiere con...Attilio Berni: Una collezione di sax unica al mondo: ogni strumento vintage è "vittima" della propria evoluzione ed è plasmato dall'alito vitale insufflato al suo interno da chi lo ha posseduto. (Alceste Ayroldi)

03/04/2013

Il jazz non è una setta, è un mondo...: "...il jazz è un po' come quelle fidanzate con cui si passa volentieri il tempo ma che ci si vergogna di esibire in pubblico." (Filippo Bianchi)

03/04/2013

Il mio Faraone: "Pharoah Sanders mi ha spalancato la porta del jazz, fino ad allora socchiusa, facendo emergere una fonte che la vita avrebbe poi rivelato inesauribile..." (Filippo Bianchi)

02/12/2012

Intervista a Pete LaRoca Sims: Per ricordarlo a pochi giorni dalla sua scomparsa, e mostrare quanto siano attuali le riflessioni di questo grandioso batterista, che ha segnato la storia del jazz. (Antonio Terzo)

26/08/2012

Umbria Jazz 2012 #2: Pat Metheny, Sonny Rollins, Wayne Shorter, Ambrose Akinmusire, Lydian Sound Orchestra, Ryan Truesdell Eastman Jazz Orchestra, Kenny Barron, Mulgrew Miller, Eric Reed & Benny Green, Sting...(Daniela Floris)

01/07/2012

L'"International Jazz Day" proclamato dall'Unesco: "Per la prima volta il jazz ha avuto un riconoscimento planetario: l'Italia aderisce allo spirito di quel lodevole consesso internazionale?" (Filippo Bianchi)

20/05/2012

"...un sentito tributo al clarinettista di origini salemitane con i clarinettisti Gabriele Mirabassi e Nicola Giammarinaro." (Vincenzo Fugaldi)

22/04/2012

Quattro chiacchiere con Filippo Bianchi: "Il jazz è contemporaneamente un luogo di "tradizione", con tutto il suo peso, e un luogo di "creazione", con tutti i rischi impliciti nelle anticipazioni." (Alceste Ayroldi)

26/12/2011

Una speciale guida di New York City seguendo la carriera di Sonny Rollins: da un articolo del New York Post, Sonny "Colossus" Rollins delinea un percorso di mete nella Grande Mela che rappresentano punti salienti della sua carriera e, di conseguenza, della Storia del Jazz.

20/11/2011

101 Microlezioni di Jazz (Filippo Bianchi e Pierpaolo Pitacco)- Alceste Ayroldi

18/08/2011

Gent Jazz Festival - X edizione: Dieci candeline per il Gent Jazz Festival, la rassegna jazzistica che si tiene nel ridente borgo medievale a meno di 60Km da Bruxelles, in Belgio, nella sede rinnovata del Bijloke Music Centre. Michel Portal, Sonny Rollins, Al Foster, Dave Holland, Al Di Meola, B.B. King, Terence Blanchard, Chick Corea...Questa decima edizione conferma il Gent Jazz come festival che, pur muovendosi nel contesto del jazz americano ed internazionale, riesce a coglierne le molteplici sfaccettature, proponendo i migliori nomi presenti sulla scena. (Antonio Terzo)

05/09/2010

Roccella Jazz Festival 30a Edizione: "Trent'anni e non sentirli. Rumori Mediterranei oggi è patrimonio di una intera comunit? che aspetta i giorni del festival con tale entusiasmo e partecipazione, da far pensare a pochi altri riscontri". La soave e leggera Nicole Mitchell con il suo Indigo Trio, l'anteprima del film di Maresco su Tony Scott, la brillantezza del duo Pieranunzi & Baron, il flamenco di Diego Amador, il travolgente Roy Hargrove, il circo di Mirko Guerini, la classe di Steve Khun con Ravi Coltrane, il grande incontro di Salvatore Bonafede con Eddie Gomez e Billy Hart, l'avvincente Quartetto Trionfale di Fresu e Trovesi...il tutto sotto l'attenta, non convenzionale ma vincente direzione artistica di Paolo Damiani (Gianluca Diana, Vittorio Pio)

09/07/2010

In diretta da Umbria Jazz 2010. (Marcello Migliosi)

26/04/2010

Live At Music City 1955 & More (Clifford Brown) - Alceste Ayroldi

14/11/2009

Sonny Rollins all'Auditorium di Roma: "...annuncia i propri ingressi con un senso della struttura formalmente perfetto, vigoroso, smarrito nel calore e nell'immediatezza dell'istante, in un pathos che non conosce né fraseggi declamatori né saccenti passi virtuosistici, ma solo passione e senso del divertissement." (Fabrizio Ciccarelli)

04/02/2009

Il secolo del jazz (Filippo Bianchi)

26/10/2008

"Tonyght Jazz", tributo a Tony Scott: "Un concerto irripetibile e di elevato livello culturale, in un momento in cui la cultura langue: sia per i musicisti coinvolti, alcuni appositamente chiamati, sia per il progetto entro cui la serata si inserisce. L'idea, infatti, nata dalla vulcanica mente e dal sensibile animo del regista Franco Maresco, è quella di realizzare un film-documentario sulla vita di un indimenticabile protagonista del jazz di tutti i tempi: Tony Scott." (Antonio Terzo)

21/07/2008

Speciale da Umbria Jazz 2008: «Continuità, stabilizzazione della struttura, mantenimento dei rapporti internazionali», sono questi gli imperativi su cui Regione dell'Umbria, Comune di Perugia e Umbria Jazz si impegneranno, sin dalla prossima edizione, per assicurare al Festival il giusto e sicuro futuro. (a cura di Marcello Migliosi)

27/05/2007

Gillespie, Blakey, Baker, Petrucciani, Rollins...le jazz pictures di Paolo Ferraresi

18/03/2007

Nuova gallery di quadri curata da Henk Mommaas

18/06/2006

Sonny Rollins all'Auditorium Parco della Musica: "Sonny Rollins è forse uno di quei pochi che non hanno più rimpianti né speranze e per questo può ancora cantare la gioia." (Daniele Mastrangelo)

04/03/2006

Musica e politica, oggi?! A colloquio con l'etnomusicologo e sassofonista Jerome Camal, assistente alla Washington University di Saint Louis (Franco Bergoglio)

28/01/2006

Ira Gitler intervista Sonny Rollins durante l'Annual Conference della IAJE: "Sin da giovane ho creduto ad una forza naturale che ci guida, ho uno spirito religioso, faccio yoga, ciò mi ha aiutato a vivere e a non farmi sopraffare dal materialismo..." (Patrizia Scascitelli)

09/10/2005

Due grandi per Jazz a Juan 2005, Keith Jarrett: "...fluidità, miriadi di delicatissimi accenti ricercati nel più profondo della propria anima, fraseggi vertiginosi che accompagnano e si incanalano verso armonie vibranti..." e Sonny Rollins: "...Magiche sonorità, piene, potenti, tutte di un fiato...esecuzioni magnifiche all'altezza del personaggio, protagonista indiscusso del jazz moderno..." (P. & B. Gianquintieri)





Video:
Sonny Rollins Digs Groucho Marx
A conversation with Theodore Walter Rollins, aka Sonny, from December 23, 2010. http://www.sonnyrollins.com...
inserito il 26/12/2010  da JazzVideoGuy - visualizzazioni: 3712
DARY -GRASSO Quintet "Sunday"
Nicolas DARY:tenor saxLuigi GRASSO:alto saxPasquale GRASSO: guitarMathias ALLAMANE:bassPhilippe SOIRAT:drumsLive Caveau de la Huchette 21/02/2010...
inserito il 16/03/2010  da JazzVideoGuy - visualizzazioni: 2859
Lester Young Centennial Celebration
This collection celebrates the mature Lester Young of the 1950s, a reminder of a time when he would blow into town for a week performing with a local ...
inserito il 03/10/2009  da JazzVideoGuy - visualizzazioni: 3015
Sonny Rollins in Vienne
http://www.jazzvideoguy.tv presents a preview of the first DVD by the saxophone colossus, Sonny Rollins., , To buy this DVD:, http://www.amazon.com/gp...
inserito il 23/10/2008  da JazzVideoGuy - visualizzazioni: 2845
What Makes Sonny Rollins Happy?
Playing the tenor saxophone. For all things Sonny, www.sonnyrollins.com...
inserito il 14/09/2007  da JazzVideoGuy - visualizzazioni: 2058
Sonny Rollins and Jim Hall (part 3)
Sonny Rollins and Jim Hall www.nuralema.splinder.com...
inserito il 29/01/2007  da sahishin - visualizzazioni: 2534
Sonny Rollins and Jim Hall (part 1)
http://nuralema.splinder.com Sonny Rollins Tenor Jim Hall guitar Bob Cranshaw bass Ben Riley deums...
inserito il 29/01/2007  da sahishin - visualizzazioni: 2745
Michael Brecker 1996 Interview - Practicing
Michael Brecker was interviewed by Bret Primack in 1996 about his then new release, Tales from the Hudson....
inserito il 27/01/2007  da JazzVideoGuy - visualizzazioni: 2765
Sonny Rollins - Tenor Madness
Solo transcription for Tenor Madness and other great Rollins solos: http://www.sonnyrollins.com , , This performance from the Antibes Jazz Festival, 2...
inserito il 30/12/2006  da JazzVideoGuy - visualizzazioni: 2514


Inserisci un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


Questa pagina è stata visitata 3.623 volte
Data pubblicazione: 14/07/2013

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti