Jazzitalia - Articoli: Il Darwinismo nel Jazz: evoluzione del brano 'Some Of These Days'
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Il Darwinismo nel Jazz: evoluzione del brano "Some Of These Days"
di Franz Falanga



Avete letto bene, ho detto darwinismo. Questa teoria funziona anche nel jazz ai massimi livelli. Voglio dimostrarvelo facendovi ascoltare come il brano Some Of These Days, inizialmente cantato da una cantante bianca, si sia poi evoluto in maniera esemplare fino ad approdare al magnifico universo jazzistico.

Partiamo dalla versione numero 1 cantata nel 1927 da Sophie Tucker, una cantante bianca americana che ci dà una versione sdolcinata e leziosa di questo brano che inizia con una lunga introduzione recitata che occupa mezzo disco per infiorettarlo subito dopo con un fraseggio giovanilista e wasp della più bell'acqua. Oltre tutto la Tucker è invecchiata male nel senso che andando avanti con gli anni indossava stivaletti da cow boy e un cappello a larghe tese anch'esso tipically country women. E questa versione l'abbiamo liquidata. Mi gioco un bel mucchietto di fruscianti verdoni per affermare che se la versione si fosse fermata qui il brano sarebbe entrato nel più desolante anonimato.


1927 Sophie Tucker canta Some of These Days

La seconda versione, sempre del 1927, fortunatamente la potremo ascoltare da Ethel Waters cantante afroamericana, che, pur non osando molto, ha avuto il grandissimo merito di ripulire da ogni leziosità il brano cantato dalla Tucker. Detto in soldoni, ci fa finalmente capire bene sia l'introduzione, questa volta cantata, sia il motivo nella sua interezza. Siamo già un passo avanti.


1927 Ethel Waters canta Some Of These Days

Arriviamo dunque alla terza versione. Siamo nell'anno di grazia 1932 dove un giovanissimo Bing Crosby, cantante bianco ma parecchio bravo e gagliardo, canta questo brano condendolo di richiami al jazz, addirittura facendo un assolo molto swingoso utilizzando lo scat, che è una specie di grammelot musicale. Si ascoltano certe leziosità, tipo gridolini con un quasi rantolo terminale, ma i bianchi stanno finalmente iniziando a capire il jazz. Penso sempre al grandissimo e mozartiano Bix Beiderbecke di origini teutoniche.


1932 Bing Crosby 1932 canta Some of These days

Et voilà la quarta versione, siamo nel 1937. Fra un anno Mussolini proclamerà in Italia le leggi razziali, in America i fratelli afroamericani, non se la passano neanche loro tanto bene, anzi. Il brano finalmente entra nell'universo nero, perché se ne impadronisce Cab Calloway che, usando tutta la sua violentissima componente istrionica, ci dà finalmente una versione di ottimo jazz di Some of These Days. Finalmente i miei fratelli afroamericani ribaltano tutto e, come si dice a Bari, "rompono il priso" (che è il vaso da notte) tirando fuori tutto quello che si potrebbe fare decostruendo e ricostruendo questo brano nato con un tristissimo "culo pallido".


1937 Cab Calloway canta Some of These Days

Siamo arrivati all'immediato dopoguerra. La regina del Jazz, Ella Fitzgerald, dà di questo brano la versione finalmente jazzata come Giove comanda. Ella mette tutti d'accordo, nel senso che se li pappa tutti e ci porta per mano in un universo sonoro splendido. Notare il felicissimo dialogo fra Ella e la band e lo straordinario finale rallentato con un glissato vocale che è l'essenza dello swing.
L'evoluzione si è completata nel senso che il brano è approdato su rive sicure dalle quali finalmente si può partire per lavorarci sopra. Tutto quello che non importava è andato a farsi benedire, si è consolidato l'elisir di Some of These Days che, se fosse restato ai suoi inizi, non se lo sarebbe cacato nessuno, e sarebbe morto di lì a poco. Fortunatamente hanno funzionato alla grande i meccanismi dell'evoluzione e, all'oggi, Some of These Days è diventata un'aquila reale dell'universo jazzistico. Mi pare proprio bene. A proposito di me che chiamo gli afroamericani jazzisti miei fratelli, vorrei ricordare che il Duca, il mitico Ellington, diceva: la gente E' la mia gente.


Siamo già nel dopo guerra. Ella Fitzgerald canta Some Of These Days






Articoli correlati:
18/11/2018

Intervista con Valentina Marino: "Nella mia musica non ci sono confini, non ci sono limiti, non ci sono categorizzazioni. La musica fluisce liquida e il jazz ci nuota dentro..." (Marco Losavio)

23/12/2017

LEZIONI (Storia): I duetti di Ella & Louis - Stars Fell on Alabama. (Maria Francesca Piazzolla)

29/06/2017

Ella Fitzgerald, "Live at Chautauqua, Vol. 2": la dedica della grande artista a Martin Luther King, assassinato solo tre mesi prima del concerto, e la storia della bobina originale

13/05/2012

LEZIONI (voce): Come si canta uno Standard: (alcune) istruzioni per l'uso (Ondina Sannino)

18/03/2012

LEZIONI (Storia): I duetti di Ella & Louis #2: analisi del brano "Under the balnket of Blue". (Maria Francesca Piazzolla)

08/12/2011

LEZIONI (Storia): I duetti di Ella & Louis #2: analisi del brano "Don't be that way". (Maria Francesca Piazzolla)

27/11/2011

"Perdido" e "Go Down Moses": un paio di perle del caro Satchmo. (Franz Falanga)

24/10/2011

LEZIONI (Storia): I duetti di Ella & Louis (Maria Francesca Piazzolla)

13/06/2010

Ella Fitzgerald Sings The Cole Porter Song Book (Ella Fitzgerald) - Alceste Ayroldi

26/09/2009

Le radici siciliane di Frank Sinatra: La ricostruzione delle connessioni tra il più grande crooner e la Sicilia oltre ad un'analisi della sua "jazzità": "...si potrà discutere sulla percentuale del successo che spetti personalmente a Sinatra e su quella da riconoscere ai suoi arrangiatori, Nelson Riddle, Neal Hefti, Billy May, Quincy Jones, Don Costa ecc., veri registi occulti dei suoi successi, ma una cosa è assolutamente certa: senza quegli arrangiamenti "il Re sarebbe (un po') nudo"." (Claudio Lo Cascio)

12/09/2008

Intervista a Minnie Minoprio: "Per me il Jazz è la liberazione di sensazioni e sentimenti personali attraverso la creatività momentanea. Tutto ciò che è pre-ordinato, già scritto, eseguito ad unisono con altri non è jazz. Per questo motivo prediligo e ritengo esaltanti i musicisti tradizionali, che pur senza tecnica sopraffina offrono all'ascolto molto di più delle semplici note, qualcosa di fisico e prezioso, gli altri sono bravi esecutori ma si limitano a distinguersi per una interpretazione più o meno riuscita..." (Alceste Ayroldi)

13/04/2008

La Compagnia di canto ed allestimento del New York Harlem Theatre e l'Orchestra del Teatro Regio di Parma insieme mettono in scena Porgy and Bess: "...è innanzitutto un'opera vitale e moderna. L'edizione proposta è quella che Gershwin stabilì come definitiva nel suo testamento, affidando ad una fondazione l'esecuzione esatta della sua volontà. Ed è ancora fresca nella sua ambientazione, il vicolo di un quartiere nero di una città fluviale del Sud degli USA..." (Marco Buttafuoco)

15/03/2008

Presso lo Studio 57 Fine Arts, sulla 57a West a New York, vicinissimo alla Carnegie Hall, agli show di Broadway, al Lincoln Center, vi sono delle uniche e rare litografie di Al Hirschfeld che ritraggono alcuni tra i più rinomati musicisti jazz... (R. Zlokower)

23/02/2008

Nella Terra dell'U (Franz Falanga)

23/05/2005

Unforgettable Ella (Lil Darling Hot Club)





Video:
Ella Fitzgerald Live Jazz festival in Cannes 1958 part II
Fore the Others Parts contact me...
inserito il 15/07/2011  da lounisproduction - visualizzazioni: 2992
Bing Crosby & Ella Fitzgerald - Children songs
Jazz•Street / Bing Crosby & Ella Fitzgerald - Children songs...
inserito il 10/06/2009  da TheJazzStreet - visualizzazioni: 2878
Bing Crosby & Ella Fitzgerald - Children songs
Jazz•Street / Bing Crosby & Ella Fitzgerald - Children songs...
inserito il 10/06/2009  da TheJazzStreet - visualizzazioni: 2600
The BOBCATS " Big Noise From Winnetka " !!!
RARE OLDIES SOUNDIES WITH THE BOBCATS ! The Bob-Cats, was a Dixieland jazz group with members from the Bob Crosby Orchestra. Both the Bob Crosby Orche...
inserito il 09/04/2009  da JUSTASITTINANDAROCK - visualizzazioni: 2937
Ella Fitzgerald - "Summertime" (TV Special 1968)
Ella Fitzgerald sings "Summertime" (from "Porgy and Bess" - George and Ira Gershwin) in a TV Special from 1968., (From Globo TV, B...
inserito il 16/03/2009  da Gringoverdeamarelo - visualizzazioni: 3229
Ella Fitzgerald, Nancy Wilson, & Al Jarreau Performs
20th NAACP Image Award-1988 Amazing performance from Nancy Wilson and Al Jarreau. Also Ella Received the President's Award and gave an outstanding per...
inserito il 03/01/2009  da Rmasai - visualizzazioni: 2582
Ella Fitzgerald, Nancy Wilson, & Al Jarreau Performs
20th NAACP Image Award-1988 Amazing performance from Nancy Wilson and Al Jarreau. Also Ella Received the President's Award and gave an outstanding per...
inserito il 03/01/2009  da Rmasai - visualizzazioni: 2691
BABY,IT'S COLD OUTSIDE / LOUISE JORDAN & ELLA FITZGERALD
????????????...
inserito il 28/12/2008  da knuckletc - visualizzazioni: 2034
Ella Fitzgerald and Joe Pass - Cry me a river (1975)
Ella Fitzgerald and Joe Pass together in this magnificent performance of "Cry me a river"....
inserito il 19/10/2008  da bretodeau - visualizzazioni: 3180
Ella Fitzgerald, Caterina Valente, Perry Como
Ella Fitzgerald and Caterina Valente are joined by Perry Como...
inserito il 15/04/2008  da 12031947 - visualizzazioni: 2860
Caterina Valente
Caterina Valente on the Perry Como show...
inserito il 15/04/2008  da 12031947 - visualizzazioni: 3109
Ella Fitzgerald sings Body and Soul
Ella stars as guest in Frank Sinatra's TV program "A Man and his Music" in the 70's....
inserito il 16/02/2008  da cssison - visualizzazioni: 2920
Ella Fitzgerald - Round Midnight
Ella Fitzgerald sings "Round Midnight"., , Piano: Oscar Peterson, Bass: Ray Brown, Drums: Ed Thigpen , Composer: Thelonious Monk, (UK, 1961)...
inserito il 16/12/2007  da guachifluchi - visualizzazioni: 3207
Ella Fitzgerald - A-Tisket, A-Tasket
Ella Fitzgerald - A-Tisket, A-Tasket http://www.imdb.com/title/t......
inserito il 20/06/2007  da ninenine - visualizzazioni: 2795
Ella sings "Stormy Weather" with Joe Pass, Hannover 1975
Ella sings "Stormy Weather" with Joe Pass, Hannover 1975...
inserito il 13/02/2007  da diegodobini2 - visualizzazioni: 2457
Ella Fitzgerald : One note Samba (scat singing) 1969
June 22, 1969 jazz vocalist Ella Fitzgerald with accompaniment by Ed Thigpen on drums, Frank de la Rosa on bass, and Tommy Flanagan on piano....
inserito il 26/01/2007  da diegodobini2 - visualizzazioni: 2985


Inserisci un commento


© 2000 - 2018 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


Questa pagina è stata visitata 6.255 volte
Data pubblicazione: 27/11/2011

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti