Jazzitalia - Articoli: Franco Cerri: parte #1
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Franco Cerri
Chitarrista Jazz, Compositore e Didatta

Tesi di Laurea di:
Marco Vitali

Relatore:
Prof. Vincenzo Caporaletti

Anno Accademico 2007/2008

- Parte 1 -

Prefazione
Devo anzitutto ringraziare il professor Vincenzo Caporaletti che mi ha consigliato ed aiutato nel prendere la difficile decisione di elaborare una tesi su Franco Cerri. Inizialmente ero spaventato dall'idea di intraprendere una ricerca su un chitarrista fondamentale del panorama non solo italiano ma mondiale. Successivamente ho accettato questa sfida e mi sono appassionato sempre di più a questo lavoro. Man mano che andavo avanti vedevo crescere in me la voglia di non lasciare nulla al caso e di trattare l'argomento in modo esaustivo e preciso.
Man mano che progredivo nello studio mi sono anche reso conto che esiste tutto un altro mondo nel quale si è sviluppata la musica jazz, rispetto a quanto da me creduto. Inizialmente ero abituato ad ascoltare e seguire soltanto la "scena" Americana e poco mi interessavo a quello che era accaduto e che succedeva nel mio paese. Grazie a questa ricerca ho aperto gli occhi ed ho scoperto moltissimi grandi artisti italiani che non conoscevo, e ho potuto così colmare parte delle mie lacune. Nella trattazione della biografia e della relativa discografia di Franco Cerri ho iniziato a reperire informazioni anche su moltissimi artisti con i quali il maestro ha collaborato. Ho avuto anche avuto la fortuna di poterlo intervistare nella sua scuola di Milano. In quella occasione sono venuto a contatto con una vera e propria icona del jazz, una persona stupenda che si è dimostrata molto disponibile nonostante i moltissimi impegni. Nell'agosto del 2008 il maestro insieme alla sua band ha tenuto un concerto a Recanati dopo quasi venti anni. Come lui stesso ha sottolineato commosso durate la propria esibizione l'ultima volta che aveva suonato in questo paese era in compagnia di suo figlio Stefano. In questa occasione ho potuto vedere all'opera un musicista che non sente affatto il peso degli anni e ascoltare di persona quello che ero abituato a sentire sui dischi. Anche in questa occasione ho avuto il piacere di fare una breve chiacchierata con lui e di illustrargli i miei progressi e le mie difficoltà. Credo che questo lavoro sia servito notevolmente alla mia crescita musicale e umana.

Marco Vitali
Novembre 2007

Introduzione di Franco Cerri
Prima di cominciare la trattazione della mia tesi di laurea vorrei riportare in modo integrale la parte iniziale dell'intervista fatta a Franco Cerri. Di questa sua premessa mi ha particolarmente colpito che nonostante tutto il successo ottenuto negli anni Franco Cerri sia rimasto una persona discreta, disponibile e molto professionale.

«Prima di iniziare vorrei fare una piccola introduzione. Vorrei anzi tutto dire che sono una persona che non ha mai assistito ad una lezione di musica in vita sua. Tutto ciò che conosco lo ho imparato da solo. Sento la mancanza della parte accademico didattica che mi avrebbe senz'altro aiutato a capire bene le cose. Muti mi diceva sempre che ero fortunato perché non ero mai venuto a contatto con la scienza infinita che è la musica. Con questo oceano. Lo diceva anche Stravinskij! So un sacco di cose ma non so i loro nomi specifici. Non mi interessano le scale, le faccio ma non so che si chiamano così né mi interessa. Suono in modo automatico. Quando si suona non c'è tempo per pensare, non posso pensare se mettere una scala misolidia o una pentatonica, la musica va avanti! So leggere e scrivere la musica ma ho imparato tutto da solo. Pensi che durante la mia carriera molti ragazzi che ho incontrato mi hanno accusato di essere la causa di molte cose che oggi si studiano. Ho avuto la fortuna di riuscire a percepire con immediatezza la musica che viene eseguita e suonare di conseguenza. Amo quello che faccio, mi piace il jazz e la musica e mi ritengo molto fortunato di avere avuto questa opportunità…"» [1].

Il Contesto Storico: il Radicamento del Jazz in Italia
Diamo un sintetico sguardo preliminare al panorama musicale da cui è emersa la figura di Franco Cerri.
Negli anni precedenti la seconda guerra mondiale In Italia si conosceva poco della rivoluzione musicale che stava avvenendo negli Stati Uniti con la diffusione della musica jazz. Questo genere musicale nasce e si sviluppa in America agli inizi del Novecento dall'incontro, grosso modo, di elementi melodico-armonici di origine europea e di elementi timbrico-ritmici di derivati dalla cultura afro-americana. Questa visione piuttosto schematica, in ogni caso, è stata messa molto in discussione: cfr. Gerhard Kubik, "Presenza della musica africana nel jazz", in Jean Jaxques Nattiez, Enciclopedia della musica, Einaudi, 2001, pp. 1064-1101).

La parola "jazz" deriva il suo significato originario dalla sfera sessuale. Non si conosce l'esatta data di nascita del jazz come genere ben definito e distinto ma il termine jazz entra nell'uso corrente intorno al 1913-1917 [2]. Il primo disco di jazz è stato realizzato a New York nel 1917 dalla Original Dixieland Jazz Band formazione guidata dal trombettista italo americano Nick La Rocca[3].
Nonostante i maggiori contatti avvennero durante il secondo conflitto mondiale il jazz si diffuse in Italia anche negli anni precedenti. Questo genere musicale si sviluppò e diffuse in Italia grazie all'avvento prima del disco e poi della radio. L'esordio radiofonico di questo genere musicale avviene nel 1926 a Milano dove viene trasmesso un programma animato dalla jazz band del maestro Stefano Ferruzzi [4]. Inizialmente il costo dei vari apparecchi era piuttosto elevato ma il regime fascista e lo stesso Benito Mussolini intuirono subito l'importanza del mezzo per la propaganda politica ed attuarono dei piani per la riduzione dei costi. Contribuirono così anche se in maniera involontaria ad una prima diffusione della musica afro–americana[5].
Nel 1927 uscì The Jazz Singer, (Il cantante Jazz) di Clan Crosland, considerato il primo film sonoro della storia,, anche se in realtà era stato preceduto da altri esperimenti.[6] La sincronizzazione tra il suono e la scena proiettata fu così trasmessa per la prima volta e il film prodotto dalla Warner Brothers riscosse un enorme successo di pubblico. Fu trasmesso al Warner's Theatre di New York il 6 ottobre. La colonna musicale non fu appositamente composta ma comprendeva composizioni classiche, arrangiamenti fatti per l'occasione e canzoni del repertorio del cantante Al Jolson [7]. Il film arrivò nelle sale Italiane l'anno successivo [8]. Il film è costruito sulla figura del famosissimo cantante Al Jolson che risulta essere anche l'attore che esegue i brani [9].

Negli anni 1928 e 1929 si riscontra un boom nelle vendite dei dischi. I prezzi variavano dalle 8 alle 32 lire in base al formato (20 o 30 centimetri) [10]. Già negli anni successivi al primo conflitto mondiale fiorirono nel nostro paese alcune orchestre che proponevano la musica americana anche se la diffusione della musica jazz rimase un fenomeno ridotto. Molti musicisti attivi in America emigrarono infatti in Europa dopo il crollo della borsa di Wall Street e la conseguente crisi del 1929. Molti di loro si ritrovarono senza lavoro e furono spinti a cercare una situazione più favorevole all'estero [11]. Il jazz che arrivò in Italia era di due matrici: quella di colore (hot) per lo più strumentale e improvvisativa e quella bianca (straight) orchestrale e basata sulla ripetizione continua del tema che passava a turno ai vari strumenti [12]. E' senza dubbio il secondo filone che si è diffuso maggiormente in Italia. Nella versione orchestrale era assente la parte improvvisativa e la musica proposta serviva ad accompagnare i balli [13].

I maggiori esponenti che hanno contribuito alla diffusione della musica jazz nel nostro paese furono: Pippo Barzizza, Angelo Cinico Angelini, Carlo Zeme con le loro orchestre. Nell'orchestra di Barzizza coesistono strumenti ad arco propri della tradizione europea, fiati, contrabbasso e batteria derivati dalle big band americane e anche la fisarmonica [14]. L'ispirazione dai quali prendevano spunto era quella delle grandi orchestre d'oltre oceano ma a differenza delle stesse quelle italiane erano stabili perché avevano dei finanziamenti pubblici. Questo contribuì alla loro longevità tanto che rimasero attive dal 1935 al 1942 [15]. Un altro esponente di spicco di questo periodo è Gorni Kramer. Kramer (una delle prime collaborazioni importanti di Franco Cerri) è stato uno dei primi compositori ed esecutori attivi in Italia negli anni trenta. Fisarmonicista e compositore di Mantova, Kramer con il suo complesso ristretto si ispirava al quartetto di Benny Goodman  e al Quintette du Hot Club de France Di Stéphane Grappelly e Django Reinhardt [16].

Durante la seconda metà degli anni 20 fino alla prima metà degli anni 30 la musica jazz, che fino a quel momento non era stata troppo ostacolata dal regime fascista, inizia ad avere le prime censure verbali. Queste si fecero durante gli anni sempre più dure e pressanti [17]. Le interdizioni effettive arrivarono più tardi [18]. La musica afro - americana era infatti espressione privilegiata delle nazioni con le quali l'Italia del regime fascista era entrata in attrito [19]. Il termine jazz che fino agli anni ‘30 era utilizzato regolarmente per radio inizia a diradarsi. Come se non bastasse, il 3 ottobre 1935 l'Italia intraprese la campagna per la conquista dell'Etiopia e il regime non voleva diffondere per radio musiche di origine africana: anzi, cercò di rilanciare le musiche di origine italica[20]. Una delle rarissime eccezioni fu l'esibizione a Torino del trombettista e cantante Louis Armstrong (New Orleans, 4 ago 1901 – 6 lug 1971) nel 1935. Suonò insieme alla sua orchestra per due sere poi a causa di problemi al labbro dovette disdire. E' stato l'unico caposcuola del jazz (hot) insieme al clarinettista Sidey Bechet che si è esibito in Italia prima della seconda guerra mondiale. Nello stesso anno venne fondato a Milano il circolo Hot Jazz [21].
Nel 1938 l'Italia si avvicina alla Germania di Hitler e sono promulgate anche nel nostro paese le prime leggi razziali. L'avvento della legislazione razziale porta alla scomparsa dei repertori jazz via radio [22]. Nel 1942 arriva anche il divieto di vendita dei dischi americani [23].

Tutti gli artisti del periodo furono costretti a modificare i titoli dei brani del repertorio americano che eseguivano e presentarli come pezzi italiani per non imbattersi negli interventi di censura del regime fascista. Si tramutarono così i nomi dei più celebri musicisti Americani "italianizzandoli". Così Duke Ellington divenne il Duca, Louis Armstrong Luigi Braccio Forte e Benny Goodman Beniamino Buon Uomo. Anche i titoli dei brani venivano cambiati. Standard famosissimi quali St. Louis Blues e Stompin' at the Savoy divennero rispettivamente Le tristezze di San Luigi e Savoiardi. Questo era l'unico modo per poter suonare del jazz "di nascosto". E' stato questo ambiente di rigida censura che Franco Cerri ha dovuto affrontare e nel quale è cresciuto e si è formato agli inizi della sua carriera chitarristica [24].

Alla fine della seconda guerra mondiale con lo sbarco delle truppe statunitensi in Italia (1943) si rilevò di nuovo una diffusione questa volta molto intensa del jazz. I soldati americani avevano portato con loro i V disc, che devono il loro nome da Victory Disc (dischi della vittoria), 78 giri incisi da grandi orchestre come quelle di Glenn Miller, Benny Goodman, Duke Ellington, Count Basie, i fratelli Tommy e Jimmy Dorsey e da artisti come Louis Armstrong. Sono stati prodotti dal 1942 al 1948, ideati dal dipartimento della difesa americano e venivano distribuiti ai militari impegnati nel secondo conflitto mondiale. Nei prima anni Quaranta la vitalità di questa musica costituiva sollievo e svago per i soldati. Vengono create anche delle big band militari che seguivano l'esercito nei suoi spostamenti. Queste orchestre erano composte da un numero variabile di elementi. L'organico di base era composto da: contrabbasso, batteria, pianoforte, clarinetto, tromba, trombone ma poteva arrivare a comprendere fino a quattordici elementi [25]. Dopo il secondo conflitto mondiale viene fondata nel 1945 la rivista «Musica e jazz» poi divenuta «Musica Jazz» [26]. Il jazz ormai è divenuto anche parte integrante del nostro mondo.


[1] Comunicazione personale effettuata da Franco Cerri a Milano il 20 dicembre 2005.
[2] Lewis Porter, Jazz: A Century of Changes, New York, Schirmer Books, 1997, pp.1-12
[3] Cfr Lewis Porter e Ullman, Jazz from Its Origins to the Present, Englewood Cliffs, NJ, Prentice Hall, 1993, pp. 27 sgg.
[4] Luca Cerchiari, Jazz e fascismo, Dalla nascita della radio a Gorni Kramer, Palermo, L'Epos, 2003, p. 18.
[5] Ibid., p. 20.
[6] Cfr. Alberto Boschi, Dal Muto al sonoro, in Gian Piero Brunetta (a cura di), Storia del cinema mondiale, vol. II, pp. 465-486.
[7] Elvidio Surian, Manuale di storia della musica vol. 4, Milano, Rugginenti, 1995, p. 165.
[8] Luca Cerchiari, Jazz e fascismo dalla nascita della radio a Gorni Kramer, Palermo, L'epos, 2003, p. 56.
[9] Ennio Simeon, Manuale di storia della musica nel cinema, Milano, Rugginenti, 1995, p. 165.
[10] Adriano Mazzoletti, Il jazz in Italia dalle origini alle grandi orchestre, Torino, Edt, 2004, p. 317.
[11] Marco Pasetto, Jazz la via della musica afro americana, Colognola ai Colli, Demetra, 1998, p. 49.
[12] Luca Cerchiari, Jazz e fascismo dalla nascita della radio a Gorni Kramer, Palermo, L'epos, 2003, p. 54.
[13] Adriano Mazzoletti, Il jazz in Italia dalle origini alle grandi orchestre, Torino, Edt, 2004, p. 37
[14] Luca Cerchiari, Jazz e fascismo dalla nascita della radio a Gorni Kramer, Palermo, L'epos, 2003, p. 24.
[15] Ibid., p. 26.
[16] Ibid., p. 29.
[17] Ibid., p. 35.
[18] Adriano Mazzoletti, Il jazz in Italia dalle origini alle grandi orchestre, Torino, Edt, 2004, p. 66.
[19] Luca Cerchiari, Jazz e fascismo dalla nascita della radio a Gorni Kramer, Palermo, L'epos, 2003, p. 23.
[20] Ibid., p. 70.
[21] Adriano Mazzoletti, Il jazz in Italia dalle origini alle grandi orchestre, Torino, Edt, 2004, p. 273.
[22] Ibid., p. 81.
[23] Ibid., p. 153.
[24] Intervista personale di Franco Cerri rilasciata a Milano il 20 dicembre 2005.
[25] AA.VV., Il jazz e la sua storia, Firenze, La Biblioteca, 1998, p. 36.
[26] Marco Pasetto, Jazz la via della musica afro americana, Colognola ai Colli, Demetra, 1998, p. 138.






Articoli correlati:
04/10/2015

Intervista a Matteo Brancaleoni : "...ho fatto il mio primo disco con Renato Sellani di cui ho un ricordo splendido, quando penso a lui mi viene molta malinconia ma allo stesso tempo mi viene un sorriso perchè era un amante della musica e della vita." (Laura Scoteroni)

21/09/2014

Franco Cerri meets Umbria Jazz Clinics 2014: "Il racconto del chitarrista italiano ha incantato gli studenti per la semplicità di comunicazione da lui utilizzata, nonostante la sua grandezza artistica, ma soprattutto perchè ambientato in un periodo lontano da noi, pre e post seconda guerra mondiale..." (Giusy Casanova)

08/08/2010

Intervista a Franco Cerri: "Credo che nonostante tutto io sia stato molto fortunato. Sono arrivato a ottanta anni e ho avuto moltissime soddisfazioni. Sono riuscito a fare un mestiere molto bello. Ho suonato con un sacco di gente e ho collaborato con molti dei musicisti che stimavo e dai quali ho preso spunto...." (Marco Vitali)

07/03/2010

La storia di Franco Cerri: "Franco Cerri inizia la sua attività didattica negli anni ottanta in concomitanza della collaborazione con il suo amico e pianista Enrico Intra. Tutto scaturisce dall'importanza di trasmettere le sue conoscenze ad altri..." (Marco Vitali)

15/11/2009

Franco Cerri, parte #3: aspetti dello stile performativo e creativo (Marco Vitali)

15/11/2009

Franco Cerri, parte #4: aspetti dello stile performativo e creativo. Armonizzazione di Caravan (Marco Vitali)

15/11/2009

Franco Cerri, parte #5: aspetti dello stile performativo e creativo. Armonizzazione di My Funny Valentine (Marco Vitali)

15/11/2009

Franco Cerri, parte #6: aspetti dello stile performativo e creativo. Brano originale, Isola (Marco Vitali)

15/11/2009

Franco Cerri, parte #7: aspetti dello stile performativo e creativo. Brano originale, Deep You (Marco Vitali)

01/11/2009

Franco Cerri, la vita, lo stile, parte #2: "...Franco Cerri nasce nella periferia di Milano il 29 gennaio del 1926 da una famiglia indigente dove non c'era molto spazio per la cultura. I libri erano considerati un bene di lusso e non vi era molto tempo da dedicare alla lettura..." (Marco Vitali)

11/10/2009

E venia da' campi che di Cerri sentia (Franco Cerri Quartet) - Giuseppe Mavilla

25/01/2008

Divino Jazz 2007, Musica, danza, vino ed altro per palati raffinati: "...il Jazz ha ricoperto il ruolo primario con una trasversalità di contenuti ed atmosfere, che hanno sempre mantenuto alta l'attenzione ed il gradimento dell'uditorio. Il programma, infatti, ha presentato un alternarsi di accezioni espressive che sono apparsi più nelle loro significative peculiarità, che negli evidenti contrasti stilistici." (Francesco Peluso)

18/03/2007

Just Smile (Matteo Brancaleoni with Renato Sellani)

26/02/2007

European Jazz Expò, International Talent Showcase a Cagliari: "Antonello Salis con la sua musica, la magia delle note che scorrono dalle sue mani al pianoforte, ha di nuovo incantato gli spettatori...La salita, come al solito, silenziosa sul palco e subito a sfiorare, schiacciare, percuotere, i tasti bianchi e neri..." (Enzo Saba)

14/07/2006

Jazz in Italy in The 50s (Umberto Cesari, Nunzio Rotondo, Armando Trovajoli)

20/05/2006

Franco Cerri: In punta di dita (Vittorio Franchini)

06/02/2006

Franco Cerri: ottant'anni suonati!! Teatro Arcimboldi, Milano - 28 gennaio 2006 (Giorgio Alto)

25/06/2005

Intervista a Franco Cerri: "...La musica è veramente una medicina di cui tutti abbiamo bisogno. Dopo tanti anni non ne posso fare a meno..." (Alceste Ayroldi)

02/04/2005

Playing with Music (Michele Di Toro)

27/12/2004

Franco Cerri al Museo della Scienza e della Tecnica: "...Franco Cerri è generoso di idee e di affetto, e chiunque resta sedotto dalla sua delicatezza, che in alternanza ad una intensa passionalità crea dei vortici sonori in cui è molto dolce naufragare...." (Veronica Vismara)





Video:
? Gorni Kramer e la sua Orchestra ? Chicago ? Video & Audio Restaurati HD
Dalla trasmissione: Giardino D'Inverno del 1961 il grande Maestro Gorni Kramer Tele Ricordi è il canale di flaniman (Su questa TiVù li appre...
inserito il 30/10/2011  da flaniman2 - visualizzazioni: 3519
Gorni Kramer
Gorni Kramer...
inserito il 27/06/2010  da maggio1972 - visualizzazioni: 2842
Gorni Kramer
Gorni Kramer...
inserito il 27/06/2010  da maggio1972 - visualizzazioni: 2184
Intervista a Franco Cerri (concerto con Barney Kessel)
Intervista a Franco Cerri durante un intervallo di un concerto con Barney Kessel che, insieme a Diango Reinhardt, Wes Montgomery, Jim Hall, George Ben...
inserito il 05/10/2009  da francocerriFC - visualizzazioni: 2931
Barney Kessel e Franco Cerri
Barney Kessel e Franco Cerri in un bel momento musicale rilassato e istruttivo, davanti a un uditorio prevalentemente giovane....
inserito il 01/10/2009  da francocerriFC - visualizzazioni: 2520
Tal Farlow e Franco Cerri
Promo del concerto di Tal Farlow e Franco Cerri a Valenza nel 1991....
inserito il 01/10/2009  da francocerriFC - visualizzazioni: 2849
Aldo Farias &Franco Cerri Divino jazz festival
Bluesette...
inserito il 08/01/2009  da Rarebirds10 - visualizzazioni: 3096
Antonio Onorato e Franco Cerri (Corcovado)
Lago di Como...
inserito il 04/09/2007  da domrnico61 - visualizzazioni: 2874
Antonio Onorato e Franco Cerri (Blues in Bb)
Lago di Como...
inserito il 04/09/2007  da domrnico61 - visualizzazioni: 2631
Antonio Onorato e Franco Cerri(Out of nowhere)
Lago di Como...
inserito il 01/09/2007  da domrnico61 - visualizzazioni: 3034
Jazz Session [Varios Artistas]
Jazz Session [Nicola Arigliano - Franco Cerri - Gianni Basso - Bruno De Filippi Video (Sanremo 4 Marzo 2005)]...
inserito il 31/01/2007  da Recoaro - visualizzazioni: 2826


Inserisci un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


Questa pagina è stata visitata 10.150 volte
Data pubblicazione: 01/11/2009

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti