Jazzitalia: la musica jazz a portata di mouse...
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Henghel Gualdi
Ricordo di Gianni Basso
testimonianza a cura di Marco Losavio

Henghel è stato il più grande clarinettista in Italia, senz'altro. Lo ricordo con la massima stima. L'ultima volta che l'ho visto è stato in occasione di un concerto che la mia città, Asti, mi ha dato l'opportunità di organizzare. E' stato il 31 marzo 2005 e il concerto prevedeva alcuni ospiti che io ritenessi importanti. Ho invitato Dusko Goykovich, Renato Sellani, Piero Angela, che stimo molto come persona, Dino Piana e Henghel Gualdi. Credo sia stato uno dei suoi ultimi concerti. Doveva suonare tre pezzi, dopo il primo si vedeva che era stanco. Il secondo fu il famoso Stardust che però non riuscì a terminare e il terzo non lo suonò. Era nel backstage, insieme al fratello, stava male, chiese di andare via. E' l'ultima immagine che ho di Gualdi che però anche quella sera eseguì uno Stardust che si ascolta raramente così bene. Era il suo cavallo di battaglia, esponeva la melodia in modo straordinario ma poi improvvisava anche, utilizzava i bisacuti, era grandissimo.



Henghel oltre a suonare jazz ha suonato molto nei dancing room che lo hanno reso molto popolare anche attraverso la radio e la televisione ma lo ha sempre fatto con livelli assoluti. Ha dato molto alla buona musica, alla bella musica. Gualdi ha dato molto come maestro di musica e di vita, uno che ha sempre dato un buon esempio come professionista e anche come uomo. Con lui è finita un'epoca, uno stile, era The King. Io so cosa significa suonare così bene il clarino, l'ho provato e poi l'ho lasciato preferendo il sax. Conosco le difficoltà pertanto quando sento cosa era in grado di fare, non posso non ritenerlo il migliore. Lui scelse il suo strumento almeno 40 anni fa e non lo ha mai mollato, aveva le chiavi dorate. Una reliquia. Penso che nessuno possa riuscire a raggiungere la sua classe.

Un altro aspetto che vorrei ricordare era la sua predisposizione alle gag. Come tutti i romagnoli aveva sempre la battuta pronta, lo scherzo, contrariamente alla maggiorparte dei musicisti jazz, lui era scherzoso, aveva sempre battute pronte. Una volta mi disse: "lo sai che uno mi ha chiesto il coro del Nababbo...?" oppure "una volta uno mi ha chiesto la Contessa Ro...", ironizzando sul titolo "Con te sarò". Mi raccontò che una volta vide salire un piccolo ragazzo di colore sul palco che gli chiese di suonare. Inizialmente lo ignorò poi, data l'insistenza, gli dette l'opportunità di suonare...era Johnny Griffin. Quando lo sentì si scusò mille volte per non averlo riconosciuto...Era un personaggio fantastico. Amava anche bere vino buono e tutte le volte che veniva da queste parti mi chiedeva sempre una bottiglia di barbera, anche quella sera del 31 marzo 2005.

Lo vedo ancora come un personaggio "maggiore", come diciamo noi, un umile che sapeva farsi valere. Ho suonato spesso in duo con lui, clarino e sax, era dura. Se dovessi suonare in questo momento un pezzo per lui...credo mi chiederebbe Body and Soul perchè a lui piaceva molto ascoltare ciò che da uno strumento veniva al meglio e Body and Soul è estremamente adeguata per il suono di un sax. Poi, probabilmente gli suonerei Stardust, come omaggio.


Body and Soul
Gianni Basso - sax tenore
Teo Ciavarella - piano
Lele Barbieri - batteria
Felice Del Gaudio - contrabbasso

Insieme abbiamo lavorato dappertutto. Un altro mio concittadino, Giancarlo Pillot, stravedeva per Gualdi perchè lo faceva vivere. Gualdi sapeva lavorare, nel senso che in qualunque ambiente si trovava lui sapeva star bene e far star bene soprattutto chi lo accompagnava come musicista e credo che tutti coloro che hanno lavorato con lui possano testimoniare questa cosa.

Ha scritto tanta musica, ha lasciato e lascerà soltanto bei ricordi e spero che i giovani lo apprezzino e che lo considerino nei loro percorsi di studio. Lo chiamavano il Benny Goodman italiano ma, guardate, io ne ho sentiti di clarinettisti di alto livello compresi Buddy De Franco, Eddie Daniels o gli italiani Glauco Masetti e Attilio Donadio, ma Gualdi faceva parte di quella piccola famiglia di grandi clarinettisti, del gruppo di testa...senza dubbio.

Il miglior clarinettista che abbia conosciuto!! Abbiamo perso un grande pezzo della storia musicale d'Italia.


Pagina iniziale
File Audio e Video

Intervista a Nando Giardina - Doctor Dixie

Ricordo di Renzo Arbore
Ricordo di Pupi Avati
Ricordo di Luigi Barion
Ricordo di Gianni Basso
Ricordo di Franco Cerri
Ricordo di Teo Ciavarella, Lele Barbieri
 
  Felice Del Gaudio, Annibale Modoni
Ricordo di Gianni Giudici

Ricordo di Marcello Rosa
Ricordo di Jimmy Villotti
La Doctor Dixie Jazz band






Articoli correlati:
12/12/2018

Addio a Carlo Loffredo, tra i padri del Jazz in Italia: "Ho suonato con Louis Armstrong, Dizzy Gillespie, Django Reinhardt, Stephan Grappelli, Teddy Wilson, Oscar Peterson, Bobby Hachett, Jack Teagarden, Earl "father" Hines, Albert Nicholas, Chet Baker, i Four Fresmen, i Mills Brother, e basta qui."

01/11/2017

Reggio Emilia Jazz 1925-1991. dalla provincia al mondo (Giordano Gasparini)- Aldo Gianolio

05/08/2014

LEZIONI (Trascrizioni): Like Someone in Love - Gianni Basso (Andrea Lucchesi)

05/05/2014

Beginnin of modern jazz in Milano (AA. VV.)- Marco Losavio

20/10/2013

Quattro chiacchiere con...Attilio Berni: Una collezione di sax unica al mondo: ogni strumento vintage è "vittima" della propria evoluzione ed è plasmato dall'alito vitale insufflato al suo interno da chi lo ha posseduto. (Alceste Ayroldi)

22/01/2011

Sincopato Tricolore (Guido Michelone)- Alceste Ayroldi

24/04/2010

Steppin' Out (Idea 6)- Luca Civelli

18/04/2010

Una vita con il sax (Armando Brignolo)- Marco Losavio

09/12/2007

Dedicated To Henghel (Alfredo Ferrario)

23/06/2007

Italian Sessions (Patti Wicks )

18/03/2007

Just Smile (Matteo Brancaleoni with Renato Sellani)

17/02/2007

Jazz italiano, l'influenza della Civiltà Musicale Afro-Americana nell'Italia dell'immediato secondo dopoguerra: "Lo swing era presente nel repertorio delle più importanti orchestre di ballabili della penisola da almeno una ventina d'anni, e la canzone italiana lo aveva assimilato più o meno inconsciamente dando vita al genere cosiddetto «swing all'italiana»." (Matteo Pagliardi)

04/01/2007

Un esclusivo reportage attraverso i festival piemontesi: "E' possibile percorrere centinaia di chilometri e ascoltare note di jazz senza uscire da una sola regione del nostro paese: Il Piemonte. Attraverso piccole città, paesi che sono ricordati solo per essere parte di una periferia, paesi che fanno parte di province troppo vaste per essere nominati singolarmente, si può vivere un viaggio a tappe, piacevolmente forzate, per rispondere ad un urgenza: il jazz." (Alessandro Armando)

15/06/2006

16 giugno 2005: un anno fa la scomparsa di Henghel Gualdi lasciava un grande vuoto oggi ancora più forte. Jazzitalia lo ricorda attraverso le testimonianze di: Nando Giardina della Doctor Dixie Jazz Band, Renzo Arbore, Pupi Avati, Lele Barbieri, Luigi Barion, Gianni Basso, Franco Cerri, Teo Ciavarella, Felice Del Gaudio, Gianni Giudici, Annibale Modoni, Marcello Rosa, Jimmy Villotti...

02/04/2006

Bye Bye Luciano Fineschi. Ricordando uno dei maggiori esponenti dello swing italiano scomparso nella notte del Fuoco... (Olga Chieffi)

19/02/2006

Nel 2001 Romano Mussolini, in un bar, ci ha rilasciato un'intervista che però non ha mai voluto che venisse pubblicata, per evitare troppa visibilità ed eventuali strumentalizzazioni. Oggi, pubblicandola, abbiamo ritenuto di rendergli omaggio. (Giovanni Masciolini)

15/02/2006

Franco Chiari, vibrafonista, fondatore del Sestetto Swing Roma. Una vita dedicata alla musica, al jazz...(Fabio Chiari)

03/09/2005

Makin Whoopee - Stormy Weather (Andrea Pozza)

02/09/2005

Intervista a Giovanni Masciolini, direttore artistico di Assisi Notti Jazz, festival jazz che si terrà nella splendida cittadina umbra dal 5 al 9 settembre.

25/06/2005

Intervista a Franco Cerri: "...La musica è veramente una medicina di cui tutti abbiamo bisogno. Dopo tanti anni non ne posso fare a meno..." (Alceste Ayroldi)

10/10/2004

Gian Carlo Roncaglia noto giornalista, studioso e appassionato di jazz ci ha lasciato lo scorso 28 giugno. Jazzitalia, grazie alla collaborazione di Piemonte-Magazine e della famiglia Roncaglia, pubblica quindici articoli inerenti la storia del jazz a Torino che ha visto transitare in più di cinquant'anni i nomi più prestigiosi italiani e internazionali. (Gian Carlo Roncaglia)

16/07/2004

Emilia Laura Facetti, in arte Laura Villa, ha cantato con i più famosi musicisti brasiliani di jazz-samba trapiantati in Francia negli anni '60. E' stata la prima interprete in Europa dei più noti temi di Tom Jobim, Menescal e dello stesso Sivuca. (Paco Garro jr.)

07/06/2004

Giampiero Boneschi ricorda il trombonista Mario Pezzotta: "Quando prendevamo parte a qualche concerto, ce lo contendevamo per averlo in auto: le sue storie impensabili ma vere erano incredibili..."

06/01/2004

Gorni Kramer, i suoi solisti e i Tre Negri - 3 (Gorni Kramer)

21/10/2003

Intervista a Renato Sellani: "...la musica per me è rimasta un hobby non una vera professione perchè la musica mi stanca...cerco di farla in un modo piuttosto preciso secondo il mio carattere che è troppo sensibile...". (Ernesto Losavio)

14/02/2003

Al Mocambo di Udine, negli anni 40-50, si suonava il be-bop, la notte, per pochi appassionati. Walter Notari era un violinista formidabile che insieme al grande Cesàri, Masciolini, Laudenzi e Graziani suonava fino all'alba in questo locale del nord-est d'Italia... (Giovanni Masciolini)

22/09/2002

Jazz Italiano: Sergio Coppotelli. "Lo swing, l'armonia, la pronuncia, l'improvvisazione, il cuore e la poesia, che non devono mai essere disgiunti dalla tecnica, sono gli elementi fondanti di questa musica, senza i quali il jazz perde tutto il suo fascino."

29/08/2002

Musica Jazz e Arti Visive. L'artista e la sua anima nella musica, nella pittura, nella scultura. (Giovanni Masciolini)

23/03/2002

The Complete TULLIO MOBIGLIA della Riviera Jazz Record. Un documento del jazz italiano del periodo 1941 - 1946.

04/03/2002

Miro Graziani, l'ultimo dei ragazzotti assisani...

12/01/2002

JAZZ ITALIANO: Polvere di Stelle. Il terzo CD di Aldo Masciolini e i suoi compagni di viaggio.

07/12/2001

Alfio Galigani, saxofonista, clarinettista, flautista, tutta la sua vita per la musica, per il jazz. Una testimonianza bella e preziosa.

10/11/2001

Adriano Mazzoletti, un'istituzione del giornalismo jazz italiano, parla di storia, di molti musicisti, dell'amico Cesàri e...non risparmia i critici.

10/10/2001

Oscar Toson, un pianista del jazz italiano: "...suonavamo nei locali, all'una finivamo e allora magari dopo un'insalata di pollo o di riso...due bicchieri di birra, o anche di vino, ci mettevamo in tre o quattro e suonavamo jazz!"

05/09/2001

Agosto 1962 - Jazzisti liberi. Il racconto di una storica jam session di Masciolini, Laudenzi, Graziani, Battistelli e Angeli.

28/06/2001

: Il mito di Umberto Cesàri. Brani audio e articoli.

22/06/2001

Intervista a Guido PISTOCCHI.

05/06/2001

Intervista a Lino Patruno.

17/04/2001

Intervista a Marcello Rosa.

15/03/2001

Intervista a Carlo Loffredo

07/03/2001

Intervista a Riccardo Laudenzi

09/02/2001

Jazz, una passione, una vita (Giampiero Boneschi)

27/01/2001

Jazz in Italy in the 40s (Giampiero Boneschi)

19/01/2001

Il jazz italiano da night dal dopo guerra al 1968 (Giovanni Masciolini)

16/12/2000

Jazz italiano: Sergio Battistelli, lettera ad un amico scomparso.

01/12/2000

Jazz Italiano: Aldo Masciolini, una vita per il jazz con sample audio.





Video:
Jazz Session [Varios Artistas]
Jazz Session [Nicola Arigliano - Franco Cerri - Gianni Basso - Bruno De Filippi Video (Sanremo 4 Marzo 2005)]...
inserito il 31/01/2007  da Recoaro - visualizzazioni: 3455


Invia un commento

© 2000 - 2006 Jazzitalia.net - Tutti i diritti riservati

© 2000 - 2019 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.

Questa pagina è stata visitata 4.250 volte
Data ultima modifica: 11/02/2008

Bookmark and Share


Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti