Jazzitalia: la musica jazz a portata di mouse...
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novità

Henghel Gualdi
Ricordo di Renzo Arbore
testimonianza a cura di Marco Losavio


Henghel Gualdi, Renzo Arbore e Nando Giardina
Cantina - Bologna

Gualdi è stato uno dei motivi per cui ho scelto di suonare il clarinetto, insieme a Franco Tolomei che, purtroppo, anche lui non c'è più. In America avevano i vari Albert Nichols, Benny Goodman, Buddy De Franco ecc…in Italia avevamo Gualdi.

Quando l'ho conosciuto mi ha sorpreso moltissimo la sua modestia, tipica di quelli che sanno suonare veramente. Ho avuto la fortuna di fare un concerto ad Umbria Jazz (nell'81 o '82) che ricordo con grande gioia, eravamo quattro clarinettisti: Lucio Dalla, Pupi Avati, io ed Henghel Gualdi. Al vibrafono c'era Paolo Conte e poi c'era la Doctor Dixie.

S
uccessivamente ho avuto la fortuna di suonare con lui a Bologna in un concerto memorabile con circa 100 musicisti e, siccome un confronto diretto era ovviamente improponibile, ricordo che ci divertimmo moltissimo nel suonare Making Whoopie dove io cantavo e lui ripeteva le frasi al clarinetto.

Era una persona dolcissima, un maestro di questo strumento e solo la sua riluttanza nel viaggiare ha impedito che diventasse famosissimo anche a livello internazionale oltre che in Italia. Quando Henghel suonava, i musicisti italiani in grado di poter competere con gli americani erano pochissimi e lui era sicuramente uno di questi che, secondo me, non temeva il confronto.

Di lui ricordo questa grande passione che aveva per il jazz al punto da spingerlo a suonare ogni venerdì gratis, nella Cantina a Bologna con la Doctor Dixie di Nando Giardina, costituita da dilettanti, bravi, ma comunque dilettanti. Lui lo faceva pur di suonare jazz.

Ha lasciato un grande vuoto ed è comunque insostituibile per tanti motivi nonostante oggi vi siano molti clarinettisti bravi come Bepi D'amato, da Pescara, che suona faticosamente cercando di costruire gruppi in modo da poter proporre la musica jazz, c'è Gianni Sanjust che ha un bel fraseggio, Claudio Porelli, Luca Velotti che suona anche con Paolo Conte e tanti altri. In genere, però, non mi preoccupo del fatto che questi grandi musicisti non vengano sostituiti perché per fortuna oggi abbiamo una generazione di jazzisti bravissimi che sono veramente insuperabili a livello internazionale. Bollani, Rava, Rea e tanti altri suonano un jazz che si può anche considerare originale, suonano con fantasia mentre tra gli americani finisce che poi nessuno eccelle tranne rari casi. Forse non dovrei dirlo...ma quando mi capita di suonare, mi diverto molto di più con gli italiani che con gli americani.

In ultimo, un brano che vorrei dedicargli è Sweet Georgia Brown che è stato anche un suo cavallo di battaglia e poi penso anche ad un brano di sua composizione che scrisse per il film "Aiutami a sognare/Help me to Dream" di Pupi Avati era un brano che nella sua jazzicità aveva un sapore italiano…
Renzo Arbore



..::Le fotografie del concerto ad Umbria Jazz::..




Pagina iniziale
File Audio e Video

Intervista a Nando Giardina - Doctor Dixie

Ricordo di Renzo Arbore
Ricordo di Pupi Avati
Ricordo di Luigi Barion
Ricordo di Gianni Basso
Ricordo di Franco Cerri
Ricordo di Teo Ciavarella, Lele Barbieri
 
  Felice Del Gaudio, Annibale Modoni
Ricordo di Gianni Giudici

Ricordo di Marcello Rosa
Ricordo di Jimmy Villotti
La Doctor Dixie Jazz band





Articoli correlati:
28/12/2013

Evviva l'Italia del Jazz (o Jass che dir si voglia): "Il jazz in televisione e, particolarmente alla RAI, ha subìto una flessione drammatica per anni e anni, sopraffatto da talent e porcherie simili, fino a quando, nel 2011, siamo stati improvvisamente svegliati dal nostro torpore culturale da un barlume..." (Marco Losavio)

20/10/2013

Quattro chiacchiere con...Attilio Berni: Una collezione di sax unica al mondo: ogni strumento vintage è "vittima" della propria evoluzione ed è plasmato dall'alito vitale insufflato al suo interno da chi lo ha posseduto. (Alceste Ayroldi)

22/01/2011

Sincopato Tricolore (Guido Michelone)- Alceste Ayroldi

18/04/2010

Una vita con il sax (Armando Brignolo)- Marco Losavio

01/06/2008

Ragtime, Jazz & dintorni - La musica sincopata da Scott Joplin al Terzo Millennio - (Gildo De Stefano)

09/12/2007

Dedicated To Henghel (Alfredo Ferrario)

23/06/2007

Bibbidi Bobbidi Boop (Boops Sisters)

17/02/2007

Jazz italiano, l'influenza della Civiltà Musicale Afro-Americana nell'Italia dell'immediato secondo dopoguerra: "Lo swing era presente nel repertorio delle più importanti orchestre di ballabili della penisola da almeno una ventina d'anni, e la canzone italiana lo aveva assimilato più o meno inconsciamente dando vita al genere cosiddetto «swing all'italiana»." (Matteo Pagliardi)

15/06/2006

16 giugno 2005: un anno fa la scomparsa di Henghel Gualdi lasciava un grande vuoto oggi ancora più forte. Jazzitalia lo ricorda attraverso le testimonianze di: Nando Giardina della Doctor Dixie Jazz Band, Renzo Arbore, Pupi Avati, Lele Barbieri, Luigi Barion, Gianni Basso, Franco Cerri, Teo Ciavarella, Felice Del Gaudio, Gianni Giudici, Annibale Modoni, Marcello Rosa, Jimmy Villotti...

02/04/2006

Bye Bye Luciano Fineschi. Ricordando uno dei maggiori esponenti dello swing italiano scomparso nella notte del Fuoco... (Olga Chieffi)

19/02/2006

Nel 2001 Romano Mussolini, in un bar, ci ha rilasciato un'intervista che però non ha mai voluto che venisse pubblicata, per evitare troppa visibilità ed eventuali strumentalizzazioni. Oggi, pubblicandola, abbiamo ritenuto di rendergli omaggio. (Giovanni Masciolini)

15/02/2006

Franco Chiari, vibrafonista, fondatore del Sestetto Swing Roma. Una vita dedicata alla musica, al jazz...(Fabio Chiari)

02/09/2005

Intervista a Giovanni Masciolini, direttore artistico di Assisi Notti Jazz, festival jazz che si terrà nella splendida cittadina umbra dal 5 al 9 settembre.

25/06/2005

Intervista a Franco Cerri: "...La musica è veramente una medicina di cui tutti abbiamo bisogno. Dopo tanti anni non ne posso fare a meno..." (Alceste Ayroldi)

10/10/2004

Gian Carlo Roncaglia noto giornalista, studioso e appassionato di jazz ci ha lasciato lo scorso 28 giugno. Jazzitalia, grazie alla collaborazione di Piemonte-Magazine e della famiglia Roncaglia, pubblica quindici articoli inerenti la storia del jazz a Torino che ha visto transitare in più di cinquant'anni i nomi più prestigiosi italiani e internazionali. (Gian Carlo Roncaglia)

16/07/2004

Emilia Laura Facetti, in arte Laura Villa, ha cantato con i più famosi musicisti brasiliani di jazz-samba trapiantati in Francia negli anni '60. E' stata la prima interprete in Europa dei più noti temi di Tom Jobim, Menescal e dello stesso Sivuca. (Paco Garro jr.)

07/06/2004

Giampiero Boneschi ricorda il trombonista Mario Pezzotta: "Quando prendevamo parte a qualche concerto, ce lo contendevamo per averlo in auto: le sue storie impensabili ma vere erano incredibili..."

06/01/2004

Gorni Kramer, i suoi solisti e i Tre Negri - 3 (Gorni Kramer)

21/10/2003

Intervista a Renato Sellani: "...la musica per me è rimasta un hobby non una vera professione perchè la musica mi stanca...cerco di farla in un modo piuttosto preciso secondo il mio carattere che è troppo sensibile...". (Ernesto Losavio)

14/02/2003

Al Mocambo di Udine, negli anni 40-50, si suonava il be-bop, la notte, per pochi appassionati. Walter Notari era un violinista formidabile che insieme al grande Cesàri, Masciolini, Laudenzi e Graziani suonava fino all'alba in questo locale del nord-est d'Italia... (Giovanni Masciolini)

22/09/2002

Jazz Italiano: Sergio Coppotelli. "Lo swing, l'armonia, la pronuncia, l'improvvisazione, il cuore e la poesia, che non devono mai essere disgiunti dalla tecnica, sono gli elementi fondanti di questa musica, senza i quali il jazz perde tutto il suo fascino."

29/08/2002

Musica Jazz e Arti Visive. L'artista e la sua anima nella musica, nella pittura, nella scultura. (Giovanni Masciolini)

23/03/2002

The Complete TULLIO MOBIGLIA della Riviera Jazz Record. Un documento del jazz italiano del periodo 1941 - 1946.

04/03/2002

Miro Graziani, l'ultimo dei ragazzotti assisani...

12/01/2002

JAZZ ITALIANO: Polvere di Stelle. Il terzo CD di Aldo Masciolini e i suoi compagni di viaggio.

07/12/2001

Alfio Galigani, saxofonista, clarinettista, flautista, tutta la sua vita per la musica, per il jazz. Una testimonianza bella e preziosa.

10/11/2001

Adriano Mazzoletti, un'istituzione del giornalismo jazz italiano, parla di storia, di molti musicisti, dell'amico Cesàri e...non risparmia i critici.

10/10/2001

Oscar Toson, un pianista del jazz italiano: "...suonavamo nei locali, all'una finivamo e allora magari dopo un'insalata di pollo o di riso...due bicchieri di birra, o anche di vino, ci mettevamo in tre o quattro e suonavamo jazz!"

05/09/2001

Agosto 1962 - Jazzisti liberi. Il racconto di una storica jam session di Masciolini, Laudenzi, Graziani, Battistelli e Angeli.

28/06/2001

: Il mito di Umberto Cesàri. Brani audio e articoli.

22/06/2001

Intervista a Guido PISTOCCHI.

05/06/2001

Intervista a Lino Patruno.

17/04/2001

Intervista a Marcello Rosa.

15/03/2001

Intervista a Carlo Loffredo

07/03/2001

Intervista a Riccardo Laudenzi

09/02/2001

Jazz, una passione, una vita (Giampiero Boneschi)

27/01/2001

Jazz in Italy in the 40s (Giampiero Boneschi)

19/01/2001

Il jazz italiano da night dal dopo guerra al 1968 (Giovanni Masciolini)

16/12/2000

Jazz italiano: Sergio Battistelli, lettera ad un amico scomparso.

01/12/2000

Jazz Italiano: Aldo Masciolini, una vita per il jazz con sample audio.





Video:
Blue Stuff - L'Acqua è poca (live blues @ Renzo Arbore Show)
Great live perfomance at Renzo Arbore show "Speciale per me": the Blue Stuff and their neapolitan blues (from Naples - Italy)...
inserito il 12/02/2010  da LiriBlues - visualizzazioni: 1955
YouTube- Renzo Arbore amp Lino Patruno Jazz Show - It Had to be You.avi
...
inserito il 20/12/2009  da theVIDEOMUSIC2008 - visualizzazioni: 2264
Magoni Spinetti Mamma mia dammi 100 lire + I will survive
Petra magoni e Ferruccio Spinetti...
inserito il 04/02/2007  da xpoirotx - visualizzazioni: 2472
Blue Stuff - Fuje Pascalì (live at Renzo Arbore's Show)
Live perfomance at Renzo Arbore's show "Speciale per me"...
inserito il 23/01/2007  da bluestuffitaly - visualizzazioni: 1696


Invia un commento

© 2000 - 2006 Jazzitalia.net - Tutti i diritti riservati

© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.

Questa pagina è stata visitata 7.466 volte
Data ultima modifica: 11/02/2008

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti