Jazzitalia: la musica jazz a portata di mouse...
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Henghel Gualdi
Ricordo di
Teo Ciavarella - Lele Barbieri - Felice Del Gaudio - Annibale Modoni
testimonianze a cura di Marco Losavio


Teo Ciavarella, Lele Barbieri, Henghel Gualdi, Felice Del Gaudio


Memories of You
Bologna, Europauditorium, 29 novembre 1997
Henghel Gualdi - clarinetto
Teo Ciavarella - piano
Felice Del Gaudio - contrabbasso
Lele Barbieri - batteria

Teo Ciavarella - pianoforte
Ho conosciuto Gualdi nell'82 quando sono arrivato a Bologna per gli studi universitari. L'ho incontrato presso la Cantina della Doctor Dixie, luogo d'incontro e fucina di molti giovani musicisti. Dopo le sue prime note al clarinetto fui letteralmente incantato dal suo modo di suonare, dalla sua maestrìa, la sua voce. Sapeva coniugare la pronuncia jazzistica con un grande senso dello swing e aveva un suono rotondo, che mi piace definire pucciniano e che lo rendeva davvero unico.

Ricordo che eravamo a Fano nel '90 e il concerto venne interrotto per pioggia così ci rifugiammo tutti in un club a suonare. Appena iniziato il nostro concerto scese dalla scalinata Paquito D'Rivera il quale eccitato cominciò ad affrettarsi nella discesa curioso di capire chi stesse suonando il clarinetto. Alla fine del brano D'Rivera si inginocchiò chiedendogli chi fosse e pregandolo di suonare qualsiasi cosa insieme.

Gualdi era sconosciuto nel mondo del jazz internazionale e in Italia era noto soprattutto per la sua attività nelle orchestre da ballo, cosa che non gli è stata mai perdonata dai critici musicali. Lui, scherzandoci, diceva che con le orchestre da ballo si era "sporcata la fedina"...

Abbiamo fatto centinaia di concerti insieme. La scaletta era una sua piccola ossessione. Ogni sera preparavamo la lista dei brani, lui voleva costruire la scaletta, come un rito, un momento fondamentale del concerto. Amava profondamente il suo lavoro e non l'ho mai visto triste perchè, ad esempio, gli mancava il lungo periodo delle sue apparizioni in televisione, non avvertiva la mancanza dei riflettori e conduceva tutto sommato una vita molto artigianale, viveva alla giornata.

Aveva un grande senso dell'ironia e amava molto la buona cucina, voleva mangiare prima e dopo il concerto, accompagnandosi con dell'ottimo Lambrusco.

Negli ultimi anni si era anche un po' rassegnato alla mancanza di notorietà raccontando questo suo stato d'animo con affetto nel suo libro intitolato "Poteva andare meglio", un'autobiografia piena di rimpianti e di tanta ironia.

Henghel non nutriva invidia per nessuno, aveva un generale rispetto dei colleghi ma era profondamente consapevole delle sue grandi qualità tecniche ed espressive e non si sentiva secondo a nessuno.



Abbiamo suonato tanta musica insieme, ma quando suonava Stardust, andava altrove, come in trance, avvolto in una misteriosa liturgia. Chiudeva gli occhi e viaggiava in un'altra dimensione. Avveniva anche con The man I love, Memories of You e altre ballads. Non ripeteva mai le stesse cose, quei patterns che spesso i musicisti suonano per aiutarsi negli assoli. In questi momenti noi musicisti che lo accompagnavamo ci guardavamo sorridendo, esterrefatti per ciò che stava creando, per la sua profonda poesia musicale.

Con Henghel ho sempre avuto un ottimo rapporto, c'era un rapporto fraterno, anche paterno direi. Non amava gli errori di esecuzione, imprecisioni ritmiche o accordi sbagliati...lo mandavano in bestia. Ma con il passare degli anni maturava sempre di più in lui la consapevolezza della relatività delle cose e quindi riusciva a vivere anche le imperfezioni come momenti di crescita e non di tensione.

I sue due più grandi rimpianti sono entrambi legati all'America. Il primo è sicuramente stato quello di non aver seguito Louis Armstrong il quale  aveva una stima profonda, sincera nei suoi confronti (e non so quanti sono sono i musicisti italiani che possono vantare questa referenza nel proprio curriculum). Gualdi ha sempre accompagnato Armstrong in Italia, anche nella famosa uscita di Sanremo del 1968. Armstrong propose a Gualdi di seguirlo e di far parte del suo gruppo ma lui non accettò perchè, come scusa ufficiale, aveva paura dell'aereo. Una volta stava andando un America per incontrare Benny Goodman, il suo idolo, ma l'aereo appena partito da Milano fu costretto ad atterrare e i passeggeri dovettero scendere con il gommone. Si spaventò talmente e giurò di non veler prendere mai più un aereo nella sua vita. Superò comunque questa paura nel '90 quando partecipò ad una grandiosa tournèe al seguito di Luciano Pavarotti. Durante questi concerti Henghel suonava brani come Un Americano a Parigi, After you've gone, Stardust, ovviamente..., un tour di grande successo e Pavarotti riuscì a convincerlo a volare dicendogli: "pensa, se dovesse cadere l'aereo diventeresti famosissimo perchè sullo stesso aereo di Pavarotti!!!".

Con Armstrong ha sempre avuto poi un rapporto affettuoso che è continuato nel tempo. Erano nati lo stesso giorno, il 4 luglio, e ogni anno Armstrong inviava alla mamma di Gualdi dei fiori per ringraziarla di aver messo al mondo un figlio come Henghel.

Non aver dato seguito all'amicizia con Benny Goodman è il suo secondo rimpianto. Conobbe Goodman durante le riprese di un film di Risi a Roma e nacque una bella amicizia. Avrebbe voluto seguirlo, in America.

Il suo orgoglio erano le sue origini. Ha vissuto in pieno la IIa Guerra Mondiale e da ragazzino ha subito dovuto lavorare. Il suo lavoro è stato fondamentale per la sua famiglia e ciò lo ha sempre reso orgoglioso. Amava le cose semplici, si nutriva di semplicità. Musicalmente aveva un grande rigore, studiava tutti i giorni e prima di ogni concerto riscaldava lo strumento almeno per un'ora.

L'eredità che mi ha lasciato Henghel è che la musica è un grande mistero, dalla nostra cultura, dalle nostre competenze e abilità, ma c'è una finestra, una dimensione inspiegabile che si può aprire e quando questa finestra si apre accade qualcosa di magico. A lui accadeva spesso. Poi mi ha insegnato che si deve praticare la musica quotidianamente e sempre con rigore e semplicità, senza il senso di competizione che spesso avvelena il nostro ambiente. Come ho già detto, non invidiava alcun collega ma ascoltava la musica di tutti con grande interesse per trarne gli aspetti più interessanti.

Un ultima cosa vorrei raccontare di Henghel, un aspetto non legato alla sua vita artistica ma fondamentale per descrivere il suo carattere. Viveva in perfetto stile "Amici Miei", organizzava scherzi in continuazione, era grande amico di Tognazzi, con il quale aveva concepito alcuni scherzi resi celebri nei film. Ne racconto uno. Una sera doveva suonare con la sua orchestra in un locale nuovissimo, completamente ristrutturato, bellissimo. Il gestore ne era, ovviamente, orgoglioso e lui, dopo le prove gli disse: "sa, è bellissimo, ma c'è un grave problema". E il gestore, preoccupato: "quale? Mi dica, Maestro...", "c'è un serio problema di acustica...". Il gestore gli chiese come poter risolvere questo problema e Gualdi gli disse: "sa, si dovrebbe fare un foro dietro al palco in modo che il suono possa meglio uscire dalla sala e propagarsi meglio verso l’esterno...". Nonostante la cosa fosse inverosimile, riuscì a convincere il gestore a fare questo buco! Ovviamente in quel locale non sono più tornati... 

Felice Del Gaudio - contrabbasso
Ho cominciato a collaborare con Henghel 10 anni fa e l'impressione che ebbi fu duplice: da una parte si manifestava in me un traguardo importante nella mia carriera, dall'altra sentire di meritarmi ogni volta la fiducia che lui mi concedeva. Ho imparato con lui a non dare niente per scontato. Bastava un suo sguardo severo per farti capire che in quel momento non c'era "tiro" e toccava a me, come suo contrabbassista, prendere le decisioni del caso. Insieme a Teo e Lele abbiamo affrontato viaggi in ogni dove, ogni volta sembrava di andare a fare una gita fuori porta; buona compagnia, aneddoti pepati e non di un mondo musicale, per noi giovani, sconosciuto e pieno di fascino. Gli anni 40, 50, 60, la guerra, il dopoguerra, gli anni della ricostruzione. Il tutto visto e vissuto da un grande musicista.

Gli ho chiesto 4 anni fa una sua prefazione ad un mio metodo sul basso e lui mi disse "proprio io, sono onorato di ciò". Questo era Henghel.

2 anni fa mi disse che il libro sulla sua vita, "Poteva andare meglio", era stato ritirato dal mercato ed il suo editore era disposto a vendere le ultime copie. Io le comprai tutte e lui fu molto felice. Una volta durante un concerto mentre suonavamo mi chiese in senso geografico "dove siamo?" ed io risposi "The man I love". Dapprima mi diede un occhiataccia poi si mise a ridere. Si era creata una famiglia e di questo lui era contento e non vedeva l'ora di ripartire. Potrei continuare per ore ma tante emozioni sono inspiegabili, poi se ne è andato all'improvviso che ogni tanto penso che debba tornare da un momento all'altro per un altro concerto...Grazie Henghel

Lele Barbieri - batteria
Preferirei ricordare Henghel per quel che riguarda il suo carattere. Giocavamo molto. Durante i viaggi, quando era in macchina con me, si scherzava in continuazione. Partendo da qualsiasi cosa, anche il nome di una città, come Anagni. Pronunciandola cominciava un gioco di parole fino ad arrivare a gnomi e così via...Era anche un gran fumatore e mi affumicava sempre l'auto...Si stava molto bene con lui, come persona. Gli piaceva molto il modo in cui guidavo la macchina perchè diceva che ero tranquillo, mi chiamava "il biondo"...

Mi fa molto piacere che come batterista mi abbia fatto sempre i complimenti. Era molto esigente per quel che concerne la base ritmica e io gli andavo bene anche perchè suonavo piano, senza prevaricare. Tante volte non è solo una questione di bravura è proprio una questione di adeguatezza, anche di simbiosi. Sai, a quell'ètà, certi musicisti a volte ti fanno pesare la loro superiorità, con lui non si avvertiva alcuna differenza. Era molto umano...mi emoziona molto parlare di lui...

C'è stata una serata a Bologna con i più importanti clarinettisti italiani ma come suono Gualdi emergeva su tutti. L'espressione, il suono, era insuperabile. Tecnicamente ce ne sono tanti bravissimi ma lui aveva un suono unico. Quando suonava Stardust mi chiedevo: "chissà cosa combina stavolta...". Riusciva a dare sempre tante interpretazioni diverse sorprendendoti per ciò che riusciva a fare. Per me è stato il più grande!

Negli ultimi concerti ha suonato molto fluido, pur non avendo tanto fiato è riuscito comunque a suonare in modo incredibile. Poi, scriveva sempre musica, ha scritto i suoi arrangiamenti fino all'ultimo, segno che era sempre alla ricerca di nuove idee.

Ci raccontava sempre molti aneddoti ironizzando sempre anche i momenti più drammatici come il periodo della guerra. Mi raccontava che una volta lo andarono a prendere con un autocarro scoperto. Le strade erano ancora dissestate dai bombardamenti pertanto si reggevano un po' gli uni con gli altri. Il contrabbassista cercava di proteggere il suo contrabbasso con tutte le forse ma non si accorse che il ricciolo si andò ad impigliare in un filo della luce sospeso. Cercò di resistere trattenendolo ma ovviamente, come con una fionda, il contrabbasso partì a mezz'aria e si fracassò...Sentir raccontare dalla sua viva voce questa e tante altre situazioni era divertentissimo...sdrammatizzava sempre.

Il suo idolo era Benny Goodman, pensava spesso a lui, prima di suonare un pezzo, a volte diceva: "appena suono sto' pezzo speriamo non si svegli...", ironizzando sul giudizio che avrebbe dato al suo modo di suonare.

Henghel, come eredità, mi lascia la grandiosa capacità di fare melodia, colore, il suono, lo riconosco subito e per me questi sono i grandi. L'artista si identifica principalmente dal suono. Si avvertiva la differenza dello spessore, l'espressione, il suono che ti penetra...

Annibale Modoni - vibrafono
L'ho conosciuto negli anni '50, lui vinse la Bacchetta d'Oro, io suonavo in un'altra orchestra. Ho cominciato poi a suonare con lui nei primi anni '60 con l'orchestra dal ballo quando si faceva swing fino a quando si è potuto. Poi ho collaborato per registrazioni varie negli anni '70, incidendo circa 7/8 album e poi abbiamo fatto tantissime serate, concerti in club teatri...Henghel, come clarinettista era unico. In Europa ce n'erano veramente pochi e la sua unicità era soprattutto per il suono, superiore a qualsiasi strumentista, anche americano, la sua musicalità, il suo swing. Direi Goodman ma per certi versi anche oltre.

Amava incontrarsi di notte con i musicisti nei locali da ballo e gli scherzi erano all'ordine...della notte. Il film Amici Miei ha molto "copiato" da quel clima. Un esempio: si fermava una guardia notturna per chiedergli di una via che non esisteva magari con un nome molto importante...C'era molta goliardia tipica dei periodi universitari.

Era molto esigente e quando in orchestra c'era qualche elemento che non era all'altezza, la cosa lo irritava e questo in particolar modo per la sezione ritmica.

Nella sua carriera ha fatto molto ma avrebbe potuto fare di più se non avesse avuto paura dell'aereo. IN fondo, però, non si è mai sentito completamente soddisfatto, era consapevole del suo valore ma non ha mai manifestato orgoglio per questo. Nell'insieme era insoddisfatto e ciò dipendeva anche da lui. A lui piaceva avere molto pubblico, suonare nelle sale da ballo, avere grande spazio e un pubblico che rispondesse.

Nell'ultimo periodo era molto soddisfatto perchè faceva molti concerti di jazz, che era la musica che realmente amava, mentre prima era un po' costretto a suonare altro. Un mese prima della sua scomparsa ha suonato qui a Bologna presso l'Anzola Jazz Club che oggi porta il suo nome ed era soddisfatto, aveva certo i suoi problemi legati alla respirazione, ma il suono era quello lì...inconfondibile.

Come eredità lascia indubbiamente il suo modo di fare musica. A livello strumentale, come ho già detto, principalmente il suo suono, unico a livello mondiale. Si pensi che il 1° clarinetto della Scala, che è un grandissimo musicista, era amico di Gualdi e invidiava la sua voce, lo diceva sempre. Un insegnamento che lascia è anche la logica nel suo fraseggio durante le improvvisazioni. Una grandiosa capacità di coordinamento tra un suono e l'altro, senza furberie, collegare i suoni. Amava molto i brani di Goodman ma su tutti credo che il brano che lo rappresenti di più in assoluto sia Stardust.

Mi manca molto Henghel e manca molto alla musica, c'è un bel vuoto senza di lui. Speriamo nei giovani...ce ne sono di bravi, chissà...


Pagina iniziale
File Audio e Video

Intervista a Nando Giardina - Doctor Dixie

Ricordo di Renzo Arbore
Ricordo di Pupi Avati
Ricordo di Luigi Barion
Ricordo di Gianni Basso
Ricordo di Franco Cerri
Ricordo di Teo Ciavarella, Lele Barbieri
 
  Felice Del Gaudio, Annibale Modoni
Ricordo di Gianni Giudici

Ricordo di Marcello Rosa
Ricordo di Jimmy Villotti
La Doctor Dixie Jazz band






Articoli correlati:
12/12/2018

Addio a Carlo Loffredo, tra i padri del Jazz in Italia: "Ho suonato con Louis Armstrong, Dizzy Gillespie, Django Reinhardt, Stephan Grappelli, Teddy Wilson, Oscar Peterson, Bobby Hachett, Jack Teagarden, Earl "father" Hines, Albert Nicholas, Chet Baker, i Four Fresmen, i Mills Brother, e basta qui."

01/11/2017

Reggio Emilia Jazz 1925-1991. dalla provincia al mondo (Giordano Gasparini)- Aldo Gianolio

28/06/2015

Il Piano B (Teo Ciavarella)- Alessandra Margiotta

20/10/2013

Quattro chiacchiere con...Attilio Berni: Una collezione di sax unica al mondo: ogni strumento vintage è "vittima" della propria evoluzione ed è plasmato dall'alito vitale insufflato al suo interno da chi lo ha posseduto. (Alceste Ayroldi)

10/03/2013

Teo Ciavarella & Friends: Le dolci note di Ciavarella scaldano la neve di Bologna, al Bravo Caffè con Cico Cicognani e Lele Barbieri. (Eugenio Sibona)

12/01/2013

Bologna Jazz Festival 2012: La 4° dimensione di John Mclaughlin, il ricordo di Massimo Mutti da parte del Chick Corea Trio...(Eugenio Sibona)

22/01/2011

Sincopato Tricolore (Guido Michelone)- Alceste Ayroldi

24/04/2010

Steppin' Out (Idea 6)- Luca Civelli

18/04/2010

Una vita con il sax (Armando Brignolo)- Marco Losavio

09/12/2007

Dedicated To Henghel (Alfredo Ferrario)

15/07/2007

La via lattea (Felice Del Gaudio)

21/05/2007

Canto alla Terra (Daniele Di Bonaventura)

17/02/2007

Jazz italiano, l'influenza della Civiltà Musicale Afro-Americana nell'Italia dell'immediato secondo dopoguerra: "Lo swing era presente nel repertorio delle più importanti orchestre di ballabili della penisola da almeno una ventina d'anni, e la canzone italiana lo aveva assimilato più o meno inconsciamente dando vita al genere cosiddetto «swing all'italiana»." (Matteo Pagliardi)

04/12/2006

All the Way (Francesca Leone)

15/06/2006

16 giugno 2005: un anno fa la scomparsa di Henghel Gualdi lasciava un grande vuoto oggi ancora più forte. Jazzitalia lo ricorda attraverso le testimonianze di: Nando Giardina della Doctor Dixie Jazz Band, Renzo Arbore, Pupi Avati, Lele Barbieri, Luigi Barion, Gianni Basso, Franco Cerri, Teo Ciavarella, Felice Del Gaudio, Gianni Giudici, Annibale Modoni, Marcello Rosa, Jimmy Villotti...

02/04/2006

Bye Bye Luciano Fineschi. Ricordando uno dei maggiori esponenti dello swing italiano scomparso nella notte del Fuoco... (Olga Chieffi)

19/02/2006

Nel 2001 Romano Mussolini, in un bar, ci ha rilasciato un'intervista che però non ha mai voluto che venisse pubblicata, per evitare troppa visibilità ed eventuali strumentalizzazioni. Oggi, pubblicandola, abbiamo ritenuto di rendergli omaggio. (Giovanni Masciolini)

15/02/2006

Franco Chiari, vibrafonista, fondatore del Sestetto Swing Roma. Una vita dedicata alla musica, al jazz...(Fabio Chiari)

02/09/2005

Intervista a Giovanni Masciolini, direttore artistico di Assisi Notti Jazz, festival jazz che si terrà nella splendida cittadina umbra dal 5 al 9 settembre.

25/06/2005

Intervista a Franco Cerri: "...La musica è veramente una medicina di cui tutti abbiamo bisogno. Dopo tanti anni non ne posso fare a meno..." (Alceste Ayroldi)

10/10/2004

Gian Carlo Roncaglia noto giornalista, studioso e appassionato di jazz ci ha lasciato lo scorso 28 giugno. Jazzitalia, grazie alla collaborazione di Piemonte-Magazine e della famiglia Roncaglia, pubblica quindici articoli inerenti la storia del jazz a Torino che ha visto transitare in più di cinquant'anni i nomi più prestigiosi italiani e internazionali. (Gian Carlo Roncaglia)

16/07/2004

Emilia Laura Facetti, in arte Laura Villa, ha cantato con i più famosi musicisti brasiliani di jazz-samba trapiantati in Francia negli anni '60. E' stata la prima interprete in Europa dei più noti temi di Tom Jobim, Menescal e dello stesso Sivuca. (Paco Garro jr.)

07/06/2004

Giampiero Boneschi ricorda il trombonista Mario Pezzotta: "Quando prendevamo parte a qualche concerto, ce lo contendevamo per averlo in auto: le sue storie impensabili ma vere erano incredibili..."

06/01/2004

Gorni Kramer, i suoi solisti e i Tre Negri - 3 (Gorni Kramer)

21/10/2003

Intervista a Renato Sellani: "...la musica per me è rimasta un hobby non una vera professione perchè la musica mi stanca...cerco di farla in un modo piuttosto preciso secondo il mio carattere che è troppo sensibile...". (Ernesto Losavio)

14/02/2003

Al Mocambo di Udine, negli anni 40-50, si suonava il be-bop, la notte, per pochi appassionati. Walter Notari era un violinista formidabile che insieme al grande Cesàri, Masciolini, Laudenzi e Graziani suonava fino all'alba in questo locale del nord-est d'Italia... (Giovanni Masciolini)

22/09/2002

Jazz Italiano: Sergio Coppotelli. "Lo swing, l'armonia, la pronuncia, l'improvvisazione, il cuore e la poesia, che non devono mai essere disgiunti dalla tecnica, sono gli elementi fondanti di questa musica, senza i quali il jazz perde tutto il suo fascino."

29/08/2002

Musica Jazz e Arti Visive. L'artista e la sua anima nella musica, nella pittura, nella scultura. (Giovanni Masciolini)

23/03/2002

The Complete TULLIO MOBIGLIA della Riviera Jazz Record. Un documento del jazz italiano del periodo 1941 - 1946.

04/03/2002

Miro Graziani, l'ultimo dei ragazzotti assisani...

12/01/2002

JAZZ ITALIANO: Polvere di Stelle. Il terzo CD di Aldo Masciolini e i suoi compagni di viaggio.

07/12/2001

Alfio Galigani, saxofonista, clarinettista, flautista, tutta la sua vita per la musica, per il jazz. Una testimonianza bella e preziosa.

10/11/2001

Adriano Mazzoletti, un'istituzione del giornalismo jazz italiano, parla di storia, di molti musicisti, dell'amico Cesàri e...non risparmia i critici.

10/10/2001

Oscar Toson, un pianista del jazz italiano: "...suonavamo nei locali, all'una finivamo e allora magari dopo un'insalata di pollo o di riso...due bicchieri di birra, o anche di vino, ci mettevamo in tre o quattro e suonavamo jazz!"

05/09/2001

Agosto 1962 - Jazzisti liberi. Il racconto di una storica jam session di Masciolini, Laudenzi, Graziani, Battistelli e Angeli.

28/06/2001

: Il mito di Umberto Cesàri. Brani audio e articoli.

22/06/2001

Intervista a Guido PISTOCCHI.

05/06/2001

Intervista a Lino Patruno.

17/04/2001

Intervista a Marcello Rosa.

15/03/2001

Intervista a Carlo Loffredo

07/03/2001

Intervista a Riccardo Laudenzi

09/02/2001

Jazz, una passione, una vita (Giampiero Boneschi)

27/01/2001

Jazz in Italy in the 40s (Giampiero Boneschi)

19/01/2001

Il jazz italiano da night dal dopo guerra al 1968 (Giovanni Masciolini)

16/12/2000

Jazz italiano: Sergio Battistelli, lettera ad un amico scomparso.

01/12/2000

Jazz Italiano: Aldo Masciolini, una vita per il jazz con sample audio.







Invia un commento

© 2000 - 2006 Jazzitalia.net - Tutti i diritti riservati

© 2000 - 2019 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.

Questa pagina è stata visitata 6.726 volte
Data ultima modifica: 11/02/2008

Bookmark and Share


Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti