Jazzitalia - Articoli: L'Hotel Universo di Lucca, un Jazzhotel 'D.O.C.'
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novità

Il Turismo Culturale si veste di Jazz
L'Hotel Universo di Lucca, un Jazzhotel "D.O.C."

Intervista a Marianna Marcucci e Igor Palmieri
aprile 2010
di Alceste Ayroldi

Che Lucca sia una città vocata alla musica, lo dice la storia, anche del glorioso Teatro del Giglio – opera che risale ad oltre tre secoli or sono - oltre che i natali di Giacomo Puccini.
Sempre la storia, più recente, ci consegna l'angolo buio della detenzione di Chet Baker nel carcere – di particolare pregio architettonico anch'esso – allocato nella città, nei pressi della porta S. Donato. Però, che la tradizione musicale fosse estesa anche ad un turismo jazzistico, non era cosa nota ai più. A proposito di Chet e delle sue peripezie peripatetiche, proprio di fronte al Teatro del Giglio stanzia da oltre centocinquant'anni una dimora storica che ha ospitato il celeberrimo trombettista di Yale. La struttura ricettiva, per vicissitudini varie, annegava nell'indifferenza dalla salvaguardia delle proprie radici e dell'antica bellezza. Fortuna vuole che nel 2001 una giovanissima appassionata di jazz (anche sassofonista), Marianna Marcucci decise di recuperare l'albergo, restituendo gli antichi fasti che la "locanda" possedeva ed aveva vissuto. A completamento di tale opera, ha dato voce e visibilità alla oramai famosa stanza n.15, lì dove Chet Baker trascorse le sue vacazioni lucchesi. Un hotel dove il jazz è di casa e non solo per il vissuto di Chet, ma anche per il sottofondo discreto e continuo della musica diffusa e per il fatto che la hall, con cadenza quindicinale, assume le inconsuete sembianze di jazz club, sia per gli ospiti che per i "jazz-cats" del circondario. Ne parliamo con Marianna Marcucci, procuratrice della società che gestisce l'hotel Universo e con Igor Palmieri, direttore artistico dell'Universo Jazz Club.

Le prime notizie che ho dell'Universo, come struttura ricettiva, risalgono al 1850 circa. Il locandiere dell'allora "Locanda Universo e Tosca" ospitò alcuni militari mandando poi la richiesta di pagamento di 9,23 lire. Fu in seguito trasformato in Hotel, nel 1857, sotto il nome di "Royal Hotel Universo e Tosca" rispondendo alla sempre crescente voglia di internazionalità. Allora fu classificato come un 3 stelle e così ho voluto mantenerlo anche quando, nel 2001, ho preso le redini di questo vecchio signore e gli ho dato qualche "ritocchino" per farlo nuovamente risplendere come si merita. I saloni, le camere, gli spazi per gli ospiti sono arredati con sobrietà e semplicità, mantenendo l'atmosfera dei tempi passati. Spesso mi aggiro per i mercatini dell'antiquariato e riesco a scovare qualche pezzo irresistibile, in realtà sono io che non riesco a resistere, perchè lì quella scrivania/comodino/ecc ci voleva davvero! Il Jazz Club, invece, è nato nel 2009 per soddisfare la nostra voglia di proporre della buona musica, dopo aver fatto le "prove generali" ad aprile, con un concerto gratuito, e aver ricevuto feedback molto positivi. " (Marianna Marcucci)


Come è nata l'idea di un Jazz Hotel?

Sono un'accanita consumatrice di letteratura, arte e musica e avevo già prestato le sale dell'Hotel a mostre di scultura e presentazioni di libri. Avevo voglia di trasformare il tipo di offerta dell'albergo non ponendo limiti alle sua potenzialità e soprattutto riportare la musica in un luogo dove è sempre stata. La svolta è stata la conoscenza di Igor, con lui abbiamo concretizzato quello che era una fantasia e abbiamo dato vita all'idea.

E la tua passione per il jazz?

Da sempre...quando ero piccolina il mio babbo ascoltava i grandi...Armstrong, Gillespie e poi Davis, Coltrane e Chet Baker ovviamente. La mamma – corsa - dal canto suo mi ha insegnato ad amare Grappelli e Reinhardt. Bello, considerando poi che nessuno dei due ha mai suonato uno strumento, puri ascoltatori! Crescendo, cresceva anche la curiosità di scoprire tutto quello che la musica jazz poteva darmi, compresa una breve esperienza con il sassofono. Ho trascorso un periodo da Indiana Jones, l'avventuriera della scoperta jazz. Ascoltavo tutto e più un musicista era sconosciuto e più ero soddisfatta di averlo "scoperto". Poi sono cresciuta e non è cambiato nulla!

L'Hotel Universo ruota intorno alla storica stanza n. 15 che ha ospitato, più volte, Chet Baker. Ma l'Universo è anche una dimora storica che affonda le radici nella musica.

Come accennavo prima l'Universo nasce come Locanda e diventa Hotel nel periodo in cui nasce e diventa sempre più frequentato il Teatro del Giglio che si trova proprio di fronte e che fu inaugurato per la seconda volta, dopo un incendio che lo distrusse a fine seicento, nel 1819. Per tutto l'ottocento il teatro ospitò le migliori compagnie italiane che poi sostavano all'Hotel Universo. Sembra di vedere un ideale immagine di due vecchi signori che si scambiano pettegolezzi sui rispettivi ospiti. L'Universo ha quindi ospitato i più grandi nomi dell'opera che si sono esibiti nel teatro: Puccini e la Malibran, Nicola Tacchinardi e Gilbert Duprez fino ai giorni nostri con Sviatoslav Richter e Uto Ughi. A me interessava però un unico personaggio che qui soggiornava spesso e di cui tutti i lucchesi "storici" mi parlavano non appena saputo che avevo preso le redini dell'Hotel: Chet Baker. Mi raccontavano che si sedeva sul davanzale della finestra della camera e suonava, alle ore più impensabili della notte e la gente passava incuriosita e ascoltava. Ho poi ritrovato una foto che lo ritrae proprio su quel davanzale e la camera non potevo non dedicarla a lui! Uno dei suoi soggiorni a Lucca non fu dei migliori. Fu, infatti, incarcerato a San Giorgio per droga. Si racconta che quando uscì dal carcere usasse andare sulle mura che circondano la città, nel punto in cui le mura sono vicine alle finestre del carcere, e suonasse per i suoi ex compagni di cella.

Esiste un turismo "jazz"? Chi ti richiede espressamente di dormire nella stanza n.15?

Si, esiste un turismo di questo tipo ed è il più variopinto. Ci sono appassionati che prenotano da ogni parte del mondo e chiedono espressamente della camera 15. Vogliono sapere quando Chet è stato qui, cosa facesse, dove andasse, chi fossero le persone che conosceva...vaglielo a spiegare che sono troppo giovane per ricordarmelo! E poi ci sono i musicisti che rimangono sorpresi dall'emozione che una stanza può trasmettere dopo tanto tempo.

La musica jazz è il sottofondo continuo che si ascolta in hotel: qualcuno ha mai protestato?

Certamente, quando finisce il cd!

Naturale evoluzione è stata la creazione del jazz club: l'identità di albergo e quella di club sono perfettamente integrate o ci sono punti di contrasto?

Con Igor abbiamo cercato di unire le forze e le rispettive conoscenze dei due mondi in maniera da dare il meglio durante i concerti senza disturbare il normale svolgimento della vita alberghiera. Devo dire,però, che gli ospiti dell'Hotel spesso si sono lamentati di non aver trovato posto al concerto, hanno rinunciato ad uscire per rimanere ad ascoltare, a volte anche seduti sulla scalinata dell'ingresso! Un signore americano mi ha scritto una bellissima lettera per ringraziarmi di aver reso il suo soggiorno indimenticabile con un "great jazz quartet" che si è esibito mentre lui era qui. Bello, no?

Igor, tu sei un musicista che ha assunto la direzione artistica dell'Universo Jazz Club. Quale brand ha la tua programmazione?

La programmazione cerca di alternare musicisti 'noti' con altri forse 'meno noti' ma altrettanto di talento: in questo modo la qualità musicale non scende e l'offerta si amplia notevolmente. Inoltre i musicisti hanno l'opportunità di rientrare all'interno di una rassegna prestigiosa, di esibirsi in un ambiente elegante e confortevole e davanti ad un pubblico attento e preparato quale è il pubblico dell'Universo.

Come ha accolto il pubblico la nascita del club?

Molto bene. Il pubblico, sempre molto numeroso, ha apprezzato questa nostra iniziativa: piace l'idea di poter assistere ai concerti all'interno di un Hotel prestigioso e ricco di storia come l'Universo; inoltre è piaciuta molto la cura con la quale abbiamo preparato la rassegna, come l'abbiamo allestita e la programmazione. Del resto credo che, come ha detto Donald Eugene Cherry, "quando la gente crede nei confini, ne diventa parte".

I progetti e le strategie future?

Abbiamo attivato una serie di contatti con altre associazioni in Italia e all'estero che intendono sposare il nostro progetto. Così, già dalla prossima rassegna (questa volta dedicata a Bill Evans e che partirà il 15 settembre 2010, a 30 anni esatti dalla morte del grande jazzista statunitense) strizzeremo l'occhio all'estero invitando, oltre a musicisti Italiani, anche jazzisti americani. Inoltre vorremmo organizzare, in un futuro non troppo lontano, altre iniziative. Ma di questo riparleremo! Infine, dobbiamo e vogliamo ringraziare Filippo Mariano, un amico e collaboratore che con la sua "Comunicare Cultura" si è occupato di tutta la parte promozionale.

Info: www.universolucca.com - www.universojazzclub.com









Articoli correlati:
23/03/2014

Igor Palmieri 5et : "Una serata convincente in cui Palmieri e soci sono riusciti ad attingere a piene mani dal repertorio di Chet Baker ma anche dall'intero ambito cool-jazz dei tempi che furono." (Francesco Favano)

13/05/2012

LEZIONI (voce): Come si canta uno Standard: (alcune) istruzioni per l'uso (Ondina Sannino)

06/01/2011

Chet Baker sings. It Could Happen To You (Chet Baker)- Giovanni Greto

18/04/2010

Una vita con il sax (Armando Brignolo)- Marco Losavio

11/04/2010

The Complete Legendary Sessions (Chet Baker/Bill Evans) - Alceste Ayroldi

19/04/2009

"Let's Get Lost: Chet Baker ed il Messaggio nella Bottiglia" nell'ambito del Piacenza Jazz Fest ideato da Luca Bragalini con conferenza e concerto con il Paolo Fresu. (Stefano Corbetta)

22/05/2008

Starry Eyed Again (Chet On Our Minds) (Michela Lombardi – Riccardo Arrighini Trio)

04/05/2008

1 marzo 1984: ricordo di Chet Baker al Naima Club di Forlì: "La sua voce sottile, delicata, sofferta, a volte infantile, mi è rimasta dentro il cuore per molto tempo, così come mi si sono rimaste impresse nella memoria le rughe del suo viso, profonde ed antiche, come se solcate da fiumi impetuosi di dolore, ma che nello stesso tempo mi sembravano rifugi, anse, porti, dove la sua anima poteva trovare pace e tranquillità. La pace del genio, la pace del mito, al riparo delle tragedie che incombevano sulla sua vita." (Michele Minisci)

01/11/2007

LEZIONI (Storia): Prima della Performance: Monk, Pepper e Baker (Paolo Ricciardi)

27/05/2007

Gillespie, Blakey, Baker, Petrucciani, Rollins...le jazz pictures di Paolo Ferraresi

02/09/2006

Un'estate con Chet (Massimo Basile - Gianluca Monastra)

04/04/2006

I dipinti dei grandi del jazz di Mauro Angiargiu

19/02/2006

Nuovo spazio web per i disegni di Massimo Boccardini

11/04/2004

Chet Baker, la lunga notte di un mito (James Gavin)

25/02/2004

Oh You Crazy Moon (Chet Baker)

09/11/2003

Chet Baker in Romagna nel 1978. Un ricordo denso di emozioni in cui lo spazio si priva dei propri confini, il tempo si dilata e la mente conserva l'eco di sensazioni, flashback, immagini, suoni del Chet uomo, musicista, padre.

25/09/2003

1959 Milano Sessions (Chet Baker)

12/09/2003

LEZIONI (Trascrizioni): Summertime un solo eseguito dal grande Chet Baker con classe e maestria. (M. Fazzi)

10/03/2003

LEZIONI (Analisi): There Will Never Be Another You: un altro magnifico solo del grande Chet Baker (Ambrogio De Palma)

15/02/2001

...Chet Baker (Giampiero Boneschi)





Video:
Chet Baker live in Isernia 1981 - "Just Friends" (Exclusive - Very Rare Live Version)
La sera del 24 ottobre 1981, presso il Cinema-Teatro "Fasano" di Isernia, Chet Baker si esibì in un memorabile concerto, accompagnato d...
inserito il 04/06/2010  da HandEyeFamilyMusic - visualizzazioni: 3030
Arrivederci, Chet Baker.
Arrivederci, Chet Baker. Tratto da "Urlatori alla sbarra" Sorgente: chetbakertribute.com...
inserito il 26/10/2009  da cicodelanga - visualizzazioni: 1372
Chet Baker - I Remember You
Il grande Chet Baker interpreta con grazia dolce ed intensa il celebre standard jazz "I Remember You" (di cui riporto il testo originale, in...
inserito il 07/10/2009  da dicky85 - visualizzazioni: 1731
CHET BAKER - ESTATE
Bruxelles Settembre 1983 CHET BAKER alla tromba PHILIP CATHERINE alla chitarra JEAN-LOUIS RASSINFOSSE al basso...
inserito il 23/09/2009  da rdamaestro - visualizzazioni: 1664
Locus 2009 - Omaggio a Chet Baker
Filippo Timi & Fabrizio Bosso Quartet in "Come se avessi Le Ali". Produzione speciale Locus Festival. Locorotondo, 1 agosto....
inserito il 02/09/2009  da basscultureagency - visualizzazioni: 941
elvis costello & chet baker - I?m a fool to want you
elvis costello & chet baker live...
inserito il 23/02/2009  da vangelis1978 - visualizzazioni: 1234
Let's Get Lost - Chet Baker - Bruce Weber film
Beautiful documentary masterpiece on Chet Baker by Bruce Weber. I am posting this as a petition to get it reissued on DVD in the United States. It was...
inserito il 22/02/2009  da tokyorose5 - visualizzazioni: 1225
Chet Baker - I fall in love too easily
Chet Baker - I fall in love too easily...
inserito il 15/02/2009  da nadziejaszek - visualizzazioni: 1175
Chet Baker: "The Old Dog"
Tutte le note non fanno che incorniciare il silenzio" (Miles Davis)...
inserito il 04/02/2009  da francesco5012004 - visualizzazioni: 1267
Chet Baker - Bye Bye Blackbird [fiesta panitz]
Uma musica para balancar o esqueleto neste dia FELIZ NIVER!!!!!!!!!!!...
inserito il 01/02/2009  da gedhynaton - visualizzazioni: 1009
"Arrivederci" - Chet Baker
Chet baker's performance in the italian, movie "Urlatori alla sbarra"., , Song by Umberto Bindi., , Please,don't cancel this clip., There's ...
inserito il 19/01/2009  da tutariello - visualizzazioni: 1321
Chet Baker - Interview - Norway 1979
Chet Baker - Interview - Norway 1979...
inserito il 08/01/2009  da ChetBakerFoundation - visualizzazioni: 1241
Chet Baker - Almost blue
Amazing Jazz song Almost Blue by Chet Baker / Lyrics : Almost blue, Almost doing things we used to do, There's a girl here and she's almost you, Almos...
inserito il 06/01/2009  da Sweetydu972M - visualizzazioni: 1307
Chet Baker Live (Belgium 1964) : Time After Time
This Is for MUSS...
inserito il 09/12/2008  da nidale86 - visualizzazioni: 1269
Chet Baker - My Funny Valentine
Chet Baker - My Funny Valentine...
inserito il 06/12/2008  da agehabutter - visualizzazioni: 1280
Fabio Concato - Ballando con Chet Baker
Fabio Concato dallo Studio di Registrazione al Concerto...
inserito il 15/11/2008  da trentunozerocinque - visualizzazioni: 1181
Chet Baker - But Not For Me
But Not For Me by Chet Baker...
inserito il 16/10/2008  da betttyblue - visualizzazioni: 1119
Chet Baker - I get along without you very well
I get along without you very well by Chet Baker...
inserito il 16/10/2008  da betttyblue - visualizzazioni: 1234
Chet Baker Day (prima parte)
L'evento-tributo al grande musicista, nel ventennale della scomparsa, s'inserisce nell'ambito del Winter Festival edizione 2008 organizzato dalla Prov...
inserito il 29/08/2008  da teramoprovincia - visualizzazioni: 1105
Doc. Chet Baker 1963
documentário em alemão...
inserito il 23/07/2008  da tweick - visualizzazioni: 1088
Trio TestaAltarocca Mignatti al Chet baker club MVaccari
Il Trio Testa, composto da Massimo Testa piano, Alessandro Altarocca contrabbasso, Filippo Mignatti alla batteria, si esibisce al Chet Baker club di B...
inserito il 25/12/2007  da marcovac2000 - visualizzazioni: 1231
Mignatti Testa Altarocca Atti at Chet Baker by MVaccari
At Chet Baker jazz club in Bologna, Massimo Testa (piano)plays music in trio with Alessandro Altarocca(contrabass) e Filippo Mignatti(drum), guest Car...
inserito il 25/12/2007  da marcovac2000 - visualizzazioni: 1177
M.Testa A.Altarocca F.Mignatti C.Atti at Chet Baker club
Live at Chet Baker jazz club in Bologna. Massimo Testa (piano)plays music in trio with Alessandro Altarocca(contrabass) e Filippo Mignatti(drum), gues...
inserito il 25/12/2007  da marcovac2000 - visualizzazioni: 1078
Trio Testa Altarocca Mignatti Chet Baker club live MVaccari
Live at Chet Baker jazz club in Bologna. Massimo Testa (piano)plays music in trio with Alessandro Altarocca(contrabass) e Filo Filippo Mignatti(drum),...
inserito il 25/12/2007  da marcovac2000 - visualizzazioni: 1148
Jazz Icons: Chet Baker- Live In '64 & '79 Preview
The Jazz Icons: Chet Baker DVD, released Sept. 26, 2006, features two concerts by the foremost interpreter of the West Coast school of cool jazz. Film...
inserito il 08/09/2006  da JazzIcons - visualizzazioni: 1336


Inserisci un commento


© 2000 - 2014 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


COMMENTI
Inserito il 27/4/2010 alle 11.53.36 da "zambonini.p"
Commento:
Ciao sono un architetto che vive vicino al paese natale del mio amico Igor.
Volevo solo augurare a tutti e due un buon proseguo del vostro lavoro perché é ricco di cultura, buon gusto, tenacia e tanta passione.
Spero di poter venire a visitare il vs. hotel con la mia bambina.
Con affetto, Paola e Elisabetta.
 


Questa pagina è stata visitata 4.881 volte
Data pubblicazione: 25/04/2010

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti