Jazzitalia: la musica jazz a portata di mouse...
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

 intervista ad Alex Milella
 di Alceste Ayroldi
 

Click here to read the english version

Avere dei punti di riferimento è doveroso per chiunque e se tali riferimenti hanno poi influenzato pletore di musicisti allora diventa praticamente inevitabile. Quindi tanto vale riferirsi con intelligenza, comprendendone le innovazioni, le tecniche, destrutturandole e facendole proprie per una evoluzione che sia il traguardo personale di una crescita a cui si può mirare se si ha talento e voglia di migliorarsi, confrontarsi. E' ciò che senza dubbio non manca ad un giovane incredibile talento come Alex Milella. Capace di suonare praticamente di tutto sulla sua chitarra, ha sfoderato un primo album (Light Shades) che, in modo schietto e sincero, mostra un tributo ai suoi miti e cioè Scott Henderson e Allan Holdsworth lasciando però ampio spazio al suo chitarrismo e alla sua vena compositiva già densa di validissima originalità. Sentirlo fraseggiare in modo così fluido lascia ben sperare sul fatto che si sia dinanzi ad un musicista che può tranquillamente ambire al suo ambizioso traguardo personale.

A.A.: Alex, come hai deciso di diventare chitarrista?
A.M.: All'età di quattro anni strimpellavo l'organo che c'era in casa riproducendo le canzoncine del carosello. I miei genitori vedendo la mia propensione alla musica decisero di farmi studiare il pianoforte. Purtroppo poi un cattivo insegnamento mi fece odiare il pianoforte e così a dieci anni smisi di studiare. Dopo due anni, grazie a mio cugino, cominciai ad ascoltare e ad apprezzare gruppi come i Dire Straits, i Pink Floyd rimanendo colpito da quello che uno strumento come la chitarra potesse realizzare in quel contesto. Fu così che cominciai a studiare la chitarra.

A.A.: Scott Henderson, Allan Holdsworth, ma anche Robben Ford e John Scofield... le tue mani toccano la chitarra ispirandosi a questi chitarristi. Qual e' stato il tuo percorso educativo e quando hai incontrato gli stili di questi grandi chitarristi?
A.M.:
Tutto cominciò quando, dopo essermi fatto un'indigestione di rock, lessi su di una rivista musicale parlar male di chitarristi come Malmsteen e osannare invece musicisti come Allan Holdsworth (all'epoca un perfetto sconosciuto per me); la cosa divertente è che ad affermare ciò era uno dei miei chitarristi preferiti di allora: Gary Moore. Non solo, ma a parlar bene di Holdsworth fu anche Umberto Fiorentino che mi impressionò tanto e che avevo appena conosciuto nella metà degli anni '80(tutt'ora lo stimo moltissimo e lo ritengo uno dei migliori musicisti internazionali). Quindi decisi di acquistare il mio primo disco di Allan Holdsworth e… fu uno shock. Già da prima sentivo l'esigenza di approfondire la mia conoscenza, ma dopo aver sentito Mr. Holdsworth l'impulso si trasformò in frenesia d'imparare. Da quel punto in poi ho iniziato ad ascoltare musicisti a partire da John Coltrane a Michael Brecker, da Charlie Parker a Miles Davis, da Bill Evans a Chick Corea, da Wes Montgomery a Scofield e Scott Henderson, via via sempre di più, ma non solo ad ascoltare ma anche a trascrivermi tutto ciò che potevo… quando studiavo io, non esistevano video didattici o spartiti con trascrizioni… figuriamoci internet; tutta roba tirata da solo e tutto ciò mi è servito tantissimo per lo sviluppo soprattutto dell'orecchio! Da un paio di anni a questa parte mi diverte molto anche suonare brani di Robben Ford e Stevie Ray Vaughan...che gente!

A.A.: Ci sono dei musicisti con cui sogni di suonare?
A.M.:
Sinceramente mi sarebbe piaciuto suonare con John Coltrane; far parte della formazione di Miles Davis dal periodo di "Bitches Brew" in poi. Oggi mi piacerebbe molto suonare con Gary Willis, Chad Wackerman, Marcus Miller… Mi piacerebbe suonare anche in qualche modo con Steve Khan, magari in duo…

A.A.: Ti hanno recensito molto bene anche su All About Jazz americano...
A.M.:
Sono veramente molto lusingato di come il mio disco stia avendo dei riscontri positivi soprattutto a livello internazionale; sono molto contento della maniera in cui John Kelman ha apprezzato il mio disco Light Shades recensendolo su All About Jazz USA; John W. Patterson invece ha inserito il mio disco nella programmazione della sua radio on line Eer-music.com; anche Len Davis dall'Australia, che da venticinque anni si occupa di Fusion, mi ha inserito nella programmazione della sua radio www.bitches-brew.com; nuove anche da Jakarta, Germania e Giappone.

A.A.: Hai mai pensato all'America? Pensi che oggi sia importante cercare di farsi ascoltare in America?
A.M.:
Non è indispensabile farsi ascoltare in America ma è indispensabile farsi ascoltare in più parti del mondo. E' ovvio che in America c'è un mercato così vasto da poter dare spazio anche a quelle minoranze che in Italia, per questioni di numeri, morirebbero o stenterebbero ad esistere; però è anche interessante rivolgersi in certe zone del mondo che non sono state "colonizzate"... esistono ancora? Comunque anche gli americani sognano paradossalmente di venire in Europa come noi sognamo di suonare in America.

A.A.: Che formazione prediligi?
A.M.:
Dipende da quello che voglio suonare: se mi va di suonare in modo più energico prediligo una formazione più completa a livello sonoro come il quintetto (batteria, basso, synth, sax e chitarra), se invece mi va di essere più introspettivo preferisco una situazione più raccolta (batteria, basso, chitarra con l'aggiunta al massimo di un fiato).

A.A.: Tu canti anche, cosa non facile mentre si suona la chitarra in modo solistico. Alcuni maestri sono George Benson, Robben Ford, il compianto Stevie Ray Vaughan, Jimi Hendrix, ovviamente... Tu pensi di usare la voce in un prossimo progetto?
A.M.:
Usare la voce mentre si sta suonando e improvvisando è un modo di esprimersi più cosciente; molti musicisti utilizzano la voce non come un vero e proprio strumento ma come un mezzo attraverso il quale collegare mente cuore e mani per esprimere meglio il proprio concetto musicale; invece altri essendo più intonati sfruttano la voce come un secondo strumento; in parole povere tutti i più bravi improvvisatori contemporaneamente eseguono le frasi con la voce e con lo strumento; quelli che non sanno cantare emettono dei suoni, quelli intonati invece doppiano letteralmente le stesse note suonate con lo strumento… come se ne stessero suonando due! Anch'io sovente utilizzo la voce come secondo strumento perché ho sempre cantato sin da bambino, ma ufficialmente sono un chitarrista e quindi non penso di usare la voce nel mio prossimo disco come strumento "principale", ma mi piacerebbe accostarla alla chitarra e… chi vivrà vedrà.

A.A.: Hai mai pensato di "tradire" il tuo strumento?
A.M.:
No, mai. Sono un monogamo convinto perché sono dell'idea che sia già difficile vivere un percorso intenso con il proprio strumento; infatti per me è impossibile star lontano dalla chitarra per più di due giorni. Solo per comporre uso anche il pianoforte e il computer.

A.A.: Trai i tuoi allievi c'è "energia"? Nel senso che intravedi nuova linfa, approccio giusto, dedizione, voglia di studiare e di farcela?
A.M.:
E' molto difficile al giorno d'oggi, in un mondo pieno di stimoli tutt'altro che artistici e basati solo sull'apparire, che un ragazzo si lasci coinvolgere dalla musica in maniera profonda come è successo a me. Con ciò non voglio dire che non esistano ragazzi motivati, ma lo studio di uno strumento e della musica è una cosa seria e richiede molto sacrificio e devozione, per cui sono pochissimi quelli che sono disposti a farlo; tra tantissimi alunni che ho avuto nel corso degli anni solo in una piccola parte ho potuto riscontrare lo stesso reale interesse che ho avuto, quando ero adolescente, nello studio dello strumento.

A.A.: Cosa ti emoziona particolarmente quando ascolti un chitarrista?
A.M.: Il suo feeling, il suo timing e il suo approccio armonico-melodico; mi piace chi è poco manierista e molto sperimentalista.

A.A.: L'ultimo innovatore della chitarra come strumento...
A.M.:
Sicuramente Allan Holdsworth in questi ultimi 30 anni… mi piace molto anche Wayne Krantz e come compone Kurt Rosenwinkel.

A.A.: Tre dischi da salvare dalla fine del mondo….
A.M.:
"Giant Steps" di John Coltrane perché ha inventato veramente qualcosa, quel suo "Coltrane Change" chiamato anche "Triangolo Magico" ha prepotentemente tracciata la strada verso il futuro; "Bitches Brew" di Miles Davis perché è stato il disco della rottura del confine tra rock e jazz dando vita alla prima vera fusione tra suono/energia e armonia/improvvisazione, quella che poi si sarebbe chiamata "Fusion"; ultimo disco che salverei è "Secrets", primo perché è stato l'album di Allan Holdsworth che mi ha folgorato, e secondo perché contiene tanta roba didattica che un musicista, ancor di più un chitarrista, dovrebbe desiderare… in realtà di dischi ne salverei tanti di più!

A.A.: Tre libri….
A.M.: Sicuramente salverei la "Divina Commedia" di Dante Alighieri perché attraverso il grande viaggio, Inferno, Purgatorio e Paradiso, l'umano e il divino si incontrano in un apoteosi unica ed irripetibile nella letteratura universale; "Madame Bovary" di Flaubert perché è il primo romanzo in cui il romanticismo si fonde con il realismo a livello di "metodo scientifico"; è un'opera del XIX secolo ma è stato un romanzo di grande rottura con il passato; il terzo libro che salverei è "Il signore degli anelli" di Tolkien; i luoghi, i personaggi e le atmosfere sono calati in un mondo senza tempo in cui però la lotta del bene contro il male è certamente attuale rendendo questo capolavoro assolutamente moderno.

A.A.: Quali sono i tuoi progetti futuri?
A.M.:
Consolidare questo disco e sperimentare e innovare con il prossimo.

A.A.: Hai un rammarico?
A.M.: Direi di no...

A.A.: A chi vorresti dire grazie?
A.M.: In primis alla mia compagna che mi ha sempre supportato e sopportato… avere qualcuno che crede in te e che non ti ostacola mai creando il giusto clima di tranquillità e serenità è veramente vitale per me; ai musicisti che hanno reso vivo il mio progetto: Giuseppe Berlen, Pierluigi Balducci, Luca Cacucciolo, Michele Carrabba, Davide Santorsola, Beppe Sequestro e Roberta Carrieri; a Mimmo Campanale, il mio padrino, colui che ha reso possibile il contatto con Lino Nicolosi dell'etichetta NbM; a Lino Nicolosi per la sua professionalità; ai fratelli Losavio per il loro continuo supporto aprendomi la strada a questo bellissimo momento… Ernesto per la mia prima bellissima recensione e Marco per avermi tanto aiutato ed inserito in quello che io ritengo sicuramente il primo portale italiano di riferimento del jazz: jazzitalia.net; a Steve Khan ottimo musicista ottimo didatta e persona squisita perché mi ha saputo dare dei giusti consigli; ad Alceste Ayroldi per la stima reciproca; a Rino Liuzzi e ai ragazzi di "Jazz, Fusion e dintorni" per l'ospitalità e la simpatia; a Fabrizio Dadò, Maurizio Parri e Gianluca Russo della "Mitica" rivista chitarristica "AXE" che da anni educa e aiuta il percorso di tantissimi chitarristi italiani… se non proprio tutti!! a John Kelman per le bellissime parole scritte su "All About Jazz USA"; a Rossella Favia per le slendide foto e il sito insieme ad Alessandro Turi; a Guido Di Leone e alla scuola di musica "Il Pentagramma"; infine ringrazio di cuore tutti coloro che credono in me perché senza di loro tutto ciò non si sarebbe potuto realizzare.





Articoli correlati:
16/06/2007

Espagna (Terrae)

27/10/2005

LEZIONI (Trascrizioni): The Creeping Terror il gran solo di Scott Henderson riproposto con intavolatura (Alex Milella)

01/06/2004

Light Shades (Alex Milella)







Invia un commento

© 2000 - 2005 Jazzitalia.net - Tutti i diritti riservati

© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.

Questa pagina è stata visitata 8.193 volte
Data pubblicazione: 21/02/2005

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti