Jazzitalia: la musica jazz a portata di mouse...
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�
Intervista a Anna Maria Jopek
di Marco Losavio
Click here to read the english version

Anna Maria Jopek è una musicista polacca molto legata alla musica della sua terra ma estremamente influenzata da suoni, armonie, ritmi provenienti anche dal mondo del jazz. Balzata alla "cronaca" per aver realizzato un album molto bello insieme a Pat Metheny (Upojenie) in cui Anna Maria interpreta vari brani del mitico chitarrista completamente riarrangiati e cantati in polacco fornendo loro un aspetto nuovo ed estremamente coinvolgente. Metheny, d'altro canto, su questo album sembra particolarmente ispirato anche quando suona su brani non suoi, come la title track, in cui il suo ingresso nel solo, spostando l'armonia di mezzo tono in avanti, marchia a fuoco il brano col suo inconfondibile brand e lo rende così un piccolo capolavoro. Di recente Anna Maria ha pubblicato un album, che è anche un DVD, Farat, registrato con la sua band formata da musicisti praticamente sconosciuti ma di eccellente qualità non solo tecnica. Nel live sono tutti molto addentrati alla musica e si può apprezzare la capacità di questo gruppo affiatato di creare bella musica anche divertendosi. Non ci siamo voluti far sfuggire quindi l'opportunità di porre qualche domanda ad Anna Maria Jopek sperando di poterla vedere prima o poi anche nel nostro bel paese, particolarmente amato dall'artista ma per il momento tra i pochi in cui non ha ancora suonato.

M.L.: All'età di 19 anni sei andata a New York per studiare al Music's Jazz Department della Manhattan School. Successivamente ti sei diplomata in piano alla Chopin's Academy of Music di Varsavia. Quindi hai una formazione sia classica che jazz. Quali sono le principali influenze che hanno contribuito al tuo percorso educativo?
A.M.J.:
Ho cominciato a 6 anni sul piano suonando musica classica. Rimasi affascinata da Ravel, Bach, certi pezzi nostalgici di Chopin. Poi scoprii Mozart, la cui musica si adattava molto alla mia predisposizione fisica. Mozart avrà avuto mani piccole, proprio come le mie. Era bello ma erano comunque tempi duri. Più o meno come nel mondo dello sport. © Universal Music Poland Vincere o morire. Francamente, penso che soltanto due persone della mia classe presso l'Accademia di Varsavia si occupino di musica nella vita ed io sono una di queste...nessuna di queste suona il piano. Be', io suono il piano mentre compongo e arrangio, suono anche su qualche pezzo qui e là, tuttavia mai - o raramente - dal vivo. La Manhattan School of Music è stata un breve ma intenso episodio. Ero sopraffatta dall'energia e dalla vibrazione della città (ndr. New York City), frequentavo i clubs, ascoltavo i miei artisti jazz preferiti, semplicemente respiravo la musica. Mi piace ancora molto andare a New York. La mia famiglia è qui ma qualcosa accadrà, sebbene l'11 settembre abbia cambiato molte cose nella mia mente. Potendo scegliere, preferirei non viaggiare molto…in ultimo: i miei genitori erano membri di un famoso gruppo folk polacco così sono cresciuta con le canzoni popolari polacche di centinaia di anni fa. Sento ancora di essere fortemente influenzata da elementi etnici che sicuramente si possono trovare nei miei album. Forse ciò che faccio è equamente influenzato da tutti questi tre generi: jazz, folk e musica classica. In quest'ordine.

M.L.: Quando hai scoperto di..."avere una voce"?
A.M.J.:
Probabilmente mentre cantavo in chiesa, durante la messa, suonando la chitarra...devo aver avuto circa 15 anni.

M.L.: Sul DVD
Farat, un lavoro di ottimo livello, tranne Mino Cinelu , gli altri musicisti poi non sono molto noti, pur mostrando di essere in grado di suonare qualsiasi tipo di musica: sembrano inoltre estremamente adatti al modo in cui tu interpreti la tua musica. Come li hai incontrati?
A.M.J.:
Siamo insieme da circa sette anni. Soprattutto con Marek Napiorkowski, il mio chitarrista e Henryk Miskiewicz, uno dei più deliziosi sassofonisti viventi. anna-maria-jopek.comTutti i membri del gruppo hanno progetti propri mentre non siamo in tour. Per me, essere in questa band da così tanti anni è un enorme vantaggio e spero che siamo riusciti a sviluppare un sound e un approccio che si possa considerare unico. Ciò mescola molti stili differenti. Leszek Mozdzer è probabilmente il più colorito, coraggioso, avventuroso artista tra i pianisti polacchi. Suoniamo insieme occasionalmente, abbiamo realizzato il progetto con Metheny ma non è stabile nella band. In ogni caso abbiamo registrato un paio di album insieme come
Barefoot inciso per la Emarcy in cui Tomasz Stanko ha fornito un importante contributo.
Farat Session (anna-maria-jopek.com)Bzim – il tastierista – è mio co-produttore in vari progetti. Di solito buttiamo giù le basi dei pezzi in un suo piccolo studio. Lo dovresti visitare, che posto! Probabilmente lo hai visto perchè nel DVD c'è una sezione in cui io e Marek parliamo dei vari aspetti dei brani. Czarek Konrad alla batteria, in tutti questi anni, non è stato costantemente nella band come gli altri, essendo uno dei più versatili, sensibili batteristi viventi, molto influenzato dal piano. Robert Kubiszyn – il più giovane della band, suona sia il contrabbasso che un basso elettrico Fodera – un vero virtuoso, si è unito a noi tre anni fa. Un magnifico gruppo.

M.L.:  Sempre sul DVD, si nota che non appena cominci a cantare il brano Follow Me di Metheny, tutto il pubblico si alza in piedi e canta insieme a te. Hai reso questo brano un vero hit!
A.M.J.:
Be', onore alla musica di Pat per questo successo...

M.L.: Credo che anche tu abbia avuto la tua parte...una piccola curiosità, il titolo in polacco è "Tam, Gdzie Nie Siega Wzrok". Ma che significa?
A.M.J.:
Ecco una probabile traduzione del testo il cui originale è stato scritto dalla mia amica Magda Czapinska:

Più lontano di quanto l'occhio possa vedere

Se vuoi andare più lontano di quanto l'occhio possa vedere
Prendi un respiro profondo e fai un primo passo
Il tuo cuore potrebbe essere spaventato, ma non devi guardarti indietro
E' il solo valore della vita vivendo
Il tuo obiettivo è da qualche parte tra le nuvole
Sii coraggioso! Vai!

Il mondo ama e ricompensa coloro che vanno contro il vento
nell'ignoto

M.L.: Canti sempre in polacco. Non pensi che ciò possa in qualche modo limitare la diffusione della tua musica? Hai mai pensato di cantare anche in inglese?
A.M.J.:
Ho registrato un album in inglese, dovrebbe essere pubblicato dalla Universal quest'anno, credo...Forse la prossima primavera. Tuttavia mentre ascolto i miei artisti preferiti, non capisco neanche una parola ma mi viene ancora la pelle d'oca. Fai la prova con Angelique Kidjo oppure Richard Bona, tutti i musicisti brasiliani. Quanta gente parla la lingua di Cesaria Evora, per esempio? Per non parlare delle opere italiane... Vai a Londra e verifica chi parla italiano. A volte si tratta di qualcosa di più del mood. © Universal Music Poland Dall'altro lato mi piacerebbe che la gente si senta "a casa", capisci. Dal vivo canto qualche brano in inglese, ho registrato un album...vedremo cosa accade. Aspettiamo.

M.L.: Effettivamente hai ragione! Se si ascolta la musica brasiliana, si coglie il suo fascino anche se non si comprende il portoghese! Dall'ascolto dei tuoi brani si avverte che poni molta attenzione ai suoni naturali. Ogni suono inoltre ha il suo spazio, il suo tempo e si può chiaramente ascoltare come esso influenzi il suono globale. Come nascono gli arrangiamenti?
A.M.J.:
E' diverso ogni volta, dipende dal brano stesso. Normalmente il compositore – che si tratti di me, di mio marito Marcin o di  Marek – fornisce l'idea generale. Se è un brano puramente acustico allora proviamo differenti soluzioni. Se capita che si raggiungano anche 100 tracce registrate, allora Bzim, io e Marcin  impieghiamo settimane o anche mesi per provare quale risulti la migliore. Poi si va al missaggio che Marcin di solito fa con l'ingegnere. Lui decide cosa eventualmente sarà del brano finale, mi fido completamente di lui. Sto moltissimo attenta a come si senta la voce, gli effetti e cose simili. Siamo anche maniaci riguardo a come dovrebbe essere il suono acustico degli strumenti. Si percepirà maggiormente nel nostro prossimo album.

M.L.:  Ascoltando Upojenie sembra come se la musica di Metheny sia stata scritta appositamente per te. Tuo marito Marcin Kydrynski ha scritto i testi. Come avete avuto l'ìdea di realizzare questo progetto e come è stata la collaborazione con Pat?
anna-maria-jopek.comA.M.J.:
Marcin ha scritto molte delle parole dei nostri brani e anche un bel po' di bellissima musica. Prova ad ascoltare
Biel o Piosenka Dla Stasia , ad esempio. Per anni è andato "matto" della musica di Pat per anni. Conduce anche un programma radiofonico da circa 15 anni. Mentre crescevo con la musica ascoltavo quel programma in cui veniva trasmessa la musica di Pat, Sting, Jarrett…Chi avrebbe mai potuto prevedere che avrei sposato quell'uomo che avremmo realizzato questo album col nostro più grande eroe musicale. E' tutto così...è il destino, tuttavia per qualche aspetto non sono realmente sorpresa perchè in fondo sembra tutto così naturale. Ma ciò mi ha anche reso una delle persone più felici del pianeta. Per rispondere alla tua domanda: Marcin ha inviato una proposta all'agente di Metheny nel 1998 e ha ricevuto una risposta formale che diceva: la ragazza ha una voce piacevole, ma Pat Metheny non ritiene che possa essere coinvolto in questo progetto. Anni dopo, incoraggiati dalla Warner Music polacca ci abbiamo riprovato. Nel 2001 abbiamo effettivamente guidato tre giorni da Varsavia a Molde in Norvegia dove si teneva un festival in cui Pat era un artista fisso. Ci siamo incontrati nel backstage e siamo appena riusciti a spiccicare qualche parola, eravamo così storditi dalla sua presenza. Tuttavia in qualche modo ci siamo riusciti, gli abbiamo consegnato il mio album Barefoot e gli abbiamo spiegato cosa sognavamo. Devo ritenere che gli siamo sembrati abbastanza convincenti dato che Pat ha almeno deciso di non buttare via il CD immediatamente...
Ci è voluto un altro anno e mezzo prima di arrivare in studio e nessuno può mai immaginare quanti ostacoli abbiamo dovuto affrontare. anna-maria-jopek.com E' stato il più gratificante e bel periodo della nostra vita, ma allo stesso tempo il più stressante, a mala pena siamo sopravvissuti alla tensione e alle preoccupazioni. Quando poi, nell'ottobre 2002, Pat è effettivamente arrivato a Varsavia, per una settimana tutto è sparito – ed è rimasta solo la pura gioia di fare musica con il più grande eroe musicale di tutti i tempi...Come lavora...è un'altra storia. Sarebbe saggio pubblicare un libro su questo aspetto un giorno. E' improbabile che incontreremo di nuovo qualcun'altro come lui. E' di un altro pianeta!

Jazz Fest Brno, 20 aprile 2004 (anna-maria-jopek.com)M.L.: Hai partecipato a diversi festival Jazz. Come è considerata la tua musica in quegli ambiti?
A.M.J.:
Siamo felici di avere un vasto pubblico. La scorsa estate abbiamo suonato a Vienna dinanzi a 5000 persone che sono state molto calorose, sensibili, entusiaste. Credo che ci debba essere un certo feeling di sincerità nella nostra musica che attrae pubblico differente…anche quando loro non capiscono neanche una parola. Cerco di aiutarli, cantando anche qualche brano di Mozart in Latino o vocalizzando una mia versione del suo Adagio dal Concerto per Pianoforte in La Maggiore . Inoltre probabilmente alla gente semplicemente piace l'idea di quanto accade sul palco. Non abbiamo mai suonato due volte lo stesso concerto. Ogni brano è sempre affrontato in modo differente. Non mi piace sentirmi "sicura" sul palco. Ci annoieremmo piuttosto velocemente, dobbiamo creare le nostre sfide all'interno della band, provare percorsi rischiosi. Il pubblico sembra apprezzare tutto ciò.

M.L.: Che relazione hai con la musica jazz?
A.M.J.:
Ascolto ancora molto jazz. Amo Wynton Marsalis, se è ciò che mi stai chiedendo. Rispetto Duke e Armstrong. Ma non oserei mai di chiamare la mia musica "jazz".

anna-maria-jopek.comM.L.: Hai suonato anche con qualche musicista jazz come Tomasz Stanko, Joe Lovano e, ovviamente, Pat Metheny…Raccontaci un po' in dettaglio queste esperienze...
A.M.J.:
Tomasz ed io abbiamo registrato tre dischi insieme – o dovrei dire che lui ha acconsentito ad essere mio ospite...Abbiamo anche suonato inun paio di concerti…è stato il mio mentore per anni, è ogni volta un onore lavorare con lui. Ora è sotto un rigido contratto con la ECM, pertanto penso che ne sentirò la mancanza. Che suono, che espressione, creatività...
Per quanto riguarda Joe Lovano, ho avuto un incredibile piacere ad incontrarlo una volta, mentre si esibiva a Varsavia al Jazz Jamboree 40th Anniversary Gala nel '98. Ha questo dono che solo i grandi musicisti hanno: con il suo suono e il suo fraseggio è in grado di "spiegare" ogni situazione musicale, fosse anche la più complessa. Joe la penetra e la rende perfettamente chiara con un incredibile attenzione per la melodia.
Per Pat la storia è diversa. Non c'è nessuno sulla terra che io ami e rispetti di più in ambito musicale. Come dice mio marito: "è un Mozart contemporaneo". anna-maria-jopek.comSuona musica così complessa e sofisticata rendendola talmente approcciabile allo stesso tempo. Attendi di ascoltare il suo nuovo album, non avrai mai ascoltato nulla di simile.
Non c'è nulla che io ami di più delle sue composizioni, specialmente le sue ballad. E il modo in cui improvvisa: a volte non so realmente dove termini la melodia scritta e inizi il suo solo. Compone le più belle melodie al volo, mentre improvvisa. Penso a Beyond The Missouri Sky – probabilmente il mio album favorito in assoluto.
S
uonare effettivamente con lui, ascoltarlo interpretare la nostra musica, condividere con lui il palco è stata un'esperienza senza eguali. Persino in parte pericolosa. Pensa: raggiungere la massima aspirazione, la completa estasi musicale, realizzare il più folle sogno all'età di trentanni. Cosa puoi desiderare più? Non c'è niente di peggio che non avere sogni. Perciò...ne abbiamo ancora. Pat, Marcin ed io ci siamo effettivamente incontrati lo scorso giugno e abbiamo parlato circa la possibilità di realizzare un altro progetto insieme nel futuro. Urrà! Adesso ho di nuovo un sogno!!!

M.L.: Speriamo che si avveri presto! Suoni in più di 100 concerti l'anno, oramai sei abituata ad esibirti dinanzi a migliaia di persone (le 5000 di Varsavia nel 2001 ma anche le 8000 in Augustow nel 2003…). Suoni però anche in piccoli club...Qual è il posto che preferisci?
A.M.J.:
Ogni situazione è differente. Di solito mi sento meglio in un posto intimo. 200 persone è il numero ideale di pubblico per me. Devo avvertire di poter realmente abbracciarli con la nostra musica. Raggiungerli, dar loro ciò per cui sono venuti.

M.L.: Quest'anno ti sei esibita alla Carnegie Hall dove hanno suonato i più grandi musicisti della storia. Come ti sei sentita a cantare su quel palco?
A.M.J.: Ero solo un ospite, ho cantato tre brani, tuttavia è stato come entrare in un bagliore. Incredibile. Penso che quei muri assorbano e trasmettano energia, che quelle sale abbiano un'anima. Cosa si può paragonare alla Carnegie Hall? E' il luogo dove la più grande musica di tutti i differenti stili sia mai stata suonata.

M.L.: Cosa cerchi di trasmettere con la tua musica?
A.M.J.:
Sono innanzitutto una musicista. Per me la musica stessa rimane un mistero, una domanda senza risposta. Cerco di trovare la migliore soluzione…non chiedermi ulteriori spiegazioni, per favore. Questa domanda non avrebbe mai una fine. Ed è ciò che rende il tutto così eccitante...

Jazz festival di Vienna - 2004 (anna-maria-jopek.com)M.L.: C'è qualcuno con cui ti piacerebbe suonare?
A.M.J.:
Sting. Quanto lo amo! Io e mio marito abbiamo avuto questa strana esperienza...no, non strana – è stata terapeutica...ci ha come "salvato la vita"...Eravamo nella casa di Sting in Toscana l'11 Settembre, quando ha registrato ciò che poi è stato pubblicato come All This Time. In precedenza ho avuto l'onore di aprire un suo concerto nel 2000. Ora che ci sono più chance e sono diventata un po' più matura sogno e prego di poter registrare un brano o due insieme a questo uomo. Ma...aspettiamo un paio d'anni. Altrimenti, se dovesse accadere qualche miracolo e dovessi suonare con lui...poi che cosa potrebbe più accadere?

M.L.: Cosa prevede il tuo prossimo futuro?
A.M.J.:
Vediamo prima cosa accade con l'album in inglese. Una esperienza bizzarra. Poi, Marcin ed io abbiamo in programma di registrare un set acustico dei nostri brani all'inizio del prossimo anno, stiamo scrivendo gli ultimi pezzi. In questo momento sono in tour in Germania da dove mi sposterò negli Stati Uniti per poi essere in Francia in dicembre. Abbiamo anche molti concerti in Polonia già in calendario. Ma prima di tutto mi piacerebbe stare un po' di più con i miei bambini. Niente, neanche la musica può sostituire la loro presenza.

M.L.: Quando verrai in Italia?
A.M.J.:
Non sorprenderti se dico che l'Italia è il paese che preferisco più di tutti sulla terra! Ricordo Cinema Paradiso che rimane il film a me più caro. Quindi cerchiamo di venire in Italia più che possiamo, per sciare, in Val Gardena o a Venezia di tanto in tanto. Giriamo in auto lungo i favolosi laghi del Nord…effettivamente uno dei nostri posti favoriti è la piccola cittadina Camogli, bellissima. Marcin ed io speriamo di poter visitare anche il Sud prima o poi, al di sotto di Napoli. Ma scommetto tu mi stia chiedendo della mia presenza in Italia riguardo i concerti...hmm. Non sono la persona giusta per rispondere a questa domanda...non credi? Non me lo farei chiedere due volte...capisci?

Speriamo che dopo questa intervista qualcuno ti inviti nel nostro paese per far sì che la tua musica abbia anche in Italia il giusto merito. Grazie per questa interessante intervista e ti auguriamo di continuare a sognare...


GRAMI Miskiewicz Sp. J.
ul. Zamenhofa 10/83, 00-187 Warszawa
e-mail: grami@grami-art.pl
web: www.grami-art.pl
 
Official web site






Articoli correlati:
08/07/2017

LEZIONI (chitarra): Pat Metheny Chromatic System (Jazz Fusion System)

20/06/2017

Annunciati i vincitori del NEA Jazz Master 2018: Todd Barkan, Pat Metheny, Diane Reeves e Joanne Brackeen riceveranno il prestigioso National Endowment For The Arts 2018 Jazz Masters

11/05/2017

Blue Note Jazz Festival 2017 di New York: Pat Metheny, Dr. John, Robert Glasper Experiment, The Isley Brothers, Laura Mvula e molti altri per 100 eventi in 10 differenti teatri e club

07/01/2017

Pat Metheny cita Pasquale Grasso come "il più significativo nuovo chitarrista che abbia ascoltato in molti, molti anni... "

22/06/2014

Pat Metheny Unity Group: "...un modo nuovo per Pat Metheny di forzare qualunque confine esistente nell'universo musicale e creare, insieme allo Unity Group, qualcosa di inedito e che toglie il fiato e obbliga i sensi ad abbandonarsi al piacere." (Nina Molica Franco)

11/12/2013

Jim Hall (1930 - 2013): "Listening is still the key" - Jim Hall

26/08/2012

Umbria Jazz 2012 #2: Pat Metheny, Sonny Rollins, Wayne Shorter, Ambrose Akinmusire, Lydian Sound Orchestra, Ryan Truesdell Eastman Jazz Orchestra, Kenny Barron, Mulgrew Miller, Eric Reed & Benny Green, Sting...(Daniela Floris)

18/03/2012

LEZIONI (Trascrizioni): "Blues for Pat", solo di Joshua Redman nel "Live in San Francisco" (Gaetano Cristofaro)

08/01/2012

Al Bologna Jazz Festival, la ritmica del Pat Metheny Trio si racconta. Bill Stewart: una persona istintiva, sempre alla ricerca di cose nuove. Larry Grenadier: come apprezzare la vita e farsi apprezzare dal pubblico. (Eugenio Sibona)

18/12/2011

Bologna Jazz Festival 2011: L'estasi nietzscheana della prima dei Manhattan Transfer, il momento clou nel sogno di rivedere Pat Metheny e il suo trio con Larry Grenadier e Bill Stewart, l'energia di Christian McBride con il suo giovane trio, la pregevole musica di Fahir Atakoglu insieme ai grandi Horacio "El Negro" Hernandez e Alain Caron, la chiusura con lo Charlot del Jazz, Stefano Bollani, che insieme ai fedelissimi Jesper Bodilsen e Morten Lund ha fatto calare il sipario su un'edizione lunga undici giorni dove grandi nomi sono stati affiancati da giovani promesse. (Eugenio Sibona)

28/08/2010

Venezia Jazz Festival 2010: In alcuni degli scenari più suggestivi al mondo, come Piazza san Marco, si sono alternati l'acclamatissimo Pat Metheny Group, la dolce e accattivante melodiosità di Norah Jones, le impeccabili dinamiche del Duck Baker trio, la tecnica strepitosa di Yamandù Costa, la sorprendente padronanza di Esperanza Spalding, l'intenso e spettacolare Paco De Lucia, la musica e la poetica di Paolo Fresu e Daniele Di Bonaventura nell'omaggio a Hugo Pratt sulle immagini di Pino Ninfa. (Giovanni Greto)

01/08/2010

Pat Metheny Group "The Songbook Tour" nella calda Cavea dell'Auditorium Parco della Musica a Roma: "Il quartetto parte in sordina, fatta eccezione per Lyle Mays e Antonio Sanchez in grande spolvero fin dalle prime battute. Si avverte una sensibile mancanza di interplay, di empatia...non convince la proposta apparsa piuttosto raffazzonata e palesemente "estiva", più voluta dagli astuti manager che dallo stesso quartetto." (Alceste Ayroldi)

25/07/2010

Due week end ad Umbria Jazz: viaggio per parole ed immagini. Daniela Crevena e Daniela Floris, "l'una fotografando l'altra prendendo spasmodicamente appunti durante ore e ore di musica dal vivo", raccontano due week end ad Umbria Jazz: "Sono stati due week end in cui abbiamo viaggiato tra grandi nomi all'Arena Santa Giuliana, incredibili batteristi, pianisti, sassofonisti, trombettisti, straordinarie voci femminili e personaggi leggendari come Sonny Rollins e Ron Carter, che sono il jazz e che hanno talmente emozionato con la loro musica da farci uscire anche qualche lacrima..." (Daniela Floris e Daniela Crevena)

09/07/2010

In diretta da Umbria Jazz 2010. (Marcello Migliosi)

27/03/2010

Pat Metheny "Orchestrion". L'Alchimista dei suoni - Il magico mondo di Metheny. "Sorride, felice come un bambino. Guadagna il palco con piede veloce, come chi non vede l'ora di incominciare a giocare. Pat Metheny è in ottima forma fisica, con il volto radioso come da qualche tempo non s'avvertiva...non una sperimentazione, ma soprattutto un divertissement che ha voluto condividere con il suo pubblico". (Alceste Ayroldi)

27/03/2010

L'Orchestrion Project di Pat Metheny ovvero "la necessità di esplorare nuovi linguaggi, nuove grammatiche elettroniche in armonia con il suo antico desiderio di rivisitare quella particolarissima tradizione musicale, avendone intuito le potenzialità espressive futuribili, avendone scoperto aree cromatiche differenti, sicuramente contestualizzabili nella verve futuristica che in modo così intenso anima il suo sentire." (Fabrizio Ciccarelli)

13/02/2010

Tokyo Day Trip (Pat Metheny) - Fabrizio Ciccarelli

10/11/2008

Intervista ad Antonio Calogero: "L'altro significato che, secondo me, si potrebbe dare al termine world music è quella di una musica che, filtrata attraverso la sensibilità del compositore, ingloba influenze che vengono, non dico da ogni parte del mondo, ma da tutte quelle che il musicista ha in qualche modo assimilato in trenta anni di studio." (Giuseppe Mavilla)

26/10/2008

Venezia Jazz Festival e Veneto Jazz Summer: "Abbiamo notato come, in genere, i grandi nomi spesso deludano le aspettative e come certi progetti probabilmente siano forme studiate a tavolino da manager e produttori scaltri e navigati che cercano di spremere il nome consolidato, sicuri che egli sia capace ancora di radunare un folto pubblico." (Giovanni Greto)

21/07/2008

Speciale da Umbria Jazz 2008: «Continuità, stabilizzazione della struttura, mantenimento dei rapporti internazionali», sono questi gli imperativi su cui Regione dell'Umbria, Comune di Perugia e Umbria Jazz si impegneranno, sin dalla prossima edizione, per assicurare al Festival il giusto e sicuro futuro. (a cura di Marcello Migliosi)

24/12/2007

Intervista a Nick The Nightfly: ""...bisognerebbe educare la gente a dare più valore alla musica, capire il valore artistico, comprendere che non è un prodotto che puoi prendere gratis...per creare musica ci vuole talento, capacità, ricerca, ci sono molti sogni dietro le canzoni e non è giusto che diventino un qualcosa da poter avere gratis, che la gente si scambia, senza alcun valore..." (M. Losavio, A. Ayroldi)

14/10/2007

Pescara Jazz 2007: "Giunto alla 35^ edizione, e in ottima salute, il Festival pescarese ha proposto cinque eccellenti formazioni, con i loro accattivanti progetti, e due gustosi fuori programma: il concerto della splendida Nathalie Cole (quasi un antipasto al luculliano pranzo che Pescara Jazz ha offerto al suo pubblico), e la bella iniziativa del Jazz in Città (una passerella dei migliori gruppi dell'area metropolitana pescarese)." (Dino Plasmati)

26/08/2007

Multiculturita Summer Jazz 2007, i concerti di Balducci Ensamble, Funk Off, Rava Quintet, Gino Paoli e il quartetto di Pat Metheny e Brad Mehldau, l'intervista a Pat Metheny: "Capurso capitale pugliese del jazz nell'estate 2007. Non si tratta di un messaggio promozionale volto a promuovere un evento, ma un giusto riconoscimento per chi ha consentito a questo paese, sito nell'hinterland barese, di divenire in così pochi anni uno dei punti di riferimento regionali dal punto di vista musicale..." (Alberto Francavilla - Marco Losavio)

18/03/2007

Nuova gallery di quadri curata da Henk Mommaas

14/12/2006

Intervista a Rita Marcotulli: "Credo però anche che sia molto importante trovare una propria voce, raccontare la propria storia, non quella di qualcun altro, altrimenti si diventa solo dei grandi interpreti, come gli esecutori di musica classica. Non è poco, perchè non è facile interpretare qualcun altro. Però il jazz non è musica scritta come la musica classica: vale la pena dipingere il quadro di un altro pittore?" (Antonio Terzo)

02/09/2006

LEZIONI (Trascrizioni): "Last Train Home", il solo di Pat Metheny (Enzo Orefice)

01/09/2006

"Linguaggio Universale" , la gallery di Francesco Truono su Umbria Jazz 2006.

23/07/2006

Umbria Jazz 2006: le foto e i concerti del più grande festival internazionale (Marcello Migliosi)

18/03/2006

Nuova gallery a cura di Paolo Madussi

28/10/2005

Enrico Rava e Pat Metheny Live ad Alghero nella gallery a cura di Fabio Doro.

10/10/2005

LEZIONI (Trascrizioni): Una grande interpretazione di Joshua Redman sul noto "Tears in Heaven" di Eric Clapton. (Orazio Maugeri)

18/09/2005

Il Pat Metheyny Group a Bari: "...Il gruppo, ma soprattutto Pat non si risparmia. Quasi tre ore senza sosta. Tre ore che hanno infiammato e soavemente defatigato il suo pubblico pugliese..." (Alceste Ayroldi)

09/04/2005

The Way Up (Pat Metheny Group)

06/09/2003

Pat Metheny con Massimo Manzi e Paolino Dalla Porta: "...il teatro era strapieno e l'idea di sentire il grande chitarrista con due colossi del jazz italiano mi faceva già apprezzare la musica che di lì a poco sarebbe passata attraverso le nostre anime..." (Roberto Rugiolo)

29/08/2003

I concerti di Pat Metheny a Ravenna 2003: "...per Metheny gli stimoli sono stati diversi, e non è escluso che qualcuno dei musicisti incontrati in giro per l'Europa possa fare presto parte di uno dei suoi prossimi progetti." (Vittorio Pio)

29/08/2003

Nove musicisti per Pat Metheny a Ravenna 2003: "...Le sue grandi capacità e le sue doti umane da 'grande' della musica gli hanno permesso di tenere il giogo delle varie situazioni createsi con gli altri musicisti." (Dino Plasmati)

28/08/2003

I seminari di Pat Metheny a Ravenna 2003: "...bisogna riuscire a 'giocare' con il tempo fino ad avere la padronanza giusta per suonare in maniera precisa sul beat, leggermente in anticipo o leggermente indietro." (Ernesto Losavio)

08/03/2003

LEZIONI (chitarra): IIa parte dell'arrangiamento in fingerstyle di James di Pat Metheny. (Andrea Bonardi)

25/01/2003

LEZIONI (chitarra): Attivata una nuova sezione dedicata al fingerstyle a cura di Andrea Bonardi il quale ci presenta un suo arrangiamento di James di Pat Metheny.

16/09/2002

La 17a edizione di Sant'Anna Arresi, incentra il suo polo attrattivo sull'arte eclettica e mirabolante di un personaggio come Mal Waldron...(Gianmichele Taormina)

22/04/2002

Intervista ad Armando Marçal, uno dei più importanti percussionisti brasiliani, per 10 anni al fianco di Pat Metheny. (Stefano Rossini)

21/08/2001

Nearness of You. Il nuovo CD di Michael Brecker con P. Metheny, J. De Johnette, H. Hancock, C. Haden e J. Taylor.

14/10/2000

Waltz For Ruth. Il solo di Path Metheny (chitarra 3)

01/07/2000

Io c'ero: Pat Metheny a Bari

29/06/2000

Io c'ero: Pat Metheny a Milano





Video:
Fragile - Pat Metheny and Friends
Nessuna descrizione disponibile....
inserito il 30/04/2012  da osvaldo manzanero - visualizzazioni: 3343
Esbjörn Svensson Trio - Leverkusener Jazztage (2002, 2005)
Leverkusener Jazztage 2002, , 1. Serenade For The Renegade, 2. Behind The Yashmak, 3. Car Crash, , Leverkusener Jazztage 2005, , 4. When God Created T...
inserito il 14/01/2012  da KizCat - visualizzazioni: 2570

Jazz Baltica Salzau 2003, the Improvisations about the Svensson-title "Impressions". Absolut fantastic playing from Esbjörn and Pat wit...
inserito il 22/04/2011  da joeblanke - visualizzazioni: 2836
Paolo Angeli plays "Desired Constellation" song by BJORK
Paolo Angeli (Prepared Sardinian Guitar - live, no over dub, no loop) plays "Desired Constellation" song by BJORK.Check it on Paolo Angeli-N...
inserito il 11/08/2010  da AngeliProductions - visualizzazioni: 3048
Paolo Angeli - Ritagli di Tempo
Paolo Angeli (Prepared Sardinian Guitar - live, no over dub, no loops) plays "Ritagli di Tempo" Order Paolo Angeli-Nanni Angeli "TIBI&q...
inserito il 11/08/2010  da AngeliProductions - visualizzazioni: 3036
TIBI (Trailer)
Lines, wooden bodies, miniatures on the wheel, artisans. Tibi isthe soundtrack (played live without over-dub by Paolo Angeli andsurrounded in 5.1) of ...
inserito il 24/03/2010  da AngeliProductions - visualizzazioni: 2698
Pat Metheny & Toninho Horta!! - At Pat Metheny's apartment in Rio de Janeiro!
Perdon por la baja calidad del video.Este es un video muy raro. Disfrutenlo!Una Pequeña introducción con la mejor musica y los mejores paisa...
inserito il 11/06/2009  da SynclavierMPDR - visualizzazioni: 3437
Heat Of The Day - Pat Metheny
Imaginary Day....
inserito il 06/07/2008  da lalobaqtas - visualizzazioni: 2946
Pat Metheny & Michael Brecker- Extradition
special quartet.jazz a vienne 2000...
inserito il 11/10/2007  da klaurent13 - visualizzazioni: 2996
Pat Metheny and friends - This Masquerade part 1
...
inserito il 28/07/2007  da Notyethendrix - visualizzazioni: 3311
Pat Metheny and friends - This Masquerade part 2
...
inserito il 28/07/2007  da Notyethendrix - visualizzazioni: 3373



Invia un commento

© 2000 - 2004 - Jazzitalia.net - Tutti i diritti riservati

© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.

Questa pagina è stata visitata 16.958 volte
Data pubblicazione: 28/10/2004

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti