Jazzitalia - Articoli: Intervista ad Antonello Boezio
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Intervista ad Antonello Boezio
agosto 2017
a cura di Alceste Ayroldi

Antonello Boezio - Music Academy Recording StudioAntonello Boezio - Music Academy Recording StudioAntonello Boezio - Music Academy Recording StudioAntonello Boezio - Music Academy Recording StudioAntonello Boezio - Music Academy Recording Studio
Antonello Boezio - Music Academy Recording StudioAntonello Boezio - Music Academy Recording StudioAntonello Boezio - Music Academy Recording StudioAntonello Boezio - Music Academy Recording StudioAntonello Boezio - Music Academy Recording Studio
Antonello Boezio - Music Academy Recording Studio
click sulle foto per ingrandire

Intervista ad Antonello Boezio
agosto 2017
a cura di Alceste Ayroldi

Antonello Boezio - Music Academy Recording StudioAntonello Boezio - Music Academy Recording StudioAntonello Boezio - Music Academy Recording StudioAntonello Boezio - Music Academy Recording StudioAntonello Boezio - Music Academy Recording Studio
Antonello Boezio - Music Academy Recording StudioAntonello Boezio - Music Academy Recording StudioAntonello Boezio - Music Academy Recording StudioAntonello Boezio - Music Academy Recording StudioAntonello Boezio - Music Academy Recording Studio
Antonello Boezio - Music Academy Recording Studio
click sulle foto per ingrandire

Antonello Boezio, chitarrista, compositore e didatta. E' il direttore didattico del Music Academy Recording Studio e responsabile del campus di Bari della University of The West Of Scotland. Con lui, parliamo del sistema didattico anglosassone e della sua offerta formativa.

Antonello, University of the West of Scotland ha dichiarato Mast Music Academy di Bari sede riconosciuta per i corsi Cert He e Bachelor of Arts. Vuoi spiegarci, innanzitutto, il piano di studi e nel dettaglio i corsi in questione?
Mast - Music Academy - Recording Studio è diventato sede ufficiale della University of the West of Scotland. Inizialmente, vorrei focalizzare l'attenzione sul concetto di "sede riconosciuta" perché oltre all'attuale validazione ricevuta per questi importanti percorsi Universitari, lo status di sede riconosciuta ci permette un dialogo continuo e diretto con l'Università. I corsi di Bachelor of Arts sono il primo step Universitario dei corsi scozzesi, così come in tutta Europa, e sono il corrispettivo del Diploma Accademico di primo ciclo italiano. Il Bachelor of Arts è un corso che prepara il musicista al mondo del lavoro: non è dunque puramente teorico o solamente legato agli aspetti accademici di sociologia musicale, né puramente e solamente legato allo sviluppo della tecnica di strumento, bensì decisamente professionalizzante, esperienziale. Il corso spinge l'allievo a considerarsi già un professionista, portandolo a ragionare non solo come un musicista, ma anche come un produttore, un manager, un compositore, un agente, un imprenditore culturale. Nei nostri corsi non abbiamo la pretesa di trasformare un musicista in imprenditore, né un musicista in produttore, ma intendiamo far comprendere a tutti quali sono le regole che di fatto è necessario conoscere per poter affrontare il mondo del lavoro in campo musicale. Per altro, il corso sfata il mito, tutto italiano, per cui nel campo musicale esisterebbero solo alcuni ruoli professionali (il musicista, il fonico, il turnista), quando in realtà il music business d'oggi è fatto di miriadi di professioni, molte delle quali recentissime, che spesso, magari nell'ombra, realizzano guadagni paragonabili a quelli di "star" affermate. Nel corso BA si lavora da soli, in team, a contatto con professionisti affermati, nazionali e internazionali, si compone, si suona, si produce, si creano prodotti non solo musicali, si imparano le tecniche di project management, si impara a fare colloqui professionali, presentazioni, contrattazioni. In altre parole, si imparano le regole del gioco: quelle necessarie per giocare nel mondo reale».

Cosa offre in più la UWS rispetto ad altre università italiane dello stesso ambito?

Hanno un approccio completamente diverso; lo stile anglosassone è più aperto con chiaro l'obiettivo dell'inserimento nel mondo del lavoro. La formazione degli studenti è a 360 gradi: dalle discipline più accademiche e di ricerca ai percorsi più tecnico-pratici con fisso l'occhio al mercato musicale. Inoltre ogni corso svolto in Italia in collaborazione con la UWS è in contemporanea temporale con i campus scozzesi e londinesi. Pertanto ogni allievo può scegliere di studiare parte dell'anno all'estero senza perdere né lezioni, né ore di studio, né esami. Dal secondo anno, inoltre, è possibile svolgere almeno una materia all'anno direttamente in Scozia. L'esperienza di studio all'estero è uno dei momenti formativi di maggiore importanza nei nostri corsi, proprio perché spinge l'allievo fuori dalla propria comfort zone, facendogli scoprire nuovi approcci alla musica e alla professione, stimolando quindi nuove riflessioni, nuovi pensieri, nuova musica, nuove idee. Non da ultimo, nei momenti di studio all'estero si creano spesso amicizie che restano nel tempo, traducendosi a volte in collaborazioni professionali internazionali che sono oggi fondamentali nel nostro mestiere. La University of the West of Scotland è un'università estremamente dinamica, moderna, fortemente impegnata nell'internazionalizzazione, ma soprattutto fondata sulla convinzione che l'allievo non sia un numero ma un complesso creatore di idee, di mondi musicali. Questo rende il programma didattico e il regolamento accademico un sostegno alle aspirazioni personali, un sostegno equo, deciso e chiaro che non lascia mai l'allievo privo di risposte né in balia degli eventi. Sono proprio queste qualità didattiche che rendono, da sempre, i percorsi UK tra i migliori al mondo, e il valore intrinseco dei titoli di studio relativi tra i più alti in assoluto a livello mondiale

Quindi, al termine del percorso di studi lo studente consegue il Bachelor of Arts. Qual è la valenza in Italia di questo titolo?
In ragione dei trattati internazionali che hanno equiparato i livelli di studio e di preparazione di tutti gli stati europei, primo fra tutti il Trattato di Lisbona che ha creato una griglia di valori numerica, che attribuisce un valore a ogni percorso, possiamo equiparare i percorsi inglesi a quelli italiani e a tutto il resto d'Europa, il titolo Bachelor of Arts UWS è un titolo di livello 6 EQF e, pertanto, può essere speso con la stessa valenza di un Diploma accademico di primo Ciclo italiano, in tutta Europa, per proseguire gli studi o per la partecipazione ad un concorso pubblico.

Antonello, ma la Brexit cambierà qualcosa?
Direi di no, perché i trattati che concernono le equiparazioni dei titoli di studio rilasciati dagli stati dell'area Europea dovrebbero restare invariati. Anzi probabilmente, vi sarà una maggiore difficoltà dei nostri studenti ad accedere a questi percorsi in tutto lo UK visto che verrà a mancare il sostegno dell'Unione Europea agli spostamenti per motivi di studio e ci si può ragionevolmente aspettare quindi che avere la possibilità di frequentare questi percorsi direttamente in Italia diventi un oggettivo vantaggio.

Quali sono i requisiti per poter essere ammessi alla UWS?
Il corso per il rilascio del Bachelor of Arts è un corso Accademico Universitario UK di 1° ciclo, pertanto è necessario possedere i seguenti pre-requisiti di accesso:

  • Aver compiuto 18 anni d'età (non esiste un limite massimo di età);

  • I minori di 18 anni possono accedere solo in alcuni casi, se in possesso di titoli di studio UK quali ad esempio: BTEC, Cert HE, o altri titoli che eventualmente la Faculty riterrà idonei;

  • Essere in possesso di un Diploma di Scuola Superiore (o, se diplomati all'estero, titolo di studio equiparato all' EQF Level 3/4 o altrimenti accettato dalla Faculty), o titolo Level 3/4 in discipline musicali (ad esempio il Diploma di Liceo Musicale italiano);

  • Avere una buona conoscenza della lingua inglese (consigliato almeno IELTS 6.0), è possibile frequentare presso la scuola anche un corso di lingua inglese preparatorio all'ammissione.

Sarà comunque possibile effettuare un colloquio di orientamento gratuito al fine di verificare i propri requisiti.

UWS e i campus italiani offrono inoltre tutta l'assistenza possibile agli studenti; nello specifico nella sede di Bari gli studenti hanno una serie di sostegni che vanno dallo studio-approfondimento della lingua inglese, a laboratori tecnici su composizione, armonia, utilizzo dei software di notazione, DAW e così via al fine di implementare e sostenere la preparazione anche per le consegne previste durante il percorso di studi. Così come, all'interno della struttura, vi sono una serie di figure di supporto che vanno dal docente coordinatore del percorso allo psicologo, al responsabile del controllo della qualità scozzese, al referente italiano dei corsi. Le sedi italiane approvate da UWS (campus) sono tre: Roma, Bologna e Bari.

Quali sono gli sbocchi professionali che offre Uws?
L'acquisizione del Bachelor of Arts Commercial Music consente l'accesso ai corsi di Master of Arts, per il perfezionamento e la specializzazione. Inoltre favorisce il raggiungimento di capacità professionali e artistiche utili per svolgere molte professioni: Musicista solista o in band, Song Writer, Imprenditore o Manager in ambito musicale o culturale in genere, Turnista, tecnico o assistente presso studi di registrazione, live concert, programmi TV/Radio, Insegnante in ambito musicale in scuole professionali UK (previo conseguimento licenza), Insegnante in ambito musicale in scuole non professionali fuori dallo UK, A&R (Artist & Repertoire) Representative/Manager in campo artistico discografico, Promoter in ambito musicale o culturale in genere, Artist/Personal Manager, Booking Agent, Responsabile musicale presso società di produzione musicale o società di edizioni, Blogger/Influencer in campo artistico, Tour Manager…

Oltre ai percorsi per il Bachelor of Arts sono previsti anche dei Master specialistici. Ce ne vorresti parlare nel dettaglio?
UWS in Italia ne propone quattro, al momento frequentabili nella sede RCMC di Roma:

Music Industries: Questo Master è rivolto a studenti o professionisti con un background nell'ambito delle arti creative in genere, quindi non solo musicali. Il programma offre l'opportunità di sviluppare competenze e conoscenze all'avanguardia nel campo delle industrie creative al fine di intraprendere una carriera professionale capace di far interagire creatività, innovazione e business, sia in contesti professionali che accademici. A conclusione del Master è richiesta la presentazione di un progetto creativo professionale (Dissertation) completo di business plan, analisi pratica o accademica (tesi di ricerca) del settore di interesse, sviluppato a seguito di un periodo di apprendimento work-based o di stage.
Songwriting: Il programma offre a musicisti, autori, compositori, performer e cantanti, l'opportunità di sviluppare competenze e conoscenze all'avanguardia nel campo del Song Writing al fine di intraprendere una carriera professionale capace di soddisfare le esigenze del mercato sia da un punto di vista qualitativo che relativamente alle aspettative di pubblico e industria musicale. Questo Master è rivolto a studenti o professionisti con un background nell'ambito delle arti creative in genere o professionisti musicisti, arrangiatori, produttori artistici.
Sound Production: Il programma offre a musicisti, ingegneri del suono e producer, l'opportunità di sviluppare competenze e conoscenze all'avanguardia nel campo delle industrie creative al fine di intraprendere una carriera professionale capace di far interagire creatività, innovazione e business, sia in contesti professionali che accademici. Questo Master è rivolto a studenti o professionisti con un background nell'ambito delle arti creative in genere, o professionisti ingegneri del suono, produttori, fonici, creativi nell'ambito dell'audio-video.
MUSIC - Bespoke Program: Il Master in Musica è indirizzato a studenti o professionisti che hanno un interesse generale per i fattori principali creativi, tecnici e manageriali del music business. Ogni allievo può costruire il proprio piano di studi, flessibile e personalizzato, attingendo dai programmi didattici degli altri indirizzi di Master (Song Writing, Sound Production, Music Industries).

Invece, per quanto riguarda i docenti, quali sono i criteri di reclutamento?
I curricula dei docenti hanno una duplice validazione, prima vengono valutati e approvati, eventualmente, in relazione alla rispettiva materia di insegnamento,
dal responsabile del campus e, successivamente, sottoposti al consiglio accademico dell'università scozzese che, se li ritiene congrui per gli standard formativi, li approva con delibera.

Questo percorso di studi è in concorrenza con i conservatori di musica?
Diciamo che è una valida alternativa di prospettiva Europea. I percorsi accademico-musicali in Italia al momento propongono per lo più percorsi classici, jazzistici e, raramente, inerenti la musica pop, quindi, ad oggi, non esistono indirizzi di studio "ad ampie vedute". I corsi universitari Uws sono una valida alternativa agli studi Italiani, musicali e musicologici, perché più orientati alle esigenze europee e non legati necessariamente allo studio dello strumento musicale. Sono dunque percorsi molto più orientati al lavoro ed alla comprensione del mondo del "music business" oltre che allo studio tecnico di uno strumento.

Un riconoscimento importante per Mast Music Academy Bari che, però, segue, un lavoro iniziato diversi anni fa. Come è strutturata, attualmente, Mast Music Academy Bari?
La storia didattica di MAST passa attraverso la partnership decennale con il network didattico Italiano MAN, network didattico con oltre 15 sedi su tutto il territorio Italiano, oltre che altre strutture didattiche e di formazione anglosassoni, come Pearson, Trinity, University of the West London e con la Middlesex University attraverso il partner RCMC di Roma.
Mast inoltre, è nato oltre dieci anni fa come "recording studio" e prosegue la sua attività di registrazione e produzione musicale parallelamente a quella didattica consentendo ai suoi studenti un collegamento diretto al mondo del lavoro.

In conseguenza di questo accreditamento, cosa cambierà nella struttura barese?
Per il prossimo anno le novità saranno tante. Oltre al consolidamento di partnership con belle realtà della città di Bari come il fantastico "anchecinema Royal" con il quale abbiamo studiato una serie di servizi dedicati agli studenti MAST, la sede barese si sta ampliando sul territorio pugliese; quindi, dal prossimo anno didattico ci saranno 2 nuove sedi di cui preferisco non rivelare ancora i dettagli. Poi, la sede di Bari ha l'obiettivo di ampliare i propri spazi in ragione delle esigenze accademiche: più aule studio, una biblioteca, una mediateca e speriamo che il prossimo anno possa essere quello giusto per mettere in pratica questa necessità.

Cosa fare per saperne di più?
Sicuramente consultare i siti dedicati:
www.mastmusic.it - www.uwsmusicitaly.it
Telefono: 0805576599
Email: info@mastmusic.it






Articoli correlati:
09/05/2007

Told Notes (Alberto Iovene)

29/12/2004

Intervista a Saverio Petruzzellis: "...Ho ascoltato e ascolto moltissima musica, e se devo essere sincero, amo tutta la musica, da quella pop a quella classica, l'importante è che trasmetta messaggi positivi..." (Alceste Ayroldi)







Inserisci un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


Questa pagina è stata visitata 745 volte
Data pubblicazione: 12/08/2017

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti