Jazzitalia - Articoli: Intervista con Antonello Boezio (Music Academy - MAST Bari)
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�


La didattica musicale ai tempi del Covid-19

Intervista con Antonello Boezio (Music Academy - MAST Bari)
A cura di Alceste Ayroldi
maggio 2020

Antonello BoezioAntonello BoezioAntonello Boezio
click sulle foto per ingrandire

Antonello, tu sei il direttore didattico del network MAN - Music Academy e del Mast di Bari e Roma. Quali effetti hanno provocato le restrizioni in conseguenza del Covid-19 sull'attività delle istituzioni da te dirette?
Ciao Alceste, la nostra Accademia MAST si è sostanzialmente "congelata" con l'aprirsi dell'emergenza sanitaria, la priorità di tutti è stata quella di tutelare i nostri studenti ma anche i nostri docenti e lo staff tutto, che per forza di cose avrebbe corso rischi concreti nello svolgimento di qualunque attività. L'impatto del Covid-19 è stato devastante ma ci ha anche aperto ad un modo differente di pensare al nostro mondo, credo che la didattica in genere sarà uno dei settori che più sarà trasformato da questa crisi. Anche tutte le scuole del nostro Network MAN sono rimaste pietrificate e bloccate in ogni attività, da Milano a Palermo passando per Roma e Forlì…Il nostro gruppo ha però per fortuna potuto contare su un abbraccio di "resistenza" che ci ha visto lottare all'inseguimento di alternative ed un futuro stimolante. Abbiamo dialogato per esempio con le istituzioni dell'Unione Europea per perseguire un nuovo filone della progettazione europea che apre ad una differente idea di didattica, legata alla produzione musicale e ne abbiamo approfittato per candidarci e candidare l'Italia come sede di un interessante scambio tra artisti di tutta Europa che spero si concretizzi presto.

Durante la quarantena, quali attività sono state svolte al fine di proseguire la didattica?
Durante la quarantena della fase 1 ci siamo un po' reinventati utilizzando i mezzi tecnologici che ci hanno permesso di mantenere vivi i rapporti con i nostri studenti che di fatto sono riusciti a non mollare del tutto lo studio ma soprattutto siamo riusciti a garantire le attività dei nostri corsi Universitari. Gli studenti dei nostri percorsi di Bachelor of Arts riusciranno, nonostante tutto, a consegnare i loro esami di fine trimestre, grazie ad una grande forza d'animo ed al sostegno dei nostri infaticabili docenti che li hanno sostenuti con ogni mezzo possibile. La fase 2 ci sta permettendo di riaprire le attività di registrazione discografica proprio in questi giorni e a breve speriamo di poter riprendere almeno le lezioni frontali uno a uno.



Quali sono le prospettive future e come vi state organizzando al fine di tutelare gli allievi e i docenti nel momento in cui ci sarà la ripresa delle attività?

Come ti dicevo, oltre a seguire tutte le indicazioni di legge che ci guideranno ad una riapertura in sicurezza delle nostre Accademie, il forzato "lockdown" ci ha imposto una visione alternativa del nostro lavoro o meglio ci ha permesso di intravedere spiragli di un possibile futuro in cui la tecnologia possa tornare utile al nostro settore ancora più di quanto oggi faccia. Come nelle produzioni musicali le tecnologie hanno permesso ai musicisti di avere una maggiore indipendenza nei processi produttivi di creazione di una canzone, penso che anche per la didattica le nuove tecnologie possano rivelarsi un "plus" utile e stimolante in grado di aggiungere molto in termini di esperienza nel percorso formativo di un musicista. Sia chiaro non intendo dire che suonare dietro una webcam a distanza, attraverso una videochiamata possa essere paragonato all'esperienza di una lezione in presenza, ma al contrario credo che molte esperienze oltre la tipica lezione di strumento possano essere agevolate dai nuovi sistemi tecnologici ed è in questa direzione che stiamo lavorando per importanti novità che arriveranno nei nostri corsi e per i nostri studenti già a settembre prossimo.

La vostra istituzione si occupa anche dell'organizzazione attività concertistiche. Hai già in mente qualche progetto futuro, tenendo in conto tutte le misure poste a detrimento della diffusione della malattia?
Onestamente credo sia il punto più complicato da affrontare e di cui immaginare gli sviluppi; di fatto credo che un ritorno alle abitudini di sempre sia impossibile, quantomeno in tempi brevi e sia altresì piuttosto difficile immaginare qualunque alternativa alla fruizione di un concerto di musica dal vivo o ad una esibizione in teatro, come siamo abituati a pensarli, quindi almeno per adesso rinunceremo a quanto già programmato e lasceremo spazio alla sperimentazione per cercare di ideare nuove forme di comunicazione attiva tra artista e pubblico. Spero sia davvero una buona occasione di riflessione anche per i nostri politici… "La cultura è un bene comune primario come l'acqua; i teatri le biblioteche i cinema sono come tanti acquedotti". (Claudio Abbado); ce ne siamo resi conto tutti, almeno un po' più di prima, in questa quarantena, senza musica, cinema, tv e tutti gli artisti che ci hanno accompagnato, sarebbe stata ben più dura, è arrivato il momento che anche l'arte, tutta, entri a far parte delle agende politiche dei nostri governatori, non solo nelle campagne elettorali… quando il mercato dell'arte è in crisi come in qualunque mercato che genera valore (e non parlo solo del valore economico) è la cosa pubblica che deve intervenire e dare spinta alla ripartenza.

Il mondo dello spettacolo è letteralmente in ginocchio. A tuo avviso, quali interventi ritieni siano auspicabili per cercare di rimettere in sesto il settore?
Davvero una domanda difficile, credo di essere davvero poco adatto ad una risposta seria… ad ogni modo credo che ritrovarsi come collettivo, come operatori, lavoratori ed artisti nel nostro settore e nel nostro paese sia ormai una necessità imprescindibile, forse l'unico primo passo sensato che il nostro "mondo" potrebbe fare verso una rinascita identitaria prima ancora che lavorativa.







Articoli correlati:
16/05/2020

Intervista a Stefano Mastruzzi (Saint Louis Music College) (La didattica musicale ai tempi del Covid-19): "...la Siae, piuttosto che pensare in piena emergenza a tassare i concerti on-line dando una orribile immagine di sé, dovrebbe piuttosto ridurre le aliquote sui biglietti dei concerti, soprattutto sui concerti di jazz..." (Alceste Ayroldi)

06/10/2019

Terranima (Vince Abbracciante)- Alceste Ayroldi

05/06/2018

Workshop di Legislazione Musicale e dello Spettacolo: Mast Bari organizza un workshop di Legislazione musicale e dello spettacolo con Alceste Ayroldi, nel quale saranno illustrate le leggi fondamentali del settore musicale e dello spettacolo, per orientarsi tra contratti artistici, diritti d'autore e tutela dell'immagine.

15/05/2018

Eurogig International Band Exchange: Mast Bari con UWS University West of Scotland presentano Eurogig International Band Exchange, scambio culturale tra giovani allievi musicisti di cui fanno parte Scozia, Olanda, Francia, Germania, Canada, Italia

12/08/2017

Intervista ad Antonello Boezio: "...chitarrista, compositore, direttore didattico del Music Academy Recording Studio: i lsistema didattico anglosassone e la sua offerta formativa" (Alceste Ayroldi)

20/06/2017

Annunciati i vincitori del NEA Jazz Master 2018: Todd Barkan, Pat Metheny, Diane Reeves e Joanne Brackeen riceveranno il prestigioso National Endowment For The Arts 2018 Jazz Masters

08/11/2014

Il giro d'Italia a bordo di un disco - Stefano Mastruzzi, Camilla Records: "La discografia non è affatto defunta, semplicemente deve cambiare muta e rinnovarsi per adeguarsi ai tempi. Scoprire il talento, coltivarlo, assecondarlo, contrastarlo e portarlo alla maturità artistica è una missione." (Alceste Ayroldi)

02/09/2012

Bach Off Beat (M.Clombo, F. Faraò, O. Zoboli, Y. Zamir, S. Del Mastro)- Roberto Biasco

13/03/2010

Pure Songs (Laura Lala & Sade Mangiaracina) - Giuseppe Mavilla

10/08/2009

Intervista a Stefano Mastruzzi, direttore del Saint Louis Music College di Roma, chitarrista, compositore, arrangiatore: "La "codificazione" del jazz avvenuta attraverso decenni di insegnamento e di produzione editoriale (libri e metodi) hanno portato naturalmente ad una certa omologazione, che non ritengo sia un fattore del tutto negativo, tutt'altro. Il Jazz è creatività, estemporaneità, sensazione. Queste cose non si insegnano né si possono codificare." (Marco Losavio)

23/08/2008

Songs (Mastropirro Ermitage Ensemble)

21/06/2008

Coloriade (Pasquale Mega Ensemble)





Video:
LARRY CARLTON TRIO @ Black&Blue Festival 2010
LARRY CARLTON @ Black&Blue Festival 2010images: Ivan Vaniaproduced for the black&blue tv by Addictionaddiction.producers@gmail.com...
inserito il 30/09/2010  da theBLACKANDBLUEtv - visualizzazioni: 3472
Hamiet Bluiett feat. Curtis Lundy & Lee Pearson @ Eddie Lang Jazz Festival 2010 (HD VideoMix)
Master of baritone saxophone Hamiet Bluiett feat. Curtis Lundy & Lee Pearson @ Eddie Lang Jazz Festival XX Edition 2010 - Pignatelli Castle in Mon...
inserito il 23/09/2010  da HandEyeFamilyMusic - visualizzazioni: 3261
Peter Brötzmann, Paal Nilssen-Love, Massimo Pupillo trio @ Eddie Lang Jazz Festival 2010
Masters of Free Jazz: Peter Brötzmann, Paal Nilssen-Love, Massimo Pupillo trio @ Eddie Lang Jazz Festival XX Edition 2010 - Monteroduni (Italy) a...
inserito il 22/09/2010  da HandEyeFamilyMusic - visualizzazioni: 3668
Chris Potter - RW Masterclass DVD Series - Excerpt 1
Roberto's Winds presents the RW Masterclass DVD Series; an ongoing series of recorded lectures, q&a and live solo and band performances from some ...
inserito il 21/11/2009  da robertoswinds - visualizzazioni: 3062
Anthropology - Dizzie GIllespie / Charlie Parker - Davide Benecchi & The Jazz Masters
Davide Benecchi has achieved the diploma in "Mastering Jazz Guitar", a course held by Bebo Ferra at Accademia del Suono., "The Jazz Mas...
inserito il 04/10/2009  da accademiadelsuono - visualizzazioni: 4579
Have you met Miss Jones - Hart & Rodgers - Francesco Arzani & The Jazz Masters - Mastering Jazz Bass
Daniele Cortese is a second year student of "Mastering Jazz Bass" a course held by Riccardo Fioravanti at Accademia del Suono., "The J...
inserito il 03/10/2009  da accademiadelsuono - visualizzazioni: 3972
Straight, no chaser - Thelonious Monk - Daniele Cortese & The Jazz Masters - Mastering Jazz Bass
Daniele Cortese is a first year student of "Mastering Jazz Bass" a course held by Riccardo Fioravanti at Accademia del Suono., "The Ja...
inserito il 03/10/2009  da accademiadelsuono - visualizzazioni: 4208
The George Benson Sessions: The Making of Songs And Stories: Nuthin But A Party
Songs And Stories In Stores Aug. 25...
inserito il 23/07/2009  da officialgeorgebenson - visualizzazioni: 2589
Roy Hargrove RH Factor - 21-07-09 Maiori (SA) - # 1
Jazz on the Coast - Maiori (SA) , Teatro di Palazzo Mezzacapo, Roy Hargrove (Trumpet & Flugelhorn), Jonathan Batiste (Keyboards), Lenny Stallworth...
inserito il 23/07/2009  da Pipollinejazz - visualizzazioni: 2359
Jean-Luc Ponty - Desert Crossing
Great performance by a true master. From the concert in "Teatro la Fenice" in Venice...
inserito il 31/01/2009  da bordaigorl - visualizzazioni: 2427
Romane-Stochelo Rosenberg - Gypsy Guitar Masters - Double Jeu
...
inserito il 14/01/2009  da ifharmony - visualizzazioni: 2541
For Wes- Romane and Stochelo Rosenberg
...
inserito il 06/04/2008  da simplyYS - visualizzazioni: 2044
How deep is the ocean? - Lombardo - Rec by The Jazz Masters
"The Jazz Masters" (Bebo Ferra - guitar, Andrea Pozza - piano, Riccardo Fioravanti - bass and double bass, and Stefano Bagnoli - drums) teac...
inserito il 09/10/2007  da accademiadelsuono - visualizzazioni: 2641
In your own sweet way - D. Brubeck - Rec by The Jazz Masters
"The Jazz Masters" (Bebo Ferra - guitar, Andrea Pozza - piano, Riccardo Fioravanti - bass and double bass, and Stefano Bagnoli - drums) teac...
inserito il 04/10/2007  da accademiadelsuono - visualizzazioni: 3126
Everything I love - Cole Porter - Rec by The Jazz Masters
"The Jazz Masters" (Bebo Ferra - guitar, Andrea Pozza - piano, Riccardo Fioravanti - bass and double bass, and Stefano Bagnoli - drums) teac...
inserito il 27/09/2007  da accademiadelsuono - visualizzazioni: 2799
Early Joe Pass on a Fender Jaguar
That's a video of young Joe Pass playing jazz on a Fender jaguar (he played much more frequently her sibling, the jazzmaster) he favoured befo...
inserito il 01/06/2007  da Pakyie - visualizzazioni: 2558
Stochelo Rosenberg Home in his trailer
...
inserito il 22/08/2006  da dirkthai - visualizzazioni: 2340


Inserisci un commento


© 2000 - 2020 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


Questa pagina è stata visitata 607 volte
Data pubblicazione: 17/05/2020

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti