Jazzitalia: la musica jazz a portata di mouse...
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

OPEN IDEAS
Intervista a Danilo REA

di Gianmichele Taormina

Pianista dal groove incisivo ma dal retaggio fondamentalmente melodico, oggi Danilo Rea, dopo i traguardi internazionali ottenuti con i Doctor 3, guarda con differente chiarezza gli sviluppi e le riflessioni nate da "Lirico", ennesima esperienza - la seconda - concepita in perfetta solitudine. In questa intervista dai toni prima rilassati, poi addirittura confidenziali, il pianista romano parlando del nuovo lavoro ci rivela ancora un po' della sua arte, del suo intenso mood espressivo, del suo approccio "visivo" nei confronti della musica.

GT: Come e in che modo è nata l'idea di "Lirico"?
DR: Da un suggerimento di una pianista romana, Alessandra Bottari che ha curato la produzione artistica del cd. Il progetto si è sviluppato da un'idea ambiziosa, dato il materiale da trattare… Mi ci è voluto un po' di tempo prima di maturare un'interpretazione che cercasse di rispettare ciò che era così bello in partenza… Dall'inizio fino alla sua realizzazione ultima ho impiegato circa sei mesi. Nel corso di quel periodo ho allestito alcuni concerti di prova per cercare d'individuare una "dimensione adatta" allo spirito del disco. Alessandra mi ha proposto durante quei mesi molte arie, molti autori. Alla fine ho scelto quelle che in quel momento riuscivo a rendere più vicine alle mie emozioni. Quella che è entrata nel disco è solo una piccola parte di un repertorio direi illimitato al quale attingere come fonte di ispirazione…

GT: A tutti è conosciuta la tua proverbiale predilezione per certe songs cantautoriali degli anni Settanta, sia italiane che straniere e, di conseguenza, dei tuoi arrangiamenti su di queste per i Doctor 3. Avresti mai pensato ai tempi dei Lingomania di realizzare un lavoro dedicato a quest'altra particolarissima espressione di "forma canzone"?
DR: Lingomania era il gruppo nato dalle composizioni di Maurizio Giammarco, la mia partecipazione all'interno della band si sviluppava soltanto in funzione di una pura veste solistica. Difatti non ho mai composto un brano per quel gruppo, un po' perchè non era nelle mie corde un po' perchè pensavo che "la mente" dovesse rimanere Maurizio… Purtroppo dopo la dipartita di Roberto Gatto dal gruppo, Maurizio ha detto di non volerne essere più il leader, così la band finì con lo sciogliersi…

GT: Pensi abbiano contribuito le tue collaborazioni con Mina, Fiorella Mannoia e Baglioni ad analizzare da altri punti di vista le strutture delle songs per poi rimaneggiarle, manipolarle in qualche modo jazzisticamente…?
DR: Penso che queste collaborazioni mi abbiano costretto più di altre a rispettare il lato melodico delle strutture, cercando con poche note improvvisate di rendere la mia interpretazione valida. Il pop italiano? Ottima scuola per i jazzisti full of patterns!… In definitiva ho dovuto scavare nella semplicità.

GT: Come mai non hai incluso nel cd "Sotto La Luna" quella tua bellissima composizione presente al concerto di Perugia del 1998 assieme a Pietro Tonolo? Perché la si ascolta invece come intro di piano solo in Oh Che Sarà nel doppio live della Mannoia?
DR: Sei sicuro che sia la stessa? Sostanzialmente il cd era un'idea di Pietro. Credo che la scelta dei brani live da mettere dentro sia stata sua e di Antonio Miscenà patron della Egea. Quanto al brano in questione, penso sia diverso dalla intro di Fiorella. Spero… Altrimenti la vecchiaia è ormai incombente…

GT: Ti giuro! Ti assicuro che era quel pezzo! Primo perché mi è piaciuto tantissimo. Secondo perché ho registrato clandestinamente l'intero concerto. Comunque in realtà il tema della composizone con Tonolo è la "B" susseguente al tuo intro nel disco della Mannoia. La qualcosa mi fa pensare a quando Ian Carr disse a Miles Davis che nella sua biografia si sbagliava sulle date di alcuni suoi concerti. Miles andò a verificare che Carr aveva ragione!

(ridiamo sull'episodio).

Comunque parlando d'altro: potresti considerare in assoluto il disco "Improvvisi" inciso in duo con Roberto Gatto l'antesignano discografico di tutte le tue teorie musicali e del tuo odierno modo di operare?
DR: Direi di si! "Improvvisi" era pura improvvisazione melodica come il primo brano, la cui melodia, gli accordi, il ritmo, sono nati nello stesso istante in cui suonavamo, eppure sembrerebbe una composizione pensata a lungo…..cosi' La Marea, Il Ritorno, La Lotta, tutti pezzi improvvisati all'istante. Quella che normalmente chiamo consequenzialità melodica è un concetto strano. Talvolta penso che l'ascoltatore può anche non accorgersi che la melodia ed il resto è pura improvvisazione, mentre magari sottovaluta l'impegno mentale che questa melodicità tematica richiede. Tutto ciò mi sembra un modo di "spremere" le proprie emozioni…. Senza buttare note in frasi fatte.

GT: Come mai hai inserito anche in "Winter Tales" il nuovo disco live dei Doctor 3, una doppia versione dell'intermezzo della Cavalleria Rusticana?
DR: Decisione del trio, brano molto amato da noi tre, versioni diverse e una specie di inizio/fine collegati tra loro: troppo decadenti e romantici?

GT: No, no… Ma restiamo in argomento. Ad esempio sempre all'interno di "Lirico" troviamo anche arie più "gettonante" nel mondo dell'opera di tutti i tempi. Mi riferisco alla Carmen di Bizet, il Va Pensiero verdiano o Lucean Le Stelle dalla Tosca di Puccini. E' stata una scelta mediata dalla volontà di rendere più riconoscibili questi temi?
DR: No, solo dal fatto che da sempre ciò che piace nel tempo a tutti è oggettivamente bello, anche se alcuni autori per snobbismo sono stati talvolta accusati (spesso) dagli stessi musicisti… Ricordo che quando parlavo con ammirazione di uno dei notturni di Chopin alcuni miei compagni di conservatorio mi accusavano di amare le sue cose piu easy…. "ascolta invece questo", mi dicevano. Io ascoltavo ma non mi veniva la pelle d'oca…e tornavo al mio notturno.

GT: Ci sono dei brani in particolare che ritieni abbiano una motivazione specifica per cui necessariamente dovevano entrare nel disco?
DR: No, non direi. Ho inciso più di venti arie in almeno due versioni, ognuna dopo una prima scelta. Ho lasciato a Miscenà l'ingrato compito della scaletta. Lui ha tolto qualche brano in più per non farlo troppo lungo ed ha insistito per lasciare i due pezzi tratti dalla Carmen, brani che invece avrei voluto togliere… In quel momento mi sembravano troppo "pirotecnici". In quel periodo ero in un mood notturno… Ad ogni modo abbiamo lavorato bene insieme. Antonio è un musicista per cui ha scelto come inizio il brano che più mi aveva emozionato durante l'incisione… Avrei fatto la stessa cosa anch'io!

GT: E' stato interessante poter lavorare con la consueta metodica della Egea? Il suono pulito e denso dell'incisione, il pianoforte particolare, l'acustica del teatro dell'Oratorio di Santa Cecilia?
DR: L'Egea è gestita da musicisti, pianisti, compositori… Francesco Cianfruglia, che ha curato la registrazione, è a sua volta un ottimo musicista. É stato bello potersi confrontare con lui durante la registrazione. Il suono della sala poi era perfetto e inoltre il Fazioli usato è un grande pianoforte. Insomma è un'etichetta che partecipa senza interferire troppo nel lavoro interno che il musicista compie durante l'incisione. Tutto il team Egea lavora molto bene. Li ringrazio tutti.

GT: Oltre al nuovo disco dei Doctor 3, "Lirico" (che è il tuo secondo lavoro in piano solo ed il secondo per l'Egea) e l'altro doppio live con Roberto Gatto, che hanno visto la luce quest'anno, hai altri progetti da pubblicare nel prossimo futuro? Più precisamente mi riferisco al duo con Pietro Tonolo e alla band Seventeen con Roberto Gatto, Fabio Zeppetella e Francesco Puglisi.
DR: Il duo con Tonolo è in attesa di nuove ispirazioni. In realtà ci siamo un po' persi di vista...Ritengo Pietro un grande musicista e spero che dalla nostra diversità possa in futuro nascere un nuovo progetto. Quanto a Seventeen è stato solo un incontro tra vecchi amici. Ci siamo divertiti senza alcun fine discografico.

GT: A quando un lavoro a tuo nome di sole tue composizioni?
DR: Con tutte le cose meravigliose già scritte? Domanda difficile… La composizione va coltivata giorno dopo giorno, come l'improvvisazione… Vorrei provarci ma sono abituato oramai ad accettarmi come compositore estemporaneo…. Riuscirei ad accettarmi dopo il lungo processo della composizione classica? Ho pensato di farlo in futuro. Quando, chi lo sa?...

GT: Qual è il più bel ricordo che serbi durante la lunga stagione trascorsa con il Lingomania? Rimpianti? Nostalgie?
DR: Nessun rimpianto. É stato un bel gruppo e Maurizio Giammarco è un grande compositore, anche se a mio parere sottovaluta sempre i suoi pezzi migliori. Pensa: addirittura li snobbava! Non ho mai capito perchè! Ricordo che veniva da me e diceva: "perchè mi cambi sempre gli accordi che ti ho scritto? Ci ho messo ore per deciderli!". Gli rispondevo tra le risate di tutti che erano troppo complicati….Che non facevo in tempo a leggerli!





Articoli correlati:
25/10/2015

Doctor 3 (Doctor 3)- Antonella Chionna

12/07/2015

Torino Jazz Festival 2015: "La quarta edizione del festival torinese diretto da Stefano Zenni è iniziata con l'atteso progetto "Sonic Genome" di Anthony Braxton: un percorso di otto ore all'interno delle sale del restaurato Museo Egizio." (Vincenzo Fugaldi)

11/01/2015

Intervista a Paolo Fazioli: "Pezzi unici, accurata scelta dei materiali, tanta ricerca e esperimenti: Paolo Fazioli, a Roma per l'inaugurazione della Ciampi Luxury Piano Gallery, ci racconta la sua esperienza." (Nina Molica Franco)

21/09/2014

Umbria Jazz 2014: "In quest'edizione non c'è stato spazio solo per il jazz, ma ogni serata è stata dedicata ad un genere diverso: Funk & Soul Night, Jazz & Brasil Night, Hip hop & Soul Night, New Orleans Night, Piano Night, Ladies night e persino una serata solo per la dance music." (Giusy Casanova)

17/08/2014

Metti una sera con i Doctor 3: Al Multiculturita Summer Jazz Festival il noto trio suona una musica che "...prende per mano il pubblico, lo corteggia e lo trascina in percorsi musicali estemporanei dai risvolti imprevedibili..." (Alessandra V. Monaco)

16/06/2014

Doctor 3 proudly presents "Doctor 3": "...di come i padri abbracciarono i figlioli prodig(h)i. La formula è quella solita: classici del rock/pop rivisitati in chiave jazz, più qualche standard." (Monica Mazzitelli)

08/06/2014

Duo Art Creating Magic (AA. VV.)- Alceste Ayroldi

14/10/2013

Nice Scribbles (Marcello Sirignano 4et)- Alceste Ayroldi

14/08/2013

Umbria Jazz 2013 - 40th Anniversary: Umbria Jazz 2013 40th Anniversary: "Tra l'algida Krall, i capricci di Jarrett e gli affollati concerti border-line, spiccano i duo Garbarek-Gurtu, Fresu-Sosa e Mirabassi-Castaneda". (Daniela Floris)

21/10/2012

Roccella Jazz Festival, "Cose Turke": Edizione numero 32 del festival calabrese, che riprende la formula itinerante e offre come sempre uno spaccato del meglio del jazz contemporaneo. (Vincenzo Fugaldi)

22/04/2012

Quattro chiacchiere con Filippo Bianchi: "Il jazz è contemporaneamente un luogo di "tradizione", con tutto il suo peso, e un luogo di "creazione", con tutti i rischi impliciti nelle anticipazioni." (Alceste Ayroldi)

27/08/2011

Umbria Jazz 2011: "I jazzisti italiani hanno reso omaggio alla celebrazione dei 150 anni dall'Unità di Italia eseguendo e reinterpretando l'Inno di Mameli che a seconda dei musicisti è stato reso malinconico e intenso, inconsueto, giocoso, dissacrante, swingante con armonizzazione libera, in "crescendo" drammatico, in forma iniziale d'intensa "ballad", in fascinosa progressione dinamica da "sospesa" a frenetica e swingante, jazzistico allo stato puro, destrutturato...Speriamo che questi "Inni nazionali in Jazz" siano pubblicati e non rimangano celati perchè vale davvero la pena ascoltarli e riascoltarli." (di Daniela Floris, foto di Daniela Crevena)

05/08/2011

Opera (Danilo Rea & Flavio Boltro) - Alceste Ayroldi

01/08/2011

Un incontro di jazz (Paoli, Boltro, Rea, Bonaccorso, Gatto)- Alessandro Carabelli

15/08/2010

Südtirol Jazz Festival Altoadige: "Il festival altoatesino prosegue nella sua tendenza all'ampliamento territoriale e quest'anno, oltre al capoluogo Bolzano, ha portato le note del jazz in rifugi e cantine, nelle banche, a Bressanone, Brunico, Merano e in Val Venosta. Uno dei maggiori pregi di questa mastodontica iniziativa, che coinvolge in dieci intense giornate centinaia di artisti, è quello, importantissimo, di far conoscere in Italia nuovi talenti europei. La posizione di frontiera e il bilinguismo rendono l'Altoadige il luogo ideale per svolgere questo fondamentale servizio..." (Vincenzo Fugaldi)

06/06/2010

Terza edizione del Reggio Calabria Top Jazz Festival: "...il concerto memorabile è stato quello del quartetto "Tinissima", una delle opere più importanti del jazz europeo degli ultimi anni, e nella dimensione live raggiunge una compiutezza che la già notevole registrazione in studio faceva solo intuire. A supporto della musica, una serie di struggenti fotografie di Tina Modotti proiettate a cura di Antonio Vanni." (Vincenzo Fugaldi)

01/11/2009

Danilo Rea, "La lirica magia del piano solo" a Divino Jazz 2009: "...un concerto dalla forte caratterizzazione lirico-espressiva, densa di tenere immagini e vividi ricordi che, sia negli spunti stride piano, ombreggiature blues, bruschi cambi direzionali mainstream, ha lasciato il segno, incantando il pubblico e gli addetti ai lavori, inondando la "piazzetta" con la musica di uno dei più amati protagonisti della "canzone d'autore" italiana." (Francesco Peluso)

09/06/2009

Nell'ambito di Musicadonna, a Catania, Danilo Rea e Rita Marcotulli musicano live il film "Metropolis" di Fritz Lang: "Musica e immagini nella potenza evocativa del jazz. Quando il cinema muto incontra il jazz nasce una forza evocativa unica: le immagini che si traducono in musica, la musica che racconta le immagini." (Liliana Rosano)

13/12/2008

"Cinema songs", la serata della magica e romantica melanconia. Danilo Rea suona sulle immagini di Schindler's List e il suo sestetto, accompagna Gino Paoli in un percorso di musica del mondo del cinema.

22/11/2008

Eventi in Jazz di Busto Arsizio: "Dopo il successo degli anni scorsi, anche questo autunno a Busto le calde note del jazz hanno acceso la vita culturale cittadina. Dal 18 ottobre gli "Eventi in Jazz", giunti alla VI edizione, hanno portato, come da consuetudine, artisti di grandissimo livello nei principali teatri cittadini quali il Sociale, il Manzoni, il Lux, Fratello Sole, con un cartellone davvero invidiabile." (Alessandro Carabelli)

25/08/2008

Renato Sellani e Danilo Rea ad Elba Jazz: "...una serata di musica incantevole. Da gustare per il puro piacere di ascoltare belle melodie, trasformate con sapienza ed adagiate su uno swing morbido. Intrattenimento di altissimo livello, fruibile da un pubblico vasto..." (Marco Buttafuoco)

12/08/2008

Suoni Naviganti nel sagrato del quattrocentesco Convento dell'Annunciata: "Il festival ci ha presentato artisti prestigiosi ed un repertorio molto vario, tale da soddisfare il pubblico più vasto..." (Rossella Del Grande)

25/01/2008

Divino Jazz 2007, Musica, danza, vino ed altro per palati raffinati: "...il Jazz ha ricoperto il ruolo primario con una trasversalità di contenuti ed atmosfere, che hanno sempre mantenuto alta l'attenzione ed il gradimento dell'uditorio. Il programma, infatti, ha presentato un alternarsi di accezioni espressive che sono apparsi più nelle loro significative peculiarità, che negli evidenti contrasti stilistici." (Francesco Peluso)

05/01/2008

Il trio di Danilo Rea e Roberto Gatto, con Joseph Lepore al contrabbasso, al Dizzy's Club Coca-Cola di New York: "...l trio ha presentato alcune arie tratte dalle opere italiane eseguite con arrangiamenti jazz, oltre a classici della musica americana di Bacharach e Lennon, e originali interpretazioni in chiave jazzistica di note canzoni italiane." (Roberta Zlokower)

05/01/2008

I Festival Piemontesi, II Tappa: "I viaggi sono costruiti attraverso ritorni, passaggi e paesaggi e possono diventare con il tempo frequentazioni; le novità sanno stupire presentandosi come eccezioni o consolidate esperienze e il jazz acquista nuovamente lo stimolo per attraversare e ri-attraversare il Piemonte dell'estate 2007." (Alessandro Armando)

05/01/2008

Gino Paoli con il suo Milestones al NotomusicaFestival: "E' stato un incontro di jazz come ce ne sono stati altri tra il grande patrimonio della canzone italiana d'autore e non. Una via percorsa da tempo da parte di alcuni musicisti nostrani che hanno capito che si poteva creare un filone tutto italiano di jazz pescando nella nostra tradizione." (Giuseppe Mavilla)

03/01/2008

Umbria Jazz Winter #15, l'anno del Jazz Made in Italy: "Oltre 60 concerti a pagamento e circa 50 ad ingresso libero, 12 mila le presenze paganti, 165 mila euro gli incassi ai botteghini, 65 mila le presenze complessive, 180 artisti, 80 persone di staff, 25 tecnici, 50 unità di servizio e 210 le persone direttamente impegnate nella organizzazione del festival..." (Marcello Migliosi)

28/10/2007

Sotto la consueta direzione artistica di Paolo Damiani, si è tenuta la XXVII edizione di Roccella Jazz Festival 2007, intitolata "Al tempo che farà": "...un'edizione di "Rumori mediterranei" che certo resterà fra le migliori dell'intera storia del festival" (Enzo Fugaldi)

26/08/2007

Multiculturita Summer Jazz 2007, i concerti di Balducci Ensamble, Funk Off, Rava Quintet, Gino Paoli e il quartetto di Pat Metheny e Brad Mehldau, l'intervista a Pat Metheny: "Capurso capitale pugliese del jazz nell'estate 2007. Non si tratta di un messaggio promozionale volto a promuovere un evento, ma un giusto riconoscimento per chi ha consentito a questo paese, sito nell'hinterland barese, di divenire in così pochi anni uno dei punti di riferimento regionali dal punto di vista musicale..." (Alberto Francavilla - Marco Losavio)

09/02/2007

Umbria Jazz Winter: "La quattordicesima edizione di Umbria Jazz Winter è stata contrassegnata dall'incontro tra il jazz e la canzone d'autore: un binomio che molti anni fa negli Stati Uniti ha prodotti quei famosissimi standards su cui i jazzisti di tutto il mondo continuano ancora oggi ad improvvisare. Questo "fenomeno" ha raggiunto ormai da anni anche nel nostro paese, ed ha contribuito a rafforzare un'identità troppo spesso condizionata dagli stereotipi d'oltre oceano." (Marco De Masi)

27/12/2006

Gino Paoli Quintet (R.Bonaccorso, D.Rea, R.Gatto, F.Boltro) al Teatro Augusteo di Salerno (Francesco Truono)

05/08/2006

Il Nick La Rocca Jazz Festival 2005 in uno scenario con un'atmosfera semplicemente incantevole, una perfetta organizzazione, una manifestazione che ha offerto sicuramente più luci che ombre. (Francesco Peluso)

04/06/2006

Fado Meridiano (Lillo Quaratino)

03/06/2006

Solo. Live at the Auditorium Parco della Musica (Danilo Rea)

09/04/2006

L'allieva (Mina)

19/03/2006

So Right (Maria Pia De Vito)

16/03/2006

I Doctor 3 a Villa Celimontana 2005 (Stefano Ramaccia)

26/02/2006

Gallarate Jazz Festival 2005: "...terza edizione di un Festival Jazz che anche quest'anno si è distinto per l'impronta personale che il suo Direttore Artistico, il Maestro ed Amico Max De Aloe, ha saputo conferirgli..." (Patrizio Gianquintieri)

20/11/2005

Danilo Rea e Gianluca Petrella: gli Italiani di Berchidda: "...l'interpretazione jazz dei capolavori di De Andrè mette in rilievo la sensibilità musicale di Rea..." - "Senza nulla togliere al collega jazzista e ad altri artisti pure di riguardo, quale gladiatore di quest'estate jazz-festivaliera possiamo additare Gianluca Petrella..." (Antonio Terzo)

02/07/2005

Charlap, D'Andrea, Mehldau, Rea, Corea...Il piano jazz in un nuovo spazio di fotografia a cura di Giorgio Alto

22/05/2005

Intervista tripla a Danilo Rea, Massimo Manzi ed Enzo Pietropaoli. Abbiamo posto lo stesso schema di domande a tutti e tre gli artisti rilevando molte affinità nell'approccio e nella visione attuale della musica, nei fattori predominanti che hanno influenzato le proprie scelte artistiche... (Marco Losavio)

15/04/2005

Umbria Jazz Winter: "...è il pianoforte a dominare la manifestazione, come può testimoniare anche l'evento jazzistico più significativo del Festival: i Duets di solo piano del 2 gennaio al teatro Mancinelli, con protagonisti Brad Mehldau e Danilo Rea prima e Martial Solal e Stefano Bollani poi..." (Dario Gentili)

17/07/2004

Renato Sellani e Danilo Rea a Cattolica per in duo inedito: "Da quella straordinaria coppia apparentemente seduta a un unico, lunghissimo pianoforte con due tastiere, trasudava qualcosa di grande e il pubblico partecipava sempre più." (Enrico Mariani)

17/10/2003

Lirico (Danilo Rea)

13/02/2003

Intervista a Roberto Gatto: "Il jazz è una musica che non ti regala niente ... il Jazz è una fede, è un pensiero, è una musica che richiede grande concentrazione, grande preparazione ma soprattutto grande spiritualità ..." (Filippo Maria Cazzolla)





Video:
Chet Baker live in Isernia 1981 - "Just Friends" (Exclusive - Very Rare Live Version)
La sera del 24 ottobre 1981, presso il Cinema-Teatro "Fasano" di Isernia, Chet Baker si esibì in un memorabile concerto, accompagnato d...
inserito il 04/06/2010  da HandEyeFamilyMusic - visualizzazioni: 4851
Jazz for Peace, al via il Settembre sangiulianese
Per la serata inaugurale del Settembre sangiulianese, "jazz for peace", progetto di Daniele Malvisi che ospita sul palco Danilo Rea....
inserito il 05/09/2009  da Pisanotizie - visualizzazioni: 2739
Massimo Nunzi ed Elena Somarè parlano della grande storia del jazz
...
inserito il 29/05/2009  da esomare - visualizzazioni: 3148


Invia un commento

© 2000 - 2003 Jazzitalia.net - Marco Losavio - Tutti i diritti riservati

© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.

Questa pagina è stata visitata 26.760 volte
Data pubblicazione: 17/10/2003

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti