Jazzitalia: la musica jazz a portata di mouse...
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Intervista a Dario Cellamaro
di Marco Losavio

In occasione dei concerti che il grande Clark Terry ha tenuto al Blue Note di Milano, abbiamo incontrato il batterista Dario Cellamaro che, invitato sul palco, si è esibito con Terry in una performance che riamarrà probabilmente memorabile si dal punto di vista musicale che umano. Ci siamo allora fatti raccontare direttamente da Cellamaro come è andata...

M.L.: Dario, raccontaci di questa magica sera con il più grande trombettista vivente...
D.C.: Era dal 2000 che non vedevo Clark Terry. Con lui ho avuto l'onore di incidere due album: Manipulite nel 1996 e Second Time nel 1998. Ero in contatto con lui attraverso il mio grande amico Dave Glasser con il quale ho inciso anche l'album Basket 11.05.99 e che gli ha sempre riportato i miei saluti e la mia stima. Venendo in Italia, attraverso Dave, ho ricevuto l'invito nella guest list personale di Clark il quale desiderava reincontrarmi e salutarmi. E così, sabato 15 gennaio, ero lì, emozionato perchè a Terry mi lega un affetto profondo ma anche una stima incommensurabile, secondo me è il più grande di tutti. Non poteva essere altrimenti nel vedere un "grande" della storia del jazz, abbracciarmi tenendomi stretto per quasi un minuto, non riuscendo a contenere l'emozione con due lacrime che gli scendevano sulle guance...Mi ha ricordato quasi tutti i nostri aneddoti vissuti insieme, compresi gli spaghetti con le cozze ed i calamari fritti mangiati a Durante l'esecusione di "Brushes & Brass" in un concerto del 1997 (Villa Valerio di Casciago - Varese)Maglie nel 1998 e gli spaghetti al pesto che, per farglieli mangiare nel migliore dei modi, fu necessario attraversare Milano da un capo all'altro per andare ad un ristorante di amici liguri che era alla parte opposta dello studio dove registravamo "Manipulite" nel 1997... ed altro ancora...

M.L.: ...questo prima del concerto, e poi...?
D.C.: Ha aperto il primo set salutando tutti i presenti e chiedendo a Dave il mio cognome che inizialmente non ricordava, per poi proseguire presentandomi e salutandomi. A fine primo set mi ha invitato sul palco definendomi "one of greatest drummer with whom I played in my career.." Durante l'esecuzione di "Brushes & Brass" - Blue Note, Milano - 15 gennaio 2005e nominando i titoli dei due CD incisi insieme. A quel punto non ho fatto neanche a tempo ad "ambientarmi" e a rendermi conto che è partito presentando un suo cavallo di battaglia suonato a velocità a dir poco impressionante: "Brushes & Brass". Da soli, io e lui. Sento ancora la sua tromba e le mie spazzole risuonare nel silenzio del Blue Note. E' stato come un sogno...Poi abbiamo eseguito insieme alla band "My Romance", convinto che ricordassi il suo arrangiamento...E meno male che non dimentico! Così è terminato il primo set e nel raccogliere il tributo del pubblico ha detto la sua solita frase come negli ultimi concerti fatti insieme: "Dario, Dario, take about, take about", riservando a me gli applausi del pubblico...Credevo fosse finita qui. Invece no. Mentre andavo a salutarlo per andar via, mi ha chiesto perchè non mi fermassi anche per il secondo set per suonare ancora insieme. Mi ha chiesto: "Ricordi The Snapper" che è un suo brano inserito nel nostro CD "Second Time". Al mio "certanly !!!", mi ha detto: "allora fermati che dopo lo suoniamo, ho bisogno di swing...... ah, ah, ah !!!!", con la sua inconfondibile risata. E così, a metà circa del secondo set mi ha richiamato sul palco per suonare "The Snapper", riservandomi ampi spazi di solo probabilmente anche fra l'incredulità del pubblico stesso accorso per il grande Terry e ch, applaudendo, continuava a chiedersi chi fosse 'sto Dario Cellamaro che non avevano mai sentito prima. Alla fine del concerto, Clark ha ringraziato tutto il pubblico e, nel presentare i suoi musicisti, ha aggiunto anche me...Spendida persona!!!!!

M.L.: Cosa vi siete detti poi in camerino?
con Clark TerryD.C.: Dopo, in camerino, bicchierata con tutti, abbracci e saluti, e la mia solita frase a Clark "I love you, God bless you !!!!" e la sua solita risposta: "The same for you, my dear friend"...E' stato contentissimo di trovarmi felicemente sposato e sereno ed ha abbracciato mia moglie dicendole. "Mi raccomando, ama sempre la sua musica ed il suo lavoro!!!". Non è facile essere vicino ad un musicista...Po mi ha raccomandato di spedirgli a casa il mio ultimo CD dopo aver saputo che era stato dedicato a mio fratello scomparso (ndr. NinnaNannaNino) ed una certa "strigliata" nel non averlo portato dietro con me con subito dopo una sonora risata come sua abitudine.

M.L.: Come l'hai trovato rispetto all'ultimo vostro concerto?
D.C.: Compatibilmente alla malattia che lo affligge da anni, l'ho trovato in perfetta forma fisica e musicale. Solo un leggero peggioramento alla deambulazione, anche se non vede proprio più, ma questo si sapeva...Se pensi che non lo vedevo dal 2000 e siamo nel 2005, penso che sia proprio un eletto da Dio.

M.L.: Certo, ma siamo anche noi fortunati nel poter ancora sentirlo suonare...Cosa hai in progetto?
D.C.: Siamo fortunatissimi, non solo fortunati !!! E ringraziamo il buon Dio che ancora ce lo consente!! Per quanto riguarda i miei progetti, è proprio di questi giorni l'inizio dei lavori per un altro progetto discografico. Così come si legge all'inizio di questa intervista, ho sempre mantenuto ottimi rapporti con Dave Glasser, con Dave Glassersin da quando ci siamo conosciuti. Ed insieme non abbiamo mai perso la speranza di suonare di nuovo insieme in studio di registrazione, visto che tutte le proposte "live" che ho fatto agli addetti ai lavori qui in Italia (promoters, organizzatori, Assessorati allo Spettacolo ed ogni quant'altro) che includessero lui nel mio organico musicale, sono state perennemente snobbate e disattese … Con lui, compresa quella magica serata al Blue Note di Milano, abbiamo sempre aspettato l'occasione giusta. Occasione che si verificherà il prossimo mese di maggio quando Dave sarà qui in Italia al mio fianco per incidere un altro grande omaggio al nostro jazz preferito: il be-bop!! In questa circostanza ho voluto fare le cose "in grande" ed ho invitato, come altro "special friend" un signor musicista: il grande trombettista Emilio Soana. Per me Emilio è il "Clark Terry italiano", non solo per la sua bravura, ma soprattutto per la sua umanità e la sua grande umiltà. Così come Clark: la classica umiltà dei "grandi". Con me, alla sezione ritmica, ci saranno gli amici di sempre Stefano Caniato al pianoforte e Stefano Dall'Ora al contrabbasso. Dieci o undici temi fra brani originali e riproposizioni dei grandi del passato come Kay Winding, Kenny Clarke, Billy Strayhorn, più il solito omaggio a Clark che non può e penso non potrà mai mancare in un mio disco!!! Sarà un lavoro fatto con la solita professionalità, ma di "gran carriera" in modo da farlo uscire già prima dell'estate. Infatti, incrociando le dita, c'è già da ora la possibilità della sua presentazione in anteprima in un progetto che vede come contorno la bella Sicilia. Incrocio le dita e mi auguro tanta fortuna!! Spero sia giunto il momento che un po' me la meriti …

Te lo auguriamo anche noi, ci si risente quando esce l'album!






Articoli correlati:
18/03/2015

Intervista con Fabio Morgera: "...quando uno come Frank Lacy ti dice 'You're Black' mentre stai suonando con lui, beh, allora puoi dire di esserci veramente dentro." (Achille Brunazzi)

06/09/2008

Samira (Dario Cellamaro Swingsuite 5et)

08/01/2006

Simo's Fun (Dario Cellamaro & Special Friends)





Video:
Clark Terry receives the Grammy 2010 Lifetime Achievement Award
Legendary Jazz Trumpet and Flugelhorn player, Clark Terry, receives the Grammy 2010 Lifetime Achievement Award on January 30th, 2010 in Los Angeles. D...
inserito il 02/02/2010  da bigeyezzzzzzz - visualizzazioni: 2515
Oscar Peterson Jam - Ali & Frazer
Norman Granz's documentary "Improvisation" (part 12), , Dizzy Gillespie, Clark Terry (tp), Eddie Lockjaw Davis (ts), Oscar Peterson (p), Nie...
inserito il 01/07/2009  da OscarPetersonFan - visualizzazioni: 2861
Horace Silver, Blue Mitchell & Junior Cook
Playin the blues....
inserito il 23/01/2009  da OscarPetersonFan - visualizzazioni: 3344
ARETHA AND GUESTS "ALL STAR TRIBUTE TO THE GIANTS OF JAZZ"
ARETHA AND GUESTS ALL STAR TRIBUTE TO THE GIANTS OF JAZZ....FEATURING HERBIE HANCOCK, RON CARTER, CLARK TERRY, ROY HAYNES, JAMES CARTER AND RUSSEL MAL...
inserito il 27/10/2008  da oneloveatatime - visualizzazioni: 3729
Count Basie with Clark Terry
http://www.jazzvideoguy.tv presents the immortal Count Basie featuring Clark Terry on trumpet, Wardell Gray- tenor sax, Buddy DeFranco-clarinet, Fredd...
inserito il 13/12/2006  da JazzVideoGuy - visualizzazioni: 2201
Count Basie Meets Clark Terry
http://www.jazzvideoguy.tv presents Count Basie, from the film, "Rhythm and Blues Review," October 1950. The film is now in public domain ...
inserito il 13/12/2006  da JazzVideoGuy - visualizzazioni: 2143


Invia un commento

© 2000 - 2005 Jazzitalia.net - Tutti i diritti riservati

© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.

Questa pagina è stata visitata 5.411 volte
Data pubblicazione: 18/03/2005

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti