Jazzitalia: la musica jazz a portata di mouse...
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Intervista a Enrico Pieranunzi
Umbria Jazz 2004
Perugia, Teatro Morlacchi - 18/7/2004

di Antonio Terzo
foto di Paolo Acquati

Una amichevole chiacchierata con Enrico Pieranunzi, per parlare del suo ultimo disco, ma anche per scoprire il suo modo di fare jazz, e forse anche il "segreto del suo successo", partendo innanzitutto dal longevo rapporto con la sua etichetta discografica, l'Egea Records.

«Sono legato all'Egea da undici anni, al di là della continuità è un rapporto importante anche per i contenuti, perché mi ha dato l'opportunità di esplorare una zona compositiva che forse con un altro produttore e con un'altra casa discografica non avrei potuto approfondire verso questa direzione melodico-mediterranea. Anche il fatto di poter lavorare con organici diversi. Il piano solo per me è relativamente usuale, invece mi riferisco al trio con Racconti Mediterranei o quest'organico di Les Amants con gli archi: per me sono organici inusuali. Ed anche dal punto di vista della scrittura è una grossa opportunità».

È quanto emerge anche dal modo in cui è stato concepito questo lavoro discografico, "una mia boutade irresponsabile" la definisce Pieranunzi, nata dallo scambio di battute fra lui e Antonio Miscenà, produttore dell'Egea.

«Mi chiese cosa volessi fare dopo Racconti Mediterranei, ed io: "Adesso bisognerebbe ideare qualcosa con…un quartetto d'archi!" Io quasi scherzavo, invece lui fu subito d'accordo. E a quel punto è stato un colpo, perché avevo un'esperienza molto limitata nel settore, ed è stata una cosa complessa… E appagante, per due motivi: prima di tutto perché ho imparato tanto scrivendo, la musica è talmente enorme, infinita, che ho imparato un po' di più. Poi perché ho potuto fare un'operazione più dichiarata di fusione tra le mie radici classiche e quelle jazz, perché certe parti del quartetto sono proprio classiche, tardo-romantiche, impressionistiche, mentre le parti jazz vengono fuori con le improvvisazioni, specie da Bulgarelli e Giuliani. Quindi ho avuto l'opportunità di mettere insieme in maniera chiara e visibile questo doppio linguaggio».

L'Egea ha infatti sviluppato una linea "editoriale" particolarmente attenta al recupero ed alla valorizzazione del patrimonio musicale italiano e regionale. «Non è poi così vincolante, di fatto, è più una weltanschauung, una visione del mondo, una filosofia del "fare musica", naturalmente, molto acustica, con elementi etnici a volte non espliciti, spesso allusivi… L'Egea ha dei musicisti, come Marco Zurzolo, che fanno un lavoro etnico più esplicito. Ma anche in quello che fa Gabriele Mirabassi, che è musicista di estrazione classica: secondo me anche lui miscela il jazz con la preparazione classica, con elementi folclorici. È qualcosa in cui uno non rinuncia a nulla delle proprie radici o anche delle proprie influenze, certe o indeterminate… perché quando scrivo un pezzo non è che decido prima che impostazione debba avere!»

Lirismo, romanticismo, radici italiane: elementi riscontrabili nei lavori del maestro. «Forse molti non sanno che Roma ha questo folclore, ma purtroppo con tutte le stratificazioni culturali, questa immagine cinematografica un po' stupida e fessa ha sommerso queste radici che invece certamente esistono. Canto nascosto ha queste radici, anche in Canto di Nausicaa, c'è questo richiamo. Le radici etniche, di musica folclorica, si trovano tra le righe in filigrana, magari non esplicitate, non si può dire che questa sia musica etnica. Vengono fuori dei sapori, dei colori, e a me piace questa indeterminatezza. In maniera diversa pure in Les Amants, anche se questo è un pezzo "francesizzante", ecco perché ho messo questo titolo, è una danza francesizzante… Il titolo infatti viene dal fatto che a me piace il francese come lingua, mi piace la cultura letteraria francese, la musica francese, Debussy, Ravel, Fauré, Milhaud… Quando ho scritto questo pezzo, in realtà composto in pochi minuti, sembrava una danza: associo molto anche la danza alla Francia, all'Opéra, a tutta l'iconografia di Edgard Degas, per cui, dato che questo pezzo mi sembrava proprio da ballo, mi è venuto abbastanza naturale mettere il titolo francese, non ho avuto esitazioni. È un tre quarti veloce… Si balla, appunto, e questo ballo ha suscitato quelle immagini di ballerine col tutù, questa leggerezza, questa specie di borotalco».

Ed anche il quartetto Arké risulta essere l'organico più congeniale a questo tipo di concept. «Non fa solo musica cameristica, al contrario. Per adesso per esempio stanno accompagnando Antonella Ruggiero, o anche Trilok Gurtu, grandissimo percussionista etnico, quindi questi musicisti hanno un range di esperienze molto ampio, sono molto duttili, flessibili, non sono i classici "classici", ma dei classici un po' particolari, hanno tutti preparazione classica, due di loro suonano nell'Orchestra dell'Opera di Bologna, però sono molto aperti a qualsiasi tipo di linguaggio. Speriamo di estendere questa collaborazione anche in altre direzioni, magari con altri materiali».

Sembra dare ragione di tale trasversalità musicale anche la presenza di Marc Johnson nel disco, prezioso contrabbassista del celebrato trio di Bill Evans. «La collaborazione con lui è ormai un romanzo, insieme abbiamo fatto quattordici dischi tra trio, duo e altri progetti, il primo nell'84, quindi sono vent'anni che suoniamo, ed è una collaborazione che soprattutto negli ultimi quattro anni, è diventata ulteriormente stretta, non solo sul piano professionale, ma anche sul piano umano. Anche lui è un musicista con un retroterra classico, questo ci unisce al di là di cose difficili da definire a parole, feeling, fantasia… Però ha una ottima preparazione classica, gran rispetto per il suono, un'attenzione a certi valori musicali sui quali ci troviamo d'accordo senza dover dire nulla. Perciò era il musicista perfetto per questo genere di progetto, suona bene l'arco, ha cominciato con il violoncello».

Un disco di "rivisitazioni" di brani già editi, arricchiti dall'approccio "cameristico". «Quasi tutti i pezzi di questo progetto erano esistenti, alcuni già scritti ma mai incisi, come Where I never was e Canto del mare. Les Amants invece era già inciso su Racconti Mediterranei, quindi ha già quattro anni. Dovendo lavorare ad un progetto con un organico per me veramente nuovo e difficile, ho preferito scegliere del materiale che almeno conoscessi, così da avere almeno qualche punto d'appoggio, sennò sarebbe stato davvero difficile muoversi su quel terreno».

Eppure Pieranunzi è noto per una componente lirica che lo ha fatto spesso accostare ad una sensibilità di tipo "bill-evansiano", e che nel progetto viene quasi sublimata – ci si passi il termine – dal suddetto approccio. «È una conferma di questa miscela, perché credo che ognuno abbia la propria individualità anche all'interno di una espressione lirica. Non so se il mio lirismo sia accostabile a quello di Bill Evans, ma è interessante che anche lui avesse una forte preparazione classica, una grande sensibilità per la musica francese, per la musica impressionistica, la musica russa… Per cui può darsi che siano questi gli elementi di convergenza, anche se alla fine credo che questo per me sia ormai molto relativo… Certamente ho avuto un periodo di forte influenza, anche dichiarata, ma d'altra parte Evans ha influenzato tutti i pianisti moderni importanti, non si sfugge, perché ha cambiato la grammatica del pianoforte dal punto di vista armonico. Sul lirismo, per me è certamente molto lusinghiero essere accostato a Bill Evans».

Per finire con una piccola provocazione, una verifica. Già in una precedente intervista era stata posta al maestro la domanda sul cammino futuro del jazz. A distanza di tempo, dopo aver ripreso come allora la frase di Monk "Il jazz va dove cavolo vuole", oggi Pieranunzi aggiunge: «…però va sempre in direzione della bellezza, perché il jazz ha una straordinaria vitalità, è profondamente legato alla fantasia, alla creatività. Si possono utilizzare tutti i materiali, tutti i riferimenti, tipo il tango, la musica francese, la musica etnica. Recentemente ho letto un'intervista a Paul Bley: "Non sono quelle musiche ad influenzare, a cambiare il jazz, ma è il jazz che cambia queste musiche". Cioè sono i jazzisti che modificano, adattano, interpretano a loro modo tutti i riferimenti. Poi voi giornalisti musicali chiamate tutto questo cross-over, contaminazione, eccetera, però di fatto questa capacità del jazz é straordinaria, perché si applica alle canzoni italiane, ai Beatles. Quindi il jazz può cambiare anche direzione, ma va dove c'è la possibilità di fare un discorso creativo, espressivo importante. Quello è sempre lo spirito del jazz, secondo me. Rispetto a questo, i materiali che si usano sono "secondari", si può usare qualsiasi cosa, è lo spirito con cui si manipola il materiale che è jazzistico. Per questo il jazz è sempre vivo: tante volte ho sentito dire che era morto, in agonia, invece sta sempre qua. Proprio perché i jazzisti hanno questa capacità, cosa che nel pop e nel rock non sarebbe possibile: rock e pop sono assolutamente ripetitivi, le novità riguardano magari un piccolo suono di chitarra elettrica, una batteria, una voce, ma dal punto di vista concettuale è sempre uguale. Il jazz scardina sempre tutto, la musica italiana… Io ho inciso anche canzoni italiane con Ada Montellanico, Ma l'amore no per esempio, e ne ho fatto un pezzo jazz, prendo un pezzo di questi che è un po' classicheggiante e diventa jazz. Prendo qualsiasi cosa mi serva, e questo non lo faccio solo io, ma tutti quelli che suonano jazz così detto "contaminato", anche se contaminato sembra…una cosa "radioattiva"! È una questione di storie da raccontare. Se si ha una storia da raccontare, se si sa raccontare, l'argomento non è decisivo. Ecco, secondo me il jazz fa questo: prende qualsiasi cosa serva a poter fare dei bei racconti, raccontare belle storie.».






Articoli correlati:
05/07/2015

Bluestop Live (Enrico Intra - Enrico Pieranunzi)- Enzo Fugaldi

25/05/2015

Oslo (Terje Gewelt, Enrico Pieranunzi, Anders Kjellberg)- Enzo Fugaldi

05/01/2015

The Day After The Silence - 1976 Piano Solo (Enrico Pieranunzi)- Alceste Ayroldi

16/09/2014

Il giro d'Italia a bordo di un disco - Fabrizio Salvatore, Alfa Music: "Libertà, creatività, passione per la musica, il piacere di fare un lavoro che ti piace." (Alceste Ayroldi)

16/08/2014

Castroreale Jazz Festival 2014: "Antonio Onorato e Toninho Horta con il loro nuovissimo progetto From Napoli to Belo Horizonte, le melodie e i racconti intensi della Lighea di Enrico Pieranunzi, finale esplosivo con il tridente Servillo, Girotto, Mangalavite in Fùtbol" (Nina Molica Franco)

13/07/2014

Vittoria Jazz Festival 2014: "Settima edizione per il festival diretto da Francesco Cafiso che, con valide proposte artisiche unite a innumerevoli iniziative collaterali, riempie la splendida piazza Enriques in ogni serata..." (Vincenzo Fugaldi)

03/02/2014

Seven (Dino e Franco Piana Septet)- Andrea Gaggero

13/10/2013

Roccella Jazz Festival 2013: Trentatreesima edizione per il festival calabrese che, con una nuova direzione artistica, e' stato dedicato quest'anno alla tema della pace. (Vincenzo Fugaldi)

12/08/2013

Vicenza Jazz New Conversations (IIa parte): l'Orchestra del Teatro Olimpico con Enrico Pieranunzi e Pedro Javier Gonzales, la Mike Stern/Bill Evans Band per la XVIII Edizione di Vicenza Jazz New Conversations intitolata "Nel fuoco dei mari dell'Ovest. West Coast and the Spanish Tinge" (Giovanni Greto)

31/03/2013

Live At Village Vanguard (Enrico Pieranunzi Trio)- Marco Losavio

22/04/2012

"Concerto e intervista dopo una settimana al Village Vanguard di New York insieme a Scott Colley e Antonio Sanchez per presentare il nuovo album 'Permutation', segno di un importante cambiamento artistico." (Marco Losavio)

08/05/2011

Bergamo Jazz - March'In Jazz - XXXIII Edizione: Bollani, Pieranunzi, Corea, Burton, Landgren, Klee, Gil, Albora Trio: "Il meglio del jazz parte sempre da Bergamo che manda agli archivi l'ultima edizione firmata artisticamente da Paolo Fresu con un ottimo riscontro in termine di gradimento e partecipazione. La prossima edizione vedrà la direzione artistica di Enrico Rava" (di Vittorio Pio)

26/02/2011

Enrico Pieranunzi in solo "Wandering": "E' sempre un piacere assistere ad un'esibizione in solo di Enrico Pieranunzi, valoroso pianista e ottimo intrattenitore. Il concerto si dipana fra brani originali e qualche standards, cuciti insieme da una presentazione ricca di ironia e soprattutto di auto-ironia." (Gianni B. Montano)

05/09/2010

Roccella Jazz Festival 30a Edizione: "Trent'anni e non sentirli. Rumori Mediterranei oggi è patrimonio di una intera comunit? che aspetta i giorni del festival con tale entusiasmo e partecipazione, da far pensare a pochi altri riscontri". La soave e leggera Nicole Mitchell con il suo Indigo Trio, l'anteprima del film di Maresco su Tony Scott, la brillantezza del duo Pieranunzi & Baron, il flamenco di Diego Amador, il travolgente Roy Hargrove, il circo di Mirko Guerini, la classe di Steve Khun con Ravi Coltrane, il grande incontro di Salvatore Bonafede con Eddie Gomez e Billy Hart, l'avvincente Quartetto Trionfale di Fresu e Trovesi...il tutto sotto l'attenta, non convenzionale ma vincente direzione artistica di Paolo Damiani (Gianluca Diana, Vittorio Pio)

27/06/2010

Presentazione del libro di Adriano Mazzoletti "Il Jazz in Italia vol. 2: dallo swing agli anni sessanta": "...due tomi di circa 2500 pagine, 2000 nomi citati e circa 300 pagine di discografia, un'autentica Bibbia del jazz. Gli amanti del jazz come Adriano Mazzoletti sono più unici che rari nel nostro panorama musicale. Un artista, anche più che giornalista, dedito per tutta la sua vita a collezionare, archiviare, studiare, accumulare una quantità impressionante di produzioni musicali, documenti, testimonianze, aneddoti sul jazz italiano dal momento in cui le blue notes hanno cominciato a diffondersi nella penisola al tramonto della seconda guerra mondiale" (F. Ciccarelli e A. Valiante)

09/11/2009

Accoppiamenti Giudiziosi (Barbara Raimondi) - Luca Labrini

08/08/2009

Enrico Pieranunzi, "Scarlatti Jazz" nell'ambito di "Musica ai Fari", a Venezia, presso la Basilica dei Frari: "Il pubblico si è lasciato trasportare con estrema concentrazione in questo viaggio dall'Italia alla Spagna, rapito dal tocco del pianista romano, la cui sonorità si diffondeva lungo gli immensi spazi della chiesa..." (Giovanni Greto)

20/07/2009

Dall'8 al 30 maggio si è tenuta a Cagliari la 12a edizione della Rassegna "Forma e Poesia nel Jazz". Jazz: come dalla forma può scaturire la poesia. Chiacchierata con Nicola Spiga sulla rassegna jazz di primavera. (di Viviana Maxia)

06/06/2009

Dream Dance (Pieranunzi Johnson Baron)

05/01/2009

i 376 scatti di Francesco Truono a Umbria Jazz Winter 2008 - 2009.

10/11/2008

Intervista ad Enrico Pieranunzi: "...il jazz è una musica che si impara da soli, perché è una musica di attrazione della musicalità e questo vale anche se si insegna un walzer di Chopin, è ovvio che alla fine è il ragazzo o la ragazza che lo imparano..." (Mariagiovanna Barletta)

15/08/2008

Il sole di un attimo (Ada Montellanico)

24/02/2008

Tenco's Jazz, l'anima Jazz della musica di Luigi Tenco: "Il Jazz in fondo ci faceva sentire un po' più nobili. Era uno dei pochi universi in cui ci si potesse riconoscere. Ci serviva per oltrepassare una musica leggera deteriore, impraticabile. Dovevamo per forza individuare un filone nuovo, che in pratica emerse da un miscuglio di jazz e altro..." (Roberto Arcuri)

21/11/2007

Live Conversations (Dado Moroni - Enrico Pieranunzi)

15/09/2007

La quinta stagione (Roberto Giglio)

02/05/2007

Intervista a Rosario Giuliani: "Non riesco a vivere la musica jazz se non come una passione e vorrei che questo la gente sentisse...Per me la musica è un'espressione necessaria ed insostituibile, è dire qualcosa che non può passare attraverso le parole, qualcosa che viene dallo stomaco." (Daniele Mastrangelo)

15/04/2007

Enrico Pieranunzi & Rosario Giuliani duo in "Fellini Jazz" per la rassegna "Jazz Groove around Rota": "...una musica sapientemente reinterpretata, unita ad una narrazione così confidenziale..." (Giovanni Greto)

17/03/2007

Ballads (Pieranunzi – Johnson – Baron)

09/12/2006

Isis (Enrico Pieranunzi feat. Art Farmer)

27/08/2006

Untold Story (Enrico Pieranunzi)

03/08/2006

Enrico Pieranunzi e Yuri Goloubev Duo: "Il concerto è stato indubbiamente piacevole e intenso, soprattutto grazie alla percepibile, perfetta integrazione sviluppata da Pieranunzi tra gli aspetti consci e inconsci del modo di improvvisare." (Bruno Gianquintieri)

16/04/2006

Piano, Piano (Anne Ducros)

12/03/2006

Duologues (Jim Hall - Enrico Pieranunzi)

07/02/2006

Una "Italian Jazz Musicians Gallery" a cura di Jos L. Knaepen

13/01/2006

Enrico Pieranunzi e Ada Montellanico in "Just a Song": "E' sufficiente un istante, lo sfiorare di un tasto, e la cornice apre le sue frontiere alla narrazione, alla poesia, ai sentimenti, e ci si ritrova a lievitare come se lo spazio non avesse confini..." (Adriana Augenti)

11/12/2005

Danza di una Ninfa (Storie di Tenco) (Enrico Pieranunzi e Ada Montellanico )

27/12/2004

Les Amants (Enrico Pieranunzi)

02/11/2004

Jim Hall trio con Enrico Pieranunzi al Blue Note: "La voce della chitarra di Jim Hall è estremamente fluida e delicata, ogni singola nota è densa di significato. A volte canta quasi impercettibilmente anche lui insieme alla sua chitarra mentre improvvisa." (Eva Simontacchi)

17/10/2004

Enrico Pieranunzi String Project, propone il suo progetto Les Amants inciso per l'Egea nell'ambito di Umbria Jazz 2004: "...Pieranunzi dà tuttavia ancora una volta testimonianza della sua capacità di rendere una raffinata e coinvolgente sintesi fra jazz, senso lirico e coloriture mediterranee con approccio melodico-cameristico che contraddistinguono ormai il suo stile pacato ed intenso al tempo stesso..." (Antonio Terzo)

31/07/2004

Enrico Pieranunzi in trio con Marc Johnson e Joey Baron a Villa Celimontana: "...Il loro feeling è straripante. Sul palco ridono, scherzano, si divertono e divertono, ma soprattutto SUONANO..." (Franco Giustino)

25/07/2004

Evans Remembered (Enrico Pieranunzi & Horns)

22/05/2004

Play Morricone 2 (Pieranunzi - Johnson - Barron)

16/05/2003

Trasnoche (Enrico Pieranunzi - Marc Johnson)

15/03/2003

Current Conditions (Enrico Pieranunzi Trio)

11/02/2003

Perugia Suite (Enrico Pieranunzi)

02/07/2002

Racconti Mediterranei di Enrico Pieranunzi con Marc Johnson e Gabriele Mirabassi (Egea Records).

17/12/2001

Play Morricone il CD che Enrico Pieranunzi in trio con Marc Johnson e Joey Baron ha dedicato alla musica di Ennio Morricone (Cam Jazz)

13/07/2000

Intervista a Enrico Pieranunzi





Video:
Jim Hall & Enrico Pieranunzi @ Eddie Lang Jazz Festival XX Edition 2010 - "Careful" (HD Video)
Per celebrare la XX Edizione dell'Eddie Lang Jazz Festival, i giardini del Castello Pignatelli di Monteroduni (Isernia) hanno visto esibirsi u...
inserito il 19/09/2010  da HandEyeFamilyMusic - visualizzazioni: 4305
Duo Enrico Rava - Enrico Pieranunzi
Prove ed interviste al duo E.Rava/E.Pieranunzi ad Aosta il 13/10/94. Durata originale del video 26'...
inserito il 24/08/2009  da buffamichelangelo - visualizzazioni: 3073


Invia un commento

© 2000 - 2004 Jazzitalia.net - Antonio Terzo - Tutti i diritti riservati

© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.

Questa pagina è stata visitata 24.075 volte
Data pubblicazione: 17/10/2004

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti