Jazzitalia - Articoli: Intervista a Enrico Zanisi
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�


Intervista a Enrico Zanisi

ospite al Festival 12points di Dublino
febbraio 2013
di Daniela Floris
foto di Daniela Crevena

E dunque eccolo Enrico Zanisi, in procinto di suonare sul palco del Project Art Centre. E' qui perché selezionato come artista italiano tra giovani di tutta Italia e suonerà in trio con Joe Rehmer al contrabbasso e Alessandro Paternesi alla batteria, presentando il suo progetto di esordio come leader, uscito per CAM Jazz. "Life Variations".

Enrico hai vinto il Top Jazz come miglior nuovo talento. Siamo qui a Dublino perché sei stato selezionato come nuovo talento italiano. Diciamo che è stato un anno importante questo per te. Ma quanta fatica c'è dietro ad un anno fulminante come questo?
Beh, è arrivato un po' tutto inaspettatamente. Io credo che la cosa principale a cui un musicista deve pensare è lo studio dello strumento e della musica: e questo è ciò che mi interessa di più. Quindi quando le cose arrivano in maniera così inaspettata, senza che ce le sia andati a cercare volontariamente, fa ancora più piacere: vuol dire che effettivamente dietro c'è stato un percorso di studio che è servito a qualcosa. Studio pianoforte da quando ho 6 anni, mi interessa il Jazz da quando ne ho quattordici o quindici. Sicuramente mi sento di aver fatto la mia parte, non è solo un caso, ecco.

Che atmosfera si respira qui a 12points, festival non certo tradizionale? Quali sono le tue impressioni?
Intanto mi pare che in Europa si faccia di tutto e di più, che ci sia una creatività incredibile soprattutto da parte delle nuove generazioni che cercano sotto la parola jazz di sfruttare sempre la matrice dell' originalità, della creatività, della particolare atmosfera di cui ogni paese è portatore Qui a Dublino abbiamo visto i tedeschi, abbiamo visto gli austriaci, abbiamo visto i finlandesi. Ognuno di loro è riuscito a darci qualcosa di originale e al tempo stesso a darci una rappresentazione del linguaggio musicale del proprio paese e anche che ognuno di noi condivide. Comunque è un' esperienza incredibile e vedo che c'è tantissimo fermento.

Da ciò che stai ascoltando qui a Dublino quanto c'è di nuovo nel giovanissimo Jazz europeo?
Ho sentito tantissime cose nuove che non mi sarei mai aspettato, anche perché provengo dalla realtà italiana, nella quale c'è una pista di cose che vanno molto e che è quella che oramai principalmente si percorre. Quindi allargare gli orizzonti per capire cosa accade fuori dall' Italia è sempre importante.

Quanti concerti hai già fatto come leader del tuo gruppo all' estero?
Come leader non tanti, con il mio trio è il primo!

Tu sei giovanissimo e all' inizio della tua carriera. Cosa pensi sia giusto fare per valorizzare giovani jazzisti che come te si affacciano su un mondo non certo facile e, seppure "di nicchia", notevolmente affollato?
In effetti è molto affollato, il jazz va molto di moda... ma devo dire che per me il Jazz non è mai stato una musica di nicchia, ritengo che lo sia diventato piuttosto da quando si è tramutato in musica di protesta, come un po' la musica contemporanea. Quando è diventato provocazione, ideologia, allora lì forse c'è stato un po' un allontanamento della gente. il jazz è una cosa seria, bisogna impegna visi con tutte le forze… però spero anche che non sia più musica di nicchia. I giovani… secondo me innanzi tutto il problema è culturale, c'è bisogno di maggiori opportunità per tutti, e che ognuno possa guadagnarsi una giusta visibilità. E poi c'è questa brutta parola "meritocrazia" che invece è bellissima: bisognerebbe che i giovani imparassero a concentrarsi veramente nello studio ed ad approfondirlo, per poi trovare il loro spazio. Ripeto, certo mancano le opportunità. Perchè io conosco veramente tanti giovani incredibili. Io sto qui a Dublino a rappresentare l' Italia, però so anche che ci sono tanti altrettanti artisti, magari più bravi di me e che non hanno avuto l'opportunità di guadagnarsi la mia stessa visibilità.

Infatti bisognerebbe che tutti avessero la stessa opportunità iniziale, questo per avere una vera democrazia culturale: dopodiché il merito di ognuno deciderebbe in seguito il destino di ogni artista, non trovi?
Esatto. L'importante è partire alla pari!

Nella tua musica quanto c'è di innovativo e quanto invece ti lega ai grandi del Jazz e della musica classica?
E' una domanda interessante. Io ho fatto un percorso che abbraccia molte realtà musicali. La traccia principale per me è la musica classica, che io ho studiato per dieci anni e anche successivamente al diploma. Poi però ho ricevuto contributi dal metal, dal progressive, dal rock, dal pop, da tante cose. Quindi sicuramente c'è tanto di tutto ciò che voglio riproporre. Però voglio dire una cosa a proposito della parola innovativo. Secondo me per essere innovativo non bisogna diciamo "scervellarsi" al fine di stupire. Purtroppo spesso è ciò succede in questo periodo che mi sembra un pochino si stasi. Ma cercare l' innovazione in questo modo è sempre qualcosa di effimero, qualcosa che finisce. Secondo me l' unico modo di essere innovativi è essere se stessi.

Siamo unici, dunque essere se stessi e non mascherarsi, non esprimere artifizi, intendi questo ?
Esatto: non mascherarsi. Non serve dovere fare qualcosa per innovare ma "poter" fare qualcosa per esprimersi.

Anche perché è inutile cercare qualcosa che non è MAI stato suonato, in fondo è tutto già stato suonato….
Certo ora con la globalizzazione siamo invasi da una miriade di esperienze musicali, per cui bisogna piuttosto sapersi rilassare e fare serenamente il proprio percorso, se no si rischia di acchiappare a destra e sinistra e non si riesce a fare niente di originale.

Stai lavorando su nuova musica o sei in fase di lancio ed approfondimento di tutto il lavoro che hai fatto quest' anno?
Io studio quotidianamente il pianoforte e suono ciò che mi piace suonare, però scrivo sempre nuova musica e sto già scrivendo nuova musica per il trio.






Articoli correlati:
23/09/2017

A Beautifull Story (Rosario Bonaccorso)- Alceste Ayroldi

15/05/2016

Give Me Five By Foot! (Tuk Music Antologico)- Alceste Ayroldi

05/07/2015

Young Jazz Festival 15: "L'undicesima edizione del festival fulginate patrocinato da Umbria Jazz e diretto da Giovanni Guidi ha confermato l'ormai consueto taglio innovativo e la festosa partecipazione di numerosissimi giovani nel nuovo spazio dell'ex cinema Vittoria, oggi denominato Zut!" (Vincenzo Fugaldi)

12/01/2015

Conversation With My Soul (Giovanni Tommaso Consonanti Quartet)- Alceste Ayroldi

08/12/2014

A! (Francesco Pierotti Trio)- Francesco Favano

08/11/2014

Il giro d'Italia a bordo di un disco - Stefano Mastruzzi, Camilla Records: "La discografia non è affatto defunta, semplicemente deve cambiare muta e rinnovarsi per adeguarsi ai tempi. Scoprire il talento, coltivarlo, assecondarlo, contrastarlo e portarlo alla maturità artistica è una missione." (Alceste Ayroldi)

21/07/2014

Keywords (Enrico Zanisi)- Alceste Ayroldi

31/05/2014

Radio Trio (Enrico Zanisi, Marco Siniscalco, Emanuele Smimmo): "...appare evidente come i brani siano stati sapientemente e accuratamente arrangiati, con scelte semplici ma di grande efficacia che garantiscono varietà e freschezza ad un repertorio non sempre memorabile." (Andrea Gaggero)

19/05/2014

In Two Minds (John Taylor)- Alceste Ayroldi

02/02/2014

Intervista a Luca Pirozzi: "L'importante è avere voglia di esplorare, di giocare con la musica, e cercare di non mettere dei paletti che escludono visioni più ampie e rischiano di auto-ghettizzarsi in ambiti particolari di genere." (Alceste Ayroldi)

23/12/2013

Viva V.E.R.D.I. (Giovanni Mirabassi Trio & Strings)- Francesco Favano

08/12/2013

Beyond (Mattia Cigalini)- Enzo Fugaldi

13/10/2013

Roccella Jazz Festival 2013: Trentatreesima edizione per il festival calabrese che, con una nuova direzione artistica, e' stato dedicato quest'anno alla tema della pace. (Vincenzo Fugaldi)

09/06/2013

Dedicato (Alessandro Paternesi P.O.V. Quintet)- Roberto Biasco

09/06/2013

Monk'n'nroll (Francesco Bearzatti Tinissima 4et)- Marco Losavio

28/04/2013

Intervista a Ermanno Basso: Abbiamo incontrato a Dublino, nell'ambito del 12Points Festival, il produttore della CAM Jazz che ci racconta il lavoro di sostegno ai giovani e di come il jazz abbia bisogno di "coraggio"... (Daniela Floris)

31/03/2013

Live At Village Vanguard (Enrico Pieranunzi Trio)- Marco Losavio

24/03/2013

Intervista a Gerry Godley: Gerry Godley ci spiega il Jazz dei giovani musicisti europei.(Daniela Floris)

16/03/2013

New Life (Antonio Sanchez)- Vincenzo Fugaldi

03/03/2013

Life Variations (Enrico Zanisi Trio)- Nicola Barin

24/02/2013

Sei domande a: L.Aquino, J.Mazzariello, A.Paternesi, E.Pietropaoli, M.Rabbia, F.Sigurtà, E.Zanisi: "L'insegnamento, gli spazi e i festival, il jazz europeo e americano, i media la discografia..." (Vincenzo Fugaldi)

23/02/2013

Aram (Fabrizio Savino)- Alceste Ayroldi

22/12/2012

Etruschin Jazz (Marco Guidolotti) - Francesco Favano

29/09/2012

European Jazz Expo #2: Asì, Quartetto Pessoa, Moroni & Ionata, Mario Brai, Enrico Zanisi, Alessandro Paternesi, David Linx, Little Blue, Federico Casagrande, Billy Cobham (D. Floris, D. Crevena)

22/10/2011

Le Vie Del Pane E Del Fuoco (Ettore Fioravanti) - Andrea Gaggero

01/08/2011

We Don't Live Here Anymore (Giovanni Guidi Quintet feat. Gianluca Petrella) - Dario Gentili

20/03/2011

House Of Cards (Fulvio Sigurtà) - Alceste Ayroldi

02/01/2011

In stride (Oregon)- Alessandro Carabelli

17/10/2010

I grandi pianisti Jazz: Un mini festival per celebrare il jazz pianistico. Di sicuro si è sentita bella musica, molto varia, essendosi avvicendati sul palco due nuovi giovanissimi talenti (Vincenzo Danise ed Enrico Zanisi) e due solidi jazzisti (Dave Kikoski e Antonio Farao'). Prima della musica un'ardita introduzione del critico d'arte Vittorio Sgarbi con un parallelismo tra il jazz e una certa arte figurativa contemporanea passando dal cubismo per arrivare alla "action painting". (Daniela Floris)

13/02/2010

Quasi Troppo Serio (Enrico Zanisi Trio)- Enzo Fugaldi

22/11/2009

Woman's Perfume (Antonio Faraò)- Roberto Biasco

14/11/2009

Intervista a Richard Galliano: "...utilizzare vari linguaggi è stata una necessità più che una scelta. Un fisarmonicista non può tagliare le sue radici. La fisarmonica non è mai servita a tracciare nuove strade musicali. Noi siamo necessariamente immersi nel nostro passato. E il nostro passato è quello di tantissimi musicisti di strada, gente che suonava ai balli popolari e nelle ricorrenze di paese. La fisarmonica, un organo portatile, non può prescindere da questa sua storia umile." (Marco Buttafuoco)

01/11/2009

The Unknown Rebel Band (Giovanni Guidi) - Vincenzo Fugaldi

06/06/2009

Dream Dance (Pieranunzi Johnson Baron)

01/02/2009

Live at the Village Vanguard (Martial Solal)

08/07/2007

Indian Summer (Giovanni Guidi)

17/03/2007

Ballads (Pieranunzi – Johnson – Baron)

01/02/2007

Journey to Donnafugata (Salvatore Bonafede)

17/11/2006

For the time being (Salvatore Bonafede)

19/03/2006

So Right (Maria Pia De Vito)

12/03/2006

Duologues (Jim Hall - Enrico Pieranunzi)

10/12/2005

Prime (Oregon)

14/08/2004

Scores (Paolo Fresu)

22/05/2004

Play Morricone 2 (Pieranunzi - Johnson - Barron)

22/05/2004

Journey to Donnafugata (Salvatore Bonafede)

17/12/2001

Play Morricone il CD che Enrico Pieranunzi in trio con Marc Johnson e Joey Baron ha dedicato alla musica di Ennio Morricone (Cam Jazz)







Inserisci un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


Questa pagina è stata visitata 1.027 volte
Data pubblicazione: 24/03/2013

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti