Jazzitalia - Articoli: Intervista con Fahir Atakoglu
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Intervista con Fahir Atakoglu
Bologna Jazz Festival 2011
di Eugenio Sibona
foto di Sergio Cimmino

Una chiacchierata con una persona simbolo dell'integrazione culturale: Fahir Atakoglu, pianista turco che si è spostato negli Stati Uniti ed ha riscosso successo mondiale. L'Unesco vuole istituire la "Giornata internazionale del jazz", e lui auspica che venga insegnato ai ragazzi come una porta per allargare i propri orizzonti, perché il jazz è libertà di espressione. L'Italia è l'unico paese dove si fanno festival anche nei paesi piccoli. Con il bassista Alain Caron ha trovato una buona chimica: lo trova molto preciso e in futuro vorrebbe registrare un album coi concerti tenuto all'Umbria Jazz Festival.

Lo scorso ottobre l'Unesco ha deciso di istituire una "Giornata internazionale" del Jazz. Alcuni temono che sia un segnale di debolezza, per questo genere, e che rischia di trasformarsi in un museo, in una cosa del passato. Cosa ne pensa?

Per un musicista è bello poter condividere la musica con quante più persone possibili, perché in base a quanto loro ci apprezzano, è importante per il nostro spirito. È ciò per cui viviamo. Così va benissimo ciò che ci permette di farlo, di viaggiare, di suonare. È una cosa buona quella dell'Unesco, per rilanciare il jazz. C'è bisogno di più armonia e collaborazione tra i vari dipartimenti di cultura dei governi di ogni paese, per allestire concerti e permettere una più agevole circolazione delle persone, quindi anche per i passaporti, così che le persone si possano incontrare più facilmente.

Proprio a proposito della presunta debolezza della musica, si è posto il problema dei tagli dei governi italiani e americani alla cultura. Come si può risolvere il problema?
Io vivo lì e conosco bene il problema. Tutti i Paesi potrebbero costituire una grande "banca", per finanziare ogni evento culturale, non solo la musica jazz. Il bello dell'Italia è che è l'unico paese al mondo dove ci sono tanti festival, anche nei paesi più piccoli.

Sono stati istituiti negli ultimi anni alcuni laboratori per i giovani, come "Jazz in classroom" la Brussels Youth Jazz Orchestra. Secondo lei, stanno funzionando bene?
Ogni laboratorio musicale è buono, specialmente se il soggetto è il Jazz, perché è libertà: libertà della musica, e libertà d'espressione. Anche nella musica classica, per esempio, ti puoi realizzare, ma specialmente il jazz ha come tante chiavi di lettura, che puoi interpretare con la tua mente, con il tuo spirito. E puoi acquisire una tua consapevolezza, anche se stai suonando la musica di qualcun altro. È quindi utile per aprire la tua mente, i tuoi orizzonti.

Ci si sta lamentando che l'Unione Europea è riuscita a trovare dei principi economici comuni, ma manca ancora integrazione culturale. Lei invece è riuscito a muoversi e assimilare nuovi ambienti. Che consigli può dare?
Io sono molto ottimista, ma non dobbiamo essere passivi ed aspettare che facciano tutto i governi. L'organizzazione di festival può essere uno strumento. Se ci sono problemi di soldi, possiamo coinvolgere società e fondazioni private. Bisogna insistere sul jazz, perché è improvvisazione, è la vita stessa è improvvisazione.

Nel pop e rock, i fan si stanno lamentando che le grandi star sono morte (come Freddie Mercury e Kurt Cobain) e non ci sono nuove leve all'altezza. Sta meglio il jazz? Qual è il suo stato di salute?
Bisogna capire che il jazz sta cambiando. Quando ti ho detto che il Jazz è libertà, intendo che magari suono un tema per un balletto, ma lo reintepreto improvvisando, quindi, soprattutto i giovani ragazzi non devono vedere questa musica come un genere, ma come una policromia, un insieme armonico di cose diverse, e aprirsi, quindi a tante cose: musical, fusion e in generale anche ciò che non è sempre jazz.

Con East Side Story e Istanbul In Blue, lei ha raggiunto una popolarità internazionale, che probabilmente è un indice del riconoscimento globale della cultura turca…
In Turchia abbiamo molta libertà, perché ci sono diversi tempi. Io sono un uomo molto melodico, e ciò mi permette di reinventare sempre qualcosa di nuovo, anche in generi apparentemente più drammatici, più gravi. Ed è quello che deve fare anche tutta la tradizione turca, cioè aprirsi a diversi generi, a diversi musicisti. Ed è quello che io sono riuscito a fare nel mio ultimo album, Faces and Places, mentre Istanbul in Blue era più fusion.

Lei fa tante cose diverse, musical, jazz e documentari. Qual è la più difficile?
I miei documentari, per esempio, li faccio sempre con altre persone. Ciò non è difficile, ma è stimolante e competitivo, perché condividi la tua visione, e valorizzi la loro. Alla fine viene qualcosa che è veramente frutto della collettività, e questo pensa che sia buono anche per i musicisti, perché scopri cose che non sapevi di avere.

E com'è cambiata la sua visione del jazz, dopo aver fatto questi documentari?
Quando io scrivo le melodie per i miei musicisti, anche se in teoria è per un balletto, li lascio interpretare il mio lavoro e, quando apportano il loro stile e il loro colore, allora diventano un gruppo musicale.

E' tanto che suona con Horacio "el negro" Hernandez, ma con Caron è la prima volta. Come si trova?
Con Caron c'è una buona chimica, che è venuta fuori appena l'ho conosciuto, senza bisogno di suonare. Lui è molto melodico e preciso sul tempo. Ho collaborato con diversi musicisti e, quando cambia il basso, cambia tutta la musica. Quindi hai bisogno di una persona con cui ti combini davvero bene. Mi piace il suo approccio, anche come persona.

Come ha intenzione di proseguire questo sodalizio?
Progetti futuri? Abbiamo precedentemente suonato all'Umbria Jazz Festival e vorrei produrre un album coi concerti che abbiamo tenuto lì.

Chi l' ha ispirata?
Sono nato nel 1963, quindi tutta la musica chi si sentiva in quell'epoca, per esempio Chick Corea, Gardner, Chicago e tutta la fusion.

Lei è abituato a girare nei locali jazz in Italia e qui a Bologna, per esempio in via Mascarella. Nota una sensibilità particolare negli italiani?
Certo, gli italiani hanno un particolare approccio al jazz. Infatti molti musicisti, anche dagli Stati Uniti, viaggiano in Europa e soprattutto in Italia. E noi turchi ci sentiamo molto vicini alla vostra mentalità, molto simili e apprezziamo il vostro approccio, perché siete un popolo che vive di musica e stiamo cercando di imparare da voi..







Articoli correlati:
08/12/2016

Barry Harris Trio - Bologna Jazz Festival: "Un concerto emotivamente intenso, specchio di un periodo storico importante, e che il numeroso pubblico ferrarese non ha mancato di apprezzare." (Niccolò Lucarelli)

23/11/2016

Buster Williams Quartet "Something More": "Torrione sold out per una serata di jazz d'autore, profondamente americano ma portavoce di un pensiero liberale moderno." (Niccolò Lucarelli)

15/08/2016

Castroreale-Milazzo Jazz 2016: "...un feeling contagioso e intenso per il duo Sarah Jane Morris & Tony Remy e una ricchezza ritmico-melodica per il Volcan Trio di Gonzalo Rubalcaba in due siti di grande bellezza..." (Vincenzo Fugaldi)

13/12/2015

Bennie Maupin Quartet: "Il jazz di Maupin è un libro aperto su una varietà di culture e suggestioni, oscillando dalle radici afroamericane al free, dal bebop all'hard bop." (Niccolò Lucarelli)

29/11/2015

James Farm Quartet (J. Redman, A. Parks, M. Penman, E. Harland): "...un collettivo che esprime una forma di hard bop contemporaneo, che alla raffinatezza formale unisce interessanti considerazioni di stampo sociologico." (Niccolò Lucarelli)

29/11/2015

Johnny O'Neal Trio: "Un concerto intimo, come si addice a un club, che ha il carattere di una serata fra amici, e che dopo il bis scatena un'ovazione d'applausi." (Niccolò Lucarelli)

08/11/2015

Kenny Garrett Quintet: "Il jazzista di Detroit, dopo una carriera trentennale, è ormai un riconosciuto maestro del sax, e non tradisce la sua fama regalando al pubblico un'indimenticabile serata che è la summa del suo credo musicale..." (Niccolò Lucarelli)

09/08/2015

Vittoria Jazz Festival "Music & Cerasuolo Wine" 2015: "Edizione numero otto per il festival in provincia di Ragusa con grandi nomi internazionali e talenti italiani per un programma denso e calibrato..." (Vincenzo Fugaldi)

01/06/2014

Torino Jazz Festival 2014: "...terza edizione, la seconda con la direzione artistica di Stefano Zenni ed è premiato ancora una volta da un lusinghiero successo di pubblico." (Gianni Montano)

08/01/2012

Al Bologna Jazz Festival, la ritmica del Pat Metheny Trio si racconta. Bill Stewart: una persona istintiva, sempre alla ricerca di cose nuove. Larry Grenadier: come apprezzare la vita e farsi apprezzare dal pubblico. (Eugenio Sibona)

18/12/2011

Bologna Jazz Festival 2011: L'estasi nietzscheana della prima dei Manhattan Transfer, il momento clou nel sogno di rivedere Pat Metheny e il suo trio con Larry Grenadier e Bill Stewart, l'energia di Christian McBride con il suo giovane trio, la pregevole musica di Fahir Atakoglu insieme ai grandi Horacio "El Negro" Hernandez e Alain Caron, la chiusura con lo Charlot del Jazz, Stefano Bollani, che insieme ai fedelissimi Jesper Bodilsen e Morten Lund ha fatto calare il sipario su un'edizione lunga undici giorni dove grandi nomi sono stati affiancati da giovani promesse. (Eugenio Sibona)

06/11/2011

Proposicion (Danu Noel)- Enzo Fugaldi

25/10/2009

50 eventi in 15 comuni. E' il 10° anniversario di Ubi Jazz in cui sono tornati sul palco alcuni dei musicisti che hanno fatto la storia della rassegna come Stefano Bollani, Brian Auger, Hamid Drake oltre ad un duo "rumoroso" come il "Traveling through time" di Giovanni Hidalgo & Horacio "El Negro" Hernandez. (Giovanni Greto)

01/01/2009

Cedar Walton al Bologna Jazz Festival: "L'hard bop di Walton oggi appare ricamato, edulcorato nei suoi contrasti. Qualunque sporgenza o dissonanza viene diluita in un'armonizzazione serena, sofisticata e, forse, un po' troppo ragionevole. Il suo stile, evoluto e inguaribilmente odierno, finisce per confezionare un jazz da cartolina, indubbiamente adatto alle esigenze degli ascoltatori più nostalgici." (Giuseppe Rubinetti)

01/01/2009

Herbie Hancock al Bologna Jazz festival: "Quella di Hancock è una poetica della complessità, l'evocazione di un «villaggio globale» musicale che non si semplifica in un'assimilazione jazzistica di altri materiali, ma che muove piuttosto dalla ricerca di un terreno comune, dalla definizione di un orizzonte di intesa che si situa oltre le distinzioni di genere." (Giuseppe Rubinetti)

14/02/2006

Eventi Jazz 2005 a Busto Arsizio: "...un plauso all'amministrazione comunale, al direttore artistico, responsabile del jazz club "Art Blakey" e a tutte le persone che hanno contribuito alla realizzazione e al successo di questa bella rassegna itinerante nei cinque teatri cittadini." (Bruno Gianquintieri)

21/04/2004

Jazz afro-cubano all'Opera di Salerno con Horacio "El Negro" Hernandez: "...L'atmosfera austera del teatro dell'opera salernitano si scioglie con gli splendidi brani dai sapori italo-cubani..." (Silvana Mercone)





Video:
F.Gambale, A.Caron, O.Ruiz live Foggia 2008
Estratto dal concerto al Moody Jazz Cafè di Foggia del 13 ttobre 2008...
inserito il 20/10/2008  da nicktommy55 - visualizzazioni: 2479


Inserisci un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


Questa pagina è stata visitata 1.545 volte
Data pubblicazione: 18/03/2012

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti