Jazzitalia - Articoli: Intervista a Filippo Cosentino
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novità

Intervista a Filippo Cosentino
gennaio 2016
di Nina Molica Franco

Giovane, talentuoso e con quella dose di umiltà piuttosto rara, Filippo Cosentino ha recentemente pubblicato L'Astronauta (Emme Label), disco in quartetto realizzato con Antonio Zambrini, Jesper Bodilsen e Andrea Marcelli. Ne parliamo con lui...

Iniziamo proprio dal titolo, L'Astronauta...
L'Astronauta è mia figlia Prisca, immaginata nella pancia della mamma: il disco è interamente dedicato a lei e pensato intorno all'evento della nascita. Mi era piaciuta l'idea che Prisca nel grembo materno piroettasse come un'astronauta, senza sapere però la meta finale o meglio senza che noi futuri genitori conoscessimo lei pur sapendo dell'imminente arrivo, e quanto avrebbe arricchito le nostre vite. Questo disco è stato l'occasione per riflettere sulla maternità, sulla paternità, sulla famiglia, sui luoghi e sulle culture che inevitabilmente influenzeranno in qualche misura la sua vita, e su come la vita stessa nasce e che suggestioni questo mi stava comunicando.

Una grande vena melodica, come definiresti il tuo stile?

Riflessivo e al contempo sincero e spontaneo, come mi sento io stesso. Sono una persona di poche parole e anche nel campo musicale non perseguo il virtuosismo fine a sé stesso, che dal mio punto di vista non gratifica né il musicista né chi l'ascolta. La musica è un racconto, una forma di comunicazione, come l'arte in genere.

Chi è Filippo Cosentino?
Un marito, un padre, un musicista e spero anche un essere pensante o quanto meno in gradi di pormi la giusta quantità di dubbi in rapporto alle certezze, in modo da poter alimentare sempre con generosità la mia voglia di conoscere cose nuove. E proprio questa voglia mi ha spinto a cercare in me qualcosa di particolare nel suono, nel modo di scrivere la musica e nel modo anche di pensare il mio lavoro.

Chitarra acustica classica e chitarra baritona, senza alcun ricorso all'elettrico o all'elettronica spesso abusata. Un ritorno alle origini del suono?
Gli strumenti acustici per quanto riguarda i lavori più recenti (in parte Lanes e Human Being, Italian Job, L'Astronauta e 3 album di prossima pubblicazione) hanno rappresentato per me un modo per esprimermi. Nel jazz, o nell'accezione "moderna" di jazz, ogni musicista ha la possibilità di scegliere il proprio suono senza omologazioni di genere (o almeno l'intenzione dovrebbe essere quella…) e in questa fase della mia vita ho percepito gli strumenti acustici come ideali per comunicare e comunicarmi. Ho cercato, e spero di esserci riuscito, una strada nuova nell'interpretazione della chitarra acustica nel jazz e della chitarra baritona acustica, così ho sfruttato la grande opportunità data da questo genere, di far confluire tutti o quasi i miei interessi musicali nelle mie composizioni: musica del mediterraneo, del Medio-Oriente, del Nord-America, dell'Europa, del pop, del blues, del freejazz, del latin. Non ho mai abbandonato gli strumenti elettrici con cui per altro, insieme agli acustici, sto scrivendo nuovo materiale…Non parlerei di ritorno alle origini del suono perché è comunque un concetto relativo in base al punto di vista di chi osserva.

Quali sono i tuoi punti di riferimento musicali?
Attualmente e negli ultimi anni ascolto Ulf Wakenius, Youn Sun Nah, Ralph Towner, Pat Metheny, Sting, Donald Fagen, Vijay Iyer

Per L'Astronauta hai scelto la formazione del quartetto. Come mai?
L'idea e l'opportunità di produrre questo disco si sono manifestate nell'estate 2014 discutendone con Andrea Marcelli con cui ho condiviso la produzione artistica. Punzecchiato, spinto a migliorare la mia scrittura musicale abbiamo individuato le linee guida di questo progetto che avrebbe dovuto vedere la mia chitarra in comunicazione e dialogo costante con il pianoforte, supportati da una ritmica fantasiosa ma anche capace di assicurare groove e ritmo. Ecco che così era nata l'idea del quartetto, e trovare gli interpreti è stato facile perché entrambi eravamo alla ricerca delle qualità che sia Antonio Zambrini sia Jesper Bodilsen hanno: apertura e fantasia in primis. A loro, oltre che naturalmente ad Andrea, è andato e va il mio ringraziamento per la professionalità, disponibilità, eleganza con la quale si sono avvicinati a un lavoro presentatogli da me con tutto quello che ancora ho da imparare.

Cosa cerchi di esprimere attraverso la tua musica?
Il mio mondo. Quello che mi circonda e che inevitabilmente colpisce i miei sentimenti, il mio pensiero e il mio stato d'animo, la mia sensibilità.

Musicista ma anche direttore artistico di Roero Music Fest. Come combini le due cose?
Gli impegni non mancano, certo, però sono belle soddisfazioni vedere i palchi con musicisti bravi e il pubblico sempre numeroso frequentare i nostri eventi. Il tutto nella bellissima cornice delle Langhe-Roero, territorio recentemente inserito tra i siti patrimonio dell'umanità UNESCO (il festival è a Santa Vittoria d'Alba e in piccola parte itinerante nel territorio del Roero). É un festival che si basa su risorse private, inclusione sociale sia di associazioni coinvolte sul territorio sia di persone attive in esso, comunichiamo e valorizziamo le eccellenze locali a chilometri zero, oltre al fondamentale coinvolgimento di musicisti che esprimono un altissimo valore artistico. In tre anni (il 2016 sarà infatti la terza edizione) abbiamo raggiunto risultati strepitosi per pubblico presente, copertura mediatica e richieste di partecipazione che ci arrivano da tutta Italia, Europa e da Australia e Asia.

Il day after L'Astronauta cosa prevede?
A metà marzo circa sarà pubblicato il mio primo disco in chitarra baritona sola, prodotto interamente dalla M.I.L.K.; sarà l'occasione per ascoltare uno strumento particolare, profondo, un ascolto molto intimo. Oltre a questo sarò impegnato nella promozione de L'Astronauta sia in Italia che all'estero, sul mio sito www.filippocosentino.com si possono consultare gli aggiornamenti delle date. Ho iniziato e sto continuando a scrivere nuovo materiale per un futuro nuovo disco, con calma, che vorrei avesse un suono particolare, in trio, agile, e che mi vedesse tornare in qualche misura all'elettrico insieme al suono acustico che mi caratterizza non poco.






Articoli correlati:
07/01/2017

Tre (Filippo Cosentino)- Alceste Ayroldi







Inserisci un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


Questa pagina è stata visitata 626 volte
Data pubblicazione: 30/01/2016

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti