Jazzitalia: la musica jazz a portata di mouse...
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Intervista a Flavio SEVERINI
direttore artistico Dolce Vita Jazz Festival

di Marco Losavio


Dolce Vita Jazz Festival 2003

ML: Un festival così denso di appuntamenti è una cosa unica. La prima domanda che mi viene in mente è: ma quanti siete ad organizzarlo e in quanto tempo?
FS: Programma e organizzazione sono frutto della collaborazione tra me e Federico Scanni. Gli stessi che armonizzano gli 8 mesi di concerti de la palma Club, un evento live ogni sera. Una grande fatica, pensando ai rispettivi lavori, alla gestione di altre manifestazioni.

ML: Come avviene la scelta del programma? Il DVJF segue una particolare linea artistica?
FS:
Da dilettanti abbiamo cominciato, su questa strada continueremo. Il mix di cultura, curiosità, piacere dell'azzardo e passione che ha guidato fin qui la mia vita caratterizzerà il tempo a venire. Non credo di poter cambiare lo spirito delle mie scelte: questione di destini, di talento.

ML: La Palma nasce come club privato e ormai è al centro di una importante stagione invernale seguita da un'imponente festival. Ritieni che ci siano oggi le condizioni, in una città come Roma, per poter affrontare un'avventura come il DVJF? Siete supportati adeguatamente dalle istituzioni?
FS:
La programmazione de la palma Club è frutto dell'iniziativa privata in uno spazio ch'è scelta coraggiosa di un'associazione culturale in cui non ricopro nessun ruolo. E' difficile ma necessario spiegare la differenza di ruoli, soprattutto adesso che ricopro un ruolo di "curatore", di direttore artistico in altre realtà cittadine. Dall'esterno, purtroppo, si tende a confondere la mia figura con lo spazio che ospita alcune mie iniziative: come se per tutti il responsabile di un teatro fosse confuso con il suo proprietario. Si diceva delle istituzioni: non distinguere tra contributi della rassegna invernale, del festival e delle altre iniziative dell'associazione è un problema, con degli equivoci controproducenti per tutti. In altre parole, il sottoscritto è troppo "sovraesposto" e questo non è positivo, non rende le cose facili per chi collabora con noi.

ML: Come vedi le nuove iniziative romane come "La città del jazz"?
FS:
Quando non c'era un sindaco appassionato di jazz, nel vuoto, qualcosa di buono siamo riusciti a fare, nel niente è nata la palma Club. Adesso ritroviamo il jazz nelle piazze, nei luoghi di cultura, nelle cene aziendali, nei convegni politici. Non sono nati nuovi spazi, sempre quei "luoghi della durata" che sono la sostanza e non l'effimero. Veltroni è una persona intelligente, un vero appassionato: sono sicuro che saprà correggere queste disfunzioni, riuscirà ad assicurare alla nostra città un tessuto musicale che duri nel tempo. Piante rigogliose e buoni frutti.

ML: C'è collaborazione, sinergia, tra colleghi di altri festival (non solo nella capitale)?
FS:
L'esperimento più bello e importante della seconda edizione del Dolce Vita Jazz festival è la collaborazione tra soggetti diversi, con la nascita di una società che gestirà la manifestazione. Se saremo intelligenti, se riusciremo a non affogare tra gelosie e personalismi, se saremo lungimiranti, nasceranno buoni frutti da questa pianta. Sarà di esempio per tutti, soprattutto in un mondo piccolo e egoista come quello del jazz. Anche gli altri soggetti dovranno misurarsi con questo spirito di collaborazione. Fondamentale sarà l'atteggiamento delle istituzioni: se sacrificheranno, alla ricerca di un consenso, le risorse economiche cercando di far felice più gente possibile oppure se comprenderanno che il senso delle cose è nella loro durata, ch'è necessario seminare prima di raccogliere.

ML: Raccontami (se vuoi, anche senza fare nomi) un aneddoto positivo ed uno negativo che ti sei trovato a gestire avendo a che fare con tutti questi grandi artisti.
FS:
Non ho problemi con i nomi, non aspiro alla simpatia universale. Sono contento della fiducia reciproca con i progetti di Paolo Fresu, di tutte le volte che questo grande artista e Vittorio Albani, il suo manager, mi hanno coinvolto: è sono nate cose belle. Sono fiero che Uri Caine torni a suonare da noi o mi dica di sì per nuovi progetti, in barba ai luoghi istituzionali che vorrebbero museizzarlo, che trovano sminuente il fatto che un artista compaia nei programmi di luoghi diversi.
L
'aneddoto negativo (non finiremmo più): l'anno scorso, nel mezzo di un ennesimo bis di Cassandra Wilson, il suo tour manager, detestabile dal primo all'ultimo momento, faceva segno all'artista ch'è la durata del concerto previsto nel contratto era passata, che poteva smettere di cantare. Che tristezza, anche il litigio tra loro che ne è seguito.

ML: L'artista che vorresti invitare e che ancora non sei riuscito ad avere.
FS:
Sono particolarmente contento dell'artista che ritorna, di chi ci rende partecipe dei suoi progetti. Non sono una persona che ama la novità in sé, il nome più grande. Tra l'altro tra auditorium, teatro dell'opera, festival, non credo di avere assi mancanti nel mazzo. Ripeto da anni che smetterò di organizzare concerti dopo essere riuscito a portare Tom Waits dalle nostre parti.

ML: Sono previste registrazioni che consentiranno anche ad altri di ascoltare le performance del DVJF?
FS:
Tutte le sere interviste e brani dei concerti attraverso Radio Città Futura, ben 15 dei concerti in diretta o registrati per Rai- Radio tre.



 






Articoli correlati:
09/08/2003

Al Dolce Vita Jazz Festival Uri Caine con il suo Bedrock 3: "Uri Caine è un artista camaleontico in grado di spaziare dal più classico degli stili fino a quello più moderno. Uri Caine è avanguardia, sperimentazione, ironia. E come tale bisogna considerarlo." (Alessandro Marongiu)

08/08/2003

Ornette Coleman Trio al Dolce Vita Jazz Festival 2003. "...Il suo ingresso in scena è accolto dal lungo e sentito applauso che giustamente si concede a un pezzo di storia del jazz..." (Dario Gentili)

04/08/2003

John Abercrombie e Dave Douglas, entrambi a capitanare formazioni di altissimo livello, si dividono equamente il palco de La Palma e si esibiscono in una performance di notevole spessore. (D. Gentili, A. Marongiu)

24/07/2003

Al Dolce Vita Jazz Festival Wayne Shorter: "L'atmosfera che si respira è elettrica. Il pubblico è impaziente. Cinque minuti prima dell'inizio del concerto qualcuno porta sul palco due sassofoni, un tenore ed un soprano..." (D. Gentili e A. Marongiu)

23/07/2003

Gonzalo Rubalcaba Quartet & David Sanchez al Dolce Vita Jazz festival: "...gli assoli di Rubalcaba, coadiuvati a memoria dalla batteria di Berroa, premono perfettamente amalgamati tutti i tasti del sound cubano, dal mambo alla salsa..." (D. Gentili, A. Marongiu)

23/07/2003

Brad Mehldau Trio al Dolce Vita Jazz festival: "... i suoi pezzi rompono lo schema classico del jazz tema-assoli-tema, sono fluidi e armonicamente organici, senza decise variazioni di ritmo, e le frequenti concessioni che fa al blues, in particolare nel finale dei pezzi, scaturiscono da passaggi quasi impercettibili..." (Dario Gentili)

11/07/2003

Al Dolce Vita Jazz Festival, lo storico Art Ensemble of Chicago: "...mentre Mitchell presenta il gruppo sulle note di Odwalla, come a ogni concerto da ormai trent'anni, la sensazione è di aver assistito a una di quelle celebri performances dal vivo di cui si narra nel mondo del jazz" (Dario Gentili)

09/07/2003

Maria Pia De Vito al Dolce Vita Jazz Festival: "L'ultima immagine del concerto è una processione di spettatori che fa la fila sotto il palco per ringraziare Maria Pia De Vito per le emozioni che ha fatto provare stasera." (Alessandro Marongiu)

04/07/2003

Bossa made in Italy al Dolce Vita Jazz Festival. Rosalia De Souza, trapiantata in Italia da diversi anni, trasmette grazia, sensibilità, accompagnata da musicisti italiani." (Alessandro Marongiu)

24/06/2003

Erik Truffaz al Dolce Vita Jazz Festival "...Erik Truffaz e il suo gruppo entrano quasi furtivamente sul palco del Dolce Vita Jazz Festival, le luci estremamente soffuse e calde quasi nascondono i musicisti, la figura magra e gentile di Truffaz si accomoda su uno sgabello..." (Dario Gentili)

19/06/2003

Piccola Orchestra Avion Travel al Dolce Vita Jazz Festival 2003: "...la Piccola Orchestra Avion Travel ancora una volta ha dimostrato il proprio talento, che dal vivo si arricchisce di un'improvvisazione musicale e teatrale che rende il loro concerto un evento da non perdere." (Dario Gentili)

14/06/2003

Archie Shepp - Just In Time Quartet al Dolce Vita Jazz festival 2003: "...Sembrava essere appena uscito dall'ultimo film di Wim Wenders dedicato al blues, L'anima di un uomo, con un panama da vecchio bluesman, quando Archie Shepp si presenta sul palco del Dolce Vita Jazz Festival". (Dario Gentili)







Invia un commento

© 2000 - 2003 Jazzitalia.net - Tutti i diritti riservati

© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.

Questa pagina è stata visitata 9.332 volte
Data pubblicazione: 11/06/2003

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti