Jazzitalia: la musica jazz a portata di mouse...
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�


Francesco Cafiso, l'enfant prodige che vuole crescere
di Antonio Terzo
foto di Paolo Acquati

Si apre come ci si aspetterebbe, ossia con la familiare arpa di Just Friends, l'omaggio che Francesco Cafiso, sedicenne altoista di Vittoria, Ragusa, ha reso giorno 9 luglio all'evento che vide Charlie Parker, Bird, suonare a seguito di un'orchestra di archi, per dar vita all'album che sarebbe passato alla storia con il nome di "Bird with strings". E "Francesco Cafiso & strings" si intitola questo concerto, che il giovane sassofonista suona alla testa dei Solisti di Perugia, a sottolineare le analogie ma anche le differenze con l'inarrivabile originale. Autentiche pure le partiture orchestrali di Dan Morgensten, che l'organico segue meticolosamente, ma che Cafiso, invece, si guarda bene dall'eseguire in modo filologico, evitando cioè di suonare tanto pedissequamente quanto sterilmente gli assolo di Parker: il risultato è perciò molto genuino, e permette al titolare di metterci del suo, di soffiare alla propria maniera, rispettando in ciò il "concept" parkeriano. Anche Everything Happens To Me procede con una esecuzione lineare, essenziale e puntuale, così come April in Paris, lancinante l'assolo dell'altoista, vibrato ed intenso. I brani si susseguono e ad ogni chiusura è un tripudio d'applausi, da parte di un Teatro Morlacchi stracolmo di spettatori: vi spiccano senza dubbio Out of nowhere, per la sincerità nell'approccio, con intervento del sax sì tematico ma anche personale, Laura, dove netta è l'acquisizione di maturità di Caifso, scrollatosi di dosso pure certe inflessioni stereotipate e di maniera che inevitabilmente ne avevano accompagnato l'ascesa come "fenomeno", l'ammiccante They Can't Take That Away From Me, ed una languida e deliziosa I'm in the mood for love. Forse l'unico pezzo che suona piuttosto ostentato ed artificioso risulta Summertime, ma il pubblico pare comunque apprezzarlo. E se fino a What is this thing called love i più attenti ed appassionati si saranno di certo accorti che la scaletta originale del vinile è stata totalmente rispettata, di seguito subentrano alcune "sorprese" quali Stardust, Yesterdays, una rilassata I should care… Da registrare in chiusura il pregevole break di Stefano Bagnoli, condotto tutto sulle sue spazzole fruscianti ed ammaliatrici, sebbene non da meno siano gli altri membri ormai fissi del quartetto di Cafiso, Riccardo Arrighini al piano e Aldo Zunino al contrabbasso. E come bis, un'immancabile Cherokee, in quartetto e senza orchestra, che, raddoppiando in assolo la velocità esecutiva del nostro – assolutamente a proprio agio fuori da ogni schema se non quello dell'anima del brano – ha letteralmente tirato giù il teatro.

Questo quanto è avvenuto il 9 luglio ad Umbria Jazz '05. Ed è di poco tempo prima la notizia che l'autorevole Downbeat ha inserito l'esibizione di Cafiso al "Pescara Jazz Festival" del 2002, in duo con Franco D'Andrea, nella lista dei venticinque eventi più significativi di tutti i tempi fra tutti i festival del mondo, a fianco delle performances di Hancock, Shorter, Davis, Elligton.
Nel bene e nel male, dunque, di questo sedicenne musicista si parla, si discute, si ascolta e soprattutto lo si vede crescere. E la nostra curiosità non poteva non portarci a cogliere, proprio a Perugia,
giorno 10 luglio, l'occasione di incontrarlo e fargli direttamente qualche domanda.

A.T.: Partiamo proprio da Umbria Jazz '05 e dal progetto che propone la mitica session "Birds with strings": cosa hai provato quando ti è stata prospettata quest'idea?
F.C.: Sento di stare avendo un'opportunità che pochi sassofonisti hanno nella loro vita, ripetere un evento, ossia Charlie Parker con l'orchestra, per cui per me è una grande soddisfazione, un impegno importante, quasi una missione, per la quale ringrazio Umbria Jazz.

A.T.: C'è un recupero filologico delle partiture, per i temi, ma per quanto riguarda gli assolo è invece farina del tuo sacco.
F.C.: Sì, i temi, gli arrangiamenti sono tratti dalle partiture originali, mentre gli assolo sono mie improvvisazioni libere, in cui faccio ciò che è mio e non certo quello che ha suonato Bird...

A.T.: Quindi un approccio che non pretende di riprodurre qualcosa che di per sé stessa sarebbe irripetibile…
F.C.: Infatti, anche perché secondo me sarebbe sbagliato e soprattutto io sarei falso: fare qualcosa che non è frutto dell'ispirazione musicale del momento, qualcosa che è scritta, non mi darebbe né divertimento, né emozione!

A.T.: Hai suonato in tour in duo con il maestro Franco D'Andrea, una delle persone che più ha creduto in te: che ricordo hai di quell'esperienza che risale ormai a circa due anni fa?
F.C.: Franco D'Andrea è uno dei pochi musicisti che davvero ha creduto in me, fin dall'inizio, che non si è tirato indietro quando c'era da suonare al "Pescara Jazz Festival" nonostante io avessi allora tredici anni. Quindi per me è stata una grande fortuna, m'ha portato tanta fortuna: lui ha avuto una grande responsabilità, ed io ho suonato con uno dei più grandi pianisti italiani.

A.T.: E da allora hai fatto tantissimi incontri: ce ne racconti?
F.C.: Sono stato 3-4 volte a New York, sempre grazie a Umbria Jazz, dove ho conosciuto numerosi musicisti, una grande esperienza. E poi suonare in una città dove ci sono tutti i più grandi… La prima volta che ho suonato a New York mi venne consegnato il premio dell'International Jazz Festivals Organization, l'organizzazione dei festival internazionali del jazz, e ho suonato davanti a Percy Heath, Clark Terry, Wynton Marsalis, la Lincoln Center Orchestra, quindi una grande responsabilità e soprattutto un'enorme emozione.

A.T.: E questo rapporto particolare con Wynton Marsalis?
F.C.: Musicalmente è il più grande trombettista e musicista dei nostri tempi. Poi c'è anche un rapporto amichevole, siamo quasi come fratelli, ci vogliamo bene tantissimo. Sono stato a New York due settimane fa e non ci siamo potuti incontrare, ma ci siamo sentiti telefonicamente.

A.T.: Per quanto riguarda le attese ed aspettative che si sono venute a creare attorno a te, molti ritengono che ci sia un grande talento che si farà: ma Francesco Cafiso cosa ne pensa?
F.C.: Fortunatamente questa cosa si sta spegnendo, adesso molti mi considerano "il musicista" Francesco Cafiso, anche chi in precedenza non "osava" definirmi "musicista"…

A.T.: E tu senti il peso di questa responsabilità del "sedicenne" che non si sa cosa diventerà fra dieci anni?
F.C.: No, per niente: io suono e basta.

A.T.: E allora, fra una decina-ventina d'anni come si vede Francesco Cafiso?
F.C.: Fino ad adesso è stato tutto naturale, senza alcuna forzatura, sia musicalmente che per quanto riguarda la partecipazione ai festival: spero che proceda così. Certo lo studio deve supportare tutto, se c'è lo studio oltre al talento, si fa esperienza e si continua ad andare avanti e migliorare. Perché la musica non finisce mai, è infinita.

A.T.: Talento e studio. Sentendoti suonare, c'è chi ha ritenuto che tu studiassi e facessi riferimento a "patterns" e trascrizioni dei grandi, e chi invece ha dichiarato come tu non sapessi neppure cosa fosse andarsi a leggere gli assolo di Parker, tutto scaturendo da dentro, spontaneamente.
F.C.: Infatti ho fatto riferimento soltanto ad una trascrizione, di Miles Davis, So What, ma poi ho ascoltato tutto, da Charlie Parker a John Coltrane, Eric Dolphy, ho cercato di non fossilizzarmi mai su un musicista soltanto. E poi adesso vorrei comporre, alcune cose le ho già scritte. Quindi cerco al contrario di essere quanto più possibile originale.

A.T.: E cosa ascolti oggi per aiutare questa tua maturazione artistica?
F.C.: Ascolto tutto, pianisti come Mehldau, contrabbassisti come Mingus, l'orchestra di Duke Ellington, di tutto, non c'è un musicista che ascolto in particolare, perché ciascun musicista ha qualcosa di proprio, di diverso, di buono rispetto ad un altro.

A.T.: Contraltisti?
F.C.: Anche lì… Jackie Mclean per esempio sembra stonato, ma in realtà ha creato un suo stile e riesce a trasmettere qualcosa con quel suo mood nero; ed è diverso da Phil Woods, che invece possiede una tecnica straordinaria, ha un suono diverso, è differente nelle progressioni, nel modo di pensare alla musica. Charlie Parker è ancora più nero, molto blues, tonale, John Coltrane invece è modale. Tutti hanno qualcosa di personale, di proprio.

A.T.: Hai mai pensato di cambiare sax, per esempio passare al tenore?
F.C.: No.. Ho in effetti provato il baritono e mi piace molto, ma per adesso mi sentirete ancora al contralto!

 






Articoli correlati:
29/07/2017

Vittoria Jazz Festival - X Edizione: "Per il decennale del festival della cittadina iblea, un programma ampio, rappresentativo di diverse realtà del jazz odierno: un ideale viaggio fra Francia, Stati Uniti e Italia, con gruppi ben rappresentativi di alcuni aspetti del jazz." (Vincenzo Fugaldi)

07/08/2016

Vittoria Jazz Festival: "Il festival diretto da Francesco Cafiso, giunto alla nona edizione, ha cambiato formula: nove giorni consecutivi presso la consueta cornice di Piazza Enriquez ma anche presso altri suggestivi spazi della cittadina in provincia di Ragusa." (Vincenzo Fugaldi)

04/06/2016

Torino Jazz Festival 2016: "...un'ampia panoramica della condizione attuale del jazz, con una enorme quantità di concerti ed eventi che si sono svolti in un gran numero di spazi del capoluogo piemontese." (Vincenzo Fugaldi)

09/08/2015

Vittoria Jazz Festival "Music & Cerasuolo Wine" 2015: "Edizione numero otto per il festival in provincia di Ragusa con grandi nomi internazionali e talenti italiani per un programma denso e calibrato..." (Vincenzo Fugaldi)

13/07/2014

Vittoria Jazz Festival 2014: "Settima edizione per il festival diretto da Francesco Cafiso che, con valide proposte artisiche unite a innumerevoli iniziative collaterali, riempie la splendida piazza Enriques in ogni serata..." (Vincenzo Fugaldi)

21/07/2013

Vittoria Jazz Festival Music & Cerasuolo Wine: Il festival diretto da Francesco Cafiso continua con determinazione a mantenere alta la fiamma del jazz di qualità in Sicilia, alternando star internazionali, nuove proposte europee e validissimi talenti isolani. (Vincenzo Fugaldi)

24/06/2012

Buona musica e prodotti d'eccellenza del territorio: una formula premiata dall'afflusso del pubblico che ha riempito ogni sera la bella piazza Enriquez. (Vincenzo Fugaldi)

03/12/2011

Dear George (Flora Faja) - Alceste Ayroldi

20/11/2011

Moody'n (Francesco Cafiso)- Alessandro Carabelli

16/07/2011

Vittoria Jazz Festival - Music & Cerasuolo Wine: "Alla quarta edizione, il festival di Vittoria si conferma come uno dei più importanti eventi musicali organizzati sul territorio siciliano. La formula prescelta dal direttore artistico è quella di dilatare nel tempo gli incontri musicali, concentrandoli in quattro fine settimana della tarda primavera, valorizzando uno dei quartieri più suggestivi della città, la restaurata Piazza Enriquez, e coinvolgendo, grazie a concerti e jam session notturne, una quantità di pubblico davvero rilevante, composto in parte da giovani e giovanissimi, portatori di un entusiasmo che fa davvero ben sperare sul futuro del jazz, almeno in questa parte della Sicilia." (Vincenzo Fugaldi)

23/04/2011

Piccole interviste visionarie: Il sorriso di Cafiso, i riflessi di Rubino. Cinquant'anni in due, e a vederli sembra anche meno..."A 16 anni suonavo in un'orchestra ed ero il "piccolo" del gruppo; quando improvvisamente arriva questo bambino di otto anni con un sassofono più grande di lui e mi ruba il primato. Da allora siamo diventati profondamente amici ed abbiamo diviso moltissime delle nostre esperienze musicali in varie formazioni, ma è senz'altro il duo la formula in cui uno dialoga e risponde musicalmente all'altro nel modo più intimo." (di Viviana Maxia)

20/03/2011

Intervista a Claudio Quartarone: "La musica per me è un bisogno primario, dopo il respirare...non è solo bellezza, è il sublime." (di Liliana Rosano)

19/12/2010

Travel Dialogues (Francesco Cafiso - Dino Rubino)- Alessandro Carabelli

23/10/2010

4 Out (Francesco Cafiso)- Alessandro Carabelli

11/09/2010

Massimo Nunzi a Sarzana 2010: Il musicista romano ha presentato il progetto "The Modern World / The Music Of Stan Kenton" con la "Jazz istruzioni per l'uso Orchestra" featuring Francesco Cafiso, Andrea Tofanelli. Intervista a Carmen Bertacchi, direttore artistico di Sconfinando e a Massimo Nunzi: "...sono attratto dai visionari come Kenton. Sono curioso della musica, la rispetto e rispetto i musicisti anche se fanno scelte che non condivido...una cosa che io non sopporto, da parte anche dei miei colleghi e della critica jazzistica, è che non è sufficientemente compreso che se non si ricostituisce il pubblico siamo tutti fregati." (Vincenzo Fugaldi)

19/09/2009

Intervista a Giovanni Mazzarino: "Tutto ciò che noi definiamo Arte in realtà è già presente in natura. L'artista non inventa nulla; scopre attraverso la sua opera giornaliera di studio (o in maniera fortuita) alcuni dei principi compositivi (questo vale per tutte le espressioni artistiche); la combinazione di tali principi compositivi, fa in modo che possano venir fuori eventi nuovi...l'invenzione "non inventata"." (Fabrizio Ciccarelli)

06/09/2009

A New Trip (Francesco Cafiso "Island Blue Quartet") - Alceste Ayroldi

16/08/2009

Piazza Jazz 2009 a Piazza Armerina, una realtà dove "cuore e passione sono il motore primo, e tutto il resto viene dopo...sotto la direzione artistica di Giovanni Mazzarino, Piazza Jazz per tre giorni ha fatto risuonare di musica e cultura la città dei mosaici, grazie pure a protagonisti di rilievo internazionale." (Antonio Terzo)

09/08/2009

My Shining Hour (Cinzia Roncelli) - Alceste Ayroldi

03/07/2009

Paolo Fresu Devil Quartet, Tom Harrell, Jerry Bergonzi al Vittoria Jazz Festival - Music & Cerasuolo Wine, diretto da Francesco Cafiso: "...una manifestazione che vuole crescere, quest'anno la rassegna si internazionalizza, grazie alla presenza di musicisti molto apprezzati in Europa e nel mondo." (Antonio Terzo)

26/05/2009

Intervista a Francesco Cafiso: "...Senza tecnica non vai da nessuna parte, bisogna conoscere lo strumento e avere capacità strumentali notevoli. Se non hai la tecnica neanche la personalità dell'artista e la sua sensibilità possono emergere totalmente. Bisogna però farne un uso intelligente per far prevalere la musica, le emozioni e non la voglia di far vedere quanto si è bravi a muovere le dita." (Viola Martinini)

13/04/2009

Francesco Cafiso e Dino Rubino aprono la stagione 2009 di The entertainer: "Non sono mancati i momenti intensi e lirici che hanno una volta di più confermato quanto sia grande il talento di questo ragazzo. Un musicista che ha il jazz dentro la sua anima di artista, che vive emotivamente la musica che suona..." (Giuseppe Mavilla)

14/03/2009

Italian Songs (Flora Faja)

09/02/2009

Portrait In Black And White (Francesco Cafiso Sicilian Quartet)

29/06/2008

si è concluso il Vittoria Jazz Festival - Music & Cerasuolo Wine: "...una prima edizione ben riuscita, tanto sotto l'aspetto musicale che per il buon seguito di pubblico, giunto anche dalle province limitrofe, il cui successo ha indotto già le realtà organizzatrici, Comune di Vittoria in testa, a dare appuntamento all'anno prossimo per l'edizione numero due..." (Antonio Terzo)

22/03/2008

Francesco Cafiso, be bop, ma non solo!. "Il quartetto di Cafiso è apparso "solido" come non mai. Già dal primo brano (di Sonny Rollins) s'è capito che c'era qualche cosa in più rispetto all'ultima volta che l'avevamo sentito. Ma soprattutto nei brani firmati da lui Francesco ha dato prova di aver intrapreso la strada della "ricerca"." (Marcello Migliosi)

21/12/2006

Sacile 2006, Il Volo del Jazz (Luca D'Agostino)

16/05/2006

A Tribute to Charlie Parker (Francesco Cafiso & Strings)

05/03/2006

Umbria Jazz Winter #13: "Un festival importante, quello di quest'anno, dove hanno trovato spazio musicisti affermati come John Scofield e Bireli Lagrene, ma anche giovani promesse del jazz mondiale come il pianista americano Robert Glasper e gli inglesi Soweto Kinch..." (Marco De Masi)

05/03/2006

Gallery di Umbria Jazz Winter (Francesco Truono)

06/11/2005

Le foto dell'Enrico Rava Quintet a Jazz in Parco 2005. (Francesco Truono)

21/09/2005

Tornano insieme i Doctor 3 al Morlacchi in occasione di Umbria Jazz 2005: "...delle loro esibizioni dal vivo s'era davvero sentita la mancanza, l'unico commento che sembra opportuno esprimere è un semplicissimo e benaugurante: bentornati!" (Antonio Terzo)

09/09/2005

I Mostri Sacri: Oscar Peterson, Jim Hall e Roy Haynes infiammano l'edizione 2005 di Umbria Jazz...(Antonio Terzo)

01/09/2005

Cassandra Wilson e Terence Blanchard a Umbria Jazz 2005: "Fra i concerti più attesi dell'intera rassegna perugina, è stato anche quello più provato dal maltempo ..." (Antonio Terzo)

28/08/2005

"Ciò che la guerra ha distrutto la musica cerca di ricostruire, passando per il linguaggio, universale della musica...della musica nera! Umbria Jazz, balcanic windows against racism ha preso ufficialmente il via a Belgrado" (Marcello Migliosi)

27/08/2005

Tutta dedicata alle voci la giornata dell'11 luglio a Umbria Jazz '05, con un fitto carnet di orari e teatri. Da Lizz Wright a Madeleine Peyroux, da Al Jarreau a George Benson per finire con Peter Cincotti. (Antonio Terzo)

09/08/2005

Il Berklee College Of Music festeggiava quest'anno il suo ventennale di attività all'interno di Umbria Jazz dove dal momento del suo insediamento ha sempre avuto una sua importante funzione.

20/07/2005

Brad Mehldau a Umbria Jazz 2005: "Ormai non nuovo alle soirées perugine, Brad Mehldau riesce comunque ad incantare il pubblico dell'Umbria Jazz, in qualunque combinazione si presenti, in gruppo o da solo..." (Antonio Terzo)

03/07/2005

Intervista a Riccardo Arrighini: "...Sto approfondendo molto lo stile tradizionale, sto tornando al blues e alle improvvisazioni ricche di block chords e di blue notes, di stride piano. Secondo me è importante tornare indietro su cose che pensavi di aver già studiato a sufficienza..." (Michela Lombardi)

02/05/2005

Francesco Cafiso per la rassegna Sintesi Jazz "...L'arte di "flautare" l'ancia appartiene a Cafiso, con venature fortemente bebop e mainstream. Ed è forse l'influsso dello swing e del ragtime, il vezzo e il limite – più che naturale data la giovane età, solo 16 anni – dell'altosassofonista di Vittoria..." (Marcello Migliosi)





Video:
FRANCESCO CAFISO 4 OUT @ BLUE NOTE 11/1/2011
Francesco Cafiso, Dino Rubino, Stefano Bagnoli, Paolino Della Porta...
inserito il 16/02/2011  da tibet1962 - visualizzazioni: 2834
Francescco Cafiso For Out - I hear a rapsody
Francesco Cafiso, Dino Rubino, Sefano Bagnoli, Paolino Della Porta...
inserito il 14/02/2011  da tibet1962 - visualizzazioni: 2508
Francesco Cafiso 4 out @ Blue Note 11 gennaio 2011 (BIS)
Francesco Cafiso, Dino Rubino, Stefano Bagnoli, Paolino Della Porta...
inserito il 11/01/2011  da tibet1962 - visualizzazioni: 2670
OJFESTIVAL2010-VASANELLO-CAFISO/RUBINO
ORTACCIO JAZZ FESTIVALVASANELLO 15/18 LUGLIO 2010...
inserito il 26/07/2010  da maracao - visualizzazioni: 2317
Cafiso - Rubino ...
ProveCheck Sound...
inserito il 06/04/2010  da MacertoVideo - visualizzazioni: 2401
Pablo (Dino Rubino, Francesco Cafiso and the Island Blue Quartet)
catania jazz, a new trip tour...
inserito il 20/01/2010  da fab2yeux - visualizzazioni: 2374
NOTTE BIANCA CATANIA 2009 FRANCESCO CAFISO DINO RUBINO SCUCCESS
nessuna descrizione disponibile...
inserito il 02/11/2009  da tonicarbone - visualizzazioni: 2341
NOTTE BIANCA CATANIA 2009 FRANCESCO CAFISO DINO RUBINO SCUCCESS
nessuna descrizione disponibile...
inserito il 02/11/2009  da tonicarbone - visualizzazioni: 2441
ALBERTA BRAVO CAFE E FRANCESCO 092FRANCESCO CAFISO THE GENIOUS!!!|!BOLOGNA OTTOBRE 2009
20 e 21 ottobre Bologna al Bravo Caffè Francesco Cafiso THE GENIUS !!!! grazie di darci una emozione che dai tempi di Coltraine o dei grandissimi...
inserito il 22/10/2009  da albertantonia - visualizzazioni: 2674
Gallarate Jazz Festival 2009 - Francesco Cafiso parte 1
Prima parte dell'intervento di Francesco Cafiso al Gallarate Jazz Festival 2009Leggi articolo:http://www.portaleassesempione.it/cultura/4580-g...
inserito il 12/10/2009  da Assesempione - visualizzazioni: 2403
Cafiso & Rubino in Concerto a Sant'Agata M.
Sant'Agata Militello (Me) - Nell'incantevole scenario del "Castello Gallego", Francesco Cafiso, il talento più recente ...
inserito il 25/07/2009  da cirosca3 - visualizzazioni: 2251
il moro cava de' tirreni-FRANCESCO CAFISO,DINO RUBINO,ALDO VIGORITO E AMEDEO ARIANO
Francesco Cafiso, Dario Rubino, Amedeo Ariano, Aldo VigoritoConcerto solo su prenotazione onlinePrenotazioni online chiuse. Telefonare al moro per inf...
inserito il 28/06/2009  da elchimico - visualizzazioni: 2243
Enrico Rava conferenza stampa
Enrico Rava...
inserito il 27/11/2008  da hornitos75 - visualizzazioni: 3352


Invia un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


Questa pagina è stata visitata 19.343 volte
Data pubblicazione: 16/09/2005

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti